Thursday, October 29

4th China fleet to sail for anti-piracy mission

Zhejiang: A Chinese navy flotilla will depart from the Zhoushan Islands on Friday to escort merchant vessels and protect them from pirate attacks in the Gulf of Aden, a spokesman with China's People's Liberation Army Navy (PLAN) said Thursday.

The flotilla will be the fourth task force China has deployed to the region since the end of last year.

Missile frigates FFG-525 Ma'anshan and FFG-526 Wenzhou will replace the radar-evading hulled FFG-529 Zhoushan and FFG-530 Xuzhou from the PLAN's third flotilla, which set sail to waters off Somalia in June.

They would join by supply ship Qiandaohu, which has been on duty in the region for about three months.

The PLAN's fourth flotilla would boast a crew of more than 700, including a unit of special forces, and would be equipped with two ship-borne helicopters, the spokesman said.

They would actively take part in international humanitarian rescue missions and conduct friendly exchanges with foreign navies, he said.

China made an unprecedented move by sending three warships to the Gulf on December 26 last year in the first overseas escort mission for merchant vessels.

The PLAN warships have escorted hundreds of domestic and foreign vessels since the first flotilla arrived in the region.

SISMI: IL GENERALE POLLARI E' VITTIMA DEL SEGRETO DI STATO!

Pollari che dice di non potersi difendere a causa del segreto di Stato.

Monday, October 26

Karadžić: UN Trial on 26 October 2009

Karadžić, former President of Republika Srpska, head of the Serb Democratic Party (SDS) and Supreme Commander of the Bosnian Serb Army (VRS), is one of the highest ranking officials to be indicted by the Tribunal. He is charged with two counts of genocide and a multitude of other crimes committed against Bosnian Muslim, Bosnian Croat and other non-Serb civilians in Bosnia and Herzegovina during the 1992-1995 war. The indictment alleges that Karadžić committed genocide when forces under his command killed non-Serbs during and after attacks on towns in more than a dozen Bosnian municipalities in the early stages of the war. After these attacks, Bosnian Serb forces rounded up tens of thousands of non-Serbs and transferred them to more than 20 detention facilities. The indictment alleges that forces under Karadžić’s command tortured, mistreated, sexually assaulted and killed non-Serbs in these camps. Karadžić also stands accused of genocide for the murder of more than 7,000 Bosnian Muslim men in Srebrenica in July 1995. The indictment states that on 8 March 1995, Karadžić instructed Bosnian Serb forces under his command to create an unbearable situation of total insecurity with no hope of further survival for the inhabitants of Srebrenica, amongst other places. The indictment also charges Karadžić with responsibility for a protracted campaign of shelling and sniping of civilian areas of Sarajevo, killing and wounding thousands of civilians, including children and the elderly during the 44-month siege of the capital city. The Prosecution alleges that Karadžić committed all of these crimes together with other members of a joint criminal enterprise with the aim to permanently remove Bosnian Muslim and Bosnian Croat inhabitants from the territories claimed to be a part of the so-called Serbian Republic. Among other members of this criminal enterprise were Momčilo Krajišnik, Ratko Mladić, Slobodan Milošević, Biljana Plavšić, Nikola Koljević, Mićo Stanišić, Momčilo Mandić, Jovica Stanišić, Franko Simatović, Željko Ražnatović aka “Arkan” and Vojislav Šešelj. Karadžić’s initial indictment was confirmed on 25 July 1995. He was arrested on 21 July 2008 in Serbia and transferred to the Tribunal, after more than 13 years on the run. Since its inception 16 years ago, the Tribunal has indicted 161 persons for war crimes committed on the territory of the former Yugoslavia. The proceedings against 120 individuals have been completed. Proceedings are currently open for 41 accused with 24 at trial stage, seven awaiting trial judgement and 14 before the Appeals chamber. Zdravko Tolimir is the only remaining Accused in custody, awaiting the commencement of trial. Two accused, Ratko Mladić and Goran Hadžić, are at large awaiting arrest and transfer to The Hague for trial.
ICTY Spokesperson - Nerma Jelačić
Tel: +31 70 512 5066
or email
jelacic@un.org

KARADZIC:Težak ispit za Tribunal

Početak suđenja bivšem predsedniku Republike Srpske Radovanu Karadžiću za genocid, porodicama žrtava i preživelima mogao da bude presudan za konačno postizanje kakvog takvog mira, procenjuje danas britanski dnevnik Tajms. Haške sudije su, piše list, pozvane da budu oštre prema bivšem lideru Srba u Bosni. Posle smrti Slobodana Miloševića, suđenje Karadžiću je za Tribunal poslednja prilika da političkog kreatora ratova na Balkanu devedesetih godina izvede pred lice pravde. Ser Džefri Najs, tužilac na suđenju Miloševiću, kaže za Tajms da bi Tribunal trebalo da žestoko pritisne Karadžića kako bi se izbegli odlaganja i teatralnost koji su, tvrdi Najs, opteretili proces protiv Miloševića. Najs smatra i da haške sudije, dozvolivši Karadžići da se sam brani, ne smeju da mu dopuste da ih ucenjuje. Nadam se da su sudije do sada stekle veće samopuzdanje, da su spremne da predoče kako su tu da bi sudile, a ne da Karadžiću pružaju priliku za sticanje publiciteta. "Ako nije spreman za suđenje, onda nije spreman, a sudije bi mogle da mu svakodnevno dostavljalu transkripte ili video snimke sa suđenja. To je najbolji način za postupanje sa autoritarnim ličnostima jer ono što one žele jeste da se prema njima odnosi na autoritaran način", rekao je Ser Džefri Najs za Tajms. Dejli Telegraf predstavlja jednog od svedoka na suđenju, ženu kojoj je, tokom rata u zloglasnoj sarajevskoj "aleji snajpera", snajperista vojske Republike Srpske usmrtio sedmogodišnjeg sina, a nju ranio. List, uz pominjanje i drugih svedoka na ovom suđenju, među kojima su i komandanti UNPROFOR i bivši izaslanici Ujedinjenih nacija i Evropske unije, primećuje da je Radovan Karadžić, čovek koji je svojevremeno olako prkosio međunarodnom pravu sada, u novom ruhu priučenog advokata-zatvorenika, postao uporni branilac striktnog poštovanja procedure, zatrpavajući sud sa skoro sto predprocesnih zahteva kojima je dovodio u pitanje pravo tribunala da mu uopšte i sudi. Dejli Telegraf procenjuje da će suđenje Karadžiću ipak biti jednostavnije nego Slobodanu Miloševiću. Optužnica je svedena na nekoliko ključnih tačaka i više je nego verovatno da će Karadžić ostatak života provesti u zatvoru kao, po položaju, najviši zagovornik rata koji je odneo sto hiljada života. List ne isključuje mogućnost da će Karadžić, bez realnih šansi da bude oslobođen krivice, nastojati da oduži suđenje što je više moguće ako se zna koliko se zatvorski uslovi u udobnom Ševeningenu razlikuju od klasične kaznionice u kojoj će najverovatnije izdržavati kaznu. Suđenje Karadžiću je za Gardijan težak test za Međunarodni sud za ratne zločine počinjene na tlu bivše Jugoslavije dok bi zaprećeni bojkot složeni proces mogao da oduži za više meseci. Suđenje Radovanu Karadžiću bi, tokom petnaestogodišnjegpostojanja Tribunala, moglo da bude jedno od najvažnijih i jedno od poslednjih, smatra list. Ali, bojkot koji je optuženi najavio preti da preraste u frustrirajići i demorališući početak procesa. Gardijan podseća da su sličnu taktiku koristili i pokojni Slobodan Milošević kao i Vojislav Šešelj nastojeći da od svega stvore predstavu, politizuju suđenje i otegnu ga što duže mogu. Londonski dnevnik podseća i da su advokati, udruženja porodica žrtava i aktivisti za ljudska prava kritikovali sudije zbog dopuštanja optuženima za ratne zločine da kroje tok suđenja i manipulišu tribunalom. U odluci haških sudija da, posle prošlonedeljnog najavljivanja pretnje bojkotom, u petak kontaktiraju Radovana Karadžića kako bi ga, navodno, ohrabrili da se pojavi pred sudom, Gardijan vidi prikriveno upozorenje da bi optuženom mogao da bude nametnut branilac po službenoj dužnosti. Karadžiću počinje suđenje, ali je pitanje da li će se optuženi naći na optuženičkoj klupi, pita se Indipendent imajući u vidu pretnju bivšeg predsednika Republike Srpske da će bojkotovati suđenje. List predviđa da poput suđenja, kako ga naziva, Karadžićevom političkom mentoru Solobanu Miloševiću, ni ovaj proces neće biti lišen natezanja. Optuženi je, odlukom da se sam brani, kopirao Miloševićevu taktiku i već je uspeo da u par navrata odloži početak suđenja. Indipendent ukazuje i da veče pred početak nije bilo jasno kako će tribunal odgovoriti na najavljeni Karadžićev bojkot. Sudije bi, nabraja list, mogle da suspenduju postupak, Karadžiću nametnu advokata, počnu suđenje bez njegovog prisustva ili ga prisile da prisustvuje procesu. Podsećajući na višegodišnje Karadžićevo skrivanje pod lažnim imenom, Indipendent kao opšteprihvaćeni stav pominje i ocenu da su obaveštajne službe koje su bivšem predsedniku republike Srpske obezbedile lažni identitet, one iste one koje su ga prošle godine razotkrile zato što je Srbiji, navodi list, bilo potrebno poboljšanje odnosa sa EU.

Karadžić bojkotuje suđenje

Predsednik sudskog veća sudija O Gon Kvon pozvao je Karaždića da se sutra pojavi u sudnici da bi suđenje "moglo da se neometano obavlja dalje" i zakazao pretres za 14.15 sati. Sudija Kvon je najavio da će sutrašnji pretres početi izlaganjem tužilaštva, odnosno iznošenjem optužbi protiv Karadžića. Sudsko veće, pored predsedavajućeg Kvona iz Južne Koreje, čine Hauard Morison iz Velike Britanije i Melvil Berd iz Trinidada i Tobaga. Rezervni sudija je Flavija Latanci iz Italije. Ispred zgrade Haškog tribunala okupilo se više desetina predstavnika, većinom žena, udruženja žrtava iz Srebrenice i drugih predstavnika bošnjačkih žrtava. Oni su nosili ogroman natpis: "Sramota Evrope! Genocid: 8106 ubijenih u Srebrenici 1995". Na drugom transparentu pisalo je: "Masovni ubica Karadžić - uhvatite Mladića". Petronijević: Karadžić se ni sutra neće pojaviti u sudu Nekadašnji predsednik Republike Srpske Radovan Karadžić neće se ni sutra pojaviti u sudnici Haškog tribunala, izjavio je Tanjugu član njegovog pravnog tima za odbranu, advokat Goran Petronijević. "Karadžić samo želi da mu se omogući fer suđenje tako što će mu se odobriti još 10 meseci za pripremu odbrane i početak suđenja, i ni u kom pogledu ne želi da opstruiše postupak", kazao je on i napomenuo da bi početak suđenja bez njegovog prisustva doveo u pitanje pravičnost procesa kao i kredibilitet Tribunala. Prema rečima advokata, Karadžić, koji se pred Haškim sudom brani sam, neće se složiti ni sa eventualnom solucijom da mu se postavi branilac po službenoj dužnosti, jer bi "nametanje nespremnog branioca protiv njegove volje", takođe predstavljalo kršenje prava. Osmočlani Karadžićev tim za odbranu, uz još petnaestak ljudi, već godinu dana obrađuje materijal od 1,1 miliona strana, 45.000 dokaza i više od hiljadu sati audio i video-materijala, istakao je Petronijević. "Timu branilaca koji bi eventualno bili nametnuti odlukom sudskog veća trebalo bi barem dve godine da se pripreme za suđenje, a mi tražimo svega još deset meseci", podsetio je Petronijević i ocenio da je predlog Karadžićeve odbrane "kooperativan i da nije usmeren ka opstrukciji suđenja". Portparol Haškog tribunala Nerma Jelačić izjavila je Tanjugu u subotu da Karadzić može da odbije da dođe u sud iz pritvorske jedinice u Šveneningenu, kao i da ne može da se natera da prisustvuje suđenju protiv svoje volje. Jelačićeva je naglasila da, u slučaju da se Karadžić danas ne pojavi na suđenju, sudskom veću stoji na raspolaganju više opcija, a jedna od njih je da i bez njegovog prisustva otvori glavni pretres, odnosno da započne suđenje. Ona je objasnila da, prema Statutu tribunala, nije određena nijedna opcija kao obavezna, tako da će sudsko veće na čelu sa sudijom O-gon Kvonom proceniti situaciju, a zatim doneti odgovarajuću odluku. Prema pravilima tribunala, jedna od opcija koja takođe stoji na raspolaganju sudskom veću je i da se Karadžiću, koji se brani sam, nametne branilac po službenoj dužnosti, ukoliko veće proceni da "okrivljeni svojim ponašanjem ometa vođenje sudskog postupka". Jelačićeva je ponovila da za sada nema indicija da se postupak neće odvijati prema zakazanom rasporedu, bez obzira na Karadžićeve najave bojkota suđenja.

Le procès de Radovan Karadzic ajourné

Le procès de Radovan Karadzic devant le Tribunal pénal international pour l'ex-Yougoslavie (TPIY) a été ajourné aujourd'hui à La Haye, en raison de l'absence de l'ancien chef politique des Serbes de Bosnie qui a décidé de boycotter cette première journée en geste de défiance.

Le juge O-Gon Kwon a suspendu le procès environ un quart d'heure après son ouverture. Il a précisé que les débats reprendraient mardi avec la déclaration de l'accusation. Radovan Karadzic a déjà fait savoir par le biais de son avocat qu'il ne se présenterait pas non plus à cette nouvelle audience.

Radovan Karadzic est poursuivi pour crimes de guerre, crimes contre l'humanité et génocide, notamment pour son rôle dans le massacre de l'enclave de Srebrenica et le siège de Sarajevo au cours du conflit bosniaque (1992-1995), le plus sanglant sur le sol européen depuis la Seconde guerre mondiale. Il estime ne pas avoir eu assez de temps pour préparer sa défense, qu'il compte assurer lui-même, et demande dix mois supplémentaires avant la tenue de son procès.

Dans tous les cas de figure, le plus grand procès du TPI après celui de Milosevic risque de s'éterniser et d'être ponctué de nombreux coups de théâtre.

» DOSSIER SPECIAL - Karadzic, de la cavale au procès

(LE FIGARO)

Karadzic: assente l'imputato

Si è aperto in assenza dell'imputato e tra le proteste delle "Madri di Srebrenica" il processo a Radovan Karadzic, l'ex leader politico dei serbi di Bosnia Erzegovina chiamato alla sbarra per rispondere delle accuse relative a fatti risalenti alla guerra scoppiata in Bosnia dopo la proclamazione di indipendenza dalla Federazione jugoslava nel 1992.

Un gruppo di un centinaio di manifestanti, parenti di alcune delle circa 8mila vittime trucidate dagli uomini che rispondevano agli ordini di Ratko Mladic, il comandante militare dei serbi di Bosnia, ha chiesto "che finalmente venga fatta giustizia per vittime e sopravvissuti", gridando "Europa, vergogna", e "genocidio". Contro Radovan Karadzic sono stati presentati 11 capi di imputazione per crimini di guerra e crimini contro l'umanità. A fianco dell'imputato, che ha scelto di difendersi da solo, lavora una squadra di 27 persone che si limita però ad assisterlo nella sua difesa.

"Prendo atto del fatto che Mr. Karadzic non è presente", ha dichiarato questa mattina il giudice Kwon ÒGon in apertura dell'udienza chiedendo che l'imputato sia in aula domani, quando i procuratori inizieranno a presentare l'atto di accusa nei confronti dell'ex leader dei serbi di Bosnia. Il giudice ha poi ricordato che l'imputato, avendo scelto di difendersi da solo, avrà la possibilità di rivolgersi alla corte una volta terminata la presentazione dei capi d'accusa a suo carico. Ma se continuerà a rifiutarsi di presentarsi in aula, perderà il suo diritto ad interrogare i testimoni - cosa che farebbe invece in veste di difensore - ha specificato ancora la corte. Karadzic però riceverà comunque in questo caso le trascrizioni delle udienze continuando così ad aessere informato.

La parola è passata poi al pubblico ministero, Hildegard Uertz-Retzlaff, che ha chiesto alla Corte di ammonire ufficialmente Karadzic per il suo tentativo di impedire lo svolgimento del processo. Se l'imputato non dovesse presentarsi ancora in aula, ha concluso, il Tribunale dovrà nominare un avvocato d'ufficio. Ricordando che Karadzic aveva annunciato la sua assenza giustificandosi con l'impossibilità di esaminare tutte le carte del processo in tempo per l'apertura del caso, il pubblico ministero ha anche sottolineato come l'imputato avesse scritto: "Appena sono pronto, sarò lieto di informarne la corte con un preavviso di alcune settimane. In altre parole, il processo può iniziare solo quando l'imputato lo decide".

I giudici, ha quindi aggiunto, hanno ora due possibilità: assegnargli un avvocato d'ufficio o lasciare che continui a boicottare il processo. Anche se l'imputato non si presentasse in aula, i giudici potrebbero comunque consentire ai procuratori di fare le loro dichiarazioni iniziali. Se tuttavia decidessero di nominare un legale di ufficio, potrebbe esservi un rinvio in attesa che il nuovo legale si aggiorni sul caso.

L'ex leader dei serbi di Bosnia è stato trasferito all'Aja dopo la sua cattura, su un autobus nel centro di Belgrado nel luglio 2008. Una cattura che metteva fine alla fuga durata 13 anni, diversi dei quali, si è poi scoperto, trascorsi a Belgrado dove sotto falsa identità e camuffato da una folta barba, andava praticando la medicina alternativa. Cresciuto dalla madre nel villaggio di Savnik in Montenengro, Karadzic si trasferì a Sarajevo nel 1960 per studiare medicina, quindi alla Columbia University di New York.

Oltre agli studi di medicina, poi sfociati nella professione di psichiatra, aveva la passione per la poesia. È sposato a una piscoanalista, Ljiljana Zelen, da cui ha avuto due figli. Nel 1989 l'abbandono della medicina per iniziare la sua carriera politica: dopo aver fondato il Partito democratico serbo di Bosnia Erzegovina, l'autoproclamazione a presidente dei serbi di Bosnia nel 1992, incarico poi mantenuto per tutti gli anni della guerra e lasciato solo nel 1996, costretto dalle pressioni internazionali. Quelle che lo hanno fatto poi sentire autorizzato a rivendicare un diritto all'immunità che - ha sostenuto davanti ai giudici dell'Aja - gli sarebbe stata promessa dal negoziatore americano a Dayton, Richard Holbrooke, in cambio del suo impegno a lasciare la scena politica.

Australia 'must prepare for cyber attack'

(By Timothy McDonald for The World Today)  Internet security experts are warning governments and industry that they only have a few years to prepare for a potential cyber attack that could cripple a major piece of Australian infrastructure.

In July, US government websites crashed, and then a few days later, South Korean government websites suffered the same fate.

North Korea seemed to be the obvious culprit for July's attack, but the guilty parties have not yet been identified.

The authorities were surprised because the attacks targeted government assets and appeared to be well coordinated.

A new paper from the Centre for Strategic and International Studies (CSIS) says the attack was more of a noisy demonstration than cyber-warfare or terrorism.

But the head of the School of Information Systems at Deakin University, Professor Matthew Warren, says Australia needs to be prepared for such an attack as it could cripple critical areas.

"Certainly in Australia we have what is termed critical infrastructure," he said.

"There is critical infrastructure protection where there are key systems - physical systems as well as information systems - in government and with corporations that these attacks would have a dramatic impact."

Security experts say Australian government and industry have a window of opportunity to get the problem in hand.

Professor Warren says time is of the essence, and Australia needs to look overseas to effectively deal with the problem.

"It was proposed by the Labor government before the election that they would have a Department of Homeland Security that would deal with all aspects of security whether it is physical and cyber," he said.

"They then decided primarily because of the cost factor that it would be too expensive to set up an organisation.

"It would be too complex to break down the existing intelligence security apparatus and replace it with a new one, but that is how countries are being limited it they are restructuring ... their security agencies to deal with these threats."


The July attacks did not cause casualties, loss of territory, destruction or serious disruption of critical services.

But Professor Warren worries that is a genuine possibility for that to happen in the future.

"If they are controlled by computer systems that are internet enabled or have remote access, in theory ... it just means that people can attack the infrastructure they can remotely gain access to it," he said.

In fact, the CSIS paper says it is highly probable that some advanced states have the capacity to mount cyber attacks. But they have not played a major part in conflicts to date, possibly for strategic reasons.

The opposite is true for terrorist groups who most probably have not used them because they do not yet have the expertise.

But there is a stern warning and a lesson to be learned.

Professor Warren says the world is increasingly moving online and is therefore becoming more vulnerable.

"In the future a lot of these systems will be internet-based for natural reasons, for developmental technology so there are the future areas, where systems could be attacked," he said.

He says that most of the systems are operated by commercial organisations which focus on costs, therefore want to use the internet.

"What they are focusing on is the costs so what businesses are looking for is maximising profits, lowering processing operational costs and this is the big advantage that the information society has," he said.

Montenegro: lista nera dell'ONU

La vita degli stranieri nella capitale del Montenegro ha un prefisso, "wild", ricordando così la campagna pubblicitaria per il turismo 'Wild Montenegro', ma con significato totalmente diverso. Come emerge dal rapporto del coordinatore dell'ONU per il Montenegro, Aleksander Avensov, la vita a Podgorica è davvero difficile. "Non ci sono eventi culturali, i livelli d'igiene sono bassissimi, le toilettes pubbliche neanche funzionano, gli affitti sono estremamente alti ma le case sono medriocri", scrive Avensov nel suo rapporto di 48 pagine inviato all'ONU, lasciando dietro di sé molte polemiche. Lui e gli altri ufficiali dell'ONU di stanza in Montenegro, hanno descritto le condizioni di vita a Podgorica come davvero pessime, in quanto, nonostante sia la città più grande e la più famosa lungo la costa montenegrina, non si trova della frutta e verdura fresca al mercato, né un buon dentista nelle cui mani lasciare la propria salute, e se per caso nel vostro appartamento si rompe qualcosa non esiste un elettricista pronto ad arrivare subito, né quanto meno un idraulico. "Nella città esistono ancora dei gruppi armati e la città più vicina con dei programmi culturali di alta qualità è Belgrado. Una distanza di soli 460 km, con strade rotte e dissestate, il viaggio dura 7 ore, e se avete fortuna il vostro volo dall' aeroporto di Podgorica non viene cancellato o non è in ritardo", precisa la relazione nella parte dedicata alla 'Podgorica culturale' .

Per quanto riguarda la sicurezza, la situazione è soddisfacente, ma fragile. "La criminalità è profondamente radicata nella società e rappresenta una minaccia per i cittadini. Esiste una tensione nascosta sotto la superficie della quotidianità e si manifesta, per esempio, nelle abitudini aggressive e pericolose degli autisti. La violenza domestica si pone sempre di più come un problema serio", spiega Avanesov, il quale non nasconde la sua preoccupazione sul fatto che tali atteggiamento fanno più che mai parte della cultura e delle abitudini degli uomini in Montenegro, che sono sempre più radicate e, dopo secoli, non sono per nulla cambiate. Il rapporto evidenzia che l'uomo montenegrino è sempre superficiale nei confronti della donna, e le relazioni tra i due sessi non sembrano aver visto l'emancipazione del 21 secolo: non si arresta la forte tradizione in cui la donna deve stare solo in casa, l'uomo può essere bigamo e con vari amanti, mentre la moglie deve per forza accettare tale comportamento. Picchiare la donna è un atto normale, la quale spesso accetta le situazioni di violenza per il bene della famiglia e per non arrivare al divorzio, visto come una vergogna. Tanto e vero che la Casa per il rifugio delle donne di Niksic, fondata un paio anni fa, è sempre più affollata, e molte di loro sono donne straniere, sopratutto russe.

Infine, uno dei problemi sottolineato ancora da Avanesov è il fatto che il Montenegro è caratterizzato da una grande economia grigia e da una diffusa corruzione, che riduce la credibilità delle varie attività economiche, educative e sociali. Per Avanesov la lingua è un ostacolo determinante per gli stranieri, visto che pochi montenegrini parlano le lingue europee, senza neanche mostrare voglia di impararle. Inoltre denuncia che l'acqua potabile non è del tutto pulita, non esiste un sistema di riscaldamento centralizzato e l'elettricità è molto costosa. Sottolinea che le compagnie "Montenegro Airlines" e "Jat Airwyas" sono note per la loro inaffidabilità, con servizi "deboli" e un numero limitato di destinazioni.


Il rapporto di Avanesov, per quanto veritiero possa essere, va preso con le dovute riserve e precisazioni, in maniera tale da avere un quadro quanto più completo possibile sulla polemica sollevatasi. In primo luogo, bisogna considerare che i questionari sulla qualità della vita quotidiana degli ufficiali ONU all'estero vengono poi esaminati da una Commissione interna, al fine di stilare una classifica realistica della qualità della vita nei Paesi in cui l'ONU ha le sue rappresentanze. Sulla base dei risultati, gli ufficiali possono aver diritto ad una maggiore retribuzione per il loro mandato estero, e ciò spiega perché nessun ufficiale ONU afferma che la vita in un Paese in cui si trovano è ottima o perfetta. D'altro canto, la dichiarazione di Avensov, secondo cui Podgorica non è una città  ma un paese provinciale, non è tanto lontano dalla verità, volendo così prendere in considerazione la sua opinione anche se soggettiva, magari volta ad ottenere un aumento di salario. Tuttavia, c'è da dire che le stesse opinioni negative sono state riscontrate da vari turisti serbi, che ogni anno frequentano la costa montenegrina e hanno riportato esperienze anche peggiori. Tanto è vero che quest'estate, il turismo montenegrino ha subito un'evidente perdita, rimanendo così preferite destinazioni con un rapporto prezzo-servizio più elevato.


Reagendo alla redazione del rapporto, il movimento dei giovani socialdemocratici del Montenegro (SDO) ha promesso ad Avanesov e ai rappresentante dell'UNDP un premio, per aver confermato che la vita per i giovani di Podgorica è molto difficile e la qualità della vita è molto bassa. Intanto, il rappresentante del Montenegro presso l'ONU, Nebojsa Kaludjerovic, ha presentato la sua protesta formale a New York nel corso dell'incontro con Mahmood Ayub, il rappresentante del Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo. Ayub ha definito la relazione di Avanesov "un incidente inspiegabile" e ha espresso la speranza che sarebbe continuata l'ottima collaborazione con il Montenegro. Il Ministero degli Esteri montenegrino ha respinto le parole di Avanesov considerandole "arbitrarie". Secondo gli argomenti del Ministero, l'opinione di Avanesov contraddice i documenti ufficiali dell'ONU. Avanesov non ha confutato il contenuto della relazione in questione, ma ha detto che è stato estratto da un contesto più ampio.

Al pessimo quadro descritto dal rapporto dell'ONU e dai turisti disperati, si aggiunge il rapporto sull'inventario delle ricchezze del Premier montenegrino Milo Djukanovic, che sembra spiegare "dove vanno a finire le condizioni di vita dei cittadini montenegrini". Il giornale Dan di Podgorica conferma che il Premier si trova al 22esimo posto della classifica di Forbes per gli uomini più ricchi del mondo, con 14.9 milioni di dollari. Così sia Nicola Sarkozy che Obama possono essere invidiosi di Djukanovic, vantando un reddito rispettivamente di 3 e 1,3 milioni di dollari, stimati sulla base delle fonti di CNN e Washington Post. Forse il sogno di Milo Djukanovic è quello di raggiungere Silvio Berlusconi con i suoi 9,4, miliardi di dollari che, insieme con il principe del Liechtenstein è l'unico europeo sulla lista di Forbes. Grazie al capitale in possesso del Premier Djukanovic, il Montenegro è l’unico dei paesi in fase di transizione e solo candidato all'Unione Europea, a trovarsi sulla lista di Forbes, nonostante i suoi cittadini vivano come negli anni '50, senza acqua portabile, luce, alimenti freschi e con un comportamento sociale di basso livello. Ad ogni modo, si vedrà se questi rapporti 'denuncia' facciano più bene alle tasche degli ufficiali dell'ONU oppure ai singoli cittadini, che vogliono veder crescere il proprio Paese, evolvendo sempre di più. (RIN.BALCANICA-Biljana Vukicevic)

SERBIA: L'amicizia della Russia

La preparazione della visita del Presidente Dmitri Medvedev a Belgrado ha dimostrato che la perfetta cooperazione tra le forze russe e serbe ha fatto in modo che tutta la cerimonia si svolgesse senza alcun incidente. Durante il faccia-a-faccia a porte chiuse con il Presidente Tadic, i colloqui bilaterali hanno spaziato dal credito russo di un miliardo di dollari all'accordo del gas, sino alla nuova architettura della sicurezza europea, in cui la Serbia avrà un ruolo importante. Dai circoli diplomatici è stato confermato che l'idea del Presidente Medvedev è di inserire Belgrado all'interno di una lobby che scriva un nuovo concetto di sicurezza, non più basato sul braccio armato della NATO o su un organismo impotente come le Nazioni Unite. Su questa idea la Serbia è pronta a discuterne, ma bisogna fare accordi un po' con tutti. Un altro punto nevralgico è stato il credito di un miliardo di dollari che la Russia dovrà dare alla Serbia, a condizioni più agevolate rispetto a quelle pattuite con il FMI. In questa prima fase delle trattative è stato stabilito che 200 milioni di dollari andranno al budget di Stato, e altri 800 milioni di euro saranno spesi in investimenti per le infrastrutture stradali, energetiche e ferroviarie della Serbia.  Come annunciato, i Presidenti Tadic e Medvedev hanno raggiunto un accordo anche per la fornitura di gas con un miglior regime, dando un ruolo strategico all'interno della regione alle aziende produttrici della Serbia. A tal fine, il direttore di Gazprom, Aleksei Miller, è rimasto a Belgrado dove, insieme con il direttore di Srbijagas, Dusan Bajatovic, hanno stilato una lista delle aziende di importanza strategica con cui pattuire prezzi migliori per le forniture per il prossimo periodo invernale.
La sottoscrizione degli accordi bilaterali, non è stato il solo momento di incontro, in quanto la giornata è stata ricca di eventi, come gli omaggi al monumento alla liberazione della Serbia dal regime fascista, sino alla visita alle alte cariche della Chiesa serbo-ortodossa. Durante il pranzo, erano presenti anche vari imprenditori e i proprietari delle più grandi compagnie serbe, come Miroslav Miskovic della Delta, Zoran Drakulic di Ist point, del direttore di Hemofarm, Miodrag Babic, e del direttore di Sintelon Nikola Pavicic. L'atmosfera in cui si è discusso è stata positiva e rilassata, con sorrisi a parole di stima, in un ambiente molto informale. "Tra di noi ci capiamo molto bene, anche senza il traduttore" , ha dichiarato il Presidente Medvedev, accennando alla forte e storica vicinanza tra i due popoli. Anche per il vino serbo sembra sia piaciuto al Presidente Medvedev (Chardonet-Radovanovic e Aurelius –Kovacevic) dimostrando che la produzione dei vini serbi potrà avere ampio mercato in Russia.
Nel pomeriggio Medvedev è stato accolto all'interno del Parlamento serbo, come primo capo di Stato estero ad entrare ed intervenire nell'Assemblea nazionale della Serbia. Cosciente dell'onore che Belgrado ha voluto riconoscergli, Medvedev ha ricambiato con un discorso dalle parole incisive e significative. Egli ha infatti sottolineato che il ruolo della Serbia è molto importante, non ritenendo importante che "tutti i Paesi europei entrino nella NATO”, quanto più “progettare un nuovo quadro della sicurezza europea”. "Voi coraggiosamente avete combattuto contro il fascismo. Gli altri paesi hanno deciso di collaborare con il regime tedesco, e per questo hanno avuto una responsabilità. Questo deve essere conservato nella memoria, a monito di coloro che hanno intenzione di cambiare la storia per i propri vantaggi - afferma il Presidente russo, aggiungendo - gli insegnamenti della storia ci servono per imparare e non fare gli stessi errori, a non distruggere nulla ma a combattere contro i pericoli che sorgono dinanzi a tutto il continente europeo. Così - prosegue - è nostro dovere creare un nuovo sistema di sicurezza europeo, che deve essere indipendente dall'economia. Noi offriamo nuovi obblighi sulla base di principi internazionali, che dobbiamo decidere noi. Il nostro compito è ci occuparci delle questioni di sicurezza, e non dei danni che possiamo infliggere ad altri. Questa è la lezione della Seconda Guerra Mondiale, ma anche di tutti i brutti eventi degli anni novanta, come la crisi balcanica e l'aggressione del Caucaso”.Il Presidente russo Medvedev si è però categoricamente rifiutato di tracciare un parallelo tra le vicende dei Balcani e quelle del Caucaso, ma da esse trae uno spunto per ribadire che tali tragici eventi hanno evidenziato l'inefficacia del sistema attuale della sicurezza europea e la necessità di una sua modernizzazione. "La preparazione e la firma del trattato di sicurezza europea avrebbe segnato l'inizio della formazione di un unico sicurezza nell'area euro-atlantica, fornendo garanzie di affidabilità, in maniera uguale e paritetica per tutti gli Stati, a prescindere dall'appartenenza ad un determinato schieramento politico ", precisa dinanzi al Parlamento serbo. Le autorità serbe - continua - sanno quanto sia importante creare nel futuro un trattato "con norme precise per la prevenzione e soluzione pacifica dei conflitti". Nel suo discorso accenna anche alla possibilità che russi e serbi costruiscano una base vicino Nis per far fronte a situazioni straordinarie, dalla quale i servizi serbi e russi aiuteranno tutti i Paesi della regione sottoposti al rischio di incendi e catastrofi naturali. Un progetto questo che risuona come una risposta alla base americana Camp-Bondsteel in Kosovo. Occorre inoltre ricordare che quell'accordo di cui parla il Presidente, include una collaborazione tra serbi e russi ratificata dal Ministro degli interni Ivica Dacic e dal Ministro per le situazioni straordinarie russo, includendo assistenza umanitaria, alle avarie tecnologiche e le loro cause.

Dal punto di vista politico, tuttavia, l'accordo che sembra essere più importante attualmente, è quello energetico, visto l'interesse russo di ottenere una corsia preferenziale nel controllo dei gasdotti della regione dei Balcani attraverso la Serbia. A quel punto lo stato serbo diventerà un centro energetico regionale a cui la Russia si appoggerà in futuro. Con l'accordo per l'acquisto di NIS e la costruzione del South Stream e del deposito di Banatski Dvor, la Serbia ottiene tutte le condizioni per diventare un punto d'incontro dei vari gasdotti che passano negli altri paesi, un crocevia energetico e parte fondamentale della zona d'influenza russa. Un ruolo importante non soltanto energetico, ma nello stesso momento anche politico, soprattutto in riferimento al piano di Medvedev di riscrivere la sicurezza europea. La Serbia potrà anche diventare un ponte tra l'UE e la Russia con il suo ingresso in Europa. D'altronde, come affermato dallo stesso Tadic, la Serbia nell'UE potrà portare solo vantaggi alla Russia. "Nella UE, la Serbia sarà il miglior amico di Mosca".

Biljana Vukicevic


AL QAEDA LO METTE NEL MIRINO.

Al Qaeda punta il mirino su Ignazio La Russa. Il braccio saudita dell'organizzazione di Osama bin Laden inserisce il ministro della Difesa italiano nel novero dei nemici che «ora controllano il sacro suolo della terra dei due santuari».

Su un sito internet, Al Faluja, dove vengono diffusi i messaggi qaedisti è apparsa una foto di alcuni ministri occidentali ritratti con i loro colleghi sauditi durante un vertice. Il titolo dell'audio messaggio in formato «Mp3» è eloquente. Dove ovviamente i ministri occidentali ritratti nella foto che scorre sul banner di promozione, sono, secondo i terroristi, coloro che controllano la Penisola arabica. La registrazione è stata diffusa da Al Fajr media center che si rifà al gruppo «Al Qaeda della Penisola araba».

Un omaggio ad Abu Zubair «che ha sostenuto i fratelli mujaheddin». Poi tra canti di battaglia e proclami contro la dinastia saudita si minacciano le Nazioni che la sostengono. A ruota ecco i post dei commenti dove spesso si ripetono «II sangue ... Il sangue ... Demolizione ... Demolizione». E ancora. «Macellazione ... Macellazione ... Sahel... Sahel». E altri che invocando Allah sottoscrivono « rabbia e maledizione» contro gli infedeli che calpestano il «sacro suolo». Il sito dove è apparso il messaggio è lo stesso nel quale i mujaheddin avevano aperto un dibattito per capire se era peccato mangiare la carne dei soldati americani uccisi.

Nei giorni scorsi sono stati diffusi i video-messaggi dei tedeschi di Al Qaeda che minacciavano stragi in Germania. Il ministro della Difesa Ignazio La Russa in questi anni non si è risparmiato nel difendere l'impegno dell'Italia per sconfiggere il terrorismo. Con le truppe in Afghanistan e in Libano. Soldati che oltre a contrastare i seguaci di Al Qaeda e i talebani si adopera fuori dall'arretratezza che favorisce l'ideologia jihadista. Proprio nei giorni scorsi a Bratislava, al vertice dei Paesi dell'Alleanza Atlantica, Ignazio La Russa ha ribadito l'impegno. «La condivisione del piano McChrystal è andata oltre le aspettative - ha riferito il ministro della Difesa Ignazio La Russa .

Non siamo andati in Afghanistan per restarci, ma per risolvere i problemi e ciò richiede un cambio di mentalità a tutti i livelli. McChrystal non chiede solo più truppe e più mezzi, ma propone un approccio nuovo che insiste sulla necessità di conquistare il cuore e la mente degli afghani».  (FONTE: IL TEMPO)

BRUNO CONTRADA: GRAVI LE SUE CONDIZIONI.

Bruno Contrada, l'ex funzionario del SISDE che sta scontando agli arresti domiciliari a Palermo, nella sua abitazione, una condanna a dieci anni per concorso esterno in associazione mafìosa, si è sentito male ieri mattina. Era in compagnia della moglie e dei nipotini quando ha subito un forte sbalzo di pressione che lo ha stordito. E' stato trasportato d'urgenza al pronto soccorso dell'ospedale Cervello di Palermo. La notizia è stata data dal suo legale, l'avvocato Giuseppe Lipera, che ha detto: «Questa mattina mi ha chiamato la moglie di Contrada. È stata una telefonata drammatica: mi ha raccontato che Bruno aveva perso i sensi, che non la riconosceva più. Vedeva il marito in uno strano stato di torpore, io le ho consigliato di chiamare i medici a domicilio. Ha chiamato il 118, e l'ha fatto portare al pronto soccorso». Li gli è stato diagnosticato un fortissimo sbalzo di pressione e gli è stato proposto il ricovero. Ma Contrada, nonostante le sue pessime condizioni e il parere contrario dei medici e dei suoi familiari, ha voluto ritornare subito a casa.

CASTELLAMMARE:T-SHIRT E ANTIMAFIA

Votano sotto il volto sorridente di un "Berlinguer grande italiano" d'annata, manifesto di venti anni fa. E tra striscioni, spilline e t-shirt che gridano "no alla camorra", nel giorno in cui si chiede nuova fiducia al popolo delle primarie. Eppure, ad esporre quei messaggi all'occhiello della giacca, ieri mattina, sono sia i "buoni" che i "cattivi" nel paese dello scandalo cheha travolto il Pd: un consigliere comunale democratico, Gino Tommasino, ucciso il 3 febbraio del 2009. Assassinato da un killer, Catello Romano, che - come si scoprirà dopo la cattura, il "pentimento" e la sua successiva fuga-  figurava tra gli iscritti dello stesso partito. Si srotola il merchandising dell'antimafia per accogliere i circa 1900 elettori e la visita a sorpresa del segretario Dario Franceschini nella cittadina di Castellammare, l'ex-feudo comunista finito sotto un progressivo choc alla vigilia delle primarie. Non solo il sicario di quell'esecuzione, ma anche una delle donne della potente cosca dei D'Alessandro, Carolina Mosca, sposata con il figlio del padrino defunto, risultava iscritta tra i democratici. «Abbiamo idee chiare: buttare i farabutti fuori dal Pd», ribadisce Leonardo Impegno, candidato alla segreteria regionale, con Franceschini. Al suo fianco, il leader uscente annuisce, attraversaalarghipassiilcentro, abbracciai! vecchio partigiano Ciccio Marano, novantaduenne, professore di latino e greco, che in vita sua ha visto il carcere «tante volte per avere fatto volantinaggio». Don Ciccio gli dice, sollevando la coppola dai radi capel li: «Dario, ero un socialista e sono venuto a votare solo per tè». Poi Franceschini incontra una donna sessantenne che lo incoraggia, Maria Di Donato, venuta fin qui dalla Puglia per le proprietà delle acque termali. Il segretario si scusa per il trambusto dei fotografi: «Grazie a tutti quelli che stanno votando, quale che sialaloro scelta. È una festa democratica». Castellammare, allarme, riserva un mezzo flop a chi sperava in una reazione di massa. Ma anche mezzo sollievo a chi temeva la diserzione di un paese tradito. I 1900 cittadini che hanno votato sono la metà di quelli che, nel 2007, risposero all'appello diVeltroni. Eppure il sindaco Salvatore Vozza (comunista per una vita, oggi Sinistrae Libertà) lo considera un buon risultato: «Ho visto una partecipazione straordinaria. Tante persone perbene, lavoratori, professionisti, giovani, gente che ha testimoniato che qui il Pd non è luogo di ritrovo per la criminalità organizzata». La giornata risulterà comunque lunghissima in questo seggio del corso Vittorio Emanuele che fu storica e vitale sede del Pci, do pò essere stata acquistata «con le cambiali» dai vecchi operai dei cantieri navali. Ieri, se ne vedono pochi. Qualcuno, come Rosario Longobardi, 31 anni, a rischio di cassa integrazione per la Fincantieri, mostra la tuta blu e il dente avvelenato: «Questa sede esiste grazie ai nostri nonni. Invece gli operai li hanno fatti sparire dalla loro politica. Abbiamo sentito solo queste storie tremende, di tessere inquinate, finite in mano a gente che con il lavoro non c'entra niente». Nelle stesse ore, analoghe ombre attraversano Napoli. Nel quartiere-ghetto di Ponticelli, l'ex deputato Aldo Cennamo, candidato nelle liste locali con Franceschini, ha denunciato alla commissione dei garanti che nel seggio del rione avrebbe votato un cugino del boss Giuseppe Sarno. Cerniamo punta il dito su un tale Salvatore Puggillo «che avrebbe portato a votare anche altri personaggi a rischio di infiltrazioni». La mattinata si chiude sulla Castellammare che continua a crederci: Franceschini visita una comunità per immigrati. Il centro è sorto in un bene confiscato proprio al boss D'Alessandro e la destinazione ha un nome emblematico.Asharam, in lingua tamil, significa è infatti la «via delle difficoltà».

(FONTE:LA REPUBBLICA)

SESSUOFOBICI E IPOCRITI.

Spiegatemi una cosa, parlando del caso Marrazzo. Non mi ci raccapezzo. Mi sono letteralmente perduto nei suoi dintorni. Forse è perché sono preso da intensa pietà per Giuseppe D'Avanzo, una prosa politica e civile costretta per l'eternità a inseguire lo scandalo privato in materia sessuale, un grande dell'informazione criminale indotto dal destino cinico e baro a occuparsi ormai soltanto di storie d'alcova, distribuendo torti e ragioni, e richieste di dimissioni per le diverse forme, come dice lui, di sexual addiction.

Forse è per questo che non afferro il busillis. Ma insomma, spiegatemi. Se fosse vero che siamo sessualmente corretti, quanto lo siamo politicamente e ideologicamente, non ci sarebbe ragione di fare tutto questo ambaradan. Non siamo estremamente evoluti? Non siamo moderni e perfino postmoderni? Non insegniamo ai pupi come si fa a mettere il preservativo? Non diciamo che ogni tipo di sesso equivale a un altro? Che ci si deve poter sposare tra maschi e tra femmine? Che anche solo criticare il comportamento sessuale non convenzionale di un'altra persona è espressione di emofobia, turpe sentimento retrogrado? Non siamo certissimi che si debba cominciare precocemente, e senza il rischio di "essere puniti" da un figlio, con l'aborto adolescente pronto anche senza l'autorizzazione dei genitori? Non decliniamo la gender culture nei termini di maschio, femmina, gay, e appunto transgender? Non abbiamo ornato le istituzioni, dal Parlamento all'Isola dei famosi, di presenze simboliche trans? Non esaltiamo la privatezza di ogni forma di desiderio, di amore, di ginnastica sessuale?

E allora, che problema c'era? Lettore ipocrita, mio simile e fratello, ti rendi conto che Marrazzo avrebbe dovuto convocare una immediata conferenza stampa, subito dopo l'irruzione dei carabinieri truffaldi che lo hanno ripreso in mutande, e avrebbe dovuto dire a testa alta, altissima, che il suo desiderio erotico è diverso da quello tradizionale e che il suo stile di vita ha pregnanza esistenziale analoga a quella di un qualunque buon padre di famiglia, e che dunque nessuno può ricattarlo e lui, come uomo pubblico, deve poter restare in sella e testimoniare i sui valori di autodeterminazione, anche erotica o sessuale, senza problema alcuno? Invece non lo ha fatto, pensava di non poterlo fare, e ha implorato i suoi boia di "non rovinarlo", di "non fargli del male", esattamente come si sarebbe comportato un qualunque uomo pubblico in ambito puritano, preso in mezzo in una storia di caduta nel peccato.
Eppure su questi temi era stato freddato il commissario Buttiglione, da quel consesso di famiglie allargate del Parlamento europeo, e la sua pretesa di distinguere sì il peccato dal resto, ma di non cancellare in quanto cattolico il concetto del peccato, era stata considerata un arnese oscurantista nelle mani di un papista indegno di far parte dell'alto consesso illuminista di Bruxelles. Ma, insomma, vi rendete conto del paradosso? La sinistra laica e colta ed evoluta ha cercato per mesi di indurre Berlusconi a vergognarsi dei suoi inviti a cena e in villa e del suo sesso un po' a casaccio, della sua instancabilità privata divenuta favola pubblica infinita, e non ne ha ricavato alcunché, salvo un diploma a Harvard erogato a Ezio Mauro dai discendenti dei Pilgrim Fathers, ma ora che com'era fatale tocca a uno di loro, e poveraccio gli è toccato in circostanze veramente grottesche dalle quali ciascuna persona di animo buono gli augura di risollevarsi al più presto, ora sono costretti a pregiudicare anche la loro filosofia relativista del sesso, del desiderio, del piacere che non conosce disciplina moralistica, sostanza etica: ora non si può nemmeno fare l'amore in pace con un trans, bacchettoni sessuofobici che non siete altro.

MARRAZZO: BERLUSCONI L'AVEVA ALLERTATO.

Tré giorni prima dell'arresto dei carabinieri della Compagnia Trionfale, Silvio Berlusconi ha avvisato Piero Marrazzo che alla Mondadori era stato offerto il video che lo ritraeva in compagnia di un transessuale. E il governatore del Lazio ha contattato l'agenzia fotografica Photo Masi per cercare di recuperare quel filmato. È l'ultimo, clamoroso, retroscena che emerge dall'indagine sul ricatto al presidente della Regione. Rivela infatti come lo stesso Marrazzo - proprio come era avvenuto a luglio quando fu sorpreso nell'appartamento romano di via Gradoli - abbia deciso di non presentare alcuna denuncia, cercando invece di chiudere personalmente la partita. Comincia tutto la scorsa settimana quando l'agenzia Photo Masi di Milano contatta il settimanale Chi e offre il video. La chiamata da Arcore racconta il direttore Alfonso Signorini: «Me l'ha offerto la titolare Carmen Masi e io l'ho preso in visione. Mi disse che il prezzo era di 200.000 euro trattabili. Ho spiegato subito che non mi interessava, però - come spesso avviene per vicende così delicate - ho detto che ne avrei parlato con i vertici dell'azienda. Ho subito informato la presidente Marina Berlusconi e l'amministratore delegato Maurizio Costa, con i quali abbiamo concordato di rifiutare la proposta». È a questo punto che, presumibilmente, la stessa Marina Berlusconi avvisa il padre di quanto sta accadendo. Lunedì scorso il presidente del Consiglio visiona le immagini. Poi chiama Marrazzo. Lo confermano ambienti vicini al capo del governo e lo stesso Marrazzo - quando ormai la vicenda è diventata pubblica - lo racconta ad alcuni amici, anche se non specifica a tutti chi sia l'interlocutore che lo ha messo in guardia. Durante la telefonata Berlusconi lo informa che il video è nella mani della Mondadori, gli assicura che la sua azienda non è interessata all'acquisto e gli fornisce i contatti della Photo Masi in modo da cercare un accordo direttamente con loro. L'obiettivo del capo del governo appare chiaro: smarcare il suo gruppo editoriale da eventuali accuse di aver gestito il filmato a fini politici, ma anche mostrare all'opposizione la sua volontà di non sfruttare uno scandalo sessuale. Una mossa che arriva al termine di trattative con altri quotidiani a lui vicini che avevano comunque ritenuto il filmato «non pubblicabile», come ha sottolineato il direttore di Libero, Maurizio Belpietro, quando ha raccontato di averlo visionato. L'intermediario in ogni caso il governatore capisce che si è aperta una via d'uscita, probabilmente è convinto di potersi così sottrarre al ricatto dei carabinieri. Telefona alla titolare della società e prende un appuntamento per il mercoledì successivo. L'accordo prevede che sia un suo intermediario ad andare a Milano. È il «metodo Corona», con la vittima che tenta di far sparire dal mercato materiale compromettente. Carmen Masi avverte Max Scarfone, il fotografo che ha avuto il video dai militari del Trionfale e ha incaricato lei di occuparsi della vendita. Gli prenota via Intemet un biglietto ferroviario per farlo andare nel capoluogo lombardo e assistere all'incontro. Gli investigatori del ROS capiscono che devono intervenire perché la trattativa è nella fase finale, dunque il filmato rischia di essere distrutto con l'eliminazione della prova dell'estorsione. Alle 23 di martedì scorso bloccano Scarfone alla stazione e lo portano in caserma per l'interrogatorio, il fotografo conferma quanto già emerge dalle intercettazioni telefoniche. All'alba viene perquisita la Photo Masi e sequestrata una copia del video. Alle 18 la stessa squadra del ROS entra nella redazione di "Chi" per prendere la seconda copia. L'appuntamento con il governatore viene immediatamente annullato. II giorno dopo Marrazzo è convocato in Procura. «Credevo che i magistrati dovessero parlarmi di qualche indagine legata agli appalti», racconterà poi ai collaboratori. E i pubblici ministeri gli comunicano di aver scoperto il ricatto dei carabinieri, lo interrogano, lui racconta l'irruzione, spiega di aver consegnato gli assegni, ammette anche che nella casa del transessuale c'era cocaina. Ma nulla dice di quanto lui ha tentato di fare per cercare di bloccare la pubblicazione del video. Di fronte ai magistrati si mostra anzi stupito che ci sia un'indagine in corso. Appare sconvolto, impaurito per le conseguenze. A questo punto c'è una sorta di «patto tra gentiluomini» come lo definiscono negli ambienti giudiziari. Si decide che, quando la notizia sarà pubblica con l'arresto dei 4 carabinieri, lui dovrà dire che si tratta di una «vicenda privata» e nessun altro fornirà dettagli. E invece, di fronte al clamore, Marrazzo reagisce in maniera diversa. Parla di una «bufala», addirittura ipotizza che quel filmato sia «un falso» lasciando così intendere che all'intemo dell'Arma sia stato ordito un complotto ai suoi danni. Una linea di difesa incomprensibile, visto che lui stesso ha appena ammesso tutto davanti ai magistrati, che alla fine lo costringe alla resa. E adesso i magistrati stanno verificando se quanto è stato scoperto finora - uso dell'auto di servizio, droga nell'appartamento del trans - possa far cambiare la sua posizione giudiziaria. 
(FONTE: CORSERA Fiorenza Sarzanini)

IRAQ: Baghdad bombings death toll toll rises to 155

Source: Reuters
BAGHDAD, Oct 26 (Reuters) - The death toll from Sunday's two suicide bombs in Baghdad, one of Iraq's bloodiest attacks in years, has risen to 155 with more than 500 wounded, police said on Monday.

Despite a drop in overall violence in the country, insurgents, militants and others still carry out bombings and shootings, which observers say may increase in the lead up to a national election in January.

Sunday's bombings, near the Justice Ministry and the Baghdad provincial government building, ripping through cars and people, was the bloodiest in Iraqi capital since mid-2007.[ID:nLP704011]

World leaders condemned the attacks and Iraqi officials pointed a finger at al Qaeda and remnants of former dictator Saddam Hussein's government. Opposition politicians blamed the security forces.

Iraq is trying to rebuild its economy and society after decades of repression, war and economic ruin. Security has remained elusive since the U.S.-led invasion in 2003 and subsequent sectarian slaughter.

U.S. troops have begun pulling out in advance of a full withdrawal by the end of 2011, and ensuring security is now mainly the responsibility of Iraqi soldiers and police. (Reporting by Baghdad Bureau; Writing by Jack Kimball; Editing by Michael Christie)

FARC Kills 5 Colombia Soldiers Eradicating Coca Fields

Five soldiers were killed and two others wounded by FARC guerrillas in the jungle around Calamar, a town in southern Colombia, the army said Sunday.

The soldiers were ambushed Saturday afternoon while providing security for peasants hired to manually eradicate coca fields in La Paz, a village east of Calamar, which is in Guaviare province.

The soldiers, who belonged to the army's 4th Division, were protecting the peasants from the 1st Front of the Revolutionary Armed Forces of Colombia, or FARC, military spokesmen at the unit's headquarters in the central city of Villavicencio said.

The FARC unit had been preventing residents from eradicating the illegal crops under a voluntary program, the army said.

"The terrorists, utilizing (gas) cylinders packed with explosives in an indiscriminate manner, murdered the soldiers who were supporting the eradication work," the army said.

A sergeant and a corporal were wounded in the attack, the army said, adding that the two men were taken to Bogota, where "they are recovering."

A FARC guerrilla who allegedly carried out more than two dozen bombings across Colombia was arrested early Saturday in Bogota, police said.

Edilberto Cruz Rubio was detained in Bosa, a district in the southern section of the capital, Dijin judicial police agency chief Col. Luis Gilberto Ramirez said.

Cruz was trained in explosives and was known to be an expert in bomb making among the guerrillas, Ramirez said.

The guerrilla faces rebellion, terrorism and murder charges in connection with 27 bombings, Ramirez said.

Cruz, who belonged to the FARC's 27th Front, was in Bogota on a mission, Ramirez said.

The FARC, Colombia's oldest and largest leftist guerrilla group, was founded in 1964, has an estimated 8,000 to 17,000 fighters and operates across a large swath of this Andean nation.

President Alvaro Uribe's administration has made fighting the FARC a top priority and has obtained billions in U.S. aid for counterinsurgency operations.

The FARC, whose leader is Alfonso Cano, suffered a series of blows last year.

On July 2, 2008, the Colombian army rescued former presidential candidate Ingrid Betancourt, U.S. military contractors Thomas Howes, Keith Stansell and Marc Gonsalves, and 11 other Colombian police officers and soldiers.

The FARC had been trying to trade the 15 captives, along with 25 other "exchangeables," for hundreds of jailed guerrillas.

The rebels' most valuable bargaining chip was Betancourt, a dual Colombian-French citizen the FARC seized in February 2002 whose plight became a cause celebre in Europe.

The guerrilla group is believed to still be holding some 700 hostages.

FARC founder Manuel Marulanda, who was known as "Sureshot," died on March 26, 2008.

Three weeks earlier, Colombian forces staged a cross-border raid into Ecuador, killing FARC second-in-command Raul Reyes and setting off a regional diplomatic crisis.Ivan Rios, a high-level FARC commander, was killed that same month by one of his own men, who cut off the guerrilla leader's hand and presented it to army troops, along with identification documents, as proof that the rebel chief was dead.

A succession of governments have battled Colombia's leftist insurgent groups since the mid-1960s.

The origin of Colombia's civil strife dates back to 1948, when the assassination of popular politician Jorge Eliecer Gaitan sparked a 10-year-long civil war known as "La Violencia."

About six years after that conflict ended with a power-sharing pact between Colombia's two main parties, a government offensive against peasant self-defense groups led Marulanda, who was pursued by death squads during La Violencia, to form the FARC.

In 1999, then-President Andres Pastrana allowed the creation of a Switzerland-sized "neutral" zone in the jungles of southern Colombia for peace talks with the FARC.

After several years of fitful and ultimately fruitless negotiations, Pastrana ordered the armed forces to retake the region in early 2002. But while the arrangement lasted, the FARC enjoyed free rein within the zone.

The FARC is on both the U.S. and EU lists of terrorist groups. Drug trafficking, extortion and kidnapping-for-ransom are the FARC's main means of financing its operations.

Afghanistan: due incidenti coinvolgono tre elicotteri Usa: morti 14 americani

(FONTE:CORSERA)  Lunedì di sangue in Afghanistan per le truppe americane: 14 persone, 11 soldati e tre civili, sono rimaste uccise in due distinti incidenti che hanno coinvolto tre elicotteri americani. A questi, si aggiungono altri due soldati americani, morti domenica nell'est del Paese. Lo rende noto un comunicato della Forza di assistenza alla sicurezza (Isaf) a guida Nato. Nell'ovest del Paese l'episodio più grave: stamani un elicottero americano è precipitato per ragioni ancora da chiarire, causando la morte di sette soldati e tre civili Usa, ed il ferimento di altre 25 persone (14 soldati afghani, 11 americani tra cui un civile). La Nato «esclude che il velivolo sia stato abbattuto dal fuoco nemico».

LA COLLISIONE - Poche ore prima, altri quattro soldati americani erano morti nella collisione in volo tra due elicotteri, nel sud dell'Afghanistan: l'esercito Usa ha confermato la nazionalità delle vittime, precisando che altri due soldati sono rimasti feriti nell'incidente. L'Isaf ha poi annunciato che ieri, nell'est del Paese, due soldati americani sono stati uccisi in due distinti episodi: il primo per l'esplosione di un ordigno artigianale (Ied), il secondo per le ferite riportate in uno scontro a fuoco con i talebani.

Fidel Castro: mia sorella agente della Cia

La sorella minore di Fidel e Raul Castro, Juanita Castro, fu per quattro anni un'agente della Cia all'Avana. E' stata lei stessa a rivelare di aver collaborato con l'intelligence Usa prima di andarsene in esilio a Miami, nel 1964, ufficializzando la rottura con il regime. In un'intervista al canale tv in lingua spagnola Univision Noticias per presentare le sue memorie intitolate "Fidel e Raul. I miei fratelli, la storia segreta", Juanita ha raccontato il suo graduale allontanamento dalla Rivoluzione castrista del 1959, che la portò a rompere con i due fratelli con cui non parla ormai da 45 anni.

Juanita Castro
Juanita, Fidel e Raùl Castro


"Il disincanto è cominciato quando vedevo così tanta ingiustizia", ha raccontato all'emittente della Florida. Così cominciò a ospitare in casa i perseguitati del regime. Finché, un giorno, una persona vicina sia a lei che a Fidel le inoltrò un invito a collaborare da parte della Cia. "Volevano parlarmi perchè avevano cose interessanti da dirmi e da chiedermi, se avessi avuto voglia di rischiare ed ascoltarli", ha spiegato Juanita. "Ero piuttosto sconvolta, ma dissi comunque di sì". In questo modo cominciò un rapporto di collaborazione con la Cia durato dal 1961 all'esilio, nel 1964.

Sunday, October 25

Somalija: Pobunjenici javno streljali dvojicu "špijuna"

Autor: Tanjug | Foto:AFP
Somalijska pobunjenička organizacija Al Šabab danas je javno streljala je dvojicu ljudi za koje je prisutnom stanovništvu rekla da su špijuni.

"Ova dvojica mladih ljudi bili su umešani u špijuniranje naše islamske administracije", rekao je Šeik Suldan, zvaničnik islamističkog Al Šababa.

Američka administracija smatra da je Al Šabab, koji želi da obori nestabilnu vladu predsednika Šeika Šarif Ahmeda i u Somaliji uspostavi radikalnu verziju šerijatskog zakona, zapravo ogranak međunarodne terorističke mreže Al Kaide u ovoj zemlji na istoku Afrike.
"Držali smo ih oko tri meseca. Sproveli smo istragu i priznali su", rekao je Suldan u Marki, mestu koje se nalazi 100 kilometara južno od prestonice, preneo je Rojters.
Svedoci egzekucije u Marki kažu da su pripadnici Al Šababa putem razglasa pozvali lokalno stanovništvo da prisustvuje likvidaciji .
Tokom poslednjih meseci sudovi koje vode pripadnici Al Šababa naredili su streljanje, batinanje i amaputiranje delova tela ljudi, naročito u područjima u južnom delu zemlje, ali i u delovima Mogadiša koje pobunjenici drže pod kontrolom. Al Šabab je takođe zabranio gledanje filmova, slusanje muzike, igranje na svadbama i praćenje fudbalskih utakmica.
Somalija je zahvaćena građanskim ratom od 1991. Samo od 2007. u Somaliji je stradalo 19.000 civila, dok je 1,5 miliona morali da napusti svoje domove.

IRAQ: Duplice attacco suicida fa strage a Baghdad: 132 morti


E' strage nel cuore di Baghdad: le due esplosioni di questa mattina,innescate quasi certamente da altrettanti kamikaze, hanno provocato almeno 132 morti e oltre 500 feriti, secondo un nuovo bilancio fornito dai principali quattro ospedali della capitale irachena, al Karama,City medical, Yarmouk e Ibn Nafis. Un precedente bilancio, fornito dalle stesse fonti, parlava di 60morti. La prima esplosione, provocata da una autobomba intorno alle 9.30 locali, ha preso di mira il ministeri della Giustizia e quello delle Municipalità e dei Lavori pubblici, situati l'uno di fronte all'altro su Haifa Street; dieci minuti dopo circa un secondo scoppio è avvenuto nei pressi del Governatorato di Baghdad, che si trova poco lontano.

Si tratta dell'attentato più grave avvenuto a Baghdad dopo quello che il 19 agosto scorso aveva colpito i ministeri degli Esteri e delle Finanze, provocando 95 morti e oltre 600 feriti: allora il governo accusò la Siria di dare rifugio agli organizzatori della strage e chiese la creazione di una commissione di inchiesta internazionale indipendente per far luce sugli attacchi. Questa volta invece Baghdad punta il dito contro al Qaida. "Non escludo che questi attentati volessero colpire le elezioni, previstea gennaio.

«Recano l'impronta di al Qaida e dei suoi alleati che non vogliono che l'Iraq ritrovi la sua stabilità» , ha affermato alla televisione il portavoce del governo Ali al Dabbagh. «E' opera di un gruppo che si trova all'interno dell'Iraq e che coordina le sue azioni con dei gruppi all'esterno», ha aggiunto.

Iran: arrivati ispettori dell'Onu per verificare il sito nucleare.

di Hossein Jaseb
TEHERAN (Reuters) - Gli ispettori dell'Onu sono arrivati in Iran per visitare un sito nucleare che ha accresciuto i timori dell'Occidente sul dossier atomico di Teheran in un'accusa che la Repubblica Islamica continua a negare.
"Sono arrivati ieri sera tardi per le ispezioni di routine", ha detto oggi a Reuters Alì Shirzadian, un portavoce dell'Organizzazione per l'energia atomica iraniana, senza fornire ulteriori dettagli.
Gli esperti delle Nazioni Unite dovranno visitare il secondo stabilimento per l'arricchimento dell'uranio nel paese, ancora in fase di costruzione 160 chilometri a sud di Teheran.
L'Iran ha tenuto nascosto per tre anni alla comunità internazionale il sito, facendo aumentare i timori dell'Occidente.
L'uranio arricchito può essere usato come carburante per gli impianti nucleari ma anche come materiale per fabbricare bombe atomiche se arricchito a una percentuale più elevata.
L'Iran, che sostiene di volerlo usare per fini esclusivamente pacifici, ha acconsentito ad aprire il sito agli ispettori Onu, nel corso dei colloqui con le sei potenze mondiali che si sono tenuti a Ginevra il primo ottobre.
Tuttavia venerdì scorso sempre a Ginevra Teheran ha messo in dubbio il progetto di inviare all'estero buona parte delle sue riserve di uranio arricchito affinché vengano lavorate e trasformate in carburante adatto a scopi medici da essere poi usato in Iran.
Le potenze mondiali considerano i due passaggi come una cartina di tornasole della reale volontà dell'Iran di usare l'uranio arricchito solo per scopi civili e come una base per il prosieguo dei colloqui sul dossier nucleare.

BRUNO CONTRADA STA MOLTO MALE.


INFAMI: "Siamo vittime di una trappola contro Marrazzo organizzata dall'alto".

 Si difendono così tre dei quattro carabinieri accusati di aver ricattato Piero Marrazzo con un video che lo ritrae seminudo in compagnia di una transessuale e con accanto una dose di cocaina. L'altro, quello che doveva vendere il filmino al miglior offerente, dice addirittura che lui, nelle immagini, non l'aveva neppure riconosciuto il governatore Marrazzo. Ieri, durante l'interrogatorio di garanzia nel carcere di Regina Coeli, i carabinieri che ricattavano Marrazzo hanno puntato il dito contro i superiori e lo stesso ROS dell'Arma. Chiudendosi dietro una tesi difensiva ardita e piena di contraddizioni a cui il gip Sante Spinaci ha dimostrato di credere pochissimo, visto che ha convalidato per tutti il fermo emettendo un'ordinanza di custodia cautelare in cui somma al pericolo di fuga quello di reiterazione del reato e di inquinamento delle prove. Luciano Simeone, Carlo Tagliente e Nicola Testini sono tutti accusati di rapina, violazione di domicilio, interferenza illecita nella vita privata, concussione e violazione della legge sugli stupefacenti. Antonio Tamburino «solo» di ricettazione del video e omessa denuncia. In realtà, i pm Giancarlo Capaldo e Rodolfo Sabelli hanno ricostruito i dettagli della vicenda fin da subito. Tagliente e Simeone sarebbero entrati nell'appartamento di via Gradoli 96 dove Marrazzo, ai primi del luglio scorso, si trovava in compagnia di una transessuale chiamata «Natalie». L'avrebbero ripreso in un video di due minuti -che si sofferma sulla cocaina affianco al letto e sul tesserino di ingresso nella regione Lazio - per poi convincerlo a consegnare prima tutti i soldi presenti nell'appartamento - 5.000 euro - e chiedendogli infine ventimila euro con assegni diversi, effettivamente staccati dal libretto di Marrazzo ma mai effettivamente incassati. Sull'intera operazione avrebbero riferito al più alto in grado, il maresciallo Nicola Testini, che li avrebbe aiutati a portare a conclusione il piano organizzando il ricatto. E solo alla fine avrebbero rintracciato Antonio Tamburrino (accusato solo di ricettazione e omessa video per smerciarlo al miglior offerente. Ieri mattina, invece, i primi tre si sono detti vittime di un ingranaggio costruito da qualcuno «in alto», ai danni di Piero Marrazzo. Che avrebbe finito per incastrare anche loro. Si sono dipinti come carabinieri integerrimi, hanno spiegato al gip Spinaci di avere alle spalle una lunga carriera di encomi e di brillanti operazioni antidroga e anti prostituzione che gli avrebbe creato molti nemici. Tra tutti, Natalie, la transessuale che qualche giornale ha dipinto come «la preferita di Marrazzo». Non sarebbe neppure vero che hanno danneggiato le vetture dell'ex moglie e della figlia del governatore: quando l'episodio si è svolto alcuni di loro erano in procura con l'avvocato. E gli altri sapevano dell'inchiesta e dunque mai si sarebbero azzardati a vendicarsi in modo così smaccato. La tesi del super complotto, però, almeno per ora fa acqua. Tagliente e Simeone hanno dato due versioni radicalmente diverse sui motivi che li hanno portati a fare irruzione nell'abitazione di «Natalie». Hanno detto di non aver mai vsto il video e dunque di non averlo neppure realizzato, sebbene la data del filmato coincida con quella dell'irruzione. Il maresciallo Nicola Testini sostiene che lui, all'epoca dei fatti, era in ferie. E quindi non poteva sapere nulla di quel che combinava il suo Nucleo antidroga Trionfale. Anche l'ultimo, Tamburrino, ha scelto di difendersi negando l'evidenza. Non avrebbe riconosciuto Marrazzo nel video e avrebbe accettato di smerciarlo solo perché i colleghi gli avevano detto di averlo trovato ad un trans morto. «Tamburrino - ha detto il suo avvocato, Mario Griffo - ha visto il filmato due o tré volte, ma di sfuggita. Alla domanda su Marrazzo ha detto che l'uomo ripreso nel filmato potrebbe essere una persona a lui somigliante». Sarà. Ma a questa versione dei fatti, i giudici di Roma sembrano credere davvero poco.

ALESSANDRA MUSSOLINI

Io non credo alle coincidenze, questi sapevano già dove e quando colpire Marrazzo. Umanamente mi dispiace, ed è molto brutto per quel che riguarda i Carabinieri».  Penso sia un caso che sia scoppiata questa vicenda prima delle regionali? «Quella del Lazio-gate è una vicenda diversa: sono andata a testimoniare al processo in corso che coinvolge Storace e i suoi collaboratori, anche se a lui hanno dato solo l'intrusione, se l'è cavata per il rotto della cuffia. Col caso Marrazzo non c'entra. Fu organizzata per screditare noi candidati a campagna elettorale già aperta. Il ricatto a Marrazzo risale a luglio 2009, certo anche ora siamo in prossimità delle elezioni. Umanamente mi dispiace vedere questo accanimento, lui ha parlato di una "debolezza". Che dire? Certo non può non avere conseguenze politiche, tant'è che si è autosospeso». Ha fatto bene? «Secondo me sì, tanto gli avrebbero chiesto le dimissioni, così ha scelto lui in modo un po' più soft». Vede parallelismi col Lazio-gate? Anche nel 2005 strani personaggi cercarono di incastrare Marrazzo. «Ho fatto delle considerazioni personali, sulla vicenda "Qui, Quo, Qua", che eravamo io, Marrazzo, e un uomo che non si è mai capito bene chi fosse. Io sono stata passata ai raggi x per l'organizzazione delle firme; per Marrazzo, oltre alle intrusioni sulla moglie e le banche, si trattava di spionaggio per infangarlo su vicende personali, e mi ricordo che parlavano di un transessuale. È incredibile, pensai, ma se già all'epoca avevano mirato su questo, vuoi dire che questa gente sa». Pensa a una rete sotterranea di informazioni? «I trans nelle interviste dicono che questa cosa era nota da anni, quindi anche quando si è candidato nel 2005. Sennò perché avrebbero cercato di incastrarlo con un transessuale? Sapevano dove colpire». Conoscevano il punto debole? «Sì, come dire: prima o poi ti becchiamo. È una brutta vicenda, la gente giudicherà moralmente, politicamente, ma è brutto anche per i carabinieri. A caldo non ho pensato: che schifo. Quando ho sentito le sue dichiarazioni con la voce tremante, ho pensato a una persona fragile. Quindi loro lo hanno beccato e l'hanno massacrato». Le frange dell'Arma «Brutta cosa, ti filmano e ricattano quando sei con le spalle al muro» Quando dice «loro» chi intende? «I Carabinieri arrestati, queste frange. E la corruzione, la scostumatezza politica, favoriscono un altro business che ti rende ancora più fragile. Se perdiamo la fiducia nelle istituzioni, nella politica e persino nell'arma dei carabinieri, addio. Ti filmano e ti chiedono i soldi in un momenti in cui sei stravolto; è vero, non ti ci devi trovare, ma sei messo con le spalle al muro... Insomma, ci mancava anche che dei carabinieri arrivassero al ricatto. Sanno che la politica deve dare delle risposte che non sta dando, che siano enti locali o politica nazionale. Questi sanno tutto, conoscono le fragilità personali». Insomma, intende i servizi? «Non so, ma sapevano dove come e quando colpire. Non credo più alle coincidenze. Adesso mi aspetto una puntata di AnnoZero, però». Domanda di rito: si candida a Napoli? Ride: «Mi candido alla Procura di Napoli, non al Comune o alla Regione! Ho sbagliato tutto, dovevo fare il magistrato o il carabiniere... ». (FONTE:L'UNITA')

MARRAZZO: BUGIARDO, ARROGANTE E CORROTTO.

 un'altra vergogna italiana..

MARRAZZO CON LA MOGLIE
continua..

Two Suicide Car Bombs Hit Baghdad, Killing

(By ROD NORDLAND NYT)
BAGHDAD — A pair of suicide car bombs exploded almost simultaneously in downtown Baghdad Sunday, targeting two government buildings and killing at least 74 people and wounding 275, according to an official in the Ministry of the Interior who spoke on condition of anonymity because he was not authorized to speak to the press. The official said the toll may rise even more.
The blasts came just over two months after suicide truck bombs were exploded outside the Finance and Foreign Ministries in Baghdad, killing 122 persons, many of them ministry employees. The high death tolls then were blamed at least in part on the removal of blast-proof walls from outside the ministries.
The two buildings targeted Sunday, the Baghdad Provincial Council building and the Ministry of Justice building, were both located on busy Haifa Street less than a quarter mile apart. Blast walls in front of those ministries had been moved back off the road in recent weeks.
The fronts of both buildings were heavily damaged, and many cars were incinerated in the road, which is normally choked with heavy traffic on Sunday mornings.
The Baghdad Operations Command of the Iraqi military put the death toll at 35 and wounded at 150, but those may have been preliminary figures.
“This is another terrorist message added to what we have gotten before from the Bloody Wednesday explosion,” Kamel al-Zaidi, chairman of the Provincial Council, told al-Iraqiya state television, referring to the Aug. 19th attacks on the two ministries.

(John Leland contributed reporting).

Saturday, October 24

A/H1N1: in Italia altri 3 casi gravi.


ROMA (24 ottobre) - Mentre negli Stati Uniti il presidente Barack Obama ha dichiarato l'influenza A/H1N1 una emergenza nazionale, altri tre casi gravi si sono registrati oggi in Italia. È accaduto a Bolzano e ad Arezzo e tutti e tre i pazienti sono ricoverati in terapia intensiva.


L'Italia è al momento fra i Paesi meno colpiti dal virus sia in Europa (dove l'H1N1 colpisce particolarmente in Gran Bretagna, Francia e Germania), sia nel resto del mondo (dove le aree più colpite sono quella delle Americhe, seguite da India, Indonesia e Australia). Complessivamente l'influenza A ha ucciso nel mondo oltre 5.000 persone, circa 270 delle quali in Europa.


Dei tre ricoveri nei reparti di terapia intensiva segnalati oggi in Italia, il primo riguarda una bambina di Bolzano di 11 anni, trasferita in Austria nella clinica universitaria di Innsbruck, dopo un primo ricovero a Bolzano a causa di difficoltà respiratorie e febbre molto alta. Al momento non è noto se la bambina avesse precedenti problemi di salute. Le altre due persone ricoverate, entrambe nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale di Arezzo a poche ore di distanza l'una dall'altra, sono due donne. La prima è una donna di 68 anni che in precedenza soffriva di una malattia cardiaca; la seconda è una donna di 32 anni, del Casentino, che non aveva apparentemente malattie preesistenti. Per lei le analisi virologiche sono in corso.


Nuovi casi anche nelle scuole. Oggi si è appreso che in tre alunni della stessa prima classe della scuola media di Cervia (Ravenna) è stata confermata la diagnosi di influenza A/H1N1. Tutti e tre sono curati a casa e non mostrano complicanze. Nella stessa scuola sono una cinquantina gli studenti assenti in questi giorni, anche se non tutti per malattia.


Nel frattempo aumentano le iniziative a favore della prevenzione, come la campagna di informazione lanciata oggi a Roma dalla Croce Rossa, basata su una guida che spiega come riconoscere i sintomi dell'influenza ed elenca cinque regole fondamentali da seguire fin da adesso, prima che con l'inverno il virus si diffonda di più: lavare bene le mani, coprire la bocca durante tosse e starnuti o in fase influenzale e se necessario utilizzare mascherine, evitare il contatto ravvicinato con i malati, tenersi a distanza dagli individui con l'influenza e gettare nei rifiuti i fazzoletti di carta utilizzati per soffiare il naso.


Negli Usa emergenza nazionale. La firma della dichiarazione di mergenza nazionale per l'influenza A da parte del presidente, annunciata dalla Casa Bianca, permetterà di migliorare i piani di emergenza contro l'epidemia su tutto il territorio.La settimana scorsa le autorità sanitarie americane avevano annunciato che l'influenza si è diffusa in oltre 40 Stati, con oltre mille decessi collegati al virus. (FONTE:IL MESSAGGERO)

Karadzic: Start of War Crimes Trial


PARIS — The former Bosnian Serb leader Radovan Karadzic has said he will not come to the start of his trial on Monday, insisting that he needs more time to prepare his defense. In a letter to the court, released on Thursday, he said he was not ready for the “gigantic” case, in which he faces charges of genocide, war crimes and crimes against humanity for his role in Bosnia’s 1992-95 war.
Mr. Karadzic’s move is the latest in a long battle of wills between the former political leader and the United Nations war crimes tribunal in The Hague. Mr. Karadzic has filed a large number of motions and appeals, tried to get one of his judges replaced and repeatedly asked for more time and more resources.
Just days ago, he expressed his frustrations through a lawyer when an appeals court turned down his request to delay the trial by 10 more months. He said he needed the time to examine the volumes of evidence produced by the prosecution, now adding up to close to one million pages.
But the judges have maintained that Mr. Karadzic has had ample time to prepare for his defense since his arrest in Belgrade in July 2008. Before that, he had lived in hiding for more than 10 years while running from the court. As for resources, the judges have said that, while Mr. Karadzic receives some funds to pay for legal assistants and researchers, he is not entitled to lawyers’ fees because he has chosen to act as his own defense lawyer. A large team of unpaid volunteers is also assisting him.
It was unclear what would happen next.
Nerma Jelacic, the court’s spokeswoman, said that the trial would still start Monday “as previously scheduled.” But Mr. Karadzic told the court in his six-page letter, “I shall not appear before you on that date.”
Lawyers following the case said there were several options. Judges may simply postpone the case or hold a hearing to seek a compromise with Mr. Karadzic, rather than start the trial with an empty dock. The tribunal cannot hold a trial in absentia, but judges can proceed when an accused waives his right or plainly refuses to show up. They may also ask a lawyer to represent him during his absence, but Mr. Karadzic is likely to refuse this.
The tribunal is trying other high-level officials linked to the wars that broke up Yugoslavia, but the prosecution of Mr. Karadzic will be the most high-profile trial since Slobodan Milosevic, the former Serbian president, died in his cell before the end of his case in 2006. Mr. Milosevic also obstructed proceedings to gain concessions or to buy time, including abruptly calling in sick rather than face an important hostile witness.
His former security chief, Jovica Stanisic, is refusing to attend his own trial, saying he is too ill, and he has declined to use the video link set up for him at the tribunal’s detention unit.
Another Serbian political leader, Vojislav Seselj, has repeatedly refused to come to court and even went on a prolonged hunger strike until his judges met several of his demands.
Mr. Karadzic faces criminal prosecution for some of the greatest atrocities of the Bosnian war, when Serbs, Croats and Bosnian Muslims fought over territory. While he was leader of the Bosnian Serbs, forces under his command maintained a brutal 43-month siege of the city of Sarajevo, and more than 8,000 unarmed men and boys were executed at Srebrenica.
He has said he is innocent of all charges. His letter said he would continue preparing his defense, “and as soon as I will be prepared, I will be happy to inform” court officials “a few weeks in advance.” (FONTE: NYT)

Un nuovo logo per i servizi segreti italiani



logo servizi segreti
Il nuovo logo dei servizi segreti
Un nuovo logo d'autore per i servizi segreti italiani. Lo hanno realizzato gli architetti Massimiliano e Doriana Fuksas. Il logo raffigura "un segno unico, fluido e ininterrotto", sembra un uccello in volo, "per rappresentare - si legge nel decreto del presidente del Consiglio che ne regolamenta l'uso - la rapidità con cui le informazioni convergono da più organismi a quello centrale". È un simbolo "di leggerezza e di libertà".

Il nuovo logo (che è un "atto di liberalità" dei due architetti) ha l'obiettivo di "raffigurare in senso unitario la varie componenti del Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica" e verrà dunque essenzialmente utilizzato dal Dis, il Dipartimento delle informazioni per la sicurezza, che è appunto l'organismo centrale del sistema. I due servizi, l'Aise e l'Aisi, continueranno ad utilizzare rispettivamente lo stemma araldico e l'emblema per quanto riguarda le proprie "specifiche esigenze di identificazione nel contesto operativo nazionale ed internazionale". (FONTE: AFFARI ITALIANI)

Usa : emergenza nazionale per influenza A

L'atto formalizzato da Obama permette di mettere in atto misure straordinarie per affrontare l'infezione

WASHINGTON - Il presidente Usa, Barack Obama, ha dichiarato l'influenza «A» «emergenza nazionale» in Usa. Lo ha annunciato la Casa Bianca. In una dichiarazione diffusa oggi a Washington, la Casa Bianca precisa che Obama ha firmato la dichiarazione di emergenza venerdì sera, un fatto che permette, tra l'altro, di accelerare la distribuzione dei vaccini e di avviare operazioni su vasta scala, se necessario, per arginare l'epidemia o la pandemia.

Terrorists plan attacks on army convoys in Punjab, NWFP

Aaj Kal Report

LAHORE: The Tehreek-e-Taliban (TTP) and Al Qaeda are planning to attack army convoys in Rawalpindi, Kharian, Multan and Okara cantonments in addition to hitting important targets in Kohat, Bunnu and Dera Ismail Khan.

According to recent intelligence reports, the decision to attack the army convoys was taken by TTP chief Hakeemullah Mesud and Al Qaeda commander Sheikh Sultan in a meeting sometime ago.

At least 15 terrorists have been sent to Punjab for attacks and another 10 to attack targets in NWFP.

Separately, the Home Ministry has sent a circular to the home departments of the four provinces, warning of terrorist attacks. The terrorists are also planning attacks on army convoys in north and south Waziristan.

Lazio, Marrazzo si autosospende «La mia permanenza inopportuna»

La decisione dopo il caso del video-ricatto. Tensione nel Pd alla vigilia delle primarie. Maroni: «Resti»

MILANO - Per adesso l'auto-sospensione. Ma la strade è segnata: Piero Marrazzo lascia la presidenza della Regione Lazio. La decisione è arrivata al termine di una giornata convulsa: in mattinata la riunione con i suoi collaboratori principali a proposito del caso del video-ricatto, nel pomeriggio il comunicato che ufficializza la sua posizione. In questo modo, tutti i poteri passano al vicepresidente regionale Esterino Montino.

LA NOTA - «Sono consapevole - afferma Marrazzo in una nota - che la situazione ha assunto un rilievo pubblico di tali dimensioni da rendere oggettivamente e soggettivamente inopportuna la mia permanenza alla guida della Regione, anche al fine di evitare nel giudizio dell'opinione pubblica la sovrapposizione tra la valutazione delle vicende personali e quella sull'esperienza politico-amministrativa. Ho quindi deciso di auto-sospendermi immediatamente e a tal fine ho conferito al vicepresidente la delega ad assumere la provvisoria responsabilità di governo e di rappresentanza ai sensi della normativa vigente, rinunciando a ogni indennità e beneficio connessi alla carica. In considerazione degli importanti provvedimenti di governo e legislativi che nell'immediato dovranno essere assunti, in virtù della particolare congiuntura economica e anche in relazione alle funzioni che svolgo in qualità di commissario di Governo, ho deciso di aprire un percorso - conclude - che porti alle mie dimissioni dalla carica di presidente della Regione».

LA GIORNATA - Dopo le notizie sul ricatto ai danni del governatore (che sarebbe stato filmato in compagnia di un trans), la giornata si era aperta con una riunione tra i più stretti collaboratori politici di Marrazzo: presenti sia il vicepresidente della giunta regionale, Esterino Montino, che del legale del governatore, Luca Petrucci. Una riunione per mettere a punto una exit strategy che correggesse la rotta intrapresa in un primo momento dal governatore, ovvero quella di non lasciare e concludere la legislatura (scadenza naturale tra 155 giorni), ora che i contorni dell'inchiesta che vedono Marrazzo vittima di un'estorsione e quattro carabinieri in carcere sono più nitidi. Tra le ipotesi era circolata anche quella di dimissioni immediate da parte del governatore. Ma c'è anche chi spingeva verso una soluzione soft: restare «per senso del dovere», soprattutto perché la Regione ha in campo questioni aperte del calibro del piano sanitario e del piano rifiuti, ma di fatto passare le «consegne» al vicepresidente Esterino Montino. Quest'ultima ipotesi evita il commissariamento e soprattutto evita al Pd di precipitare in campagna elettorale subito e di votare tra 90 giorni. Alla fine, è stata proprio questa la strada intrapresa. In questo modo viene rispettata la scadenza elettorale già prevista. Se invece Marrazzo avesse deciso di andarsene subito le nuove elezioni si sarebbero dovute tenere verosimilmente a gennaio.

MONTINO - Marazzo, afferma Montino, è in questo momento «un uomo ferito nell'animo e negli affetti». «L'ho trovato molto debilitato, scosso - racconta. - È anche per questa ragione che ha scelto di autosospendersi. Si tratta di un modo per avere il tempo di preparare l'amministrazione alle dimissioni vere e proprie», spiega ancora Montino: «Dopo questo passaggio, ci saranno comunque le dimissioni».

IN CARCERE - Sul fronte giudiziario, rimangono detenuti a Regina Coeli i quattro carabinieri accusati dalla Procura di Roma di avere ricattato il governatore. Lo ha deciso, dopo oltre otto ore di interrogatorio, il Gip Sante Spinaci che ha convalidato i fermi ed emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di Nicola Testini, Carlo Tagliente, Luciano Simeone e Antonio Tamburrino.
GASBARRA: INDISPONIBILE - L'ex presidente della Provincia di Roma Enrico Gasbarra, intanto, si tira indietro: «Questa è una vicenda molto amara. Sono sconcertato su come si possano infangare le persone e le famiglie. Di come assurdamente la vittima paghi più dei criminali. Ritengo assurdo il gioco del toto-presidente, me ne sottraggo e comunque ribadisco la mia indisponibilità». «In questo momento difficile - aggiunge - il Pd deve rassicurare politicamente i militanti e gli elettori, facendo sentire nel contempo a Piero sincera solidarietà e sostegno politico e umano. Marrazzo ha battuto la destra, ha assicurato la vittoria della coalizione avviando con la sua giunta un ottimo e onesto lavoro per i cittadini del Lazio. Sono certo - ha concluso Gasbarra - che presto il presidente saprà chiarire ogni cosa. Questa vicenda rafforza ancora di più la mia amicizia personale con Piero e la sua famiglia».
SMENTITO DAGLI SVILUPPI - Venerdì Marrazzo aveva dichiarato l’intenzione di continuare il suo mandato: «Continuerò con serenità e determinazione a essere presidente», tutto è «basato su una bufala», aveva detto, seppure visibilmente scosso. Ma è stato smentito dagli sviluppi della vicenda. Aveva affermato di non aver pagato i ricattatori, mentre esistono gli assegni, sia pure non incassati, e addirittura di non aver nemmeno saputo del ricatto, mentre dai verbali emerge il contrario. Smentita anche la non esistenza del video: il maresciallo Antonio Tamburrino, uno dei quattro indagati sentiti sabato dal gip, ha consegnato una copia del cd ai carabinieri. Infine, il trans Natalie ha riferito in un'intervista che il presidente l'avrebbe chiamata venerdì «per tre volte» chiedendole di «non parlare con nessuno» in merito alla vicenda. Natalie asserisce, tra l'altro, di conoscere Marrazzo da sette anni.
MARONI: «NON SI DIMETTA» - Commentando la vicenda Marrazzo, il ministro dell'Interno Roberto Maroni ha affermato: «È una vicenda personale, non credo debba dimettersi». Parlando a margine dell'Assemblea federale degli eletti nella Lega in Lombardia, Maroni ha detto: «È una brutta vicenda, che mi addolora molto perché vede il coinvolgimento di 4 carabinieri. Stiamo verificando per capire cosa possa essere successo e per questo sono in contatto con il comandante generale dell'Arma». «Dopo di che - ha aggiunto - essendo stato vittima di un ricatto, come ha detto lui, non credo debba dimettersi. Sono sempre dell'idea che la vita personale è personale e ognuno può fare ciò che crede». «Se una persona subisce un ricatto - ha concluso - diventa vittima del reato quindi non può essere condannata. Bisogna condannare chi compie i reati. Però ci sono ancora lati oscuri della vicenda per i quali ci sta pensando la magistratura».
CASINI: «DEVE LASCIARE» - Di parere opposto il leader dell'Udc, Pier Ferdinando Casini: «Non conosco i dettagli del caso Marrazzo se non da quello che ho letto sui giornali. Una cosa voglio dire con chiarezza: un uomo politico che cede a un ricatto deve smettere di fare politica, deve ritirarsi. Se ha ceduto a un ricatto, dico se - perché è giusto che usi il condizionale - allora ha terminato il discorso con la politica». Pro dimissioni anche Francesco Storace, segretario nazionale de La Destra: «L'articolo 44 dello statuto della Regione Lazio prevede che le dimissioni del presidente comportino lo scioglimento del consiglio regionale. Si proceda e si vada a votare rapidamente. Marrazzo si sottragga responsabilmente ad una vicenda molto triste e nel rispetto della legge elettorale ci porti alle urne a fine gennaio».
DI PIETRO: GIOCO SPORCO - «Sulla questione Marrazzo ci sono alcuni aspetti che vanno chiariti al più presto», afferma in una nota il presidente dell'Italia dei Valori Antonio Di Pietro. «Il primo - dice di Pietro - riguarda la posizione dello stesso governatore del Lazio. Marrazzo ha l'obbligo di dirci se è ancora in grado di governare la Regione o se si trova in uno stato di potenziale ricatto che gli impedisce di svolgere quel ruolo. In questo caso, come purtroppo temiamo, è necessario che rassegni subito le dimissioni». «Il secondo aspetto - osserva il leader Idv - riguarda l'umiliazione dell'Arma dei carabinieri che, a causa di alcune mele marce, si ritrova con la divisa sporca. Chiediamo che i carabinieri coinvolti siano sottoposti ad una pena esemplare». Di Pietro accusa poi «il sistema di dossieraggio, di veleni e veline che sta inquinando la vita politica italiana. È grave che, per sconfiggere l'avversario politico, vengano ordinati e costruiti appositi dossier. È un gioco sporco in cui si rischia il massacro, è un'operazione antidemocratica che azzera il confronto sul piano politico per dar spazio ai dossier. È una strategia mafiosa che va subito bloccata».
LA BINDI: «NON MI CANDIDO» - «Mi auguro che Marrazzo chiarisca presto la sua vicenda. Ma non sono disponibile ad una candidatura a presidente della regione Lazio», ha affermato Rosy Bindi da Milano, dove è candidata all’Assemblea nazionale del Pd nel collegio 15. «Le voci sul mio nome - ha sottolineato in una nota - sono del tutto prive di fondamento e mi stupisce che possano circolare con tanta facilità. Ricordo che sono toscana e vivo a Sinalunga. Chiunque si candiderà a presidente del Lazio sarà un candidato o una candidata con una biografia, una storia e radici espressione di questa regione e il Pd del Lazio saprà individuare, anche attraverso primarie di coalizione, la persona giusta». (FONTE: CORSERA)

MARRAZZO: LA FINE DI UNA "CARRIERA"

Il filmato parte dalla camera da letto. Si vede un uomo che indossa soltanto una camicia, accanto ha un transessuale seminudo. «Favorite i documenti» intima una voce fuori campo. L'uomo sgrana gli occhi. «Non mi rovinate, non mi fate del male» risponde. Poi va verso un tavolino. Poco dopo vengono inquadrate alcune strisce di cocaina e una piccola cannula per aspirarla. Accanto c'è un tesserino della Regione Lazio che viene «zoomato» per captarne i dettagli. È intestato a Piero Marrazzo. E lui l'uomo ripreso con un telefonino all'intemo dell'appartamento che si trova in via Gradoli, zona nord di Roma. Il video dura un minuto e mezzo ed è servito a tenerlo poi sotto ricatto. Perché in quel momento il Governatore, minacciato e per questo preso dal panico, consegna ai due militari che hanno compiuto l'irruzione tre assegni per un totale di 20.000 euro. Titoli che non risultano incassati, ma che da quel momento lo hanno messo in scacco. Sono i primi di luglio. Marrazzo lascia l'appartamento e decide di non denunciare quanto è successo. Probabilmente non sa che sarà costretto a incontrare nuovamente queste persone, a soddisfare alcune loro richieste. Non può neanche immaginare che cosa accadrà in seguito. Circa un mese dopo la vicenda finisce al centro di un'inchiesta. La versione ufficiale accredita l'ipotesi che gli accertamenti siano cominciati captando casualmente una conversazione durante la quale si parlava di vendere a un giornale o a una tv «il video di un politico molto noto con un trans». Ma non è escluso che sia stata invece una «soffiata» a méttere gli investigatori del ROS, il Raggruppamento Operativo Speciale dell'Arma, sulla pista giusta. Nelle carte processuali sin qui raccolte si rintraccia comunque il filo di una storia che ha ancora molti punti oscuri, soprattutto per le versioni discordanti dei protagonisti. La persona che al telefono offre il materiale si chiama Antonio Tamburrino è un giovane carabiniere in servizio alla Compagnia Trionfale. Le sue parole forniscono la traccia per individuare i tre: Luciano Simeone, Carlo Tagliente e Nicola Testini. Si scopre che pure loro sono carabinieri. Si attivano così altre intercettazioni, i quattro vengono pedinati. Le conversazioni registrate dimostrano che i tentativi per piazzare il filmato sono continui. Si parte da una richiesta iniziale di 140.000 euro, ma poi le pretese sono sempre più modeste. Ad aiutarli c'è Max Scarfone. E il paparazzo diventato noto per aver immortalato il portavoce del governo Prodi Silvio Sircana mentre si avvicinava con l'auto a un transessuale. Agli inizi di luglio viene contattata la dirczione del settimanale Oggi. Un inviato esamina il filmato, ma dopo qualche giorno comunica di non essere interessato. Si prova con alcuni quotidiani, ancora una volta senza successo, il 5 ottobre scorso Tamburrino parte per Milano, n biglietto del treno è stato acquistato via Internet dalla società Photo Masi. Gli accertamenti entrano nella fase finale. Qualche giorno dopo Scarfone viene convocato per un interrogatorio. Conferma il viaggio dell'amico. «Altre copie del video -dichiara- sono state consegnate ad alcune testate e gruppi editoriali», il 20 ottobre scattano le perquisizioni. Nella sede della Photo Masi il Ros rintraccia un dvd che contiene le immagini. Nulla viene invece trovato invece a casa dei carabinieri indagati, alimentando il sospetto che l'originale duri molto più a lungo e per questo sia stato nascosto. I carabinieri negano. La loro versione dei fatti viene ricostruita dal pubblico ministero nell'ordinanza di fermo: «Gli indagati hanno sostenuto che il video sarebbe stato loro consegnato da Gianguarino Cafasso, soggetto a contatto con alcuni transessuali, deceduto per cause naturali nel settembre scorso. Tagliente fornisce un particolare ulteriore: nei primi giorni del mese di luglio, egli e Simeone furono avvisati da Cafasso che presso un'abitazione romana era in corso un festino con alcuni transessuali. Entrarono nell'appartamento, si qualificarono come carabinieri e riconobbero Marrazzo che gli chiese di mantenere riserbo sull'accaduto. Poi andarono via e soltanto dopo ricevettero da Cafasso il filmato realizzato in una occasione diversa rispetto a quella del loro intervento». A questa ricostruzione i magistrati non danno alcun credito. n giorno dopo viene ascoltato il presidente della Regione. Così il magistrato nel provvedimento sintetizza il suo interrogatorio: «fa un giorno ai primi di luglio scorso, mentre Marrazzo si tratteneva all'interno di un appartamento in compagnia di tale Natalie, fecero ingresso due uomini che si presentarono come carabinieri. Gli stessi, con modi palesemente intimidatori, si fecero consegnare dalla parte lesa il portafoglio contenente, oltre a una somma di denaro, i documenti di identità e chiesero una somma ingente, lasciando intendere, in caso di rifiuto, gravi conseguenze. La vittima rifiutò di versare denaro contante, ma rilasciò tré assegni dell'importo complessivo di 20.000 euro. Prima di andare via i due lasciarono un numero di cellulare chiedendo di essere contattati in quanto volevano altri soldi». Il governatore ammette dunque di aver pagato, cedendo così al ricatto. Scrive ancora il magistrato: «Marrazzo aggiunge che una volta recuperato il proprio portafogli, mancava la somma di 2.000 euro che vi custodiva. Inoltre Natalie appariva contrariata, come se i due si erano impadroniti anche di una somma di ulteriori 3.000 euro (il prezzo della prestazione ndr) che era stata lasciata su un tavolino. Sempre secondo tali dichiarazioni, nella stanza era presente anche polvere bianca che il teste (Marrazzo ndr) identifica come cocaina, pur non avendone fatto uso. Riferisce poi che non m lui a collocare il suo tesserino nella posizione che si vede nel video e deve pertanto ritenersi che il documento fu asportato dai militari, collocato accanto alla polvere eintenzionalmente filmato». «Ho pagato per paura dell'arresto» Ala fine Marrazzo dichiara: «C'era la cocaina, ho pagato perché avevo paura di essere arrestato». Alle 15 del giorno successivo gli investigatori si presentano nella caserma del Trionfale e ammanettano i loro quattro colleghi. Agli atti ci sono già le tracce degli altri contatti con il presidente della Regione per chiedere alcuni favori. Gli accertamenti dovranno adesso stabilire se Marazzo gli abbia versato anche soldi in contanti. I militari finiti in carcere non hanno mai messo all'incasso gli assegni, dunque è possibile che li abbiano utilizzati come strumento di pressione per ottenere altro ed è su questo che si concentrano le verifiche. Del resto è stato lo stesso Scarfone a raccontare che «hanno a disposizione ingenti risorse patrimoniali». Il governatore ha detto di aver presentato una denuncia di smarrimento di quei titoli pochi giorni dopo la consegna. Finora questa sua affermazione non ha però trovato riscontro. (FONTE: CORSERA- Fiorenza Sarzanini)