Friday, April 30

State Department Reports - Embassy of the USA in Bosnia and Erzegovina

Despite increased ethnic polarization and disputes among Bosnian political leaders that hindered the functioning of state government for most of the year, Bosnia and Herzegovina's law enforcement organizations cooperated with the United States on international counterterrorism issues. Bosnia remained a weak, decentralized state and ethnically-based political confrontations continued to undermine national government. As a result of weak interagency communication, competing security structures, and political interference in law enforcement, Bosnia is vulnerable to exploitation as a potential staging ground for terrorist operations in Europe. The dysfunctional Bosnian state government and efforts by Republika Srpska officials to undermine state-level institutions contributed to a slowdown, and in some cases, setbacks in efforts to improve operational capabilities to combat terrorism and terrorism finance.

The State Investigation and Protection Agency (SIPA) is the Bosnia agency with primary responsibility for counterterrorism operations. The position of SIPA Director was unfilled for most of the year and the agency’s readiness and capabilities suffered as a result. In addition, the head of the Ministry of Security, parent organization to SIPA, politicized the Ministry’s terrorism threat analysis and counterterrorism operations. Although Bosnian capabilities and potential for independent action were degraded over the year, Bosnian authorities were generally effective and responsive to U.S. counterterrorism cooperation requests.

The Citizenship Review Commission (CRC), formed to review the status of foreign mujahedin fighters and others who obtained Bosnian citizenship during and after the 1992-95 war, completed its review of approximately 1200 cases. The CRC withdrew citizenship from 612 individuals it deemed to have obtained Bosnian citizenship unlawfully.*

On January 10, the Bosnian State Court handed down a fifteen and a half year prison sentence for Mirsad Bektasevic, a lead defendant in the country’s first state-level terrorism trial. Two co-defendants received thirteen and a half, and eight year sentences, respectively. The three defendants were arrested in October 2005, on terrorism charges, and two others were charged with illegal possession of explosives. Lead defendants Mirsad Bektasevic (a Swedish citizen) and Abdulkadir Cesur were linked to terrorist networks elsewhere in Europe. In June 2007, a State Court appellate panel upheld the convictions but substantially reduced the sentences.

The Bosnian organization Aktivna Islamska Omladina (Active Islamic Youth, or AIO) spread extremist and anti-American rhetoric through its weekly print and online publication SAFF Magazine. AIO was founded in Zenica in 1995 by individuals with ties to the so-called "El Mujahid Brigade," a wartime unit comprised mainly of foreign extremists. AIO conducts youth outreach in Bosnia and maintains a presence in Western Europe.

Bosnia and Herzegovina continued its deployments in support of MNF-I. In September, the sixth rotation of the Armed Forces' 36-member Explosive Ordnance Disposal Unit deployed to Iraq. The Armed Forces also undertook specialized training that would allow for further deployments to either Iraq or to support Operation Enduring Freedom.

*This paragraph was edited on June 4, 2008 to correct an error. Imad Al-Hussein, who is also known as Abu Hamza al-Suri, was incorrectly identified as convicted terrorist Abu Hamza al-Masri. We deeply regret this error.

Hakimullah Mehsud The head of the Pakistani Taleban is now believed to have survived a US missile strike earlier this year, intelligence officials said Thursday

US security officials had also said they believed Hakimullah Mehsud was killed in the January attack in an area between the North and South Waziristan tribal regions close to the Afghanistan border. They were not immediately available for comment.

The Taleban themselves had always claimed Mehsud was alive, but have said they were not going to offer any evidence such as a video recording because doing so could help security forces hunt him down. Until or unless they do, questions are likely to remain over his fate, given the patchy nature of intelligence from the tribal regions.

Four intelligence officials said Pakistan’s main spy agency now believed Mehsud was alive and well. They cited electronic surveillance and reports from sources in the field, including from inside the Taleban. One official said Mehsud was believed to have been wounded in the attack and had been seen alive after the attack.

All spoke on condition of anonymity because they work for the spy agencies, which do not allow operatives to be named in the media.

One senior official said Mehsud was no longer the major force in the movement, which has carried out scores of attacks in Pakistan in recent years and is allied to Al-Qaeda and militants in Afghanistan fighting US and NATO troops. He said other Taleban commanders, such as Waliur Rehman, were now overshadowing him.

He did not explain why this was, though the movement has been pummeled over the last six months by US missile attacks and Pakistan army offensives that have pushed it from once-secure bases.

None of the intelligence officials explained how earlier statements that he had died were wrong.

On Feb. 10, Pakistan’s chief civilian security official, Interior Minister Rehman Malik, confirmed reports that Hakimullah was dead.

22 jailed, four on the run, as Cairo court convicts on charges of spying, arms smuggling and Sinai resorts attack plot

Twenty-six Arabs have been sentenced to prison in Egypt after being convicted of planning terrorist attacks on ships and tourist sites on behalf of the Lebanese Shia organisation Hezbollah, which claimed it was seeking to support Palestinian resistance to Israel in the Gaza Strip.

The emergency state security court in Cairo today handed down jail terms ranging from six months to life to 22 suspects of Palestinian, Lebanese, Egyptian and Sudanese origin. Four other men who are still on the run, including the alleged cell leader, were convicted in their absence. Sami Shihab, a Lebanese citizen who Hezbollah had previously confirmed was a member, was given a 15-year sentence.

The defendants were charged with spying on ships in the Suez canal, planning attacks on resorts popular with Israeli tourists in the Sinai peninsula and with smuggling weapons into the Gaza Strip, which is controlled by Palestinian Islamist movement Hamas. Three of the suspects were charged with digging tunnels under Egypt's border with Gaza.

Cries of "Allahu akbar" – God is great – rang out when the sentences were handed down in the heavily guarded courtroom.

Lawyers said the accused were trying to support the Palestinian resistance and that some of them had been tortured – a common occurrence in Egyptian prisons.

"The verdict proves only that the case is politically motivated," defence lawyer Abdul-Monem Abdel-Maqsud told al-Jazeera TV. "It only serves the Zionist entity which has welcomed the trial as it diverts attention away from calls to try their Gaza war criminals."

The controversial case illuminated one of the Middle East's great divides: between US-backed Egypt, with its peace treaty with Israel – and Hezbollah, which is supported by Syria and Iran. Hezbollah has sought to play it down since the trial began last summer but maintains that its only interest was backing Palestinian resistance to the Jewish state.

Judge Adel Abdel-Salam Gomaa said investigations showed the group had intended "to strike Egypt's economy, destroy the bonds between its people and create chaos and instability." The accused denied the charges but prosecutors produced video footage showing explosives in premises they had used.

No appeal against the sentences is possible but there is already speculation in Cairo about possible presidential pardons as the Egyptian leader, Hosni Mubarak, seeks to improve his long-strained relations with his Syrian counterpart, Bashar al-Assad.

Hassan Nasrallah, Hezbollah's secretary-general, described the charges as revenge for the organisation's denunciation of Egypt's support for the Israeli blockade of Gaza. In December 2008, as Israel carried out its offensive in the Gaza Strip, Nasrallah accused Mubarak of "taking part in the crime" of Israel's onslaught an called for the overthrow of his regime.

Vuk Drašković predložio je u Jagodini osnivanje memorijalnog centra žrtvama komunističkog terora

"Svi koji su ubijeni od 1944. godine, nedužni ljudi, civili, da budu sahranjeni tu, u memorijalnom centru", rekao je Drašković, učestvujući kasno sinoć u emsiji jagodinske televizije "Palma plus".
Objašnjavajući zašto SPO nije u Aranđelovcu, na vanrednim lokalnim izborima prošle nedelje, prešao cenzus, Drašković je istakao da su na tim izborima "trijumfovali laž i mito".
"Mi nismo imali para, a neki su od nekuda počeli da grade seoske puteve, da popravljaju stari konak koji je potpuno propao, davali su ljudima pare", rekao je Drašković.
"Stranka koja je dobila najviše glasova u Aranđelovcu, obećala je da će, ako pobedi, seljacima u Šumadiji poklanjati iz svojih beogradskih štala, krave, koze, ovce", rekao je Drašković i dodao da je mislio da je "velika drskost tako nastupati u tom delu Srbije odakle nam je vekovima izvirala centralna narodna pamet, mudrost, snaga i hrabrost".
Trijumfovali su laž i mito, a kada to objšnajavte ljudima, oni kažu: "Vi ste u pravu, ali mi očajno živimo i ako imaš nešto da mi daš pa da glasam za tebe".
Kažu, "mogu da te volim neznam koliko, ali za tebe neću da glasam džabe, za moj glas treba nešto da dobijem", zaključio je Drašković.

“For US, anyone fighting Russia is basically not a bad man”

        Chechen warlord Doku Umarov claims he was behind the recent bombings in Moscow and Dagestan.

Congressman Alcee Hastings says Russia and the US should join their forces in fighting such fanatics.

He added that the terrorist groups operating in the North Caucasus are linked with Al-Qaeda and other terrorist organizations.

Hastings also leads an international security commission, which is convinced Umarov’s gang has carried out about 900 terrorist attacks in Russia over the last three years.

Despite the fact that Doku Umarov was linked to the Beslan school slaughter back in 2006, he was never put on the international wanted terror list.

Political analyst from RIA Novosti news agency Dmitry Babich explained that the reason for the reluctance of some US officials to view Umarov as terrorist is because “there is an anti-Russia bias. Anyone fighting Russian ‘imperialism’, as they call it, is basically not a bad man.”

Alcee Hastings’ initiative is long overdue, believes Babich.

“If we look at what’s going on in the North Caucasus, these terrorist groups that operate there, they are not only anti-Russian, they are also anti-Western,” said the analyst, who once interviewed the notorious terrorist Shamil Basayev who was eliminated by Russian special forces.

“When I interviewed Basayev his logic was the following: the West did not manage to stop Russia in 1994-1995, so the West is an ally of Russia, Russia is a part of the Western civilization – we are going to strike at the West,” recalled Babich, questioning “How long it could continue? Sixteen years now. It is time to wake up.”

Analyst believes that both Al-Qaeda and terrorists from the North Caucasus share the same ideology and are being financed from one source.

Le persecuzioni dei cristiani ad opera dei nazionalisti indù e delle autorità locali continuano senza sosta.

Un gruppo di fedeli nel Karnataka, uno stato nell’India Sudoccidentale, è stato aggredito da estremisti e poi è stato arrestato dalla polizia. Poco dopo, nei pressi di Mumbai, cuore economico dell’India, un sacerdote è stato assassinato. I due fatti non sono direttamente collegati, ma sono rivelatori del clima di intolleranza e violenza anti-cristiana nella “più grande democrazia del mondo”.

L’episodio nel Karnataka è anche un esempio di connivenza della polizia con i nazionalisti. Il gruppo di fedeli vittime dell’aggressione aveva partecipato ad un evento organizzato da un movimento cristiano locale, il “Festival della Pace 2010”, a cui hanno partecipato circa 3000 persone, uomini, donne e bambini di tutte le caste. Forse infastidita da una presenza così massiccia di fedeli di un’altra fede, una banda armata di bastoni, costituita da una ventina di induisti affiliati al movimento nazionalista Bhajrang Dal, ha attaccato un gruppetto di 16 cristiani, fra cui donne e bambini, subito dopo la fine del festival. Li hanno picchiati, insultati e molestati, intonando canti e slogan anti-cristiani. Poi sono stati gli induisti stessi a chiamare la polizia. Che, arrivata sul posto, invece di fermare gli aggressori, ha arrestato le vittime.

“Il ministro capo del Karnataka è il nostro padrone e nessuno può toccarci” hanno detto gli assalitori. E l’intervento della polizia a loro favore lo dimostrerebbe. Il piccolo pogrom è stato guidato da esponenti influenti del nazionalismo indiano. I cristiani arrestati, sono stati trattenuti in una caserma di Karkala per tutta la notte. Una volta liberati, donne e bambini erano in stato di shock. La stessa notte, un sacerdote 74enne, Peter Bombacha, è stato ucciso vicino alla casa del vescovo di Vasai, nei pressi di Mumbai. Non si conoscono ancora né il movente, né l’assassino, ma si sospetta un omicidio religioso. “Padre Peter era un sacerdote pieno di fede che serviva la Chiesa e la popolazione senza discriminazione di casta o di credo”, ha detto di lui, all’agenzia missionaria AsiaNews, il vescovo di Vasai Felix Machado. “Senza discriminazione di casta o di credo”: è probabilmente questo il movente del delitto. I nazionalisti indù proibiscono qualsiasi forma di proselitismo di altre religioni e difendono in modo intransigente la divisione della società in caste.

DIS INFORMAZIONE CONTROLLATA

Il Copasir, la commissione parlamentare che vigila sui servizi segreti, presieduta da Massimo D’Alema, nei giorni scorsi ha ascoltato Italo Bocchino, che aveva denunciato un grave episodio. Ovvero, di essere stato a lungo spiato da agenti del “controspionaggio” o, come oggi vengono chiamati, da agenti del Servizio civile. Giovedì il Copasir ha trattato nuovamente la questione con l’audizione di Adriano Santini, direttore dell’Aise, ex Sismi (spionaggio interno), che ha riferito sui compiti del servizio da lui diretto senza entrare nel dettaglio, anche perché Santini si trova a capo dell’Aise solo da poche setimane.
Nel corso della seduta del Copasir è emerso che alcune settimane fa un centinaio di agenti è passato dall’intelligence militare a quella civile.
Lo spionaggio di Italo Bocchino è cominciato prima o dopo il trasferimento?  Le novità recenti nell’organizzazione dell’Aise è proprio una delle risposte che il Copasir, forse, vuole avere adesso.
 Ma non è la sola, naturalmente.
Il pedinamento di Italo Bocchino è stato deciso in concomitanza di altri eventi, per esempio alla vigilia della rottura fra i finiani e il presidente del Consiglio, quando ancora le nuvole all’orizzonte non lasciavano presagire il temporale che si sarebbe verificato nel corso della riunione della direzione nazionale del Pdl. Tempi insospettabili dunque, ma non per tutti. Per esempio, Il Giornale, edito dalla famiglia Berlusconi, è stato il primo ad anticipare il dimissionamento dell’ex vice capogruppo della Camera dei deputati. “Sarà il primo a perdere la poltrona”, anticipò il quotidiano parecchi giorni or sono. La previsione giornalistica non ha nulla a che vedere con lo spionaggio, ovviamente, ma testimonia il clima “avvelenato” del Pdl, in particolare nelle strette vicinanze di Arcore.
Dopo la riunione del Copasir sono circolate voci circa una faida interna ai servizi segreti e di una fazione, guidata dal generale Niccolò Pollari, vicina a Italo Bocchino. Una voce che vorrebbe fare intendere, senza fornire alcun indizio, che la soffiata che ha consentito di svelare l’episodio di spionaggio sia venuta dall’interno dei servizi. Un ragionamento che ha una sua logica, perché Italo Bocchino non avrebbe potuto averne notizia altrimenti, dal momento che le attenzioni su di lui sono state ben mimetizzate.
La tensione che si respira dalle parti di Montecitorio e Palazzo Chigi, fra Fini e Berlusconi, suscita illazioni e voci incontrollate, alcune delle quali appaiono autentiche farneticazioni, una caccia alle streghe giustificata solo dalla diffidenza e dai sospetti accumulati in questi giorni intensi di guerriglia.
Fra le farneticazioni va annoverata quella di chi collega l’episodio di spionaggio alla vicenda Marrazzo per delineare una strategia degna del Kgb. Metodi sovietici, dunque, che richiamano – proseguendo la farneticazione – le frequentazioni del premier con il suo collega russo, Vladimir Putin, ex capo del Kgb e considerato un esperto in materia.
Gli incontri informali e riservati hanno concesso un qualche interesse, che non merita, agli accostamenti, contribuendo ad avvelenare ulteriormente il clima.
Certo, le recenti rivelazioni sul caso Marrazzo lasciano allibiti: la magistratura inquirente ha accertato il complotto ai suoi danni, una volontà chiara fare esplodere lo scandalo. Ricatto per i soldi o una finalità ben precisa, di natura politica?
Non lo sapremo mai, o meglio, non lo sapremo presto. Lo scandalo Marrazzo, è un fatto incontrovertibile, ha seppellito il gossip che impazzava attorno a Palazzo Grazioli e a Villa Certosa, oltre che “bruciare” in modo grave la permanenza del Pd alla testa della Regione Lazio, un "test"-chiave per l’esito complessivo del voto.
La dietrologia la fa da padrona, stimolando illazioni e farneticanti scenari, il caso Bocchino si carica, forse inevitabilmente, di responsabilità, sospetti che non hanno a che fare con la voglia, platealmente esibita, dal premier di farla finita con il presidente della Camera ed i suoi più fedeli seguaci. Il fatto che si sia arrivati al redde rationem proprio in concomitanza con l’episodio di spionaggio, ha dato una mano a coloro che disegnano complotti e li vedono ad ogni angolo.

Riconoscimento dovuto

L'arrivo del leghista Roberto Maroni sulla poltrona di ministro dell'Interno non era stata certo salutata con squilli di tromba. Due le critiche ricorrenti. La prima: un esponente della Lega, il partito più lontano dall'unità nazionale, è la persona meno indicata ad assumere la responsabilità del ministero che rappresenta il governo sul territorio. Sottinteso: Maroni si sarebbe occupato dei problemi del Nord o comunque cari al suo elettorato e sisarebbe dimenticato del Sud. Qui veniamo alla seconó da critica preventiva: Maroni non avrebbe combattuto la mafia. L'uomo sbagliato nel governo sbagliato. Invece i fatti stanno smentendo i pregiudizi. Basta scorrere l'elenco dei latitanti catturati negli ultimi due anni per accorgersi che il ministro Maroni la mafìalacombatte.Nell'ultima settimana, inprovincia di Reggio Calabria, ha dato dimostrazione di difendere gli interessi del paese. È stato arrestato il boss Tegano, sgominata la cosca Pesce di Rosarno e debellato il caporalato nella stessa cittadina della Piana di Gioia Tauro che solo a inizio anno era stata protagonista di una rivolta contro gli immigrati. Bravo ministro Maroni. Almeno fino a oggi.

Thursday, April 29

SEGRETI DELLO IOR

ior chiesa-CURZIO MALTESE                                                            

Belgrade and Pristina at the same table

Foreign ministers of Serbia and Kosovo shall sit at the same table at the regional conference over the future of the West Balkans in Sarajevo organized by Spain, the country presently chairing the EU.

There shall be no state symbols but personal names only. The final positive reply by both Belgrade and Pristina yesterday managed to secure Italian Foreign Minister Franco Frattini after talks with officials of Serbia and Kosovo.

The model that shall be used is known as GIMNIK.

The reached agreement is actually finalization of diplomatic action by the Spanish and Turkish foreign ministers who agreed the GIMNIK model at the meeting with their Serbian counterpart Vuk Jeremic last week. In the meantime the agreement has been approved by Brussels, too. T. Spaić |

Senza vergogna

Fabio Amendolara segue per il Quotidiano della Basilicata la vicenda di Elisa Claps, la ragazza scomparsa nel 1993 all’età di 16 anni, a Potenza, di cui il cui corpo è stato ritrovato il mese scorso nel sottotetto della chiesa potentina della Santissima Trinità. Con lui, che sta vivendo direttamente la vicenda, abbiamo voluto scambiare qualche idea su tutta la vicenda.
Amendolara, innanzitutto ci aiuti ad inquadrare l’ambiente. In una corrispondenza da Potenza, Alberto Statera scriveva su Repubblica del 14 aprile 2007: “In questo ex borgo montanaro, voluto capoluogo regionale da Giuseppe Bonaparte nel 1806, che vide tra i suoi cittadini Giustino Fortunato, vagheggiatore della nascita di una moderna borghesia imprenditoriale nel Mezzogiorno, in questa capitalina di 69 mila abitanti, tra monti bellissimi, ma di una bruttezza palazzinara che fa male all’anima, c’è un tasso di omicidi irrisolti che dev’essere proporzionalmente il più cospicuo d’Italia. Non tanto gli omicidi di camorra, di mafia, di ’ndrangheta, che pure qui arrivano ma che altrove non si contano neanche più. Ma casi in cui s’ intrecciano potere, politica, massonerie, magistratura, corruzioni, abusi, sesso e droga”.E’ davvero questa la Potenza dove è maturato il delitto della Claps?
Potenza, con i suoi 60 mila abitanti, è il capoluogo di una regione che ne ha meno di 600 mila. E’ a Potenza che ci sono le sedi delle maggiori istituzioni e amministrazioni della Basilicata. E’ una città burocratica in cui, a causa dei piccoli numeri, si intrecciano inevitabilmente rapporti tra esponenti dei poteri governativi, amministrativi e politici.
L’unico indagato per la morte della ragazza, almeno per ora, è Danilo Restivo, lo stesso condannato qualche tempo fa semplicemente per falsa testimonianza…
Fu il massimo che il pm di allora, la dottoressa Felicia Genevose, riuscì a ottenere a carico dell’indagato. Con gli elementi che avevano a disposizione il pm riuscì a dimostrare solo le false dichiarazioni che gli valsero una condanna a due anni e otto mesi di reclusione. Poi l’inchiesta passò alla Procura di Salerno. C’è però chi sostiene che Danilo Restivo, in quanto sospettato della scomparsa di Elisa Claps, non era in quel momento imputabile del reato di false dichiarazioni rese al pubblico ministero. E’ purtroppo un caso che, su tutti i punti, continua a dividere la città. E, per tutte le ipotesi, non c’è una verità assoluta.
Noi abbiamo nutrito qualche tempo fa, più di un dubbio che Restivo abbia agito da solo o, quanto meno, che abbia potuto godere di protezioni a diversi livelli. Chi è davvero Danilo Restivo?
Danilo Restivo, oggi trentottenne, all’epoca della scomparsa di Elisa era un ragazzo “chiacchierato”. In città molti sapevano delle sua strana abitudine di tagliare ciocche di capelli a ignare ragazze e molte sue coetanee lo evitavano perché ritenevano che fosse “strano”. Nel 1993 aveva 21 anni ed era, per come lo ricordano, appunto un ragazzo strano. Dubito che avesse potuto godere di conoscenze forti. Cosa diversa per suo padre, Maurizio, ex direttore della biblioteca nazionale. A oggi, però, non ci sono elementi di peso che possano dimostrare la tesi degli aiuti e delle coperture.
Dobbiamo ammettere di essere di fronte ad un delitto e ad un ritrovamento del cadavere che sono pieni di anomalie: donne delle pulizie che vedono il teschio e ne parlano con il viceparroco, calcinacci e materiale edile che ricoprono il cadavere di Elisa e che vengono poi rimossi non si sa bene da chi, e chi più ne ha più ne metta….
Una cosa sola sembra certa nel ritrovamento del cadavere: tutti coloro che lo hanno visto prima del 17 marzo cercano accuratamente di prendere le distanze dal ritrovamento e negano di aver saputo di quei resti umani prima della scoperta “ufficiale”. Credo che in tantissimi, a Potenza, sarebbero stati felici di mettere fine all’angoscia della famiglia e invece stiamo assistendo ad un’ennesima dimostrazione di omertà. Non che Potenza sia una città omertosa, ma tutti quelli che sono finiti in questa storia, chi per una ragione e chi per un’altra, sembrano avere difficoltà a dire effettivamente come stanno le cose.
Da più parti si sostiene che gli investigatori sono convinti che a Potenza più di una persona sapesse da tempo dove fossero occultati i resti di Elisa Claps: è così?
 E’ probabile. Credo che la rete si possa essere formata in questo modo, ma è la mia personale opinione: una persona vicina all’assassino lo ha coperto, un’altra persona ha coperto chi ha coperto l’assassino e così via. E’ possibile, inoltre, che anche per le presunte coperture sia finita così: il poliziotto che ha sbagliato in buona fede è stato coperto dal collega che, a sua volta, è stato coperto dal collega, e così via.  E’ verosimile che chiunque abbia contribuito a tessere questa tela non fosse a conoscenza di tutti gli altri protagonisti, ognuno a suo modo e a seconda delle proprie conoscenze e competenze.

Secondo Feltri “ le notizie sono notizie”.


A Montecitorio qualcuno ha tradotto in romanesco l’affermazione del direttore de “ Il Giornale”. Ed è venuto fuori: “la guera è guera!”. Adesso, a partire da Silvio Berlusconi, c’è tutto un fiorire di dichiarazione di solidarietà nei confronti di Gianfranco Fini per la l’attacco che “Il Giornale” di Vittorio Feltri ha rivolto al Presidente della Camera. Quello realizzato pubblicando la notizia secondo cui una società di produzioni televisive di proprietà della suocera dell’ex leader di An avrebbe avuto contratti e commesse da parte della Rete Uno della Rai guidata dal finiano Mazza. Si tratta di solidarietà vera o fasulla? Di parole sentite o di lacrime di coccodrillo? Di parlare della “suocera” perché la “nuora” intenda?

US citizen pleads guilty to Al-Qaeda connection to get out of solitary

Fahad Hashmi agreed to accept a deal that involved one count of associating with terrorists to end a stay in solitary confinement that has lasted more than three years.

He has been jailed since his arrest in London in 2006, but some experts believe that over two years' solitary confinement could have impeded his ability to participate in his own defense.

Hashmi’s loyal supporters have been demonstrating for months and say they are planning another demonstration on Monday. The case may be over but supporters say the fight for civil rights, human rights and due process will continue.

“If we don't stand up now, there will come a day when it will not be possible to stand up anymore,” said Chris Hedges, a Pulitzer Prize-winning journalist.

More than just a fight to free Hashmi, supporters say their campaign is about preserving the civil rights, human rights and due process that they accuse the US government of violating in the Hashmi case.

Before his trial even began, Syed Hashmi, known as Fahad, spent more than two years in solitary confinement in a Manhattan prison. Special Administrative Measures were enforced against him by the Bush Administration and carried on by the Obama team. For nearly 1,000 days, Hashmi has spent 23 hours in a dark cell, prohibited from speaking with the press, his reading material limited to edited newspapers more than 30 days old. He was allowed two visitors per month and limited to writing on two sheets of paper per week.

Doctors, scholars and lawyers call the Special Administrative Measures, or SAMS, draconian and torturous. The conditions Hashmi has been subjected to have led some to call his case one of Guantanamo on US soil.

“I think it’s pretty clear that what they’re trying to do here is increase the psychological pressure to the point where he would cave in and just agree to a plea agreement and talk about everyone else he know in his political circles. [They are] using the psychological pressure as a way to gather information, just like what happened in Guantanamo,” said Shayana Kadidal, a lawyer from the Center for Constitutional Rights.

The Pakistani-born US citizen was a vocal critic of US foreign policy and treatment of Muslims after 9/11. After graduating from Brooklyn College, he received his Master’s at London’s Metropolitan University. In 2006, Hashmi became the first US citizen extradited from the UK on terrorism charges, which included four counts of supporting or aiding Al-Qaeda.

The 30-year-old spared himself a life sentence Tuesday by pleading guilty to one count. The deal was brokered after a federal judge ruled that Hashmi’s fate would be decided by an anonymous jury. The Center for Constitutional Rights said that the deal was the final nail in Hashmi’s coffin.

“They’ll all be ferried in through some back entrance probably, and certainly by martials. You can imagine the kind of fear that might create in the jurors in the beginning of each day. And then they also won’t be allowed to leave. They’ll be kept together, surrounded by martials,” explained Kadidal.

Hashmi’s family accuses the US government of violating his basic rights.

“In terms of the government, they have carried on their oppressive policies, have maintained them and defended them in court – which has been utter torture for the past two-and-a-half years in America,” said Fahsil Hashmi, Fahad’s brother. “All under the presumption of innocence.”

“There's never been a single academic study that showed anything but psychological problems emerging in everyone who was isolated for 90 days or longer,” said Shayana Kadidal. “And here this man has been in solitary confinement for well over two years waiting for trial – there's hardly any way that sort of thing can't produce serious psychological consequences and interfere with his ability to participate in his own defense.”

Hashmi faces up to 15 years in federal prison, but at least he will be free from isolation. Scheduling is sentenced for June 7.

A suspected terrorist linked to last month's Moscow Metro bombings has been gunned down in the Southern Russian Republic of Dagestan.

        He is thought to have accompanied one of the female suicide bombers to the Metro.

Traffic police tried to stop a Russian-made vehicle on a federal highway outside the Dagestani capital of Makhachkala, but a passenger opened fire from the car, injuring three law enforcement officials. Police returned fire and killed the two in the vehicle.

One of them was Akhmet Rabadanov. He was identified from images taken on the underground system's CCTV cameras and has been wanted ever since. He is believed to be a member of an Al-Qaeda-linked militant group.

He had been renting an apartment in Moscow’s downtown area, close to the Park Kultury Metro station – one of the two stations that were bombed on March 29 – according to investigative information. Right after the bombings he fled the capital and returned to Dagestan.

The Moscow Metro explosions killed 40 commuters and injured more than 120. The two blasts were carried out by two female suicide bombers, both of which have been identified.

La carabina garibaldina. La roncola bergamasca.

E' aumentata la mia curiosità per la trasmissione "L'infedele" e per Gad Lemer. Lo conosco, è uno dei pochi giornalisti televisivi definibili "intellettuali", so grosso modo qua! è la sua storia e quindi lo trovo molto interessante per capire che cosa succede nelle più prensili menti della sinistra. Nella trasmissione del 26 aprile Lemer ha di nuovo preso di mira  il leghista di turno cercando in tutti i modi di metterlo con le spalle al muro e usando contro la Lega niente di meno che Garibaldi, poi anche Mazzini, poi tutto il Risorgimento. Purtroppo si è parlato poco del federalismo di Carlo Cattaneo, un tempo prediletto dagli intellettuali di sinistra. Lerner ha esibito ripetutamente un volantino leghista dell'anno scorso in cui si diceva (non ricordo le parole esatte) che Garibaldi era una specie di bandito e che i suoi monumenti sparsi in tutta la penisola andavano demoliti. Beh, allora? cari leghisti, come la mettiamo? siete arrivati a questo punto? parlate male di Garibaldi' Un rappresentante del Partito democratico, intanto, illustrava i progressi sociali e l'aumentato benessere che caratterizza oggi l'Italia unita rispetto all'Italia disunita e asservita allo straniero prima del 1861. Già, rispetto a un secolo e mezzo fa c'è più benessere... Merito del Risorgimento? C'erano in studio anche due storici, che con maggiore o minore chiarezza hanno cercato di immettere nella discussione-scontro (Garibaldi contro Lega, unità italiana contro egoismi regionali, cultura contro rozzezV za) qualche elemento in più, qualche motivo di dubbio (anche su Garibaldi) .e spunto di riflessione (sulla distorta e incompiuta unità). Ma era evih, dente che il compito che il conduttore si era assegnato era di snidare la Lega, mostrarne l'indecenza e così convincere il pubblico che votarla è un errore grave da _ . non commettere più. Un siciliano del Pdl ha detto qualcosa che qualunque studente poteva dire e che tradurrei così: per favore, distinguiamo meglio tra valutazioni generali sulla storia d'Italia (Risorgimento, Grande Guerra, Fascismo, Resistenza, presenza della Chiesa, boom economico) e conflitti politici attuali. Nel frattempo pensavo che Garibaldi non è stato mai esattamente parte del patrimonio della sinistra a dominante marxista, che ha sempre respinto il culto degli eroi risorgimentali, il culto della Nazione, della . Patria e del Tricolore. Fu Craxi semmai a riscoprire e rivalutare Garibaldi, ma non sta bene ricordare Craxi. Venivano in mente altre cose: che il famoso garibaldino Nino Bixio represse con fucilazioni e arresti di massa la rivolta contadina di Brente, che Carlo Levi nel suo libro più famoso mostrò che i poveri del Sud si sentivano più vicini all'America in cui emigrare che non a Roma. "Noi non amiamo la patria", scrisse Geno Pampaloni ricordando le sue esperienze dal 1943 al '45. In effetti è stata la Lega che minacciando secessioni (improbabili) e inventando una patria diversa e ridotta, sociologica e non politica (la Padania), ha spinto la sinistra a diventare antiterritoriale, antidialettale e patriottica. Pochi anni fa, con Galli della Loggia, feci per Radio3 un programma sulla nascita del- diofonici di sinistra che avevamo intorno ci guardavano con una certa sufficienza, come due patrioti anacronistici che si appassionavano a un passato ammuffito, sospettabili di nostalgie immotivate e di tradimenti morali verso il popolo reale ignorato dal Risorgimento e oppresso dallo Stato unitario. Una volta la sinistra era populista e operaista (populista aggiornata). Ora populista è ta destra: guida quella "razza pagana" senza valori ne ideali o ideologie che detesta lo Stato, non crede nella patria e diffida come sempre di chi amministra la giustizia. Il groviglio politico italiano è diventato inestricabile e rende ancora più irreali i dibattiti televisivi. 


Ho trovato sconcertante, nella mia ingenuità politica, il modo in cui osservatori, commentatori e parlamentari hanno interpretato il recente conflitto nel Pdl tra Fini e Berlusconi. Quasi tutti, sia all'interno della destra che sulla sponda opposta, hanno gridato alla catastrofe e al crollo, hanno parlato di spaccatura irreparabile, fine di un partito appena creato, elezioni anticipate, paralisi dell'azione politica nel centrodestra, spettacolo indecente, provocazione intollerabile da parte di Fini, o sua decisione di prendere politicamente un'altra strada. Dopo qualche giorno mi sembra che le valutazioni siano più equilibrate. Berlusconi è già diverso. Ha metabolizzato. Non si fa travolgere certo dai malumori. Fa lo statista. E soprattutto, molto lentamente, giornalisti e politici tendono a riassumere in modo diverso il senso della vicenda attenendosi alle formule usate da Fini: nessuna rottura, il partito lo abbiamo fondato insieme, è il nostro partito, ma proprio per questo vogliamo che sia davvero un partito: va bene la leadership carismatica che tiene uniti e fa vincere le elezioni, ma la politica non può essere solo questo, è necessario e utile il dissenso intemo e biso gna trovare le forme giuste perché possa manifestarsi: questo servirà a chiarire i progetti di riforme di cui si parla, a partire dal federalismo che non può restare monopolio della Lega. I miei amici giornalisti diranno che la mia è fantapolitica, ma credo che tutto sommato Fini e Berlusconi, nel loro complesso legame, non sempre facile da gestire, alla fine siano più intelligenti di quanto credono i loro seguaci o avversari. Credo che proprio in un momento di vittoria elettorale fosse il caso, con un colpo violento e magari anche equivoco (siamo in politica! nessuno è puro), di aprire la discussione, ricca di futuro si spera, su quella democrazia interna a cui il Pdl non è molto abituato. Ma il Pdl non è più Forza Italia. E Fini, non più capo di Alleanza nazionale ma cofondatore di un partito nuovo, cerca di dare spicco alla propria identità. Che altro potrebbe dare a Berlusconi un leader di destra storica come Fini, se non il richiamo all'autorità dello Stato e alla legalità? Che altro se non il senso dell'unità nazionale, ricordando che il Sud esiste, proprio nel momento in cui la Lega, "partito territoriale" per autodefinizione, prende possesso del Nord? Provocare Berlusconi su questo e altro ha voluto dire, da parte di Fini, anche provocare la Lega a non sentirsi illimitatamente vittoriosa. Per non parlare del fatto che l'attrito tra Berlusconi e Fini tende, se non a esautorare, a togliere smalto all'opposizione estema del Partito democratico e di Di Pietro. Non l'avranno fatto a posta, ma certo lo scontro ha rianimato, rafforzato, reso più interessante il centrodestra. A detta di quasi tutti, Maroni, nella lotta alle mafie, è un ottimo ministro degli Interni. Non lavora, così, a migliorare il Sud? Non lo aiuta a liberarsi dai mostri? Credo che aprile non sia stato un cattivo mese per la politica italiana. Forse perfino un mese che rischia di diventare degno di memoria.

Jihadists in Iraq: Down For The Count?

By Scott Stewart

The Islamic State of Iraq (ISI) posted a statement on the Internet confirming that two of its top leaders, Abu Omar al-Baghdadi and Abu Ayub al-Masri, had been killed April 18 in a joint U.S.-Iraqi operation in Salahuddin province. Al-Baghdadi (an Iraqi also known as Hamid Dawud Muhammad Khalil al-Zawi), was the head of the ISI, an al Qaeda-led jihadist alliance in Iraq, and went by the title “Leader of the Faithful.” Al-Masri (an Egyptian national also known as Abu Hamzah al-Muhajir), was the military leader of the ISI and head of the group’s military wing, al Qaeda in Iraq (AQI).
Al-Masri replaced Abu Musab al-Zarqawi, who was killed in a U.S. airstrike in June 2006. Al-Zarqawi had alienated many Iraqi Sunnis with his ruthlessness, and al-Baghdadi is thought to have been appointed the emir of the ISI in an effort to put an Iraqi face on jihadist efforts in Iraq and to help ease the alienation between the foreign jihadists and the local Sunni population. Al-Masri, the leader of al Qaeda in Iraq and the military leader of the ISI, was considered the real operational leader of ISI/AQI efforts in Iraq.
STRATFOR viewed the initial announcement by Iraqi authorities of the deaths of the two leaders with a healthy degree of skepticism. After all, they had been declared dead before, only to later release statements on the Internet mocking the Iraqi government for making false claims. But the details provided in the April 19 press conference by Iraqi Prime Minister Nouri al-Maliki (complete with photos of the deceased) and the confirmation by the U.S. military helped allay those initial doubts. The recent admission by the ISI, which made a similar statement following the death of al-Zarqawi, has all but erased our doubts about the deaths.
But the ISI’s statement has raised some other questions. It claimed that the deaths of the two leaders would not affect the group’s operations in Iraq because new members had recently joined it. But when viewed in the context of other recent developments in Iraq, it appears that the operational capability of the ISI will indeed be affected — at least in the near future.

The operation that resulted in the deaths of al-Baghdadi and al-Masri did not occur in a vacuum. Rather, it was a part of a series of operations targeting the ISI in recent months. The raids have come as a result of a renewed effort to counter the ISI following a resurgence in the group’s operations that included high-profile multiple-vehicle bombings directed against targets in central Baghdad on Aug. 19, 2009, Oct. 25, 2009, Dec. 8, 2009, and Jan. 25, 2010.
The raids that resulted in the deaths of the ISI leaders on April 18 were part of a chain of events that stretches back for months, and appear to be the result of the effective exploitation of intelligence gained in one raid used to conduct the next. For example, Iraqi Maj. Gen. Qasim Ata, the spokesman for the Baghdad Operations Command, told Al-Iraqiya TV on April 20 that the intelligence that led to the location of al-Baghdadi and al-Masri was obtained during the March 11, 2010, arrest of Manaf Abdul Raheem al-Rawi, the AQI commander in Baghdad. Iraqi government sources claim al-Rawi is the man responsible for planning the multiple-vehicle bombings in Baghdad. If so, he is another effective operational leader who has been taken out of the ISI/AQI gene pool.
Then, following the April 18 raid, Ahmad al-Ubaydi — aka Abu-Suhaib, whom Iraqi officials identify as the AQI military commander for the northern Iraqi provinces of Ninevah, Salahuddin and Kirkuk provinces — was killed April 20. The next day, Iraqi authorities located an improvised explosive device (IED) factory in western Anbar province and seized two vehicle bombs and some smaller IEDs. On April 22, the U.S. Army announced the arrest of a bombmaker in Anbar province. On April 23, Iraqi police arrested another AQI military leader in Anbar, Mahmoud Suleiman, who was reportedly found with several IEDs in his home. Also on April 23, an Iraqi police SWAT team reportedly killed two AQI leaders during a raid in eastern Mosul. They claimed that one of the AQI leaders, Yousef Mohammad Ali, was also a bombmaker. In recent days, dozens of other alleged AQI members have either surrendered or been arrested in Diyala, Mosul, Salahuddin and Basra.
There have even been unconfirmed reports that Izzat al-Douri was captured April 25. Al-Douri, the “king of clubs” in the U.S. military’s 2003 deck of most-wanted Iraqis and who has a $10 million bounty on his head, was a vice president of Iraq under Saddam Hussein and an important insurgent leader.
In late March, progress was also made against AQI in Mosul. Several suspects were arrested or killed, and among the latter were major AQI figures Khalid Muhammad Hasan Shallub al-Juburi, Abu Ahmad al-Afri and Bashar Khalaf Husayn Ali al-Jaburi.
This type of rapid, sequential activity against jihadists by U.S. and Iraqi forces is not a coincidence. It is the result of some significant operational changes that were made in 2007 in the wake of the American surge in Iraq. The then-commander of the Joint Special Operations Command (JSOC), Gen. Stanley McChrystal, was instrumental in flattening hierarchies and reducing bureaucratic inefficiencies in both intelligence and special operations forces activities inside Iraq in order to create a highly integrated and streamlined organization. The result was the capability to rapidly plan and execute special operations forces raids based on actionable intelligence with a limited shelf life — and then to rapidly interrogate any captives, quickly analyze any material of intelligence value seized and rapidly re-task forces in a series of follow-on operations. The resulting high tempo of operations was considered enormously successful and a key factor in the success of the surge, and recent developments in Iraq appear to be a continuation of this type of rapid and aggressive activity.
Such operations not only can produce rapid gains in terms of capturing and killing key targets, they also serve to disrupt and disorient the enemy. According to Iraqi Maj. Gen. Qasim Ata, AQI is currently in disarray and panic, and he believes that the organization is also facing money problems, since it reportedly has been in contact with al Qaeda prime in an attempt to secure financial assistance. This stands in stark contrast to the 2005 letter in which al Qaeda No. 2 Ayman al-Zawahiri asked AQI leader al-Zarqawi for funding. At that time there was a large flow of men and money into Iraq, but it now appears that AQI is facing some financial difficulties. Following the recent raids in which senior operational commanders and bombmakers have been captured or killed, it also appears that the group may also be facing some leadership and operational-expertise difficulties.

Leadership

As STRATFOR has previously noted, leadership is a critical factor in the operational success of a militant group. Without skilled leadership, militant groups lose their ability to conduct effective attacks, particularly ones of a sophisticated nature. Leadership, skill and professionalism are the factors that make the difference between a militant group wanting to attack something — i.e., its intent — and the group’s ability to successfully carry out its intended attack — i.e., its capability. The bottom line is that new recruits simply cannot replace seasoned operational commanders, as the ISI suggested in its statement.
Although it might seem like a simple task to find a leader for a militant group, effective militant leaders are hard to come by. Unlike most modern militaries, militant groups rarely invest much time and energy in leadership development training. To compound the problem, the leader of a militant group needs to develop a skill set that is quite a bit broader than most military leaders. In addition to personal attributes such as ruthlessness, aggressiveness and fearlessness, militant leaders also must be charismatic, intuitive, clever and inspiring. This last attribute is especially important in an organization that seeks to recruit operatives to conduct suicide attacks. Additionally, an effective militant leader must be able to recruit and train operatives, enforce operational security, raise funds, plan operations and then methodically execute a plan while avoiding the security forces constantly hunting the militants down.
Of course, not every leadership change is disastrous to a militant group. Sometimes a new leader breathes new life and energy into an organization (like Nasir al-Wahayshi in Yemen), or the group has competent lieutenants able to continue to operate effectively after the death of the leader (like AQI after the death of al-Zarqawi). But the current environment in Iraq, where numerous individuals have been rapidly and sequentially killed or captured, makes this sort of orderly leadership replacement more difficult.
Therefore, it will be important to watch the ISI carefully to see who is appointed as the group’s new emir and military commander. (In practical terms, the emir may be easier to replace than the military commander, especially if the former is just a figurehead and not a true operational commander.) The group may have had a clear chain of command and competent, designated successors who have survived the recent operations. But if not, the leadership vacuum at the top could result in infighting over control, or result in an ineffective leader assuming control. The jury is still out, but with the recent successes against the ISI, there is a very good chance that it may take some time for the group to regain its footing. This, of course, is the objective of the up-tempo operations recently seen in Iraq. Effective counterterrorism programs seek to keep the militants (and especially their leaders) off balance by killing or capturing them while also rolling up the lower levels of the group. Militants scrambling for their lives seldom have the opportunity to plan effective attacks, and sustained pressure makes it difficult for them to regain the offensive.
Like operational leaders, competent bombmakers are not easy to replace. They also need to possess a broad set of skills and require a great deal of training and practical experience to hone their skills. A master bombmaker is a rare and precious commodity in the militant world. Therefore, the bombmakers recently arrested in Iraq could prove to be almost as big a loss to AQI as the operational leaders.
When we discussed the resurgence of the ISI/AQI back in October, we noted that at that time they had retained a great deal of their capability and that they were able to gather intelligence, plan attacks, acquire ordnance, build reliable IEDs and execute spectacular attacks in the center of Baghdad against government ministry buildings. We also discussed how the polarization surrounding the election in Iraq was providing them an opportunity to exploit. That polarization has continued in the wake of the elections as the factions jockey for position in the new government, but the extent of the damage done to the jihadists through the loss of so many commanders and operatives may not allow the successors of al-Masri and al-Baghdadi to take advantage of the situation before their window of opportunity closes.
We will be watching the jihadists in Iraq carefully in the coming months to see if they can regroup and retain their operational capability. The big question is: Will the recent operations against the ISI/AQI merely serve as another temporary setback like the killing of al-Zarqawi, or do they portend something more long-term for the future of the organization? The ISI/AQI has proved to be resilient and resourceful in the past, but we are not sure they have the ability to bounce back this time.

"This report is republished with permission of STRATFOR"

Frattini non sa nemmeno dov'è l'accento sul Kòsovo. Figuriamoci il resto.

L’Albania è entrata dall’anno scorso nella Nato. Alla Bosnia verrà concessa la Map, la procedura per diventare membro dell’Alleanza. Adesione alla Nato e all’Ue sono sempre stati percorsi paralleli: prima si entra nell’alleanza militare, poi si aderisce all’unione economica e politica. Così, almeno, è successo per tutti i nuovi membri, dal 1999 ad oggi, senza eccezione. Ora tocca ai Balcani? La riconciliazione sul passato recente è a buon punto. La Serbia ha formulato le sue scuse ufficiali alla Bosnia per la strage-simbolo di Srebrenica del 1995. La Croazia ha fatto altrettanto per il massacro di Ahmici, dove furono uccisi un centinaio di civili bosniaci musulmani. Accelerare le procedure per la liberalizzazione dei visti per viaggi da e verso l’Unione Europea per i cittadini di Albania e Bosnia-Erzegovina. E’ l’invito rivolto dai ministri degli Esteri di Italia e Slovenia – Franco Frattini e Samuel Zbogar – alla presidenza semestrale spagnola in una lettera il cui contenuto è stato rivelato dalla stampa albanese. Il problema resta però la Bosnia Erzegovina, divisa in due entità statuali fondate sull’identità etnica. E, secondo un reportage di Radio Free Europe, entità sempre più chiuse in loro stesse.

Wednesday, April 28

Serbia candidate for EU membership until middle of 2011

Italian diplomacy is making utmost efforts that unblocking of the SAA between Serbia and the EU takes place as soon as possible. The same is with our efforts for the soonest possible beginning of technical evaluation of Serbian application for joining the EU. Italy completely supports acceleration of the process of giving of the candidate status to Serbia and hopes that it is possible for that goal to be achieved until the middle of 2011’, Franco Frattini, Italian Foreign Minister who arrive in Belgrade today, says in his interview with the ‘Blic’.

Franco Frattini, Italian Foreign Minister:

His visit represents the most important visit by an Italian official to Serbia before visit by the Prime Minister Silvio Berlusconi who is expected to come to Belgrade soon.

Q: What is expected of the conference in Sarajevo on June 2? Has Italy discussed with the partners the model for participation of Kosovo that would be acceptable for both Belgrade and Pristina?
‘The conference in Sarajevo is a central opportunity for firm confirmation that the future of the West Balkans is in the EU and renewal of progress of all countries of the region on the path to the EU based on obligations undertaken at the session of the Council of Europe in Thessaloniki in 2003. The meeting in Sarajevo is an opportunity that the whole region demonstrates political maturity in its choice of Europe, stability and peace. As regards the content and details of the conference, the Spanish Presidency of the EU is carrying out intensive preparations in which Italy took part from the beginning in order to help that this conference is successful for all’.


Q: Is Brussels trying to solve problems of the West Balkans before acceleration of the process of European integration of the whole region? The first step is in Bosnia/Herzegovina, isn’t it?
‘There are still some open issues in the West Balkans and we are aware of that but we think those issues should not impede development of the European perspective of the region. At this moment the situation in Bosnia/Herzegovina certainly seems the most problematic and in view of that the conference in Sarajevo can give useful contribution to finding a way out’.

Q: The first Italy-Serbia summit held in Rome in November last year marked beginning of partnership between the two countries. Which ideas from it have been realized until so far?
‘The summit in Rome was a historical moment in relations between Italy and Serbia crowned by a declaration on strategic partnership signed by the prime ministers of our countries. This is a long-term obligation of development in all fields which in European future of Serbia are seen as mutual perspective of the both countries. In the first months after signing of the declaration cooperation between Italy and Serbia continued to develop dynamically in the first place in the field of security, fight against organized crime, economy, science and technology as well as in political-diplomatic dialog’.

Italy and Russia have agreed to join forces to develop an experimental thermo-nuclear reactor.


LA BOMBA SPORCA

Caro Adriaticus, leggiti quest'articolo del CORSERA

Un nuovo organo mediatico, denominato Al-Andalus (l’Andalusia)

Forti tensioni hanno condizionato, secondo molti, anche le relazioni tra Rabat e Tripoli, poiché la Libia ha riconosciuto il citato Fronte Polisario, in occasione delle cerimonie per il quarantennale della rivoluzione libica. Il tutto complicato dall’interesse di Tripoli e di Algeri ad esercitare un ruolo di rilievo nelle dinamiche politiche e di sicurezza che interessano la Regione del Sahel ed in particolare il Mali ed il Niger, entrambi esposti all’azione disgregante dell’irredentismo dei Tuareg e dell’estremismo islamico. Qualche rassicurazione proviene dall’orientamento che sembra sarà mantenuto dai governi dell’area nordafricana, che attuano politiche sostanzialmente omogenee in termini di sicurezza dei singoli Paesi. E’ chiaro che Al Qeada è pronta a sfruttare qualsiasi crepa e l’ambizione di Aqmi di darsi respiro transnazionale si rintraccia anche sul piano mediatico. E’ del 7 ottobre scorso un comunicato, apparso su vari forum jihadisti, ove si annuncia la costituzione di un nuovo organo mediatico, denominato Al-Andalus (l’Andalusia), indicato dalla leadership di Aqmi come l’unica “voce” dell’organizzazione, che rappresenta nel nome, evocante l’occupazione della Spagna da parte dell’lslam, un appello ad estendere la lotta oltre i confini marocchini al fine di recuperare fino all’ultimo pezzo dì terra del“lslam invaso dagli occidentali”.

La recentissima notizia, divulgata dalle locali agenzie di stampa, riguardo allo smantellamento di una rete terroristica in Marocco, con l’arresto, da parte dei servizi di sicurezza marocchini di 24 persone, presunti fiancheggiatori di Al Qaeda, fa tornare prepotentemente agli onori della cronaca e all’attenzione degli analisti internazionali il problema del fenomeno terroristico di matrice islamica nel Nordovest del continente africano. L’azione della frangia di Al Qaeda nella zona, e cioè l’Aqmi (Al Qaeda nel Maghreb Islamico) non sembra essersi affievolita in questi anni e anzi, secondo molti, è in corso un preoccupante tentativo di riposizionamento di militanti e terreno in cui il network terrorista tenta di guadagnare all’opzione internazionalista le varie espressioni islamiste locali. Negli ultimi tempi, mentre la regione nordafricana ha evidenziato una sostanziale stabilità del quadro istituzionale dei singoli Paesi, sul piano socio-economico si assiste ad un incremento del malcontento popolare, cui si sono associati segnali di una crescente radicalizzazione religiosa e focolai di tensione alimentati da ambienti dell’estremismo islamico. Tali sviluppi, unitamente alle loro correlate ripercussioni in termini di sicurezza interna e ordine pubblico, hanno interessato in primo luogo l’Algeria, ma anche il Marocco, la Tunisia e, in misura minore, la Libia. Contemporaneamente, riguardo agli equilibri politico-strategici regionali, i sempre difficili e delicati rapporti tra Marocco e Algeria appaiono estremamente complicati in relazione alle immutate distanze tra i due Paesi circa le aspirazioni indipendentiste del Fronte Polisario (espressione della popolazione Saharawi, nel sud del Marocco), contrastate da Rabat e sostenute da Algeri.

La magistratura per il Capo dello Stato italiano, dovrebbe fare autocritica.

E Napolitano ieri, nonostante l’occasione di tipo celebrativo anche se non conviviale, ha sottolineato anche di parlare nel duplice ruolo di presidente della Repubblica e di presidente del Csm, evidenziando alcuni problemi che “in materia di giustizia continuano a creare apprensione”. Innanzitutto, afferma il Capo dello Stato, “come ho già rappresentato al Csm lo scorso 9 giugno, il problema della crisi di fiducia insorta nel Paese sia per il funzionamento insoddisfacente dell’amministrazione della giustizia sia per l’incrinarsi dell’immagine e del prestigio della magistratura”. Poi, tanto per non fare nomi e magari anche cognomi, indirizzi e numeri di telefono, Napolitano ha menzionato un documento del Csm, di cui si è parlato molto in questi giorni, specie dopo le polemiche che hanno accompagnato il dibattito delle scorse elezioni regionali: quello della sesta commissione del Csm, che dovrà essere esaminato dal plenum, e che chiede che non ci siano “mai più magistrati che fanno contemporaneamente gli assessori, i sindaci, i consiglieri o i presidenti di province e regioni”. E anche che “non ci siano candidature negli stessi territori in cui si sono esercitate sino al giorno prima le funzioni di giudice o pm”.  In pratica, basta con casi come quello di Lorenzo Nicastro, il pm di Bari che è stato eletto consigliere regionale in Puglia nello stesso territorio in cui ha condotto le sue inchieste sul ministro Fitto, o come quello di due assessori della giunta regionale siciliana, Massimo Russo e Caterina Chinnici, che stanno facendo questa esperienza nello stesso territorio palermitano in cui hanno operato come magistrati. Dovrebbe essere una constatazione di buon senso. Se non altro, per evitare quegli non altrimenti ovviabili “conflitti di interessi” che in Italia, come è noto, non si perdonano mai a una sola e a una sola persona. E non si vince tanto se si indovina chi.


Meno protagonismo e meno iper sensibilità ai mass media. La magistratura per il Capo dello Stato italiano, dovrebbe fare autocritica. E il fatto che abbia scelto il ricevimento quirinalizio per i neo uditori giudiziari che, appena passato l’esame, si accingono a divenire giudici e pm, esalta il monito perché dà anche l’idea che il Presidente della Repubblica si rivolga ai magistrati in erba per prevenire le storture e le tentazioni dell’età adulta. Come a dire: educarli al senso dello stato e dell’auto contenimento dell’io smisurato dei componenti della casta, almeno “finché son piccoli”. Per chi adesso vorrà piegare il discorso di Napolitano per tirare acqua al proprio mulino, basta citare le affermazioni letterarie proferite ieri: “Fate attenzione a non cedere a esposizioni mediatiche o a sentirvi investiti, come ho detto più volte in questi anni, di missioni improprie e esorbitanti oppure ancora a indulgere ad atteggiamenti impropriamente protagonistici e personalistici che possono offuscare e mettere in discussione l’imparzialità dei singoli magistrati, dell’ufficio giudiziario cui appartengono, della magistratura in generale”. E parlando a nuora, cioè ai piccoli pm e giudici che cresceranno, Napolitano inevitabilmente spera che anche le “suocere” (ossia l’Anm e il Csm) intendano. Anche qui le parole sono chiarissime, non interpretabili “ad usum delphini”: “occorre adoperarsi per recuperare l’apprezzamento e il sostegno dei cittadini. E a tal fine la magistratura non può sottrarsi ad una seria riflessione critica su se stessa, ma deve proporsi le necessarie autocorrezioni, rifuggendo da visioni autoreferenziali”.

Monday, April 26

I rapporti fra i due ex alleati di ferro

 “Intendiamo seriamente lavorare con l’amministrazione Obama per far avanzare il processo di pace. Un incontro formale. Poi ancora gelo. I rapporti fra i due ex alleati di ferro, Israele e Usa, non sembrano sbloccarsi, nemmeno dopo l’ultima visita dell’inviato speciale di Obama, George Mitchell, arrivato ieri a Gerusalemme per colloqui con il premier Benjamin Netanyahu.Speriamo che i palestinesi rispondano” - ha detto il premier. Il cui ufficio stampa definisce “positivo” il colloquio con Mitchell. Ma il risultato che si doveva ottenere, l’annuncio di nuovi negoziati con l’Autorità Palestinese (Anp), non è stato raggiunto. La visita di Mitchell è stata anticipata dal no di Netanyahu al congelamento delle costruzioni a Gerusalemme est, in contrasto con le richieste di Obama. A sostenere lo sforzo dell’inviato Usa è stato invece il ministro della Difesa Ehud Barak, che ha suonato l’allarme a proposito del deterioramento delle relazioni con l’alleato americano e ha auspicato una modifica delle posizioni israeliane a proposito del negoziato con la controparte palestinese. In compenso, l’incertezza regna sovrana nel campo palestinese. Già il presidente Abu Mazen non controlla che una parte dei Palestina: Gaza è saldamente nelle mani di Hamas. E, come se non bastasse, il capo dell’Anp (malato e impopolare) è pronto a lasciare. La successione è ancora tutta da giocare.

UN AMORE DIPLOMATICO

E' lunga la carrellata dei te'te-a'-te'te tra i due leader. Nel febbraio 2003, dopo un colloquio a Mosca, Berlusconi e Putin consumano un 'aperitivo' al gelo (23 gradi sotto zero) tra i pini e le betulle della foresta di Zavidovo, tenuta di caccia presidenziale che tanto piaceva a Krusciov e a Breznev quando andavano li' a sparare a cervi e cinghiali: 125 mila ettari alla congiunzione tra il fiume Shosha e il Volga, super protetti fin dai tempi dello zar. L'idea di organizzare l'incontro fuori la capitale russa è venuta a Putin che già aveva portato qui Tony Blair.

Dura ormai da più di dieci anni il rapporto tra Silvio Berlusconi e l' 'amico Vladimir'. Tra nuotate nel mare della Sardegna e bevute di vodka con caviale a Mosca e San Pietroburgo (quella più famosa li vede coperti da pellicce e colbacchi nella dacia di Soci), fino alle gite in idrovolante (come nell'ultimo incontro sul lago Valdai). In ogni occasione ufficiale, il Cavaliere cita il suo feeling particolare con lo 'zar'. Nel gennaio scorso, qualche settimana dopo l'aggressione subita in piazza Duomo a Milano, fece la sua prima uscita pubblica in un centro commerciale e poi in Provenza indossando il giubbotto da navigazione della Marina russa, omaggio dell'inquilino del Cremlino.

Pochi mesi dopo, dal 29 al 31 agosto, si vedono in Costa Smeralda, nel buen retiro sardo dell'allora leader di Fi. Putin viene scarrozzato su vetturette elettriche da golf ad ammirare le sette meraviglie di Villa Certosa, dal teatro greco ai mille cactus trapiantati. Putin porta con se' i 'gioielli' della flotta russa nel Mar Nero: un incrociatore lanciamissili, un cacciatorpediniere e una nave appoggio.

I due leader faranno avanti e indietro fra l'isola della Maddalena e Portorotondo: in 'visita di cortesia' alla Marina militare italiana, fa sapere il Cremlino, ma più probabilmente in missione di presidio e sicurezza. Le navi precederanno di qualche giorno l'arrivo dell'ospite russo e rimarranno in rada fra le isole della Maddalena e di Santo Stefano, davanti all' arsenale della Marina. A fine agosto del 2005 tutti a Soci. Berlusconi e con la consorte Veronica Lario atterrano direttamente dalla Sardegna sulla costa russa del Mar Nero.

In tenuta da viaggio il premier: tuta blu e golf. In tailleur pantalone blu la moglie. Trovano all'aeroporto il sindaco di Soci che accoglie la first lady con un mazzo di rose. Poi il corteo parte alla volta della dacia di Bociarov Rucei, ai margini della città, dove ad attenderli ci sono Vladimir e Ludmilla Putin. A metà aprile 2008 tornano a vedersi in Sardegna. Berlusconi riceve Putin nella sua residenza estiva a Porto Rotondo (l'allora presidente russo è il primo ospite internazionale a salutare il Cavaliere appena rieletto).

Le domande della stampa si susseguono rapidamente finché una giornalista russa si rivolge al capo del Cremlino chiedendo i risvolti del presunto flirt con l'ex ginnasta Alina Kabaeva. Il leader russo smentisce seccamente le voci di una sua relazione con la giovane deputata: "Non c'è una parola di verità". Prima che rispondesse il premier sorride, mima con le mani un mitra e lo indirizza verso la cronista.

Nell'ottobre 2009 si svolge un 'vertice segreto' a San Pietroburgo. Anche questa volta di due presidenti finiscono in una specie di dacia presidenziale, questa volta sul Golfo di Finlandia. Si tratta di uno degli annessi del palazzo Konstantinovskij di Strelnya, località proprio di fronte alla vecchia capitale russa (è lì che si è tenuto il G8 nel 2006, quando Berlusconi era stato già sostituito da Romano Prodi).

La visita viene definita ''privatissima'' dall'entourage del leader azzurro e subito scoppia la polemica interna, con Francesco Rutelli, presidente Copasir che insorge: ''Episodio incredibile''. Quella che doveva essere un viaggio informale si trasformò poi in un vero e proprio bilaterale, con tanto di colloqui con amministratori locali, dirigenti di azienda, numerosi dossier delicati sul tavolo e persino una teleconferenza con il premier turco Erdogan sul progetto del gasdotto 'South Stream'.

La 'tre giorni' prevede anche una gita nella dacia sulle rive del lago Valdai (costruita nel 1980 a pochi passi dalla residenza presidenziale che fu di Stalin) per festeggiare il compleanno di 'Vladimir'. I due leader tornano a San Pietroburgo alla cloche di un idrovolante Be-200, fiore all'occhiello dell'industria aeronautica russa. Faceva freddo, c'era una bufera di neve e Putin regala al suo ospite un giubbotto con l'aquila simbolo della Marina russa. Aprile 2010, Berlusconi e Putin si ritrovano in Italia, a Milano. Il leader russo viene ricevuto a Villa Gernetto di Lesmo, recente acquisto del premier che intende farne la sede della nuova Università del pensiero liberale. (E' il primo ospite straniero a pernottare, insieme a una ristretta delegazione).

Cyber crime

(ASCA) - Roma, 26 apr - Il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica, nell'ambito dell'approfondimento che sta svolgendo sui rischi per la sicurezza nazionale derivanti dal cyber crime, si riunira' mercoledi' 28 aprile alle ore 14 per l'audizione di rappresentanti delle societa' Telecom, Wind, Vodafone e H3G. Il Comitato, nell'ambito delle ordinarie attivita', procedera' inoltre, nella seduta di giovedi' 29 aprile alle ore 8.30, all'audizione del direttore dell'AISE, generale Adriano Santini.

Sunday, April 25

Steiner - La Filosofia Della Liberta                                                            

UN LIBRO CHE CONSIGLIO PER ONORARE IL 25 APRILE

L'agente Claudio Graziosi ha 21 anni, è già sposato e sta per diventare padre. Sale su un autobus. Non è in servizio. Ma la donna accanto a lui l'ha riconosciuta: e Maria Pia Vianale, esponente di spicco dei Nap, Nuclei armati proletari. E Graziosi è un poliziotto che, se si trova davanti una terrorista, non fa finta di nulla. Ma come arrestarla su un autobus affollato, senza spargere sangue? Graziosi chiede al conducente di cambiare percorso per arrivare a una sede della stradale. Poi affronta la donna: «Sono un agente di polizia, lei è in arresto». La Vianale è sorpresa, ma entra in azione un uomo che è salito con lei: Antonio lo Muscio, un altro nappista. È armato e spara sette colpi alla schiena del poliziotto. Due mesi dopo nascerà Claudio Graziosi, il bambino che non vedrà mai il padre. La madre di Ciro Capobianco, Anna, perderà la parola al capezzale del figlio, che spira dopo due giorni di agonia. Anche il fratello di Ciro, Francesco, era un poliziotto, morto in ospedale per un infarto confuso dai medici con un'indigestione. Anna Capobianco resterà in silenzio per sette anni, sempre con il ritratto di Ciro tra le mani, nell'illusione di non averlo perso: chi la conosce dopo la tragedia pensa che sia sordomuta, le parla a gesti.
Anche l'agente Ciro Capobianco aveva 21 anni. Sulla pantera sedeva dietro, il posto del più giovane, dov'è più facile essere colpiti, dando però il tempo all'autista e al capopattuglia di reagire. Sulla sua strada ci sono quattro terroristi neri: Alibrandi, Sordi, Belsito e Lai. Alessandro Alibrandi, uno dei capi dei Nar, sta mangiando un mandarino. Lo lascia cadere, impugna la P38 e spara. Ciro Capobianco non ha neppure il tempo di capire: una pallottola lo colpisce allo stomaco, un'altra alla testa. In ospedale arriverà quasi dissanguato. Sono centinaia le storie come questa. Poliziotti e carabinieri uccisi a vent'anni dai terroristi, dai mafiosi, dai rapinatori. Ragazzi morti dimenticati. Come dimenticate sono le loro famiglie, persone semplici, spesso di paesi del Sud, condannate a portare da sole un dolore senza risarcimento.
Ora un libro importante di Alessandro Placidi, «Divise forate» in uscita il prossimo 4 maggio da Sperling & Kupfer, racconta la storia di diciotto caduti. Anche loro sono uomini morti per l'Italia e la nostra libertà; anche restituirne la memoria è un modo per onorare il 25 aprile. Francesco Salerno, finanziere, travolto da un treno a Rondissone, sulla statale per Chivasso, mentre inseguiva due spacciatori nordafricani: 4 novembre 2005. (I giardini di corso Trapani, a Torino, portano il suo nome). Euro Tarsiili e Giuseppe Savastano, carabinieri di leva uccisi da un commando di Prima linea in foga dopo una rapina, a un posto di blocco fuori Siena: ai gennaio 1982. (I terroristi, un uomo e una donna, erano su un autobus di linea. Tarsiili e Savastano li individuarono perché continuavano a baciarsi, per nascondere i loro volti. A bordo ce n'era però un terzo, che aprì il fuoco alle spalle). Maurizio Amesa. no, poliziotto, ucciso a diciannove anni sotto il consolato del Libano a Roma dai Nar, che non erano interessati a lui ma al suo mitra: 6 febbraio 1980. (Arnesano aveva appena mandato una sua foto alla famiglia, con un biglietto: «Non vi preoccupate, sono ancora vivo». È la foto che uscirà sui giornali e sarà spedita ai parenti perché lo ricordino. Per la sua morte fu condannato all'ergastolo Giusva Fioravanti. Uno dei suoi sette ergastoli, senza considerare la strage di Bologna. Oggi Fioravanti è un uomo libero).
Roberto Antiochia, poliziotto, siciliano, trasferito a Roma, rinuncia per restare a Palermo con il commissario Ninni Cassarà e cadere al suo fianco: 6 agosto 1985. (Antiochia è il primo a morire: si è gettato su Cassarà per proteggerlo, ma i killer della mafia hanno tutto il tempo di sparare duecento colpi e fuggire indisturbati). Ci sono poi le storie che in teoria molti ricordano, come quelle della scorta di Aldo Moro o dei tré carabinieri uccisi al Pilastro dalla banda della Uno bianca.
Storie che però nascondono dettagli dimenticati o poco raccontati. L'agente Francesco Zizzi era entrato a far parte della scorta Moro da poche ore: il giorno della strage di via Fani era il suo primo giorno di servizio. Invece Domenico Ricci, storico autista del presidente della De, avrebbe dovuto essere di riposo. Antonio Santoro, maresciallo capo della polizia penitenziaria, aveva 52 anni quando fu assassinato dai Proletari armati per il comunismo di Cesare Battisti. Era appena uscito in strada, dopo aver salutato la moglie e i tré figli. Era il comandante delle guardie del carcere di Udine, dove era passato lo stesso Battisti. Un anno prima era stato attaccato dai giornali di estrema sinistra: «Articoli con accuse incredibili di peculato, corruzione, abuso di potere racconta nel libro il figlio, Pino Santoro. Erano anni in cui chi voleva creare un bersaglio trovava facilmente le ragioni perché qualcuno lo mettesse nel mirino», il comandante Santoro denuncia Lotta continua, contando sulla solidarietà dei superiori, che però non verrà. «Per sporgere querela, che è un diritto della persona, mio padre chiese l'autorizzazione. Gli risposero che la querela è un atto di parte. Come a dire: se vuoi querelare, fai pure. Non è il genere di appoggio che uno immagina di trovare. Ma se una guardia carceraria viene accusata ingiustamente, tutta la struttura che rappresenta dovrebbe sentirsi parte lesa. Fatto sta che mio padre fu lasciato solo e assassinato».
Un carabiniere romano Andrea Moneta, anziché partire in treno come gli aveva suggerito il padre, preferì tornare a Bologna in macchina, con la Polo di cui andava fiero perché comprata con i soldi del primo stipendio, un cambiamento di orario gli costò la vita: fu spostato nel turno serale e cadde nell'imboscata del Pilastro assieme a Otello Stefanini e Mauro Mitilini, 65 anni in tré. Il padre di Stefanini non può più partecipare alle commemorazioni del figlio. Si è ammalato di cuore, non esce mai di casa, vive disteso sul letto.
Il brigadiere Giuseppe Ciotta cadde in un agguato a Torino il 12 marzo del 1977. Il giorno prima a Bologna era stato ucciso il militante di Lotta continua Francesco Lenisse. L'omicidio è rivendicato dalle «Brigate combattenti». Ciotta fu scelto perché la sua foto era comparsa sul rotocalco Grand Hotel dietro a Giovanni Agnelli: era un uomo della sua scorta.

Saturday, April 24

La scommessa di Fini

"Berlusconi non deve assecondare lo sbaglio di chiudere lo spazio politico a una minoranza vera dalla quale, in termini di numeri, non avrebbe nulla da temere. Non ha voluto accettare una configurazione realmente plurale nel Pdl, dove pure non mancano potentati su base ideologica e territoriale. Asserragliarsi in una microcorrente di finiani arrabbiati con indosso la vecchia casacca di Alleanza nazionale sarebbe un errore strategico, e Gianfranco Fini è il primo a non voler cacciarsi in una guerriglia parlamentare sterile. Lo dice il consigliere più rappresentativo, nonché direttore scientifico della fondazione FareFuturo, Alessandro Campi: "Sarebbe una scelta d'irrilevanza, la riserva di ex missini ed ex aennini organizzati per fare interdizione antiberlusconiana". Il rischio c'è, a giudicare dalle propalazioni del sottobosco pidiellino, ma finché possibile Fini e la minoranza a lui riconducibile cercheranno di battere altre vie. In più, con l'ordine del giorno approvato in direziono nazionale, quello che costringe il Pdl a uniformarsi alla linea della maggioranza, si fa pure un passo indietro rispetto alla consolidata tolleranza di una quota minima di dissenso, per esempio sulle questioni eticamente sensibili". Niente più voto di coscienza. "Così pare". Si rimprovera a Fini d'aver cercato battaglia, sì, ma senza una visione di prospettiva e imbracciando la minaccia del sabotaggio parlamentare per salvaguardare il proprio dissenso. "La parola dissenso non mi piace - obietta Campi - e l'ho detto a Fini stesso. Come non mi convince l'espressione 'corrente' alla quale preferisco il termine 'componente'. Ma di là dalle sfumature lessicali, il punto è questo: ammesso che i berlusconiani non cedano alla tentazione della caccia al finiano, è evidente che Fini non farà interdizione, non ridurrà la sua manovra al conflitto. Sarebbe la fine di tutto". C'è un disegno propositivo da spendere all'intemo del Pdl. "Per trasformarlo, da ibrido com'è ora, in un'altra COSa". Le mosse di Fini Ora il cofondatore deve dimostrare di non essere solo capace di fare il controcanto a Berlusconi (segue dalla prima pagina) II Foglio ha rimprove- rato a Fini di voler manovrare in un quadro bipolare con i mezzi partitico-correntizi della Prima Repubblica. "C'è un gioco dialettico da smontare - replica Campi - e cioè che il richiamo alle procedure classiche della politica significhi nostalgia di una politica deteriore. Qui si cerca di superare la forma ibrida del Pdl per costruire un vero partito a vocazione maggioritaria in un sistema bipolare". Secondo Campi nel Pdl "una certa ipocrisia di fondo fa sì che molte 'correnti informali' siano proliferate intorno a fondazioni e associazioni vocate alla proiezione esterna, ma impedite nei fatti a occupare uno spazio dialettico dentro il partito. Un partito che vive di accentramento nel vertice e di anarchia periferica". Fini ha attaccato la parete dell'unanimismo. "La sua posizione è ormai un dato strutturale del Pdl. Non capisco perché nel Partito repubblicano statunitense i cristiano-conservatori possono convivere con gli anarco-libertari e nel Pdl i berlusconiani faticano ad accettare la minoranza finiana per quello che è", Campi azzarda una spiegazione: "Temono la possibilità che si coagulino altre aree di pensiero istituzionalizzate, il che sarebbe invece un arricchimento". Ecco perché lo scontro personale con Fini viene letto dai suoi come "l'attacco a un falso bersaglio". La scommessa di Fini, suggerisce Campi, sta nel "riuscire ad aprire spazi di dia^ logo con settori e figure non di provenienza aehnina,e non soltanto tra il personale politico che soffre la leadership berlusconiana. Penso a un arcipelago che abbia nel presidente della Camera il proprio referente istituzionale e che si riverberi nell'Aula in forme di aggregazione su temi specifici". Esempio. "Da oggi in poi, sé pure il federalismo non è in discussione, visto che si tratta di una riforma tentata dal centrodestra nella legislatura 2001-2006, il Pdl dovrà far pesare le proprie condizioni, valutarne i costi effettivi, verifìcame l'impatto sugli interessi nazionali e sulla coesione sociale". Siamo ancora nel campo dell'interdizione, troppo poco per una minoranza propositiva. Campi conclude così; "Finora è stato facile differenziarsi sui temi etici o sulla cittadinanza. Ma questo non è un programma di governo. Fini adesso è chiamato a smentire l'accusa di saper fare solo il controcanto, il che lo espone al giudizio politico di chi sta aspettando che passi dalla distinzione di stile rispetto a Berlusconi alla distinzione progettuale rispetto al berlusconismo".

Friday, April 23

Veterans riot in Bosnia

SARAJEVO (Reuters) – Police fired tear gas and water cannon yesterday in a clash with thousands of veterans of Bosnia’s 1992-95 war protesting benefit cuts in the most violent protest in years in the troubled Balkan country.
Doctors from Sarajevo’s Clinical Center said 33 people were wounded, three seriously, in clashes that lasted several hours.
Former soldiers and their families converged from across Bosnia’s Muslim-Croat Federation to vent anger at a government decision to cut veterans’ benefits as an austerity measure under an International Monetary Fund standby loan deal.
The veterans hurled huge stone blocks and bottles at police guarding a government building that they tried to storm. They also set a police cabin on fire. Police in riot gear tightly cordoned off the building, trying to avoid a direct clash with protesters. When told that no government officials would meet with them, the demonstrators turned violent.
The leader of the association of decorated war veterans, Dzevad Radzo, said they were not seeking special treatment. “We are ready to bear our part of the burden to ease the impact of the crisis but everybody else should do the same,” he said.
Bosnia clinched a 1.2-billion-euro ($1.61 billion) standby arrangement with the IMF last year to ease the impact of the global economic crisis and preserve fiscal stability. Under the deal, the government of Bosnia’s two regions, the Muslim-Croat Federation and the Serb Republic, have to cut public spending, and especially the generous benefits granted to veterans as a pre-election sweetener in 2006.
The veterans are strongly opposed to the introduction of a property census as the main criterion for their payments, due to come into force in January 2011. They want the same standard to apply to all budget beneficiaries, including state employees, which is not possible under the law.
Bosnian Serb government’s Srebrenica revision plan described as ‘despicable’ by top envoy SARAJEVO (AFP) – The top international envoy to Bosnia yesterday sharply attacked the Bosnian Serb government’s plans to review the list of some 8,000 Muslims killed in the 1995 Srebrenica genocide.
The announcement by the Bosnian Serb government that it would review the list of the massacre victims is a “despicable attempt to question that genocide took place in Srebrenica in July 1995,” a statement from the Office of the High Representative (OHR), Valentin Inzko, said.
By making the move, Bosnian Serbs were “deliberately distorting established historical and legal facts, and propagating misinformation and disinformation with the intent to obscure the truth,” it added.
Bosnian Serb Premier Milorad Dodik on Monday announced a revision of a government report on the massacre, made in 2004, to “prevent manipulations” of the number of victims. Dodik said that the 2004 list, containing the names of 7,806 victims, was made “under pressure” from the international community.
Bosnian Serb President Rajko Kuzmanovic voiced regret that Inzko’s office had reacted “in such an energetic way,” the FENA news agency reported. “The government’s intention was not to deny the crime that occurred, but only to ‘improve’ those elements that could be improved for the sake of history and our future,” Kuzmanovic said.

NATO would be able to staff its training mission fully

TALLINN, Estonia — NATO foreign ministers endorsed a plan on Friday that sets in motion the phased withdrawal of foreign troops from lead combat roles in Afghanistan as the United States-led coalition prepares to begin to hand over responsibility for the war to Afghans.

The details of the plan, and how it will be implemented in the field, were not clear at the end of a two-day meeting here. But the secretary general of NATO, Anders Fogh Rasmussen, stressed that foreign troops would continue to support Afghan soldiers long after they relinquished command.
“It will not be a pull-out; it will not be a run for the exit,” Mr. Rasmussen said at a news conference. “Afghan soldiers will need our support for quite some time. It will be a gradual process.”
President Obama has set a deadline of July 2011 to begin pulling out American troops, and among the United States’ NATO allies, the focus has clearly shifted to looking beyond the combat mission.
Now, Mr. Rasmussen said, the emphasis is on fortifying the ability of Afghans to secure their territory by training police officers and soldiers. NATO has come under pressure in this area, with a shortfall of 450 police trainers, reflecting growing fatigue about the war among its members.
The shortfall has been whittled down steadily, Mr. Rasmussen said, with Canada recently pledging to send 90 additional trainers. He said he was confident NATO would be able to staff its training mission fully.
Secretary of State Hillary Rodham Clinton insisted that the Obama administration was satisfied with NATO’s contribution, which now comprises 10,000 soldiers, trainers, and so-called mentors.
“We started off with a significant gap, and we have narrowed it considerably,” Mrs. Clinton said. “We have a relatively small gap that we’re still working to fill. For me, the glass is way more than half full, in terms of what we asked for, what we need, and what we have received.”
Mrs. Clinton praised the new leaders of NATO and of the International Security Assistance Force, which she said had a deeper commitment and better understanding of the combat mission in Afghanistan.
Warning against what she called unfair expectations about the security situation in Afghanistan, Mrs. Clinton said it would face threats from insurgents for years to come, and likened the situation to the chronic battle between soldiers and Taliban insurgents in neighboring Pakistan.
Mrs. Clinton also went out of her way to praise President Hamid Karzai of Afghanistan, with whom Washington’s relations have recently been turbulent. She noted that he had an impossible job, and that his government’s successes, like the greater number of Afghan girls now in school, are rarely reported.
Although Afghanistan is by far NATO’s largest and most complex operation, it drew relatively little attention at a meeting dominated by discussion about the strategic future of the 61-year-old alliance, and by how NATO members will confront nuclear weapons on European soil.
Mr. Rasmussen announced that NATO would grant Bosnia-Herzegovina’s request for a formal procedure to join the alliance, known as a membership action plan. But the clock will not start ticking, he said, until Bosnia’s leaders agree to sell off old military bases and barracks.
Several European countries have been agitating for the United States to begin withdrawing tactical nuclear weapons from their countries, now that President Obama has concluded a new strategic nuclear arms deal with Russia. But Mr. Rasmussen stressed that NATO would act with deliberation, and only after all 28 of its members come to an agreement.
“Decisions on our nuclear policy will be made by the alliance together,” he said. “Our unity on this will remain absolutely solid.”

Searching model for Kosovo

Foreign ministers of Serbia, Spain and Turkey shall meet in Belgrade on Tuesday to find solution to new model of representation of Kosovo in regional and international summits. Vuk Jeremic, Miguel Angel Moratinos (chairing of the EU ministers) and Ahmet Davutoglu have a difficult task to make future successful regional cooperation possible, in other words to find a model making possible for top officials of Belgrade and Pristina negotiate directly.
The trilateral meeting shall be crucial in agreements over seeking new formulas for dynamic regional cooperation. The basic precondition is that none of the countries of the region is excluded from the dialog, ‘Blic’ learns in diplomatic sources in Belgrade. After this trilateral meeting, consultations in Brussels between the EU members and Brussels administration are expected to take place to discuss the results achieved. The finalization is expected during Italian Foreign Minister Franco Frattini’s visit to Belgrade next week.
 

The topics of the meeting in Belgrade on Tuesday, the holding of which can be brought in question only due to problems with air traffic caused by volcanic dust, are Sarajevo conference, further moves after the ICJ makes its opinion over Kosovo independence, situation in Bosnia/Herzegovina and further steps in the process of association with the EU.
 
Much is expected from the meeting in Belgrade especially after foreign ministers of Serbia and Turkey successfully agreed about how the Declaration on Srebrenica should look like. As ‘Blic’ learns Ankara made effort to secure that the Declaration is accepted in Bosnia/Herzegovina in spite of the fact that it does not mention the term ‘genocide’.
 
As Turkish Foreign Minister Davutoglu said on one occasion, he and Jeremic met eleven times in two months to agree the Belgrade declaration.
Negotiations over finding new formula for participation of Kosovo in regional conferences are difficult and tense but both representatives of Serbia and Spanish Foreign Ministry, as our sources said, are working on the matter with sincere wish to succeed.

KOSOVO: Trilateral meeting

Moratinos and Davutoglu lobby in Pristina

At trilateral meeting of foreign ministers of Serbia, Spain and Turkey in Belgrade several models for participation of Kosovo at the ministerial meeting in organization by the EU in Sarajevo on June 2 have been accepted. The Spanish and Turkish foreign ministers undertook to get consent by Brussels and Pristina for application of one of those models, ‘Blic’ learns at Serbian Foreign Ministry.
As we were told concrete details of ‘compromised models’ are being kept secret at the moment so as to avoid ‘failure of the negotiating mission’. However, at Minister Jeremic’s cabinet we were told that it had been agreed that Kosovo must not show symbols of statehood, that presence of Serbia and Kosovo must be clearly asymmetric and that the format of Pristina’s participation must be completely in line with the UN SC Resolution 1244.
 

After consultations in Brussels and with Pristina this week and after visit by Italian Foreign Minister Franco Frattini to Belgrade next Tuesday, it shall be known if proposals by Belgrade are acceptable for Pristina.
 
In Brussels there has been already created an atmosphere of failure of the conference in Sarajevo simply because it is impossible to bring Belgrade and Pristina to the same table. That of course is sending bad signal to the EU over readiness for regional cooperation at the moment when many of the EU members are openly opposing further EU enlargement.
 
Moratinos’ statements ahead of his leaving were optimistic in view of the success of Sarajevo conference.
 
‘The Spanish EU Presidency is convinced that the conference in Sarajevo shall be fully successful and that Sarajevo shall mark a U-turn in the sense of European engagement in the West Balkans’, Moratinos said.
 
Spokesman of Kosovo Government said yesterday that officials from Pristina shall take part at conference in Sarajevo as representatives of an independent state only.