Thursday, September 30

L'Italia e la Spagna nel mirino di Al Qaeda

Londra - (Adnkronos) - A indicare il nostro Paese come possibile obiettivo è il Daily Telegraph che cita fonti dei servizi britannici e americani, ma poi precisa "si tratta di una minaccia credibile, ma non specifica". Avrebbero voluto dar vita ad azioni terroristiche, coordinate in Gran Bretagna, con sparatorie fra la folla e attacchi a edifici simbolo, come accadde a Mumbai due anni fa. Leggi

LIVELLO ALLARME; PENULTIMO!

Volevano colpire l'Europa, ma l'America li ha fermad ancora prima che lasciassero la loro base, in Pakistan, e ha avvertito l'Europa del pericolo. Una minaccia diversa da quella dei kamikaze che si fanno esplodere imbottiti di esplosivo o dalle bombe su treni, metrò, bus, ma non meno preoccupante. L'idea era di attaccare simultaneamente tré città in diversi Paesi europei, Gran Bretagna, Francia e Germania, con terroristi armati di mitra che seminassero morte e panico nelle strade. Un attentato "stile Mumbai", cioè come quello che un gruppo terroristico islamico lanciò nel 2008 nella ex-Bombai in India, colpendo due alberghi e un centro ebraico, lasciando sulterreno 195 morti e centinaia di feriti.

Rivelato due settimane fa dall'interrogatorio di un terrorista di origine afgana catturato da un Servizio segreto occientale, il piano era passato dallo stato di progettazione a quello di "avanzata preparazione" quando è stato sventato dagli Usa, che utilizzando i droni, i micidiali aerei senza pilota, hanno messo in condizioni di non nuocere i componenti della cellula, ossia li hanno eliminati. Erano tutti legati ad al Qaeda. Sembra che anche gli Stati Uniti fossero nel mirino di future azioni del genere. La notizia è uscita per prima martedì sera sull arete televisiva britannica SkyNews, che ha citato fonti dell'Intelligence britannica, poi l'ha ripresa anche la Bbc e Cnn. Ieri le autorità tedesche hanno ammesso di essere a conoscenza di informazioni su attacchi di al Qaeda contro Europa e Stati Uniti, e di averle scambiate con altri paesi «con riservatezza e tempestività». Il ministero dell'Interno tedesco afferma tuttavia che non ci sono al momento rischi imminenti per la Germania in questo senso.

II ministero dell'Interno francese indica di non sapere niente di progetti di attentati contro Francia, Gran Bretagna e Germania, precisando che il pericolo di terrorismo evocato la settimana scorsa in Francia non era basato sulla presunta minaccia descritta da Sky e Bbc. Anche l'evacuazione della torre Eiffel, ordinata martedì per la seconda volta, non viene descritta come collegata al complotto "stile Mumbai". Ma un'alta fonte dei Servizi francesi rivela alla agenzia France Presse: «La minaccia era reale».

Le apparenti contraddizioni sul modo di raccontare cosa è successo, o poteva succedere, vengono spiegate con due considerazioni. La prima è che un piano fermato in Pakistan in fase di preparativi è una minaccia ben diversa da un attentato sventato quando i terroristi sono sul posto e pronti a entrare in azione: quindi c'è chi, nel mondo dei Servizi segreti, minimizza complotti bloccati sul nascere.

In secondo luogo, in generale l'intelligence preferisce non confermare progetti terroristici, se non c'è una minaccia reale e palpabile, perché non vuole creare inutilmente panico nella popolazione. Il livello di allarme terroristico in Gran Bretagna, Francia e Germania è rimasto immutato, poiché il complotto è fallito in partenza; ma in tutti e i tré Paesi l'allarme era già stato comunque innalzato al penultimo grado, quello definito "grave", secondo cui un attacco è "molto probabile", sebbene non ancora "imminente". Un piano sventato, insomma, non cancella il pericolo: c'è la certezza che i terroristi ci riproveranno.

Non è trapelato quali fossero le città europee che i terroristi avrebbero voluto colpire, anche se qualcuno parla di Londra, Parigi e una località tedesca. Queste rivelazioni sul complotto, verrebbero dall'interrogatorio di Ahmed Sidiqi, un estremista tedesco di origine afgana, catturato inAfghanistan dalle forze americane e detenuto dal luglio scorso nella prigione militare Usa di Bagram. Era in procinto di partire per l'Europa. Fortunatamente non c'è arrivato.

Terror Threats and Alerts in France

The Eiffel Tower was evacuated Sept. 28 after an anonymous bomb threat against the symbolic Parisian tourist attraction was phoned in; no explosive device was found. The day before the Eiffel Tower threat, French authorities closed the Gare Saint-Lazare in central Paris after an abandoned package, later determined innocuous, was spotted in the train station.

These two incidents serve as the latest reminders of the current apprehension in France that a terrorist attack is imminent. This concern was expressed in a very public way Sept. 11, when Bernard Squarcini, the head of France’s Central Directorate of Interior Intelligence (known by its French acronym, DCRI), told French newspaper Le Journal du Dimanche that the risk of an attack in France has never been higher. Never is a long time, and France has long faced terrorist threats, making this statement quite remarkable.
Squarcini has noted in recent interviews that the combination of France’s history as a colonial power, its military involvement in Afghanistan and the impending French ban on veils that cover the full face and body (niqabs and burqas) combined to influence this threat environment.

A Month of Threats

After the French Senate approved the burqa ban Sept. 14 — which will go into effect next March — a bomb threat against the Eiffel Tower was called in that evening, causing French authorities to evacuate the site and sweep it for explosive devices.
On Sept. 16, five French citizens were abducted from the Nigerien uranium-mining town of Arlit in an operation later claimed by al Qaeda in the Islamic Maghreb (AQIM), a claim French Defense Minister Herve Morin later assessed as valid. In July, French Prime Minister Francois Fillon declared that France was at war with the North African al Qaeda franchise after the group killed a French hostage it had kidnapped in April. Fillon’s announcement came three days after the end of a four-day French-Mauritanian offensive against AQIM militants that resulted in the deaths of several militants. After the offensive, AQIM branded French President Nicolas Sarkozy an enemy of Allah and warned France that it would not rest until it had avenged the deaths of its fighters.
French officials have also received unsubstantiated reports from foreign liaison services of plans for suicide bombings in Paris. National Police Chief Frederic Pechenard told Europe 1 radio Sept. 22 that in addition to the threatening statements from AQIM, the French have received specific information that the group is working to target France.
On Sept. 6, Der Spiegel reported that authorities were investigating reports provided by the United States that a German-born Islamist extremist arrested in Afghanistan has warned of possible terrorist attacks in Germany and elsewhere in Europe — including France — planned by jihadists based in Pakistan. This story hit the English-language media Sept. 28, and included reports that the threat may have involved plans to launch Mumbai-like armed assaults in multiple targets in Europe.
In the words of Squarcini to the press, these combined incidents mean “all the blinkers are on red.” This statement is strikingly similar to one in the 9/11 Commission Report attributed to then-CIA Director George Tenet, who said that in July 2001 “the system was blinking red.”
While an examination of the current threat situation in France is interesting, it is equally interesting to observe the way that the French are handling their threat warnings in the media.

The Threat Environment in France

While its neighbors such as Spain and the United Kingdom have suffered bloody attacks since 9/11, the French so far apparently have been spared — although there are some who suspect the yet-unsolved June 2009 crash of Air France Flight 447 may have resulted from foul play, along with the explosion at the AZF fertilizer plant in September 2001.
France has long been squarely in the crosshairs of jihadist groups such as AQIM. This is due not only to its former colonial involvement in North Africa but also to its continued support of governments in countries like Morocco, Algeria and Tunisia deemed un-Islamic by jihadists. It is also due to France’s military commitment in Afghanistan. Moreover, on the domestic side, France has a significant Muslim minority largely segregated in slums known in French as “banlieues” outside France’s major cities. A significant proportion of the young Muslim men who live in these areas are unemployed and disaffected. This disaffection has been displayed periodically in the form of large-scale riots such as those in October 2005 and November 2007, both of which resulted in massive property destruction and produced the worst civil unrest in France since the late 1960s. While not all those involved in the riots were Muslims, Muslims did play a significant and visible role in them.
Moves by the French government such as the burqa ban have stoked these tensions and feelings of anger and alienation. The ban, like the 2004 ban against headscarves in French schools, angered not only jihadists but also some mainstream Muslims in France and beyond.
Still, other than a minor bombing outside the the Indonesian Embassy in Paris in October 2004, France has seemingly been spared the type of attacks seen in Madrid in March 2004 and London in July 2005. And this is in spite of the fact that France has had to deal with Islamist militants for far longer than its neighbors. Algerian Islamist militants staged a series of attacks involving gas canisters filled with nails and bolts on the Paris subway system in 1995 and 1996, and during the 1980s France experienced a rash of terrorist attacks. In 1981 and 1982, a group known as the Lebanese Armed Revolutionary Faction attacked a series of diplomatic and military targets in several French cities. Algerian militants also hijacked an Air France flight in December 1994, a situation resolved when personnel from the French Groupe d’Intervention de la Gendarmerie Nationale (GIGN) stormed the aircraft in Marseilles and killed all four hijackers.
“Shoe Bomber” Richard Reid, who is serving a life sentence in the United States for trying to blow up a Paris-to-Miami flight with an explosives-stuffed shoe in December 2001, staged his attack out of France.
In 2001, French authorities broke up a French-Algerian terrorist cell planning to attack the U.S. Embassy in Paris. The six militants, some of whom French authorities had linked to terrorist training camps in Afghanistan, were convicted and sentenced to lengthy prison terms.
Also in 2001, Algerian extremists were convicted in connection with an aborted plot to attack a Christmas market at Strasbourg Cathedral on New Year’s Eve 2000.
In January 2005, French police arrested a cell of alleged Chechen and Algerian militants, charging members with plotting terrorist attacks in Western Europe. According to French authorities, the group planned attacks against government and Jewish targets in the United Kingdom as well as against Russian diplomatic and business targets in Western and Central Europe. Other targets included tourist attractions and crowds in the United Kingdom and France and French train stations.
More recently, in October 2009, French particle physicist Adlene Hicheur and his brother, Halim, who holds a Ph.D. in physiology and biomechanics, were arrested and charged with helping AQIM plan terrorist attacks in France.
In the final analysis, France is clearly overdue for a successful jihadist attack, and has been overdue for several years now. Perhaps the only thing that has spared the country has been a combination of proactive, skillful police and intelligence work — the kind that resulted in the thwarted attempts discussed above — and a little bit of luck.

Alerts

France has a national security alert system called the Vigipirate, which has four levels:
  • Yellow, which means there is an uncertain threat.
  • Orange, which signifies there is a plausible threat.
  • Red, which signals a highly probable threat.
  • Scarlet, which indicates a certain or known threat.
The Vigipirate level has been set at red since the aftermath of the July 2005 London bombings. This level is probably justified given that France is overdue for an attack, and French authorities undoubtedly have been busy investigating a large number of potential threats since the decision was made to raise the level to red. Still, as we have long discussed, this type of warning system has a tendency to get some attention when the levels are initially raised, but after five years of living at level red, French citizens are undoubtedly experiencing some degree of alert fatigue — and this is why Squarcini’s recent statements are so interesting. Apparently, he does not have the type of hard intelligence required to raise the threat level to scarlet — or perhaps the French government does not want to run the political risk of the backlash to the restrictive security measures they would have to institute if they raised the level. Such measures could include dramatically increasing security personnel and checkpoints and closing certain metro stops, train stations and airports, all things that could be incredibly disruptive.
Generally speaking, a figure like Squarcini would not provide the type of warnings he has recently shared in the press if his service had a firm grasp on the suspects behind the plot(s) about which he is concerned. For example, the FBI felt it had good coverage of groups plotting attacks in some of the recent thwarted plots in the United States, including the group arrested in May 2009 and charged with plotting to bomb two Jewish targets in the Bronx and shoot down a military aircraft at an Air National Guard base. In such a case, the director of the FBI did not feel the need to alert the public to the threat; he believed his agents had everything under control. Therefore, that Squarcini is providing this warning indicates his service does not have a handle on the threat or threats.
Information about a pending threat is not released to the public lightly, because such information could well compromise the source of the intelligence and endanger the investigation into the people behind the plot. This would only be done in situations where one has little or no control over the potential threat. There are numerous factors that would influence the decision to release such information.
Perhaps one of the first is that in a democracy, where public officials and their parties can be held responsible for failure to prevent an attack — as the Aznar government in Spain was following the Madrid train bombings — information pertaining to pending threats may also be released to protect governments from future liability. Following every major attack in a democratic nation, there is always an investigation that seeks to determine who knew what about the threat and when. Making threat information public can spare politicians from falling victim to a witch hunt.
Alternatively, some suggest that French authorities are being pressured to make such warnings to distract the public from domestic problems and Sarkozy’s low popularity. Many also believe the French government has been using its campaign against the Roma as such a distraction. Sarkozy, widely perceived as law-and-order oriented and tough on crime and terrorism, is indeed struggling politically. While the current warnings may provide such a beneficial distraction for Sarkozy, it is our assessment that the terrorist threat to France is very real, and is not being fabricated for political purposes.
Warnings also can be issued in an effort to pre-empt an attack. In cases in which authorities have intelligence that a plot is in the works, but insufficient information to identify the plotters or make arrests, announcing that a plot has been uncovered and security has been increased is seen as a way to discourage a planned attack. With the devolution of the jihadist threat from one based upon a central al Qaeda group to one based upon regional franchises, small cells and lone wolves, it is more difficult to gather intelligence that indicates the existence of these diverse actors, much less information pertaining to their intent and capabilities. In such a murky environment, threat information is often incomplete at best.
Whatever Squarcini’s motive, his warning should serve to shake the French public out of the alert fatigue associated with spending five years at the red level. This should cause the public (and cops on the beat) to increase their situational awareness and report suspicious behavior. The suspicious package seen at the Gare Saint-Lazare on Monday may well have been reported as a result of this increased awareness.
As the jihadist threat becomes almost as diffuse as the criminal threat, ordinary citizens who practice good situational awareness are an increasingly important national security resource — a complex network of eyeballs and brains that Squarcini may have been attempting to activate with his warning. With the burqa ban scheduled to begin next spring, French troops in Afghanistan and the ongoing conflict with AQIM, the threats are likely to continue for the near term — meaning France will remain on alert.

"Terror Threats and Alerts in France is republished with permission of STRATFOR."

Wednesday, September 29

“NATO’s enemy is instability.

After the Cold War ended conflicts in the world went down by 80% so the world now is a much better place to live in, believes former NATO boss George Robertson, who was the alliance’s Secretary General in 1999-2004. However, modern conflicts are quite different, so NATO – as well as Russia – has to adapt to new realities – not to fight the last war – in order to be able to confront those new challenges, he said, adding there are too many ghosts of old conflicts and groundless fantasies ruling the political agenda instead of focusing on what people are really concerned with.
“NATO’s enemy is instability. It is global terrorism, it is armed insurgents, exactly the same as Russia’s enemy is. We are not talking about NATO being Russia’s enemy or Russia being NATO’s enemy. The fact is that we have got to deal with these problems,” Robertson stated. There is no reason to be afraid of China with its biggest army in the world because “China faces the same problems.” “The neighbor of China is North Korea. North Korea has got nuclear weapons and it is the craziest state. Crazy people run that state so that is a threat. And it is much more closer to China than to New York City,” Robertson evaluated. He named NATO “the greatest and most successful defensive alliance the world has ever known,” because it thrives due to being “not just a military organization, but an alliance of values, a belief in democracy.” “Russia needs to be a part of this community of values,” he said, adding, “today’s world is about defending the order states against the disorder parts of the world and bringing stability to these parts of the world as well.” Answering a question about plans of attacking Iran, Robertson mentioned that “Iran is not a normal country seeking to acquire nuclear weapons,” and since Iran has expressed desire “to wipe one of its neighbors off the map” and advances in developing ballistic missiles – it is a danger to its neighbors, Russia included. As for the never found weapons of mass destruction in Iraq, which served as a cause to go to war on the country, Robertson said “we know that no, we did not know that then,” but “Iraq and Iran are not the same” because Iraq once attacked neighboring Kuwait, used chemical weapons against its own people in the Kurdish area and the US had a good reason to believe, even if the intelligence was faulty, that “Saddam was up to something and it was only a matter of time before he would again threaten his neighbors in the region.” Iran is not a fundamentalist dictatorship and “we need to be more sympathetic to the good, honest, decent, peace-loving people in Iran and encourage them to stand up to those who would oppress them and seek.

PREDATOR: gli aerei senza pilota restano l'unica soluzione

La morte è arrivata dall'alto: un missile lanciato da un drone Reaper americano ha colpito l'auto su cui viaggiava, secondo fonti di intelligence pachistana, Sheikh Fateh alMisri, un "colonnello" diAl Qaeda, considerato il responsabile operativo della rete in Afghanistan e Pakistan. Al Misri, egiziano, aveva preso il posto di Mustafa Abu al Yazid alla testa della struttura terroristica dopo che al Yazid era rimasto anch'egli vittima di un raid condotto dagli aerei senza pilota delle Forze armate Usa. L'egiziano era finito a guidare gli uomini di Osama bin Laden dopo averne raggiunto i ranghi in Afghanistan: in altre parole, dicono gli analisti, la sua nomina sarebbe stata legata all'esigenza strategicadapartedelverticediAl Qaeda di "globalizzare" sempre di più la lotta, coinvolgendo combattenti di altri gruppi. Anche il predecessore aIYazid, considerato il tesoriere della rete, era stato scelto dopo una carriera "esterna", alla guida di un gruppo terroristico libico. Per ora non ci sono conferme ufficiali statunitensi, ne risulta che sui siti dei radicali islamici sia apparso l'omaggio al "guerriero di Dio". Se comunque fosse confermato che nei rottami dellaDatsun incenerita dal Reaper nel sud Waziristan e' erano i resti di al Misri, perle forze Usa sarebbe un risultato eccellente. A renderlo pericoloso erasoprattutto il suo progetto strategico: allargarelo scontro al di là dei confini argani, fino al coinvolgimento completo del Pakistan. I servizi di sicurezza lo indicano come responsabile degli attacchi del maggio scorso a Labore contro i luoghi sacri della setta Qadyani in cui 95 persone rimasero uccise e un centinaio ferite. L'offensiva contro i "non musulmani" (appunto i seguaci della setta) e i "politeisti" (cioè gli islamici di credo sciita) sarebbe dovuta continuare in maniera massiccia, scrive l'analista del Asia Times, se i servizi di sicurezza di Islamabad non avessero rafforzato enormemente la loro presenza a Labore. Nell'occasione, gli agenti dell'Isi sequestrarono numerose armi e 28 tonnellate diesplosivo.LaregiadialMisrisarebbe anche dietro l'attentato di luglio, quando tré kamikaze ucciso 45 pellegrini nel tempio dedi- cato al venerabile sufi di origine persiana SyedAli Hajwairi. L'attacco via drone all'auto di al Misri è l'ultimo di una serie nutrita, che ha causato perdite pesanti fra le file di Al Qaeda (almeno 118 miliziani uccisi dal 3 settembre). Allo stesso tempo però l'offensiva degli aerei senza pilota -75 raid da inizio anno, 21solo in settembre- ha provocato dure reazioni nell'opinione pubblica pachistana per le perdite civili, quelle che ormai neanche i militari chiamano più "danni collaterali". Ma se le perdite civili sono inevitabili, gli aerei senza pilota restano l'unica soluzione possibile per gli Usa, decisi a inseguire i miliziani nei loro rifugi del confine argano-pachistano. A meno che, finalmente, la strada del negoziato a Kabul lasci vedere

Scenario di guerra al terrorismo?

Al Qaeda aveva progettato di lanciare un attacco multiplo contro le metropoli di Gran Bretagna, Francia e Germania ma il piano è stato scoperto in tempo dalle intelligence occidentali e la Già ha scatenato un massiccio bombardamento sulle aree tribali del Pakistan per colpire' le basi jihadiste dove l'offensiva terroristica era stata pianificata nei mesi scorsi. Ad alzare il velo sulla vicenda è stato ieri il Wall Street Journal pubblicando informazioni di intelligence che legavano gli sviluppi delle indagini in Europa all'intensificazione degli attacchi dei droni ordinati sulle aree tribali: del Pakistan dal capo della CIA, Leon Panetta. Con il passare delle ore le conferme sono arrivate da Londra, Parigi e Berlino dove le locali autorità di polizia hanno fatto scattare numerosi arresti di attivisti islamici locali, che secondo le prime indiscrezioni sarebbero di origine pakistana. Il piano jihadista per assaltare l'Europa sarebbe stato modellato, secondo quanto si apprende a Washington, su un nuovo attacco americano con i droni ucciso il numero uno dei jihadisti in Pakistan attacco a Bombay avvenuto nel novembre del 2008 quando un folto commando di terroristi pakistani arrivò dal mare, si impossessò di alcuni alberghi e lanciò bombe simultaneamente contro la stazione ferroviaria, diversi ristoranti e un , centro religioso ebraico. Sarebbero state proprio le informazioni raccolte dalle intelligence occidentali in merito ad un incombente attacco di Al Qaeda a decidere l'evacuazione della Torre Eiffel a Parigi - avvenuta pochi giorni fa così come ad indurre Washington e Parigi ad incontrare i capi degli apparati di sicurezza dei Paesi del Sahel a Tamanssaret, in Algeria. Lo scenario di un attacco simultaneo contro luoghi affollati in grandi città di Francia, Gran Bretagna e Germania lascia intendere l'esistenza di una rete jihadista nel Vecchio Continente e gli arresti compiuti nella comunità pakistana fanno seguito a quelli che vennero operati in Gran Bretagna dopo gli attentati di Londra del 2007 e negli Usa a seguito della mancata esplosione ó di un'autobomba a Times Square, posizionata da un pakistanoamericano, Falsai Shahzad. La novità dell'operazione anti-terrorismo in questo caso viene dall'immediata risposta militare, che ha visto i Paesi alleati delegare ai droni della Già il tentativo di colpire i centri operativi dei gruppi jihadisti che si considerano affiliati ad Al Qaeda e si trovano nelle regioni tribali pakistane ai confini con il Pakistan. Per avere un'idea dell'intensità dei bombardamenti in atto basti pensare che nel mese di settembre la CIA ha lanciato 20 bombardamenti in Pakistan ovvero il doppio degli attacchi mensili finora lanciato nonché il numero più alto in assoluto dal 2001.1 dromi-guidati da piloti americani basati in California, hanno colpito basi di addestramento, case, strade e mezzi in movimenti "catapultando su alcune località del Waziristan quello che alcuni testimoni negli ultimi giorni hanno descritto come «un diluvio di fuoco». Proprio a seguito di tali attacchi, secondo fonti pakistane a Islamabad, sarebbe stato eliminato Shaik Fateh Al Masria ovvero il capo jihadista di origine egiziana considerato alla guida delle operazioni militari di Al Qaeda nel Waziristan. Al Masria ricopriva questo incarico da maggio quando il predecessore Mustafa Abu Al Yazid fu anch' esso ucciso da missili lanciati da droni americani. A completare lo scenario di guerra al terrorismo che si estende dal cuore dell'Europa alle montagne del Waziristan vi sono le notizie che filtrano dagli inquirenti occidentali riguardo al fatto che il piano jihadista.sarebbe stato scoperto con largo anticipo grazie a intercettazioni di comunicazioni avvenute via Internet, a conferma che le cellule islamiche operano oramai stabilmente ordine, come dichiarato la scorsa settimana al Congresso da Robert Muller, capo dell'FBI.

Questa è solo un'esecuzione

La sezione milanese dell'Associazione nazionale magistrati (Anm) «sfiducia» il presidente della Corte d'Appello, Alfonso Marra, indirettamente captato dalle intercettazioni romane a carico dell'ex giudice tributario Pasquale Lombardi (e della sua ipotizzata associazione segreta con Flavio Carboni e Arcangelo Martino) mentre cercava sostegni che potessero convincere gli «indecisi» nel Csm a preferirlo a Renato Rordorf, e poi riceveva dai propri sponsor sollecitazioni (però mai accolte) a far riammettere la lista Formigoni esclusa dalle elezioni regionali. I magistrati associati all'Anm milanese non si limitano a riprendere «l'auspicio», già espresso il 14 luglio dal Comitato direttivo centrale dell'Anni, che le toghe lambite dalle intercettazioni «facciano un passo indietro al fine di liberare l'istituzione da ogni ombra di sospetto», invito che Marra non si sogna di accogliere, ieri mattina presentandosi come nulla fosse a presiedere il Consiglio giudiziario milanese e lì ribadendo di ritenere di aver nulla da rimproverarsi; e nemmeno si limitano a sollecitare il Csm, che il 21 ottobre avvierà con Marra una serie di audizioni, a dare «una celere definizione» al caso. Riuniti «in 160» (e bisogna per forza fidarsi visto che l'assemblea, contagiata dal virus della comunicazione unidirezionale, si svolge a porte chiuse ai giornalisti), i magistrati dell'Anm «sfiduciano» Marra con un comunicato conclusivo non votato per alzata di mano, ma «deliberato per acclamazione» su due cardini. n primo rientra perfettamente nell'alveo dell'Anni: l'associazione è invitata ad adottare nei confronti dell'iscritto Marra le sanzioni previste dallo statuto per chi viola il codice deontologico agli artìcoli 8 («il magistrato evita qualsiasi coinvolgimento in centri di potere affaristici che possano condizionarne l'esercizio delle mnzioni o comunque appannarne l'immagine») e io, in base al quale «chi aspira a promozioni non si adopera al fine di influire impropriamente sulla relativa decisione ne accetta che altri lo facciano in suo favore». n secondo, invece, sta nelle poche parole aggiunte alla generale riflessione sulla «centralità della questione morale», la mezza riga con la quale i magistrati dell'Anna milanese «esprimono il loro forte disagio per la vicenda che ha coinvolto il vertice della Corte d'Appello». E' una frase micidiale nella prospettiva del procedimento già avviato dal Consiglio superiore della magistratura, perché destinata a metterlo nella condizione di doverne tenere conto quando dovrà decidere se trasferire d'ufficio Marra per «incompatibilità ambientale» con la sede che dirige: procedura diversa dal processo disciplinare perché non richiede necessariamente una condotta "colpevole", ma presuppone anche solo una situazione oggettiva (come il «disagio» dei 160) benché in teoria "incolpevole". In assemblea nessuno (neppure nella sua corrente Unicesi) difende Marra nel merito, ma qualche voce chiede perché si censuri solo lui e non anche altre toghe milanesi, non brillantissime in queste intercettazioni come in altre vicende; o prospetta l'inopportunità di interferire nella decisione del Csm. Ma il documento, pur non sposato da tutti nei commenti del dopo-partita, in assemblea non incontra opposizioni esplicite. «Ma certo che no, questo non è un processo - è la lettura di spietata ironia di un magistrato della corrente di Marra -, questa è solo un'esecuzione...».

Tuesday, September 28

Federation of Bosnia And Herzegovina – A Parallel Crisis

Federation of Bosnia And Herzegovina – A Parallel Crisis,* the latest report from the International Crisis Group, examines how the dysfunctional administration of the larger of the country’s two entities has paralysed its decision-making, brought it to the verge of bankruptcy and triggered social unrest. If the newly elected local leaders continue to postpone reforms, hoping that country-wide constitutional change will happen soon and resolve most of the Federation’s problems, their entity risks a complete breakdown. The report examines a number of steps, however, that if taken could make the reformed Federation a cornerstone for broader improvements at national (state) level.
At all levels of the Federation, balancing collective rights with majority rule has created an unwieldy power-sharing architecture that frustrates Bosniaks and fails to protect Croats. Efforts to reconcile protection of individual citizens’ rights with the collective rights of the constituent peoples often do not work. Since 2009, the government has been unable to take basic decisions, such as making appointments to the Constitutional Court.
As long as the Federation remains functional, Bosnia is viable. Yet, the opposite is also true: “Bosnia cannot last if its larger entity is not in good working order or loses the support of Croats and Serbs”, says Marko Prelec, Crisis Group’s Balkans Project Director. “Federation reform would create momentum for state-level change and strengthen Federally-based parties vis-a-vis the Serb entity, Republika Srpska”.
The highly decentralised Federation is made up of ten cantons, to which the Croats cling but the Bosniaks would like to do away with. It has only a few areas of exclusive jurisdiction and shares most of its competencies with lower levels of administration. The result is a bulky bureaucracy, whose various parts are in competition or open conflict with one another, and a suffocating thicket of confusing and often contradictory legislation and regulation that stifles investment and degrades services. The entity government’s large share of the economy creates a nexus of political and economic power that the political elite exploit.
Long dominated by two large parties, the Bosniak Party for Democratic Action (Stranka demokratske akcije, SDA) and the Croatian Democratic Union (Hrvatska demokratska zajednica. HDZ), the Federation political scene has fragmented, making decisions and reform even more difficult. The new government must urgently confront economic and social woes, and the new parliament should immediately establish a reform commission to recommend, with international assistance, constitutional amendments and other legal and structural improvements. Major Federation reform would give impetus to state-level reform, while improving the livelihoods of the entity’s population.

*Read the full Crisis Group report on our website: http://www.crisisgroup.org

SARIC LAUNDERED OVER € ONE BILION (HYPO BANK?)

Saric and his group will begin trial today before the Special Court in Belgrade and judge Sinisa Petrovic regarding their smuggling of 2.5 tons of cocaine. Saric is on the run and will be tried in absence, as well as the six of his associates. Two of the accused have been given the witness/co-operator status, while the total of 11 members of the drug clan. Among them are Goran Sokovic from Pljevlja, Montenegro, and Zeljko Vujanovic of Kragujevac. Sokovic is a free man in Pljevlja and could be incarcerated after the signing of the agreement between Serbia and Montenegro on mutual extraditions of citizens. Vujanovic is in custody at the County Prison in Belgrade, from where he will be proceeded to the trial.

USA aim to mediate political dialogue

Brussels are interested in hosting the dialogue between Belgrade and Pristina, while the EU are expecting to broker the talks on its own, without the involvement of the USA. America have yet to state their official position on the talks, but it is expected the issue will be one of the discussion topics between US Secretary of State Hillary Clinton and Serbia’s top state officials when they meet next month. It would be impossible to conclude the process without the US, which will then entail America being involved all the way through,” Daniel Server, the director of the Balkans Initiative and Peace and Stability Operations at the US Institute of Peace, said for Blic.
The arrival of the US Secretary of State Hillary Clinton in Belgrade is being remarked on with more optimism then might have been expected, given she is the top diplomat of the most powerful country in the world which was directly involved in the lobbying for the recognition of Kosovo’s independence. Belgrade-based analysts are unison in their expectations for the visit to spell support for Serbia’s European integrations and the beginning of a dialogue with Pristina, as well as support to Brussels to bring Serbia and Kosovo to the negotiation table. However, the well-informed Washington analyst warns that “the Americans are currently confused by the news coming from the EU that the latter organisation is intent on leading the talks single-handedly. - “It is still being discussed in Washington what the USA’s role in the dialogue will be. They are all a bit perplexed. It would be a mistake to exclude the USA from the talks,” Serwer said for Blic. He then said he believed the USA were mostly interested in opening the talks now that “Belgrade has accepted the facts of life”. Hillary will, according to Serwer, most certainly encourage Belgrade to enter the talks on the technical issues and also warn them the dialogue must not slip into a discussion on the Kosovo status. He stressed the communication between Belgrade and Washington was on a high level and that any conditioning or unpleasant talks should not be expected. Former Serbia ambassador in Washington Ivan Vujacic says for Blic Hillary Clinton will back the European Union’s leading role in the future talks between Belgrade and Pristina. - “I don’t expect for anything spectacular to happen during the visit. The USA’s role in the future talks between Belgrade and Pristina will be more of a backing of the EU than dictating the terms of a solution, and here no requests from Pristina for the USA’s deeper involvement will not help. Also it is not realistic to expect the Kosovo status will be discussed as it is a closed book for 22 countries of the EU and the USA,” said Vujacic for Blic. Dusko Janjic, the director of the Forum for Ethnic Relations, says the USA’s role in the future negotiations is vague and that there was “a huge confusion”, especially as Pristina has said they would not be involved in any talks that would leave out the USA.- “Clinton’s visit is a chance for our politicians to clarify what they aim to achieve regarding Kosovo and to clarify the bilateral relations with the USA. Clinton will be wearing a broad smile on her way in because this is a moment when America are willing to demonstrate support for the proposed changed Serbia’s attitude towards the region and the USA,” Janjic said for Blic.

Israel labels charity “terrorists”

Ten Israeli warships have forced a British aid boat carrying Jewish activists attempting to reach blockaded Gaza to divert to the port of Ashdod in Israel. Richard Kuper, an organizer with the British group “Jews for Justice for Palestinians”, said the campaigners wanted to show that not all Jews support their government's policy towards Palestinians.The attempt to deliver humanitarian aid comes almost four months after an Israeli raid on another flotilla ended in nine activists being killed. The UN Human Rights Council will investigate the May attack, while a recent UN report concluded that Israel's military broke international laws during the raid. It also described the attack as brutal and disproportionate. Israel still claims the incident was “self-defense” and considers the Turkish charity group which led the flotilla to be terrorists linked to Hamas. As a result of the attack a relatively little known NGO was brought on the world stage. “In the world in which we live today, where Islamic sympathizers are also been called terrorists, it is no wonder that IHH (the Humanitarian Relief Foundation from Turkey, which led the flotilla) is being accused in this way,” revealed Ghada Kami, Research Fellow at Institute Of Arab and Islamic Studies. The Turkish charity first popped up on the CIA radar four years ago. It has been banned in Israel and Germany, which say it is strongly linked with Hamas in Gaza. Ismail Yilmaz says the last thing he would do is call himself a terrorist. He is a father of three and says he boarded the ship for Gaza for his three daughters. “Gazan children should have a right to live freely; we want this so I joined that organization. If another event of this kind is organized – I would go again,” IHH volunteer Ismail Yilmaz says. Set up in the early 1990s to help Bosnian Muslims, the IHH, or Humanitarian Relief Foundation, has offices in 120 countries. “If the people are in need – we will go and we will show our solidarity for these people,” informed Huseyin Oruc, Vice President of Humanitarian Relief Foundation (IHH). And it showed solidarity in Pakistan, Ethiopia, Lebanon, Indonesia, Iraq, China as well as Palestinians. “We have built hospitals, we have built schools, infrastructure, we have built houses for the people,” Huseyin Oruc says. Palestinian writer Ghada Kami says Israel is trying to portray the group as a terrorist one in order to try to justify the deadly flotilla raid. “In the immediate aftermath, condemnation of what Israel had done, Israelis mounted a defense which was, in a way, quite clever, but not based on any facts,” noted Ghada Kami. It is now for the investigators to decide. Turkey, Israel and the UN, each with its own inquiry.
Hillel Neuer, executive director of UN Watch, told RT that the results of the recent UN report on the flotilla incident were pre-determined.
“This report was determined in advance, the Human Rights Council held an emergency session only a day or two after the flotilla incident happened,” Neuer said. “They declared Israel guilty of ‘an outrageous attack’, so the outcome was entirely pre-determined, and this is not something that’s exceptional.” “In fact, Mary Robinson, who was the UN rights chief, said the Human Rights Council has a pattern of acting politically and not for human rights,” Hillel Neuer added. “Let’s remember who the membership is – Saudi Arabia, China, Colonel Gaddafi of Libya is now a member of the Human Rights Council. This is not a body that cares about human rights. This is a body that is political, that is engaged in a constant campaign to de-legitimize Israel, and human rights is the last thing on the minds of members like Saudi Arabia, Cuba and Libya.”

President Medvedev sacks Moscow Mayor Luzhkov

The Russian president has signed a decree firing Moscow Mayor Yury Luzhkov, who was in power for almost two decades. Dmitry Medvedev says he did so due to a loss of confidence in the city's top official. “I decided to dismiss the mayor of Moscow. The decree I signed states that I, as President, have lost trust in Yury Luzhkov. And it is a legal reason for his dismissal. It has happened for the first time but I don't rule out that such cases might happen again. I cannot work with officials I cannot trust,” stated Dmitry Medvedev. The president has appointed first deputy mayor Vladimir Resin acting mayor of Moscow. Medvedev’s press secretary Natalya Timakova told reporters in Shanghai on Tuesday that the president was not planning to meet with Luzhkov. She added that the federal leaders met with Luzhkov in the Kremlin and that Luzhkov had been granted a vacation to make a decision on his retirement. The spokeswoman reminded that, according to Russian law, the head of a Federal Region can lose his post either after seeking dismissal or by the order of the head of state. Timakova said that after Luzhkov made his position clear on Monday, it was for the reporters to make conclusions. United Russia party member Konstantin Kosachev said that, despite his colleagues’ efforts, Luzhkov had lost connection with reality. “The decision of the president about the dismissal of Mr. Luzhkov was not unexpected for the United Russia party,” he said. “We were informed about the ongoing problems and the major problem was quite simple – the mayor of Moscow did lose his interconnection with the people of Moscow. The problems inhabitants of Moscow experienced the last years were quite obvious. We in the United Russia party tried to explain the developing, emerging problems to Mr. Luzhkov, but unfortunately he would not listen to us.” All governors who attempted to also be politicians, some seven of them, were step-by-step removed by Dmitry Medvedev and pensioned off. In no case did it lead to any negative political or economic consequences in the regions, so Moscow will be no exception to the rule, believes Dmitry Babich, political analyst from RIA Novosti news agency. “Certainly, Luzhkov has been in power for too long. I think if he left five or six years ago, his legacy will be judged in a lot more positive way than now,” he said.

VOIP E DIA

Anche in Italia Skype è stato accusato di essere un formidabile strumento di lavoro per terroristi e criminalità organizzata, trafficanti di droga e armi. Nel nostro paese è stato accertato che molti mafiosi comunicano fra loro attraverso il VOIP (Voice over Internet protocol) di Skype, in passato poco propensa a collaborare. Nel febbraio 2009 il ministro dell'Interno Roberto Maroni chiede alle istituzioni dell'UE di intervenire. Poco tempo dopo, su richiesta della Direzione Nazionale Antimafia di Roma, EUROJUST, l'organismo UE per la lotta alla criminalità, annuncia che cercherà di studiare nuove tecniche per controllare le conversazioni telefoniche in modo da facilitare le intercettazioni nelle indagini giudiziarie. Maroni istituisce un pool di esperti informatici, ricercatori del Cnr e forze dell'ordine incaricato di studiare la vulnerabilità del sistema.

Obama's Wars

Il comando dell'Isaf m Afghanistan ha confermato ieri che tra venerdì e sabato i propri elicotteri sono sconfinati per due volte in Pakistan, uccidendo «più di 30 insorti» nella prima incursione e «diversi altri» nella seconda. Le operazioni, che in nove anni di conflitto hanno pochissimi precedenti e avrebbero avuto un seguitò ieri con altre cinque vittime, sono state compiute, silegge in un comunicate dell'Isaf, «seguendo le regole d'ingaggio». E una « evidente infrazione e violazione'del mandato in base al quale operarlsaf»,haprotestatoinvece il ministero degli Esteri di Islamabad. I raid rappresentano in ogni caso un salto di qualità nella guerra non dichiarata combattuta da tempo dalle forze americane nelle regioni tribali del Pakistan, uno statò sovrano alleato di Washington il cui territorio è usato come base da al-Qaeda e dai talebani. Ciò che le rende straordinarie non è solo il numero di morti insolitamente elevato (secondo laBbc le vittime sarebbero state più di 50 e secon do il capo della polizia di Khost, in Afghanistan, oltre 80), ma soprattutto il fatto che per portarla a termine siano statiimpiegati degli Apache anziché deiPredator. Iprimi sono dei sofisticati elicotteri da combattimento guidati da un regolare equipaggio; i secondi dei cosiddetti droni, ovvero deiyelivoli senza pilota guidati a distanza. Normalmente le incursioni americane in territorio pakistano avvengono mediante apparecchi teleguidati, parte integrante di un programma di esecuzioni "mirate" della Cia che i comandi militari non ammettono ufficialmente, ma di cui non si curano di smentire l'esistenza. Ilfatto che questo tipo di operazioni non vengano rivendicate e non comportino l'invasione del territorio o dello spazio aereo pakistano da parte 3i militari stranieriserve arenderlepoliticamente meno dirompenti. presso un'opinione pubblica visceralmente anti-americana come quella pakistana. Cautele che, nel caso della triplice incursione degli ultimi giorni, sono venute meno, andandosi a sommare al clamore che ha accompagnato la pubblicazione, avvenuta ieri negli Stati Uniti, di "Obama's Wars", l'ultimo libro di Bob Woodward. In un'anticipazionepubblicata nei giorni scorsi dal Washington Post, il giornalista reso celebre dal caso Watergate ha svelato l'esistenza di un piccolo esercito di grnila paramilitari afghani che opererebbero m territorio pakistano agli ordini della Cia. Tutte notizie che non sono state accolte con favore a Islamabad, dove ieri il ministero degli Esteri ha criticato gli attacchi enegato che le forze Isaf abbiano l'autorizzazione a colpire in territorio pakistano, anche in risposta a un'aggressione. Le ragioni dietro la presa di distanza sono facilmente intuibili: accettare supinamente una violazione della propria sovranità territoriale, per di più per mano di uno delle potenze straniere meno popolari presso l'opinione pubblica, somiglia a un suicidio politico. Soprattutto in una fase come quella attuale in cui sia il primo ministro YousufRaza Gitani che il presidente Asif Ali Zardari si trovano in forte difficoltà. Il primo ha appena annullato un viaggio in Europa per «seguire il dopo-alluvione» e non essere ulteriormente criticato per la gestione della crisi; il secondo rischia, di qui apoco, di vedersi revocare l'immunità dalla Corte suprema e vedere riaprire le inchieste di riciclaggio sui suoi conti svizzeri.

STUXNET

I mullah vanno fieri della spedale unità dei pasdaran capace di condurre la guerra sul web e in grado di controllare gli oppositori. Ma prima di pensare alla lancia avrebbero fatto meglio a studiare uno cyber scudo per proteggere il Paese. Da giorni, infatti, migliala di computer iraniani - oltre 30 mila - sono infettati da un micidiale supervims, lo «STUXNET». Un «baco» ideato per paralizzare i sistemi di controllo industriali, centri di comando, pipeline petrolifere. Un attacco che ha investito anche l'impianto nucleare di Natanz. Per le autorità sono rimasti coinvolti soltanto i pc dello staff. Esperti internazionali, invece, non escludono danni più seri. E ipotizzano che i veri bersagli siano proprio i siti atomici, da Natanz e alla centrale di Busher. A Teheran confermano che «Stuxnet» continua a diffondersi in modo rapido attraverso nuove versioni: «Stiamo lavorando per trovare l'antidoto, non sappiamo però quando la situazione tornerà normale». E, intanto, i funzionari lanciano sospetti su forze straniere responsabili dell'assalto. La tesi, condivisa anche da osservatori indipendenti, è che il virus sia opera di un apparato statale e non di pirati informatici. Chi ha ideato «Stuxnet» lo ha fatto pensando al sistema fornito dalla Siemens agli iraniani. Inoltre, per superare eventuali difese, lo ha concepito affinchè si propaghi non via mtemet ma con le chiavette Usb removibili dove i tecnici caricano i dati. Un attacco mirato che potrebbe essere stato ideato ú sostengono in molti ú sia dagli israeliani sia dagli americani. Gli indizi non mancano, anche se scoprire il colpevole non è facile. Nell'estate del 2008 il regime ha annunciato l'esecuzione di Ali Ashtari, ufficiale dei pasdaran incaricato nell'acquisto di tecnologia all'estero. Il funzionario è stato accusato di spionaggio in favore di Israele: sembra che Ashtari avesse favorito il sabotaggio di impianti industriali strategici, il caso, seguito dall'arresto di altre persone, rientrerebbe in un piano elaborato dal Mossad. Nell'intento di rallentare il programma atomico iraniano, gli 007 hanno creato società ombra in Occidente. Attraverso queste compagnie hanno poi venduto ai laboratori di Teheran tecnologia con «bachi» o difetti. Inoltre gli agenti segreti avrebbero compiuto incursioni di cyber war. Una manovra che hanno poi ripetuto gli americani. Nel 2009, il presidente Barack Obama ha autorizzato il ricorso alla guerra elettronica con l'obiettivo di ostacolare le ricerche dell'Iran. I virus hanno aggravato le difficoltà tecniche incontrate, negli ultimi due anni, dagli scienziati iraniani. Guai che ú rilevano fonti Usa ú avrebbero portato ad un rallentamento nella marcia verso la Bomba. Una pausa poco gradita dal regime. Così i pasdaran hanno epurato diversi dirigenti mentre il presidente Ahmadinejad ha nascosto gli insuccessi dietro roboanti annunci.

L'era della privacy totale sta per finire

Per Facebook, le chiamate via Skype e i messaggi dei BlackBerry l'era della privacy totale sta per finire. Fin qui sostanzialmente limitata alle telefonate e alle e-mail, negli Usa la possibilità per il governo di intercettare le conversazioni private potrebbe essere presto estesa a tutti i nuovi canali di comunicazione digitale. A prevederlo è una legge che il governo Obama presenterà al Congresso l'anno prossimo su richiesta delle agenzie investigative - Fbi in testa - alle prese con criminali e terroristi che, sempre più spesso, eludono il loro «orecchio elettronico» transitando per canali comunicativi oggi non presidiati. Le autorità federali anticrimine assicurano che i nuovi strumenti di intercettazione verranno utilizzati Solo davanti a chiare esigenze di sicurezza o per combattere il crimine organizzato, ma le prime indiscrezioni pubblicate ieri dal New Yorfc Times hanno creato molto allarme tra i difensori della privacy e i sostenitori della Internetfreedom: quello che viene richiesto, infatti, non è un semplice allargamento dei poteri d'indagine (poteri di polizia che negli Usa sono già stati molto ampliati dopo l'attacco del 2001 alle Torri Gemelle), ma una sorta di rifondazione dei sistemi di comunicazione via Intemét che dovranno essere costruiti in modo tale da fornire alle autorità la capacità potenziale di intercettare qualunque comunicazione in qualunque momento. Un' impresa tecnologicamente complessa e molto onerosa. Parallelamente, come riferisce il Washington Post, l'Amministrazione Obama sta per chiedere alle banche di segnalare alle autorità tutti i trasferimenti di denaro che entrano ed escono dagli Stati Uniti e non soltanto - come avviene oggi - quelli di importo superiore ai io mila dollari o quelli per i quali esiste qualche motivo di sospetto. Anche questa misura si inquadra nella lotta al terrorismo e ai cartelli della droga, ma una norma di impatto-così generalizzato lascia l'amaro in bocca a molti: «So che viviamo in un mondo pericoloso, sarò uno che ha una mentalità superata, ma credo che il principio in base al quale è necessario un qualche indizio di attività criminale prima di avere accesso a tutti i dati privati di individui e società, dovrebbe valere ancora» dice Peter Dijnis, avvocato e consulente che aiuta le istituzioni finanziarie ad adeguarsi alle nonnative delle authority di controllo. E Glenn Greenwaid, costituzionalista e columnist di Salon.com, afferma che Obama ha dichiarato guerra alla privacy. Accusando, poi, il governo di comportarsi come i regimi degli Emirati e dell'Arabia Saudita che erano stati aspramente criticati proprio dall'Amministrazione di Washington quando avevano minacciato la messa al bando dei BlackBerry se la società che li produce non avesse fornito loro un accesso ai flussi di comunicazioni. Allora, in effetti, i governi arabi furono inizialmente accusati di avere intenzioni censórie; poi, però, ci si rese conto ú anche alla luce degli allarmi venuti da Paesi democratici come India, Francia e Germania ú che la tecnologia dei BlackBerry pone problemi di sicurezza di nuovo tipo: usando questi terminali, infatti, le comunicazioni non transitano da centrali basate nei Paesi nei quali si svolgono le conversazioni, ma da server situati in Canada (dove ha sede la società Rim), negli Usa e in Gran Bretagna. La materia è tecnicamente complessa: già oggi le società Usa dei telefoni e delle reti a banda larga devono rendere intercettabili tutte le comunicazioni da loro gestite: lo stabilisce una legge del 1994, varata all'alba dell'era della telefonia mobile. I proluder di mtemet, però, non sono soggetti a questa norma. La questione riguarda soprattutto i messaggi criptati ed è resa particolannente delicata dal 'fatto che una sentenza di dieci anni fa della Corte d'appello ha stabilito che la piena libertà di occultare un messaggio con un codice di criptaggio è garantita dal primo emendamento della Costituzione Usa, quello sulla freedom ofspeech. Per James Dempsey, vicepresidente del centro per la Democrazia e la Tecnologia, strenuo difensore della libertà della rete e dei diritti dei suoi utenti, la mossa che sta per essere compiuta dal governo «ha implicazioni enormi»: cambierà il corso della Intemét revolutìon e il web perderà il suo disegno decentrato. Un allarme che ha una sua ragion d'essere ma che, per gli investigatori, deve cadere davanti alla realtà, già toccata con mano, di molte azioni criminali - come il tentativo di Paisal Shahzad di far esplodere un'autobomba nel centro di New York, a Times Square - organizzate proprio comunicando attraverso canali digitali oggi non intercettabili. Massimo Gaggi Legge del 1994 Le società Usa di telefoni e - reti a banda larga devono già rendere intercettabili le comunicazioni.

Friday, September 24

Dentro il Palazzo di Vetro

L'intervento del presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad davanti all'Assemblea Generale ha infiammato le polemiche sia all'interno che all'esterno del Palazzo dell'Onu. Dopo l'esposizione da parte del presidente di teorie cospirative, secondo cui sarebbero state «fazioni all'interno del governo Usa ad organizzare gli attentati dell'11 settembre», la delegazione Usa e quelle dei 27 membri dell'Ue hanno immediatamente abbandonato l'Aula in segno di protesta.

Serbia in EU after agreement with Kosovo

‘I am assured Serbia will unblock its route to the European Union as early as October and by the end of this year at the latest and that will join the Union in seven or eight years. This could only happen, however, once the problems with Kosovo have been resolved,” said Jean-Francois Terral, the outgoing ambassador of France in Belgrade.
“Kosovo is a pebble in Serbia’s shoe that is preventing the country from walking fast ahead,” said Terral during his farewell address to the media. The ambassador who spent three and a half “marvellous years” in Belgrade voiced his belief the process could be significantly sped up if Belgrade and Pristina reach an agreement. He stated the commencement of the dialogue of the two sides and Serbia’s Euro-integration were not in direct link. Terral said the agreement between Catherine Ashton, the EU High Representative for Foreign Affairs and Security Policy, and Serbia president Boris Tadic had set solid foundations for “negotiations or talks in which EU will play a major part, which is only normal as it offers entry to the Union to both sides”. “Both sides have clearly realized they need to sort out their problems in order to join the EU,” ambassador said. Terral deemed “foolish” those statements which claim Europe had an alternative for Serbia and called the leaders of Serbian Progressive Party to clarify their position. However, he added he “believes more what Tomislav Nikolic has said to him personally than some joint statement”.Reflecting on Serge Brammertz’s statement on Serbia’s cooperation with the Hague, he emphasised the Hague prosecutor was not questioning Serbia’s willingness to cooperate, but rather the “efficiency of certain methods”. “Since the middle of 2008, Serbia has truly been cooperating with the Hague Tribunal,” said Terral, who reiterated the turning point had been when Belgrade turned its back to “the post-Milosevic legacy”. Terral will be replaced at the post of France’s ambassador in Belgrade by Francois-Xavier Deniau in late September.

Secca smentita dal DIS e dalla Guardia di Finanza.

La smentita dei servizi segreti e della Guardia di Finanza è arrivata subito. Le illazioni di stampa su un loro coinvolgimento nella preparazione di dossier contro il presidente della Camera, Gianfranco Fini, sono contraddistinte da «assoluta infondatezza» dice una nota del Dis, il dipartimento informazioni e sicurezza diretto dal prefetto Gianni De Gennaro. Il comando generale delle Fiamme Gialle sottolinea che sul caso «nessun suo appartenente ha svolto o sta svolgendo attività investigativa in territorio estero». Il Dis, poi, mette in evidenza che sono state fornite «formali assicurazioni in tal senso ricevute dai direttori dell'Aise e dell'Aisi», le agenzie di informazioni e sicurezza estema e interna guidate dal generale Adriano Santini e dal prefetto Giorgio Piccirillo. Va sottolineato che i comunicati dicono molto più di quello che appare: la smentita è articolata per far assumere in modo ufficiale, agli apparati di sicurezza, la responsabilità di sostenere che non c'è nulla di quanto affermato su alcuni giornali o da alcuni politici. È esclusa, in altre parole, la possibilità di aggiungere un "fino aprova contraria": neanche in astratto. A questo punto, insomma, scoprire che un agente o un finanziere ha lavorato per finalità "deviate" .sarebbe non solo gravissimo, ma inaudito: dimostrerebbe un'assenza di controllo da parte dei suoi vertici, se non di peggio. Ecco perché le due note, e quejla del Dis in particolare, si spingono così in avanti parlando dì «assicurazioni formali» dei responsabili delle due agenzie operative. Va poi aggiunto che se per motivi storici l'espressione "servizi deviati" è in Italia ormai di uso corrente, l'ipotesi che in que sti mesi qualcuno dei 4.900 agenti in attività abbia davvero preso,il volo per i paesi off shore o per Montecarlo è proprio difficile da sostenere. Perché basta immaginare come uno 007 che intraprenda un'azione del genere debba lasciare, per forza di cose, una quantità di "tracce" del suo spostamento che non potrà mai cancellare, tra voli, visti, incontri e contatti vari. Sarebbe un suicidio professionale non solo del diretto interessato, ma anchedel suo superiore e di tutta la catena gerarchica che deve, anzi non può non sapere, di un fatto del genere, e che perciò non potrebbe mai autorizzare.

Caso Profumo.

CORSERA: Raffaele Mattioli, banchiere di raffinata cultura, prima di parlare faceva i conti, l'esame senza preconcetti del reale. Proviamo a seguirne il consiglio sul caso Profumo. a) n rendimento. Alessandro Profumo è amministratore delegato dal 29 aprile 1997 al 17 settembre 2010. hi questo arco temporale, Unicredit da un tota! retum annuo (apprezzamento del titolo più dividendi) dell'8% contro il 7% delle banche italiane, n dato europeo non è facilmente paragonabile a causa del trattamento dei dividendi, ma la variazione delle quotazioni sui 15 anni è prossima allo zero. Le quotazioni correnti di Unicredit sono analoghe a quelle dell' esordio, con la differenza che, allora, l'economia del debito stava drogando borse e bilanci, mentre ora queUa crescita spumeggiante e bugiarda è finita. Nello stesso periodo, i titoli di Stato hanno reso il 4,4% annuo. Le banche italiane sono riuscite a premiare un po' anche il rischio, quelle europee, prese l'una per l'altra, no. Quel che è certo è che grandi gruppi intemazionali stanno già cercando Profumo. b) I guadagni. Da quando, nel 2000, si cominciano a pubblicare i compensi degli amministratori, Profumo ha totalizzato 50,7 milioni di compensi, più 7 di assegnazioni^zionarie. Altri 40 li ha presi come liquidazione. Gli amministratori dovranno giustificare la cifra in relazione alla nuova disciplina delle retribuzioni emanata dalla Banca d'Italia. Di solito, chi resta paga tanto chi se ne va per vincolarlo al silenzio. Sarà anche questo il caso? e) Diseguaglianze e sinistra. Nel 2009, anno gramo. Profumo ha preso 4,3 milioni, 83 volte il costo del lavoro medio prò capite in Unicredit. Nel 2007 aveva incassato 9,4 milioni e il multiplo era assai più elevato. Sempre nel 2009, il suo collega, Sergio Marchionne, aveva preso 4,8 milioni, 132 volte il costo del lavoro medio prò capite del gruppo Fiat. Entrambi hanno mandato a casa migliala di dipendenti senza porsi il problema se questi si sarebbero sentiti trattati bene o male: c'era il retum on equity da migliorare in banca e un'industria da salvare a Torino. Chi, nel Pd, pensa a Profumo come al nuovo leader evidentemente considera di sinistra il liberismo che ispirava l'economia del debito e della diseguaglianze crescente. La fortuna del Pd è che Profumo è troppo intelligente per farsi incantare. d) Politica e conflitti. Si dice che la politica, attraverso le fondazioni, abbia cacciato Profumo. In realtà, chi ha speso tutto il suo potere per evitare il cambio al buio è stato il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, che ha convocato Giuseppe Guzzetti, presidente dell'Acri, nel suo ufficio milanese adiacente alla fondazione Cariplo e l'ha esortato a telefonare a Paolo Biasi (Cariverona) e a Fabrizio Palenzona (Crt), oltre che a muoversi lui stesso. Qualche esponente della Lega ha cavalcato il caso, non i capi. La stampa berlusconiana ha maramaldeggiato sul banchiere. Ma nell'esercizio reale del potere, Tremonti è la politica e le fondazioni non hanno ubbidito. Così come AUianz, Pesenti, Maramotti e tutti gli altri. A sostenere l'ad sono rimasti l'economista Lucrezia Reichiin e Salvatore Ugrestì, debitore di Unicredit, dunque in conflitto d'interessi temperato dal sapersi minoranza. e) Tremonti e la finanza, n ministro aveva provato a sottomettere le fondazioni nel 2002, ma venne respinto. Attaccò poi la Banca d'Italia di Fazio su Parmalat e si trovò sostituito da Berlusconi con Siniscalco. Di nuovo al governo, subì la nomina di Mario Draghi governatore. Varò i Tremonti bond per subordinare il credito al vaglio dei prefetti, ma le grandi banche, incoraggiate dalle fondazioni, li rifiutarono e ora Basilea 3 non li considera capitale, anche se sul momento il loro annuncio servì, e molto. Infine, la sfortunata difesa di Profumo. Morale: il rapporto tra politica e fondazioni funziona bene in Cassa depositi e prestiti dove non si gioca all'egemonia. Resta il fatto che chi ha messo fuori Profumo non aveva il sostituto pronto. E così la disobbedienza non può dirsi gloriosa. f) Stranezze libiche. In un'intervista alla Stampa, l'ambasciatore libico, Hafed Gaddur, sostiene che il presidente Rampi era informato da Tripoli delle mosse dei libici in Unicredit. Fonti accreditate dal Sole 24 Ore precisano che era il governatore della Centrai Bank of Libya a riferire a Rampi le mosse della Libyan Investments Authority, di cui è consigliere. Nell'intervista al Corriere, Rampi nega. Ma già il dirlo da parte libica prova l'intreccio operativo tra banca centrale e fondo sovrano che tutte le persone normali già supponevano. E ciò dovrebbe costringere il consiglio di Unicredit a negare il diritto di voto al fondo per far rientrare i capitali libici sotto il tetto del 5%. Massimo Mucchetti

IL ROM IDEALIZZATO

IL FOGLIO: Non ci si può stupire che i convogli IVI degli anni 40 abbiano avuto uno strascico così lungo che ogni volta che una porta viene chiusa una loro coda ci rimanga impigliata dentro". Ecco l'immenso senso di colpa, caro Adriano. Sta nella coda della tua piccola posta che, fosse solo per il fatto di una nostra battuta irrispettosa sull'Europa e dall'aver trasformato in manifesto di Tempi quel fondo del Foglio rosa, mi chiama in causa. E' molto interessante quello che argomenti. Solo che dalla prima all'ultima riga, gli argomenti producono sillogismi sbagliati proprio perché sono parametrati sul Sillogismo - starei per dire il Paradigma - che ci permettiamo di discutere apertamente, un po' come succedeva tra Abelardo e Bernardo, che si volevano bene seppure fossero fieri avversar! in quei tempi luminosi del medioevo. Così, per non arrenderci ai tempi oscurantisti dove discutere apertamente rischia sempre di apparire come una violazione del codice della tolleranza intesa come alibi dell'indifferenza etica, io ti contesto innanzitutto la suggestiva apertura: l'argomento di assimilare la cena al lume del miliarduccio di persone che muore di fame all'osservazione sull'estraneità, anche emotiva, in tema di soppressione ingegneristica, eugenetica e benevolente, delle bambine in pancia. E' evidente il diverso mainstream: la morte per fame e la morte per aborto non sono nello stesso paradigma. Anzi. Sono nell'opposto. Nell'odierno mainstream, la prima morte reclama le nostre lacrime, il nostro generoso impegno a cambiare il mondo, la nostra generosa azione. La seconda evoca noi teocon, instilla l'idea dell'uso politico del "dramma delle donne", giustifica l'anestesia delle menti e delle anime davanti ai non nati evocando l'ingiustizia del Fato, o delle condizioni igieniche, o della condizione subalterna delle donne. La prima morte incolpa i ricchi della loro ricchezza non redistribuita e ci chiama alla lotta per modificare lo stato delle cose presenti e future. E' un messianesimo universale. La seconda è la fissazione di Giuliano Ferrara. E' una religione che l'uomo si fa nella sua solitudine. Anche il secondo (irrisione dell'equazione zingaro=poco di buono) e il terzo (uso politico degli umori popolari) non sono dirimenti nel caso in questione. Ci è stato fatto osservare: "1.700 rimpatri via aerea con rimborso, effettuati per smantellare campi abusivi in un paese abitato da 400 mila rom assistiti dal sistema di welfare". Questa è la "cosa" davanti alla quale il termine "deportazione" o quant'altro di criminalizzante, non solo è sbagliato, ma è menzogna. Esattamente identica, sebbene di altro spettro, alla menzogna ahmadinejadiana che vuole l'Iran accerchiato da un mondo di satanassi che fingono di non vedere e sapere che la Repubblica islamica sta costruendo centrali nucleari per far fiorire il deserto mica per l'atomica. Quanto all'uso politico e fanfarone, che probabilmente c'è stato: gli stati si reggono anche sul calcolo politico, altrimenti non sarebbero stati ma la Sorbona intomo al secolo XX. Ma anche a voler ammettere una dimensione non machiavellica dei reggitor de' principati, sembra a qualcuno che la commissaria Viviane Reding e le intemerate del gruppo socialdemocratico a Strasburgo non siano fanfaronate che rispondono a demagogie politiche? Ed ecco la rilevanza della tua sottile e acuta contestazione, caro Adriano: essa suona come alta conferma di tutti i nostri dubbi circa l'ispirazione, diciamo così, filosofìca, del mainstream e, quindi anche delle ironiche leggi sui rom approvate in Europa: voi considerate il rom piuttosto che l'ebreo, per non parlare del cattolico, come un'idea di eventi cristallizzati nella storia. Siete un archivio storico e producete pensieri che vi impediscono di vedere il caso, l'avvenimento, l'imprevisto e lo stato di cose presenti. Lo zingaro non si alza al mattino con l'idea che avete voi del suo violino. Lo zingaro non cammina nel mondo come il fantasma della tragedia dei suoi avi. Lo zingaro non si introduce nottetempo e viene a rubare a casa mia perché è una vittima della società che non recependo pienamente le direttive di Bruxelles gli impedisce la libera circolazione e lo sviluppo della sua più autentica personalità che, un po' razzisticamente, voi siete convinti non possa essere altra che ,quèlla del nomadismo e del vagare più o meno romantico suonando Cajkóvskij. Lo zingaro è l'uomo e la donna e i bambini in carne e ossa che in questo momento sono accampati nelle nostre periferie e che una coscienza veramente civile e umanitaria non dovrebbe rassegnarsi a idealizzare. Tanto più quando la vita di queste persone nell'adesso del settembre 2010 (che non è una coda di vagone piombato del 1944), è fatta, e non di rado, di degrado, di promiscuità dove le bambine devono soddisfare le voglie di un parente, di accattonaggio forzato, di forzato analfabetismo, di sottomissione schiavistica delle donne, furti, rapine, omicidi. "E' l'esistenza di questo tavolo, indipendentemente dai tavoli considerati in generale, che origina lo choc filosofico". Lo choc e la meraviglia origina dall'opera educativa di suor Gloria del Nocetum di Milano, non dalle proteste contro le "deportazioni". E' in quel bambinetto rom strappato a quel- lo che per voi resta "il buon selvaggio", mentre è una selva cattiva, e che Gloria porta con sé e gli fa scuola e lo porta in terza media e gli mette la voglia e la prospettiva di studiare "e da grande voglio fare l'ingegnere". E' nell'Opera Nomadi che negozia con gli stati spazi e condizioni di sedentarizzazione, istruzione e integrazione. E' nel patto di legalità fatto dal comune di Milano, don Colmegna e i nomadi da lui assistiti, "e chi non lo rispetta, via". E' che se al campo Triboniano sprangano i lettighieri venuti a recuperare un giovane in fin di vita e quello muore, come è morto, io non volto la faccia dall'altra parte e siccome c'è già troppo casino su questa storia dei rimpatri forzosi dalla Francia, quello è morto, i lettighieri sono stati.sprangati, non succeda più, morta lì. Io, prefetto e magistrato, dovrei sollevare un casino e chiudere il Triboniano se non mi consegnate chi ha impedito a un'ambulanza di soccorrere un povero eristo. Stessa cosa vale per i borseggiatori davanti ai supermercati, ai ladruncoli negli appartamenti popolari, ai bambini accattoni ai semafori. E' un problema filosofico serio. Anzi, il problema di adesso, in tutte le cose. C'è chi si batte per sistemi così perfetti in cui non è più necessario essere ne buoni, ne cattivi, convinto che la vita è rimasta impigliata nella storia, quindi non è necessario discriminare il bene dal male. E c'è questo tavolo, questo violino, questo rom. Davanti al quale tu devi - devi! - prendere posizione. Non scorrendo l'ordine delle cose storiche, ma stando alla cosa in sé, adesso. Luigi Amicone

BRIGATE ROSSE: COSI INIZIARONO L'EPOPEA

Due buste postali con ciascuna un proiettile calibro 9 e in una la foto del ministro dell'Interno Roberto Maroni, nell'altra quella del vicepresidente del Senato della Lega Rosi Mauro, sono state recapitate ieri mattina alla sede romana dell'agenzia di stampa Ansa. , Dentro non c'erano documenti scritti e le due buste, che risultano essere state spedite mercoledì, hanno il timbro postale di Roma Fiumicino. Là vicenda, su cui indaga la Questura di Roma, ha sollevato un coro di solidarietà bipartisan nei confronti dei due esponenti leghisti. Dai vertici dei gruppi parlamentari della Lega Marco Reguzzoni e Federico Briccicai presidente del Veneto Luca Zaia al presidente dell'UDC Rocco Buttigliene al vicepresidente del Senato del PD Vannino Chiti al ministro della Giustizia Angolino Aliano. E in serata la procura di Roma ha fatto sapere che procederà per il reato di violenza o minaccia ad un corpo politico amministrativo. Gli accertamenti saranno coordinati dal pool antiterrorismo guidato da Pietro Saviotti. Gli inquirenti sono in attesa di un'informativa della DIGOS.

Dossieraggio?

e la farsa continua......qui

Thursday, September 23

François Géré, a French historian specializing in geostrategy, is notably the founding president of the French strategic analysis institute.

DISINF

RICORDIAMOCI DI UNA GRANDE VERGOGNA

E’ l’organismo del Vaticano che ha sempre creato il maggior numero di problemi a quella che è stata definita una multinazionale dello spirito; proprio perché di spirituale sembra abbia ben poco. La sua nascita risale all’11 febbraio 1887, quando papa Pecci, Leone XIII, costituì la Commissione delle Opere Pie. Roma è capitale d’Italia da neanche vent’anni, le cicatrici della Breccia sono ancora aperte, la Santa Sede non si fida di amministrazioni finanziarie esterne… Pio X nel 1908 confermò bisogno ed esistenza della gestione autonoma dei soldi vaticani, sotto un nuovo nome: Commissione amministratrice delle Opere di Religione.

E’ l’epoca del «prigioniero del Vaticano»; il Pontefice non varca le Mura Leonine, e l’attività della Santa Sede è limitata. Ci vogliono i Patti Lateranensi firmati un altro 11 febbraio – 1929 – per riconoscere la Santa Sede come Stato indipendente. L’accordo riconobbe l’extraterritorialità del minuscolo stato e dei suoi organismi; e per rifondere la Chiesa di una serie di espropri iniziati in era napoleonica e terminati con la presa di Roma le versava 750 milioni di lire; inoltre la Santa Sede riceveva titoli di debito pubblico per un miliardo. Con questa «dote» ha inizio la storia moderna della finanza di Oltretevere.

Il banchiere laico Bernardino Nogara fu scelto da papa Ratti, Pio XI, come capo della neo-costituita Amministrazione speciale per le Opere di Religione, l’antenato più recente dello Ior. Nogara accettò, a due condizioni: gli investimenti dovevano essere slegati da considerazioni religiose o dottrinali e doveva poter operare in ogni parte del mondo. Nel periodo – poco più di dieci anni – che separò l’accordo Stato-Chiesa dall’inizio della Seconda Guerra mondiale Nogara investì i capitali vaticani nell’economia italiana: energia elettrica, comunicazioni telefoniche, credito bancario, ferrovie locali, produzione di macchine agricole, cemento, acqua e fibre tessili sintetiche.

Il 27 giugno 1942 un documento autografo di papa Pio XII segna la nascita dell’Istituto per le Opere di Religione; una banca vera e propria con lo scopo di far fruttare i capitali a disposizione. Siamo giunti al periodo di tormentato e discusso della Banca vaticana. Se la sua esistenza trova una giustificazione – almeno agli occhi del mondo ecclesiale – nella necessità di porre al riparo da speculazioni, partecipazioni finanziarie problematiche da un punto di vista etico e indiscrezioni sempre temute, d’altro canto la gestione dello Ior egli ultimi sessanta anni è stata marcata da scandali e infortuni clamorosi.

Il primo grande scandalo risale agli anni ’60. Nel 1962 lo Ior deteneva il 24,5% della Banca privata finanziaria di Michele Sindona, al quale, nel 1969, papa Paolo VI affidò una consulenza per la modernizzazione dello Ior. A Sindona fu venduta la Società Generale Immobiliare, della quale lo Ior mantenne una quota del 3%. Successivamente, furono numerosissime le partecipazioni comuni, comprese le movimentazioni di capitali in paradisi fiscali, fra Ior e Sindona. Le disavventure giudiziarie del finanziere siciliano, e la sua morte per avvelenamento gettarono un’ombra pesante anche sulla banca vaticana.

Ma il peggio doveva ancora venire. Nel 1971 l’arcivescovo statunitense Paul Marcinkus, che si era guadagnata la fiducia di papa Montini, Paolo VI, per l’energia e l’efficienza con cui organizzava i viaggi papali, fu nominato presidente dello Ior, dopo un breve corso di formazione bancaria negli Usa, il suo unico (e scarso) bagaglio professionale.

Nel 1972 lo Ior possedeva circa il 51% della Banca Cattolica del Veneto. Per volontà di Marcinkus, il 37% delle azioni vennero cedute al Banco Ambrosiano di Roberto Calvi, provocando la reazione dei vescovi veneti e dell’allora vescovo Albino Luciani (futuro papa Giovanni Paolo I) che, non essendone stati informati, chiusero per protesta i loro conti presso la Cattolica del Veneto.

Dieci anni più tardi, nel giugno del 1982 esplose il caso del Banco Ambrosiano. Il crac della banca di Roberto Calvi vide il coinvolgimento diretto dei vertici dello Ior, che si salvarono dall’arresto solo grazie all’extraterritorialità della Città del Vaticano. Lo Ior fu, tra il 1946 e il 1971, il maggior azionista del Banco Ambrosiano; ma i problemi diventarono gravissimi con l’arrivo di Calvi. Marcinkus firmò lettere di «patronage» – una sostanziale copertura – per le operazioni eseguite all’estero, su società fittizie o di comodo. Tutte società fantasma con sede in paradisi fiscali, la cui funzione era fare da schermo alla scomparsa di circa duemila miliardi di lire dalle casse dell’Ambrosiano.

Beniamino Andreatta, allora ministro del Tesoro, impose la liquidazione dell’Ambrosiano. Marcinkus fu indagato in Italia nel 1987 per concorso in bancarotta fraudolenta. La Banca Vaticana non ammise alcuna responsabilità per il fallimento del Banco Ambrosiano, una commissione mista (Agostino Gambino, Pellegrino Capaldo e Renato Dardozzi per il Vaticano, Filippo Chiomenti, Mario Cattaneo e Alberto Santa Maria per lo Stato Italiano) giunse – non all’unanimità – ad ammettere una responsabilità morale dello Ior nel crac. Il 25 maggio 1984, a Ginevra, lo Ior siglò un accordo con le banche creditrici dell’Ambrosiano, versando 406 milioni di dollari a titolo di «contributo volontario». E gli affari ricominciarono…

L'amarezza di un colonnello dei servizi: addio memoria storica

Ecco come saranno i nuovi servizi. Carlo, lo chiameremo così il nostro amico, mantiene il gusto della battuta anche a un passo dalla (inattesa) pensione. Anche lei dall'avvocato? «Per uno che dentro è rimasto un colonnello è difficile fare certi passi. Però so di molti colleghi che ci sono già andati. E non li biasimo». Perché? «Nella riforma del 2007 c'è scritto che il segreto di Stato cade automaticamente dopo 30 anni. Prendo atto che mentre si lavora al modo per rendere discrezionale questa scadenza, si manda a casa gente con soli 20 anni di servizio. Significa che i segreti sopravvivono ai servizi». E alla memoria? «Vanno via tutti coloro che hanno più di 57 anni. Ma nessuno pensa quanto può essere rischioso non avere più nessuno che sappia che cosa siano le Brigate Rosse. Che faccia abbiano i loro reduci, che gente frequentino». Pare che tocchi risparmiare... «Vede, ho il sospetto che in questo periodo chiunque vada da Gianni Letta o da Giulio Tremonti aproporre un provvedimento dove compaiono le parole «tagli di spesa» abbia buone probabilità di vederselo approvare». Di solito, in questi casi, ci si rivolge all'opposizione. «Ma per carità! Tra di noi gira la registrazione di un intervento di. Massimo D'Alema (presidente del Copasir, ndr) su Radio Radicale, in cui dice testualmente che si è molto battuto per questo provvedimento e che dobbiamo cercare di liberare il servizio dalle ombre del passato». Peròsiparla, afine piano.di 200 nuove assunzioni. E D'Alemasostiene che entreranno tanti giovani per concorso. Non era ora? «Speriamo che vada così. Ma non vorrei che fosse una scusa per dare la possibilità ai potenti di turno di infilare ognuno la propria sporca dozzina», Vede altri rischi, cause a parte, in questo esodo di massa? «Se allude alla fuga dei dossier, la mia risposta è no. Conosco i colleghi e il loro senso delle istituzioni». La cronacaè piena di agenti scaricati che cadono in tentazione. «Questo è innegabile. Allora invertiamo il discorso. Diciamo che se un servizio straniero non particolarmente amico mandasse a casa in un colpo solo 570 persone, io a qualcuno di questi andrei sotto, come si dice. E magari farei centro». Si fa? «Di far fuori quasi 600 agenti in una botta sola?» La domanda era un'altra. «Io rispondo alla mia: non lo fa nessun servizio segreto al mondo. Troppo pericoloso».

PREPENSIONAMENTI LA RIVOLTA DEGLI 007

C'è chi và da quell'avvocato con lo studio più defilato, verso l'Eur. E c'è chi scivola in un portone a cento passi da Palazzo Chigi. Poi capita che ci si incontri in sala d'attesa, ognuno con la sua cartellina portadocumenti. «Anche tu qui?». «Sì, tocca anche a me». Le prime volte c'era imbarazzo, tra i funzionari della Ditta. Ora c'è una processione organizzata con cura, nella quale ci si divide a gruppi di 40-50 per studio. Così succede che sui 570 dipendenti da prepensionare, quasi un terzo sia già andato dagli avvocati. La Ditta, come la chiama chi ci lavora, sono i servizi segreti italiani. E il datore di lavoro è la Presidenza del Consiglio, che nei prossimi mesi rischia di essere subissata da una pioggia di ricorsi.  Il film, di solito, comincia così. Ti chiamano da una linea intema, ma non è Miss Monpenny che ti telefona per conto di "M", il misterioso capo di James Bond. l'ufficio del personale che ti chiede di salire. Se fosse un posto normale, ti consegnerebbero una lettera. Ma qui ogni comunicazione scritta è un pericolo. E allora ti fanno vedere una lista di alcuni fogli con una lunga serie di nomi.Puntano la penna sul tuo cognome, sui tuoi requisiti "57+40+20" (si vedrà più avanti che significano), sulla data in cui li hai maturati, o li maturerai. Metta una firma qui, per presa d'atto», ti dicono. Non ti puoi rifiutare. Torni giù nel tuo ufficio. Chiudi la porta, come da regolamento. E capisci che da oggi sei uno 007 da rottamare. veva svelato il piano-esuberi già il 20 luglio scorso, dopo un'audizione del prefetto Gianni De Gennaro al Copasir, il comitato parlamentare di controllo sui servizi. L'ex capo della Polizia oggi guida il Dis (il vecchio Cesis) e in base alla riforma del 2007 ha la competenza sull'organizzazione del personale di Aise (il vecchio Sismi) e Aisi (l'ex Sisde). In totale, secondo stime ufficiose, si tratta di almeno 4.900 persone. Di ritorno dalle ferie, ecco la conferma delle indiscrezioni. Dalla Gazzetta Ufficiale del primo settembre si scopre che è stato approvato un regolamento che definisce «misure straordinarie per razionalizzare e ottimizzare l'organizzazione della snesa e dei costi di funzionamento del Sistema di informazione per la sicurezza». Porta la firma di Gianni Letta, sottosegretario con delega ai sevizi, e il testo del provvedimento è coperto dal segreto. Più o meno. Prevede che nel prossimo triennio debbano andarsene a casa tutti gli agenti che hanno almeno 57 anni d'età; 40 anni di lavoro al servizio dello Stato e 20 nei servizi segreti. Il requisito dei 40 anni di contributi non è difficile da raggiungere, se si parla di gente che si è arruolata a 18 anni. O che nel corso del tempo ha riscattato la laurea. Così si è arrivati a quota 570 esuberi ed è per questo che c'è chi paria di «smilitarizzazione strisciante». Ma è sugli altri due scalini che si prevede battaglia. «La soglia dei 57 anni è irragionevole e su questo ci saranno denunce di incostituzionalità», anticipa un avvocato che ha già iniziato a studiare le carte. Secondo il suo ragionamento, ci sarebbe un'evidente disparità di trattamento con i magistrati, «che svolgono un mestiere egualmente usurante e però vanno in pensione a 75 anni». Ma ci sarebbe anche. una «irragioncvolezza intrinseca», perché «a 57 anni un agente è nel pieno della sua capacità di analisi e di gestione delle fonti». Incostituzionalità a parte, c'è anche il piccolo particolare di un regolamento che deroga alla legge Brunetta sull'età pensionabile. E un altro degli avvocati interpellati aggiunge che «salvare chi magari ha 65 anni ed è ai servizi solo da poco, è giuridicamente inspiegabile». Ma questo, chi lavora ai servizi,  spiegato facilmente: il requisito dei 20 anni in "Ditta" salva il posto a qualche fedelissimo dei nuovi capi, appena chiamato in posizione di vertice. Oppure a generali e prefetti sessantenni, spediti a Forte Braschi e dintorni per arrotondare lo stipendio alla vigilia della pensione. In una situazione del genere, ecco la nuova minaccia per i servizi di sicurezza italiani. La guerra delle carte bollate.

UN experts condemn Israel attack on Gaza

The three experts, nominated by the United Nations Human Rights Council to investigate the Israeli attack in which nine pro-Palestinian activists -- eight Turks and one Turkish American -- were killed, also said that Israel’s blockade of Gaza had caused a humanitarian crisis and was unlawful.The experts – judges from Britain and Trinidad and a Malaysian human rights campaigner – said in a report that the Israeli military’s action had used disproportionate force and “totally unnecessary and incredible violence” in intercepting the flotilla.“It betrayed an unacceptable level of brutality. Such conduct cannot be justified or condoned on security or any other grounds,” they said in the report, to be submitted to the rights council on September 27.“It constituted grave violations of human rights law and international humanitarian law.” The three experts said Israel had a right to security, and the firing of rockets into Israel from Hamas-controlled Gaza also constituted violations of humanitarian law. But the Israeli blockade of Gaza amounted to collective punishment of the civilian population and was not lawful in any circumstances, they said. The rights experts, who were not allowed to enter Israel, said Israel had refused to cooperate with their mission, and called on the Israeli authorities to identify those involved in the violence and prosecute them.
Israel, which says pro-Palestinian activists on the boat were killed when they attacked its commandos, had said from the outset it would not work with the probe by the rights council. Many nations believe the council, on which Islamic states and their allies have a majority, focuses on Israeli treatment of Palestinians at the expense of other rights issues. Israel has said it would cooperate with another UN probe convened by secretary-general Ban Ki-moon into the incident, which damaged Israel’s ties with Turkey. Israel is also conducting its own inquiry.

IOR : bankers in laundering probe

Italy’s finance police have seized €23m held by the Vatican in an Italian bank while the pope’s top two bankers have been placed under investigation for suspected money laundering. Police confirmed Italian media reports that they had confiscated the funds held by the Institute for Religious Works (IOR)  - the Vatican’s bank – in an account at Credito Artigiano, an Italian bank, following suspicions raised by the Bank of Italy over two attempted transfers.Ettore Gotti Tedeschi, formerly Bank Santander’s head of operations in Italy and a professor of ethical finance, was appointed head of IOR a year ago. According to sources close to the Vatican, one of his main mandates was to bring the bank in line with international norms and regulations on tax havens and money laundering.The second official being investigated is Paolo Cipriani, the bank’s director-general. The Vatican expressed its full confidence in Mr Gotti Tedeschi. In a statement it expressed surprise at the investigation and said it remained committed to financial transparency. The Credito Valtellinese group, which owns Credito Artigiano, said it had no comment. According to the Italian media reports, the central bank raised concerns last Wednesday over two attempted transfers of Vatican funds, totalling €23m, from its account at Credito Artigiano to unnamed beneficiaries at JP Morgan Frankfurt and Banca del Fucino. The investigation is being led by magistrates in Rome. Originally founded in 1887 and housed within a medieval bastion within the Vatican, IOR was thrown into crisis following the suspected murder of Roberto Calvi, director of Banco Ambrosiano who was found hanging from London’s Blackfriars bridge in June 1982. The Vatican was a major shareholder in Banco Ambrosiano and invoked a treaty that gave it immunity from Italian investigations. In 1984 the Vatican denied all wrongdoing but IOR paid $244m to creditors of the collapsed bank in exchange for the dropping of further claims against the Vatican. Angelo Caloia, Mr Gotti Tedeschi’s predecessor, was appointed in 1989 in an attempt to restore IOR’s health and credibility, but in the early 1990s its activities once again came under scrutiny during the so-called Enimont corruption trial involving Italian officials. IOR co-operated with the investigation and was not prosecuted. IOR, which does not publish its accounts, is believed by bankers to hold assets of some $5bn. It is overseen by five key cardinals, has no shareholders and its profits are used for charitable purposes. Mr Caloia said two years ago the bank had not invested in derivatives and had survived the global crisis through prudent management.

POLIZIOTTI CORROTTI CON SOLDI E DROGA

Blitz contro la squadra narcotici. Furti scoperti ascoltando conversazioni tra spacciatori e parenti. Sconcerto in Questura Poliziotti corrotti con soldi e droga Secondigliano, otto agenti in manette. Cancellavano le intercettazioni per evitare di essere scoperti Perfino gli spacciatori erano indignati per i furti dei poliziotti. Sembra un paradosso,emerge dalle intercettazioni nell'inchiesta che ieri ha fatto arrestare otto agenti del commissariato di Secondigliano: l'intera squadra antinarcotici. I nomi degli agenti: Costantino Soulas, Domenico Micillo, Vincenzo Granata, Luigi Fusco, Alfonso Molinario, Massimo Provenzano, Ricrearlo Lattanzi, Roberto Petrillo. Secondo l'accusa, nel corso di tré differenti occasioni si sarebbero impossessati di 15mila euro e di mezzo chilo di cocaina. Avevano tagliato le intercettazioni per non essere scoperti. Altre nove ordinanze, notificate in carcere, riguardano gli autori del traffico di droga, arrestati in flagranza. La storia è venuta ftiori ascoltando intercettazioni ambientali e conversazioni telefoniche dal carcere, come quelle tra Antonio Di Lauro, arrestato nell'ottobre 2009 perché aveva un'ingente partita di droga in casa, e i suoi familiari. La criminalità, l'inchiesta Droga in cambio di soffiate, otto poliziotti in cella. Secondigliano, anche i narcos «disgustati» dagli agenti infedeli. Non per le conseguenze dell'arresto, non per la quasi certa condanna, nemmeno per la lunga detenzione che si prospettava all'orizzonte. No, l'oggetto della loro rabbia e dei loro pensieri erano i poliziotti, un gruppetto di poliziotti - in sostanza, l'intera squadretta antinarcotici del commissariato di Secondigliano - che dalle loro case uscivano con le tasche piene: di soldi e di droga. Nel parlavano a telefono, ne discutevano nei colloqui in carcere. E davano consigli ai parenti: di nascondere denaro e tesserino bancomat, per esempio, per limitare il danno. Era tutto registrato, ma nei brogliacci delle intercettazioni comparivano soltanto una serie di omissis. Meglio, di brevi e generiche annotazioni con le quali, perprassi, si segnala una conversazione non pertinente o irrilevante ai fini delle indagini. Mai una trascrizione integrale, mai un approfondimento investigativo trasmesso in Procura a corredo degli arresti che pure avevano portato al sequestro di cocaina e di denaro. Erano gli stessi poliziotti a controllare le utenze telefoniche del gruppetto di spacciatori che operava al Rione Traiano e a Secondigliano e a oscurare le conversazioni che per loro si rivelavano imbarazzanti e pericolose. Sono stati gli stessi colleghi, assieme ai pm Enrica Parascandolo e Vincenzo Panieri, a capire che qualcosa non andava per il verso giusto. Quindi, l'incarico a un perito per scoprire cosa si nascondeva in dietro quegli omissis. Ieri mattina, a conclusione di un'indagine nata come appendice all'inchiesta principale sullo spaccio di droga, la Squadra mobile di Napoli ha eseguito le ordinanze di custodia cautelare firmate dal GIP Tommaso Miranda a carico dei colleghi: otto poliziotti che, all'epoca dei fatti contestati (che risalgono alla fine del 2009 e gli inizi di quest'anno), erano tutti in servizio a Secondigliano. I nomi: Costantino Soulas, Domenico Micillo, Vincenzo Granata, Luigi Fusco, Alfonso Molinario, Massimo Provenzano, Piercarlo Lattanzi, Roberto Petrillo. Rispondono, a vario titolo, di falso, peculato, detenzione illegale di stupefacenti. Secondo l'accusa, nel corso di tré differenti occasioni si sarebbero impossessati di quindicimila euro e di mezzo chilo di cocaina. Altre nove ordinanze, notificate in carcere, riguardano gli autori del traffico di droga, arrestati in flagranza nel corso dell'inchiesta: Antonio, Vincenzo e Pasquale Di Lauro, Giuseppina Aprile, Antonietta Marcene, Giuseppe Mazzaccaro, Ciro Soraniello, Giuseppe Vitale, Maria Di Febbraro. Secondo i PM Parascandolo e Ranieri, nella cui attività sono stati affiancati dal procuratore aggiunto Giovanni Melillo, gli episodi contestati agli otto poliziotti sono «solo una minima parte» di «condotte reiterate» e di «sistematici metodi di esercizio abusivo delle funzioni pubbliche». Oltre agli accertamenti tecnici, che costituiscono la parte fondante del materiale probatorio, anche le dichiarazioni di due collaboratori di giustizia, Carmine Sacco e Carlo Capasse. Inquietante il contenuto delle con versazioni intercettate, nelle quali gli arrestati si lamentano esplicitamente dei furti. Una parte dei soldi e della droga trovati durante le perquisizioni finiva, infatti, nelle tasche degli agenti. Ma in qualche caso si sarebbero appropriati anche di denaro personale, cioè quello contenuto nei portafogli, di oggettini d'oro (come la catenina del figliole! to di uno degli indagati), di occhiali da sole. Interventi massicci e sistematici, tali da indurre uno degli spacciatori, Antonio Di Lauro, a suggerire alla madre, in previsione di unanuova perquisizione, di togliere dall'appartamento ogni cosa di un qualche valore commerciale e di stare bene attenta agli agenti e ai verbali di sequestro da firmare. Falsi, ovviamente, per nascondere gli ammanchi.