Tuesday, January 31

U.S. NUCLEAR SUBMARINE: Destination Persian Gulf?

Two ships of the US Navy, the nuclear submarine USS Annapolis and the destroyer USS Momsen have passed through the Suez Canal into the Red Sea. Although their destination is confidential, they are now getting dangerously close to the Persian Gulf.

­The ships’ passage was a major operation for the Suez administration as due to safety reasons they had to close off the canal to all other traffic and even shut down the bridge, disrupting the link between the banks for some four hours. The traffic on the roadways alongside the canal was also restricted, Interfax news agency reports.

There are no reports regarding the destination of the vessels, but the news come amid the ongoing crisis in the relationship between the US and Iran. There is mounting speculation that the Annapolis and the Momsen are heading to the Persian Gulf to reinforce the US naval forces already present in the region.

Currently the US has two aircraft carrier groups in the region headed by USS Abraham Lincoln and USS Carl Vinson. It is expected that another aircraft carrier, USS Enterprise, will join the strike force in March.

Since the EU placed a new round of sanctions on Iran by putting an embargo on Iranian oil, Iran is once again threatening to use military force to close the Strait of Hormuz.

Meanwhile, a Kuwaiti maritime official said on Monday that the Gulf Cooperation Council group of Arab countries have contingency plans for coastguards and naval forces should there be an attempt by Iran to shut down the Strait of Hormuz.
­‘US imperial agenda is now concentrating on Iran’

­Tehran has offered IAEA officials the chance to extend their mission and says it is ready to prove its atomic ambitions are peaceful. But Ralph Shoenman, the host of radio program ‘Taking Aim,’ told RT that IAEA’s quest in Iran is hopeless.

“I say hopeless because the United States and the European capitalist spouse will always up the ante,” Shoenman explained. “You can be absolutely sure that the reports back from one or more of these inspectors functioning as intelligence operatives will say: ‘Well, there is evidence that they may be doing this and they may be doing that.’”

Shoenman believes that the US “imperial agenda, which makes countries their targets in sequence, is now concentrating on Iran.”

“The very idea that Iran is somehow obliged to open its frontiers to inspectors who are essentially penetrated and permeated by the Central Intelligence Agency and Mossad expresses what I am attempting to say to you,” he explained. “This is outrageous, this has no legitimacy and it should be repudiated and exposed for what it is.”

Journalist and author Afshin Rattansi says that there are no reasons why Iran would need another visit from such a biased organization as the IAEA.

“There are cameras, surveillance equipment over all the different sites,” he said. “The IAEA inspection regime, I think most analysts would say, is a front for a WMD [weapons of mass destruction] inspection that we have seen previously in that region.”

Israel ‘master of puppets’.

America’s frenzy over “diabolic” Iran has its roots not on the Potomac riverside, but rather on the banks of Tel Aviv’s Yarkon River: appeasing the US Jewish community has become an inevitable idiosyncrasy of the US presidential campaign. ­When America beats the drums of war over Iran, it may not always be driven by the Islamic state's alleged nuclear intentions.

Would-be US presidential candidates aren't shy when it comes to voicing their anti-Iran rhetoric in front of America's influential Jewish community. And America almost never misses an opportunity to praise its best ally. “Our iron-clad commitment, and I mean iron-clad, to Israel’s security has meant the closest military cooperation between our two countries, in history,” announced US President Barack Obama from a rostrum in Washington.

And the American President did not forget to point a proverbial punch at Israel’s greatest adversary. “Let there be no doubt: America is determined to prevent Iran from getting a nuclear weapon, and I will take no options off the table to achieve that goal,” Barack Obama insisted. However, for many American Jews and Israeli supporters, Obama’s war of words against Tehran doesn't go far enough.

The President of the Zionist Organization of America Morton A. Klein shared with RT that “It’s not enough to simply state you’re committed to Israel’s security. You have to promote policies that show that you’re serious about the security of Israel.”

“Israel, through his actions, feels that Obama is not committed to doing everything in his power to stop Iran from having nuclear weapons. Iran is an existential threat to Israel, and Obama should be saying so publicly, that he will support Israel in any military action necessary,” laid down Klein. Klein says an unprecedented number of American Jews and Israelis share his animosity, a feeling arguably underscored by the Israeli government. According to published reports, Tel Aviv would only give Washington 12-hours’ notice if deciding to strike Iran.

“I believe his [Barack Obama’s] policies are among the most hostile Israel has ever experienced out of any [American] president in my lifetime,” Morton A. Klein confessed. Recently, it was the life of President Obama itself being threatened in a column written by the owner of the Atlanta Jewish Times. In an article titled ‘What would you do?’ the newspaper’s publisher Andrew Adler listed the assassination of President Obama as one way to ensure Israel’s security.

“Give the go-ahead for US-based Mossad agents to take out a president deemed unfriendly to Israel in order for the current vice president to take his place, and forcefully dictate that the United States' policy includes helping the Jewish state obliterate its enemies,” he writes. Mark Glenn, journalist of Theuglytruth.com shared with RT: “I think the threat made to Obama, either play along with us, or we are going to kill you politically or literally, I think that it is a serious threat we have to take seriously.”

“The American president depends on money in order to get re-elected along with all other members of Congress and AIPAC [The American Israel Public Affairs Committee] is the largest lobbying group in the United States. It is the king maker and the king breaker,” Glenn concludes. The American Israel Public Affairs Committee declined RT's request for an interview. In the meantime, Obama finds himself facing another election and a slew of Republican opponents banging war drums against Iran – much louder than he does.

“With regards to Iran, which perhaps represents the greatest existential threat to Israel, we have to make it abundantly clear, it is unacceptable for Iran to become a nuclear nation,” proclaims Republican presidential candidate Mitt Romney. “If we re-elect Barack Obama, Iran will have a nuclear weapon,” declared Romney. “And if you elect Mitt Romney, Iran will not have a nuclear weapon.”

“When Rick Santorum is president, Iran will not get a nuclear weapon because the world as we know it will be no more,” promises another Republican candidate, Rick Santorum. The third Republican presidential aspirant, Newt Gingrich, said to CNN “I am a clear ally of Israel. I am very close to [Israeli President Benjamin] Netanyahu. I've said publicly, I would rather plan a joint operation conventionally, than push the Israelis to a point where they go nuclear.”

At a time when the US bears the burden of a broken economy, growing social unrest and ongoing military conflicts, many experts insist starting a war with Iran would not be in America's best interest. But in order to keep a best friend, many believe President Obama will be forced to put Israel's national security first.

Vladimir Putin says his country's economy is too dependent on export of raw materials, and should focus on modernization.

In an article published in Moscow's Vedomosti business daily, Putin, who will in March run for president, voiced his support for introduction of new technologies, but also for reform of the state administration. Putin wrote that Russia was facing a situation where owners of companies operating in Russia preferred to register them abroad, because the country was "losing the competition race when it came to the legal aspect", and said it was "inadmissible" for Russia to have an economy that "guarantees neither stability, nor sovereignty and prosperity".

Putin also said that current President Dimitry Medvedev's reforms from his election campaign program focusing on the economy "did not lead to significant breakthroughs" where the business climate was concerned. The prime minister announced privatizations of state corporations - whose founding he initiated - and added he believed that by 2016, the state's share in the commodities branch of the economy could be decreased, along with a finalization of the process of exiting from large companies in the non-commodities sector.

While Russia's advantage remains its vast reserve of mineral and natural resources, which amount to 25 percent of the country's GDP, Putin spoke in favor of a more active production and export of differentiated products "to all markets". In his article, Putin was critical of the state of the country's building and infrastructure sectors, describing them as "stuck in the last century", and announced new projects, including building of roads that would invite the participation of "well-known foreign companies".

The Russian premier and candidate for president backs "a change to the ideology of state control over businesses", as well as "the limiting of the functions of the state". He denounced "a lack of transparency in the work of state representatives, from customs and tax administrations, to courts and security".

"If we were to call a spade a spade - this is about systemic corruption," wrote Putin. The state itself, its executive and judicial authorities must change in Russia, he asserted, and added that "technological leadership must be reinstated".

Montenegro supports Jeremić's bid.

he Montenegrin Foreign Ministry announced on Monday it would back Serbia's Foreign Minister Vuk Jeremić in his run for president of the UN General Assembly.

Ministry's director of multilateral and regional cooperation Zoran Janković said Podgorica supported its neighbors, especially the ones from the former Yugoslavia, whenever they ran for something within international organizations.

"There is no reason for it be different in this case. Especially since a high-ranking representative of Serbia is in question," he stated.

Jeremić confirmed earlier he had entered the race to become the 67th president of the UN General Assembly, but added that the path to the office was long and complex.

If elected, Jeremić would sit at the head of the assembly for one year. His first official appearance would be in September 2012, when the assembly is set to begin its one-year session.

Antibiotics were once the wonder drug.

The pathogens thrive in warm, moist environments. They feel comfortable in people's armpits, in the genital area and in the nasal mucous membranes. Their hunting grounds are in the locker rooms of schools and universities, as well as in the communal showers of prisons and health clubs.

The bacteria are transmitted via the skin, through towels, clothing or direct body contact. All it takes is a small abrasion to provide them with access to a victim's bloodstream. Festering pustules develop at the infection site, at which point the pathogens are also capable of corroding the lungs. If doctors wait too long, patients can die very quickly.

This is precisely what happened to Ashton Bonds, a 17-year-old student at Staunton River High School in Bedford County, in the US state of Virginia. Ashton spent a week fighting for his life -- and lost. This is probably what also happened to Omar Rivera, a 12-year-old in New York, who doctors sent home because they thought he was exhibiting allergy symptoms. He died that same night.

The same thing almost happened at a high school in the town of Belen, New Mexico. Less than two weeks ago, a cheerleader at the school was hospitalized after complaining about an abscess. Twelve other female students had been afflicted with suspicious rashes. All the students tested positive for a bacterium that the US media has dubbed the "superbug."

The school administration in Belen believes that the bacterium was spread on mats in the school's fitness and wrestling rooms. The facility was thoroughly disinfected 40 times, and yet the fear remains.

Fears of a Pandemic

Microbiologists refer to this bacterium as community-acquired methicillin-resistant Staphylococcus aureus, or ca-MRSA. The terrifying thing about it is its resistance to almost all common antibiotics, which complicates treatment. And, in contrast to the highly drug-resistant hospital-acquired MRSA (ha-MRSA) strains, which primarily affect the elderly and people in hospitals and nursing homes, ca-MRSA affects healthy young people. The bacterium has become a serious health threat in the United States. Doctors have already discovered it in Germany, although no deaths have been attributed to it yet in the country.

The two bacteria, ha-MRSA and ca-MRSA, are only two strains from an entire arsenal of pathogens that are now resistant to almost all available antibiotics. Less than a century after the discovery of penicillin, one of the most powerful miracle weapons ever produced by modern medicine threatens to become ineffective.

The British medical journal The Lancet warns that the drug-resistant bacteria could spark a "pandemic." And, in Germany, the dangerous pathogens are no longer only feared "hospital bugs" found in intensive care units (ICUs). Instead, they have become ubiquitous.

About two weeks ago, consumers were alarmed by the results of an analysis of chicken meat by the environmentalist group Friends of the Earth Germany (BUND), which found multidrug-resistant bacteria on more than half of the chicken parts purchased in supermarkets.

The dangerous bacteria have even been detected on one of Germany's high-speed ICE trains. Likewise, more than 10 percent of the residents of German retirement homes have been colonized by MRSA bacteria. In their case, every open wound is potentially deadly. The pathogens have also been found on beef, pork and vegetables.

Another alarming finding is that about 3 to 5 percent of the population carries so-called ESBL-forming bacteria in the intestine without knowing it. Even modern antibiotics are completely ineffective against these highly resistant bacteria.

Diminishing Defenses

When the neonatal ICU at a hospital in the northern German city of Bremen was infested with an ESBL-forming bacterium last fall, three prematurely born babies died. Infestation with multidrug-resistant bacteria is normally harmless to healthy individuals because their immune systems can keep the pathogens under control. Problems arise when an individual becomes seriously ill.

"Take, for example, a person who is having surgery and requires artificial respiration and receives a venous or urinary catheter," explains Petra Gastmeier, director of the Institute of Hygiene and Environmental Medicine at Berlin's Charité Hospital. "In such a case, the resistant intestinal bacteria can enter the lungs, the bloodstream and the bladder."

This results in urinary tract infections, pneumonia or sepsis, which are increasingly only treatable with so-called reserve antibiotics, that is, drugs for emergencies that should only be administered when common antibiotics are no longer effective.

The Spread of Killer Bugs

Recently, an even greater threat has arisen. With the spread of ESBL-forming bacteria, reserve antibiotics have to be used more and more frequently, thereby allowing new resistances to develop. In fact, there are already some pathogens that not even the drugs of last resort in the medical arsenal can combat.

In India, where poor hygiene and the availability of over-the-counter antibiotics encourage the development of resistance, an estimated 100 to 200 million people are reportedly already carriers of these virtually unbeatable killer bacteria. There is only one antibiotic left -- a drug that is normally not even used anymore owing to its potentially fatal side effects -- that is still effective against these killer bacteria. In serious cases, people who become infected with these types of pathogens die of urinary tract infections, wound infections or pneumonia.

The killer bugs have also reached England, presumably through medical tourists who traveled to India for cosmetic surgery, and they have reportedly already infected several hundred people. A few cases have also turned up in Germany. Israel even experienced a nationwide outbreak a few years ago. Within a few months, about 1,300 people were afflicted by an extremely dangerous bacterium that killed 40 percent of infected patients. Even today, the same bacterium still sickens some 300 people a year.

The Post Antibiotic Era

This rapid spread has caused many to wonder whether more and more people in Germany will soon die of infectious diseases that were supposedly treatable, as happened in centuries past. Unfortunately, there are many indications that this might ultimately be the case. "We are moving toward a post-antibiotic era," predicts Yehuda Carmeli of the Tel Aviv Sourasky Medical Center. "But it won't happen on one day or at the same time in every part of the world. And that's the tragedy, because this means that it is not perceived as a serious problem."

The World Health Organization (WHO) recently warned against an impending medical catastrophe. And, in The Lancet, leading healthcare experts published an urgent appeal: "We have watched too passively as the treasury of drugs that has served us well has been stripped of its value. We urge our colleagues worldwide to take responsibility for the protection of this precious resource. There is no longer time for silence and complacency."

In fact, the carelessness with which doctors and farmers are jeopardizing the effectiveness of one of the most important groups of drugs borders on lunacy. Some 900 metric tons of antibiotics are administered to livestock each year in Germany alone. Instead of treating only those animals that are truly sick, farmers routinely feed the medications to all of their animals. Likewise, some 300 metric tons of antibiotics are used to treat humans each year, far too often for those merely suffering from a common cold.

A Foe We Helped Become More Flexible

This large-scale use inevitably leads to the spread of resistant bugs. Indeed, antibiotics offer ideal growth conditions to individual bacteria that have naturally become resistant through a small change in their genetic makeup. Simply put, they benefit from the fact that the antibiotics still kill off their competitors, the non-resistant bacteria.

In many cases, a genetic mutation isn't even necessary to allow a resistant bacterium to develop. Bacteria can incorporate bits of genetic material from other pathogens. For example, for millions of years, the gene for ESBL resistance lay dormant in the ground, where it was part of a complicated ecosystem of bacteria, penicillin-producing fungi and plant roots. Again and again, the gene was incorporated by human intestinal bacteria -- as useless ballast. It was only the large-scale use of antibiotics that provided the ESBL-forming bacteria with the opportunity to proliferate.

Recent studies show that quantities of antibiotics much smaller than previously thought can lead to the development of resistance. In retrospect, the uncontrolled dispensing of antibiotics has proven to be a huge mistake. "In the last 30 years, we have contaminated our entire environment with antibiotics and resistant bacteria," says Jan Kluytmans, a microbiologist at Amphia Hospital, in the southern Dutch city of Breda. "The question is whether this is even reversible anymore. Perhaps we can prevent only the worst things from happening now."

Shocking Levels of Antibiotic Abuse on Farms

Since a large share of resistant bacteria come from barns, it will be critical to drastically reduce the use of antibiotics in agriculture. Remarkably often, farmers, feedlot operators and veterinarians are themselves carriers of multidrug-resistant bacteria. Kluytmans has even demonstrated that the pathogens found in humans are very often genetically identical with the bacteria detected on meat.

It's virtually impossible to become infected by eating such meat, at least as long as it's well-cooked. The risk arises when raw meat comes into contact with small wounds. What's more, even vegetable crops can become contaminated when liquid manure is spread onto fields.

The exhaust gases emitted by giant feedlots for pigs and chickens could also pose a danger greater than previously thought. These meat factories blow bacteria, viruses and fungi into the air. The government of the western German state of North Rhine-Westphalia has commissioned a study to determine whether feedlots are discharging multidrug-resistant bacteria, thereby endangering people in the surrounding areas.

Last year, North Rhine-Westphalia was also the first German state to systematically investigate the use of antibiotics in chicken farms. The horrifying conclusion was that more than 96 percent of all animals had received these drugs -- sometimes up to eight different agents -- in their short lives of only a few weeks. "That was the proof that the exception -- namely, treating disease -- had become the rule," says Johannes Remmel, a Green Party member and the state's consumer protection minister.

Abysmal Feedlot Conditions

As the results of the investigation suggest, factory farming is to blame. The bigger an operation, the more antibiotics are administered to individual animals. Investigators also noted that the duration of antibiotic use was usually very short shorter than specified in the licensing requirements. This saves money, but it also promotes the formation of resistance.

The fact that livestock farmers mix antibiotics into feed has to do with production conditions in feedlots:

To produce veal, animals from different sources that are too weak for milk and beef production and likewise more susceptible to infectious diseases are often jammed into enclosures. Pigs are usually kept in very small spaces, making them very aggressive and causing them to fight. Their wounds have to be treated with antibiotics. In the past, it took 80 days until a chicken was ready for slaughter. Today it's only 37 days. Chicken farmers have a profit margin of only a few cents per animal. To minimize losses through disease, poultry producers and their veterinarian helpers use antibiotics as a preventive tool.

However, factory farming is also possible without the uncontrolled use of antibiotics. Dairy cows, for example, are usually not given these drugs since antibiotics would interfere with the production of cheese and yogurt. Nevertheless, there are still plenty of inexpensive milk products on supermarket shelves.

"In the Netherlands," says Kluytmans, "the use of antibiotics in feedlots was even reduced by about 30 percent within two years -- partly as a result of stricter regulations for veterinarians. That's more than we administer to humans." Unfortunately, he adds, the use of antibiotics in feedlots is practically a matter of religious belief.

Efforts to Combat Antibiotics Abuse

In early January, Ilse Aigner, Germany's minister of food, agriculture and consumer protection, unveiled a package of measures aimed at curbing the use of antibiotics in farm animals. The measures include stricter controls that would make it more difficult to add antibiotics urgently needed in human medicine to animal feed. Germany's federal government is also considering suspending veterinarians' right to dispense medicine. In contrast to doctors practicing medicine on humans, who prescribe drugs to be purchased at pharmacies, veterinarians can even directly sell drugs to farmers and feedlot owners, which means they stand to profit handsomely from the large-scale use of antibiotics.

However, Remmel, the consumer protection minister of North Rhine-Westphalia, believes that Aigner's proposals are "deceptively packaged," and he is calling for exact specifications on the amounts of antibiotics that can be used. Similarly, there is also little control over the use of antibiotics in human medicine. In Germany, in particular, doctors prescribe antibiotics as they see fit, whereas in the Netherlands doctors must first consult with a microbiologist.

"Just as in pain therapy, there really ought to be experts for treatment with antibiotics," says Gastmeier, the director of the Institute of Hygiene and Environmental Medicine at Berlin's Charité Hospital "But young doctors, in particular, are often relatively uninformed." Indeed, in medical school, they learn very little about the proper use of antibiotics.

Little Research into New Antibiotics

Still, even more responsible prescribing practices will hardly be able to stop the advance of resistant bacteria in the long term. What's more, no new antibiotics can be seen on the horizon. Only four pharmaceutical companies worldwide are still working on developing new agents. "Antibiotics have a serious problem," says Wolfgang Wohlleben of the Institute of Microbiology at the University of Tübingen, in southwestern Germany: "They actually work." Indeed, the drugs can get the better of an infection within a few hours or days, and then they are no longer needed. By contrast, patients taking drugs to fight high blood pressure or diabetes often have to take them for the rest of their lives. Which translates into steady, reliable profits for pharmaceutical companies.

Yet another factor making antibiotic-related R&D unattractive is the fact that doctors can only prescribe a new antibiotic in the most extreme of emergencies lest it lose its efficacy within a short amount of time. Given these circumstances, major pharmaceutical companies stopped searching for new antibiotics years ago. Nowadays, only small start-ups or university-based researchers are interested in the field.

Abandoned by Big Pharma

In reality, the search for new drugs should be getting easier rather than more difficult. In the 1990s, the large pharmaceutical companies spent several million euros searching for weaknesses in the genetic makeup of bacteria. But although the researchers were actually successful, the subsequently developed drugs never made the final leap into clinical use. "In the end, the risks of antibiotic research were simply too great for companies," says pharmacist Julia Bandow, who went into academia to continue studying antibiotics after working for the US-based pharmaceutical giant Pfizer for six years.

But without the large pharmaceutical companies, there can be little hope of progress. After all, testing a drug in human subjects takes years and costs millions. And, as Bandow says of her fellow academics, "We can't do it alone." If pharmaceutical companies refuse to invest in the necessary studies, it's critical for the government to step in. At the least, politicians could make the development of antibiotics more attractive, for example, by extending the time before patents expire so as to allow companies to earn returns on their investments for longer. But, so far, these are all nothing but ideas.

"At some point in the coming years," says microbiologist Kluytmans, "there will be a disaster involving resistant pathogens with many casualties. Only then will something change."

Monday, January 30

Il segreto piace.

Il livello di fiducia di noi italiani nelle Forze Armate raggiunge il 67,8%. Stesse percentuali per le diverse forze dell'ordine. Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza e persino Guardie Forestali. Ma quelli li vedi e li sai riconoscere. La sorpresa viene dai sempre bistrattati Servizi segreti, che compiono quest'anno un balzo in avanti, raccogliendo la fiducia del 40,6% dei cittadini con un aumento di ben 10 punti rispetto al 2011. Sulla base di quali valutazioni non viene spiegato, ed è un peccato, visto che sui Fantasmi di casa nostra non esiste né filmografia né leggenda romanzesca con sigle di identificazione che già ti introducono nel mondo avventuroso delle trame internazionali.

Ma non la Spia. Anzi. Nella storia post-fascista e faticosamente democratica dello Stato italiano, gli stessi Servizi, proprio perché segreti, sono stati percepiti come poteri spesso occulti e/o deviati. Non hanno mai goduto di buona fama. Questo almeno ciò che più si è scritto nella pubblicistica nazionale. Un po' prevenzione, ammette un vecchio giornalista, una quantità variabile di ignoranza, e qualche buona e grave ragione. Che poi, ad andare a guardar bene, se qualche "deviazione" c'è stata, forse occorrerebbe cercare prima il "mandante" politico del suo esecutore. Certo è che "Fare la spia" in Italia, anche per popolare cultura omertosa, "non sei figlio di Maria, non sei figlio di Gesù", eccetera.

Fantasmi senza nome. Chi, per caso o per mestiere ha avuto a che fare con qualche Fantasma nazionale sa che quanto sopra è superficiale e sostanzialmente non vero. Ma il mistero dell'aumentato indice di gradimento delle nostre spie di Stato resta un mistero. Un altro. Intanto per una questione nominale. "Spia", già visto, è improprio e antipatico. "Agente segreto" ti fa piombare ad Hollywood. Con 007 siamo alla caricatura, utile spesso a noi giornalisti per la sintesi nei titoli. "Funzionario di intelligence" sarebbe pomposo e poco intelligente per quella ostinazione perversa ad anglicizzare quello che avevamo inventato noi già dai tempi dei Medici e delle piccole ma potenti Repubbliche marinare.

L'invidia delle sigle. "Impiegato, funzionario, dirigente della Presidenza del Consiglio", sarebbe formalmente corretto ma assieme equivoco. Già te lo immagini imboscato in qualche antro di Palazzo Chigi, o con marsina e pennacchio ad accogliere delegazioni ufficiali e visite di Stato. Burocrate, commesso, cerimoniere? Non funziona. Per non parlare delle sigle. Uno dice Cia e anche un bambino pensa ad una possente struttura statale che si occupa di segreti. Uno dice KGB, anche se ormai, nel passaggio dall'URSS alla Russia ha cambiato nome, e piombi nelle paure di una onnipotenza occulta e crudele. L'una o l'altra sigla, simpatizzando o non per schieramento ideologico, comunque sono, esistono.

Passato torbido. In Italia, nella percezione comune e diffusa, i Servizi segreti semplicemente "Non sono". Già a rincorrerne i nomi e i ruoli ti incasini. Dopo l'Ovra fascista, più polizia politica che struttura di sicurezza dello Stato nei confronti del nemico esterno, con la Liberazione arriva il Sid. Servizio Informazioni Difesa. Difesa di che e da chi? Il dubbio di molti trova legittimazione da alcuni nomi legati a vicende tragiche: Miceli, Maletti, La Bruna. Eccetera. Ma lasciamo stare, non è in tema. Dall'altra parte avevi l'Ufficio Affari Riservati del ministero degli Interni. Un nome a caso: Federico Umberto D'Amato. La Bruna e D'Amato li ho incontrati più volte, abbiamo parlato, ma non eravamo amici. Chiariamo.

Fu Sismi e Sisde. Poi arrivarono tempi di democrazia semi sbloccata anche in Italia, la polizia aveva perso le stellette, ed eccoci al Sismi e al Sisde. Grossolanamente, spionaggio e controspionaggio. In realtà un gran pasticcio di incroci e sovrapposizioni arricchito da un terzo soggetto di "coordinamento" che si chiamava Cesis. Illusionismo offerto alla politica rappresentativa nel suo "voler sapere". Macchina burocratica per prefetti in attesa di promozione o pensionamento e per burocrati privati della divisa ma compensati da lauti stipendi. Con Sismi, Sisde e Cesis avevo concluso le mie frequentazioni giornalistiche nazionali. Meglio "Ismi" che "Isde", confesso, per esperienza professionale.

Scioglilingua. Ora, rientrato in Patria dopo anni da migrante della notizia, trovo un altro giro di valzer spionistico nominale datato 2007. Aisi ed Aise. Cacofonico e confusionario. Agenzia (molto Cia ma in versione italiana, come da sigla "I") per la Sicurezza Interna, o Esterna. Vale le lettera finale. Interno, Esterno. L'evanescente Cesis diventa Dipartimento delle Informazioni per la Sicurezza, Dis. Spionaggio e controspionaggio divisi per territorio, sembrerebbe di capire, nell'illusione di non inciamparsi l'uno sull'altro come capita sovente alle diverse forze di polizia. Siamo entrati nel dettaglio, ma non è questo lo scopo della nostra attenzione. Chi diamine sa che siano Aisi e Aise?

Sedi fantasmagoriche. Secondo quesito e osservazione critica. Dove abitano i Fantasmi? Certamente in qualche castello tipo Forte Braschi. Altri fantasmini abitano dalle parti di Via Cavour. Ma questo lo sa anche il cronista principiante. Salvo altre strutture legittimamente segrete. Il problema è un altro. Perché io cittadino italiano non posso trovare sull'elenco telefonico un recapito ufficiale dell'Aise come accade per la Cia in West Virginia, con le indicazioni autostradali verso Langley scritte a caratteri cubitali. Qui siamo a metà tra un problema di banale buon senso e un problemino più complesso di democrazia. Siete o non siete strutture dello Stato? Tutelate i segreti veri e abbandonate il ridicolo.

Servizio pubblico. Pochi mesi addietro, pre governo Monti, una telefonata di un accorato collega chiedeva aiuto. La sua agenzia giornalistica aveva firmato con la Presidenza del Consiglio un contratto di divulgazione dell'operato delle strutture dello Stato. "Ma come cavolo faccio con quelli dei Servizi segreti?", fu la domanda. "Avranno pure un ufficio di facciata, un recapito vetrina, un P.R. Scoperto?". Beh, nel mondo reale e della logica sì. In Italia no. "Ma le pubbliche relazioni?". Ecco, appunto, le relazioni con pubblico. Non per fare vetrina, non per divulgare attraverso qualche giornalista amico qualche colpo riuscito. Signori Generali Comandanti, pubblico siamo noi e voi ci dovete almeno riguardo.

Tutti a concorso. Io, lui, il mio amico, l'amica, il figlio dell'amico, vogliono sapere -inseguendo loro fantasie- come fare a diventare "Agenti segreti". E lo Stato, voi Fantasmi, non potete non dircelo. Come in qualsiasi -diciamo in molti- paese democratico accade. Lo voglio leggere su Internet, con tanto di formulario da compilare e inviare. Lo voglio perché è mio diritto di cittadino e lo voglio perché anche in casa vostra cessi il nepotismo che vi sta riempiendo di raccomandati e di zavorra. Da uno cresciuto in Rai il meccanismo è noto. Da vecchio cronista rompiscatole, ma con forte senso dello Stato, ho troppi nomi sullo stomaco di "figli di" cooptati. Basta, sappiamo e siamo molto incazzati.

Gli innominati. Eppure, lo dice anche l'agenzia di analisi ICSA, (Intelligence Culture and Strategic Analysis), sui temi della sicurezza, della difesa e dell'intelligence. Anche se è presieduta dal "sinistro" Marco Minniti. Che ci racconta lo studio di meno di un anno fa? Della "scarsissima conoscenza delle sigle Aisi e Aise". Persino l'inspiegabile Dis ha più "appeal". "In virtù della notorietà di Gianni de Gennaro, il Prefetto che attualmente lo dirige". Per non dire del Copasir, la commissione parlamentare di vigilanza sui servizi. "Incarico attualmente assegnato a Massimo D'Alema". Sta a vedere che credibilità ed efficienza futura dei Fantasmi di Stato di-pendono da sinistra! Per dirla in latino, «Qui gladio ferit gladio perit».

SERBIA: Criminals not to be national heroes any more.


Bringing of war criminals from the 90s to justice requires cooperation between all former Yugoslav republics. However, due to antagonism that was not the case. Proposal by Croatian President Ivo Josipovic about mutual efforts in bringing criminals to justice shall be probably discussed by the highest representatives of Serbia, Croatia and Bosnia/Herzegovina at the meeting at the Jahorina Mountain on February 3.

‘Serbia President Boris Tadic is open to all good regional initiatives. He has not been acquainted with President Jospipovic’s proposal and we expect that to happen at Jahorina’, ‘Blic’ was told at Tadic’s cabinet. At the cabinet of Zeljko Komsic, Croatian member of the BiH Presidency they did not want to comment on Josipovic’s initiative because ‘these are unofficial information’.

‘Members of the Presidency have not debated over the matter’, we were told at the cabinet of Komsic. At the same time at the cabinet of Nebojsa Radmanovic, Serbian member of the BiH Presidency we were told that the topic was discussed at the latest meeting between presidents of Serbia, Croatia and BiH Presidency at the Brioni.

La Cina e il Giappone hanno bisogno uno dell'altro, prima di tutto come partner economici e in secondo luogo per essere sicuri che non ci sarà nessun tipo di scontro militare.

In Occidente le relazioni tra il principale dei paesi «emergenti» e la superpotenza in declino viene di solito definita come una «sfida». Ma a chi e in che senso? E soprattutto, sarà proprio così? Immanuel Wallerstein Le relazioni tra Cina e Stati uniti sono oggetto di grande preoccupazione nei discorsi che attraversano il mondo (bloggers, media, politici, burocrati internazionali). L'analisi dominante interpreta la relazione come quella tra una superpotenza in declino, gli Stati uniti, e un paese «emergente» in rapida crescita, la Cina.

Nel mondo occidentale, questa relazione è di solito definita in termini negativi, la Cina viene vista come una «sfida». Ma sfida a chi e in che senso? Alcuni vedono I'«emergenza» cinese come il ritorno a una posizione centrale nel mondo, che questo paese aveva nel passato e che ora starebbe recuperando. Altri considerano che sia un avvenimento molto recente - la Cina acquisirebbe un ruolo nella geopolitica in movimento e nelle relazioni economiche mondiali del sistema-mondo moderno. Dalla metà del XIX secolo, le relazioni tra i due paesi sono state ambigue.

Da un lato, in quel periodo, gli Stati uniti avevano cominciato ad espandere le proprie vie commerciali verso la Cina. Avevano iniziato ad inviare dei missionari cristiani. Alla svolta del XX secolo, avevano proclamato la politica della «porta aperta», che più che contro la Cina era diretta contro le potenze europee. Gli Stati uniti volevano la loro parte del bottino. Comunque, poco dopo. gli Usa parteciparono, a fianco delle altre potenze occidentali, a sedare la ribellione dei Boxer contro l'imperialismo esterno. In patria, il governo Usa (e i sindacati) cercarono di impedire che i cinesi immigrassero negli Stati uniti.

Dall'altro lato, a malincuore, c'era un certo rispetto nei confronti della civiltà cinese. L'estremo oriente (Cina e Giappone) era la destinazione preferita per l'opera missionaria, più dell'India e dell'Africa, e questa scelta veniva giustificata con la supposizione che la cinese fosse una civiltà «più alta». Deve aver pesato anche il fatto che né la maggior parte della Cina né del Giappone furono mai colonizzate direttamente e che di conseguenza non c'era nessuna potenza coloniale europea che cercasse di fare proseliti per riservare la colonia ai propri cittadini. Dopo la rivoluzione cinese del 1911, Sun Yat-Sen, che aveva vissuto negli Stati uniti, nei discorsi pubblici era diventato un personaggio simpatico.

E all'epoca della seconda guerra mondiale, la Cina era vista come un alleato nella guerra al Giappone. Per questo, furono gli Stati uniti ad insistere perché la Cina ottenesse un seggio permanente al Consiglio di sicurezza dell'Onu. Certo, quando il partito comunista cinese ha conquistato la Cina continentale e fondato la Repubblica popolare cinese (Rpc), la Cina e gli Stati uniti setnbravano diventati feroci nemici. Nella guerra di Corea, erano su fronti opposti e fu l'attiva partecipazione militare della Cina a fianco della Corea del nord a far sì che la guerra finisse in un'impasse. Tuttavia, dopo un lasso di tempo relativamente breve, il presidente Richard Nixon andò a Pechino in un viaggio famoso, incontrò Mao Zedong e stabili de facto un'alleanza contro l'Unione sovietica.

Il mondo geopolitico sembrava essersi capovolto. In seguito all'accordo con la Rpc, gli Stati uniti ruppero le relazioni diplomatiche con Taiwan (pur rimanendo garanti contro un'invasione della Rpc attraverso gli stretti). E quando Deng Xiaoping divenne il leader della Cina, il paese avviò un processo di lenta apertura alle operazioni di mercato e di integrazione nei flussi commerciali dell'economia-mondo capitalista. Quando il crollo dell'Unione sovietica ha reso irrilevante qualsiasi alleanza Cina-Usa contro di essa, la relazione tra i due paesi non è veramente cambiata. E diventata. se non altro, ancora più stretta. La situazione attuale vede la Cina con un significativo surplus nella bilancia dei pagamenti verso gli Usa, gran parte del quale investito nei buoni del tesoro Usa, cosa che permette cos) agli Stati uniti di continuare a spendere grandi quantità di risorse nelle sue molteplici attività militari nel mondo (in particolare in Medioriente), e al tempo stesso di essere un buon cliente delle esportazioni cinesi.

Ogni tanto, la retorica a cui fanno ricorso entrambi i governi per definire l'altro si indurisce un po', ma non ha nulla a che vedere con la retorica della Guerra Fredda tra Stati uniti e Unione sovietica. Comunque, non è mai molto saggio prestare troppa attenzione alla retorica. Negli affari mondiali, la retorica di solito ha come primo scopo di produrre effetti all'interno del proprio paese, piuttosto che riflettere la vera politica nei confronti del paese a cui è ostensibilmente rivolta. Bisogna prestare maggiore attenzione alle azioni dei due paesi. Fate attenzione a ciò che segue: nel 2001 (appena prima dell'11 settembre), al largo dell'isola di Hai-nan, un aereo cinese e un aereo statunitense sono entrai in collisione. Molto probabilmente l'aereo statunitense stava spiando in Cina.

Alcuni politici statunitensi erano favorevoli a una risposta militare. Il presidente George W. Bush non era d'accordo. Ha più o meno chiesto scusa ai cinesi, ottenendo alla fine la restituzione dell'aereo e dei 24 aviatori statunitensi che erano stati catturati. Nei vari sforzi che gli Stati uniti fanno per ottenere l'appoggio delle Nazioni unite per le operazioni più varie, sovente i cinesi dissentono. Ma finora non hanno mai posto il veto a una risoluzione sostenuta dagli Usa. La prudenza da entrambe le parti sembra essere stata la forma di azione preferita, malgrado la retorica. Allora, a che punto siamo? La Cina, come tutte le grandi potenze attualmente, ha una politica estera multiforme, impegnata con tutte le parti del mondo. La questione è quali siano le priorità.

Credo che la priorità numero uno siano le relazioni con il Giappone e con le due Coree. La Cina è forte, certo, ma potrebbe essere immensamente più forte se facesse parte di una confederazione del nordest asiatico. La Cina e il Giappone hanno bisogno uno dell'altro, prima di tutto come partner economici e in secondo luogo per essere sicuri che non ci sarà nessun tipo di scontro militare. Malgrado alcune occasionali fiammate nazionalistiche, si sono visibilmente mossi in questa direzione. La mossa più recente è la decisione comune di commerciare tra loro utilizzando le rispettive monete, tagliando cosi fuori l'uso del dollaro, per proteggersi contro le sempre più frequenti fluttuazioni del valore del dollaro.

In più, il Giappone fa i conti con l'incertezza dell'ombrello militare Usa, che potrebbe non durare per sempre e, di conseguenza, deve venire a patti con la Cina. La Corea del sud è di fronte agli stessi dilemmi del Giappone, a cui va aggiunto lo spinoso problema di come comportarsi con la Corea del nord. Per la Corea del sud, la Cina è il vincolo cruciale dei nordcoreani. E per la Cina, l'instabilità in Corea del nord sarebbe una sfida immediata per la propria stabilità. La Cina può svolgere per la Corea del sud il ruolo che ormai gli Stati uniti non possono più avere. E nei difficili aggiustamenti tra Cina e Giappone in vista della collaborazione a cui i due paesi mirano, la Corea del sud (o una supposta Corea unita) può svolgere un ruolo di mediazione essenziale.

«Anche bombe sugli aerei italiani»

Per il generale Paolo Serra, che ieri mattina, a Naqoura, ha assunto il comando della missione Unifil in Libano, questa è una certezza. Si tratta del secondo generale italiano, dopo Claudio Graziano che ha ricoperto questo importante ruolo dal 2007 al 2010 e che oggi è capo di Stato maggiore dell'esercito, a guidare la missione Onu. Alla cerimonia del trasferimento di autorità tra il generale spagnolo Alberto Asarta Cuevas e il suo successore italiano erano presenti anche il ministro della difesa Giampaolo Di Paola, il sottosegretario agli esteri, Staffan De Mistura, il capo di Stato maggiore della difesa, Biagio Abrate oltre ai rappresentanti delle Nazioni Unite, le autorità libanesi e i colleghi delle forze armate libanesi.

«Il Mediterraneo e il Medioriente sono fondamentali anche per la sicurezza del nostro Paese - ha spiegato Di Paola - Il popolo libanese ha bisogno del nostro sostegno». Il ministro della Difesa è poi tornato sulla sua dichiarazione davanti alle commissioni congiunte esteri e difesa in merito alla volontà di utilizzare «tutti gli assetti presenti nel teatro operativo afgano» e di conseguenze di dotare di bombe gli aerei AMX. «1 nostri velivoli avranno a bordo anche le bombe ma questo non comporta un cambiamento delle regole di ingaggio - ha affermato - Ci troviamo in una fase delicata di transizione e sono possibili dei colpi di coda.

Abbiamo il dovere di proteggere i nostri militari con gli stessi mezzi con i quali abbiamo difeso il popolo libico e di assicurare loro il massimo delle forze disponibili. Ovviamente le armi non verranno mai utilizzate ai danni della popolazione ma solo a protezione dei soldati». In merito all'ipotesi di armare anche i Predator ha chiarito che attualmente i velivoli non possiedono questa capacità e di conseguenza non potranno essere usati armati.

In merito poi alla durata della missione in Libano ha dichiarato che «nessuno è in grado di dire quando finirà». Non è mancato un riferimento a quanto sta accadendo in Siria. «La situazione di questa regione non è semplice - ha dichiarato il sottosegretario Staffan de Mistura - e quello che sta avvenendo in Siria ci preoccupa molto. E importante che il Libano, in questo contesto, mantenga la sua stabilità. Ci onora che il presidente libanese abbia espressamente chiesto che fosse un generale italiano a subentrare al comandante spagnolo. La nostra risposta è stata il generale Paolo Serra».

The Serbian government has not yet discussed whether to hold parliamentary elections in Kosovo as well, says Kosovo Minister Goran Bogdanović.

But, he added, it is a fact that Serbian institutions are the backbone of the survival of our people in the province. "For that reason we must invest all our energy into preserving those institutions, but it is also necessary to rationalize them, because we cannot hold elections in municipalities where no Serbs live," he told Belgrade daily Večernje Novosti.

It is unnecessary, he continued, for the state "to finance the whole apparatus" in such towns.  Bogdanović once again addressed the issue of a planner referendum in the Serb north to say its holding would be "damaging":  "Representatives of local self-governments who are organizing the referendum must take the consequences, above all political in nature, because they cannot be representatives of the people to whose detriment they are working," asserted the minister.

The referendum, planned for February 14 and 15, is meant to have the Serbs north of the Ibar River, where they are the majority, officially reject the Kosovo Albanian institutions in Priština.

Bogdanović accused local leaders there of "caring more about partisan and personal interests than those of the citizens and the state", an that their actions "could have consequences for much more numerable Serbs south of the Ibar River who are afraid that the referendum will leave them aside and hand them over to Kosovo institutions".  It is necessary that all decisions made by the government be carried out in the whole territory of Kosovo and Metohija which we consider a part of Serbia. The referendum is a selfish decision toward Serbs in the rest of the country as well who are setting aside funds for the survival of us in Kosovo and Metohija," said Bogdanović.

As for the ongoing EU-sponsored Kosovo talks, and the issue of representation of Priština, he said the other side was rejecting "all our constructive solutions and stalling on purpose, wishing to diminish our chances of becoming a candidate (for EU membership".  "Squeezing out UN Resolution 1244 is unacceptable for us. I hope the EU mediator will apply pressure on Priština to accept a compromise that would mark Kosovo with a footnote that would be neutral in its approach," the minister concluded.

Israeli superdrone crashes and explodes

The Israeli unmanned aerial vehicle Heron TP, also known as the IAI Eitan, has crashed during a test flight near the Tel Nof airbase, south of Tel Aviv. Israeli radio reported that the Heron TP exploded after the crash. Nobody on the ground has been injured. The Israeli Air Force says technical failure or human factor could have caused the incident. The IAI Eitan was passed into service in February 2010.

The all-weather fully-automatic UAV was designed for strategic reconnaissance and carries a whole payload of sensors, optical and infrared cameras and is equipped for fire-control, also reportedly having assault capabilities. Thought to be the biggest UAV in the world, it is capable of reaching Iran.

With a wingspan of 26 meters, the IAI Eitan resembles a small airliner, though it weights only four tons. With a cruise speed of 300 kilometers per hour, it can stay in the air for up to 36 hours, and is able to cover a distance of 10,000 kilometers. Its payload is up to 1.8 tons. Tel Nof airbase, or Air Force Base 8, is one of Israel’s three principal airbases. It was opened by the British as the UK’s main airbase on Palestinian territory, and used to be known as Ekron Airbase.

È una chance storica che l'Europa e l'Italia.

La visita in Libia del presidente Monti e la missione in Egitto del ministro Terzi hanno riacceso per un attimo i riflettori su quanto sta accadendo a sud dell'Europa in crisi, riportando in agenda i rapporti con i Paesi del Mediterraneo e il loro risveglio democratico minacciato da interessi e forze reazionarie. È ancora sotto i nostri occhi lo sgretolamento di poteri oligarchici consolidati che ha stravolto l'equilibrio geo-politico di una delle aree più complesse del pianeta, dove lo sfruttamento di immense risorse naturali determina una profonda conflittualità ed un eterno squilibrio sociale. È fondamentale che l'Italia, per la sua posizione geografica e per la sua storia, recuperi un ruolo internazionale più incisivo, oltre che a Bruxelles, nei rapporti con i partner di quest'area. Questo sforzo, tuttavia, non può limitarsi a tutelare la continuità delle nostre relazioni economiche col Nord-Africa. Serve invece una profonda rottura col passato, soprattutto sul piano politico e culturale, che ci porti a guardare con più coraggio e attenzione ai Paesi in cammino verso una maggiore apertura democratica e a cogliere nuove opportunità di cooperazione in settori decisivi come la sostenibilità, la sicurezza, la tutela dell'ambiente, la ricerca. Bisogna mettere in campo le necessarie risorse e una nuova capacità di relazione e di collaborazione. E questo l'impegno che oggi porterà a Bari decine di presidenti di regione, sindaci e amministratori provenienti dai Paesi europei ed extraeuropei che si affacciano sul Mediterraneo, per la sessione plenaria dell'Assemblea Euro-Mediterranea delle amministrazioni locali e regionali (Arlem), inserita nell'ambito di Mediterre, il cantiere Euromediterraneo della sostenibilità promosso dalla Regione Puglia, e realizzata in sinergia con il Comitato delle Regioni dell'Unione Europea. Siamo convinti che mentre affrontiamo la crisi dell'Euro e cerchiamo una strada comune per tornare a crescere, non possiamo chiudere gli occhi sulle opportunità e sui doveri connessi al ruolo dell'Ue e dell'Italia in un'area strategica come questa. E il successo dell'Arlem mostra che possiamo contare su un importante patrimonio di esperienze. Per anni regioni e città mediterranee hanno collaborato intensamente in progetti finanziati con fondi europei. L'Arlem è nata a valle di questo percorso, come spazio di cooperazione istituzionale e amministrativa in cui condividere impegni comuni, promuovere reti di buone pratiche e costruire una dimensione di sviluppo Euromediterranea. La priorità di quest'anno è il contrasto alla mutazione climatica e alla desertificazione che accentua l'esodo di grandi masse di migranti (gli "ecoprofughi") verso le periferie urbane. In agenda la gestione delle risorse idriche, il sostegno alle piccole e medie imprese e la valorizzazione del patrimonio artistico e ambientale. Un patrimonio che, a 20 anni dalla prima Conferenza mondiale sul Clima di Rio, intendiamo tutelare e promuovere in una direzione sempre più sostenibile, puntando sugli elementi che accumunano i nostri Paesi come la centralità della risorsa mare e la biodiversità eco sistemica. La delicata situazione attuale richiede, però, la mobilitazione di tutte le energie istituzionali, da Bruxelles ai governi nazionali, agli enti territoriali, per attivare nuovi investimenti e accordi di cooperazione capaci di sostenere lo sviluppo di società più aperte e democratich. È una chance storica che l'Europa e l'Italia devono assolutamente cogliere, per ragioni più che mai evidenti sul piano politico, civile, culturale ed economico

Saturday, January 28

Italy discuss for military cooperation.

The two ministers also talked about and joint appearance of the two countries' defense industry in the markets of Africa, Asia and the Far East. Šutanovac, who is on a working visit to Rome, told Tanjug that Italy was currently in the process of taking over the command of a large peacekeeping mission in Lebanon, where around 1,000 Italian soldiers were deployed.

"We discussed the possibility of joint involvement in the mission, where the Serbian army currently has six officers. We also want to take part in EU peacekeeping missions, and in Operation Atalanta (in Somalia) where Italy has its ships," he noted.

He added the two countries had a long history of military cooperation. "We have now laid new foundations for cooperation, primarily in education and training, both of our cadets and officers, and of special forces," Šutanovac said, adding he and his Italian counterpart also talked about cooperation of military institutions and the possibility of marketing joint products in third markets.  According to him, the goal is to market joint products of the Military Technical Institute and its Italian partners in large markets such as Africa, Asia, the Far East and South America.

Di Paola pointed out after the meeting that the two countries had longstanding special relations which will continue to develop and strengthen.

He said educational exchanges of military personnel would continue in the future and added they had discussed the possibility of Serbia taking part in EU or UN operations carried out by Italy. “We are more then open to working together, once the Serbian government decides to take part,” stressed the Italian minister. He added that Italy strongly supports Serbia's accession to Euro-Atlantic institutions. “We are looking forward to it, we strongly believe in this and we will work on it inside the EU and bilaterally,” he pointed out.

Italian Minister of Defence Adm. Di Paola also stated that Italy strongly supported Serbia's European path and hoped that the candidate status would be granted to Serbia in March, which was Serbia's key foreign policy and defense goal.

Perché i dittatori cadono o restano a galla?

«In Siria è in corso uno scontro aperto eualcuno lo vincerà. Se vogliamo che non sia come ha dichiarato Obama, dovremmo sostenere i suoi awersari». Michael Leeden torna a polemizzare con l'Occidente, che fa la voce grossa e temporeggia all'infinto deludendo le speranze di chi prova a rovesciare le dittature. Come quelle di Damasco e di Teheran. Non ci sono regole, ma solo probabilità.

Nessuno lo sa veramente, e sono così tante le incognite che è impossibile quantificarle. Colpi di Stato e omicidi, rivoluzioni e sconfitte in guerra, addirittura improvvisi crolli, sono tutti da ricercare nei testi, antichi e moderni. Anche chi fra noi ha predetto la caduta delle tirannie — come il sottoscritto nel caso dell'impero sovietico — rimane sorpreso quando si verificano davvero. In effetti, non si riesce a prevederle. A ben guardare, quella iniziale potrebbe passare come una domanda sbagliata.

Esistono talmente tante variabili e, visto che un Gheddafi non sarebbe mai capitolato senza un deciso aiuto esterno tiranno potrebbe sopravvivere a una crisi che invece potrebbe far crollare un altro dittatore, dovremmo formulare interrogativi specifici su ciascun tiranno e ricorrere a esempi storici di situazioni simili per aiutarci nella comprensione. Alcuni anni fa, quando lavoravo con Walter Laqueur, gli chiesi cosa stesse leggendo.

Mi rispose qualcosa come: «Principalmente biografie». Fu una bella lezione. Alcuni dittatori andranno in crisi, mentre altri diventeranno più forti e determinati. Con quale delle due categorie abbiamo a che fare in ogni specifica situazione? La domanda, quindi, non è cosa fa cadere in generale le dittature, ma "che probabilità di caduta ci sono per un determinato dittatore?".

Dobbiamo osservare attentamente le singolari caratteristiche di un regime ed evitare l'inutile ricerca di regole. Infine, non dimenticate che l'Onnipotente ci ha posto sulla terra per valore di intrattenimento. La maggior parte delle volte, con molta probabilità, ci è dato sbagliare. Quanti di noi si sarebbero aspettati una battaglia all'ultimo sangue per Gheddafi? Quanti avrebbero previsto che Gorbachev e il suo impero sovietico sarebbero implosi senza alcun conflitto? Di solito non siamo abbastanza svegli per prevedere queste cose.

Ecco perché il naso, non il cervello, è il più grande strumento di percezione sul rischio crollo di un regime. Perchè rileva le prime tracce di marcio, che generalmente accompagnano un imminente fallimento di volontà da parte del governante. Quindi, dobbiamo prestare particolare attenzione agli odori degli stessi tiranni e alla natura delle loro strutture governative. Non esistono regole generali appunto. Ci sono alcuni modelli che potrebbero aiutarci a rispondere — o a scovare — le domande giuste. Trovo sempre molto intrigante quando qualcuno crede di poter predire con sicurezza che un tiranno stia per crollare, come se si trattasse di applicare vecchie regole da manuale.

È da mesi che seguo con interesse come esperti su esperti non facciano che dirci che Bashar Assad sta per cadere. Proprio qualche giorno fa, niente meno che Dennis Ross, recentemente uscito dall'Amministrazione Obama, ci ha rese note le sue certezze in merito. A giudizio di Ross quello che abbiamo davanti è un regime che dipende completamente dalla coercizione. E questa sta fallendo. Ora, quando un regime totalmente dipendente dalla coercizione perde il proprio punto di forza, è chiaro che non avrà vita lunga. Lo spero proprio anch'io! Prendiamo allora due contro-esempi vicini a Damasco e che entrambi hanno l'Iran come proscenio.

Nel 1953, il premier Mohammed Mossadeq manda lo scià in esilio all'estero e milioni di persone scendono nelle strade di Teheran e delle altre città del Paese per festeggiare la vittoria di Mossadeq. II sovrano però torna in presto dall'esilio e il primo ministro viene rimosso. Di nuovo, milioni di persone festeggiano l'evento, proprio come pochi giorni prima si erano espressi a favore di Mossadeq. È evidente: ogni regime può crollare come pure rialzarsi. Venendo più ai giorni nostri, nell'estate del 2009, milioni di iraniani si oppongono ai brogli elettorali che hanno permesso ad Ahmadinejad di restare presidente.

Il regime ha dato via alla sua repressione, ma le proteste sono andate avanti. Proprio come oggi in Siria. La coercizione non ha funzionato. Al contrario, ha generato sfide ancora maggiori per la legittimità del regime. Le violenze del regime sono state ancora più dure, i dissidenti sono stati arrestati, torturati e massacrati. II regime così è sopravvissuto per un periodo più meno lungo. C'è poi una lunga serie di esempi, che include la Primavera di Praga nel 1968, in cui la repressione è risultata inizialmente fallimentare, per poi invece arrivare al successo. E altri, quali le cosiddette rivoluzioni colorate nelle repubbliche dell'ex Urss, in cui è sembrato che la dittatura sarebbe stata sconfitta e poi invece è tornata. Chiedete a Putin e a Medvedev come sono andate le cose.

Ma anche ai libanesi, oppure agli egiziani. Noi non sappiamo, non possiamo sapere come finirà in Siria, Libia o in 'Tunisia. Non sappiamo e probabilmente non sapremo mai per quanto tempo Bashr alAssad andrà avanti a massacrare il suo popolo. Al momento, non c'è ragione di pensare che il livello di violenza possa essere ridotto. Come del resto, non abbiamo idea e non ci è dato calcolare quanti ufficiali siriani di alto rango potrebbero disertare. Del resto, non abbiamo un quadro esaustivo delle capacità strategiche dei comandanti del Free Syrian Army che, con circa 700mila uomini, stanno fronteggiando il raìs.

Ancora più importante, non possiamo valutare se e in che maniera l'opposizione siriana riuscirà a ottenere un valido appoggio straniero, elemento fondamentale per il destino di Assad. II mio cuore sobbalza quando sento un uomo dalle doti politiche di Dennis Ross che è alla ricerca di una linea di comunicazione, piuttosto che di intervento in loco. Quando si auspica una condanna di Assad, lo sento dichiarare «che non dobbiamo preoccuparci e che non possiamo fare nulla».

Siamo di fronte a un errore intellettuale che sovverte il concetto di buona politica. In Siria è in corso uno scontro aperto e qualcuno lo vincerà. Se vogliamo che non sia Assad, come ha dichiarato Obama, ci conviene appoggiare i suoi avversari. È inverosimile che l'opposizione siriana possa vincere da sola, così come gli oppositori di Gheddafi non ce l'avrebbero fatta senza il sostegno delle forze occidentali. Di nuovo: sono gli esempi passati a dirci come sarà il futuro. Un supporto vigoroso dell'Onda Verde, nel biennio 2009-2010, avrebbe portato al potere Moussavi e i suoi aTeheran.'lùttavia, i governi occidentali, presidente Obama compreso, hanno preferito sostenere il regime dei mullah e così non è cambiato nulla.

Questo ha incoraggiato sicuramente gli iraniani da un lato e la cricca degli Assad dall'altro a resistere ancora più tenacemente alla crisi. Convincendoli che Obama non farà nulla per decretarne la loro caduta. Io non sarei, quindi, così sicuro che il destino di Assad sia segnato. Né del resto mi sbilancerei a dire che il regime iraniano abbia ormai prevalso. Le crisi sono determinate dalla tenacia dei popoli nel sopravvivere. È una questione di volontà, nervi saldi e fortuna, ma anche di leadership e imprevisti. Pensiamo ai terremoti, per esempio, i quali sono apparsi alle volte essenziali per la caduta di un tiranno.

È il caso del nicaraguese Anastasio Somoza. Proprio come gli assassini siriani, che vanno di pari passo con i criminali iraniani, credono di poter seguire i più recenti esempi storici, così l'opinione pubblica a Teheran sta osservando con molta attenzione i fatti in Siria.

Se qui l'opposizione vincesse, specie nel caso di un intervento occidentale, quella iraniana riprenderebbe coraggio. Se al contrario dovessimo continuare a tradire la libertà siriana, gli iraniani di ambo le parti — Ayatollah e loro avversari — arriverebbero alla conclusione che la lezione della storia è stata ben metabolizzata. E questa non dice: ride bene chi ride ultimo. Invece di leggere nei fondi di caffé, i nostri leader farebbero meglio a tentare di vincere. Senza troppi timori.

Un biennio di analisi sbagliate ha peggiorato la crisi e tolto la fiducia.

La cosa forse più straordinaria capitata in questi due anni di crisi dell'euro è la distanza, lo scarto concettuale fra la dinamica degli eventi e la rappresentazione che ne viene data, completa di ricette operative, dal pensiero economico prevalente e dalle autorità politiche. La crisi, partita con dimensioni limitate dalla periferia greca, si è aggravata fino a diventare un pericolo letale per l'Europa proprio a causa della dissociazione fra cosa e idea, fra patologia e diagnosi, fra dati di fatto e schema teorico.

Il tema principale della crisi è la fiducia, il suo progressivo sfaldamento. Gli squilibri negli scambi fra le aree del mondo, l'enorme creazione di liquidità avvenuta nell'ultimo quadriennio, la conseguente crescita di volatilità degli indici hanno provocato smisurate dissoluzioni di capitale aumentando il debito, già elevato, a carico prima dei circuiti finanziari e poi degli stati sovrani. In queste condizioni le garanzie poste a tutela del debito, l'abilità gestionale in quanto strumento di conservazione della fiducia diventano il presupposto degli scambi, il fattore principale che regola i flussi di capitale. La promessa di stabilità fa premio sulle valutazioni di rendimento: ciò che in passato era implicito, scontato, diventa questione, rovello.

Il rischio percepito intorno agli stock frena i flussi. Prima del crac Lehmann (settembre 2008) il rischio era rimosso (almeno nelle intenzioni), scompariva nella tecnologia degli algoritmi, si scaricava all'esterno, sempre più lontano. La fiducia, matematizzandosi, era garantita e i flussi si gonfiavano. Oggi il rischio emerge co- me tratto dominante e con fatica trova chi lo assume (se lo carica): la fiducia si scioglie, le attività fanno stallo, i flussi si riducono. La descrizione della crisi lascia invece sullo sfondo il debito e si concentra sui flussi: il deficit corrente è la variabile principale e la disciplina di bilancio diventa la chiave risolutiva: se migliora fino a generare avanzi significativi, il debito viene imbrigliato e, grazie a una progressiva erosione anno per anno, si riporta a dimensioni maneggevoli.

La fiducia si restaura con una virtù protratta nel tempo. Sanzioni automatiche che neutralizzano con la rigidità dell'algoritmo le tentazioni discrezionali della politica sono considerate la migliore garanzia per il mercato. La virtù corazzata dalle sanzioni offre una tutela di principio al debito e non ha bisogno dei poteri d'intervento (e dissuasione) con cui la politica difende la moneta.Spostare l'attenzione dal debito, che innesca la crisi di fiducia, al deficit, che in via storica l'ha prodotto, significa sbagliare il tempo, mancare la comprensione della fase d'eccezione che oggi si vive. Il tempo si è accorciato, la proliferazione dei soggetti che operano ha moltiplicato le alternative d'investimento che competono su scala mondiale e le soluzioni di lungo periodo hanno poca presa sulle decisioni minuto per minuto che fanno il mercato.

In uno scenario di elevato debito e di forti differenziali di produttività la disciplina di bilancio, soprattutto se da conquistare a tempi medi, non fornisce garanzia sufficiente, non è motore di fiducia. Il Regno Unito, do- tato di una propria moneta ben sostenuta, paga interessi sui propri titoli inferiori a quelli della Francia, anche se ha numeri di debito e deficit pari o peggiori. L'Europa che non mette al centro della sua azione la fiducia in via di sfaldamento e quindi la gestione e riduzione del debito perde attrattiva per i capitali, accentua la fragilità delle sue banche (che sommano alle sofferenze dell'economia reale un'alta quota di titoli nazionali di debito) e si offre come bersaglio per operazioni che sfruttano la volatilità dei mercati.

Perché accade tutto ciò? Per quale motivo durante un arco di tempo così lungo come l'ultimo biennio si è perseverato in un'analisi sbagliata, ci si è rinchiusi in una visione fantasmatica? Vengo- no in mente almeno tre motivazioni che si elencano in ordine crescente di importanza. Una è di carattere culturale. C'è in Europa un ampio consenso accademico su una visione macroeconomica che mette in primo piano la stabilità dei prezzi e la disciplina di bilancio, inquadra il debito come una variabile da tenere sotto controllo entro questi parametri e considera la politica industriale - se attuata in tale contesto - come un utile strumento di indirizzo e stimolo dell'economia.

I tempi eccezionali della crisi sono stati letti entro un paradigma pensato per tempi normali: le ricette distorte dell'ultimo biennio, prima fra tutte l'idea di erodere il debito con piccoli surplus annui di bilancio, ne sono il risultato. La seconda motivazione rimanda agli interessi che si sono consolidati attorno all'espansione dell'area pubblica: gestione delle attività, organizzazioni specializzate, poteri connessi. Mettere in primo piano la questione del debito implica come conseguenza operativa la cessione di ampie quote del patrimonio pubblico: ciò però accorcia il raggio degli interessi costituiti, scompagina poteri, redistribuisce l'equilibrio delle forze entro l'apparato dello stato.

Ne derivano ostruzioni e resistenze: le favorisce la farragine normativa, nazionale e comunitaria, che rende tortuose operazioni di cessione e le copre una diffusa ideologia che teorizza la proprietà pubblica come garanzia dei diritti collettivi o tutela delle posizioni sociali più deboli. La terza motivazione è la più importante di tutte e mostra anche un segno di svolta storica. La strategia monetaria e finanziaria seguita nell'Eurozona durante l'ultimo biennio ha conseguenze molto diverse da paese a paese: ad alcuni distribuisce premi, ad altri punizioni.

L'unità monetaria, la varietà fiscale e l'assenza di un vertice politico con cogenti poteri di coordinamento moltiplicano gli squilibri amplificando sia i vantaggi sia le difficoltà. L'arzigogolata architettura di regole e obblighi dell'Unione si rivela, in fase di tensione, uno strumento competitivo, un'arma di offesa per conquistare vantaggi sui partner. In Europa l'incremento, fino alla prevalenza, di elementi conflittuali è un processo di lungo periodo che rimonta indietro nel tempo alla fase conclusiva della presidenza Clinton e al termine (1998) del lungo cancellierato di Helmut Kohl.

In quegli anni, che vedono crescere l'idea del mondo multipolare, comincia ad allentarsi il legame atlantico e prende corpo la visione di un'Europa che, accelerando il passo dell'integrazione e allargandosi fino ai limiti continentali, accentua il proprio profilo di autonomia (la fortezza Europa); la strategia militare di Bush jr. dopo 1'11 settembre e gli scossoni finanziari conseguenti allo scoppio della bolla dot.com acuiscono le divisioni atlantiche (Chirac e SchrSder a fianco di Putin e in contrasto con gli americani), ma la costruzione europea, contro le aspettative di molti, si blocca: nel momento in cui è sciolta da un vincolo politico forte, aggrava il suo originario deficit di legittimità (nei trent'anni precedenti il suo motore espansivo erano state le sentenze della Corte di giustizia e la cattura di spezzoni di sovranità da parte delle élite tecnico-diplomatiche di Bruxelles) e va incontro a difficoltà politiche crescenti.

Un nuovo progetto costituzionale viene respinto da Francia e Olanda, l'allargamento a 27 aumenta in misura ragguardevole la complessità gestionale e diplomatica dell'Unione, i rammendi istituzionali approntati per rimediare allo smacco dei referendum persi e al caos da espansione disegnano un ghirigoro normativo che favorisce diplomazie trasversali e opportunismi nazionali, il condono delle sanzioni da applicare ai due paesi più forti che nel 2003 avevano sforato la soglia del 3 per cento di deficit conferma la curvatura strumentale della meccanica comunitaria: tra il 2001 e il 2004 l'Europa si introflette sulla scena mondiale, si allontana dai cittadini come un compound autocentrato e diviene il teatro di una competizione strisciante e opportunista fra stati.

La Germania è il paese che, grazie all'abilità politica di Schroder, futuro presidente di una società russa dei gasdotti, coglie meglio il nuovo stato di cose: chiama a un patto di sviluppo i soggetti sociali, riorganizza la produzione, migliora la produttività, sostiene l'espansione verso i mercati dell'Asia. La ristrutturazione permette alla Germania di catturare al meglio le opportunità insite nel sistema di governo della moneta ispirato al marco: l'euro, gravato da economie deboli, consente all'export tedesco prezzi largamente inferiori a quelli che sarebbero toccati al marco e toglie a insidiosi concorrenti lo strumento della svalutazione.

Quando, dopo il 2008, la crisi di fiducia si trasmette dal circuito bancario ai debiti sovrani, il peculiare impianto di governo dell'euro, che affida il giudizio dei mercati sui debiti sovrani solo alla disciplina di bilancio e impedisce interventi fmanziari di sostegno, dissocia entro l'Unione monetaria le traiettorie delle diverse economie: quelle più deboli diventano un target indifeso (perché dare chance al loro debito?) e si potenziano quelle forti che nell'incertezza sanno distillare fiducia (i rendimenti dei titoli tedeschi scendono sotto zero). L'Unione e le sue regole di comando si trasformano in strumenti di egemonia: culturale in primo luogo e commerciale di riflesso.

La Germania resiste a operazioni di solidarietà monetaria non per cocciutaggine bottegaia ma per una molteplice convenienza: fiscale, economica, politica. In fondo è l'unico paese in Europa che dispone di un'alternativa strategica: o un'Unione larga messa disciplinatamente in riga o un'associazione ristretta di taglia baltica, complementare con la Russia. Dall'altro lato i paesi mediterranei per ora hanno una strategia sola e obbligata: fare i compiti a casa e poi sperare di ottenere lo zuccherino di qualche (modesto) sostegno tecnico. Diciamolo, come linea di battaglia non è granché.

Dall'Egitto alla Tunisia leader musulmani a caccia di investimenti.

Le rivoluzioni hanno pesato circa 56 miliardi di dollari in termini di riduzione del Pil, le economie hanno bisogno di investitori per ripartire Ugo Tramballi DAVOS. Dal nostro inviato M Ma lei non si sente un po' a disagio ad essere qui? «Perché mai? E al Forum che sono gli investitori, non al Cairo. Quindi siamo venuti al Forum», rispondeAbdel Moneim Fotuh, candidato islamico alle presidenziali egiziane. I Fratelli musulmani incontrano il capitalismo: il confronto è interessante, il risultato non ancora chiaro. Solo un anno fa la gente era già in piazza Tahrir ma a Davos ancora si celebravano le riforme economiche orientate al mercato, fatte dai regimi arabi nostri amici.

Il World Economic Forum ha sempre commesso degli errori e ha sempre saputo correggersi. Perché il business occidentale molto preoccupato li ascoltasse, sono stati invitati il premier tunisino Hammadi Jebali, il capo del Governo marocchino Abdellah Benkirane e Fotuh. Silenzioso, c'è anche Rachid Gannouchi, il leader politico e morale del partito islamico moderato Ennahda, vincitore delle elezioni tunisine. Tutti islamici.

L'unico laico è Amr Moussa, anche lui candidato alle presidenziali egiziane. Il quadro del problema è descritto da Jebali: «Ottocentomila disoccupati, aoomila dei quali laureati: un quarto destinati alla disoccupazione; 400mila giovani guadagnano un euro al giorno. Questa è la nostra sfida». Il primo ministro si riferisce alla Tunisia ma parla per tutti gli altri. Il prezzo della libertà è stato più o meno calcolato:56 miliardi di dollari in termini di riduzione dei Pil nei Paesi delle Primavere. Il quadro è forse molto più preoccupante.

Il nocciolo del problema è come la crisi sarà affrontata. Qual è, se ce n'è uno, il modello economico dell'Islam politico che vince le elezioni? «Oggi possiamo garantire i vostri interessi più che in passato. Voi investitori europei dovete tornare da noi, abbiamo bisogno dei vostri investimenti», s'infervora il marocchino Benkirane. «Ma abbiamo bisogno di stabilità sociale, dovete tenere conto che nei nostri Paesi sono state commesse molte ingiustizie nel nome dell'economia di mercato».

Fotuh, che si sente in campagna elettorale, trova un bello slogan per far tornare i 5o milioni di turisti di un tempo: «Il sole in Egitto è sempre lo stesso». Anche con gli islamici. «Vogliamo un sistema fiscale che garantisca giustizia sociale: come gli americani. Abbiamo bisogno della proprietà pubblica e privata. Diciamo una correzione del capitalismo, come Occupy Wall Street». Non quel capitalismo delle riforme passate, screditato dall'inesistenza di distribuzione dei benefici e dalle rivolte. Ma capitalismo in ogni caso.Abdelilah Benkirane capisce che il messaggio non è chiarissimo né convincente.

Occorre di più: «È vero, da giovani eravamo estremisti. Quando siamo entrati nella sfera politica abbiamo capito, siamo diventati più realisti. Se ancora avete dei dubbi - dice al business del Forum - venite a trovarmi, pranzeremo insieme. L'unica cosa che non farò sarà offrirvi del vino». Uscendo dalla sala delle conferenze, mentre spiega di sentirsi a suo agio a Davos, Abdel Fotuh incrocia Tim Geithner. Dopo i Fratelli musulmani tocca parlare al segretario al Tesoro americano. Il contatto è casuale e fugace. Prima o poi dovrà essere più concreto.

Serbia’s deputy PM and Interior Minister Ivica Dačič says relations between Serbia and Montenegro should be harmonized since the two peoples are very close.

He explained that the two countries’ citizens had excellent relations while politically Serbia and Montenegro were each other’s biggest enemy. “I think it’s time we get over it,” the minister pointed out. He noted that Serbia had a national interest and a legitimate right to take care of its people living outside Serbia, including Montenegro.

“I know there are no two other peoples in the world who are closer than the Serbian and Montenegrin peoples, no matter where they live. This is why every attack on each other is like spitting on oneself. The attacks that come from both states are counterproductive,” Dačič explained.

According to Podgorica-based daily Dan, the Serbian minister repeated that Montenegrin assembly speaker’s adviser Andrej Nikolaidis’ statements were “very dangerous”. He explained that statements that lament the fact that the explosives had not been used were not a freedom of speech.

“Those are very dangerous statements that can legitimize terrorist attacks,” the interior minister underscored. He added that such statements were creating a bad atmosphere in relations between the two countries.

Thursday, January 26

Crisi: non si può escludere che l'austerità porti la crescita.

Nel suo classico "La favola delle api, ovvero vizi privati e pubbliche virtù" (1724), il filosofo e satirico anglo-olandese Bernard Mandeville descrisse in versi la storia di una prosperosa società (di api) che improvvisamente decide di fare dell'austerità una virtù, abbandonando tutte le spese eccessive e i consumi stravaganti.

Cos'era successo, poi? "Crollano i prezzi della terra e delle case; / palazzi incantevoli, le cui mura, / simili a quelle di Tebe, che erano state elevate a suon di musica, / si devono dare in affitto. / (...) L'architettura è del tutto abbandonata. / Gli artigiani non trovano più alcun impiego. / Le poche api che restano, vivono miseramente. /

Non si è più preoccupati di come spendere il proprio denaro, ma di come guadagnarne quanto basta per vivere". Questi versi non suonano forse vicini a quello che molti paesi avanzati stanno passando, dopo che una crisi indotta dalla finanza ha lasciato il passo al lancio dei piani di austerità? Quella di Mandeville è forse un'autentica profezia dei nostri tempi? "La favola delle api" ha avuto un vasto seguito ed è all'origine di una disputa che è arrivata fino ai nostri giorni.

I piani di austerità adottati da buona parte dei governi europei e di altri nel resto del mondo, sommati alla riduzione dei consumi dei singoli cittadini, minacciano di produrre una recessione su scala globale. Ma come possiamo sapere se Mandeville aveva ragione rispetto all'austerità? E' difficile che il suo metodo di ricerca — un lungo poema per illustrare una teoria — possa suonare convincente a orecchi moderni.

Alberto Alesina, economista a Harvard, ha recentemente raccolto le provenecessarie a capire se una riduzione di un deficit sovrano — che è come dire un taglio alla spesa e/o un aumento delle tasse — provochi sempre effetti negativi: "La risposta a questa domanda è un sonoro no", scrive Alesina. A volte, forse addirittura spesso, le economie si sviluppano in modo soddisfacente a seguito di brusche riduzioni dei deficit governativi. Può darsi che,a volte, un programma d'austerità rafforzi la fiducia tanto da alimentare una ripresa economica.

Dobbiamo esaminare la questione con attenzione, non dimenticando che il problema sollevato da Mandeville è di natura decisamente statistica: il frutto di una riduzione del deficit non è mai del tutto prevedibile, perciò possiamo soltanto chiederci qual è la probabilità che un piano del genere possa riportare con successo alla prosperità. Per l'economista Valerie Ramey, il guaio è che si sceglie il rigore soltanto quando la situazione è già grave sperità economica.

E il problema più grande, in questo caso, è rendere conto di possibili fenomeni di causalità invertita. Per esempio, se i sintomi di un periodo di prosperità economica portano un governo a preoccuparsi dell"overheating" del mercato (il surriscaldamento dato dalll'afflusso eccessivo di capitali stranieri, che li porta a finanziare anche investimenti improduttivi) o dell'inflazione eccessiva, si può provare a raffreddare la domanda interna alzando le tasse o riducendo la spesa statale.

Se il governo riuscisse a evitare anche lievemente il surriscaldamento del mercato, un osservatore sprovveduto potrebbe pensare di trovarsi di fronte a un caso in cui l'austerità ha rafforzato l'economia nazionale. Allo stesso modo, il deficit governativo potrebbe essere calato non per effetto dell'austerità, ma perché le aspettative di crescita economica che si sono create sui mercati azionari permettono al governo di incassare entrate maggiori dall'imposta sulle plusvalenze.

Di nuovo — ma questa volta dal punto di vista dei bilanci statali— ci ritroveremmo di fronte a uno scenario osservando il quale si potrebbe concludere che l'austerità porti prosperità. Jaime Guajardo, Daniel Leigh e Andrea Pescatori, del Fondo monetario internazionale, hanno recentemente studiato diciassette piani di austerità messi in atto negli ultimi trent'anni.

Il loro approccio è diverso da quelli usati finora: si sono focalizzati sugli intenti dei governi e non hanno considerato soltanto l'andamento del debito pubblico, ma anche quello che poi gli esecutivi stessi hanno dichiarato a proposito. Hanno analizzato i discorsi sul debito, rivalutato nei dettagli i programmi di stabilità e hanno persino considerato le interviste concesse da esponenti del governo.

Hanno considerato "piani di austerità" soltanto i casi in cui i governi hanno imposto aumenti di tasse o tagli alla spesa funzionali perché li consideravano nzionali a una politica prudente, in grado di dare benefici sul lungo termine, e non perché dovevano rispondere a rischi economici nel breve termine o alla possibilità che il mercato si surriscaldasse. La loro analisi ha rilevato una chiara tendenza dei programmi di austerità a ridurre i consumi e a indebolirel'economia.

Questa conclusione, se valida, costituisce un ammonimento severo per i politici di oggi. Invece altri, come Valerie Ramey dell'University of California di San Diego, sostengono che Guajardo, Leigh e Pescatori non hanno giustificato del tutto le loro conclusioni. E' possibile, dice Ramey, che i risultati a cui sono giunti riflettano una sorta di causalità inversa: potrebbero descrivere la tendenza dei governi a usare l'austerità nei confronti di un debito pubblico eccessivo soltanto quando hanno ragione di credere che le condizioni economiche in cui si trovano potrebbero rendere il peso del debito insostenibile.

Potrebbe sembrare un comportamento improbabile - uno sarebbe portato a pensare che delle pessime prospettive economiche suggeriscano ai governi di posticipare, piuttosto che accelerare, le misure di austerità. In risposta ai commenti di Ramey, i tre economisti del Fmi hanno aggiunto alla loro analisi anche la percezione che i mercati avevano della serietà del problema del debito al momento dell'approvazione dei piani di austerità, arrivando a risultati molto simili a quelli a cui erano arrivati in precedenza.

Ma Ramney potrebbe avere ragione: anche se uno scoprisse che i tagli alla spesa o gli aumenti delle tasse sono seguiti da tempi cupi per l'economia, questo non basterebbe a escludere che la colpa possa essere di tutt'altri fattori. In definitiva, il problema principale delle valutazioni dell'efficacia dei programmi di austerità è che gli economisti non possono condurre degli esperimenti controllati in tutti i dettagli.

Quando c'era da testare il Prozac sui pazienti depressi, i ricercatori li hanno divisi a sorteggio in gruppi di controllo e gruppi sperimentali. Fatta la divisione, avevano iniziato a sottoporli a numerosi test. Con il debito di una nazione non possiamo fare niente di tutto questo. Quindi, che cosa dobbiamo concludere? Che le analisi storiche non ci insegnano niente di utile?

Dobbiamo forse tornare alle argomentazioni astratte di Mandeville e dei suoi epigoni, John Maynard Keynes incluso, che pensava che ci fossero buone ragioni per aspettarsi che l'austerità avrebbe prodotto periodi di depressione? Non c'è una teoria astratta che può prevedere come la gente reagirà a un programma di austerità. Non abbiamo altra alternativa che guardare ai dati storici. E le prove portate da Guajardo e dai suoi co-autori ci dicono che sì, le decisioni con cui un governo adotta deliberatamente un programma di austerità tendono a essere seguite da momenti molto duri.

I politici non possono permettersi di aspettare per decine di anni, in attesa che gli economisti gli offrano una risposta definitiva (che peraltro potrebbe benissimo non essere mai trovata). Ma, a giudicare dagli elementi in nostro possesso, i programmi di austerità, in Europa come altrove, sembrano ragionevolmente diretti a risultati molto deludenti.

L'esigenza di schierare i caccia-bombardieri F-35

Appena a largo, quando Civitavecchia è scomparsa alla vista, da poppa Staffan de Mistura e il comandante della portaerei, l'ammiraglio Luigi Binelli Mantelli, hanno lasciato cadere in mare una corona d'alloro per ricordare le vittime della Costa Concordia.

Il picchetto è sugli attenti, la tromba suona il silenzio, le pale degli elicotteri oscillano al vento, qualcuno tra gli ambasciatori a bordo non nasconde la commozione. Alle nostre spalle, sull'isola, la torre alta che finisce con l'antenna, spicca il motto: «In arduis servare mentem».

Esattamente quello che non è successo all'Isola del Giglio che è davanti a noi a circa 40 miglia marine. Lo raccomandava Orazio di conservare la lucidità nei momenti difficili. Impossibile non accostare le due navi. Lo fa, infatti, il sottosegretario agli Esteri Staffan de Mistura.

«Una tragedia, ma l'Italia è altro da questo». Un messaggio che i 37 rappresentanti diplomatici saliti a bordo hanno apprezzato. «Da una nave di eccellenza come questa - dice il sottosegretario - abbiamo voluto ricordare con dolore la tragedia, la nostra solidarietà alle vittime, ma anche ricordare che l'efficienza deve essere collegata con un buon addestramento e che molti, molti italiani hanno fatto la loro parte in quella occasione».

Con queste parole è iniziata la breve navigazione per mostrare le potenzialità che ha questo gioiello della Marina mihtare, una delle due portaerei che ha l'Europa, agli ospiti della Cavour per l'iniziativa «Ambasciatori a bordo». La nostra ammiraglia, per le possibilità operative, coniuga 1 esigenza di mantenere l'efficienza della forza navale italiana e i tagli alla Difesa dovuti alla crisi.

«Tutte le nazioni - dice il rappresentante della Farnesina - dovranno fare attenzione a una situazione economica difficile. Credo che la "Cavour" in qualche maniera sia la risposta in questo senso. Come mantenere l'eccellenza e nello stesso tempo risparmiare». La nave, infatti, è una unità multiuso: può essere impiegata come portaerei, come centro comando, come base per operazioni anfibie, come nave ospedale in casi di calamità e per fermare i pirati.

Ieri al largo di Civitavecchia è stata solo una spettacolare dimostrazione: uomini arenati si calano su una nave dall'elicottero Nh 90. Scendono sul ponte della Duilio che affianca la nave a dritta, ma lo stesso potrebbe accadere e accade quando si tratta di ispezionare a largo una nave perché sospetta. Il Bh 101, invece, scende sul ponte e lascia un ferito. È una dimostrazione, ma ad Haiti è successo davvero, quando questo stesso ponte ha fatto spazio al dolore e alle lacrime degli haitiani.

I due Harrier AV8-B Plus a decollo verticale fanno acrobazie entusiasmando tutti. È stato utile averle fatte anche in scenari di guerra. Il progetto è sostituirli con gli F-35. Lammiraglio Luigi Binelli Mantelli assicura che il «Programma JSF» che si riferisce a questi aerei va avanti: «Il progetto - spiega - è eminentemente aeronautico: l'aviazione militare ha bisogno di questo veivolo per il suo futuro.

La Marina si è aggregata a questo programma perché ha l'esigenza di sostituire gli attuali Harrier. Il nuovo aereo moltiplica le nostre capacità, sicuramente almeno le raddoppia rispetto a quelle attuali e serve anche a completare le capacità della portaerei». Il sole tramonta quando la nave rientra in porto. Sbarcano tra gli ambasciatori anche quelli di nazioni che hanno beneficiato di queste nostre capacità. Potrebbero dirci quanto questi nostri mezzi li hanno aiutati a crescere.

"Ottimo lavoro, Leon". Navy Seal in Somalia.

I servizi segreti americani battono i servizi francesi sul loro campo tradizionale, l'Africa. Si è dovuto aspettare fino al mattino per scoprire perché martedì sera il presidente americano, Barack Obama, prima del discorso sullo stato dell'Unione, si è congratulato a microfoni aperti con il segretario alla Difesa, Leon Panetta. Nella notte del Corno d'Africa, otto ore più avanti rispetto al fuso orario di Washington, una squadra di Navy Seal a bordo di due elicotteri aveva appena liberato due ostaggi in mano ai pirati del nord della Somalia, grazie a informazioni precise.

Dopo uno scontro a fuoco Jessica Buchanan, una bionda fotogenica di 32 anni, americana, e Poul Hagen Thisted, di 60, danese, sono stati trasportati via, verso la base americana di Gibuti, illesi. Nove pirati sono stati uccisi e cinque catturati. I due lavorano per un'ong che si occupa di sminamento ed erano stati catturati il 25 ottobre scorso, "per costringere gli Stati Uniti a ritirare le navi da guerra che sorvegliano le rotte commerciali", avevano detto i rapitori.

Il governatore della regione di Galmudug, Mohamed Ahmed Alim, conferma la presenza di dodici elicotteri americani ancora sulle piste dell'aeroporto della capitale locale, Galkayo, e parla di negoziati in corso per il rilascio di un terzo ostaggio, un giornalista americano sequestrato sabato. Torna l'Obama a cui piace giocare il ruolo del freddo, come già era successo ad aprile, quando diede l'ordine di attaccare il covo di Bin Laden e poi intrattenne i giornalisti durante una serata di gala con la stampa, in tight e sorrisi e candore.

Imperturbabile come Michael Corleone nel "Padrino", scrisse Maureen Dowd sul New York Times. In Africa orientale il presidente può contare su una rete combinata di intelligence e militari che ormai supera i servizi segreti francesi, tradizionalmente più avanti di tutti gli altri sul grande continente, anche se loro sono proiettati di più sulla costa a occidente - grazie ai legami con le ex colonie.

Cinque giorni prima del blitz per la liberazione degli ostaggi, un capo di al Qaida è stato ucciso da un aereo senza pilota vicino a Mogadiscio. Secondo il Guardian la posizione del libanese con passaporto inglese Bilal al Berjawi è stata rintracciata grazie a un suo errore, poche ore prima avrebbe fatto una telefonata a Londra, sul cellulare della moglie che aveva appena partorito. Berjawi, difeso in contumacia da avvocati inglesi per reati di terrorismo, evitava di entrare in contatto con loro per non esporsi a questo tipo di rischi.

L'ultima volta era stato avvistato in Kenya, a Nairobi, dove si era rifugiato dopo essere stato ferito durante alcuni bombardamenti dal cielo nel luglio 2011 imputabili - ancora una volta - agli americani e alla loro caccia. La Cia e i militari che lavorano assieme (per questo sono arrivati i complimenti a Panetta) hanno buoni contatti? E' verosimile.

Nel luglio 2011 il settimanale americano The Nation ha descritto in un lungo articolo le operazioni dei servizi americani in Somalia, la mezza dozzina di edifici e gli otto hangar incorporati all'aeroporto internazionale Aden Adde di Mogadiscio che è la zona relativamente più sicura della capitale (perché alle spalle ha l'oceano Indiano), e una seconda base nascosta nell'edificio della Agenzia di sicurezza del governo so- malo, da dove fanno sapere: "Gli americani sono i nostri più grandi finanziatori.

E pagano anche molti agenti locali sul campo, 200 dollari al mese che qui è una cifra importante, per tenere d'occhio che cosa succede in giro". Ci sono altri contatti. Il presidente del Puntland (che è la regione semiautonoma dove ieri è avvenuto il blitz dei Navy Seal) è Abdirahman Mohamed Mohamud, conosciuto anche come Farole, e a novembre ha autorizzato Stephen Heifetz, della Steptoe & Johnson LLP, a rappresentare lo stato a Washington come lobbista in materia di sicurezza e guerra ai pirati.

Heifetz è un alleato potente, scrive il sito specializzato Africa Intelligence. Ex uomo della Cia negli anni Novanta, poi al dipartimento di Giustizia e a quello della Sicurezza interna (tra il 2006 e il 2010). La Direction générale de la Sécurité Extérieure si sta muovendo invece con meno sicurezza.

A ottobre il rapimento della paraplegica Marie Dedieu da un resort nel Kenya, nonostante le ricerche frenetiche sulla costa della Somalia e i combattimenti ingaggiati dai commando francesi del Commandement des opérations spéciales - negati dal governo di Parigi - è finito con la morte dell'ostaggio e la furia del presidente Nicolas Sarkozy, altro che "Padrino" americano, a detta dei ministri che erano accanto a lui quando arrivò la notizia.

A nord ci sono movimenti - elicotteri francesi con a bordo negoziatori sono stati visti atterrare all'aeroporto di Hargeisa - e pressioni sul governo del Puntland, perché organizzi uno scambio di prigionieri per liberare un agente dell'intelligence francese, Denis Allex, rapito a Mogadiscio nel 2009. Per ora le pressioni sono state inutili.

Monday, January 23

LIBIA: Abdel Hafiz Ghoga si dimette.

Il numero due del Consiglio di transizione libico, Abdel Hafiz Ghoga si dimette. Lo ha annunciato egli stesso ad al Jazira. «Non voglio influenzare il Consiglio e mi dimetto nell'interesse della nazione», ha detto. Vice capo e portavoce del Cnt, Ghoga era entrato nel mirino delle proteste che sabato erano esplose a Bengasi di fronte alla sede dell'organismo che guida la Libia verso un nuovo sistema istituzionale e avevano sfiorato anche il capo del Cnt, Mustafa Abdel Jalil, colpito da diverse bottiglie di plastica. Ghoga, contestato anche ieri da circa 4.000 studenti della Università di Ghar Yunis, è considerato da loro un opportunista, una volta legato al regime di Muammar Gheddafi e poi riciclatosi in un ruolo di altissimo profilo nella nuova Libia.

È diventato bersaglio della rabbia studentesca dopo l'arresto di undici giovani che lo avevano contestato duramente la scorsa settimana. Il Consiglio è evidentemente intimorito dalla misura della protesta, che potrebbe, ha detto ieri Abdel Jalil, condurre il Paese in un «pozzo senza fondo». «Dietro queste proteste, si nasconde qualcosa di non buono. La gente non ci ha dato abbastanza tempo e il governo non ha sufficiente denaro. Io dico loro: dateci una chance, dateci almeno un paio di mesi», ha sottolineato Jalil, che ha accettato le dimissioni di Saleh El-Ghazal, sindaco nominato della città che fu l'epicentro della rivolta contro Gheddafi. Anch El-GHazal, che proprio da Jalil fu messo su quella poltrona, è stato duramente contestato ieri. Intanto è stata rinviata alla prossima settimana l'adozione della legge che dovrà disciplinare a giugno l'elezione dell'assemblea costituente, mentre l'adozione di un 10% di quote rosa sarà abbandonata.

«La legge elettorale doveva essere annunciata oggi, ma alcuni articoli devono essere rivisti. La legge sarà adottata il 28 gennaio», ha affermato Abderrazak al-Aradi, membro del Consiglio nazionale di transizione. Un altro membro del Cnt, Fathi Baja, ha indicato da parte sua che il rinvio sarebbe di «qualche giorno». L'adozione della legge slitta per valutare i consigli e i suggerimenti delle organizzazioni della società civile e di esperti, dopo che alcuni articoli del progetto di legge pubblicati online sono stati contestati, come quello che riservava il 10% dei seggi dell'assemblea alle donne.