Saturday, March 31

SIRIA: Jihadists Declare Holy War Against Assad Regime

Abu Rami hails from Lebanon, but his heart is in Syria these days. The 40-year-old is one of hundreds of Arabs who are fighting against the Assad regime at the side of Syrian insurgents. Many of these volunteer fighters are veterans of the Iraq war, who have now brought their holy war to Syria.

Abu Rami's last foray into war wasn't much of a success. Just after his unit had crossed over the border, one of his men lost his wits. The young man cowered in the undergrowth, trembled and didn't budge. Out of necessity, the whole unit had to come to a stop: Ten Lebanese, armed with 10 Kalashnikovs loaded with 65 magazines of ammunition, had come to a standstill inside the Syrian border, without any backup.

It was pure luck that the group wasn't spotted by a Syrian border patrol and that they didn't come under fire. "We sent the man with the weak nerves back to Lebanon. The rest of us made it as far as Homs," a 40-year-old man who goes by the nom de guerre Abu Rami said, two days after his return from Syria.

The protest stronghold of Homs is located around 30 kilometers (about 19 miles) from the border. The Lebanese volunteers wanted to fight alongside Syrian rebels in the city's Khaldiyeh district. They did just that, and retreated only after they ran out of ammunition. Abu Rami says his unit is now waiting in the safety of Lebanon for its next deployment.

Abu Rami is a commander in the growing band of volunteer Lebanese fighters who are getting involved in the conflict in neighboring Syria. Most come from Tripoli, the northern Lebanese city that is largely home to a Sunni Muslim population. Their hatred of the Assad regime is rooted in the Syrian occupation of Lebanon, which only ended in 2005.

Despite the withdrawal of its troops, Syria still exercizes considerable influence over Beirut. The Shiites are also in power in the Lebanese capital, further fomenting the hatred of Lebanese Sunnis against Assad and his Lebanese allies, which including the Shiite militant group Hezbollah.

'We Lebanese Are Part of the Syrian Revolution'

Radicals among Lebanon's Sunnis view the insurgency in their neighboring country as a welcome opportunity to put an end to Damascus' influence. "The struggle for freedom in Syria is our own struggle for freedom," says Sheik Masen al-Mohammed, one of the most important Sunni religious leaders in Tripoli. "We Lebanese are part of the Syrian revolution, part of the rebellion. If Syria gains its freedom, then we will also win in Lebanon." In addition to the political reasons, the sheik also has a key reason for encouraging Lebanese to fight in Syria. "Assad is an infidel," the sheik says, noting that the Syrian dictator is part of the Alawite sect, which splintered from Shiite Islam hundreds of years ago. Sheik Masen views Assad as an enemy rather than a true Muslim.

In mid-February, Ayman al-Zawahiri, Osama bin Laden's successor as the head of the al-Qaida terrorist network, called on pious Muslims to support the insurgency against the Syrian regime. In an eight-minute video message posted on an Islamist Internet page, Zawahiri claimed that it is the religious duty of every Muslim to aid in the uprising against the "anti-Islamic regime … with everything that he has -- his life, money, views and information." He called Bashar Assad's government a "pernicious, cancerous regime." Zawahiri targeted his message to take up arms directly at Sunni Muslims living in Lebanon, Turkey, Jordan and Iraq. He urged them to rush to the aid of the oppressed people in their neighboring country.

"It is the duty of every Muslim, every Arab to fight the infidels," Sheik Masen also stated. "There is a holy war in Syria and the young men there are conducting jihad. For blood, for honor, for freedom, for dignity," he said, speaking in a warehouse filled with spare parts. In his normal life, Sheik Masen operates an auto repair shop.

But these days he has little time for selling fan belts. Every minute, new applicants arrive in his oil-covered garage. The majority are Syrian refugees hoping to find lodging, a job and help. "We are sister peoples, and the enemy of the Syrian people is also the enemy of the Lebanese," the sheik says, providing a rationale for the efforts of the fighters on behalf of Syrians who have been driven from their homeland.

Abu Rami claims that between 100 and 150 Lebanese have traveled to Syria in recent months to fight alongside the rebels. Between two deployments, he visits the wounded at the hospital and he discusses strategy with those fit for combat. Abu Rami was trained to become a television technician, but he quit his job in order to devote himself to the battle in Syria.

Rebels Need Weapons and Ammunition, Not Reinforcements

Abu Rami first took up contact with the rebels in Syria last summer. He soon began crossing the border regularly for combat missions. In recent months, he was captured once for a short time and also wounded on another occasion. During what has now become one year of fighting, he has risen to become a leading figure in the network of Lebanese volunteer brigades that are in combat in Syria.

Sheik Masen claims that the Syrian conflict is becoming increasingly international. "We know of Palestinian, Libyan and Yemen fighters who are active there," he said. Iraqis are also fighting in Syria.

The situation hasn't become as explosive the period in the Iraq war when thousands of volunteer fighters flooded into the country in 2006 to wage war against the American occupiers, Sheik Masen says. It's not fighters the Syrian rebellion is lacking -- it simply doesn't have enough ammunition or weapons, he says. "We currently have 20 men willing to fight for each weapon in our possession. They need weapons and ammunition -- not reinforcements."

The Lebanese say they try to help the rebels in whatever ways they can. "We send as many supplies as we can," Masen says. But he adds that, after one year of fighting against Assad, the black market for weapons in the Middle East has dried up. "It is high time that major Arab powers like Saudi Arabia intervene and start officially delivering weapons. That is their duty as Muslims," he says.

First European Joins Fight Against Regime

Sheik Masen expresses hope that the situation in Syria will soon be like Iraq was and that Arabs from all nations will join forces to battle the regime. "If we get to that point, then we will be able to mobilize tens of thousands of Lebanese," he says.

"I have a long list of telephone numbers of men who want to go to war in Syria," Abu Rami says, adding that most are experienced fighters. "Of the Lebanese who are deployed now, around 60 percent already fought in Iraq," he says. Men who once did battle against American soldiers, and were branded as al-Qaida terrorists, are now fighting on the side of Syrian insurgents, whose victory over Assad would be entirely welcomed by the West. Still, the involvement of foreign jihadist fighters makes it more difficult to differentiate between good and evil in the Syrian conflict.

Last week, the first European fighter voluntarily crossed the border and entered into Syria to fight alongside the Free Syrian Army against the Assad regime. He was "a Frenchman who had just turned 24 and comes from a wealthy family," reports Abu Rami. "He just turned up here with his credit card in hand." Abu Rami says he tried in vain to talk the man, whose parents are Algerian, out of it. "He bought a gun, we gave him a short bit of training and then he went in with one of our units," he says.

Still, Abu Rami doesn't believe the regime will fall anytime soon. "You will first get married when the problem in Syria has been taken care of," he says jokingly to one of his subordinates. "In other words, in 50 years."

SERBIA: Minister reacts to calls to "boycott police"

His statement on Friday came in reaction that a call by Chairman of the Bosniak (Muslim) National Council (BNV) Esad Džudžević for boycotting the state institutions.
Such questions are out of place, he continued, and told reporters he "did not wish to answer them at all".

However, the minister noted that the Interior Ministry had invited applications for jobs in the sector, adding that the police wanted to employ as many Bosniaks as possible.

"Nobody has the right, be that (Mufti Muamer) Zukorlić or Džudžević, to talk to police in such a manner,” Dačić said.

On behalf of the BNV in its technical mandate, Džudžević called on all Bosniaks on Thursday to boycott the Serbian state institutions, because, he said, they were "violating the human and minority rights of the members of the community".

Islamic Community in Serbia Muamer Zukorlić has sent a similar message to the community earlier. Zukorlić heads one of the country'r rival Muslim organizations, the other being the Islamic Community of Serbia.

TRIESTE ITALY: Tadić "sure of victory"

Ruling Democratic Party (DS) leader and Serbian President Boris Tadić said on Friday that he was sure of his party’s victory in the upcoming elections on May 6. Tadić is seen in Trieste on Friday (Tanjug)

He spoke while on a visit to Trieste, Italy.

“I am optimistic about the elections. After all, we have had many election campaigns so far and we always won and we will win this time as well,” the Tadić stressed.

However, he did not say whether early presidential elections will be held together with parliamentary, local and provincial elections.

When asked if and when he was planning on calling the presidential elections, Tadić said:

“Renzo Tondo (Friuli Venezia Giulia region president) and I will continue to cooperate after the elections from our respective positions.”

He told a press conference that his visit to Italy had been scheduled in advance and that “he is working on attracting foreign investments in Serbia and on the pre-election process”.

A Serbia-Friuli Venezia Giulia business forum was opened in Trieste on Friday.

Heroin addicts in the Montenegrin capital of Podgorica are able to buy this illegal drug at a kiosk, according to a report in the local Vijesti newspaper.

The kiosk is reportedly located in the Konik neighborhood, opposite the local health-care center.

In that way, addicts who receive their methadone therapy at the medical institution can apparently walk across the street and buy "cigarettes and heroin" at the kiosk.

This is "not unknown to either current or former addicts", the daily said, quoting its anonymous sources.

"The day you published the article about the existence of a dope house and kiosk in Konik, Podgorica was for a short while clean of drugs. Everyone got scared, withdrew, and it was simply impossible to buy heroin, because (police) raids were expected. Unfortunately, this didn't last long," one former addict was quoted as saying.

The story was picked by local media after an email was sent on Sunday night to several addresses by a man who said he was the father of a drug addict. In it, he claimed that there was a kiosk in Podogorica that sold narcotics unimpeded, and that there was also a "dope house" in the neighborhood of Masline.

The email was sent to the Interior Ministry, the Ministry of Justice, various NGOs and media, and to the EU delegation in Montenegro.

The email also provided information about the owners of the house and the kiosk, addresses, and places where the drugs were kept, and asked whether Montenegro's Interior Ministry was "on the side of the citizens, or on the side of criminals and the 'dope house' trend."

The author of the email also wondered why the police "failed to post an agent who, if they spent just one day monitoring it, would be able to collect enough evidence to shut down this house and arrest its tenants".

However, Vijesti is reporting that the Police Directorate in Podgorica said that their checks thus far "have not confirmed the veracity of the allegations contained in the email".

US and Saudis step-up regime change rhetoric in Syria

US secretary of State Hilary Clinton was in Saudi Arabia to discuss the hitherto unresolved conflict in Syria. The long-term allies both advocate the removal of President Assad and seek a united strategy ahead of Sunday’s ‘Friends of Syria’ summit.

The US wants to unify the rebels and lobby for humanitarian aid, but Saudi Arabia’s more aggressive stance calls for military action.

Clinton met with King Abdullah and a number of other high-ranking Saudi officials behind closed doors on Friday with a view to “stopping the bloodbath in Syria”.

Saudi Arabia along with Qatar advocates military intervention to overthrow the embattled Syrian government with the possibility of troop deployment. The US remains weary of arming the rebels but coincides with Saudi interests insofar as regime change is concerned.

The meeting is part of a US push for a concrete policy between the two countries before a meeting of the so-called ‘Friends of Syria’ on Sunday in Istanbul.

The summit is expected to be geared towards supporting the fragmented Syrian rebel forces in light of the joint UN-Arab League peace plan’s failure to take hold.

The US government was quick to denounce the Assad regime last Wednesday for not adhering to Kofi Annan's peace plan. On Wednesday, State department spokeswoman Victoria Nuland told the media that “Assad has not taken the necessary steps to implement Annan’s plan.”

The initiative had won the support of Russia and China. They had previously vetoed Security Council resolutions on the conflict, claiming they were unbalanced in favor of the ouster of President Assad.

The Syrian government had agreed to the six-point plan which stipulated an immediate ceasefire, but there has been no halt to the fighting. In fact, opposition sources report of an escalation in violence on Friday, with violent clashes erupting in Damascus.

President Assad has said the ceasefire will only succeed if the opposition groups he has dubbed as “terrorists” commit as well. Rebels have branded Assad’s agreement to the peace plan as an excuse to stall for time and continue government crackdowns.

"The government must stop first and then discuss a cessation of hostilities with the other side," Annan spokesman Ahmad Fawzi said Friday. "We are appealing to the stronger party to make a gesture of good faith. … The deadline is now."

Political Analyst Chris Bambery emphasized the importance of the US-Saudi strategic alliance, but highlighted US reluctance to provide weapons “that could lead to a conflict that there is no easy solution to.”

“The Saudis are very keen to overthrow the Assad regime as soon as possible and want to increase the arms that are going to the Syrian rebels,” he said.

Although the “US is no less keen to overthrow the Assad regime,” it has ample experience that arming opposition forces can lead to a loss of control. Moreover, American forces are currently “on overstretch” in other military campaigns such as Afghanistan and have not got the resources to spare.

“Probably the Americans would like an Assad-like Baath regime… while I think Riyadh wants something far more fundamental than that,” said Bambery.

Mr. Bambery stressed that it was essential that the US “iron out” these differences before the Friends of Syria summit on Sunday. He said that the West is willing to turn a blind eye to Saudi Arabia’s numerous humanitarian abuses and pander to their interests because “business is good” with them.

“They [Saudi Arabia] are backing the most extreme movements in the Arab world to try and offset the Arab spring, they have their own agenda here that doesn’t quite chime with America’s,” he concluded.

AFGANISTAN: massacre investigation blocked by US

The defense lawyer for Robert Bales, who is accused of killing 17 Afghan civilians, is blaming the US for blocking his team’s fact-finding mission into the Kandahar incident. He says he can’t interview witnesses and prosecutors won’t cooperate.

­John Henry Browne claims US forces in Afghanistan obstructed him and his associates from reaching the injured civilians at a hospital in Kandahar province to interview them on the matter, Reuters reports. He added that other possible witnesses were allowed to get away, with little possibility of finding them now. According to Browne, after investigators interviewed those injured, they let them go freely without leaving any contact information, and they are not sharing data they obtained from the witnesses with his team. He says Bales' defense has only managed to talk to US soldiers in Afghanistan, but no witnesses.

Bales’ lawyer also regretted that investigators withheld images captured by a surveillance camera on a blimp above the base, which the Army says shows Bales returning after the alleged shooting.

Browne explains that the military prosecutors who filed the charges against Bales have been unwilling to cooperate, and that “they are concerned about the strength of their case.”

The lawyer complained of an “almost complete information blackout from the government, which is having a devastating effect on our ability to investigate the charges preferred against our client.”

For the time being Bales will have his psychological condition examined. Officials also say that due to security concerns, Bales is likely to remain at the Fort Leavenworth military base in Kansas, and will not be transferred to the Walter Reed Army Medical Center outside Washington, DC. The exam, officially called “board 706,” is routine for mass murder cases such as Bales’. Bales is charged with multiple counts of premeditated murder, a crime that could be punishable by death. The Kandahar shooting spree earlier this month sparked outrage among Afghan lawmakers, who demanded that Bales be tried in an Afghan court.

KOSOVO: Ex-KLA Limaj was involved in human organ trafficking.

This is according to Serbian deputy war crimes prosecutor, Bruno Vekarić.

If Limaj were to leave Kosovo, he would be arrested, Vekarić asserted in Belgrade on Friday.

Limaj was also a minister in the Priština government and is now a member of the Kosovo assembly. He and several other members of the KLA are currently on trial on unrelated war crimes charges. A court in Priština last week released him from custody and ruled vital evidence in the case inadmissible.

Bruno Vekarić stated today that there were "several ways to connect Limaj to the human organ trafficking case". The case pertains to kidnappings in the province in 1999 and 2000 of Serb and other civilians, their illegal imprisonment in northern Albania, and black market trade in their body parts.

"His (Limaj's) conversation with his brother is important, when he mentioned acts that included organ trade, and that a certain number of people from Lapušnik were murdered, while others were transported to northern Albania, after which their organs were removed," Vekarić said, and added that the Serbian War Crimes Prosecution will conduct an investigation against Limaj and 28 other suspects, "and if he leaves Kosovo, he will be placed under arrest".

According to Vekarić, "Serbia cannot start the process while Limaj is in Kosovo" - but should he leave, "Serbia is counting on other states to react and extradite him".

In the meantime, John Clint Williamson was in Belgrade this week, where he met with prosecution officials, Vekarić explained. They discussed the human organ trafficking case on the occasion.

In late 2010, Council of Europe (CoE) rapporteur Dick Marty submitted his report on this subject, while Serbia has since demanded a UN-sponsored investigation into the allegations. There has been no agreement on this at the UN Security Council, while the EU mission in Kosovo, EULEX, in the meantime launched its own probe, and appointed the American to head it.

"He (Williamson) was here two days ago, we discussed modalities of future cooperation. We had a similar conversation last year during his first visit," said the deputy war crimes prosecutor.

"We know Williamson," continued he, "and I don't believe he would engage in political games to cover up such horrific crimes".

Vekarić also stated that the prosecution had "solid evidence" in the Kosovo organ trafficking case.

This prosecution official also addressed the decision made last week in Priština by a panel of local and international judges to dismiss key evidence in the Klečka case and released Limaj from his house arrest.

On Friday, a mixed council of the same court decided to send the case to retrial due to "procedural errors". Of the ten defendants, six have been set free, while Limaj and three others will be tried again.

Vekarić described the decision last week to release Limaj from custody as "scandalous", and said there were fears that witnesses may be intimidated, adding he was "pessimistic" when it came to the outcome of this trial.

As for now deceased witness Agim Zogaj - found hanged in a park in Germany last year, whose death has been ruled a suicide - his testimony, consisting of diaries and statements, was found to be inadmissible by the same panel of judges of the Priština District Court.

Zogaj was an "insider" - himself an ethnic Albanian and former member of the KLA - and his diaries contained such details as prisoners' personal information, reasons and dates of their detention at the illegal prison camp in Klečka, and details about their release, or execution.

"It's a dramatic, disarming statement, but it has not been included as evidence. The problem is that it did not surface earlier," said Vekarić, and added that the meaning of any trial is to bring justice to victims and their families - "here, it turns into a political question".

Vekarić also said that the way Zogaj died was "controversial", because "such an important witness should be supported and should not be given a chance to kill himself".

Vekarić noted that more witnesses in other cases - 41 in all - were either killed or died in various ways, but that the Hague Tribunal denied these deaths were related to the war crimes trials where they testified.

Tuesday, March 27

Kazakhstan e dintorni Montiani (e americani)

Riferendo ai giornalisti del suo incontro notturno con il primo ministro del Kazakhstan, Karim Massimov, il presidente del Consiglio Mario Monti ha parlato di colloquio «significativo» sui temi economici, citando immediatamente l'energia: c'è l'Eni, infatti, al centro di una presenza radicata attorno a duegrandi progetti, Karachaganak (soprattutto gas, già operativo) e Kashagan, enorme giacimento di petrolio nel mar Caspio, avvio della produzione atteso per fine anno.

In Kazakhstan però, come ha ricordato Monti, sono presenti anche gruppi italiani nel campo delle costruzioni (Renco, Todini) mentre Unicredit controlla la Atf Bank. Il resto muove i suoi primi passi in questo che è il Paese più importante dell'Asia centrale e, sia pure rallentando, prevede per quest'anno un ritmo di crescita del 5,4%: nei giorni scorsi, per esempio, Ente Moda Italia ha partecipato per la prima volta al Central Asia Fashion di Almaty, sottolineando l'aumento delle nostre esportazioni in Kazakhstan.

Sul fronte dell'export, l'Italia è il quinto Paese fornitore per il Kazakhstan, il quarto per le importazioni: e su queste domina il petrolio, che ne copre l'86,1 per cento. Il tesoro della nazione ha portato le autorità kazake ad affermare la propria presenza con maggiore determinazione rispetto ai primi anni dopo il distacco dall'URSS: se la compagnia energetica di Stato Kaz Muna i Gas è entrata già da qualche anno nel consorzio guidato dall'Eni a Kashagan, solo alla fine dell'anno scorso - dopo lunghi e tormentati negoziati - la stessa Kaz Muna i Gas ha trovato un accordo per partecipare con una quota del 10% al secondo progetto, Karachaganak.

In entrambi i casi il coinvolgimento locale ha agevolato la soluzione di contenziosi, dal fronte fiscale a quello ambientale, alleggerendo la tensione tra le parti. È possibile che la quiete sia di breve durata: a Karachaganak si discute il passaggio alla fase 3 del progetto di sviluppo del giacimento, a Kashagan so- no in gioco costi e aumenti produttivi della fase 2. Nei giorni scorsi Astana è intervenuta finanziariamente a sostegno degli investimenti di Kaz Muna i Gas a Kashagan: un finanziamento pubblico di 4 miliardi di dollari sostenuto dal Fondo sovrano kazako, Samruk Kazyna.

Nelle trattative tra i partner la voce dei padroni di casa avrà un peso crescente: a conferma delle parole di Monti, quando ieri ha parlato del suo come «uno scalo tecnico di importanza politica».

INDIA: ITALIA IN GINOCCHIO.

Un impegno «personale» da parte del primo ministro indiano Manmohan Singh per «una soluzione amichevole» della vicenda dei due marò e per assicurare loro «condizioni adeguate allo status militare». È tutto qui quello che Mario Monti ha incassato nell'incontro con l'omologo indiano a margine del vertice di Seul sulla sicurezza nucleare nel quale il premier ha sottolineato come «sia importante avere azioni più pazienti ma forse più profonde».

Si conferma quindi l'approccio morbido con chi si fa beffe dell'Italia e del diritto internazionale ma forse c'è qualcosa di più. Secondo quanto riferito da una fonte del governo indiano all'agenzia Indo-Asian News Service l'Italia avrebbe accettato la giurisdizione indiana nel caso dei due marò. Se così fosse la calata di braghe sarebbe totale rinunciando a un punto fondamentale della difesa imperniata proprio sulla giurisdizione italiana in base al diritto internazionale.

Poche ore prima il sottosegretario agli Esteri Staffan de Mistura (?) aveva ribadito che nel caso fossero italiane le pallottole che hanno ucciso i due pescatori la posizione dell'Italia è chiara: «I militari non possono essere giudicati che in Italia». Le due linee di difesa dei marò, l'assenza di una giurisdizione indiana sull'evento e l'estraneità dei nostri militari alla morte dei due pescatori, sembrano quindi venir messe in discussione dalle stesse autorità italiane.

Eppure in questi giorni un rapporto redatto dall'ingegner Luigi Di Stefano, perito forense e consulente tecnico anche nel caso Ustica, demolisce rilievi alla mano tutte le supposte prove presentate dall'India. In un rapporto dettagliato (visibile in rete http://www.seeninside.net/piracy/enricalexie_itpdfl Di Stefano evidenzia furbizie e omissioni degli inquirenti indiani. L'esame del proiettile recuperato dal corpo di uno dei due pescatori viene descritto dall'anatomopatologo professor Sisikala «calibro 0,54 pollici» oggi inesistente.

«Il proiettile è stato re-pertato con misure indicate in modo criptico e furbesco indicandone la circonferenza» sostiene Di Stefano perché «se avesse espresso le misure un modo canonico sarebbe emerso un proiettile calibro 7,62lungo 3lmillimetri. Cioè un calibro russo/sovietico ben diverso dal 5,56 millimetri in uso ai nostri fucilieri di Marina. Forse è per nascondere questa verità che i due periti balistici dei carabinieri non sono stati ammessi alle indagini se non come osservatori.

I rilievi satellitari effettuati da Di Stefano evidenziano inoltre che la petroliera Enrica Lexie e il peschereccio Saint Antony non si sono mai incontrati e a confermarlo sono indirettamente le testimonianze dei pescatori peraltro già modificate almeno tre volte. «Freddy Bosco, proprietario del peschereccio, dice di aver subito l'attacco alle 16,15èmain quel momento la Enrica Lexie si trovava 27 miglia più a nord» sottolinea Di Stefano mostran-do la mappa satellitare.

A mentire sono anche le autorità indiane, basti pensare che per rendere plausibile l'attacco al peschereccio a 21 miglia dalla costa la Guardia Costiera ha registrato il rientro in porto del Saint Antony alle 18,30, cioè al tramontoedue ore dopo la «pioggia di fuoco» proveniente dalla supposta nave italiana. Le immagini televisive mostrano però il peschereccio che attracca quando è buio pesto, alle 22,30, quindi si trovava molto più lontano di quanto denunciato.

Il rapporto di Di Stefano contiene numerosi dati e rilievi di grande utilità nella difesa di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone ma non è chiaro se Roma intende evidenziare prove e fatti che scagionino i due fucilieri osi limiterà a rimettersi alla clemenza della corte per non irritare gli indiani.

SERBIA not giving up on organizing vote in Kosovo

Goran Bogdanović says Belgrade has not given up on organizing both local and parliamentary elections in Kosovo, after a negative reply from UNMIK.

"We will continue our discussions with the UN mission (UNMIK), OSCE, all relevant international factors, in order to secure unimpeded elections in Kosovo," the minister for Kosovo and Metohija told the Tuesday edition of the Belgrade-based daily Danas.

Last week, the head UNMIK said that in his reply to the Serbian authorities that "under present circumstances", that mission could not organize the voting in Kosovo.

"We must take into account all the facts: that it is hard to organize elections south of the Ibar River without the support of the international presence, or deliver election materials. There are security threats, threats from Priština and (ethnic) Albanian extremists," said the minister.

Serbs south of the Ibar live in isolated enclaves, while in the north they form the majority.

Bogdanović reiterated that in case elections are not held in the province, "this will not lead to the abolishment of Serbian institutions".

In another interview, this time for Večernje Novosti, Bogdanović was quoted as saying that "consultations will be held with the international community so that elections are held at least for the state parliament".

According to him, Serbia will seek a clarification of the message sent by the United States that "they found it acceptable for all citizens of Kosovo who have dual citizenships to take part in the election".

"We're not really clear on what the United States have in mind. We consider all residents of Kosovo to be citizens of our country alone," he was quoted by the daily.

The minister added that he had no data on how many Serbs who live in the province took the documents issued by the Kosovo Albanian authorities, saying that "Priština is not publishing that data", but that "a considerable number of our citizens who live (in enclaves) south of the Ibar River did".

Germany Unprepared for Major Nuclear Disaster

If a nuclear disaster comparable to Fukushima were to hit a German nuclear plant, authorities would be unprepared to handle it, and scientific projections show that radiation would likely spread much further than previous estimates. But government agencies have done little to address the problem. Critics call the delay a "scandal."

Monday, March 26

LIES: Montenegro “wants to humiliate SPC”

Metropolitan of  Montenegro and the Littoral Amfilohije Radović has stated that Montenegro wants to humiliate the Serbian Orthodox Church (SPC). He explained that requests to register the SPC in Montenegro and “persecution of its priests” were an attempt to humiliate the SPC.

Amfilohije said that people from the Social Democratic Party were leading the “persecution of the SPC in Montenegro”, adding that he would complain to the EU and the international community about Montenegro’s actions.

“In that sense Europe is much more mature and can serve as an example to us,” he told daily Press.

The metropolitan of Montenegro and the Littoral repeated that “dozens of priests have been expelled” from Montenegro. According to him, the law on foreign citizens does not apply in these cases.

“You can have your own beliefs but you have to respect the law,” Amfilohije noted.

When asked whether the SPC still paid attention to ethnicity, he said it was no longer important who was a Serb or a Montenegrin, claiming that this had been an issue in the 90s.

LIES: Serbia attending EC-Montenegro talks

This was announced by the Serbian government's European Integration Office.

The participation of the Serbian delegation is aimed at collecting experience to better prepare Serbia's own EU accession negotiations, the release adds.

On March 26-30, the EC will begin the so-called initial screening of the European legislation in the chapters on judiciary and fundamental rights and on justice, freedom and security.

The Serbian delegation will be comprised of Director of the government's EU Integration Office Milica Delević and State Secretaries at the Ministries of Justice and of the Interior, Slobodan Homen and Dragan Marković, it was announced in a statement in Belgrade.

Taking into consideration the region's progress in European integration, the EC has invited representatives of the governments of Serbia and Macedonia to attend the screening meeting as observers, the release says.

The statement further adds that the Serbian delegation will attend such a meeting for the first time and that this will serve to prepare Serbia for its own EU accession negotiations, primarily through the strengthening of its administrative capacity for the important step towards the membership of the Union.

The screening process involves an examination of the extent to which the laws, regulations and institutions of the candidate state comply with the EU acquis communautaire. After the differences between the country's regulations and EU acquis are analyzed, the parties enter into negotiations on the method of harmonizing the national legislation with the acquis.

There is a total of 35 relevant chapters, and the new approach by the European Commission that will be applied to negotiations with the candidate countries implies that the process starts with Chapters 23 (judiciary and fundamental rights) and 24 (justice, freedom and security).

VENTO IRANIANO

Sono saliti a cinquanta i militari italiani morti in Afghanistan dal 2004, annodi inizio della missione ISAF, a testimonianza di quanto sia stato e resti rilevante il nostro impegno per la stabili77azione di un Paese che, dagli anni Settanta del secolo scorso, è stato ininterrottamente devastato da sanguinose guerre civili e interventi militari stranieri. La responsabilità complessiva del settore occidentale del Paese, compreso il distretto del Gulistan, dove la provincia di Farah confina con l'Helmand, è affidata al nostro contingente, dal cui comando dipendono le forze di una dozzina di altri Paesi. Il "Comando Regionale Ovest" è stato a lungo considerato uno dei meno esposti alla penetrazione dei taleban e alla diffusione dell'insorgenza rispetto ai più turbolenti settori Sud ed Est, confinanti con il Pakistan, il cui doppio gioco nei confronti di Isaf è ben più che un sospetto. Negli anni passati, proprio nell'Helmand si sono combattute le battaglie più aspre, ingaggiate principalmente dalle forze anglo-americane, coadiuvate da canadesi e olandesi. Uno sforzo che ha reso meno sicuro il movimento delle forze ostili nella regione, al punto da spingerle a migrare verso il Farah e il Gulistan, aree sotto la responsabilità italiana. Non per caso, nel corso degli ultimi dodici-diciotto mesi, la presenza e l'attività delle formazioni insorgenti nel settore occidentale è aumentata proprio a partire dal distretto chiave in cui è posizionata la "Ice" la base oggetto dell'attacco mortale di ieri. Ma non è stato soltanto l'incremento di sforzo "cinetico" nel Sud - per utilizzare il gergo NATO, cioè l'aumento di operazioni "scova e distruggi" - ad aver reso più caldo il clima nell'Ovest. Almeno altri due fattori devono infatti essere considerati. Il primo è il riprendere in grande stile delle manovre iraniane nella regione. L'Iran ha svolto una politica molto ambigua verso la presenza di ISAF in Afghanistan. Dopo un lungo momento iniziale in cui la Repubblica islamica ha sostanzialmente appoggiato l'azione volta a rovesciare l'odiato regime talebano (finanziato dai pachistani e dagli arcinemici sauditi), Teheran ha cominciato a guardare le cose con occhio assai meno benevolo. Un influenza dell'Iran nell'Ovest dell'Afghanistan è legata alla concentrazione nella regione della minoranza sciita, ma la decisione di utilizzarla contro la presenza straniera dipende essenzialmente dallo stato delle relazioni tra Teheran e l'Occidente, che in questo momento sono pessime e in costante peggioramento, tanto più dopo l'approvazione di ulteriori sanzioni da parte della Ue appena pochi giorni fa. Certo è che un Iran sempre più apertamente ostile alla presenza alleata costringerebbe a riconsiderare i numeri e le modalità d'azione dei contingenti schierati nel settore Ovest, compreso il nostro ovviamente. Proviamo poi a immaginare solo per un momento che cosa dovremmo aspettarci in termini di atti contro le forze ISAF se Israele dovesse deprecabilmente decidere di lanciare un attacco militare contro le installazioni nucleari iraniane. In un simile scenario, la situazione potrebbe divenire semplicemente insostenibile con questi numeri e con un calendario di ritiro già scritto. Ed è questo l'ultimo fattore che concorre a spiegare il peggioramento della situazione complessiva e che di sicuro influenza anche le scelte di Teheran. Ci riferiamo al cosiddetto "trasferimento di potere" alle autorità afghane entro il 2014 e al ritiro delle truppe occidentali dal Paese. La transizione non sta procedendo affatto bene, e sulla lealtà delle forze di sicurezza del "nuovo Afghanistan" al governo centrale c'è parecchio da dubitare. Uno degli scenari più ottimistici, a fine 2014, è la sostanziale cantonalizzazione del Paese con il ritorno dei signori della guerra che già stanno trattando sottobanco le future strategie di alleanza. In questo quadro, Teheran ha un interesse evidente a stringere rapporti con i leader della confinante regione e a giocare la propria influenza a favore di qualche "warlord", in vista di una penetrazione pohtica e commerciale in un Afghanistan in cui Karzai, ad andar bene, sarà il sindaco di Kabul o poco più.

SAUDI ARABIA: 28 MILIARDI DI DOLLARI IN ABITAZIONI, SCUOLE, INFRASTRUTTURE.

Se alle Olimpiadi di Londra per la prima volta nella squadra dell'Arabia Saudita gareggeranno anche atlete donne, non è una vittoria del Comitato olimpico internazionale come sta cercando di accreditare lo stesso Cio, che ha ammesso in extremis anche un'atleta del Brunei (resta un solo Paese "oltranzista", ìl Qatar). Lapartecipazionesarà invece un risultato "collaterale" del decreto di liberalizzazioni e sviluppo che il governo di Riad ha varato poche settimane fa. Un composito pacchetto di allentamenti dell'ortodossia oscurantista affiancato da una robusta cura di provvedimenti economici: privatizzazioni, investimenti pubblici in scuole, ospedali e strutture di assistenza, e ancora nuove strade, ferrovie, parchi cittadini, edilizia convenzionata, agevolazioni sui mutui, sgravi fiscali. Il tutto sostenuto da un massiccio investimento pubblico dell'equivalente di 28 miliardi di dollari, che la monarchia ha prelevato dalle sue pingui casse. Questa si che è una "paccata" di miliardi. Se non fosse per tale differenza, ci troveremmo di (tonica un decreto"SalvaArabia" assai simile al "Salva Italia". Come il nostro premier, il governo saudita incontra una serie di resistenze almeno nel capitolo "modernizzazioni", da parte stavolta della potente opposizione religiosa che non ne vuol sapere di veder gareggiare le ragazze sui campi inglesi nédi concederealledonne il diritto di voto o prendere la patente, altre ambiziose misure previste nel pacchetto. Ma come nel caso italiano, la svolta sicuramente c'è, piaccia o no, e il re nonché premier Abdullah Bin al-Aziz (che già nel 2009 fesescandalo nominando perla prima volta una donna vice ministro per il lavoro) è deciso ad andare avanti. Come nel "Salva Italia" misure sociali, culturali ed economiche sono strettamente interconnesse: come fanno i nostri uomini a lavorare e produrre, ha detto un de-putatoalParlamentodiRiadduran-te la discussione, se devono scarrozzare le mogli in macchina? Il motivo di tutto questo non è, altra differenza con l'Italia, una lettera della Bce, bensì la primavera araba. Il vento della rivolta soffia in tutto il Medio Oriente e, di fronte alle proteste popolari che chiedono un misto di incentivi economici e liberalizzazioni sociali, la monarchia saudita ha predisposto in tutta fretta la sua controproposta percalmare le masse. Riuscirà nel suo tentativo? Non èdetto, perché nelle ultime settimane una serie di moti è scoppiata comunque sia nelle grandi città, Riad e Gedda, sia nelle remote province orientali nel deserto, la zona più ricca di petrolio ma anche quella a maggioranza sciita filoiraniana e più oltranzista. E allora, per convincere la sua gente che riuscirà esso stesso, ovvero il governo in carica senza bisogno di rivoluzioni, a trasformare l'Arabia Saudita in un Paese moderno, funzionale ed equo, in cui la libertà e la tutela religiosa verranno assicurate ma non potrà mancare una spiccata secolarizzazione, l'esecutivo ha da un lato impresso un ritmo accelerato all'attuazione degli investimenti previsti e dall'altro ha allargato la sua azione. Hacioèintrapresoduemisuredi politica estera molto decise e di sicuro impatto sia sulle opposizioni interne sia sui preoccupati osservatori occidentali: da un lato ha assicurato appoggio, finanziamenti e addirittura armi pesanti ai rivoltosi in Siria (dove la battaglia dilaga ma Assad non cede malgrado le pressioni europee, americane e dell'Onu) e dall'altro è intervenuta come peace maker sul fronte più familiare, quello del petrolio. La settimana scorsa, di fronte ai continui strappi al rialzo che minacciano di far deragliare la ripresa in tutto il mondo (e soprattutto alle insistenze di Oba ma espresse in occasione della visita a Washington a metà mano del principe ereditario Nayef, fratello del re), impennata dovuta alle tensioni fra occidente e l'Iran, Riad ha deciso di inondare l'occidente di petrolio come non aveva mai fatto. Ha quindi innalzato bruscamente laproduzioneda9,9a 11,5milionidi barili al giorno, un valore che non raggiungeva datrentun'anni. Nayef ha aggiunto che potrebbe aumentareancoradiun altro milionedaun giorno all'altro. l risultati sui prezzi sono stati in un primo momento evidenti (nel giorno dell'annuncio, martedl, il Brent è sceso da 126 a 124,4 dollari) ma nelle ore successive la discesa si è subito fermata. Ma il progetto saudita comprende anche dell'altro. Il governo ha disposto che la Vela, il braccio di shipping della compagnia di stato Saudi Aramco, affittasse 11 superpetroliere, ognuna in grado di trasportare due milioni di barili. In queste giorni si stanno caricando dal terminale di Ras Tanura, il maggior scalo petrolifero ed entro questa settimana partiranno tutte e undici 11. Il re dell'Arabia Saudita, Abdullah Bin al-Aziz: ha dichiarato che il suo successore sara il fratello Nayef in un'unica direzione: le raffinerie americane. Per quelle europee e giapponesi non c'è problema perché l'Aramco dispone di due mega-impianti di stoccaggio a Rotterdam e Okinawa che sono già entrambi pieni da traboccare. Percapirel'importanza di quest'operazione, si pensi che di petroliere di tale capacità nel 2011 ne è partita non più di una ogni due mesi. Non è finita: sempre nell'ambizione di presentarsi come un Paese da un lato prospero e aperto al suo interno e dall'altro in grado di gestire con autorevolezza le crisi internazionali, l'Arabia Saudita si sta facendo portatrice di una vasta azione diplomatica rivolta agli altri Paesi del Golfo - Oman, Emirati, Bahrein, Qatar e Kuwait - perché anch'essi amplino le loro forniture all'occidente in grado di compensare qualsiasi gap iraniano. Senza le tensioni sul petrolio a polarizzare l'attenzione, è la linea di Riad, tutti questi Paesi, che stanno sperimentando con un grado diverso di gravità le proteste popolari, potranno concentrarsi sull'economia interna e varare gli investimenti necessari per placare gli animi. Riuscirà quest'equazione a più incognite? La base di partenza è più "bassa" di quanto si potrebbe pensare. L'Arabia Saudita è un Paese ricco solo in apparenza. Mentre gli introiti petroliferi vengono fagocitati dal gruppo di potere (che sono ancora i discendenti della famiglia al -Saud che fondò il regno nel 1932), il salario medio non supera i mille euroal mese ela disoccupazione ufficiale è al 10,6%: stime condotte dall'Economist Intelligence Unit parlano però di un 35% fra i giovani sotto i trent'anni, e un parametro che fa riflettere sull'urgenza è che il 60% della popolazione (25 milioni) oggi ha meno di 21 anni. Il governo di Riad ha annunciato in febbraio che intende creare tre milioni di posti nei prossimi tre anni, e altrettanti entro il 2030. Sarebbe un problema anche per un Paese con una forte base industriale, figurarsi per uno che questa base non ce l'ha. Ma è a queste promesse che è legata la sta-bilitàdel Paese che detiene un quarto delle riserve mondiali di petrolio. La Borsa dl Gedda aprirà agli operatori esteri, ma con cautela Un'altra forma di isolamento potrebbe finire presto: l'Arabia Saudita sta cercando II meccanismo con cui permettere al fondi Istituzionali Internazionali di comprare direttamente azioni sul mercato di Gedda. L'agenzia dl regolazione della Borsa saudita, la Tadawul, sta Infatti completando un giro di consultazioni sulle principali piazze mondiali per mettere a punto II "Qualified Foreign Investor", II regolamento che appunto dovrebbe aprire, pur con molta gradualità, Il mercato. Il quale non manca di dimensioni: la capitalizzazione complessiva dei titoli quotati b dl quasi 400 miliardi dl dollari, più degli altri cinque Paesi del consiglio di cooperazione del Golfo messi insieme (Oman, Emirati Arabi Uniti, Bahrein, Qatar e Kuwait). La misura non fa parte del pacchetto "Salva Arabia", che comprende provvedimenti di pronta attuazione per vivacizzare l'economia, ma risponde ad un'altra esigenza, più di lungo termine: diversificarsi nella finanza per prepararsi all'era posi-petrolio. L'Arabia Saudita vuole migliorare i propri servizi nel settore e attrarre Investimenti esteri. In quest'ottica sl inquadra l'apertura della Borsa, sulla quale persistono però dubbi legati all'effettiva liquidità del titoli e anche alla possibilità di quotazione di compagnie con capitale parzialmente straniero.

Too many powers wanted Gaddafi dead

Colonel Muammar Gaddafi was wanted dead so his secrets would die with him. So insists Mahmoud Jibril, the man who led the NTC uprising to overthrow Colonel Gaddafi’s regime, in an exclusive interview with RT.

­“Too many parties who have real interests that Gaddafi doesn’t talk, that he should be silenced forever,” Mahmoud Jibril told RT, specifying he does not know who exactly killed the Colonel – a foreign entity or Libyans.

“I would love to know who was behind [Colonel Gaddafi’s] killing,” he said.

Jibril told RT the former ruler of Libya Colonel Muammar Gaddafi sent too many contradictory messages, trying to buy time and pretending to have a readiness to share power.

Mahmoud Jibril said he regretted Colonel Gaddafi was not taken alive to face trial, but certain powers that may have wanted him to keep silence due to the secrets he knew.

After months of fierce resistance to NTC militia backed by allied NATO forces, Colonel Muammar Gaddafi was captured on October 21, 2011, in his hometown and stronghold of Sirte while trying to escape from encirclement. He was captured alive, but instead of being treated as prisoner of war, interrogated and put on trial, the former ruler of Libya was tortured for several hours and then murdered by a militia mob.

Later, the NTC claimed they never gave an order to kill Colonel Gaddafi. They even stated that at first the former Libyan leader was fatally wounded when a gunfight between his supporters and NTC fighters broke out after his capture.

Sunday, March 25

Mario Monti visita Astana in Kazakistan

Il presidente del Consiglio, Mario Monti, si recherà in visita in Asia con un impegnativo programma che, dal 26 marzo al 2 aprile, lo vedrà in Corea del Sud, poi in Giappone, in Cina e Kazakistan.

In particolare Monti sarà il 26 e 27 marzo a Seoul, in Corea del Sud, dove parteciperà al Summit sulla Sicurezza Nucleare ed incontrerà il presidente della Corea, Lee Myung-bak.

Il 28 e 29 marzo il presidente del Consiglio si sposterà nella capitale giapponese, dove incontrerà il primo ministro, Yoshihiko Noda, e il ministro delle Finanze, Jun Azumi. A Tokyo Monti interverrà anche al Nikkei Shimbum ed avrà una colazione di lavoro con il board di Keidanren, la Confindustria giapponese. In programma infine un pranzo di lavoro in Ambasciata con esponenti della finanza giapponese ed un incontro con la comunità d'affari italiana.

Mario Monti sarà, poi, dal 30 marzo al 2 aprile in Cina, dove farà tappa tanto a Pechino quanto a Boao, sull'isola di Hainan, per intervenire al "Boao Forum for Asia". Nella capitale, invece, il presidente Monti sarà impegnato negli incontri istituzionali, con il primo ministro Wen Jiabao ed il vice primo ministro, Li Keqiang, ed economici, con il governatore della Banca Centrale ed il mondo finanziario cinese. Previsto anche un incontro con la comunità d'affari italiana e cinese.

Chiuderà il viaggio in Asia di Mario Monti la visita ad Astana in Kazakistan, dove il 2 aprile ci sarà l'incontro con il presidente della Repubblica, Nursultan Nazarbayev.

Friday, March 23

Hague e Terzi : «Gruppo di alto livello»

Dal ministro britannico «rammarico» per il blitz in Nigeria. «Sostegno» per il caso dei due marò ROMA. «C'è molto disappunto per quello che è accaduto sia nel Regno Unito che in Italia ed esprimiamo davvero profondo rammarico per ciò che è successo. Penso che tutti noi abbiamo delle responsabilità nel prendere decisioni ma queste a volte devono essere prese a prescindere del fatto che possano funzionare o meno».

Così ha risposto ieri il ministro degli Esteri britannico William Hague, nel corso dell'incontro con il capo della diplomazia italiana Giulio Terzi, a chi gli ha chiesto se ritenesse opportuno scusarsi con il popolo italiano in seguito al fallito blitz delle teste di cuoio inglesi in Nigeria che lo scorso 8 marzo ha portato all'uccisione dell'ingegnere Franco Lamolinara e del suo collega Cristopher Mc Manus. «Abbiamo lavorato con l'Italia nel tentativo di salvare le vite d entrambi gli ostaggi — ha aggiunto Hague —.

Intervenire era la cosa giusta da fare e abbiamo intrapreso l'azione perché pensavamo fosse la migliore opportunità di salvare quelle vite, che si trovavano in una situazione tremendamente difficile. Ripeto, è sempre una grande responsabilità assumere certe decisioni ma facciamo quello che riteniamo giusto in determinate circostanze», ha proseguito il capo del Foreign Office, precisando di aver riaffermato ieri all'Italia «la nostra determinazione a lavorare insieme nella lotta al terrorismo al fine di affrontare al meglio le situazioni future che si presenteranno».

Hague e Terzi hanno poi annunciato l'istituzione di un «Gruppo di alto livello» in materia di terrorismo che esaminerà l'intera gamma della cooperazione in materia di antiterrorismo, inclusi i sequestri, la lotta alla pirateria e alla radicalizzazione». Il ministro Terzi ha poi sottolineato che Londra «comprende» la «necessità di riportare a casa i due marò italiani» arrestati nello stato indiano del Kerala e per l'Italia ciò è segno di «sostegno considerevole». Su 9uesto caso «daremo tutto I aiuto che possiamo», ha assicurato il ministro britannico.

NATO's military intervention paved way for separatism

Ambassador Konuzin addresses the gathering (Tanjug)
Ambassador Konuzin addresses the gathering (Tanjug)
The gathering heard today that the campaign had been conducted against all provisions of international law and UN Security Council resolutions.

NATO's military aggression against the SRJ paved the way for separatism in Kosovo, Russian Ambassador Aleksandr Konuzin said during the even dubbed, "Kosovo and Metohija - 13 Years after NATO Aggression".

"It was no coincidence that members of the (ethnic Albanian) Kosovo Liberation Army at the time, who are today high-ranking officials in Kosovo, spoke openly how NATO was fighting on their side," Konuzin stated.

It is obvious today that the unilateral declaration of independence by Kosovo was part of the Euro-Atlantic plan to partition Serbia, Konuzin noted.

"The Kosovo issue is still open, and Kosovo has become a testing range for illegal political meddling in internal affairs of sovereign countries with the use of force," he pointed out.

The meeting was organized by the Belgrade Forum for the World of Equals, SUBNOR and the Club of Generals and Admirals. The speakers included former high-level officials of the SRJ Vladislav Jovanović and Živadin Jovanović.

Belarus Ambassador to Serbia Vladimir Gusev and representatives of the Chinese and Iranian embassies also attended.

Victims to be honored in southeastern town

A day of mourning for the victims of the 1999 war will be marked on Saturday in Aleksinac, a town in southeastern Serbia which suffered one of the most brutal NATO attacks during the 11-week air campaign against the Federal Republic of Yugoslavia (SRJ) 13 years ago.

Wreaths will be placed at a memorial site by Serbian President Boris Tadić, Defense Minister Dragan Šutanovac, and Chief-of-Staff of the Serbian Army Gen. Ljubiša Diković.

Aleksinac, a town with a population of 17,000 located in the valley of the Južna Morava River, was targeted with six powerful missiles striking a residential area on April 5, 1999, at 21:35 CET.

The attack killed 11 people, at the same time injuring 50 citizens.

The 13th night of air strikes left Aleksinac downtown ruined, with severe damages on 35 family homes, 125 apartments, a number of businesses, health care center, the local bus station, and other facilities.

NATO representatives in Brussels claimed that the missiles had "gone off course due to a technical error", adding that "the real target" were army barracks located near the town.

Upon visiting the ruins in Aleksinac, retired Canadian Maj. Gen. Lewis MacKenzie - who in the early 1990s commanded UN peacekeepers in Bosnia - stated that it was "a crime against civilians - peaceful citizens in their family homes, in the area with absolutely no military facility".

In the spring of 1999, Aleksinac was attacked on a number of occasions, with the total death toll of 24 residents.

NATO's 78-day war against Serbia, launched on March 24, 1999, resulted in the deaths of 2,500 civilians, 89 of whom were children, Tanjug news agency is reporting.

Toulouse gunman didn’t plan on killing kids.

The attack on a Jewish school that left three young children and a rabbi dead was an “opportunistic” outburst, French spy chief Ange Mancini has said. The Toulouse gunman had been planning to kill another French soldier instead.

­“It wasn't the school that he wanted to attack,” Mancini, intelligence coordinator for French President Nicolas Sarkozy, said on French TV.

Mancini said Mohamed Merah was planning to kill a soldier in Toulouse on Monday, but arrived too late and missed the original target. He then decided to carry out an unplanned attack on a nearby Jewish school.

Mohamed Merah, a 23-year-old Frenchman of Algerian descent, carried out three deadly attacks in and around Toulouse, killing three French soldiers, three Jewish children and a rabbi. He recorded each of the three attacks on video – a move which shows a lack of “professionalism” security officials believe.

“It is very telling that he filmed his exploits,'' Europol chief Rob Wainwright said. “Still, in spite of the mistakes, he managed to carry out significant damage.”

Despite the fact that the gunman seemed to be divided between wanting to increase the death toll and bragging about his deeds, his attacks were certainly inspired by Al-Qaeda, Wainwright added.

Authorities had been tracking Merah for several years before the tragic events. They knew he espoused a radical form of Islam and had been in Afghanistan and Pakistan, allegedly receiving training in militant camps. He was even put on the US no-fly list as a suspected terrorist.

French officials, however, are fending off accusations of incompetence on the part of anti-terrorism authorities. “There was no sign he had trained or been in contact with organized groups or jihadists," a senior official who is close to the investigation told the Associated Press.

Merah himself claimed he was in touch with Al-Qaeda and even received instructions from the group to carry out a suicide blast, which he refused to do. But the authorities have absolutely no reason to believe that he was “commissioned by Al-Qaida to carry out these attacks,” AP reported, citing the same official.

The official suggested that Merah used the well-known Al-Qaeda “brand” to increase the impact of his acts.

Meanwhile, another security official said that preventing such individualized and decentralized terror is a real challenge, because “there are hosts of people” who simply think extremist thoughts and “most of them will never do anything.”

Mohamed Merah was killed on Thursday in a shootout after police raided the Toulouse apartment where he had been holed up for 32 hours. Five riot police officers were injured in two attempts on Merah’s premises.

GOLPE

I militari hanno esautorato il capo dello stato Amadou Toumani Touré sono apparsi in televisione, con le divise d'ordinanza addosso. E hanno decretato la fine del governo del presidente Amadou Toumani Touré, in carica dal 2002. Un colpo di stato durato poche ore, quello messo in atto nella notte tra mercoledì e giovedì, a Bamako, in Mali, dai militari del Comitato nazionale per il ristabilimento della democrazia e dello stato (Cnrdr). Pochi colpi sparati e un breve comunicato letto dal portavoce Amadou Konare. Il nuovo governo militare ha decretato il coprifuoco in tutto il paese, chiudendo le frontiere terrestri e aeree e ha congelato la costituzione, pur sostenendo di voler cedere quanto prima il potere a un governo eletto. Touré sarebbe in un luogo sicuro, protetto dalle guardie lealiste. Una singolare appendice di "primavera araba", in un paese che, dallo scorso gennaio, è alle prese con una crisi interna che sfiora la guerra civile. E quanto sta accadendo nel Nord, dove i Tuareg del Fronte di liberazione nazionale Azawad, alleati con il gruppo jihadista Ansar Din, stanno combattendo contro l'esercito regolare che si trova paradossalmente peggio armato (e sarebbe questa, ?incapacità del governo di armare a dovere il suo esercito, ad aver spinto i militari al colpo di stato). Le armi dei tuareg giungono, infatti, direttamente dai depositi di Gheddafi, al fianco del quale hanno combattuto durante la guerra dello scorso anno. La Famesinatiene gli occhi puntati sul?evolversi delle vicende in Mali. La crisi in atto nel paese del Sahel, infatti, potrebbe ripercuotersi sulle indagini in corso per la liberazione di Rossella Urru, la giovane volontaria sarda del Comitato internazionale per lo sviluppo dei popoli (Cisp), rapita lo scorso 22 ottobre nei campi rifugiati saharawi del sudovest dellAlgeria, assieme ai due colleghi spagnoli Enric Gonyalons, del?associazione iberica Mundubat, e Ainhoa Fernandez de Rincon, del gruppo Amici del popolo saharawi del Estremadura. Stando a quanto più volte ribadito dal Fronte Polisario, i tre cooperanti sono stati individuati e si troverebbero proprio in Mali, nell'area nord-orientale del paese, al confine con il Niger. Eppure si conosce ancora poco riguardo alla Jamat tawhid wal jihad fi garbi Afriggiya, il Movimento unito perla jihad in Africa occidentale che, lo scorso 12 dicembre, ne ha rivendicato il sequestro con un video. Si tratta di una sigla nuova, che si autoproclama dissidente da al Qaeda nel Maghreb islamico e che ha annunciato di voler allargare la propria azione a tutto il Sahel occidentale. Per il Polisario sono criminali comuni, dediti alla compravendita di ostaggi occidentali in quello sconfinato e incontrollato bazar che è il deserto. Nelle loro file ci sarebbero diversi maliani. Ed è dal Mali che quella notte di cinque mesi fa sono giunti a Rabuni, transitando per la wilaya di Dakhla, in territorio algerino. All'inizio di dicembre, il Polisario aveva catturato undici persone implicate nel sequestro. Durante un blitz, nella zona di Timbouctou, era stato ucciso Mohamed Yeyia Ould Hamed, già condannato a morte come spia da parte di al Qaeda. Bamako aveva risposto per le rime, denunciando la violazione del proprio territorio. Insomma, un accenno di crisi diplomatica tra Mali e Polisario, che è poi rientrata nelle settimane successive. Negli ultimi mesi, sia il Polisario sia gli inquirenti europei hanno continuato a confidare nell'aiuto del governo maliano, perla soluzione del caso. Un auspicio che è sembrato tradursi in realtà lo scorso 3 marzo, quando una fonte di stampa mauritana ha annunciato la libera-zione di Rossellaedel gendarme mauritano Ely Ould Moktar, proprio a Bamako. Ma l'entusiasmo è durato appena 24 ore, prima della ritrattazione. Lo scorso 11 marzo, invece, è stata la gendarmeriadellaa Mauritania a confermare laliberazione di Moktar. Il poliziotto era stato rapito il 20 dicembre scorso ad Adel Begrou, al confine tra la Mauritania il Mali. Sarebbe stato liberato in cambio del terrorista maliano Abdel Rahman Madou, già coinvolto nel sequestro dell'italiano Sergio Cicala e di sua moglie Philomene Kabore, avvenuto nel 2009 proprio in Mali. Lultima notizia riguarda la morte dello sceicco Bahla Ag Nouh, caduto lo scorso 12 marzo in un agguato lungo la strada che collega le città di Taoudenni e Anefis, nel centro del Paese. Notabile di stirpe Azawad, Ag Nouh era uno dei più influenti negoziatori per il rilascio di ostaggi occidentali tra deserto e Sahel. Si ritiene che avesse preso parte alle trattative per il rilascio dell'ingegnere Franco Lamolinara, ucciso tre settimane fa in Nigeria assieme al collega inglese Christopher McManus, dopo il fallimentare blitz delle truppe britanniche. E potrebbe aver avuto un ruolo anche nel caso Urru, sul quale ieri è ripartita la mobilitazione in Rete: tutti ad augurare buon compleanno alla neo-trentenne Rossella, nella speranza che possa tornare presto a casa.

Tuesday, March 20

BALKANS: "Eastward to Tartary".

SOUTH TYROL BYE, BYE : SEPARATISM

Many in northern Italy have long wanted to secede. Now, the euro crisis is giving the separatist movement new momentum, with the rich north unwilling to pony up for the poor south. Prime Minister Monti's efforts to exert control may be making matters worse.

The governor loves to hunt -- geese, rabbits, fox, whatever happens to cross his path. Luis Durnwalder, the top hunter in South Tyrol, grants hunting licenses as if he were the lord of the manor, and when farmers in Vinschgau complain that the deer are ruining their fields, he issues a direct order to his hunters: Shoot seven deer, right away!

The Italian government could have guessed that it would only make enemies in Bolzano when it filed a complaint against the state hunting law in South Tyrol before the Italian Constitutional Court. Rome doesn't like the fact South Tyrol doesn't adhere to the hunting season mandated for all Italian provinces.

None of Rome's business, says Durnwalder. He points out that Sicily and South Tyrol are so different in terms of flora and fauna that it isn't possible "to apply the same law from the Brenner Pass to Sicily."

Italian Prime Minister Mario Monti disagrees. He wants to prove that Europe can rely on Italy. To that end, his cabinet of technocrats has assembled a package of reforms that also makes additional demands on the five Italian regions with semi-autonomous status -- even down to legal details regulating the damage done by wildlife.

Money is at the core of the dispute. South Tyrol is expected to contribute €120 million ($161 million) to cleaning up the Italian national budget. To do so, it will have to raise real estate, value-added and income taxes, as well as fees paid by farmers -- measures that violate Rome's promise that 90 percent of the taxes collected in South Tyrol will stay in South Tyrol. On an almost daily basis, Durnwalder cites paragraphs from the reform package against which he intends to make his own case before the Constitutional Court.

'Foreign Dominance'

What is happening in Italy's northernmost and wealthiest province mirrors the larger euro crisis: The rich north doesn't want to pay for the poor south. In the 1950s and 60s, this attitude was reflected in the "Away from Rome" movement, which, until recently, was considered just as outmoded as the prejudices of Northern Europeans against Southern Europeans that have now been brought to the surface by the crisis.

"What else has to happen for South Tyrol to finally separate itself from this country?" asks Eva Klotz, a member of the state parliament for the "South Tyrolean Freedom" separatist movement. The 60-year-old has spent half her life fighting for independence, although she has never been taken very seriously. But now the time is ripe, she says, to put an end to Italy's "foreign dominance." The people of her province, she adds, are unwilling to be dragged down with the rest of Italy.

But the debate isn't limited to marginal groups. South Tyrol Economics Minister Thomas Widmann, with the conservative People's Party, proposes that South Tyrol "buy its freedom" from Italy. The minister even names a concrete purchase price. Italy's debt amounts to €1.911 trillion, or €30,000 per capita. For the 500,000 citizens of South Tyrol, this would amount to €15 billion. If Bolzano paid this sum to Rome, says Widmann, it could demand "full autonomy" in return. From then on, Italy would only handle monetary, foreign and defense policy for South Tyrol.

The right-wing populist Libertarian Party advocates the model of a free state. "Why should we be the ones to rescue Italy?" asks Ulli Mair, 37, the party chairman. "After all, we didn't make this mess." The party intends to explain how the Free State of South Tyrol could work in a draft constitution it will release soon.

'First-Class Passengers'

Pollsters have noticed that separatist arguments are gaining traction, especially among young South Tyroleans. Their share of the membership of the Libertarian Party and South Tyrolean Freedom is growing significantly. The province is experiencing a general shift to the right, says political scientist Günther Pallaver.

While 90 percent of South Tyroleans identified with a limited autonomy status in the 1970s, this share has dropped to about 60 percent today, says Pallaver. "We are dealing with conflicts that could become even more severe in the future." According to Pallaver, South Tyrol's German-speaking voters are moving more and more to the right, and it's conceivable that lawmakers with the relatively tame South Tyrol People's Party (SVP) in the Italian parliament could be joined by representatives of parties less interested in compromise.

After having served 22 years as governor, Luis Durnwalder, known as "State Luis" and "the eternal Durni," finds this notion horrifying. "South Tyrol also has to do its part to overcome the crisis," he says, after a meeting with Prime Minister Monti in Rome. "We are still traveling on the same ship as Italy. The only difference is that we South Tyroleans are first-class passengers."

MONTI E IL VIAGGIO DEL "MILIONE" DI MARCO POLO

Alla fine di marzo il premier incontrerà gli investitori in Corea del sud, Giappone e Cina. Poi andrà in Israele ed Egitto Dettagli e segreti sulle prossime missioni estere di Monti Roma. Dopo l'Europa e l'America, tocca ad Asia e medio oriente. Dalla prossima settimana il presidente del Consiglio, Mario Monti, inizierà una serie di missioni che toccheranno Corea del sud, Giappone, Cina, Israele e infine Egitto.

L'obiettivo, seppure non esplicitato, è quello di convincere gli investitori, in particolare asiatici, a investire in Italia, non solo nei titoli di stato italiani ma anche nei settori produttivi e redditizi del nostro paese, anche dopo le regole chiare sulla golden share che ieri il ministro degli Affari europei, Enzo Moavero, ha illustrato al commissario Ue al Mercato interno, Michel Bar-nier.

In altri termini, dopo il lavoro in Europa a fianco della Germania e della Francia per un Patto fiscale europeo non solo improntato al rigore e all'austerità ma con i primi segnali pro crescita, anche grazie alla sponda trovata nell'inglese David Cameron e nello spagnolo Mariano Rajoy; e dopo la visita negli Stati Uniti con l'incontro alla Casa Bianca e gli appuntamenti a Wall Street con la comunità finanziaria, è giunta l'ora dell'Asia, Monti si appresta a convincere i capitali asiatici a puntare sull'Italia.

Nella missione che inizierà domenica prossima, il primo ministro conta di convincere gli investitori asiatici che ormai l'Italia è un mercato interno liberalizzato, attrattivo e competitivo. La novità che intende illustrare, oltre al consolidamento dei conti pubblici e alle liberalizzazioni, sarà la riforma del mercato del lavoro, compresa la norma per rendere meno rigidi e vincolistici i licenziamenti sia economici che disciplinari.

Una richiesta contenuta tra l'altro in una recente lettera del comitato dei gruppi esteri che operano in Italia in cui è chiaro l'auspicio per una maggiore flessibilità in uscita. Il programma della visita asiatica, secondo la ricostruzione del Foglio, prevede nel pomeriggio di lunedì 26 marzo la partecipazione all'inaugurazione della Conferenza sulla sicurezza nucleare e poi incontri istituzionali.

Al summit sul nucleare a Seul sarà presente anche il presidente cinese Hu Jintao, ha annunciato ieri il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Hong Lei, in una conferenza stampa a Pechino. I128 e il 29 marzo, Monti sarà in Giappone dove incontrerà tra gli altri altri il premier giapponese, Yoshihiko Noda, e sarà l'ospite principale di una riunione con uomini d'azienda e di finanza in un seminario nella sede del giornale Nikkei Shimbun.

In ambienti diplomatici, si fa notare che erano cinque anni che un presidente del Consiglio italiano non incontrava un primo ministro giapponese. Ma a Palazzo Chigi la visita più attesa è di certo quella in Cina, il 30 e 31 marzo. A Pechino Monti incontrerà il primo ministro cinese Wen Jiabao e anche i vertici della Banca centrale. La missione servirà a rinsaldare i buoni rapporti tra Cina e Italia: le visite a Roma e Milano di grandi aziende cinesi e dei fondi sovrani come Cic sono frequenti.

Monti arriverà a Pechino pochi giorni dopo che il ministro dell'Ambiente, Corrado Clini, è stato nella Repubblica popolare, dove ha incontrato esponenti del go-verro, il sindaco di Pechino e il vicepresidente dell'Accademia cinese delle scienze sociali (Cass) dove ha tenuto un discorso sulla cooperazione sino-europea nella lotta ai cambiamenti climatici.

Monti sarà uno degli ospiti di rilievo del Forum internazionale nell'isola di Boao, dove si tiene un appuntamento noto come la Davos asiatica. Dopo la Cina, secondo le indiscrezioni raccolte in ambienti diplomatici, il premier andrà in Israele per Pasqua e poi in Egitto il 9 e 10 aprile.

USA: Dignità e Onore PERSI.

Quando si è diffusa la notizia che sedici afghani, tra cui donne e bambini, erano stati trucidati da un soldato americano nel distretto di Panjwai, ci siamo sentiti persi, del tutto impotenti. Questa strage ha di fatto posto la parola fine alla missione della Nato in Afghanistan".

A parlare è un alto funzionario d'Intelligente che ha verificato sui militari dell'Isaf l'effetto dell'azione compiuta dal sergente Robert Bales (già rimpatriato e trasferito nel carcere di Fort Leavenworth, in Kansas) sui militari dell'Isaf. "Nessuno tra i soldati dei diversi contingenti crede alla versione del soldato impazzito che si allontana dalla sua base per sterminare vittime innocenti", aggiunge il nostro interlocutore.

"Non riesco a comprendere come gli americani abbiano potuto pensare che non saremmo riusciti ad appurare la verità o che l'avremmo sottaciuta per un malsano senso dell'interesse comune. Hanno sottovalutato anche lo sdegno profondo dei loro stessi soldati, quelli che come noi fanno il proprio dovere con umiltà e nel rispetto del codice militare e dell'onore.

E' questo che alla fine li ha indotti a far trapelare la notizia che insieme al sergente Bales vi era un'intera pattuglia, composta da almeno quindici uomini", aggiunge il funzionario di Intelligence.

Avevano quindi visto bene gli abitanti del piccolo villaggio di Zangabad, dove l'orrore si è consumato, "come pure i nostri informatori che ora si rifiutano di collaborare con noi mettendo in crisi l'intero dispositivo Human intelligence (Humint) faticosamente costruito nel corso di dieci anni", afferma la nostra fonte.

L'intera stampa mondiale si è interrogata a lungo sulle reazioni dei talebani e del popolo afghano. Ora è giunto il momento di chiedersi cosa sentano e pensino oggi, dopo aver visto colleghi orinare su cadaveri di nemici uccisi, bruciare incuranti copie del Corano a Bagram e, da ultimo, stuprare donne e ammazzare bambini, le migliaia di militari costretti a rinchiudersi nelle loro basi in attesa dell'annunciata vendetta da parte dei talebani e delle stesse forze di sicurezza afghane, tra le cui file sempre più numerosi sono gli infiltrati integralisti.

E' questo il compito affidato in gran segreto alla squadra di specialisti di cui fa parte il nostro interlocutore. I primi risultati sono sconvolgenti, dal momento che evidenziano la chiara percezione di una fine ingloriosa della missione e il montare di una diffusa sfiducia nei confronti delle Forze statunitensi e dei loro vertici militari, incapaci di prevenire e impedire che si verifichino fatti come quelli accaduti negli ultimi mesi in Afghanistan.

Si sta diffondendo, inoltre, un sentimento di rabbia per l'onta che indirettamente si abbatte anche su coloro che hanno perso la vita combattendo per una causa giusta. Tra i diversi contingenti dispiegati sul campo non si sono ancora manifestate forme di reale antiamericanismo, ma circolano con sempre maggiore insistenza espressioni assai negative sui "cowboy a cinque stelle" e sui "maledetti, stupidi americani".

"Anche noi - conclude la nostra fonte - abbiamo militari che hanno combattuto prima in Iraq e ora in Afghanistan. Si tratta di reduci che hanno vissuto l'orrore della guerra fianco a fianco agli americani, ma che a differenza di questi ultimi continuano a conservare Dignità e Onore, rispettando le popolazioni locali e persino i nemici.

Nessuno dimentica 1'11 settembre e l'altissimo tributo di sangue pagato dagli americani tra Baghdad e Kabul, ma ora farebbero bene a prendere esempio dai nostri militari per scongiurare che poche mele marce possano determinare il loro e il nostro fallimento".

VATICANO: 2011/2012 BOSNIA-ERZEGOVINA E MONTENEGRO

VATICANO

Russian Anti-Terror Troops Arrive in Syria

A Russian military unit has arrived in Syria, according to Russian news reports, a development that a United Nations Security Council source told ABC News was "a bomb" certain to have serious repercussions.

Russia, one of President Bashar al-Assad's strongest allies despite international condemnation of the government's violent crackdown on the country's uprising, has repeatedly blocked the United Nations Security Council's attempts to halt the violence, accusing the U.S. and its allies of trying to start another war.

Now the Russian Black Sea fleet's Iman tanker has arrived in the Syrian port of Tartus on the Mediterranean Sea with an anti-terror squad from the Russian Marines aboard according to the Interfax news agency. The Assad government has insisted it is fighting a terrorist insurgency. The Russian news reports did not elaborate on the Russian troops' mission in Syria or if they are expected to leave the port.

The presence of Russian troops in Syria could be a "pretty obvious" show of support to the regime, according to Russian security expert Mark Galeotti.

"No one thinks of the Russians as anything but Assad's last friends," said Galeotti, professor of global affairs at New York University.

The Iman replaced another Russian ship "which had been sent to Syria for demonstrating (sic) the Russian presence in the turbulent region and possible evacuation of Russian citizens," the Black Sea Fleet told Interfax.

RIA Novosti, a news outlet with strong ties to the Kremlin, trumpeted the news in a banner headline that appeared only on its Arabic language website. The Russian embassy to the U.S. and to the U.N. had no comment, saying they have "no particular information on" the arrival of a Russian anti-terrorism squad to Syria.

Moscow has long enjoyed a cozy relationship with the Assad regime, to which it sells billions of dollars of weapons. In return Russia has maintained a Navy base at Tartus, which gives it access to the Mediterranean.

Last week Russia's Foreign Minister Sergei Lavrov said Russia had no plans to send troops to Syria.

"As for the question whether I consider it necessary to confront the United States in Syria and ensure our military presence there… in order to take part in military actions -- no. I believe this would be against Russia's national interests," Lavrov told lawmakers, according to RIA Novosti.

Russia's Defense Minister Anatoly Serdyukov denied reports that Russian special forces were operating inside Syria. He did say, however, that there are Russian military and technical advisors in the country.

U.S. State Department spokesperson Victoria Nuland said the U.S. government had not heard of the reports of Russian troops in Syria and declined to comment.

I VERI MAGISTRATI DI PRIMA LINEA!

TOP PROSECUTORS

UN GIUDICE NEL TRITAGIUDICI.

Alberto Cisterna, uno dei vice del Procuratore Piero Grasso dalla Direzione Nazionale Antimafia (DNA), non puo' piu' restare al suo posto: deve essere trasferito d'ufficio per incompatibilita' funzionale per la sua ''frequentazione costante, al di fuori dei doveri d'ufficio, di un soggetto legato a una famiglia appartenente alla criminalita' organizzata''.

Un comportamento che ha ''irrimediabilmente appannato'' l'imparzialita' necessaria per lo svolgimento del suo ''delicato'' ruolo. La dura richiesta viene dalla Prima Commissione del CSM ed e' messa nero su bianco in una corposa proposta di delibera di una quarantina di pagine. La decisione finale spettera' al "Plenum di Palazzo dei marescialli", ma l'ampiezza dei consensi che si e' registrata in Commissione (cinque voti a favore e la sola astensione del togato di Magistratura democratica Vittorio Borraccetti) fa capire quanto sia a rischio la posizione del magistrato.

La vicenda è scaturita dall'indagine che ha coinvolto il dott. Alberto Cisterna a Reggio Calabria per corruzione in atti giudiziari. E all'origine ci sono le dichiarazioni rese dal boss pentito Antonino Lo Giudice , che si è autoaccusato degli attentati del 2010 alla procura generale di Reggio Calabria e al Procuratore Pignatone e ha riferito di rapporti intercorsi tra Cisterna e suo fratello Luciano, con incontri e contatti telefonici. Ed e' questa frequentazione in se', con un ''appartenente a una pericolosa famiglia di criminalita' organizzata reggina'', avvenuta ''al di fuori dei doveri d'ufficio'', che il Csm contesta ''senza in alcun modo ipotizzare condotte di favore'' del magistrato nei confronti della famiglia stessa.

''E' un fatto incontestabile'', scrivono i consiglieri, che ''almeno dal 1986 Cisterna era a conoscenza del coinvolgimento della famiglia Lo Giudice in affari mafiosi''; peraltro i suoi contatti con Luciano sono ''di gran lunga antecedenti alla diagnosi'' della malattia del figlio. Cosi' come non ha convinto il fatto che non immediatamente ma solo qualche tempo dopo Cisterna comunico' a Grasso che Luciano Lo Giudice – che ai familiari aveva detto di aspettarsi un intervento a suo favore dall'''avvocato di Roma'', identificato nel magistrato – lo aveva contattato dal carcere ,dove era in custodia cautelare per associazione a delinquere di stampo mafioso.

Proprio il protrarsi della detenzione di Luciano costituirebbe la ragione per cui il fratello Antonino decise di organizzare attentati ai danni di Di Landro e Pignatone , scrivono tra l'altro i consiglieri, riferendosi alle indagini di Reggio.

Monday, March 19

NATO 'covers up' Libyan death shame!

NATO has failed to investigate scores of civilian deaths incurred during its seven-month military campaign in Libya, Amnesty international says. NATO expressed its “regret” for civilian casualties but has taken no steps to initiate an investigation.

"It is deeply disappointing that more than four months since the end of the military campaign, victims and relatives of those killed by NATO airstrikes remain in the dark about what happened and who was responsible" said Donatella Rovera, the Senior Crisis Response Adviser at Amnesty International on Monday.

She stressed that if NATO is indeed dedicated to the protection of civilians, then it cannot simply “brush aside the deaths of scores of civilians with some vague statement of regret.”

The Libyan Health Minister of the National Transitional Council estimated that about 30,000 were killed during the conflict.

Amnesty International appealed to NATO on March 5, urging them to undertake a thorough investigation into the civilian deaths documented by the NGO. Furthermore, they asked for the findings of any subsequent investigation to be publicly disclosed and compensation to be given to the victims’ families.

Amnesty said that NATO had not even tried to contact the bereaved families of the victims killed in the strikes.

NATO’s response on March 15 did not account for any of the cases of civilian causalities raised by Amnesty International, but instead offered this statement:

“While NATO did everything possible to minimize the risk to civilians, in a complex military operation that risk cannot be reduced to zero. NATO deeply regrets any harm that may have been caused by those air strikes.”

Amnesty International published its findings in a report entitled “Libya: The forgotten victims of NATO Strikes” on Monday.

The document outlines the findings of the NGO’s investigations into civilian casualties of the NATO airstrikes, highlighting numerous occasions when “insufficient precautions were taken in attacks that targeted possible combatants staying at civilian homes.”

The investigation cites 55 named civilians, including women and children who were killed in airstrikes in Tripoli, Zlitan, Majer, Sirte and Brega. Moreover, the NGO found no evidence indicating the strikes carried out on private properties targeted homes being used for military purposes.

While the NGO accepts that NATO did take precautions to avoid civilian deaths, it underlined the fact that this did not absolve them from conducting full investigations. The object of the enquiries should establish whether international law was violated during the air strikes.

During its seven-month campaign that ended in the ouster of Colonel Gadaffi, NATO executed around 9,600 strike operations that destroyed 5,900 targets.

Coalition forces began their campaign in Libya in March 2011, saying they had a responsibility to protect civilians suffering in the Libyan civil war. The campaign backed by 19 different countries was headed by France, who worked closely with the UK and US.

IPSE DIXIT: la bocca della verità

Per Mare, Per Terram. Massimiliano e Salvatore: siete il nostro Orgoglio. Non meritate la mediocrità dei governuccoli di sempre e la meschinità di finti o veri politicantucoli. Soprattutto, l'ignoranza formidabile degli asini mediatici.

 ESEMPIO:
Molti "no comment" o "non rispondo" e risposte elusive. L'intervista di Repubblica ai due Fucilieri di Marina detenuti dal 19 febbraio dalle autorità indiane evidenzia le contraddizioni del governo italiano nella crisi con l'India.

Incredibile che i due marò, ma è solo il più alto in grado a rispondere alle domande, non siano stati autorizzati a raccontare alla stampa italiana quanto accaduto nel pomeriggio del 15 febbraio quando una barca da pesca si è avvicinata in modo sospetto alla petroliera Enrica Lexie che navigava in acque internazionali.

Una "verità" che Massimiliano Latorre e Salvatore Girone hanno scritto nel rapporto inviato a Roma e raccontato nei tribunali indiani. La scusa del riserbo dovuto alle indagini in corso non regge perché in tal caso non si capisce perché gli imputati possano rilasciare interviste ma non rispondere alle domande.

Mentre i media indiani attaccano i militari italiani dipingendoli come assassini a loro non viene consentito neppure di spiegare la loro versione dei fatti. Chi ha autorizzato l'intervista senza consentire ai due militari di rispondere in modo franco e diretto? Nessuno è stato in grado di dircelo ma anche i più sproweduti in fatto di comunicazione sanno che frasi quali «no comment» o "non rispondo" sono bandite dalle «note di linguaggio* perché inducono a sospettare reticenza e omertà.

La Marina Militare ha molti ufficiali esperti nella comunicazione ma pare che nessuno di essi sia stato inviato in India per gestire la crisi sul piano mediatico e per preparare i due militari ad affrontare le interviste. A gestire la vicenda non è la Difesa ma il Ministero degli Esteri che fino a ieri ha raccomandato il massimo riserbo.

L'impressione è quindi che manchi una strategia chiara e coerente e non solo sul fronte mediatico. Il ministro degli Esteri, Giulio Terzi ha detto giorni fa in Parlamento che l'India ha usato un «sotterfugio* per far entrare la Enrica Lexie nel porto di Kochi e «mezzi coercitivi* per far sbarcare dalla nave i due fucilieri.

Ciò nonostante lo stesso ministro si è recato in India pochi giorni dopo per discutere di affari con Nuova Delhi dispensando sorrisi e strette di mano a chi ha ingannato gli italiani usando la forza per arrestare i nostri militari.

Il vice-ministro Staffan De Mistura, che ieri ha incontrato i famigliari dei due fucilieri, intervistato al Tg 5 ha detto che se gli esami balistici dimostrassero che i proiettili che hanno colpito i pescatori indiani sono italiani «la nostra formula è che tutti possono sbagliarsi soprattutto in condizioni di tensione.

Sono militari che facevano il loro dovere e in questo caso vengono giudicati in Italia. Finora però l'Italia aveva escluso ogni ipotesi di responsabilità dei militari italiani nella vicenda. Nell'intervista Latorre precisa che «siamo scesi dalla nave perché ci è stato detto di farlo ma aggiunge un "non rispondo" alla richiesta di indicare chi avesse impartito tale ordine. Toccherebbe al governo fare chiarezza.

Latorre ha espresso anche dispiacere per la morte dei due pescatori «come ci dispiace della morte di altri cinque pescatori indiani in un incidente con una nave pochi giorni dopo». Secondo la Guardia costiera indiana una nave di Singapore, la Prabhu Daya ha speronato il primo marzo il peschereccio Don-1 al largo delle coste del Kerala causando la morte di cinque pescatori.

La nave ha raggiunto il porto di Chennai per accertamenti su "invito" delle autorità indiane ma sembra che i pescherecci indiani abbiano il brutto vizio di avvicinarsi ai mercantili in transito in acque internazionali.
FINE ESEMPIO

CRISI EUR0PEA? SI STAMPANO PIU' EURO: "FALSI".

I temuti falsari di banconote d'Euro, si trovano nelle campagne del sud della Bulgaria e nella periferia di Sofia. Qui l' antica tradizione di copiare i dollari con la stampa offset ha reso possibile la riproduzione del biglietto verde da 200 euro in ottima qualità. È nella zona industriale di Varna sul mar Nero, che l' Europol e il Secret Service statunitense (il servizio segreto che si occupa della difesa del dollaro e dell' incolumità dei presidenti) scoprirono il 22 gennaio 2004 una delle prime stamperie al mondo capace di riprodurre la banconota nata appena due anni prima.

Otto anni dopo i centri di produzione si sono spostati attorno alle città di Plovdiv e Haskovo, nel sud del paese. A giugno scorso l' ultima operazione della polizia bulgara ha smantellato un sito in questa zona, sequestrando 200 mila euro in pezzi da 500. Due esperti dell' Europol li hanno valutati «tra i migliori mai prodotti».

Francia e Spagna vengono subito dopo l' Italia per quantità di soldi taroccati prodotti, ma là usano nell' 80 per cento dei casi le stampanti laser di ultima generazione, tecnologia che ha aperto il mercato del falso anche a esperti di informatica e di computer grafica. In Italia invece la quota delle stampe digitali è al 10 per cento (ma in crescita). E poi ci sono le nazioni emergenti.

La Polonia, dove poche settimane fa è stato sequestrato in un appartamento a Varsavia un milione di euro che doveva essere utilizzato per truffarei tifosi di calcio durante i prossimi Europei di calcio, e la dove a controllare il mercato è un gruppo di falsari di Banka Luka, Bosnia Repubblica Serba.

Turchia, Romania, Albania non producono, ma agiscono da distributori, facendo la spola per approvvigionarsi tra Napoli e Sofia.

I più efficienti spacciatori d' Europa però sono i criminali lituani, che hanno avuto l' idea di smerciare le banconote taroccate usando la ben collaudata rete di pusher sul territorio. Quali sono gli effetti sul sistema finanziario europeo? Cosa rischia l' Euro? Il ministro dell' Interno bulgaro, Tsvetan Tsvetanov, lo dice chiaramente. «La contraffazione - ha dichiarato il 3 giugno scorso - sta diventando preoccupante per la sicurezza finanziaria dell' euro perché i falsi inondano il mercato e perché le condanne per i falsari non sono abbastanza severe».

A Francoforte invece i dirigenti della BCE sembrano più tranquilli, perché il volume del sequestrato nel 2011 si è ridotto del 19,3 per cento rispetto al 2010 e le 606 mila banconote ritirate (215 mila solo in Italia, un controvalore di una decina di milioni di euro) su un totale di 14,4 miliardi di pezzi del circolante genuino danno una percentuale di falsificazione bassa, lo 0,00043 per cento.

Dicono: «Eviterei ogni inutile allarme - ci tienea precisare il colonnello Gentili - abbiamo diverse strutture che sorvegliano l' integrità dell' euro, tra cui l' Europol, l' Olaf a Bruxelles, la Banca d' Italia e tutte le forze di polizia. Con un po' di accortezza, facendo un piccolo sforzo per conoscere meglio come sono fatte le banconote genuine, i cittadini possono evitare di essere frodati».

Anche per questo le rotte del falso fuori dall' Europa portano, passando attraverso la Spagna, in quei paesi che hanno una moneta debole e una scarsa conoscenza degli euro. Medio oriente, Africa del nord, Est Europa soprattutto. In Africa ci sono banche che nemmeno riconoscono quelli finti e li cambiano con la valuta locale. E i cinesi cosa fanno?

I maestri della contraffazione mondiale per ora si sono tenuti ai margini. «Ma di recente - raccontano all' Europol abbiamo scoperto che gli ologrammi usati dai falsari bulgari per le banconote da 200 euro erano stati fatti da alcuni criminali cinesi. Se anche loro si mettono a stampare, sarà un problema per tutti».

Mossad and CIA

Israel’s intelligence service Mossad has acknowledged, just like their American counterparts, there is no proof Tehran is carrying out a nuclear weapons program, a source in US intelligence told the New York Times.

­An unnamed former senior US intelligence official told the paper “Mossad does not disagree with the US on the [Iranian] weapons program.” The consensus among US spy agencies remains that Iran stopped its nuclear weapons research several years ago.

“There is not a lot of dispute between the US and Israeli intelligence communities on the facts,” the official continued.

Such recognition comes in stark contrast with Israeli politicians, who have continually insisted on an immediate military strike on Iran’s nuclear installations to prevent it from evolving into an “existential threat” to the Jewish state.

The assessment of the intelligence available is the key to the ongoing war or peace dilemma with Iran. US spy agencies have been searching around for years, trying to find proof Iran is developing a nuclear warhead and missiles to deliver it. For all of their troubles, this is what they’ve found: the program was shut down way back in 2003.

As of today, the intelligence data on Iran has not significantly changed.

“Iran is the hardest intelligence target there is. It is harder by far than North Korea,” another former intelligence officer confessed to the NYT. His explanation was simple: the US doesn’t have many agents on the ground to verify information.

There are reports the US use sensors implanted near Iranian nuclear facilities to monitor the situation.

But while intelligence circles might admit Iran is not close to obtaining nuclear weapons, the sanctions against Iran remain in place. Meanwhile, neither Israeli nor American leaders make any bones of threatening Iran with a military solution to prevent the country's frustrated nuclear ambitions from seeing the light of day.

Iran insists on the utterly peaceful character of its nuclear program and promises not to give it up at any cost.