Sunday, April 29

Israel's former security chief

Israeli vice-premier and Likud party member Silvan Shalom told the Jerusalem Post that Diskin should not have spoken in public.

Former Yugoslavia: "Dayton Treaty which ended".

‘From the very first day of the war I knew that if you wanted to be accepted and avoid criticism, you should be against the Serbs, support the Bosniacs and turn blind eye to the Croats’, Stoltenberg said in his interview with the Free Europe Radio. ‘Those who like me supported one or another side depending on the development of events in the field, were exposed to severe criticism’, he added. Stoltenberg was criticized to be pro-Serbian oriented.

‘At the end instead of Serbian Language that I learned during my diplomatic service in Belgrade I was forced to use English in negotiations. I was objected that my accent was too Serbian and that I was using the Serbian variant of the language too much and too little the Croatian one. That is why I used English in the end’, he said. Stoltenberg was the first peace mediator who said as early as in 1993 that BiH should be divided into three parts.

At peace conference in Geneva on July 30, 1993 representatives of all three nations reached an agreement over alliance of the BiH republics what was the backbone of Owen-Stoltenberg plan. When negotiations regarding maps began, Alija Izetbegovic presented new conditions what caused the plan fail. Stoltenberg claims that the peace plan from 1993 was more favorable for the Bosniacs than the Dayton Treaty, but the Bosniacs rejected it at a suggestion from the USA.

‘The USA actually made it difficult for the agreement to be reached. The Bosniac representatives said not to be in position to accept the document because they had been so advised by the American authorities’. Stoltenberg said. As a reason for refusal there was specified that a very small territory would be given to the Bosniacs. According to the agreement they should have got 30 percent of the BiH territory. Today as per the Dayton Treaty, the Bosniacs control between 26 and 28 percent of the territory.

Former president of the Republic of Srpska Biljana Plavsic says that it was the former USA ambassador to Serbia Warren Zimmermann who explained the best in his book the recall of Alija Izetbegovic’s signature from the agreement. ‘He says to have been very disappointed when he heard that the Muslims had signed the agreement. He called Izetbegovic immediately and Izetbegovic told him he had had to do so.

But Zimmermann told him that nothing is over and that he should recall his signature’, Plavsic told ‘Blic’. Plavsic also reminds that Izetbegovic described his war intentions in his book ‘Memories’ in which he wrote that ‘the war in BiH is Kosovo battle for the Muslims’. ‘He wanted to create for Bosniacs their history in just four years, a history that Serbs were making during a thousand years’, Plavsic says.

Unlike Stoltenberg she is convinced that the Dayton Treaty is the best solution for Bosnia/Herzegovina. ‘I am aware that the Bosniacs are disappointed about it. They thought they would sign it only formally and continue with making unitary Bosnia/Herzegovina’. Plavsic said. Vladimir Lukic, who was RS Prime Minister in 1993, is of the opinion that the war in Bosnia/Herzegovina would be over earlier had not the Americans been delaying reaching of peace talks.

‘Only when they realized that the war could spread on the whole Balkans, they wanted to get for themselves the role of a peace-keeper and suggested negotiations which ended with the Dayton Treaty’, Lukic said.
PROVENZANO INDOVINELLO
PIOLATORRE

FIAT car factory has been opened in Serbia.

For every EUR 3 invested by the Italians, Serbia invested EUR 1. The Fiat invested in the factory, technology, modern machines and robots, while Serbia invested in infrastructure, provided land and gave tax concessions. Sergio Marchionne, General Director of the Fiat-Chrysler yesterday said that ‘the equipment now installed in the factory can produce 200,000 car units per year’.

 This Serbian factory is the most contemporary that Fiat ever had. We are opening here real industrial park so as to attract as much sub-contractors as possible. The factory shall employ 2,400 workers. Another 1,000 workers are employed with the sub-contractors. The model ‘Fiat 500 L’ is a basis of the future Fiat development and shall be sold in the markets of the EU and the USA. We are here because Serbia has conducted reforms and built infrastructure and dynamic surrounding attractive to investors. People here have experience in car production.

I watched on an American TV ’60 Minutes’ about life story of Novak Djokovic. Novak is an example of determination, power and everything that Serbian nation is able to accomplish. That is what attracted us - Marchionne said. Serbia Prime Minister Mirko Cvetkovic pointed out that by reconstruction of the factory an important part of the ‘Fiat Cars Serbia’ project has been finalized. - Now the second most important part is to begin, production which is to return the invested money and bring profit - he said.

On the second day of Easter of 1999, the NATO jets destroyed ‘Zastava’ factory. Yesterday, thirteen years later, also on the second day of the Easter, Fiat opened in Kragujevac one of the most contemporary car factories. Apart from Prime Minister Cvetkovic, the opening ceremony was attended by Serbia Parliament Speaker Slavica Djukic Dejanovic, Serbia Deputy Prime Minister Verica Kalanovic, Minister of Economy Nebojsa Ciric and representatives of local authority. Before opening of the factory, Sergio Marchionne met with until recently Serbia President Boris Tadic.

Saturday, April 28

USA: New Rules for Secret Service Agents

No more exotic strip clubs and nights of heavy drinking for Secret Service personnel on foreign trips. And inviting foreign nationals back to the hotel room is now definitely off-limits. In the wake of a scandal involving prostitutes on a presidential trip to Colombia, Secret Service management this afternoon issued new regulations for agents on a foreign assignment.

The new rules say: "Patronization of non-reputable establishments is prohibited. "Alcohol may not be consumed at the protectee hotel once the protective visit has begun. "Foreign nationals, excluding hotel staff and official counterparts, are prohibited in your hotel room." "Alcohol may only be consumed in moderate amounts while off-duty on ... assignment and alcohol use is prohibited within 10 hours of reporting for duty."

Several Secret Service agents on a presidential trip to Colombia have lost their security clearances or their jobs over alleged misbehavior said to include heavy drinking at a sex club and hotel, and the use of prostitutes. The behavior raised ethical and security questions about the agency charged with protecting the president. House Homeland Security Chairman Peter King, R-N.Y., told ABC News the Secret Service is making it clear to agents that, "if you have any doubt, don't do it."

"They are putting regulations into writing that they thought agents should have known all along," King said. King praised Secret Service director Mark Sullivan for his "swift and certain" action, and expressed confidence in the ongoing investigation into the scandal. The new regulations also will require all agents to complete ethics training before being eligible for travel assignments.

In addition, agents will be briefed on standards of conduct before departing on a trip, and a supervisor from the Secret Service's Office of Responsibility will travel with all agency teams to make sure standards are observed. Finally, the new regulations say that the laws of the United States shall apply to Secret Service personnel while abroad.

Sen. Chuck Grassley, R-Iowa, the ranking Republican on the Senate Judiciary Committee, has been pushing for an independent investigation of the Colombia misbehavior, and suggested the new rules aren't a substitute for such an investigation. "New conduct rules are necessary to preventing more shenanigans from happening in the future, and whether these are the best, and most cost effective, rules to stop future misconduct remains to be seen," he said in a written statement.

"That's why a sheet of paper with new rules doesn't negate the previous actions, and why it remains necessary to hold the agency and the agents accountable, following a complete and independent investigation."

Friday, April 27

FINECCANICA: I NODI AL PETTINE.

Dai palazzi di giustizia a quelli della politica, il caso Finmeccanica ha animato anche la giornata in Borsa, con il titolo che ha chiuso a meno 4%. Nell'inchiesta condotta dalla procura di Napoli, e partita da alcune dichiarazioni dell'ex dirigente del gruppo aerospaziale, Lorenzo Borgogni risulta indagato il presidente di Finmeccanica Giuseppe Orsi - che nega ogni addebito - per corruzione internazionale e riciclaggio.

La vicenda non ha lasciato indifferente il governo. Il ministro dello Sviluppo Corrado Passera ha osservato che un avviso di garanzia non può essere considerato «una buona giustificazione» per destabilizzare «una bellissima azienda». La difesa del valore, industriale e strategico, del colosso di Stato è unanime. Ma proprio per tutelare la salute e l'immagine di Finmeccanica, ai vertici del governo vi sarebbe chi - riferiscono fonti accreditate - sarebbe propenso ad un cambio della guardia alla guida della holding.

L'ex capo delle relazioni istituzionali Borgogni, ha fatto mettere agli atti che Finmeccanica avrebbe versato tangenti anche a CL, non si sa a quale scopo. «Da alcuni mesi - è la replica di Alberto Savorana, portavoce del movimento ecclesiale - il nome di Comunione e Liberazione è costantemente associato sui mass media a vicende politico-giudiziarie di suoi appartenenti odi persone che hanno rapporti con alcuni di essi, in una continua identificazione del movimento nel suo insieme con le responsabilità di singoli e, viceversa, con l'attribuzione di responsabilità individuali - nel bene e nel male, di qualunque natura esse siano, essendo ancora da dimostrare se sono stati commessi reati - a CL in quanto tale».

Con queste vicende, nbadisce Savorana alludendo anche al caso Finmeccanica, «CL non c'entra nulla». Dello stesso tenore la reazione di Orsi: «Assolutamente falso». Così il presidente e amministratore delegato del colosso di Stato ha smentito la notizia secondo cui sei automobili Maserati sarebbero state usate come prezzo illecito degli appalti. «Attacchi gratuiti», li ha definiti il manager, che «creano danni» a Finmeccanica.

Alla base delle accuse ci sono le "rivelazioni" di Lorenzo Borgogni. I pm di Napoli stanno svolgendo accertamenti per riscontrare le circostanze, comprese quelle riferite a una villa a Moneglia, in Liguria, intestata alla moglie di Orsi, che potrebbe essere stata ristrutturata da società assegnatarie di appalti gestiti da Agusta (azienda del gruppo Finmeccanica) nel settore delle opere civili.

Il ciclone tangenti ha provocato la dura reazione di chi, tra le forze politiche, viene chiamato in causa dalle inchieste della magistratura. Soprattutto sta mettendo in seria difficoltà un gruppo che occupa 70 mila addetti ed ha commesse in ogni parte del mondo. «Un'azienda importantissima», avverte il ministro dello Sviluppo ricordando come la holding stia peraltro «attraversando un periodo complicato di ristrutturazione e rilancio».

Ieri la Grecia ha annullato una commessa di quattro aerei da trasporto C-27, dell'italiana Alenia (Finmeccanica). La commessa del 2007 prevedeva un totale di 12 aerei, di cui otto già consegnati, ma uno solo è operativo. Per Atene un risparmio di 50 milioni. Di certo, assicura ancora il ministro Passera, il governo seguirà gli sviluppi delle inchieste, ma intanto il Pd chiede di ripensare al piano industriale.

ENI: i piani (miliardari) di Putin con Scaroni.

Uno "spaventoso" giro d'affari attorno alle risorse russe, con una revisione al rialzo delle previsioni sui prezzi. Il ruolo di Eni  Vladimir Putin ha saltato l'incontro della scorsa settimana con il ministro degli Esteri italiano, Giulio Terzi, ma si è presentato sorridente fra il capo di Eni e quello di Rosneft per la firma di un accordo petrolifero da 125 miliardi di dollari.

E' così che prepara il nuovo termine al Cremlino, il terzo dopo la pausa di quattro anni passata alla guida del governo. Putin è impegnato in una grande operazione di rilancio dell'industria energetica, e il vicepremier Igor Sechin, una specie di eminenza grigia dell'oro nero, è stato ospite del Wall Street Journal all'inizio del mese per spiegare i piani del governo.

Le risorse naturali continueranno a essere la voce più pesante nel bilancio del paese, dice Sechin; entro il 2030, il 40 per cento del petrolio verrà da zone ancora inesplorate, come il mar Nero e le distese dell'Artico; per raggiungere l'obiettivo serve la collaborazione di grandi compagnie straniere. Il primo segnale è arrivato in agosto, quando la società di stato Rosneft ha raggiunto un'intesa con gli americani di Exxon Mobile. I dettagli del piano sono arrivati alla stampa soltanto ora, e non è un caso.

Le due compagnie lavoreranno insieme su alcuni giacimenti nel mar Nero e nel mare di Kara. In cambio i russi potranno sfruttare due giacimenti nel nord America, uno in Texas (Las Escalera Ranch) e uno nella provincia canadese dell'Alberta (Cardium Formation). L'investimento complessivo supera di poco i tre miliardi di dollari, ma le cifre sono più alte in prospettiva: lo stesso Putin ha definito "spaventoso" il giro d'affari complessivo, stimato intorno ai 500 miliardi.

Dopo il patto Exxon, Rosneft ha puntato su Total per lo sviluppo del giacimento Shatsky Ridge, nel mar Nero. I francesi sono già impegnati nel progetto Shtokman, fra i ghiacci dell'Artico, oggi in fase di sviluppo. Ma le conquiste maggiori degli ultimi mesi sono quelle di Eni. L'amministratore delegato, Paolo Scaroni, dice oggi che il cane a sei zampe sarà "il primo partner di Mosca" nel settore dell'energia, un dato significativo perché la Russia è il primo produttore al mondo di idrocarburi.

Aprile è stato un mese decisivo per Scaroni: prima ha ottenuto il via libera alla produzione di gas in Siberia grazie alla joint venture con Enel e Gazprom, poi ha firmato il patto con il presidente di Rosneft, Eduard Khudainatov, sotto lo sguardo attento di Putin. Il contratto permette a Eni di aggiungere un vasto pacchetto di progetti al proprio portafogli, dai giacimenti Fyedynsky nel mare di Barent allo Zapadno nel mar Nero, con riserve di petrolio stimate in 36 miliardi di barili.

Il costo delle esplorazioni (due miliardi di euro) è a carico di Eni, ma sarà diviso in caso di nuove scoperte. "I nostri partner dovrebbero mettersi fretta, c'è un sacco di lavoro qui", ha detto Khudainatov dopo l'incontro con Scaroni. Gli analisti sono entusiasti della svolta russa nel campo del petrolio: per molti anni hanno suggerito al paese di affidarsi all'esperienza di società straniere e di abbassare le tasse nel settore, e Putin ha portato a termine la consegna in pochi mesi.

Il presidente ha annunciato qualche settimana fa l'abolizione delle imposte sull'export del gas estratto nell'artico, una mossa che ha permesso a grandi gruppi come Eni ed Exxon di intraprendere progetti rischiosi. "Si tratta di una rivoluzione — commenta Vladimir Osakovski di Merrill lynch Russia — La politica di Putin si sta facendo più liberista rispetto al passato e questo avrà un grande impatto sullo sviluppo di giacimenti offshore". Il Cremlino ha appena rivisto al rialzo le previsioni sul prezzo del petrolio nel 2012, che dovrebbe toccare in media i 115 dollari al barile. Un'altra buona ragione per puntare sul greggio.

NATO cyberwarfare experts suspect that Chinese and Russian intelligence services are behind a recent uptick in cyberattacks against the Western alliance.

The number of cyberattacks perpetrated against NATO is on the rise, say experts at alliance operational headquarters, with most of them apparently originating with intelligence services in Russia and China. "Each day, we are seeing up to 30 significant attacks on our digital networks or on individual computers, mostly by way of emails infected by spyware and sent to individual NATO employees," Lieutenant General Kurt Herrmann told SPIEGEL ONLINE on the sidelines of an informational seminar at the Supreme Headquarters Allied Powers Europe (SHAPE) located in Mons, Belgium. Herrmann heads up a unit of 120 NATO computer experts whose task is protecting sensitive data belonging to the alliance from cyberattacks.

The unit, called the NATO Communication and Information Systems Services Agency, or NCSA for short, collects details on all attacks that target NATO information systems. It was founded in 2004, has been operational since 2005 and is to be further expanded next year. Two years ago, the NATO alliance officially identified the danger of cyberattack against member states as a strategic threat. Herrmann is concerned about recent developments. His experts, he says, have noted "a quantitative, but also a qualitative, increase" in the virtual attacks targeting the alliance. In many cases, emails carrying the hidden spyware are a mixture of classic intelligence service work and hacker software. In many cases, attackers have made the effort to find out personal details about the target so as to make their mails more convincing. When the recipient opens the attachments, a piece of software known as a Trojan installs itself on the computer and begins transferring data to an overseas server. The 'Human Factor' When it comes to the origins of the hacker attacks, Herrmann declined comment.

But we have learned from other sources that some of the malware used in cyberattacks on NATO resemble programs that are known to have been used by Chinese and Russian intelligence service organizations. Alliance experts thus believe that the two countries may be behind the attacks. Just how successful the attacks may have been in pilfering sensitive documents from the alliance is unknown. NATO says that, so far, they only know of the attacks that have been discovered and prevented. It is clear in SHAPE headquarters just how seriously the dangers of cyberattacks are being taken. At the entrance to the security zone hangs a sign with the current level of conventional danger.

Above that is a blinking LED display warning against the opening of attachments on work computers. There are additional signs posted throughout the building. Indeed, the so-called "human factor" is generally considered to be the weakest link when it comes to defending digital networks from cyberattacks. Spyware such as that targeting NATO has repeatedly found success in the past, even in attacks against such agencies as the US Department of Defense. NATO believes that foreign agencies are hoping their cyberattacks will produce as much classified data as possible, from diplomatic cables to details from countries like Afghanistan where the alliance is active. Officials, however, have also noted a rise in political attacks as well. Early in the air campaign over Libya in the spring of 2011, for example, a NATO website was hacked and the alliance was branded as murderers. The attack, however, was discovered quickly and remedied.

CHINA: USD 10 BLN TO BALKANS

China remains optimistic about Central and East European economies as it plans to provide a $10-billion credit line aimed at boosting business in the region. ­The country intends to set up a $500-million investment cooperation fund to support joint projects on infrastructure, new technologies and green energy, Chinese Premier Wen Jiabao said at the second annual China-Central and Eastern European Countries Economic Forum in Poland.

Beijing has been boosting investment to Central and East European economies over the last few years. Wanhua Industrial Group bought Borsodchem, the Hungarian chemicals manufacturer, for $1.6 billion, while Huawei telecoms company plans to open a unit in Hungary providing 3,000 jobs. The country also invested $225 million in the construction of a bridge over the Danube river in Serbia’s Belgrade. Last year China offered some $526 million to develop European transport infrastructure.

 Wen Jiabao has also pledged to open the Chinese market to goods from Central Europe in order to boost trade to $100 billion by 2015. "The Chinese side understands concerns among Eastern European countries over trade imbalances and will boost imports from those countries," he said. Trade volume between China and Central and Eastern Europe reached $52.9 billion in 2011, growing 27.6% a year on average since 2001, when it was only $4.3 billion.

The countries have also agreed on further development of tourism. China received 230,000 tourists from the region, while nearly 75,000 Chinese tourists came to Central and East European countries last year The Chinese premier was in Poland as part of his European tour that includes visits to Iceland and Sweden and the opening ceremony of the Hannover Messe in Germany.

Thursday, April 26

Draghi sferza i governi

"Abbiamo avuto un Fiscal compact" e ora ci vuole un "Growth compact", ha detto ieri Mario Draghi in un'audizione all'Europarlamento. Ma cosa intende il presidente della Banca centrale europea con il suo "Contratto per la crescita"? Il presidente della Commissione, José Manuel Barroso, ha colto la palla al balzo per giustificare la richiesta di aumentare il bilancio comunitario del 6,8 per cento, nonostante tutti i paesi siano costretti a una dura cura di austerità. "Dobbiamo complementare le misure di consolidamento fiscale con la crescita — ha spiegato Barroso — e gli investimenti possono e devono venire dagli strumenti europei". In Francia, il candidato socialista Francois Hollande, confermando l'intenzione di rinegoziare il Fiscal compact inventato da Draghi e promosso dal Merkozy, ha spiegato che il Growth compact "va nella direzione che ho indicato". "Vediamo un'evoluzione nella posizione della Bce che sta iniziando a prendere in conto la realtà della situazione", ha spiegato il consigliere economico del candidato socialista, Michel Sapin. Per la cancelliera tedesca Angela Merkel, invece, l'Europa ha bisogno di crescita "sotto forma di iniziative sostenibili, non con programmi di stimolo che aumentano il debito, ma sotto forma di riforme strutturali, come ha detto Draghi". Non è un caso che, di fronte all'ipotesi di un'elezione di Hollande, Berlino stia cercando un asse con Roma: il portavoce della cancelliera ieri ha rivelato un incontro in settimana tra l'entourage di Merkel e quello di Mario Monti per promuovere iniziative concrete sulla crescita in vista del prossimo Consiglio europeo di giugno. In una fase in cui il fronte pro austerity scricchiola, dopo la caduta del governo liberale olandese e la vittoria di Hollande su Sarko al primo turno delle elezioni francesi, è insomma bastato che Draghi pronunciasse la parola "crescita" per sparigliare i giochi. Al punto che nel pomeriggio il portavoce della Bce è dovuto intervenire per precisare: il presidente non è favorevole a politiche di rilancio attraverso la spesa pubblica. Quel che è certo è che Draghi ha riconosciuto che la zona euro è "probabilmente nella fase più critica di un processo" in cui l'austerità sta provocando effetti regressivi. Ma l'unico modo per riconquistare la fiducia dei mercati è "perseverare". Ovviamente tocca in primo luogo ai governi muoversi perché la Bce per ora non intende dare un contributo con un allentamento ulteriore della politica monetaria. Diverso l'atteggiamento di Ben Bernanke, governato- re della Federal Reserve americana, che ieri ha annunciato "tassi eccezionalmente bassi" fmo a 2014 inoltrato. Certo, ha aggiunto Bernanke, il governo americano non può permettersi di non agire su "una strategia credibile" per risolvere i problemi fiscali del paese, perché la Fed non sarebbe in grado di bilanciare l'effetto negativo che l'inazione avrebbe sul deficit americano. Ma la stessa Fed, che ha portato avanti "azioni coraggiose e aggressive" a sostegno dell'economia, rimane pronta "a compiere ulteriori passi" qualora la congiuntura lo rendesse necessario. Bernanke si è pronunciato incidentalmente anche sulla situazione europea, riconoscendo i passi in avanti fatti in Ue per risolvere la crisi del debito, ma affermando: "Deve essere fatto di più per adempiere agli impegni presi". Scende lo spread di Btp e Bonos A nuovi impegni, invece, ha fatto riferimento ieri Draghi, che ha tracciato un programma di riforme dolorose, quelle che "colpiscono ampi interessi consolidati" ma che "liberano alcune energie". Nel Growth compact, secondo il presidente della Bce, ci devono essere misure per recuperare competitività, riformare i mercati del lavoro, liberalizzare. Rimane il fatto che gli indicatori economici evidenziano "l'incertezza prevalente", ha detto Draghi. Con la sua liquidità straordinaria la Bce rivendica di aver evitato nel 2011 un credit crunch tipo Lehman Brothers. Per Draghi, i mille miliardi di prestiti alle banche "sono molto vicini all'economia reale", e se non sono ancora arrivati a imprese e famiglie, è perché la "domanda" di prestiti è bassa a causa della crisi. Un filo di speranza che ieri ha contribuito a far recuperare terreno alle Borse europee, mentre gli spread di Btp e Bonos sono scesi di qualche punto in attesa di un altro test chiave: le aste di Bot e Btp di oggi e domani.

ISRAELE: «Forse non la costruiranno la bomba»

L'agenzia Bloomberg: «Teheran potrebbe sospendere il programma» I generali d'Israele e i dubbi sull'atomica iraniana: «Forse non la costruiranno» Lui è «il primo soldato di Israele», ossia il Capo di Stato maggiore dell'esercito: il generale Ben-ny Ganz spiega in un'intervista di «non credere che Teheran costruisca la bomba». Cosa si muove sullo scacchiere globale? U.D.G. Cosa unisce la più importante agenzia di stampa economica internazionale e il Capo di stato maggiore di uno dei più agguerriti eserciti al mondo? Presto detto: la convinzione che l'Iran possa arrestare il suo programma nucleare. Primo passaggio, Tel Aviv: i comandi militari israeliani - a dispetto dei messaggi della destra che guida il Paese - non sono affatto convinti che gli ayatollah vogliano davvero portare a termine la loro ipotetica bomba atomica: superando così un punto di non ritorno. Non si tratta d'indiscrezioni. A esprimere questa posizione - accompagnata dal riconoscimento che il regime di Teheran, per estremista che sia, possa avere comportamenti «razionali» - è, dalla colonne del giornale Haaretz, il capo di stato maggiore delle forze armate con la stella di Davide, generale Benny Gantz. Il quale, in un'intervista a tutto campo, sembra dare un colpo di freno ai toni allarmati, quasi ultimativi, riecheggiati ancora l'altro ieri sera dal primo ministro Ben-yamin Netanyahu, ospite sugli schermi della Cnn americana. Non che Gantz sottovaluti in alcun modo il rischio. Al contrario. Dalle sue parole traspare però un atteggiamento di grande circospezione rispetto all'eventualità di uno strike israeliano, e persino un certo spiraglio d'ottimismo sulla possibilità di sciogliere il nodo altrimenti: a patto, beninteso, di non rinfoderare la spada di Da- mode di una minaccia militare «credibile» sulla Repubblica Islamica. «L'Iran - afferma Gantz - sta procedendo passo dopo passo per raggiungere il punto in cui potrà decidere, volendo, di produrre un'arma atomica». E tuttavia - aggiunge - «ancora non ha deciso di percorrere il "miglio finale"... Se lo facesse commetterebbe un errore madornale. Ma io non credo voglia imboccare quel miglio». Il generale più alto in grado dello Stato ebraico motiva il suo scetticismo - mai espresso in questi termini dall'attuale leadership di governo israeliana - con la convinzione che ai vertici del potere iraniano vi siano «persone molto razionali». Fanatiche nella loro retorica anti-israeliana e negli auspici che l'odiata «entità sionista» sparisca dalle carte geografiche, ma consapevoli - a cominciare dalla Guida Suprema, Ali Khamenei - che le loro installazioni nucleari sono in fondo vulnerabili. Per questo, secondo Gantz, l'opzione militare deve restare ben visibile all'orizzonte come «la prima in termini di credibilità». Ma anche come «l'ultima in ordine cronologico». A Netanyahu - che alla Cnn ha detto di ritenere che le nuove sanzioni imposte su impulso Usa «stiano mordendo l'economia iraniana, ma non abbastanza» - il primo soldato del Paese replica indirettamente che a suo parere la pressione diplomatica ed economica su Teheran «sta cominciando a dare frutti». Morale: lasciando l'opzione militare «sul tavolo» come extrema ratio. L'Iran starebbe valutando di sospendere il proprio programma nucleare e permettere più severe ispezioni dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea). Lo riporta l'agenzia Bloomberg. Teheran farebbe questo in cambio di una revoca delle sanzioni petrolifere. La fonte di Bloomberg è l'ambasciatore iraniano a Mosca. «Dobbiamo valutare questa proposta e vedere su quali basi è stata formulata», ha spiegato all'agenzia Mahmoud Reza Sajjadi, nel corso di un'intervista all'ambasciata di Teheran nella capitale russa, riferendosi al piano russo presentato la scorsa settimana dal vice ministro degli esteri Sergei Ryabkov. Adeguandosi a questo, la Repubblica islamica sarebbe in grado di evitare l'embargo sul petrolio che entrerà in vigore a luglio. L'Iran, ha aggiunto Sajjadi, manterrebbe il suo diritto di produrre energia nucleare, ma sarebbe pronto a firmare un protocollo aggiuntivo al Trattato di non proliferazione nucleare con cui consentire controlli più numerosi e più duri dell'Aiea sul proprio territorio. Una volta firmato il piano russo, l'Iran non costruirà nuove centrifughe, usate per arricchire l'uranio, e non metterà in funzione quelle che sono già state mese i piedi. «A quel punto», aveva spiegato Ryabkov al termine dei negoziati di Istanbul tra Teheran e il 5 1, i primi tra le parti dopo 15 mesi, «nell'ambito di un percorso graduale, sarà annunciata la revoca delle sanzioni.

IRAN:L'ambasciatore a Mosca apre al piano russo


Teheran farebbe questa concessione in cambio di una revoca delle sanzioni petrolifere. Lo ha dichiarato a Bloombergl'ambasciatore iraniano a Mosca. «Dobbiamo valutare questa proposta e vedere su quali basi è stata formulata», ha spiegato all'agenzia Mahmoud Reza Sajjadi, nel corso di un'intervista all'ambasciata di Teheran nella capitale russa, riferendosi al piano russo presentato la scorsa settimana dal vice ministro degli Esteri Sergei Ryabkov. Adeguandosi a questo, la Repubblica islamica sarebbe in grado di evitare l'embargo sul petrolio che entrerà in vigore a luglio. L'Iran, ha aggiunto Sajjadi, manterrebbe il suo diritto di produrre energia nucleare, ma sarebbe pronto a firmare un protocollo aggiuntivo al Trattato di non proliferazione nucleare con cui consentire controlli più numerosi e più duri dell'Aiea sul proprio territorio. Una volta firmato il piano russo, l'Iran non costruirà nuove centrifughe, usate per arricchire l'uranio, e non metterà in funzione quelle che sono gia state messe i piedi. «A quel punto», aveva spiegato Ryabkov al termine dei negoziati di Istanbunl tra Teheran e i15 1, i primi tra le parti dopo 15 mesi, «nell'ambito di un percorso graduale, sarà annunciata la revoca delle sanzioni». Frattanto il Capo di Stato Maggiore dell'esercito israeliano, il generale Benny Gantz, non crede che l'Iran realizzerà un ordigno nucleare. Teheran, ha dichiarato Gantz, «sta procedendo passo dopo passo per raggiungere il punto in cui potrà decidere, volendo, di produrre un'arma atomica. Ancora non ha deciso di percorrere il "miglio decisivo"», ha affermato ambasciatore in un'intervista al quotidiano Haaretz in occasione della Giornata dell'indipendenza di Israele. «Se lo facesse - ha proseguito - commetterebbe un errore madornale». Secondo il militare, le incertezze della leadership iraniana derivano dalla sensazione che i loro siti nucleari siano vulnerabili e il leader iraniano Ali Khamenei non ha ancora preso una decisione definitiva.

La carica dei 300 osservatori

Il sottosegretario agli Esteri Marta Dassù ha scritto una lettera a "La Stampa" dove si spiega come la realtà della situazione in Siria sia "semplice e frustrante". Infatti è evidente come la fine di Assad non sia affatto scritta. Dassù afferma che "il capo della minoranza alawita può ancora contare sulla copertura di Mosca". E però, ci perdoni il sottosegretario: più della copertura di Mosca, gioca l'irresolutezza occidentale. Perché se gli Stati Uniti non vogliono ripetere lo scenario libico - "non sarebbe credibile nelle condizioni assai diverse della Siria" - il segretario di Stato americano Clinton dovrà pure spiegare perché, se Gheddafi usa le armi pesanti contro il suo popolo, allora l'America non può tollerarlo; se invece le impiega Assad, l'America tollera, eccome. Anche considerare la Francia, come fa Dassù, "in panne elettorale", è modo gentile per dire che sulla Siria l'Eliseo non ha progetti. Parigi ha competenza sull'Africa subsahariana, tipo sup-portare colpi di Stato in Costa d'Avorio, ma dal Medioriente preferisce tenersi fuori. Per cui quando Dassù dice che la missione di 300 osservatori Onu dovrebbe servire a fermare le violenze e la repressione e che "non esistono compromessi possibili su questo punto", non capiamo bene di cosa parli. Come i 300 osservatori fermerebbero le violenze di Assad supportato dai russi e dall'Iran, quando per fermare Gheddafi - e non lo copriva più nessuno da decenni - abbiamo scatenato l'arsenale bellico della Nato per un anno? Rimane la mediazione di Annan: secondo Dassù è "la meno peggiore". Formula non entusiasmante. "In teoria" il piano Annan garantirebbe "la fine della repressione interna e l'avvio di un processo politico". In pratica questo piano non garantisce un bel niente, viste le continue violazioni del cessate il fuoco da parte del regime. Non vorremmo che Dassù si facesse troppe illusioni sulla Siria e, con lei, il governo tutto. Il piano Annan è eccellente solo per impedire che qualche paese occidentale decida di intervenire militarmente. La cosa sembrava prossima a verificarsi da parte britannica, visto che Cameron si è stufato. Solo che ora, se mai ci fossero già dei commando britannici pronti ad entrare in Siria a supporto della resistenza, non lo possono fare: c'è il piano Annan. Il fatto che poi Damasco non lo rispetti, poco importa. Per cui davvero non capiamo dove sarebbe questa "forte pressione su Assad per evitare una guerra civile a lungo termine". Ad Assad degli osservatori non importa nulla e la guerra civile finirà solo quando lui avrà terminato di eliminare la resistenza. Ora, visto che il nostro contingente in Libano è esposto "di riflesso" alla crisi siriana, non vorremmo che per questa ragione anche l'Italia preferisse volgere gli occhi da qualche altra parte per non avere tanti problemi.

Cosa pensa di noi la Germania?


EDIZIONE 25 APRILE 2012

SOROS and his point of wiew

U.S. billionaire investor George Soros compared the euro-zone crisis with factors that led to the Soviet Union’s collapse in the early 1990s. “Europe is similar to the Soviet Union in the way that the euro crisis has the potential of destroying, undermining the European Union,” he said in a debate on public policy education Tuesday. “With the profound social, economic and moral crisis that Europe is in, we can see a similar process of disintegration.” Mr. Soros, who was born in the Hungarian capital, often visits his country of birth to give lectures. The comments echo those he made at a conference in Denmark last week, where he said the euro-zone crisis is “not over yet, and it is going in the wrong direction.” “The euro is undermining the political cohesion of the European Union, and, if it continues like that, could even destroy the European Union,” he said in comments carried by Reuters. “You can grow out of excessive debt, you cannot shrink out of excessive debt.” He also said earlier in April that the European Union is unlikely to survive the current euro-zone debt crisis without more pragmatic German policies. “Europe is facing a long period of economic stagnation or worse,” Mr. Soros told a conference in Berlin on April 12. German authorities, notably the Bundesbank and the constitutional court, are “dead set” on enforcing laws that have proved to be unworkable and the crisis threatens “still-incomplete political union,” he said. Mr. Soros said other countries, such as Japan and Latin American nations, have come through similar experiences and survived, but the EU is not a country and is “unlikely to survive.”

Russian invisible laser bomb

Not even the tiniest of particles will be able to escape the new super-sensitive explosive detecting device created by Russian scientists. Its laser sensor can pick up on a single molecule in a million from up to 50 meters away. ­The device was developed over a period of five years by the Siberian branch of the country’s Academy of Sciences. It will undergo full testing this summer and is expected to be put to use by Russian intelligence later this year.

The main challenge for scientists was to create a laser that would only interact with specific particles present in the air, thus allowing it to wheedle out traces of explosives. In addition, the device is not affected by changes in heat and humidity in the surrounding atmosphere. When the laser scans objects and recognizes particles of incendiary material, its creators maintain it is even able to detect traces of explosives left by fingerprints.

 A mounted camera on the device transmits images of the source of the explosive material, so that the user can control the laser’s movements from a different room. The contraption’s inventors are currently working on an extension of this function that will create a three-dimensional image of the target. It is totally safe to use, emitting less radiation than a cellphone.

 “In our opinion it is the most effective device in the world for the remote detection of all known explosive substances like hexogen, octagon and trinitrotoluene. It can also pick up home-made explosive materials often used by terrorists,” said Aleksandr Vorozhtsov, deputy director of the Institute of Chemical and Energy Technology to Russia’s Channel One.

The laser is invisible to the naked eye, making it possible to “scan a potential terrorist without alerting him or giving him time to activate an explosive,” said Vladimir Yakubov, Chair of Research Radiophysics at Tomsk State University. The new invention has a myriad of applications, and scientists are currently working on a second, more portable version for possible use in airports, stations and even in the underground. In its current form, the machine consists of several parts and materials must be brought to a lab to be analyzed.

RUSSIA-ENI: Joint venture da 100 miliardi

Battendo la concorrenza di società americane, norvegesi e cinesi, Eni è stata scelta da Rosneft, primo produttore petrolifero russo, per un accordo strategico che prevede lo sviluppo congiunto di licenze esplorative nell'offshore russo del Mare di Barents e del Mar Nero (valore degli investimenti oltre 100 miliardi di dollari, secondo il partner russo) e l'acquisizione da parte di Rosneft di partecipazioni Eni in progetti internazionali fuori della Russia.

A benedire l'intesa, finnata nella sede del governo, il premier e presidente eletto Vladimir Putin, che ha spianato anche la strada a un incontro con il premier Mario Monti nel forum economico di San Pietroburgo a giugno, come su :4; erito dall'ambasciatore italiano a Mosca Antonio Zanardi Landi e dallo stesso ad di Eni Paolo Scaroni. «Faremo di tutto per la visita del premier Monti, eventualmente adegueremo noi la nostra agenda», ha detto un Putin cordiale e soddisfatto, davanti a un caminetto dove ha promesso «il massimo impegno del governo» per sostenere «un progetto a lungo termine molto promettente», che segna un «salto nel livello della nostra collaborazione», dove finora «Eni ha lavorato molto bene».

In base all'intesa, Eni e Rosneft costituiranno tre j oint venture, partecipate da Eni con una quota del 33,3%, per lo sviluppo congiunto delle licenze Fedynsky e Tsentralno- Barentsevsky, situati nell'offshore russo del Mare di Barents, e Zapadno-Cernomorsky, nell'offshore russo del Mar Nero. Rosneft rimarrà ti-tolare delle licenze. Eni finanzierà l'esplorazione volta a confermare il valore commerciale delle licenze. La collaborazione strategica si svilupperà anche fuori della Russia, «tra Nord Africa, Alaska, Usa e Nord Europa», dove Rosneft acquisterà partecipazioni Eni: «nei prossimi mesi saranno definiti Paesi e progetti», ha spiegato Scaroni, escludendo però che la collaborazione nell'Africa del Nord possa riguardare la Libia, dove ha confermato la disponibilità a far entrare Gazprom nel progetto Elephant, «se Gazprom confermerà il suo interesse e il governo libico darà il suo consenso».

Austrian troops to arrive in Kosovo

The Austrian Defense Ministry has confirmed that the first group of 125 soldiers will leave for Kosovo tomorrow. “The contingent will consist of a total of 125 Austrian soldiers that should provide back up to KFOR,” Austrian Defense Ministry Spokesman Michael Bauer told APA news agency.

The additional unit will stay in Kosovo up to eight months, depending on security situation, he explained. KFOR Commander Erhard Drews has requested the reinforcement so the mission could provide security during the elections on May 6, APA has reported.

The additional ORF troops will consist of German and Austrian soldiers and they will provide back up for around KFOR 6,200 troops that are permanently stationed in Kosovo. 11 Austrian soldiers were injured in incidents at the barricade in the village of Jagnjenica in 2011 after which the contingent left Kosovo and returned to Austria.

Tuesday, April 24

WHO FINANCE VIJESTI GROUP IN MONTENEGRO?

Il Giudice Paolo Borsellino fu ucciso con dell'esplosivo proveniente dal Montenegro.



 Questo è quanto afferma il quotidiano montenegrino VIJESTI.  



Il Governo del Montenegro  deve denunciare, immediatamente  per calunnia aggravata a mezzo stampa ed internet questi due giornali-quotidiani,  uno montenegrino uno italiano,  e/o chi per loro, in quanto non si fa giornalismo con dei  "se, ma, forse.. e specialmente ... con dei verbi al condizionale, per dei fatti così gravi e dolorosi che sconvolgono l'opinione pubblica italiana, ancora oggi.

Inoltre il giornale VIJESTI mente spudoratamente usando una traduzione falsificata,  dando per certo i fatti scritti,  attribuendoli al Montenegro.
Vergogna, al giornalista del Vijesti.



Cuvenog Sudiju Paola Borselina Mafija Ubila Eksplozivom Iz Crne Gore

Libia contro il sequestro dei beni di Gheddafi

Da qualche giorno c'è un nuovo presidente e amministratore delegato alla Lia, la Libyan Investment Authority. Si chiama Mohsen Derregia, ha insegnato economia all'estero fino allo scoppio della rivoluzione contro il regime di Gheddafi, ma è rientrato nel suo Paese lo scorso anno, con le armi in mano, per partecipare alla costruzione del nuovo corso libico. Qualche giorno fa, lo scorso 7 aprile, Derregia è stato nominato a capo del più potente braccio finanziario di Tripoli e, in linea con il nuovo governo, si è mosso per cercare di sanare quella che considera un'ingiustizia, ovvero il sequestro dei beni del fondo da parte dell'Italia, in seguito alla richiesta arrivata dal Tribunale internazionale dell'Aja. Così, a giorni, secondo quanto risulta a MF-Milano Finanza, sarà depositato presso il Tribunale di Roma il ricorso contro il provvedimento che lo scorso marzo ha portato al sequestro da parte della Guardia di Finanza di beni per circa 1,1 miliardi di euro, riconducibili secondo i magistrati alla famiglia Gheddafi ma detenute attraverso al Lia e la Lafico (Libyan Arab Foreign Investment Company). Si tratta delle quote dei due fondi in Unicredit (1,26%), Eni (0,58%), Fmmeccanica (2%), Juventus (1,5%), Fiat (0,33%) e Fiat Industrial (0,33%). Oltre a questi pacchetti azionari sono finite sotto sequestro anche un paio di moto, un appartamento in via Veneto a Roma e un bosco a Pantelleria. La Libia contesta il sequestro dei beni perché li considera della Lia e soprattutto non riconosce la competenza della corte dell'Aja nel giudicare per crimini contro l'umanità il figlio di Gheddafi, Saif Al Islam, e il cognato dell'ex rais, Abdullah Al Senussi. È proprio in relazione a questo procedimento, infatti, che lo scorso 28 marzo la Corte d'Appello di Roma ha dato il via libera al sequestro dei beni, per altro ancora congelati (per volere degli stessi libici) in base alle sanzioni dell'Onu e della Ue. I proventi derivanti dagli asset sequestrati dovrebbero essere poi utilizzati dal Tribunale dell'Aja per risarcire le vittime del regime di Gheddafi. Il punto è che il nuovo governo di Tripoli, guidato dal primo ministro Abdurrahim El Keib, è convinto che sia compito della nuova Libia processare Saif e decidere come gestire i rimborsi alle vittime, anche perché il Paese non ha mai firmato la convenzione che istituisce il Tribunale dell' Aja. Tripoli sarebbe consapevole del non avere, al momento, gli strumenti per portare avanti un simile processo, ma riterrebbe più giusto un aiuto internazionale per costruire i presupposti per un efficace ed equo sistema giudico nazionale, piuttosto che affidare il giudizio (e le sue conseguenze economiche e politiche) a una corte non libica. E la mossa dell'Italia, l'unico Paese (seguito poi da Malta) ad aver dato corso al sequestro dei beni su richiesta del Tribunale internazionale, avrebbe irritato non poco Tripoli. Anche perché, la confisca ha tolto definitivamente ai soci libici la possibilità di avere un rappresentate nel nuovo cda di Unicredit (di cui detengono il 4%) che sarà designato dall'assemblea dei soci del prossimo 11 maggio. Ma, al di là dei singoli dossier, sarebbe la decisione del sequestro in sé ad aver gettato una cattiva luce su Roma, che pure ha tutto l'interesse a mantenere buoni rapporti con Tripoli, non solo perché i libici prima o poi rientreranno in possesso dei loro beni, ma soprattutto perché sono moltissime le aziende italiane, anche medie e piccole, che operano in Libia. Senza contare il fatto che il business della ricostruzione fa gola a tanti paesi e l'Italia dovrà vedersela con un'agguerrita concorrenza per mantenere i rapporti privilegiati che ha avuto con Tripoli fino alla caduta del regime.

Esercitazioni navali russo-cinesi

La Cina e la Russia hanno lanciato ieri le loro prime esercitazioni navali congiunte dalla base navale di Q ngdao nell'est della Cina. Come riferiscono i media di Stato cinesi, ad aprire le esercitazioni sono stati il vice capo di Stato maggiore della Marina russa, il contrammiraglio Leonid Sukhanov e il suo omologo cinese, Ding Yiping. Le manovre dureranno sei giorni. La Cina vi partecipa con due sottomarini, i6 navi da guerra e oltre 4.000 militari. La Russia ha inviato sette navi da guerra, compresi cacciatorpedinieri e navi lanciamissili. Le manovre congiunte avvengono sullo sfondo delle tensioni tra Pechino e i suoi vicini asiatici a causa di rispettive rivendicazioni territoriali. Il giornale delle forze armate cinesi ha affermato la scorsa settimana che le manovre navali congiunte che Stati Uniti e Filippine stanno conducendo in un tratto di mare conteso, nell'Oceano Pacifico, rischiano di sfociare in uno scontro armato. «Tutti coloro che hanno occhi per vedere — ha scritto in un editoriale il "Quotidiano delle forze armate cinesi" — hanno capito da tempo che queste manovre sono il risultato di una mentalità che porterà il problema del Mar della Cina meridionale nella stretta strada che va verso il confronto militare e la risoluzione attraverso la forza delle armi». Pechino e Manila si sono accusate a vicenda di aver violato la sovranità dell'altro nei pressi della Secca di Scarborough, a ovest di Subic Bay, la località filippina dove sorgeva una base navale statunitense. Pechino sostiene — come hanno riferito le agenzie di stampa internazionali — che la sua sovranità su tutto il Mar della Cina meridionale è «indiscutibile» e, oltre che con le Filippine, ha in corso dispute con Vietnam, Brunei e Malaysia. Mentre cresce la tensione sulle dispute territoriali, gli Stati Uniti sospettano che un'importante compagnia abbia venduto alla Corea del Nord componenti per una rampa lancia-missili, mostrata dal regime di Pyongyang domenica scorsa durante una parata militare, allestita nell'ambito delle celebrazioni per i cento anni dalla nascita di Kim Il Sung: lo hanno riferito — riporta l'agenzia Reuters — fonti riservate dell'Amministrazione di Washington ma senza specificare quale sia tale società.

Un ministero al collasso.

Nella Farnesina di Terzi parte la guerra delle nomine Un ministero al collasso. Un corpo, prima mutilato dal capriccio politico dei tecnici al comando, poi lasciato fermo, a morire sotto la pressione del proprio peso. E il ministero degli Affari esteri di Giulio Terzi, il ministro ambasciatore che - com'è noto - non fa onore né ai ministri (neanche quelli tecnici), né ai diplomatici. Oramai isolato al Consiglio dei ministri, concettualmente messo sotto tutela dai responsabili esteri dei partiti di maggioranza e, di fatto, esautorato da Monti e Moavero nella politica estera che conta (e da Riccardi per la Cooperazione), Terzi è ora pericolosamente concentrato in casa sua, alla Farnesina, dove, di qui a poco, si prepara una vera e propria rivoluzione di uomini e di incarichi. Alla fine dell'anno, infatti, per effetto della riforma messa a punto dal segretario generale Massolo, ben tredici ambasciate e tre direzioni generali passeranno di mano e se - come è fin ora avvenuto - Terzi tratterà la questione delle nomine come un fatto personale (antiche cordate, simpatie interne, figli e nipoti, aree geografiche di provenienza) il disastro è assicurato. Saremo, anzi, alla soluzione finale. Ci sarebbero, se i protagonisti prendessero coscienza, ancora delle roccaforti di resistenza. Se è vero, come da egli stesso annunciato, che il segretario generale, Giampiero Massolo, rimarrà al suo posto e non andrà, come si rumoreggiava, alla direzione generale di Confindustria. Se alla presidenza del Consiglio, come al Quirinale, i consiglieri diplomatici di Monti e Napolitano faranno autorevolmente buona guardia (lo stesso vale per i partiti), forse Terzi limiterà i danni annunciati. Danni veri e irreversibili, perché tra le ambasciate ce ne sono davvero di importanti, tanto per le sorti delle nostre relazioni politiche che per quelle economiche. E poi, la direzione generale del personale e quella per la promozione del sistema Paese, che unisce cultura e impresa, il vero motore della riforma Massolo. Decidendo di rimanere al suo posto, il segretario generale ha al momento stroncato sul nascere i sogni (e le guerre già preventivamente alimentate) di diversi aspiranti al massimo posto dell'amministrazione e, ovviamente, dello stesso ministro Terzi, il quale, comunque, proverà a rimuoverlo dall'incarico proponendogli, volta per volta, tutte le sedi che rimarranno libere. Cosa vorrà fare Massolo del suo futuro professionale, naturalmente, non è dato saperlo, ma per ora questa sua scelta va senza dubbio salutata come un benedizione. Massolo, pero, non può essere lasciato solo, altrimenti diventerebbe ostaggio di Terzi (e di qualche rimasuglio di potere fulciano) e rimarrebbe uno sterile contrappeso in un bilanciamento di poteri che crea solo staticità. La stessa in cui il ministero stagna da sei mesi a questa parte, tra piccole guerre e ripicche intestine, ritardi cronici, incapacità manifeste. E, soprattutto, mancanza di autentica e riconosciuta leadership. Se fosse poi vero quanto ventilato da qualcuno, ovvero che Monti avrebbe in animo di riesumare un vecchio decreto di Fanfani per nominare in alcune sedi particolari, diplomatici fuori carriera (come Gianni Letta alla Santa Sede, Moavero alla Ue), ciò sarebbe non solo lo specchio più crudele dei tempi (un ministro senza prestigio, né difese), ma soprattutto la fine ingloriosa, di quella che, storicamente, è stata finora la più prestigiosa classe dirigente pubblica italiana.

MARIO DRAGHI strikes back

AT LAST the waiting has ended. Over the past few weeks the markets have been obsessing over just how much liquidity banks would tap from the European Central Bank (ECB) in the second of its extraordinary three-year LTROs (long-term refinancing operations).

The answer came on February 29th from the Frankfurt-based central bank of the 17-country euro area. The ECB announced that it had lent €530 billion ($710 billion), a bit more than traders had expected. The funding also exceeded the previous LTRO, in late December, which had already provided a massive €489 billion. The number of banks dipping into the honeypot reached 800, well above the 523 that borrowed in the first operation.

Just as sequels rarely match the success of blockbuster movies, so with the ECB’s second funding operation. For one thing, since the amount was only a bit higher than expectations, it should broadly be priced into the markets (though such rationality should never be taken for granted). For another, more of the take-up is likely to have come from banks outside the euro area.

More important, the first three-year LTRO proved a runaway hit because the ECB showed its hand—or rather that of the wily Mario Draghi, who had taken the helm only weeks before, replacing Jean-Claude Trichet, the bank’s previous president. No, Mr Draghi clearly signalled, the ECB under his leadership would not become the lender of last resort to troubled governments. Instead, it would become the lender of first resort to troubled banks, which could in turn prop up toppling sovereigns by purchasing their debt.

Moreover, it would provide funds for a record length (LTROs are usually for months rather than years and the previous record was just one year) and at dirt-cheap rates (the three-year average of the ECB’s main policy rate, currently at 1% and tipped to fall later this year to 0.5%).

The ECB’s eleventh-hour intervention in December dampened down the euro crisis, which had threatened to go critical. Italian and Spanish government bond yields had soared and scared investors had shunned European banks, causing an ominous funding drought. The first three-year LTRO broke this spiral of pessimism by removing fears of an imminent banking implosion.

As confidence returned, funding markets re-opened for stronger banks in stronger European economies. And crucially, the ECB’s backdoor approach worked a treat in Italy and Spain. Banks there lapped up the central bank’s funds and purchased their own governments’ debt. That pushed down Italian and Spanish sovereign bond yields whose spreads over German Bunds narrowed markedly.

At best, the second LTRO will maintain that return of confidence for a while. But the ECB’s provision of liquidity buys time rather than solving the euro area’s deep-seated problems, which are as much political as economic. A sharp reminder of the dangers ahead came on February 28th when Enda Kenny, the Irish prime minister, unexpectedly announced that Ireland would hold a referendum on the European treaty to enshrine budget discipline in national law. Even if the Irish vote against it, the “fiscal compact” will take effect, since it requires only 12 countries in the euro area to back it. But the referendum will reveal public resentment against the harsh austerity that has been imposed on Ireland under its bail-out.

There are other tripwires ahead, highlighted by this week’s decision by Standard & Poor’s, a credit-rating agency, to put Greece into “selective default” as a result of the debt-exchange deal that will slash the face value of private-sector holdings of Greek public debt by more than half. A vote in the German parliament endorsed the linked second bail-out of €130 billion, but opinion polls revealed that over 60% of Germans were opposed to it. Even if the debt swap goes according to plan, an election in April could move Greece closer to an exit from the euro area, with potentially forbidding consequences not just for Greece but the rest of the single-currency zone.

Perhaps most worrying of all, the economic prospects are not just bleak for bailed-out and beleaguered Greece and Portugal but also for much larger Italy and Spain. Italian and Spanish borrowing costs may have fallen but that will be of little avail if these economies, already forecast to shrink this year, are unable to return to growth. Moreover, the austerity that Spain must undergo is fiercer than had been expected since its deficit last year has turned out to be 8.5% of GDP rather than the 6% that had been targeted.

The ECB’s second dollop of easy money has comforted markets. But the euro crisis has not gone away. It would not take that much for it to turn acute again.

Homeland Security's top terrorist?

If you want to know what the US Department of Homeland Security has been working hard at lately, leave it to a multimedia journalist from Miami, Florida to lay it out for you: they’ve been busy on Facebook.
Freelance journalist Carlos Miller was documenting a law enforcement raid on the southern Florida’s Occupy Wall Street offshoot, Occupy Miami, when he was arrested earlier in 2012 while filming police — for the third time in just a few years. After investigating why authorities in Miami may have singled him out during the ordeal (in which, he claims, he was only filming the event), Miller stumbled upon some evidence that exposes just why he was targeted by the local branch of the Department of Homeland Security.
Miller was able to obtain through a public records request communication logs from the Miami DHS that reveal what he believes is proof that authorities had been prepared to issue an arrest against him earlier in the year without him even committing a crime. To the DHS, believes Miller, using a camera seems comparable with carrying out an act of terrorism.

Through the public records request, Miller was able to obtain a treasure trove of correspondence that in many instances included his name. One such account was an email communiqué that was issued by the Miami-Dade Police Homeland Security Bureau this past January only eleven hours before law enforcement raided the city’s Occupy encampment and arrested Mr. Miller yet again.

In that email (sent with the subject line “Multimedia information/Situational Awareness”), authorities describe Carlos Miller as a freelance journalist and, ergo, a terrorist in the making. Over the weekend, the reporter recounted in a blog post published to Pixiq.com the events that landed him behind bars during the most recent instance. Also included in the post were the contents of the email that he suggests pegged him as a criminal with a camera.

“Carlos Miller is a Miami multimedia journalist who has been arrested twice for taking pictures of law enforcement.He has publicly posted on social networks that he will be taking pictures today in order to document the eviction,” reads the bulletin.

Along with that warning was a photo of Miller lifted from his Facebook profile. On his own part, Miller says he has no concern with law enforcement circulating photos from his social networking page and acknowledges that he is aware that his profile is viewable to the public. Of concern, however, is how later that day a recipient of that email singled out Miller after he documented the Occupy eviction and issued
Major Nancy Perez was photographed by Miller shortly before she arrested him on January 2. The charges, as he blogged then, were for obstruction of justice and resisting arrest without violence, despite the police report revealing that he was “taken into custody without incident.” To Miller, though, he can’t help but wonder why he was singled out among a pool of reporters. Was it connected with the email sent only hours earlier?

“I find it very troubling that a unit formed to deal with terrorist activities found it necessary to send out an email advising other departments and law enforcement officers that a journalist would be covering a newsworthy matter of public concern,” Mickey Osterreicher of the National Press Photographers Association tells Miller.

It didn’t end there. When Miller first posted a photo of Major Perez on his blog, emails since uncovered reveal that the officer took to the Department of Homeland Security to further complain about Miller. When the DHS responded, they advised her to see if it was legal for Miller to post her photo (it was). From there, the surveillance continued on behalf of both the Miami police and the DHS.
“Have you seen this article?It was posted last night at 9:40pm. Carlos Miller is on his high horse again,” begins another email sent from the Homeland Security Bureau and revealed in the public records request.

Of course, Miller sees no reason to climb back down from his, ahem, "high horse'" especially after not doing anything wrong (he was cleared of his first two arrests stemming from photographing police). That’s why he has released the trove of emails recovered from law enforcement for the public to peruse. Included in those emails, though, is yet another piece to the puzzle that gives Miller reason to worry about how law enforcement is monitoring his every move:

“Carlos Miller stated he intends to to [sic] attend the RNC in Tampa August 27-30, 2012 to record and document the event,” reads another email uncovered which discusses the journalist’s plans to attend this summer’s Republican National Convention. “Proper notifications will be made for situational awareness purposes.”

Those details, says Miller, were discussed during a panel discussion he recently made that was streamed over the Web. It seems as if law enforcement is now looking into more than just Facebook pages

Pentagon establishes Defense Clandestine Service, new espionage unit

The Pentagon is planning to ramp up its spying operations against high-priority targets such as Iran under an intelligence reorganization aimed at expanding on the military’s espionage efforts beyond war zones, a senior defense official said Monday.

The newly created Defense Clandestine Service would work closely with the CIA — pairing two organizations that have often seen each other as rivals — in an effort to bolster espionage operations overseas at a time when the missions of the agency and the military increasingly converge.
The plan, the official said, was developed in response to a classified study completed last year by the director of national intelligence that concluded that the military’s espionage efforts needed to be more focused on major targets beyond the tactical considerations of Iraq and Afghanistan.

The new service will seek to “make sure officers are in the right locations to pursue those requirements,” said the official, who spoke on the condition of anonymity to describe the “realignment” of the military’s classified human espionage efforts.

The official declined to provide details on where such shifts might occur, but the nation’s most pressing intelligence priorities in recent years have included counter­terrorism, nonproliferation and ascendant powers such as China.

Creation of the new service also coincides with the appointment of a number of senior officials at the Pentagon who have extensive backgrounds in intelligence and firm opinions on where the military’s spying programs — often seen as lackluster by CIA insiders — have gone wrong.

Defense Secretary Leon E. Panetta, who signed off on the newly created service last week, served as CIA director at a time when the agency relied extensively on military hardware, including armed drones, in its fight against al-Qaeda.

Michael Vickers, the undersecretary of defense for intelligence and the main force behind the changes, is best known as one of the architects of the CIA’s program to arm Islamist militants to oust the Soviets from Afghanistan in the 1980s. He is also a former member of U.S. Special Operations forces.

The realignment is expected to affect several hundred military operatives who already work in spying assignments abroad, mostly as case officers for the Defense Intelligence Agency (DIA), which serves as the Pentagon’s main source of human intelligence and analysis.

The official said the new service is expected to grow “from several hundred to several more hundred” operatives in the coming years. Despite the potentially provocative name for the new service, the official played down concerns that the Pentagon was seeking to usurp the role of the CIA or its National Clandestine Service.

This “does not involve new manpower . . . does not involve new authorities,” the official said. Instead, the official said, the DIA is shifting its emphasis “as we look to come out of war zones and anticipate the requirements over the next several years.”

Congressional officials said they were seeking more details about the plan.
“My question is, why? What’s missing and what’s going on?” said a senior Senate aide who had been given a preliminary briefing on the new service.

In some respects, the broad outlines of the plan are reminiscent of Pentagon efforts under Defense Secretary Donald H. Rumsfeld to move the military into areas of intelligence that had long been the domain of the CIA.
But a second congressional official, who also was not authorized to discuss the program publicly, said the coordination behind the new plan, in which the DIA’s program will be more closely modeled on its CIA counterpart, has eased some of those long-standing concerns.

“If this were an attempt of the type we saw during the Rumsfeld years to consolidate human intelligence to have a better bulwark against what the CIA is doing, that would be a concern,” the second congressional official said. “But I don’t think that’s what's going on.”

The plan was unveiled about a week after a senior U.S. Army officer with extensive experience in Special Operations and counter­insurgency fighting in Iraq and Afghanistan was nominated to serve as the next chief of the DIA.

While serving in Afghanistan, Lt. Gen. Michael T. Flynn published a harsh critique of intelligence operations in that country, criticizing collectors as being too focused on tactical threats and failing to understand the broader demographic and political context of the battlefield.

About 15 percent of the DIA’s case officers will be part of the Defense Clandestine Service, the defense official said. New, more clearly delineated career paths will give DIA case officers better opportunities to continue their espionage assignments abroad, he said.

The new service fits into a broader convergence trend. U.S. Special Operations forces are increasingly engaged in intelligence collection overseas and have collaborated with the CIA on missions including the raid on Osama bin Laden’s compound in Pakistan and ongoing drone strikes in Yemen.

The blurring is also evident in the organizations’ upper ranks. Panetta previously served as CIA director, and that post is currently held by retired four-star Army Gen. David H. Petraeus.

European Central Bank: crisis flared up in early April

THE euro crisis flared up in early April after three months of relative calm as banks got a trillion-euro helping hand from the European Central Bank. Spanish bond yields jumped on fears that Spain – the fourth biggest economy in the euro area - might be forced to follow much smaller Greece, Ireland and Portugal in being bailed-out by the rest of the euro area and the IMF. Our interactive graphic (updated April 13th) lays bare the economic and fiscal faultlines that make the crisis so intractable.

Although the whole of the euro area is now in recession, the reverse is much more severe in southern than in northern Europe. Forecasts for 2012 show Greece faring the worst, with GDP falling by over 4%, a crippling blow after already suffering four years of recession. Portugal will also take a knock as national output declines by more than 3%. One reason why investors have been fretting about Spain is that they fear that austerity will prove counter-productive in an economy already on its back. By contrast, Germany and France will manage to grow (though only a little) and the one northern country to take much of a hit will be the Netherlands.

Unemployment shows a similar north-south divide, with the overall jobless rate above 20% in Spain and Greece but only about 6% in Germany. For young people, the disjuncture is even more acute, with rates below 10% in Germany and Austria but above 50% in Spain and Greece and 35% in Portugal. Unemployment this high not only exacts a terrible social cost but also threatens to undermine public support for fiscal retrenchment.

Yet austerity is the harsh medicine being administered to the periphery in an attempt to deal with parlous public finances. Government debt at the end of 2011 was above 100% of GDP in Greece, Ireland, Italy and Portugal and budget deficits have also been most swollen on the southern and western rim of the euro area. By contrast, German government debt was around 80% of GDP and its budget balance was only mildly in the red last year.

European countries outside the single-currency zone like Britain may be counting their blessings for not joining the euro but tight trading and financial links mean that they are still being hurt by the crisis. British growth will again be tepid in 2012 and progress in shrinking a supersized budget deficit will be disappointing. Growth prospects this year are brightest in eastern Europe, with Poland leader of the pack.

Egypt is struggling to shape its political and diplomatic future

The suspension (or cancellation) of Egypt's natural gas agreement with Israel has prompted extensive fear about bilateral relations, to the point that some see it as the first step toward scrapping the Camp David Accords. It is worth noting that disagreements about the gas deal first broke out several months ago between the state-owned Egyptian company supplying the gas and its Israeli partner.

The Israeli side says Egypt has not upheld its commitment to supply the gas, causing significant financial damage, while the Egyptian Natural Gas Holding Company says it's the Israeli side that hasn't kept its pledge. These claims have been made in an ongoing arbitration hearing that began in October. If not for the sensitive political and diplomatic context, the Egyptian decision could have been seen as a purely commercial one, similar to those made by companies in Turkey, China or India that work with Israeli companies.

But the significance of the gas deal has been greatly inflated, far beyond its strictly financial significance, by the recognition that this is the flimsy basis on which Egyptian-Israeli trade relations are built, the awareness that the gas deal has turned into a rationale for harsh criticism against ousted President Hosni Mubarak, and at the same time by the effort of most Egyptian political movements to emphasize their commitment to all agreements signed with Israel.

We cannot assume that the gas deal was canceled without the advice and consent of the ruling Supreme Military Council, or think the council might not have realized the significance of this step and the extent to which it symbolizes the state of Egyptian-Israeli ties. But Egyptian and Israeli efforts to contain the crisis by describing it as a commercial decision devoid of political context indicates that both sides fear for the welfare of bilateral ties, and are trying to prevent opponents of the peace accord, as well as terror groups that have sabotaged the gas pipeline, from gaining the power to determine the two countries' foreign policies.

Both nations should continue to downplay the issue while refraining from populist criticism and pointing fingers before the commercial context of the decision has been fully clarified. At a time when Egypt is struggling to shape its political and diplomatic future, it would be best not to give the natural gas deal the power to torch the peace agreement with Israel.

Monday, April 23

Iran starts cloning of American spy drone

Iran has completed reverse-engineering of the captured US spy drone and has started building its own copy, Iranian media reports.

The Revolutionary Guard is yet to decode parts of the software the Sentinel aircraft uses, General Amir Ali Hajizadeh, who heads the force’s aerospace division, said on Sunday.

"The Americans should be aware to what extent we have infiltrated the plane," Iranian Fars news agency quoted the general as saying. "Our experts have a full understanding of its components and programs."
The Pentagon stated that the drone’s security will prevent Iranian engineers from cracking its technology.

Tehran has already copied the Sentinel – as a toy, and sent one to the US as a mocking response to America’s request to hand over the aircraft.

Iran announced capturing RQ-170 Sentinel surveillance UAV in December 2011. The US believed that the aircraft crashed in Iran’s desolate mountainous area, but apparently Iranian military managed to hack into the drone’s control system and bring it down.

Earlier this week Tehran said a number of nations approached Iran over possible sharing of military technology it may have developed through studying its drone prize. China and Russia reportedly showed the most interest.

Dalla morte di Gheddafi ad oggi.

A oltre un anno dall'inizio della rivolta contro Gheddafi il paese nordafricano è ancora privo di istituzioni statali credibili. Le milizie non cedono le armi e chi ha vinto vuole farsi giustizia da sè. Le richieste dei berberi e il bluff separatista della regione di Bengasi. La presunta riconquista da parte dei lealisti gheddafiani della città di Bani Walid riporta la Libia in dietro di mesi rispetto ai pochi e difficili passi compiuti verso la piena stabilità del paese. 

Dalla morte di Gheddafi ad oggi infatti, poco o nulla è stato fatto per avvicinare Tripoli a una difficile ma non impossibile democrazia. Il Cnt è sempre più lontano e delegittimato dagli stessi che l’hanno portato al potere. Non c’è stato il disarmo generale, condizione imprescindibile per dare il via a un effettivo Esercito nazionale; manca un controllo statale sul territorio, che diventa sempre più diviso e amministrato su linee tribali e claniche piuttosto che istituzionali. L’unica eccezione è la capitale. 

A Tripoli non c'è una tribù predominante e il milione e mezzo di abitanti che la popola è un miscuglio di famiglie e clan, molte delle quali sono venute qui nel corso degli anni per fedeltà - vera o presunta - al Colonnello. La capitale ha una sua amministrazione civile, quella del Tripoli Local Council, che cerca di gestire la cosa pubblica in modo straordinario e con il massimo impegno di un gruppo di giovani volontari, spesso provenienti dalla diaspora libica anglosassone. 
 
Il potere civile è però effimero fino a quando rimane privo del monopolio della forza e del controllo del territorio. A Tripoli permangono le milizie di diverse città, spesso in competizione tra loro e con quelle locali: a dicembre c'erano almeno 17 tra piccoli e grandi gruppi armati; poi ci sono i gruppi criminali tout court. Durante i combattimenti dello scorso agosto sono state prese d’assalto le carceri: insieme ai detenuti politici sono usciti migliaia di criminali comuni, centinaia dei quali con pene a lungo termine o con condanne a morte. La zona criminale per eccellenza è quella di Abu Salim, nella quale operano anche i gestori del lucroso traffico dei clandestini. Le sparatorie tra gruppi armati o i casi di morte accidentale per proiettili vaganti sono molto più frequenti di quanto si possa immaginare. Ma, nonostante tutto, la capitale è relativamente sicura. Molto più di Bengasi. Il Tlc (Tripoli local council) è esattamente opposto al Transitional national council di Bengasi. Il primo, seppur tra mille difficoltà, funziona, l’altro annaspa e non riesce ad affermare la propria volontà politica e militare. La situazione si ripercuote su tutto il paese e dove le milizie degli ex ribelli o l’esercito nazionale sono deboli o inesistenti ricompare il tribalismo. 

È successo a Bani Walid, ma molte altre zone sono insicure: Sirte è solo dormiente; le montagne del Djebel, fulcro della ribellione berbera e degli alleati arabi della potente città di Zintan, sono rette da un'alleanza fragilissima; i berberi non si sentono adeguatamente rappresentati nella compagine governativa. Non sono rari gli scontri a fuoco tra le milizie di diverse città: l‘ultimo è avvenuto a Garian. Intanto, si cerca di costruire un’identità nazionale: lo scorso 24 dicembre nella capitale si sono svolti i festeggiamenti per il giorno dell’Indipendenza, riprendendo la vecchia festa monarchica che vedeva nel 24 dicembre 1951 il giorno della nascita della Libia di re Idris I. 

Interessanti i filmati proiettati per tutto il pomeriggio all’interno dell’ex palazzo del governatore, poi sede del monarca senussita: l’interpretazione del periodo monarchico era quasi mitologica. Un momento d'oro per il paese, nel quale tutto funzionava e si viveva in pace e prosperità. Nel voler cancellare in toto l’era Gheddafi si è dovuto ricreare un mito fondatore dello Stato libico. Una sorta di catarsi collettiva necessaria: la bandiera e il re diventano così il collante necessario per tenere in piedi la nuova identità statale. Bani Walid: ritorno a Gheddafi o questione interna? 

L’improbabile pista di Saadi al Gheddafi come regista dietro le quinte della riconquista di Bani Walid da parte di nostalgici del defunto regime è solo una fantasia; chi ne ha scritto dimostra un'assoluta mancanza di comprensione del mosaico libico e della sua storia. Saadi Gheddafi non ha nessuna capacità organizzativa, né il carisma tale da poter soltanto minimamente pensare di ereditare lo scettro di una sempre più immaginaria resistenza ‘verde’ contro i nuovi padroni della Libia. 

La quasi totalità dei gheddafiani è passata, armi e bagagli, dall’altra parte del fiume. Solo chi si è sporcato le mani di sangue non ha potuto farlo e, insieme a uno sparuto gruppo di irriducibili, è in carcere o all’estero in attesa di tempi migliori. Il vero pericolo per il Cnt viene da sé stesso. Sono bastate poche ore e qualche centinaio di uomini a Bani Walid per far crollare come un castello di carta il potere centrale.

La guerra di Libia è stata «un catalogo delle costanti storiche della politica estera italiana».

L'Italia non è soltanto uno Stato «a rischio di declino». E anche un Paese che nel profondo, malgrado gli sforzi del governo di Mario Monti, deve ancora attrezzarsi culturalmente e politicamente a fronteggiare la competizione internazionale per come è diventata negli ultimi anni, e non come la sogna o come preferisce ricordarla adagiandosi su nostalgie di tempi andati. «La china da risalire non è però delle più agevoli», è l'amara realtà. Recuperare terreno richiede «accordi bipartisan» per ridefinire strategie «condivise», e «uno sforzo collettivo che coinvolga tutte le istituzioni».

A fornire questa diagnosi e a suggerire questi rimedi è l'introduzione dell'edizione 2012 dell'Annuario sulla politica estera dell'Italia dell'Istituto affari internazionali (Iai) e dell'Istituto per gli studi di politica internazionale (Ispi). In anni precedenti lo stesso rapporto ha espresso timori, ma la preoccupazione è salita di grado. «Alla grande partita della redistribuzione del potere e del prestigio l'Italia si presenta, infatti, in condizione di eccezionale debolezza», si legge all'inizio del libro che verrà presentato lunedì a Roma alle 17 nella biblioteca del Senato. Nessuna autoflagellazione.

Constatazioni. Nell'anno trascorso, «crisi interna e crisi internazionale» hanno reso «gravemente compromesse» le «tradizionali opzioni della politica estera italiana». La «capacità di leadership degli Stati Uniti» sul mondo e il «multilateralismo», metodo che affida decisioni a sedi collegiali con varie Nazioni, sono stati a lungo utili al nostro Paese per attenuare sue «tradizionali debolezze». Adesso la capacità di direzione degli Usa sul pianeta è in «declino», il multilaterali-smo sta anche peggio.

Ciò non ci aiuta. Senza citare Ruby o scandali, l'introduzione all'Annuario addebita al governo di Silvio Berlusconi un calo del peso internazionale del Paese a causa di qualcosa di meno appariscente: un atteggiamento «particolarmente erratico» verso l'Unione Europea. La mancanza di una strategia adatta a garantirci un ruolo influente nell'Ue.

«L'isolamento crescente in cui l'Italia si è ritrovata all'interno dell'Unione è conseguenza anche di una noncuranza autolesionistica per i meccanismi e le dinamiche del contesto europeo, di cui sono stati colpevolmente trascurati i vincoli, ma anche le opportunità», sostiene l'analisi di Iai e Ispi.

Prima del governo Monti, che è ricorso a «serie iniziative» e tuttavia a Bruxelles non ha vinto su tutto, «l'Unione è stata di volta in volta, e a seconda delle opportunità del momento, ora rappresentata come vincolo esterno inderogabile, ora additata a causa dei mali nazionali, ora, ancora, invocata come unica fonte di salvezza, col risultato di confondere responsabilità nazionali ed europee».

Gli effetti nel 2011 del «deficit di attenzione alla dimensione europea» sul quale l'Annuario mette l'accento sono stati sottovalutati. «Le difficoltà nei rapporti con gli Usa, ad esempio, sono dovute anche alla percezione diffusasi oltreoceano di una nostra crescente marginalizzazione sulla scena europea», osservano Iai e Ispi. Senza tacere la fragilità di valutazioni entrate nel senso comune, e delle quali ad avere responsabilità sarebbero anche i mezzi d'informazione.

Sebbene in compagnia di partner e alleati, l'Italia è stata «colta completamente di sorpresa dall'epidemia di rivolte» nei Paesi arabi, fenomeni non interpretabili soltanto sulla base di schemi abituali. «L'Italia ha cercato di esorcizzare la sorpresa dietro la retorica della democratizzazione», commenta l'Annuario, e «si è sforzata di aggrapparsi a un proprio ruolo immaginario di mediatore, non avendo — come altre volte in passato — né il potere né l'autorità per esercitare efficacemente una mediazione».

 La guerra di Libia, e a scriverlo non sono antiamericani o fan di concorrenti, è stata «quasi un catalogo delle costanti storiche della politica estera italiana». I curatori di lai e Ispi non si scandalizzano tanto per il «brusco voltafaccia» verso Muammar Gheddafi, compiuto anche da Francia e Gran Bretagna, quanto perché la scelta italiana sul se e come intervenire è stata dettata da «una rincorsa duplice, politicamente debole, all'evoluzione incontrollabile degli eventi in Libia, da una parte, e alle mosse dei propri alleati a partner dall'altra».

Insomma, mentre nel mondo è in atto una ridefinizione di ruoli e poteri nella quale «la subordinazione dei sistemi regionali al sistema globale» funziona molto meno di prima —l'ipotesi di una guerra mondiale non pesa quanto nei decenni scorsi e non frena competizioni e conflittualità a livello regionale — anche nell'Ue è in corso una redistribuzione del potere tra i soci.

Germania, Francia, Gran Bretagna possono contare di più. C'è stata sì «un'inclinazione dei partner maggiori a escluderci» da decisioni importanti, però a danneggiarci è stato «un vero buco nero», la mancanza di una tessitura di alleanze nell'Ue. «La nostra politica estera è sembrata, in alcune fasi, aver perso la bussola, riducendosi a una navigazione a vista», è la tesi dell'Annuario. Secondo gli autori, non c'è tempo da perdere per rimediare.

Egypt cuts off gas supply to Israel

Egypt has canceled its natural gas supply deal with Israel, insisting the move has nothing to do with politics. Israel downplayed the decision, which could further deteriorate bilateral ties that have decayed markedly since the Egyptian revolution. Egypt’s Natural Gas Holding Company announced the termination of the contract on Sunday, citing violations of contractual obligations. It denied the move was political.

The company’s head Mohamed Shoeb said Israel has not paid for its gas in four months. "This has nothing to do with anything outside of the commercial relations." The Israeli Foreign Minister Avigdor Lieberman played down the scandal, telling Israel Radio on Monday, "We're following what's happening in Egypt and hope that everything will work out for the best." He reiterated that Israel has every desire to uphold the peace accords with Egypt. Lieberman also added that Egyptians share that interest.

 There was a more tough reaction from Israeli officials with some of them warning that the cut off diminishes the peace treaty between the two countries. "This is a dangerous precedent that overshadows the peace agreements and the peaceful atmosphere between Israel and Egypt," Israeli Finance Minister Yuval Steinitz said.

Opposition head Shaul Mofaz called the move “blatant infringement of the peace treaty,” saying it puts the ties between the two countries at their lowest level since the 1979 peace treaty was signed, the Jerusalem Post reports.

Haaretz daily suggests that the announcement could have been intended to pressure Israel into calling off the lawsuit for compensation of US$8 billion over Egypt’s failure to provide gas as promised. The move by Egypt also comes following a string of cross-border attacks at gas pipelines following the last year’s uprising.

The 2005 deal, negotiated during the rule of Hosni Mubarak, has come under heavy criticism from Egyptians who view it as a symbol of close ties the ousted leader forged with Israel. Critics claim that Israel got the gas at below-market prices and that Mubarak cronies gained huge profits from the deal, costing Egypt millions of dollars in lost revenue.