Sunday, July 7

THE PUPPETS WORLD's THEATER

Qatar, a small peninsular country in the Persian Gulf, emerged as a partner of the United States in the mid-1990s and currently serves as host to major U.S. military facilities. Qatar holds the thirdlargest proven natural gas reserves in the world, and its small citizenry enjoys the world’s highest per capital income. The emir of Qatar, Shaykh Hamad bin Khalifa Al Thani, has managed a course of major economic growth and very limited political liberalization since replacing his father in a bloodless palace coup in 1995. 
The emir has undertaken several projects to capitalize on Qatar’s hydrocarbon esources, improve educational opportunities for Qatari citizens, and pursue economic diversification. As part of Qatar’s liberalization experiment, the Qatari monarchy founded Al Jazeera, the first all-news Arabic language satellite television network, in 1995. The network has proven influential and controversial since its establishment, including during recent unrest in the Arab world. 
In an April 2003 referendum, Qatari voters approved a new constitution that officially granted women the right to vote and run for national office. Long-delayed elections for two-thirds of the seats in a national Advisory Council outlined by the new constitution are planned for 2013. Central Municipal Council elections were held in May 2011. 
Sheikh Hamad bin Khalifa Al-Thani with US secretary of State John Kerry

Following joint military operations during Operation Desert Storm in 1991. In 2008, Qatar and the United States concluded a Defense Cooperation Agreement that has been subsequently expanded. In April 2003, the U.S. Combat Air Operations Center for the Middle East moved from Prince Sultan Airbase in Saudi Arabia to Qatar’s Al Udeid airbase south of Doha, the Qatari capital. Al Udeid and other facilities in Qatar serve as logistics, command, and basing hubs for the U.S. Central Command (CENTCOM) area of operations, including Iraq and Afghanistan. 
                                                          Al-Thani and Bush senior families

In spite of serving as the host to a large U.S. military presence and supporting U.S. regional initiatives, Qatar has remained mostly secure from terrorist attacks. Terrorist statements indicate that energy infrastructure and U.S. military facilities in Qatar remain potential targets. U.S. officials have described Qatar’s counterterrorism cooperation since 9/11 as significant; however, some observers have raised questions about possible support for Al Qaeda and other violent extremist groups by some Qatari citizens, including members of Qatar’s large ruling family.
Hamad bin Khalifa alThani and his wife with Obama's

The fact that the world is paying attention is a testament to the central role that this small, previously sleepy nation now plays on the world stage. The story of what drove the outgoing emir — and his key partner, Foreign and Prime Minister Sheikh Hamad bin Jassim al-Thani (HBJ) — tells much about the driving forces in the Arab world. One hint appeared in the announcement’s sparse wording: “We believe that the Arab world is one human body, one coherent structure, that draws its strength from all its constituent parts.”
Hamad al Thani with Ismail Haniyeh, Prime Minister of the Hamas

The outgoing emir, who grew up in the Pan-Arab era of Egyptian President Gamal Abdel Nasser, once described himself to me as a “Nasserist.” He described his Prime Minister HBJ as a “Sadatist” — or admirer of the pragmatic, pro-Western Egyptian President Anwar Sadat, who succeeded Nasser and made peace with Israel.
Gen. Mubarak, Gen. Sadat and Gen. Nasser

Nothing was trivial about the moment: Sheikh Hamad bin Khalifa al-Thani gave up his post as emir of Qatar to his son at the pinnacle of his influence, in an act as rare and surprising as his ascending to power through a bloodless coup against his own father in 1995.

The very brevity of the emir’s abdication speech and the remarkable absence of boasting about his transformation of Qatar was itself a rarity in an Arab world accustomed to long, windy addresses on even trivial matters.

From this perspective, one of the emir’s most important contributions to Arab politics, the pan-Arab Al Jazeera TV, was the modern — and more credible –version of Nasser’s Sawt Al Arab radio, which itself had revolutionary impact on the Arab world in the 1950s and ‘60s. Indeed, Al Jazeera has played a key role in the Arab world, hosting Arab nationalists as regular commentators, including Mohammad Hassanein Heikal, Nasser’s confidant. But Qatar, and Al Jazeera, also host Islamists, especially Sheikh Yousuf Al Qaradawi, one of the most influential Sunni religious authorities.

Beyond any pan-Arab aspiration, the outgoing emir’s strategy was in the long-term interest of Qatar. Yet at the core of his — and Al Jazeera’s — success is understanding the Arab and Islamic aspirations of the millions of people they tried to reach. Which is why they paid so much attention to Palestine, as the prism of pain through which Arabs viewed the outside world.

What distinguished al-Thani’s reign, beyond the enormous resources at his disposal, were two key elements. He was an initiator and bold decision maker, and he displayed unusual tolerance for the short and intermediate costs of long-term interests. Al Jazeera is a good example. Despite heavy diplomatic costs that strained Qatar’s relations with countries ranging from Saudi Arabia to Egypt to China, the emir rarely backed down when it came to Al Jazeera. His sight was focused on long-term benefits.

Coming to power only a year before he launched Al Jazeera, al-Thani and Qatar were often criticized — especially by the Saudi-owned regional newspapers and TV stations. The criticism was directed not only at the emir’s takeover but also at his independent policies — including warming up to Israel when peace seemed possible. By creating a station that reached and inspired not just the 250,000 Qatari citizens but 350 million Arabs, the emir hoped to take away viewership from stations critical of Qatar.
There was another service that Al Jazeera provided to Qatari rulers: Arabs viewed this as a welcome voice, reflecting their own aspirations. The network helped protect the Qataris from intense criticism for being a pro-American emirate that hosted a military base for U.S. airplanes attacking Iraq in the unpopular 2003 Iraq war. The 2012 Arab uprisings that started in Tunisia created both opportunities and challenges. The opportunities came with the vacuum of leadership in the Arab world: with Iraq struggling, Egypt busy internally, Syria imploding and Saudi Arabia cautious, Qatar moved to fill the void.

How many countries in the world are able and willing to provide Egypt with $8 billion in aid; give money and arms to the Syrian rebels; and provide the financial incentives to be on both sides of the Palestinian divide? But with power comes scrutiny of a small nation that is playing almost all sides as a survival strategy.
 Formers Friends


The rise of China was a major factor in French former president Nicolas Sarkozy’s rejoining NATO’s integrated military command structure in 2009 and signing an agreement with Britain in 2010 to integrate the two countries’ military forces. France’s role would be to serve as Washington’s lieutenant in North Africa and the Sahel, and share in the spoils of its plans to restructure the region.

President François Hollande greets emir Sheikh Hamad bin Khalifa Al Thani

France passed a special law exempting the Emir and other Qatari investors who bought up prime French real estate from tax. He even offered Doha membership in its International Organisation of Francophony (OIF) sanctioning French-language schools in the Gulf, the Maghreb and Africa subject to Qatari administration.
Qatar’s emir, Sheikh Hamad bin Khalifa Al-Thani in Rome with Mario Monti

Qatar Holding has announced that it will acquire a 40 percent stake in a $2.56bn mixed used real estate project in Milan, Italy. Other key investments of Qatar Holding, a wholly-owned subsidiary of Qatar Investment Authority, include Agricultural Bank of China, Barclays plc, Canary Wharf Group (via Songbird Estates), Costa Smeralda resorts, Credit Suisse Group, Harrods Group, J Sainsbury plc, London Stock Exchange, Lagardere, Porsche, Qatar Exchange, Qatar Telecom, Qatar National Bank, Santander Brasil and Volkswagen.

Even as Qatar emerged as a key ally of the United States, Al Jazeera gave voice to Osama bin Laden, as its audiences expected. It reached out to Israel, but also supported Hamas and Hezbollah in their confrontation with Israel. It worried about Iran, but kept the lines of communication open. It projected Arab nationalism, but reached out to the Muslim Brotherhood in Egypt. It took the lead in supporting the Syrian opposition — in a role that cannot be finished without significant international support that remains absent.

Qatar’s interest in British trophy assets is no secret — the state already owns Harrods and Christie’s, has financed the Shard, joined Delancey Estates to buy the Olympic Village site for £600m and partly financed the Candy brothers for the One Hyde Park residential development.

After the 2008 financial eruption, Barclay’s Bank turned to the Qataris for a capital injection. Involvement came at a heavy price when Qatar representatives destabilised the share price of the bank and unexpectedly sold five per cent of its stake for £1.3 billion in 2009.
London, Februar 2011

Britain needs what Qatar has, from natural gas to capital invested in property, business and infrastructure. But the government’s willingness to sweep aside national security implications is unsettling for Britain. 
Qatar’s emir, Sheikh Hamad bin Khalifa Al-Thani with Mahmud Ahmadinejad

Could the Arab uprisings that Qatar has backed come to Doha’s own doorsteps?

Despite extraordinary prosperity and modernization, Qatar is hardly a democracy, and criticism of the emir is still constitutionally prohibited. When the Arab uprisings started, Qatari Prime Minister HBJ said bluntly that even Qatar was not immune to the demands for change. The emir’s abdication when Qatar is thriving moves the country into the hands of a new generation with minimal dissent, while giving his son a golden chance to bolster his own legitimacy and credentials.
Saudi King  Abdullah and Angela Merkel

Germany Confirms Qatar’s ‘Interest’ in Buying military's field. Qatar had expressed interest in a major arms deal after reports aired that the emirate was set to buy 200 Leopard-2 tanks for some two billion euros. Last month, Saudi Arabia expressed interest in buying between 600 and 800 Leopard-2 tanks, Germany’s main battle tank, for up to 10 billion euros
German's Leopard-2 tank

This abdication will inevitably inspire debates in the Arab world. Particularly in Saudi Arabia, where King Abdullah is 88, the crown prince is 83 — and where nearly two-thirds of the population is under age 30. This is in marked contrast to the abdicating Qatari emir at 61 and his successor at 33.
Qatar’s emir, Sheikh Hamad bin Khalifa Al-Thani with his son 

The story of the past decade has been of declining Arab affinity with their own states — in favor of Islamic and Arab identity — at least in part because Arab leaders’ extraordinary longevity made it harder for people to differentiate rulers from states. In my polls, Saudis have expressed by far the lowest sense of identification with the state of six Arab countries studied in the past decade.

IL TERRORISTA


 "Il traditore"
Nel gennaio 2011 ha avuto inizio un vasto movimento popolare di protesta nei confronti del regime ormai trentennale del Gen. Mubarak. Inizialmente pacifica, la rivolta si è acuita in poco tempo, provocando numerose vittime. L'11 febbraio 2011, dopo fallite trattative e pesanti pressioni, il presidente ha rassegnato le dimissioni, consegnando alle Forze Armate la gestione degli affari di Stato, e i poteri presidenziali sono stati assunti dal feldmaresciallo M. H. Tantawi. 
2002 - US Secretary Donald Rumsfeld col Gen. M. H. Tantawi. 

Comprendere perchè il popolo egiziano aneli ritornare al precedente "modello Mubarak" (dopo aver assistito impotenti alla terrificante manipolazione della  "Costituzione" da parte dell'appena eletto presidente della Repubblica). Decisiva fu la questione di Adel Asaad el Khayat che Mohammed Morsi nomina governatore di Luxor. 
Adel Assad el Khayat al centro della foto


Il bersaglio originario dell’attacco era una recita dell’Aida, l’opera di Verdi ambientata nell’antico Egitto, che fu messa in scena di fronte al tempio della regina Hatshepsut sulla riva occidentale del Nilo, nei pressi di Luxor. 

Tempio di Hatschepsut, luogo del massacro

Poco prima delle nove del mattino sei terroristi di Adel Asaad el Khayat, vestiti con le nere uniformi della polizia con in mano borse in similpelle, entrarono nel recinto del magnifico tempio. Tutti si cinsero la testa con fasce rosse, contrassegno che li identificava come del Gruppo islamico "Gamaa Islamiya"

I terroristi si dispersero nell’area terrazzata del tempio, abbattendo i turisti con spari alle gambe, per finirli metodicamente con un colpo alla testa

Dopo, solo dopo mutilarono i corpi, con coltelli da 35 cm. Ad un anziano giapponese aprirono il ventre e gli strapparono le viscere. Quindi gli ficcarono in corpo un volantino terrorista. 

Il massacro andò avanti per quarantacinque minuti. Il terreno era un'unica enorme pozza di sangue e migliaia di mosche. 

Tra i morti dilaniati dai proiettili prima e coltelli dopo, anche un bambino inglese di quattro anni e quattro giovani coppie di giapponesi in luna di miele. Sui muri decorati del tempio si scorgevano chiazze di materia cerebrale e ciuffi di capelli. Una donna svizzera vide decapitare il proprio padre sotto i suoi occhi. 
Quest'ultimo specifico atto di Mohammed Morsi nei confronti di Adel Asaad el Khayat, ha convinto l'esercito ad intervenire. Questo, ovviamente, dopo l'enorme protesta popolare, onde fermare Mohammed Morsi e deporre i Fratelli Musulmani dal governo.  
Dimissioni di Adel Assad el Khayat

Ecco perché il terrorismo islamico non potrà mai attecchire nei palazzi del Cairo. Nonostante  USA e Qatar dietro le quinte. Sarà bene ricordarlo, gente, qualunque cosa accadrà nei prossimi giorni in Egitto. 

Friday, July 5

FIAT CARS IN RUSSIA THANKS SERBIA

FIAT manager Antonio Cesare Ferrara has said he hoped that Fiat 500L vehicles produced in Kragujevac, central Serbia, would soon be exported to the Russian market. The cars could soon find their way to the Russian market if Serbia and Russia sign a contract on exports of the first contingent of vehicles, Ferrara said in Kragujevac at the promotion of the new FIAT 500L Living model. 
He underscored that FAS can offer a wide range of FIAT 500L vehicles to the Russian market, from the standard model to sports and family vehicles. Serbia exports various models of FIAT 500L to over 100 countries and the vehicles produced in the Kragujevac plant have recently become available on the U.S. market. 


FAS presented the latest FIAT 500L Living vehicle with five and seven seats and it also promoted the field model of the model. The price of the five-seat model and diesel engine totals EUR 13,650 while FIAT 500L Trekking with gasoline engine costs EUR 13,900. So far, FAS has exported 80,000 FIAT 500L vehicles.

SERBIAN PM AND DEFENCE' SECRETARY VISIT RUSSIA

First Deputy PM and Defense Minister Aleksandar Vučić is paying a visit to the Russian Federation as "a special guest of Dmitry Rogozin." (Dmitry Rogozin - Russia's deputy prime minister - is "one of the closest associates of President Vladimir Putin.).

The two officials visited the arms and equipment expo IMDS-2013 in St. Petersburg and attended the presentation of fighter jets MiG-29 M2 and Sukhoi 27 (Su-27). 
The host paid a special attention to the demonstration of the flight and operative abilities of the aircraft for which Serbia is interested MiG-29 M2, according to the report, quoting a Serbian government statement. 
Vučić and Rogozin were guests at a Russian warship, "which is an example of cutting-edge military technology."  Vučić paid a two-day visit to Russia where he conferred with Rogozin on fostering of the military cooperation and procurement of military equipment, the Belgrade-based daily Večernje Novosti reported, adding that the two officials met on two occasions in Moscow and St. Petersburg,. 

The topic of the talks was procurement of aircrafts, radar and air defence systems for the Serbian Army (VS). Vučić conferred with high Russian official on Serbia's most favorable manner of payment for six MiG 29 M2 and two radars, the daily said. 

They also conferred on the second phase of the deal which should focus on modernization of rocket systems C300 and Pantsir. The Serbian deputy prime minister and Rogozin confirmed the readiness to sign an agreement on military technical cooperation between the two countries by the end of the year, and this agreement was in the focus during Vučić's recent meeting with Russian Defense Minister Sergei Shoigu

Aside for the possibility of signing new agreements on further equipment of the Serbian Army, Vučić and Rogozin also conferred on joint appearance of the military industries in third markets.

DARKO & DUSKO SARIC TELENOVELAS

Thursday, July 4

U.S. QUESTION: "TO SELL OR NOT TO SELL WEAPONS" ?

Historical U.S. "bilateral neurosis" from the time of its establishment is just: "to sell or not to sell the death in the world?". 

In these two reports the "neurosis" is highlighted by two studies. One of the opposite of the other.

THE DOVE SAYS:

THE HAWCK SAYS:

OBAMA DILETTANTE CON LA "PRIMAVERA ARABA".

Ieri il Dipartimento di Stato americano ha rifiutato di definire “colpo di stato” quanto stava accadendo in Egitto e ha ribadito di considerare Morsi il legittimo presidente: è una questione semantica con conseguenze importanti, perché se riconoscesse il golpe Washington dovrebbe interrompere gli aiuti militari giganteschi (un miliardo e trecento milioni di dollari ogni anno) che le assicurano un qualche tipo di leva sull’Egitto. 

Il cambio di potere al Cairo è un colpo per l’Amministrazione Obama, che nel giro di due anni è riuscita nel miracolo negativo di essere sempre dalla parte sbagliata, pur facendo giravolte pragmatiche: alleata prima di Hosni Mubarak e poi dei suoi nemici, i Fratelli musulmani. Entrambe le parti sono state sconfitte dalla piazza, che infatti ora è densa di sentimenti antiamericani. 

“Fuck Patterson!”, dicevano alcuni cartelli in mezzo alla folla, dedicati all’ambasciatrice Anne Patterson.  Lei è una diplomatica esperta – prima dell’Egitto è stata ambasciatrice in un Paese ancora più difficile, il Pakistan – ma ha commesso l’errore di tessere un’alleanza funzionale con i Fratelli musulmani. Il mese scorso si è incontrata con Khaiter al Shater, il ricchissimo businessman dei Fratelli, “e non in ambasciata, è andata nell’ufficio di lui” si lamentano in piazza, a sottolineare il sospetto di complotto. 

Più di tutto, bruciano le parole con cui Patterson ha dismesso queste proteste di piazza, sbagliando spettacolarmente la previsione. “Il mio governo e io siamo profondamente scettici su queste manifestazioni e non crediamo che raggiungeranno il loro scopo”. Al contrario di altri ambasciatori americani nei paesi arabi, Patterson ha accesso immediato ai livelli più alti dell’Amministrazione, e proprio per la sua esperienza in Pakistan aveva tentato l’accordo con il gruppo islamista. 

Wednesday, July 3

IL PRESIDENTE:"GLI F-35 SONO INDISPENSABILI".

Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha presieduto oggi, al Palazzo del Quirinale, una riunione del Consiglio Supremo di Difesa. Alla riunione hanno partecipato: il Presidente del Consiglio, Enrico Letta; il Ministro degli Esteri, Emma Bonino; il ministro dell'Interno, Angelino Alfano; il ministro dell'Economia Finanze, Fabrizio Saccomanni; il Ministro della Difesa, Mario Mauro; il Ministro dello Sviluppo Economico, Flavio Zanonato; il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Amm. Luigi Binelli Mantelli. Hanno presenziato il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Filippo Patroni Griffi; il Segretario generale della Presidenza della Repubblica, Donato Marra; il Segretario del Consiglio Supremo di Difesa, Gen. Rolando Mosca Moschini. 
2002 L'amm. Di Paola firma il protocollo d'intesa con gli USA per 131 aerei F-35

Il Consiglio, nel riaffermare il ruolo insostituibile delle Forze Armate, ha esaminato - si legge nel comunicato del Quirinale - i principali scenari di crisi e l'andamento delle missioni internazionali, anche in vista del decreto autorizzativo per il quarto trimestre, che sarà in linea con gli impegni assunti nella prima parte dell'anno, confermando una sensibile riduzione di presenze e di oneri rispetto al passato.

Sui programmi di ammodernamento delle Forze Armate, e quindi anche sull'acquisto dei caccia F35, decide il Governo. Cosi il comunicato del Consiglio Supero di Difesa che si é riunito questa mattina. Nella nota non si fa esplicito riferimento ai caccia F35, né al recente dibattito parlamentare. Tuttavia il Consiglio Supremo di Difesa spiega che la progressiva integrazione europea, in coordinamento con l'evoluzione della NATO, e la realizzazione di capacità congiunte costituiscono presupposti fondamentali per l'approntamento di forze in grado di far fronte efficacemente alle esigenze di sicurezza e di salvaguardia della pace

Questa é la prospettiva da perseguire, anche in considerazione della limitatezza delle risorse disponibili e dell'entità, da un lato, degli investimenti da effettuare per la sicurezza e la difesa e della gravità, dall'altro, delle esigenze di rilancio della crescita e dell'occupazione».

«A parere del Consiglio Supremo, tale visione é conforme allo spirito ed al disposto della legge 244, anche per quanto attiene alle necessità conoscitive e di eventuale sindacato delle Commissioni Difesa sui programmi di ammodernamento delle Forze Armate, fermo restando che, nel quadro di un rapporto fiduciario che non può che essere fondato sul riconoscimento dei rispettivi distinti ruoli, tale facoltà del Parlamento non può tradursi in un diritto di veto su decisioni operative e provvedimenti tecnici che, per loro natura, rientrano tra le responsabilità costituzionali dell'Esecutivo».

E così sia.

LA CIA E L'ESECUTIVO DI OBAMA VISTI DA McCLATCHY

I documenti del governo presi in visione da McClatchy mostrano che alcune Agenzie d'Intelligence stanno usando questo margine per perseguire la divulgazione non autorizzata di qualsiasi informazione, non solo di materiale classificato. Mostrano anche come milioni di dipendenti federali e contractor debbano tenere d’occhio “persone o comportamenti ad alto rischio” tra i colleghi e possano incorrere in sanzioni, anche a livello criminale, per non averli denunciati. Le fughe di notizie ai media sono equiparate allo spionaggio. “Tenetelo a mente… provocare fughe di notizie equivale ad aiutare i nemici degli Stati Uniti”, dice un documento di strategia del dipartimento della Difesa ottenuto da McClatchy.

Tutto questo prima che un ex contractor dell’Intelligence americana rivelasse le intercettazioni segrete dei telefoni dei cittadini americani, l’Amministrazione Obama stava promuovendo una stretta repressiva a livello governativo sulle minacce alla sicurezza, spingendo gli impiegati federali a controllare da vicino i loro colleghi ed esortando i manager a punire quanti evitano di fare rapporto sui sospetti. L’iniziativa senza precedenti di Obama, conosciuta come “Insider Threat Program”, impressiona per la sua portata. 

Il programma ha ricevuto scarsa attenzione pubblica anche se si estende ben oltre le Agenzie legate alla Sicurezza Nazionale, e interessa la maggior parte dei dipartimenti federali e delle agenzie a livello nazionale, compresi i Peace Corps, la Social Security Administration e i dipartimenti dell’Istruzione e dell’Agricoltura. Il programma si concentra sulle fughe di materiale classificato, ma la definizione jolly di “minacce interne” dà alle agenzie margine per perseguire e criminalizzare un’ampia gamma di comportamenti.

Ci si aspetta che l’Amministrazione Obama affretti l’implementazione del programma, con il governo alle prese con il trafugamento di documenti "top secret" da parte di Edward Snowden, l’ex contractor dell’Agenzia Nazionale per la Sicurezza che ha rivelato il programma segreto di raccolta dati delle telefonate degli americani. Il caso è solo l’ultimo di una serie che il governo condanna come tradimenti da parte di “trusted insider” che hanno danneggiato la Sicurezza Nazionale. 

“Le fughe di notizie legate alla Sicurezza Nazionale possono mettere in pericolo la popolazione”, ha detto Obama il 16 maggio difendendo le indagini criminali sui leak. “Possono mettere a rischio uomini e donne in uniforme che io ho mandato sul campo di battaglia, possono mettere a rischio i nostri uomini dell’Intelligence, che si trovano in molte situazioni pericolose e facilmente compromettibili… Perciò non mi scuserò e non penso che gli americani si aspettino che il loro comandante in capo non sia preoccupato per le informazioni che possono compromettere le operazioni militari”.

Come parte dell’iniziativa, Obama ha ordinato una maggiore protezione per i whistleblower che usano i canali istituzionali per fare rapporto su sprechi pubblici, frodi e abusi, ma questo non è incoraggiante secondo alcuni esperti di sicurezza nazionale e funzionari, in carica e non, dell’Amministrazione, preoccupati che l’Insider Threat Program non solo scoraggi le fughe di notizie, ma abbia anche gravi conseguenze sul diritto del pubblico di sapere e sulla Sicurezza Nazionale. Secondo questi esperti il programma potrebbe rendere più facile per il governo soffocare il flusso di informazioni non classificate e potenzialmente vitali per il pubblico, e al tempo stesso creare un ambiente di lavoro tossico, avvelenato da sospetti infondati e da false investigazioni. 

Alcune agenzie non legate all’Intelligence stanno già spingendo i propri impiegati a tenere d’occhio nei colleghi alcuni “indicatori” come stress, divorzi o problemi finanziari. “Era solo una questione di tempo prima che il Dipartimento dell’Agricoltura iniziasse a implementare politiche del tipo ‘Ehi, lasciamo che la gente spii i propri amici’”, dice Kel McClanahan, un avvocato di Washington specializzato in leggi sulla Sicurezza Nazionale. “Sto aspettando il momento in cui per denunciare un amico ti daranno 50 dollari”.

Le strategie contro la fuga di notizie del dipartimento della Difesa ottenute da McClatchy parlano di una politica di tolleranza zero. I responsabili della Sicurezza “devono” rimproverare o revocare le autorizzazioni di sicurezza – una punizione capace di stroncare una carriera – dei lavoratori che compiano una sola infrazione grave o più violazioni minori “come un’inevitabile azione personale negativa”. I dipendenti devono costituirsi e denunciare gli altri quando falliscono nel denunciare delle infrazioni. “Penalizzare gli sbagli evidenti nel denunciare infrazioni nella sicurezza e violazioni, compresa l’assenza di autodenuncia”, dice il piano strategico.

L’Amministrazione Obama stava già perseguendo un numero senza precedenti di casi di fughe di notizie, e alcuni al Congresso – alla lunga i più prolifici rivelatori di segreti – vedono di buon occhio le restrizioni all’accesso dei giornalisti alle agenzie federali, che rendono i funzionari statali riluttanti anche a mettere a disposizione del pubblico documenti non classificati.

Il programma, che in parte si serve di profili comportamentali, potrebbe inoltre scoraggiare il pensiero creativo e incentivare un pensiero di gruppo conformista tipo quello che ha provocato la valutazione errata da parte della CIA secondo cui l’Iraq stava nascondendo armi di distruzione di massa, valutazione che ha provocato l’invasione del 2003. “Il vero pericolo è che il lavoro del governo viene standardizzato secondo un denominatore comune banalizzante”, avverte Ilana Greenstein, un’ex agente della CIA che dice di aver lasciato l’agenzia di Intelligence dopo essere stata falsamente accusata di essere un pericolo per la Sicurezza Nazionale. 

“Non ci sono persone che decidono di parlare quando le cose vanno male. Non ci sono persone che guardano alle cose in modo differente e che sono disposte a lottare per le proprie idee. Quello che ottieni sono persone fedeli alla linea definita, e questo è molto pericoloso per la sicurezza nazionale”.

Obama ha lanciato l’Insider Threat Program nell’ottobre 2011 dopo che il soldato Bradley Manning aveva scaricato centinaia di migliaia di documenti da una rete di computer protetti e li aveva mandati a Wikileaks. Questi fatti erano stati preceduti dall’uccisione, nel 2009, di 13 persone a Fort Hood, Texas, da parte del maggiore Nidal Hasan, un attacco che le autorità federali non erano riuscite a prevenire benché stessero monitorando le email che Hasan spediva a un religioso islamico legato ad al Qaida.

Una rassegna interna realizzata dopo le fughe di notizie di Manning ha trovato “grosse disparità” nelle capacità dell’Intelligence statunitense di individuare minacce per la sicurezza e ha sancito la necessità di migliorare in tutti i campi. L’ordine esecutivo di Obama formalizza pratiche che le agenzie di intelligence hanno seguito per anni per rilevare minacce alla sicurezza e le estende alle agenzie che non sono coinvolte in politiche di sicurezza nazionale ma che possono avere accesso a network classificati.

Ci sono, comunque, alcuni problemi con il programma. Anche se questo limita severamente l’uso di memorie rimovibili su reti classificate, Snowden, l’ex contractor della NSA che ha rivelato le operazioni di raccolta dati delle chiamate telefoniche, ha usato una chiavetta USB per trafugare il materiale che ha poi passato a due giornali. “Niente di quello che è stato fatto negli ultimi due anni ha fermato Snowden, e questo getta un’ombra su tutta l’operazione”, dice Steven Aftergood, direttore dell’agenzia no profit American Scientists’ Project on Government Secrecy. “Qualsiasi cosa abbiano fatto appare inadeguata”.

La storia degli Stati Uniti è piena di casi in cui le agenzie federali non riescono a interpretare gli indizi di funzionari fidati e uomini dell’esercito che rubano segreti. La CIA, per esempio, non è riuscita per qualche tempo a scoprire Aldrich Ames, un alto ufficiale che è stato una delle più prolifiche spie sovietiche nella storia statunitense, nonostante la macchina della verità, i frequenti stati di ubriachezza e una ricchezza improvvisa e inspiegabile. Fermare una spia o un informatore diventa sempre più difficile, dato che il governo continua ad accumulare informazioni in database smisurati e ha aumentato il numero delle persone (ormai 5 milioni) a cui è consentito l’accesso al materiale riservato. 

I funzionari governativi dichiarano che il programma può aiutare le Agenzie a sventare un’ampia gamma di minacce, specialmente nel caso in cui gli impiegati siano addestrati a riconoscere il comportamento che identifica potenziali rischi per la sicurezza. “Se questo viene fatto nel modo corretto, un’organizzazione può arrivare a  una persona che abbia questioni personali o problemi che, se non affrontati, potrebbero portare tale individuo alla violenza, alle minacce o allo spionaggio molto prima che possa raggiungere quel punto”, ha dichiarato un ufficiale del Pentagono, che ha richiesto di rimanere anonimo.

Stando a quel che si dice, Manning subì una reprimenda per aver postato messaggi su YouTube che descrivevano gli interni di una sede segreta dell’intelligence dove lavorava. Esibiva anche un comportamento che avrebbe potuto dare dei segnali ai suoi superiori sul fatto che egli rappresentava un rischio per la sicurezza, riportano alcuni funzionari. Jonathan Pollard, ex analista dell’intelligence della marina americana condannato all’ergastolo nel 1987 per aver spiato Israele, non fu investigato anche se fallì ai test della macchina della verità e mentì ai suoi supervisori. 

Fu preso solo dopo che un collega lo vide uscire da una sede top secret con documenti riservati. “Se chi è addetto al monitoraggio delle minacce interne – avvocati, funzionari della Sicurezza e psicologi – può capire che un individuo ha problemi di denaro o registra un calo nella performance lavorativa, e che tale persona sta iniziando un percorso che lo porterà a essere una minaccia interna, i superiori lo possono avvicinare cercando di rimuovere lo stress, prima che tale individuo diventi una minaccia per l’intera organizzazione”, ha dichiarato il funzionario del Pentagono. 

Il programma, comunque, fornisce alle Agenzie una tale ampiezza nel delineare le loro risposte alle minacce interne che qualcuno ritenuto un rischio da un’agenzia può essere definito privo di rischi da un’altra. Persino all’interno della stessa Agenzia, l’impiegato scontento per uno può diventare la minaccia alla sicurezza nazionale per qualcun altro. A novembre Obama ha approvato gli “standard minimi” che conferiscono a dipartimenti e agenzie considerevole libertà nello sviluppo di programmi contro le minacce interne, portando a un potenziale guazzabuglio di interpretazioni. 

Questi standard sono strutturati non solo per eradicare le gole profonde, ma anche quelle persone che possono essere portate ad “atti violenti contro il governo o la nazione” e al “potenziale spionaggio”. Il Pentagono ha deciso che la sua definizione ampia di minaccia interna è quella di un impiegato con autorizzazione che “intenzionalmente o non intenzionalmente” danneggia “gli interessi di sicurezza nazionale” attraverso “la divulgazione non autorizzata, la modifica di dati, lo spionaggio, il terrorismo, o azioni cinetiche che portino alla perdita o alla degradazione di risorse o capacità”. 

“Si potrebbe argomentare che lo stupro di personale militare rappresenti una minaccia interna. Nessuno ha un’idea precisa dell’aspetto che questa minaccia interna dovrebbe avere”, rivela il funzionario del Pentagono, spiegando che all’interno del dipartimento della Difesa “ci sono un sacco di capi, ognuno con la loro agenda, ma nessuno con un po’ di leadership.” l dipartimento dell’Istruzione, nel frattempo, informa i dipendenti che collaboratori che attraversano “certe esperienze di vita… possono trasformarsi da fidati utenti a minacce interne”. Tali esperienze, spiega il dipartimento in un manuale di addestramento al computer, includono “stress, divorzio, problemi finanziari” o “frustrazione nei confronti dei colleghi o dell’organizzazione”. 

Un tutorial online intitolato “Tradimento per principianti” (“Treason 101”) insegna ai dipendenti del dipartimento dell’Agricoltura e dell’Amministrazione nazionale oceanica e atmosferica a riconoscere il profilo psicologico delle spie. Un pamphlet online del dipartimento della Sicurezza e della Difesa elenca una lunga lista di comportamenti sospetti “riferibili”, incluso lavorare oltre le normali ore di lavoro. Mentre ammette che non tutti i comportamenti “identificano una spia in mezzo a noi,” il pamphlet aggiunge che “ogni situazione necessità di essere esaminata per determinare se i segreti della nostra nazione sono a rischio”.

Il dipartimento della Difesa, tradizionalmente fonte primaria di rivelazioni ai media, sta ancora preparando il suo programma, ma ha fatto numerosi passi in tal senso. Questi includono la creazione di un’unità che ricontrolla i report delle news ogni giorno per verificare se vi siano notizie trapelate riguardo informazioni riservate della difesa, e l’implementazione di nuovi corsi di formazione per insegnare ai dipendenti come riconoscere i rischi per la sicurezza, inclusi comportamenti “ad alto rischio” e “distruttivi” fra colleghi, secondo documenti del dipartimento della Difesa rivisti da McClatchy. 

“Tutto questo ha a che vedere con i profili delle persone, il loro approccio al lavoro, la loro interazione con la direzione. Sono disponibili? Guardano "Salon.com" o "The Onion" durante la pausa pranzo? E’ come con le ‘Stepford Wives’”, dice un secondo funzionario senior del Pentagono, riferendosi alle pubblicazioni online e al film del 1975 sulle casalinghe roboticamente docili. Il funzionario ha dichiarato di voler restare anonimo per evitare di essere punito per aver criticato il programma. 

L’enfasi su certi comportamenti ha ricordato a Greenstein l’orientamento del suo impiegato nei confronti della CIA, quando le fu detto di sospettare di collaboratori poco felici. “Se qualcuno aveva la giornata storta, il messaggio era di stare in guardia nei loro confronti”, racconta. Alcune agenzie federali stanno inoltre cercando di proteggere un range più ampio di informazioni. 

L’esercito ordina al suo personale di riportare rivelazioni non autorizzate di informazioni riservate, incluse quelle relative a sedi, attività e personale militare. I Peace Corps, che stanno implementando il loro programma, “prendono molto seriamente l’obbligo di proteggere le informazioni sensibili,” dice un’email da parte di un funzionario dei Peace Corps che ha insistito per mantenere l’anonimato senza però spiegarne i motivi. 

Garantire discrezione diffusa è pericoloso, hanno avvisato alcuni esperti e funzionari, mentre le agenzie federali sono già propense ad aumentare ancora gli sforzi nel controllare il flusso delle informazioni. L’Amministrazione Bush ha presumibilmente cercato di mettere sotto silenzio due esperti di cambiamento climatico del precedente governo per non permettere loro di parlare pubblicamente dei pericoli del riscaldamento globale. Più recentemente, la FDA (Food & Drug Administration) ha giustificato il monitoraggio delle email personali dei suoi scienziati e dottori come metodo per trovare fughe di informazioni non riservate. 

Ma R. Scott Oswald, un avvocato di Washington dell’Employment Law Group, ha definito l’Amministrazione di Obama “amica dei whistleblower”, dicendo che segna una distinzione fra i whistleblower che usano i sistemi interni per denunciare comportamenti scorretti, e gli informatori, che rendono pubbliche le informazioni riservate in modo illegale. Ci sono numerosi casi, comunque, di impiegati governativi che dicono di essere stati costretti a rendere pubbliche tali informazioni perché hanno sofferto ritorsioni dopo aver cercato di lamentarsi di sprechi, frodi e abusi attraverso i canali interni o al Congresso. 

Thomas Drake, un ex funzionario senior della NSA, è stato incriminato nel 2010 ai sensi dell’Espionage Act dopo che aveva rivelato milioni di dollari di sprechi a un giornalista. Aveva cercato per anni di mettere in guardia i suoi superiori e il Congresso. Alla fine le accuse contro di lui sono state fatte cadere.

Il Pentagono, nel frattempo, ha rifiutato di spiegare come il suo programma contro le minacce interne gestirebbe una fuga di notizie ai media come i Pentagon Papers, una storia top secret sul coinvolgimento degli Stati Uniti in Vietnam che ha dimostrato come diverse amministrazioni abbiano ingannato il pubblico e il Congresso sulla guerra. “Il pericolo è che supervisori e manager usino i profili ‘Impiegati Scontenti’ e ‘Minacce Interne’ per perseguire legittimi whistleblower”, dice il secondo funzionario del Pentagono. “L’ordine esecutivo dice che non puoi infrangere le leggi sui whistleblower. Ma tutto ciò che le riguarda è attinente la ritorsione. Questo non significa che non li si possa individuare prima che tale ritorsione abbia luogo”.

Greenstein ha detto di essere diventata obiettivo di indagine da parte dei funzionari della sicurezza dopo aver sollevato le accuse di cattiva gestione delle operazioni della CIA a Baghdad. Ma non ha mai rivelato le denunce, che includevano l’accusa al suo capo della sicurezza di aver cancellato i dettagli riguardanti i rischi per la sicurezza dai cables. Si affidò invece ai processi interni dell’Agenzia per fare le sue accuse. La CIA, in ogni caso, cercò di far aprire al dipartimento di Giustizia un caso contro la Greenstein, dopo che durante un test al poligrafo dichiarò che stava scrivendo un libro, cosa permessa nell’agenzia a patto che superi la revisione pre-pubblicazione. 

La CIA pretese poi di vedere i suoi personal computer. Quando li ebbe indietro mesi dopo, tutto quello che aveva scritto era stato cancellato. “Mi percepivano chiaramente come una minaccia interna”, ha detto Greenstein, che da allora ha riscritto il suo libro e ha ricevuto il permesso della CIA di pubblicarne una parte. “Dicendo ‘Ho un problema con questo posto e voglio renderlo migliore’, sono stata instantaneamente trasformata in una minaccia interna”, ha spiegato. La CIA si è rifiutata di commentare.

Tuesday, July 2

DEPENDING OF RUSSIA's SUCCESS THE WEST's FAILURE

Thanks in large part to Russia’s military, political and diplomatic support, the Syrian dictator’s regime has not fallen and his repression continues relentlessly, unimpeded by a paralyzed U.N. Security Council. The West has been unable to shape events on the ground, with its “red lines” apparently fading into insignificance.

But Russia’s success to date, while significant, will be short-lived. President Vladimir Putin has made his point, and it is now in Russia’s own interest to cooperate with the West and help foster an end to the bloodshed in Syria.

Not only is the opposition militarily and politically disunited, but its most ferocious jihadist elements are in the ascendant, benefiting from the weaponry liberally provided by their rival patrons in Qatar and Saudi Arabia. After Afghanistan and Iraq, an easy-to-get-to Syria has also become the primary magnet for large numbers of foreign jihadist wannabes, who may return armed and trained to commit acts of terror in the West. That development makes it increasingly unappealing for the West to send arms to the rebellion, and it is doubtful whether the recent lifting of the European Union’s arms embargo will be (or should be) followed through.

Russia’s success is typical of the country’s history as a great power during the last two centuries: It is used to taking calculated risks, even against apparently long odds, and its approach tends to operate in a zero sum perspective — my gain is your loss. But this approach also forces Russia to cope with the immensely difficult consequences.

Russia has been present in Syria as a major provider of defense and political support for half a century, building up habits of cooperation and ties at all levels of society, perhaps best symbolized by the intermarriage of thousands of Russian-Syrian couples.

To preserve its long-standing investment, the Kremlin’s interest would appear to be to remain on the right side of whoever happens to be in power in Syria. When the revolutions of the Arab Spring blossomed in 2011, it was widely assumed both in the West and in the Arab world that Assad’s fall would echo that of Tunisia’s leader, Zine el-Abidine Ben Ali, Egypt’s Hosni Mubarak, Libya’s Muammar el-Qaddafi and Yemen’s Ali Abdullah Saleh, since the same causes tend to produce the same effects in similar societies. It appeared that Russia had backed a loser, at the risk of losing all of its positions in Syria, including access to the naval facilities in Tartus. But, for the time being, the gamble has gone Moscow’s way.

However, only part of this policy was linked to Russia’s genuine self-interest, such as Moscow’s fear of contagion from a jihadi-dominated Syria to fundamentalist groups in the Caucasus. Russia has been largely — maybe mainly — driven by the wish to punish the Western powers for having abused, in its eyes, the Security Council’s authority to overthrow Qaddafi.

Putin wasn’t going to let this happen a second time. Hence the negative-sum outcome: The West has clearly been blocked at the United Nations and generally deterred from acting decisively to shape events in Syria.

At the same time, Moscow gains little in positive terms. The Syrian civil war means that Russia’s interests in that country have decreasing value, while the rise of jihadist groups increases the risk of spillover in the Islamic regions of Russia.

Furthermore, Russia will find it no less easy than the West to deal with the local and regional consequences of the Syrian civil war. Assad is no longer holding on as the chief of a functioning state but as a warlord who is more powerful than others in a splintering Syria. Neighboring Jordan is facing an existential threat, and a dysfunctional Iraq appears to be descending anew into civil war. The ultimate Russian interest is presumably not to become the collateral victim of spiraling jihadist violence.

Therefore, after having successfully made his point against the West, Putin may now find it expedient to seriously attempt a political solution at the conference planned this summer in Geneva, for example by holding back on weapons shipments.

The same restraint should apply to Western arms deliveries. The West could also agree to allow Syria’s ruling Baathist party to be a full part of any political solution, including in the organization of elections, along the lines that allowed for a reasonably successful transition in Yemen.

The West has good reason to resent the success of Russia’s support of Assad, with its atrocious human consequences. But today the situation is what it is, not what the West would have liked it to be. It has become in the West’s interest to refrain from arming the jihadis and to support a political resolution, preferably without Assad, but probably not without the ruling Baath party and bureaucracy.

SECURITY& INTELLIGENCE AGENCIES IN EUROPEAN UNION

This study evaluates the oversight of national security and intelligence agencies by parliaments and specialised non-parliamentary oversight bodies, with a view to identifying good practices that can inform the European Parliament’s approach to strengthening the oversight of Europol, Eurojust, Frontex and, to a lesser extent, Sitcen. The study puts forward a series of detailed recommendations (including in the field of access to classified information) that are formulated on the basis of in-depth assessments of: (1) the current functions and powers of these four bodies; (2) existing arrangements for the oversight of these bodies by the European Parliament, the Joint Supervisory Bodies and national parliaments; and (3) the legal and institutional frameworks for parliamentary and specialised oversight of security and intelligence agencies in EU Member States and other major democracies. Access to and the protection of classified information by the European Parliament
As this study’s analysis of oversight of intelligence agencies at the national level demonstrates, information is the oxygen that sustains oversight; a mandate to oversee an agency’s work is of limited use unless it is accompanied by access to the relevant information. It will be extremely difficult to strengthen parliamentary oversight of the AFSJ bodies without clear and predictable rules and procedures for the EP to access relevant information from these bodies, the Commission and the Council. While access to relevant information is fundamental to oversight, the professional handling of this information by overseers is also crucial for effective oversight. Accordingly, improved access to classified information by the EP will need to be accompanied by the development of appropriate procedures for the protection of this information, as well as an ongoing commitment from MEPs to handle classified information in a professional manner.

Improving the European Parliament’s access to classified information in the AFSJ

The development of an appropriate legal and institutional framework for parliamentary access to classified information is of fundamental importance to strengthening the EP’s oversight of the AFSJ bodies. The discussion of the EP’s access to classified information must take place alongside deliberations on the evolution of the EP’s mandate to oversee the AFSJ bodies; indeed, we have argued throughout this study that an oversight body’s information needs are inextricably linked to its mandate. Yet, regardless of which aspects of the AFSJ bodies’ work the EP wishes to oversee and which institutional mechanism is chosen to carry out this oversight (see below for a discussion of these mechanisms), access to relevant classified information will be crucial. This is because various aspects of the work of AFSJ bodies are classified and/or involve the processing or creation of classified information.

Parliamentary access to classified information is currently being discussed in the context of deliberations regarding the revision of Regulation 1049—legislation which is ostensibly about public access to information from EU entities. The EP’s rapporteur on this matter, Michael Cashman, has opted to include provisions on parliamentary access to information in the broader draft legal framework for public access to EU documents. This approach has several advantages. First, it is aimed at ensuring that there is a general framework for the EP’s access to classified information from all EU entities and across all policy domains. This may be preferable to a fragmented legal framework for parliamentary access to information based on inter-institutional agreements across different fields. The effects of this current framework are that the EP has access to classified information from, e.g., the Council, in some fields but not others and that different modalities apply to access classified information in different policy domains. 

Second, the inclusion of provisions on the EP’s access to classified information as part of broader legislation on public access to information could help to ensure that these rules have the status of legislation rather than being enshrined in inter-institutional agreements, which are of a subordinate legal status. In spite of these advantages, we are of the view that parliamentary access to classified information should be decoupled from provisions on public access to information. This is supported by practice on the national level, where freedom of/access to information laws are separated entirely from regulations on parliamentary access to information. Parliamentary access to classified information implies access to the specific categories of information which are justifiably exempt from public access, e.g., information regarding the work of Intelligence Agencies. 

It is precisely because such information is beyond the reach of public access that it must be available to certain parliamentarians and institutions established by parliaments for overseeing, inter alia, intelligence agencies. In almost every state analysed in this study, parliaments have privileged access to classified information to, among other things, enable to them oversee intelligence activities. This is premised on the notion that parliamentarians are elected by a population to hold governments and their agencies to account. In order to do this, they require privileged access to information which is not necessarily available to members of the public. Therefore, rules governing parliamentary access to classified information are set out in law and are disconnected for general freedom of/access to information laws.

Recommendation 11: New regulations on the European Parliament’s access to classified information should be decoupled from legislation on public access to information.

Related Material From the Archive:
-European Parliament Study on Crowd Control Technologies
-Google Admits Providing European User Data to U.S. Intelligence Agencies
-Looking into the Future of the European Union
-The Department of Homeland Security Intelligence Enterprise: Operational Overview and Oversight Challenges for Congress
-European Union Operational Programme 2010-2011
-Draft of the European Union Strategic Framework for ES-BE-HU Trio Presidency
-Icesave Dispute: Confidential Legal Threat from European Union to the Icelandic Ambassador
-(U//FOUO) DoD Instruction: Intelligence Oversight, Coordination, Assessment and Reporting