Friday, February 28

UKRAJNA: COUNTDOWN PARTITO

Davanti al Parlamento di Simferopol centinaia di persone scandiscono “Putin”, “Russia” e chiedono l’intervento militare di Mosca. In mattinata sette blindati partiti da una base della flotta russa a Sebastopoli sono stati bloccati sulla strada verso la capitale, e Kiev – dove si è insediato il nuovo governo di Arseny Yatseniuk – ha ammonito la Russia contro qualunque movimento di truppe non autorizzato

Sono state interrotte le linee di pullman per Simferopol, per evitare che centinaia di militanti di organizzazioni filorusse vadano ad aggiungersi alla piazza. Intanto il deputato Nikolay Moskal sostiene che i Berkut – la polizia anti sommossa delle stragi di Kiev sciolta dal nuovo governo – hanno isolato la penisola dal continente.

Sembra lo scenario più scontato, da manuale della storia sovietica, quello che si sta evolvendo in queste ore in Crimea: dopo che mercoledì la folla di manifestanti pro russi che aveva cercato di fare irruzione nel Parlamento è stata improvvisamente respinta dai militanti tartari, sono entrati in azione i professionisti. 

Un centinaio di uomini armati ieri ha occupato la sede del Parlamento e del governo a Simferopol. Dopo aver neutralizzato le guardie hanno issato sul palazzo la bandiera russa. Ai deputati sono stati sequestrati i cellulari, i giornalisti non possono entrare negli edifici. I telefoni sono staccati, come il sito del governo che comunica via Facebook. Il tentativo di un negoziato è fallito: il capo del commando ha detto di non avere nessuna richiesta da avanzare e di “non avere il mandato” di trattare

Chi dovrebbe concederlo non è chiaro, ma il presidente del Parlamento Vladimir Konstantinov, finora restìo ai tentativi di sollevare in Aula la questione della secessione, ha messo all’ordine del giorno un referendum sulla secessione dall’Ucraina, indetto per il 25 maggio e approvato dopo qualche difficoltà con il quorum. 

Licenziato anche il governo, troppo prudente nei rapporti con Kiev, e sostituito con un gabinetto guidato da Sergei Aksyonov, capo del partito filorusso Unità russa.

Sarebbero sempre i Berkut ribelli ad aver occupato il Parlamento: chi ha visto il commando in azione parla di “professionisti”, non di milizie popolari. Che sia un’insurrezione spontanea dei radicali filorussi appare però sempre meno probabile. 

Nella penisola stanno sbarcando in massa politici russi, dal leader del partito Russia Giusta Serghei Mironov ai “falchi” di Russia Unita: la campionessa di pattinaggio Irina Rodnina, famosa per il suo tweet razzista contro Obama, la prima donna nello spazio Valentina Tereshkova, il pugile Nikolay Valuev

Sono le star delle cerimonie di Sochi, i simboli dell’orgoglio nazionale, che arrivano a sostituire gli emissari di terzo rango della Duma dei giorni scorsi. Si parla anche dell’arrivo di gruppi pop nazionalisti della playlist del Cremlino. Che forse sono un segnale perfino più eloquente delle esercitazioni russe al confine occidentale, che il Pentagono statunitense fa sapere di monitorare attentamente.

Il blitz in Crimea sembra il classico – dagli Stati Baltici nel 1939 alle “democrazie popolari” dell’est Europa nel 1948 – scenario sovietico dell’intervento militare “in difesa” della popolazione ansiosa di passare sotto la protezione di Mosca, magari con l’aiuto di un governo messo in piedi per l’occasione. Poco praticabile nel 2014, a meno che si voglia tornare alla cortina di ferro (che lascerebbe dall’altra parte anche i conti bancari e le ville dell’élite russa in Europa). 

Sempre che la Russia si voglia limitare ad accendere il focolaio in Crimea (inclusa l’inevitabile rivolta dei tartari che, memori della deportazione di Stalin, tifano il Maidan contro Putin) per regalare all’Ucraina la sua Cecenia, una spina secessionista che sarebbe tragico tentare di rimuovere chirurgicamente. Ammesso che Kiev ne abbia la forza. 

Il Settore di Destra, l’avanguardia della rivoluzione del Maidan, ha già annunciato che non andrà nella penisola, forse rendendosi conto che è proprio quello che vorrebbero i “falchi” russi.

La diplomazia ucraina ieri ha inviato due note ai russi con richiesta di consultazioni, senza ottenere risposta, almeno pubblicamente. La Russia insiste sulla legittimità di Viktor Yanukovich, nonostante i suoi stessi seguaci abbiano ormai appoggiato la coalizione del Maidan. 

Thursday, February 27

Discord Among Terrorists | RAND

Discord Among Terrorists | RAND

A NEW NUCLEAR WEAPONS TREATY ISN'T ONLY OPTION

In his 2013 Berlin address, President Obama announced his nuclear agenda for the second term and declared that, with a comprehensive review of US nuclear guidance completed, his administration would seek further “negotiated cuts” with Russia to reduce deployed strategic nuclear arsenals by up to one-third. This would mean a reduction from the 1,550 deployed strategic nuclear warheads allowed by the New START Treaty, to between 1,000 and 1,100 warheads.

To implement this agenda of negotiated cuts, the Obama administration seems to prefer a legally binding new treaty with Moscow. But concluding a new treaty would require a negotiating process that would almost certainly be long and complex, ending with Senate ratification. Moscow is not likely to start negotiations on a new treaty while New START is in force (until 2021), or at least until it is fully implemented by the United States. (Russia has already met the warhead limits of the treaty.) Also, Russian approval of a new treaty would require a lot of political capital, as Russia would probably insist on expanding the scope of negotiations to include other factors affecting strategic stability (such as missile defense, conventional capabilities, or the militarization of outer space).

A new treaty is only one possible approach to weapons reductions, however. It is worth taking a look at the advantages and pitfalls of three other options: a bilateral amendment to the New START treaty, informal reciprocal reductions, or unilateral reductions. As surprising as it may seem, at the moment the last option may be the most feasible choice for the United States to make.

As with a new treaty, a bilateral amendment would give the Senate too much power over the fate of further reductions. The current political situation suggests that the White House would most likely fail to secure enough support for any further cuts. Obama’s Republican opponents are concerned that the remaining arsenal would not be enough to maintain a credible deterrence. They also claim that the president has failed to fulfill the modernization promise he made in exchange for New START ratification; therefore they would probably seek to link any further cuts to the status of nuclear modernization programs. Regardless of what the Obama administration prefers, defense hawks in Congress seem determined to prevent any further weapons cuts until their preconditions are met.

A bilateral amendment. One alternative to a new treaty is for the United States and Russia to set lower ceilings, but to stay within the framework of the New START Treaty. This could be done by attaching a bilateral amendment to the treaty—agreeing to deeper reductions under the same verification measures and treaty obligations (perhaps with an extended timeframe). This approach, however, would still require Senate ratification.

Informal reciprocal reductions. Another alternative to a new treaty would be an informal understanding that both Washington and Moscow would pursue deeper reductions without codifying new ceilings. This informal approach would provide flexibility, but the New START Treaty would still remain in force, guaranteeing the advantages provided by a legal framework—for example, verification measures. With this approach, Obama could skirt Senate ratification and implement reductions using his executive power to issue a presidential decision directive.

This strategy has its own set of dangers, though. Upsetting the Senate might interfere with other important objectives of the administration, such as ratification of the Comprehensive Nuclear Test Ban Treaty, or negotiations with Iran. Obama’s Republican opponents in Congress could use their legislative power to block funding for the implementation of the New START Treaty or propose, as they already did, legislative measures against any reductions beyond those agreed to in the treaty. Although bypassing the Senate might provoke legislative retaliation, the informal approach has the advantages of a legally binding approach, and is politically and technically more feasible than a new treaty.

A problem shared by the options above is the absence of incentive for Moscow to come on board. Implementation of the New START Treaty provides important verification and transparency measures, but it might not be enough to keep Moscow interested in further reductions. Moving toward smaller nuclear arsenals is not necessarily important to Moscow, as long as the United States retains a considerable part of its strategic forces in reserve and could again upload more than 4,000 nuclear warheads in a relatively short amount of time. According to Pavel Podvig, an expert on the Russian nuclear arsenal and a Bulletin columnist, two things could keep Moscow at the table: the prestige of Russia’s special dialogue with the United States, and extending the scope of negotiations to other issues that Russia views as a threat to its strategic capabilities.

Unilateral reductions. A third option is for Washington to commit to further reductions immediately, without waiting for Moscow. In this case, Russia would not be given any veto power over further reductions. This approach also has the advantage that unilateral US reductions do not rule out the possibility of future reciprocal steps by the Russians. In fact, historic evidence (for example, the Presidential Nuclear Initiatives by the Bush administration in 1991 and 1992) strongly suggests that Moscow would probably implement similar measures.

As with informal reciprocal reductions, the unilateral path would be easier, from a legal point of view, than a new or amended treaty. And because Russian consent would not be needed, unilateral reductions would eliminate the need to include incentives beyond the scope of previous START negotiations. Although it goes against the pledge to pursue “negotiated cuts” and risks upsetting Congress, unilateral action is the least costly and quickest option. If the administration is committed to reducing its deployed strategic nuclear weapons to between 1,000 and 1,100 warheads, the unilateral approach seems to be the most feasible way at the moment, and past experience suggests that Moscow would eventually follow the US lead.

INDIA ARROGANTE DAVANTI AD UNA ITALIA SUPINA

Si tratta di riequilibrare i ruoli, accettando di correre alcuni rischi non soltanto diplomatici. Un esperto come Alfredo Mantica – due volte sottosegretario agli Esteri con Berlusconi premier (2001-2005; 2005-2006) – denuncia “l’allucinante serie di esperienze patite anche dai civili italiani” che hanno traversato la giungla giudiziaria indiana, invoca aiuti amichevoli e suggerisce ritorsioni unilaterali: “Se è vero che Matteo Renzi si prepara a incontrare Barack Obama, esiga da lui un intervento politico pubblico”. 

Ancora parole? “No, c’è la possibilità di presentare questo ragionamento all’ONU e a tutta la comunità internazionale: se voi accettate che i nostri militari siano trattati come terroristi, significa che non avete bisogno di altre truppe di ‘terroristi’ italiani impegnati in operazioni di pace dal Libano all’Afghanistan”. C’è anche la facoltà di richiamare temporaneamente l’ambasciatore italiano da Nuova Delhi. “Sì, ma intanto si potrebbe da subito dichiarare l’India ospite non gradito all’Expo del 2015”. 

Se esistesse un’Europa politica, si potrebbe utilizzare un’altra leva convincente ma a quanto pare soltanto Antonio Tajani (vicepresidente dell’Eurocommissione) si è impegnato per frapporsi all’accordo di libero scambio tra India e UE. Quanto invece ai rapporti d’intelligenza finanziaria fra i campioni di stato italiani e il governo indiano, sui quali grava il sospetto che siano i veri elementi paralizzanti nella controversia sui Marò, basta ricordare che i primi a muovere gli scudi sono stati gli indiani che hanno congelato il contratto di fornitura degli elicotteri AgustaWestland da parte di Finmeccanica.

Una perfetta sintesi conclusiva la fa Gianni Vernetti, ex sottosegretario alla Farnesina durante l’ultimo governo Prodi (2006-2008), con fama specchiata di atlantista (vorrebbe intervenire in Siria contro Assad anche senza mandato ONU). Vernetti esige da Renzi “una sana drammatizzazione internazionale” del caso Marò, “con toni assertivi” e minacce precise: “E’ in gioco l’interesse nazionale, in una faccenda che deve riguardare da vicino tutti i nostri alleati." 

Per cominciare occorre disimpegnarsi da ogni missione anti pirateria sotto l’egida europea, poi si deve esaminare l’ipotesi di ritirarci dalle operazioni di peacekeeping sotto egida ONU. Così Lady Ashton e Ban Ki-moon smetteranno di dire che il problema è tra Roma e Nuova Delhi. Infine, ed è la cosa più importante, si deve ottenere una riunione del comando politico della Nato dove farsi ascoltare dai principali stati-membri, America e Gran Bretagna. 

Ecco, se si parla di legami bilaterali, mi piacerebbe vedere Renzi e Cameron a colloquio, con il premier italiano che esorta il collega inglese a far valere la storica, special relationship di Londra con l’India”. Si può fare molto, tranne tacere. “Il nostro errore più clamoroso è stato cedere alla politica del silenzio-stampa praticata dai governi Monti e Letta”.

Giudici che possono dare l’ergastolo a due gay hanno nelle loro mani due italiani. Bisogna anzitutto immaginarsela a parti invertite, la storia dei nostri due Marò sotto sequestro in India, vittime del pavore italiano e del titanismo degenerato degli indiani. Bisogna fantasticare su un’orda di dravidici senza-casta, consanguinei alla plebe oscura del Kerala, che assalta la nostra ambasciata a Nuova Delhi fra sibili e ringhi per intimare la restituzione di due marinai messi in cattività dall’Italia (li riavrebbero presto a casa, infiocchettati con nastri dorati di scuse). 

Un brahmano hindu proverebbe vergogna e sdegno per la sua gente, ma oggi l’India è una megamacchina moderna poco sacerdotale e molto sicura di sé: un miliardo di cittadini con la bomba atomica può dare del “tu” alla Cina e disprezzare i deboli. E Roma, nel caso dei Marò, ha mostrato fin da subito segni di debolezza nell’intera sua catena di comando.

Non serve più indulgere nell’anamnesi, sul contegno inane dell’ex ministro Terzi e del "cicisbeo Staffan de Mistura" e della pallida Bonino esiste letteratura a sufficienza. Meglio interrogarsi sull’interesse nazionale, per non dire dell’Onore, e riversarlo nell’azione con intelligenza pratica. I Marò bisogna riportarli qui, sono diventati una questione di principio, il simbolo bicefalo dell’arroganza occidentalizzata dell’India e del flaccido levantinismo italiano.

Monday, February 24

IL GIOCO PERICOLOSO U.S.A. VERSO L'EST EUROPA

Cominciamo ab ovo. Gli Stati Uniti, nel loro ruolo di superpotenza planetaria, sono una bestia ferita. Solo pochi anni or sono, la musica era ben diversa: ostentavano sicumera e spavalderia, vittime della sbronza geopolitica brzezinskiana. Chi non ricorda Zbigniew Brzezinski? 

Vaticinava, il povero ottimista, in pochi anni la normalizzazione del Sudamerica, poi la presa del vicino oriente, poi la caduta di questo o quell’antagonista alla potenza a stelle e strisce, e infine l’atto risolutivo, quella conquista del cuore del continente eurasiatico che avrebbe finalmente condotto all’egemonia duratura sul pianeta, quello che altri avrebbero in seguito definitonuovo secolo americano”. Poi, la favola finì. 

Insidiata dalla potenza cinese, spiazzata dalla rinascita putiniana della Russia, impantanata nelle paludi afghano-irachene, sorpresa dal nuovo risorgimento chavista-peronista dell’America latina, la più formidabile talassocrazia della storia, rischiando di vedersi sottratto il “thalassa” su cui esercitare il proprio potere, dovette ricorrere (peraltro, facendo conto sulla miopia geopolitica che la contraddistingue) a piani di emergenza. 

Inizialmente con le millanterie militari etilico-neocon di Bush figlio, in seguito coi “remi in barca” del primo Obama, per finire col forte rilancio, negli ultimi anni, dell’ingerenza violenta negli affari interni di sovrani Stati esteri, delle “rivoluzioni colorate” all’occorrenza sospinte anche da un intervento militare più convenzionale. Alcune di queste “rivoluzioni” riuscirono: in Jugoslavia, in Georgia, in Libia. Altre, fortunatamente per i popoli e le nazioni coinvolte, fallirono miseramente: in Venezuela, in Bielorussia, e in Iran, dove quell’ “Onda Verde” che avrebbe (dati Cnn) portato in piazza milioni di persiani si è dissolta nel nulla al punto che il suo nome, a distanza di pochi anni, rimanda solo alla trasmissione radiofonica delle notizie sul traffico. Altre volte il fallimento è stato tale da rischiare addirittura di compromettere il prestigio - se così si può dire - dei suoi promotori statunitensi in modo assai grave: in Siria, ad esempio, dove la vergognosa disfatta del settembre 2013 fece toccare a Washington il punto più basso della sua reputazione internazionale nella storia recente. 

Ma la direttrice politica sembra ormai sciaguratamente tracciata, e la crisi ucraina di questi giorni si inserisce drammaticamente in questo tragico filone di eventi. Anzi, in questi fatidici accadimenti si percepisce ancor più il senso di sbandamento della potenza atlantica, il suo voler menare sconsiderati colpi di coda, il suo volersi spingere fino alle estremo rischio di portare di nuovo la guerra in Europa, a ridosso di quel limes russo che la separa dalla tanto agognata conquista del continente Eurasia. La “firma” della sommossa di Kiev apparve subito in tutta la sua evidenza. 

Erede della precedente “rivoluzione arancione”, continua ad utilizzare il simbolo del pugno chiuso che ha contraddistinto le analoghe rivolte che, dall’ “Otpor” serba in avanti, hanno insanguinato ogni angolo del mondo in cui sono stati mobilitati i mercenari e gli utili idioti dell’atlantismo. Poi la benedizione ufficiale della Casa Bianca con tanto di visita di Stato del senatore Mc Cain agli esponenti dell’opposizione, per continuare con le sordide buffonate delle “femen” (sì, quelle che nella loro ultima esibizione live si sono pregiate dell’accompagnamento musicale della frusta cosacca) e per finire con le evidenti e schiaccianti prove di responsabilità degli Stati Uniti d’America nel foraggiamento, nel finanziamento miliardario e nell’aperto sostegno ai rivoltosi che hanno così potuto contare su enormi mezzi finanziari, armi e una pressoché unanime copertura mediatica

Pur senza volersi cimentare nell’agone della partigianeria, pur volendo sorvolare sul giudizio che – a bocce ferme – si potrà dare sull’operato del governo Janukovic, analizzando pertanto la questione solo attraverso la lente del diritto internazionale, questa crisi si manifesta immediatamente in tutta la sua gravità. L’Ucraina è, innanzitutto, uno stato di diritto. Non c’è al potere una giunta militare, non ci sono squadroni della morte, rastrellamenti, processi sommari; vige un sistema politico multipartitico e pluralista, si tengono regolari elezioni, le libertà civili sono in ogni modo garantite. Alla luce di queste evidenti considerazioni, non si può attribuire ai “pacifici oppositori” armati di fucili Nato e Uzi israeliane qualsivoglia retroterra “morale” che giustifichi una sommossa di tale portata e di tale violenza. La rivolta nacque, ricordiamolo, per contestare una legittima decisione del governo di Kiev relativa ai rapporti dello Stato con l’Unione europea. 

Ciò nonostante, i nostri mezzi di informazione perseverano nel definire “ragazzi”, “patrioti”, “studenti”, finanche “eroi” dei pericolosi soggetti resisi responsabili, solo negli ultimi giorni, della morte di decine di agenti di polizia e di militari, del sequestro di altre decine di poliziotti messi alla gogna e torturati, del saccheggio e dell’incendio di interi quartieri, di sedi istituzionali, di installazioni militari, di sedi di partito. Che girano armati assaltando e sparando a chiunque si trovi sulla loro strada, senza risparmiare i giornalisti che si trovavano sul posto. Cose che a chiunque le avesse fatte in Italia negli anni Settanta, Cossiga gli avrebbe fatto il “fondoschiena a strisce”. Cui in qualunque Paese del mondo si risponderebbe quantomeno con la legge marziale. Ma per loro no: sono “patrioti” che “vogliono l’Europa”. Dinanzi a questo scempio, gli Stati Uniti e – di conseguenza – l’Unione Europea hanno intimato di cessare immediatamente le violenze… al governo

Hanno accusato il presidente Janukovic di essere “l’unico responsabile”, hanno minacciato sanzioni e ritorsioni di ogni sorta, hanno accusato di crudeltà le forze di polizia alle quali si dovrebbe invece, semmai, rimproverare solo un’eccessiva tolleranza e un ricorso quanto meno blando all’uso legittimo della forza. Le abbiamo viste, le barricate ucraine. Abbiamo visto, sopra quelle barricate, sventolare non solo la bandiera dell’UE, ma anche quella a stelle e strisce, quella sionista, quella dei terroristi siriani. Quelle barricate su cui tanti, troppi, si illudono di vedere giovani idealisti che sognano l’Europa, intrepidi eroi, addirittura “compagni” o “camerati”. 

Quelle barricate che invece, nella drammatica realtà dei fatti, fanno da testa di ponte a quel potere atlantico che vuole penetrare nel profondo del nostro continente, sacrificando un’intera nazione e riducendola al rango di riserva di manodopera a basso costo, di retrovia di badanti, di stato vassallo dell’impero americano. Anche questa volta, per gli europei, non è il tempo dei “né – né”. E’ il tempo, per chi ha a cuore le sorti del nostro Continente, di scegliere una barricata: di certo, non quella dei rivoltosi, non quella dei banditi atlantici

Sunday, February 23

U.S. GUN PRODUCTION 30% INCREASE. NEW RECORD.

According to numbers released by US Bureau of Alcohol, Tobacco, Firearms, and Explosives, more than 8.5 million guns were produced in 2012, compared to about 6.5 million in 2011. That’s a 31 percent increase, and the highest number recorded since the agency began tracking gun production in 1986.

Interestingly, a 2013 study by the National Opinion Research Center found that gun ownership per household has actually declined to its lowest level in more than 30 years, so what accounts for the high sales? According to one gun advocate, it’s President Barack Obama.

Barack Obama is the stimulus package for the firearms industry,” Dave Workman, senior editor of Gun Mag, a print and online publication of the 2nd Amendment Foundation, told Bloomberg News. “The greatest irony of the Obama administration is that the one industry that he may not have really liked to see healthy has become the healthiest industry in the United States.”

As noted by Bloomberg, more than 26 million were produced during Obama’s first term alone. Former President George W. Bush, a Republican, was in office for eight years before 28 million guns were manufactured.

Bill Clinton’s Democratic presidency, which saw the government mandate background checks for gun purchases, also boosted firearms makers, who produced 33 million firearms over eight years. During George H.W. Bush’s one term, 16 million guns were made.

Even gun control advocates find some truth to the idea that Democratic presidents help cause a surge in gun sales. According to Brian Malte of the Brady Campaign to Prevent Gun Violence, gun advocates have “demonized” Obama in order to sell more firearms to a smaller consumer base.

“We see the percentage of households owning guns declining,” he said to Bloomberg, “and that indicates that those who already own guns are buying more of them.”

Obama generally avoided the gun control debate during his first term, but he came out in favor of reforms after the Sandy Hook Elementary School massacre that saw 20 children killed by a gunman.

Although Congress has failed to pass legislation on the federal level, some states have forged ahead with their own gun control initiatives. California, for example, recently signaled its intention to implement its “microstamping” gun law, which requires manufacturers to imprint gun data on bullet casings when they’re fired. This has caused some gun makers to pull various models from the market.

Regardless, the latest government data seems to dovetail with the financial results of gun makers like Smith & Wesson, which experienced record sales during its 2013 fiscal year. As last year, the manufacturer  sales of $588 million were a 43 percent increase over the previous fiscal year.

Whether or not such high-level sales can continue remains to be seen, but background check data seems to suggest 2013 it’s possible. The FBI conducted more than 21 million background checks related to gun sales in 2013, a seven percent increase over 2012.

DARKO SARIC PLAYGAME AND BALKAN DESTABILIZATION

Milorad Veljovic Police' Director ordered yesterday arrest of several police officials over suspicion to have been revealing information to members of Darko Saric’s drug dealing clan. As we learn, on the basis of information that Branko Lazarevic gave the police during nine-hour questioning, Veljovic ordered Rodoljub Milovic, the UKP Chief to ‘undertake the necessary measures! According to his words the key question is if Lazarevic has revealed the names of other people who were in contact with Saric.

His release may mean that those other individuals are more important to the prosecutor and that they are more responsible.

Rodoljub Radulovic, nickname Misa Banana suspected together with Lazarevic and Radovan Strbac, is still at large. The police are searching for him because of smuggling of cocaine together with Saric. He is believed to be hiding in Europe, but also in South America. Strbac is in Serbia and is standing trial for laundering of Saric’s money.

Milovic confirmed that he had got the order to investigate illegal activities by his officials. I shall do what Director Veljovic ordered me he did not want to name the officials in question

From the Home Ministry says that all individuals mentioned in relation to leaking of information to the drug lord Darko Saric shall be arrested and taken to the Prosecution for Organized Crime.

Branko Lazarevic was released yesterday to defend himself from freedom. Lazarevic’s lawyer Dragoljub Djordjevic says that he does not see what his client and Ivica Dacic would be charged with.

Lazarevic and Dacic were in contact with someone they thought to have been a businessman. Later when it turned out not to be so, there were no contacts any more. Audio footages of conversations with Saric the Prosecution could have used just a year after the moment when hacking of Lazarevic was ordered. According to the law, after that period the footages should have been destroyed.

Lazarevic is psychologically in a very bad condition because he cannot cope with what is happening to him.

Expert in criminology Dobrivoje Radovanovic says that releasing of Lazarevic is a good assessment by the judge. Lazarevic has come by his decision from another country and there is no reason for keeping him in detention.

The question is if he is really suspected for revealing official secret. In that case there is room for a lawyer to overturn the investigation, but also for a prosecutor to persecute the suspects.

Saturday, February 22

UKRAINE THE END OR THE BEGIN

Ukraine Announces Accord to End Crisis http://www.nytimes.com/2014/02/22/world/europe/ukraine.html

LA PIU' GRANDE VERGOGNA DELL'ITALIA REPUBBLICANA

Pur contestando più volte la pretesa indiana di applicare le proprie leggi l’Italia ha di fatto accettato da un pezzo la giurisdizione di Delhi partecipando alle udienze con i suoi avvocati e presentando ricorsi alla Corte Suprema. Eppure tutti i maggiori esperti di diritto internazionale hanno sottolineato in più occasioni che i militari non possono venire processati in Paesi stranieri per quanto compiuto durante il servizio. Dell’operato di Latorre e Girone può essere chiesto conto solo allo Stato italiano mentre i due marò, se hanno compiuto atti illeciti, ne renderanno conto alle autorità giudiziarie italiane. Lo sanno bene anche gli indiani che nel 2008 rimpatriarono dal Congo 12 ufficiali e 36 soldati del contingente di caschi blu, accusati di stupri e rapimenti di donne e bambine congolesi costrette poi a prostituirsi dentro le basi militari

Militari che in India hanno subito solo sanzioni risibili ma che Nuova Delhi non ha certo lasciato alla mercé del tribunale di Kinshasa. Roma ha però accettato l’abuso indiano di non riconoscere l’immunità funzionale dei due marò, non ha voluto ricorrere all’arbitrato internazionale (il ministro Mario Mauro lo ha proposto nell’ultimo Consiglio dei ministri del governo Letta) e nel marzo scorso ha persino riconsegnato all’India i due sottufficiali in cambio di supposte e vaghe garanzie che non verrà loro applicata la pena di morte. Perché una condanna a 10 o più anni di reclusione verrebbe forse considerata accettabile o magari un “successo”?

Il 18 febbraio la Corte dovrebbe esprimersi circa la richiesta dell’accusa di processare i nostri militari in base alla SUA Act, ipotesi che ha fatto infuriare l’Italia che ritiene giustamente inaccettabile l’equiparazione di suoi militari a pirati e terroristi. Meglio non farsi illusioni circa le decisioni indiane anche se Delhi sembra essersi imbrigliata nella sua stessa rete. Se processa due militari in servizio anti-pirateria in base alla SUA Act si espone a possibili ripercussioni internazionali perché oltre a non riconoscere l’immunità funzionale di Latorre e Girone finirebbe per accusare l’Italia di essere uno “Stato canaglia” dedito a terrorismo e pirateria. 

Il fatto che la pena di morte non venga richiesta imputando ai due militari solo atti di violenza che prevedono una pena fino a dieci anni e non l’omicidio non risolve certo la questione ma la rende ancor più ridicola. Se si ritengono colpevoli perché non accusarli di omicidio per i due pescatori uccisi? Se non lo sono che senso ha l’accusa di violenze?Per queste ragioni la vicenda rischia di protrarsi ancora a lungo ed è meglio non contare troppo sul supporto internazionale. 

Il segretario generale dell’ONU, Ban ki-mon non sembra entusiasta di farsi carico della crisi e l’Italia non pare proprio avere gli attributi per dare segnali forti ritirando immediatamente tutti i caschi blu presenti nelle missioni dell’ONU.  Al di là delle frasi di circostanza anche sui nostri partner europei è meglio non fare troppo affidamento tenendo conto che molti sono ben lieti di poter fare buoni affari con l’India speculando sulla crisi tra Roma e Nuova Delhi che ha già determinato dal 2012 un crollo dell’interscambio commerciale dopo molti anni di crescita

Per Latorre e Girone il rischio concreto e immediato è che il tribunale pretenda la loro presenza in aula per poi farli arrestare e tenerli in custodia per il periodo del processo. Un’ipotesi che va scongiurata tenendo i due militari confinati nell’ambasciata di Delhi oppure mobilitando gli opportuni apparati nazionali per cercare di farli uscire clandestinamente dal Paese, con la conseguente rottura dei rapporti con Nuova Delhi. Ammesso che qualcuno a Roma abbia gli ttributi per firmare un ordine del genere.

Quanto importi alla classe politica italiana di Salvatore Girone e Massimiliano Latorre lo hanno dimostrato due anni di silenzi, figuracce e tradimenti ma lo dimostra chiaramente in questi giorni anche la caduta pilotata del governo Letta e la sua sostituzione a tavolino con il premierato di Matteo Renzi a poche ore dalla (prevista) decisione della Corte Suprema indiana circa l’incriminazione dei due fucilieri di Marina in base alla legge anti-pirateria e anti-terrorismo SUA Act. Se venisse approvato l’atto d’accusa le reazioni del premier e dei ministri e funzionari preposti a seguire il caso (Emma Bonino, Mario Mauro e Staffan De Mistura) risulterebbero ulteriormente indebolite dalla scadenza del loro incarico. 

A questo proposito gli elementi di riflessione vanno ben al di là della vicenda dei marò. Il governo Letta, nato dalle larghe intese raggiunte dopo le elezioni dell’anno scorso, smobilita per far entrare a Palazzo Chigi un premier che ha vinto solo le elezioni a sindaco della sua città e le primarie del suo partito e porta nei diversi ministeri i suoi fedelissimi. Il tutto deciso in stile sovietico dal “comitato centrale” del PD senza chiedere il permesso e il parere agli italiani ma con il via libera (a quanto sembra) di quasi tutti i partiti i cui eletti sembrano ben lieti di conservare la poltrona invece di rimetterla in gioco alle urne. 

Niente male per l’uomo che dovrebbe portare una ventata di rinnovamento nella politica. Di questo passo basterà venire eletti presidenti della bocciofila o rappresentanti di condominio per pretendere incarichi governativi. Fa sorridere (ma di amarezza) che pochi giorni or sono l’Italia si sia accodata alle dure critiche della UE al referendum svizzero sull’immigrazione, a conferma di come questa Europa e questa Italia  improntate con arroganza al dirigismo verticistico abbiano un concetto di democrazia sempre più vago e crescenti insofferenza e noncuranza per la volontà popolare.

Vergogna!!!

WHO'S REALLY SCARE ABOUT DARKO SARIC TALKS?

PM and SPS leader Ivica Dacic says he "cannot wait for Darko Saric to be arrested" so that all those who collaborated with him could also be "processed". "In that case, many others should be concerned, not me" he's reporters at the private Megatrend University, where he attended an event to mark 166 years since the publication of the Communist Manifesto.

Ivica Dacic statement came after his former cabinet chief, Branko Lazarevic, was questioned on suspicion that he had ties with the fugitive Darko Saric, on trial in absentia for masterminding cocaine trafficking from South America to Europe

"The real question is not why the case against Branko Lazarević was launched now - the real question is why this had not happen sooner, and who were the ones preventing it for years. This case should be deprived of any political angle. 

"I wish to say this in order to avoid unnecessary quarrels between the SNS and the SPS", Dacic said, appealed to all politicians, his colleagues in the party, coalition parties, including United Serbia (JS) leader Dragan Markovic Palma, not to bring in political elements to the whole case". 

Dragan Markovic Palma answered to him that:"nobody is untouchable in Serbia. Prime Minister Ivica Dacic, who is also minister of Internal Affairs and First Deputy Prime Minister Aleksandar Vucic, who is in charge of the fight against organized crime and corruption, have proven that nobody is protected (from prosecution) and that party affiliation of someone violating the law will not spare them".

Are we in front at the true big scandal in Serbia  or it is just pilotate desinformation

That's the question!! 

Sunday, February 16

SUNDAY'S LITTLE THOUGHT

The lack of debate about recent convictions for the atrocities committed by saudi-afghanistan-syrian-egyptian' terrorist in Bosnia and Kosovo , show that "balkans' war crimes" are still a "taboo subject", while all victims are forgotten.

UKRAINA: STRATEGIE CINESI IN CONTRASTO CON LA RUSSIA

Un serio scandalo si sta ingrandendo nel triangolo l'Unione Europea-Ucraina-Cina. L'ambasciatore della Cina in Ucraina Zhang Sizhung ha smentito pubblicamente la dichiarazione del ministro degli Esteri della Polonia Radosław Sikorski che Pechino chiede a Kiev di firmare il Trattato di associazione con l'UE.

E nel frattempo la stessa parte cinese sta attivizzando la penetrazione economico-finanziaria in Crimea. Il capo della diplomazia polacca, a quanto sembra, cercando di far passare il suo desiderio per la realtà, ha dato un potente impulso alle attuali discussioni riguardanti gli interessi della Cina in Ucraina. Radosław Sikorski ha dichiarato che Pechino ha posto come condizione per i suoi investimenti nell'economia ucraina la firma del Trattato di associazione con l'UE da parte di Kiev.

Conoscendo la politica estera cauta e multidirezionale della Cina, non c'era da meravigliarsi una veloce smentita. Zhang Sizhung, ambasciatore cinese a Kiev, ha dichiarato: "Ho dei dubbi circa la veridicità o correttezza del riferimento alle parole del signor Sikorski. Probabilmente questi dubbi riguardano la correttezza della traduzione".

C'è da prendere in considerazione che le divergenze tra la Cina e il ministro degli Esteri della Polonia rientrano nell'ambito generale di ambigui rapporti tra Pechino e Bruxelles. Alexei Maslov, responsabile della sezione do orientalistica dell'Università nazionale di ricerca "Scuola superiore dell'economia" ha proposto all'Unione Europea gli aiuti contro la crisi a condizione di soddisfare una delle tre richieste cinesi: aumentare il lo status della Repubblica Popolare Cinese all'interno del FMI, potenziare i suoi diritti nel sistema WTO oppure abolire l'embargo dell'UE sulle forniture in Cina degli armamenti europei. Allora la leadership dell'UE ha definito queste proposte "umilianti e pericolose". Alexei Maslov fa notare: l'intera politica cinese e la sua cultura tradizionale si basano sul calcolo preciso dei futuri passi da intraprendere dalla Cina. 

Qui non c'è beneficienza ma un calcolo abbastanza netto dell' "ingresso" della Cina in Europa. 

Di per sé una simile attivo "ingresso" era iniziato nel periodo della crisi degli anni 2008-2009. Attualmente la Cina ha la possibilità di impossessarsi del controllo su interi settori dell'industria europea.

Effettivamente sotto la copertura del chiarimento dei rapporti con i rappresentanti dell'UE, Pechino sta aumentando gli sforzi per il potenziamento delle proprie posizioni economico-finanziarie nelle regioni strategicamente importanti dell'Ucraina – innanzitutto in Crimea. 

Nel gennaio i mass media dell'Impero Celeste e anche il Dipartimento della politica in campo d'informazione del Consiglio dei Ministri della Repubblica Autonoma della Crimea hanno diffuso la notizia sulla firma a Pechino del Memorandum sulla realizzazione del progetto pilota d'integrazione nel campo del settore agro-industriale.

La Cina non nasconde i suoi intenti di espandere la cooperazione anche in altri settori, essendo interessata ad acquisire nuovi mercati e territori per organizzare la produzione. Lo capiscono molto bene le autorità della Crimea. Non a caso il Dipartimento della politica in campo d'informazione ha sottolineato che "la parte cinese ha accolto la richiesta del governo della Crimea di assumere esclusivamente la forza lavoro della Crimea e di conservare ai terreni utilizzati lo status dei terreni di proprietà statale dell'Ucraina".

In Crimea si sono affrettati ad attribuire a questo tema uno scenario geopolitico. Ali Hamzin, responsabile per le relazioni con l'estero del Majlis del popolo dei tartari della Crimea, ha ipotizzato che in seguito la parte orientale dell'Ucraina e, in particolare, la Crimea, "rimarrebbero per sempre nell'area degli interessi geopolitici russi o russo-cinesi". 

Igor Korotcenko, direttore editoriale della rivista Nazionalnaja oborona (Difesa nazionale) rileva quanto segue: Russia e Cina non sono nemmeno formalmente alleati militari. Nell'ambito dei rapporti di partenariato però vogliamo la pace e la stabilità ai nostro confini. Il fatto che la Russia e la Cina collaborano nel campo militare, conducono esercitazioni congiunte, consultazioni – tutto ciò esercita un'influenza positiva sulla dinamica generale delle relazioni.

INDIA: NON BASTA IL PREZZO PAGATO DALL'ITALIA

Dopo avere fatto fuori tre anni fa AGUSTA (elicotteri) azienda di FINMECCANICA cancellando una commessa di 780 milioni di euro; la "LOBBY" (francese?) e, presubilmente, con una zampetta dentro il "caso dei "due marò" italiani"  ora è di nuovo in fervente attività, questa volta si "manifesta attraverso una durissima critica" lanciata recentemente sulla stampa contro uno dei programmi più ambiziosi russo-indiani: "la creazione di un caccia della quinta generazione FGFA sulla base del progetto russo T-50 PAK FA".

Viaceslav Zirkaln, vice direttore del Servizio Federale per la cooperazione tecnico-militare della Russia, i lavori sul progetto continuano secondo le scadenze previste. Nello stesso tempo l'attacco mediatico rivela che nell'India ci sono abbastanza oppositori alla cooperazione con la Federazione Russa in questo campo.

La sostanza del problema è che la struttura dell'Aeronautica Militare dell'India che punta sull'impiego degli aerei fabbricati nella Federazione Russa e in Francia presuppone l'esistenza all'interno del comando dell'Aeronautica Militare di due lobby: "la filo-russo e la filo-francese"

Quest'ultimo dopo il recente successo (vincitore della gara d'appalto MMRCA è stato il caccia francese Rafale), sperimenta il deficit di risorse. Il costo Rafale che supera i limiti contrattuali validati e limitate possibilità economiche dell'India costringono a cercare mezzi aggiuntivi.

In queste condizioni il programma congiunto con la Russia, volto alla creazione di un caccia delle quinta generazione, diventa un bersaglio degli attacchi lobbisti. Principalmente nel mirino delle critiche è il costo dell'aereo il quale, evidentemente supererà cento milioni di dollari per un pezzo. 

Tuttavia l'imminente acquisto dei Rafale al costo che si avvicina ai 20 miliardi di euro per 126 velivoli costerà ancora di più. Nello stesso tempo non si può dimenticare la differenza tra generazioni – il prototipo di FGFA, il caccia T-50, ha compiuto il primo volo nel gennaio del 2010, ossia 23,5 anni dopo il primo Rafale.

Mentre si può trovare un sostituto a Rafale tra altri velivoli con caratteristiche tattico-tecniche simili, il progetto FGFA da questo punto di vista è l'unico nel suo genere: nessuno più è in grado di dare all'India un caccia pesante della quinta generazione.

Ciononostante la "lotta per il denaro" continua e, tenendo conto della situazione, è poco probabile che cessi presto. Secondo alcuni specialisti, è del tutto possibile la rinuncia dell'India a Rafale con l'annullamento dell'esito della gara d'appalto MMRCA e la successiva ridistribuzione dei mezzi a favore di altri programmi, compreso FGFA.

Caccia delle quinta generazione non è l'unico progetto congiunto dei costruttori degli aerei russi e indiani. Grandi speranze sono deposte nel progetto dell'aereo da trasporto multiruolo MTA che prende le sue origini dall'aereo IL-214.

L'accordo intergovernativo sulla congiunta progettazione e costruzione dell'aereo da trasporto multiruolo MTA è stato firmato dai governi della Russia e dell'India già nel 2007. Negli anni successivi i futuri partner hanno concordato che alla parte russa e alla parte indiana apparterranno a ciascuna il 50% delle azioni dell'azienda il cui quartier generale sarà aperto a New Dehli

La costruzione dell'aereo sarà effettuata sia in Russia sia in India. Il piano industriale prevede la fabbricazione di 205 velivoli, il 3 % dei quali può essere destinato per l'esportazione nei paesi terzi.

Se tutto si svolge secondo il piano, il primo volo dell'aereo da trasporto multiruolo MTA avverrà nel 2016-2018. Secondo quanto affermato da Viktor Livanov, costruttore generale della società Ilyushin S.p.a., il ministero della Difesa della Russia intende ordinare 100 aerei di questo tipo, mentre India - di ordinare 45

Ciò permetterà di raggiungere il pareggio dei costi di fabbricazione. Secondo le stime, il totale potenziale del mercato globale degli aerei da trasporto multiruolo MTA è di 390 pezzi, compresa l'aviazione civile da trasporto.

Per ora non è stata fissata la data precisa del primo volo, ma ciò avverrà, molto probabilmente, nel 2017. Il nuovo aereo dovrà riempire la nicchia dei velivoli da trasporto con la capacità di carico di 12-20 tonnellate, rimasta scoperta nell'Aeronautica Militare della Russia dopo la dismissione degli aerei AN-12.

La realizzazione del progetto MTA si scontra con un grande numero di problemi e, tuttavia, il successo del velivolo è d'importanza critica sia per l'Aeronautica Militare della Russia sia per l'Aeronautica Militare dell'India. 

Tutt'e due i paesi dispongono di una grande quantità dei siti che richiedono il rifornimento per via aerea. Nello stesso tempo l'impiego degli aerei IL-76 non è sempre possibile o conveniente.

La realizzazione dei progetti FGFA e МТА permetterà all'Aeronautica Militare dell'India di ottenere moderna industria aeronautica. Questi progetti permettono alla Russia, grazie all'impiego delle risorse finanziarie dei partner, di avanzare sempre di più nella progettazione, alzando il livello tecnologico e la competenza dei progettisti. 

Saturday, February 15

IL SILENZIO, IN LIBIA, SI PAGA IN MILIONI DI DOLLARI AL MESE

L’ambasciatrice americana a Tripoli, Deborah Safira, a mezzogiorno aveva twittato: “Tutte le informazioni disponibili suggeriscono che la dichiarazione del colonnello Haftar non ha sostanza”. Un video, senza però il putsch. Senza feriti o morti."

A Tripoli il mandato del Congresso nazionale formato nel 2012 è scaduto il 7 febbraio ed è stato prolungato per permettere la formazione di uno speciale comitato che dovrebbe redigere la bozza della Costituzione. Fuori dal Congresso alcune fazioni sono favorevoli all’estensione del mandato, altre vogliono subito elezioni. 

Dentro, l’assemblea (assai invisa ai libici) è spaccata da una rivalità tra i nazionalisti e gli islamisti (legati ai Fratelli musulmani) così dura da far sembrare come un rumore di fondo il timido tentativo di colpo di stato da parte di un generale che credeva di parlare a nome di tutto l’Esercito.

Ieri dopo pranzo il primo ministro libico, Ali Zeidan, ha dismesso ogni voce su un golpe militare a Tripoli. “Il governo è sicuro, la sicurezza è sotto controllo, il Congresso Nazionale sta continuando i suoi lavori e l’esercito è nelle sue caserme. Nessun reparto militare si è mosso contro le istituzioni”. Per le strade della capitale era tutto tranquillo. 

In mattinata un generale libico, Khalifa Haftar, aveva fatto circolare un suo messaggio video in uniforme in cui chiedeva alle Forze armate di “salvare” il paese e dichiarava la sospensione del Parlamento e del governo. 

Il proposito di combattere contro le milizie ribelli che a più di due anni dalla morte di Gheddafi non si sono ancora rassegnate al dopoguerra, non si fanno domare e rendono la Libia uno stato spezzettato in tante signorie guardate da jeep con mitragliatrici è l’unico punto che consegna a Haftar tanti consensi fra i libici, stanchi dell’instabilità. 

Ieri Khalifa Haftar ha fatto una figura da generale da commedia, ma è ovvio che il Paese è in cerca di un uomo forte e lui si vede in quel ruolo. Tanto che il 22 gennaio scorso il capo di stato maggiore, Abdulsalam Al Obaidi, il capo dell’Esercito, Mansour Abu Hajar e il Capo della Marina, Hassan Bushnak, si sono incontrati per capire come bloccare il ritorno al potere di Haftar.

Il generale sfrutta la pessima prova offerta a gennaio dalle truppe libiche nei combattimenti giù nel profondo sud, nella regione del Fezzan, come esempio chiaro che c’è bisogno di un leader mandato dalla provvidenza.  A fine gennaio è andato a Misurata, città forte delle milizie, per fare campagna a suo favore. In questo momento i vertici militari si sentono molto esposti. Il putsch però è nato solo in video.

La cilecca di Haftar non rende migliore una situazione estremamente fragile. A ottobre il primo minsitro Ali Zeidan ha subìto un sequestro temporaneo, nell’est del paese un signore della guerra vuole separarsi e vendere petrolio in autonomia, nel sud, nella regione del Fezzan, ci sono stati pesanti combattimenti – e ci sono ancora. Il nemico dell’esercito libico laggiù è un non meglio specificato agglomerato di armati che ruota attorno alla tribù dei Tubu e comprende lealisti gheddafiani della vecchia guardia. 

Sono così abili nei combattimenti che un generale francese si è chiesto se per caso non sarà necessario di nuovo un intervento di Parigi – riflessione finita sulle agenzie e smentita, come possibilità, dal governo francese il 29 gennaio. I soldati libici sono ancora lo spettro di un vero Esercito – una parte è attualmente addestrata in Italia, ma ci vorrà tempo (se tutto va bene).

Haftar da tempo pencola sull’orlo dell’iniziativa personale. Nel 1983 era il comandante delle truppe di terra libiche quando Muammar Gheddafi ordinò l’invasione del confinante Ciad, poi disertò e andò a vivere in America (Virginia), per tornare in Libia quando scoppiò la rivoluzione contro Gheddafi nel 2011 a cercare un ruolo di primo piano. 

Nel luglio dell’anno scorso il generale della "rivoluzione contro Gheddafi" (secondo lui) ha fatto circolare un piano in dieci punti per tirare fuori il Paese dallo stallo politico (il messaggio di ieri però descriveva una road map in cinque punti). 

Due punti importanti: uno è il congelamento del Congresso nazionale e l’instaurazione di un governo provvisorio, pronto a dichiarare lo stato d’emergenza per – è l’altro punto – combattere contro le milizie e sbarazzarsi finalmente di loro. Tutte. Definitivamente. 

Friday, February 14

WORLD BANK AND SERBIAN LOAN (STRAUSS-KHAN)

As for the USD 250 million loan for the Serbian budget, the World Bank is waiting for the government to take the agreed actions in relation to the restructuring of public companies and that loan will have to wait for the government to implement the promised measures. This is according to WB Country Manager for Serbia Tony Verheijen.

This financial institution will only start to negotiate with Serbia about a USD 250 million loan for the Serbian budget, which Serbia will be able to get after it introduces the required legislative framework- new laws on privatization and bankruptcy proceedings, and begins the restructuring of 153 state-owned and socially-owned companies, Verheijen told reporters. 

The granting of the loan does not depend on the elections in Serbia, but on whether the government will meet its obligations, he said. Serbia will hold early parliamentary elections on March 16. The documentation for the loans amounting to USD 200 million and USD 40 million has been submitted, and the WB Board will decide on that on February 25. 

SYRIAN WEAPONS DEALERS

In an effort to conceal his true identity, the man has asked to be referred to as Abo al-Jamajem. For the past two years the 40-year-old has been involved with selling illegal arms in Syria, better known as being a bloody battlefield with endless fighting and constant commotion.

Al-Jamajem starts off by revealing that he can only rely on three individuals to help him sell and distribute the loads of illegal arms across different hot spots in the war-torn nation. Him, along with his small team of associates only do business in the liberated zones of Syria and will only allow his arms to be sold off to rebels warriors.

When asked about how often women and children purchase weapons from him he said, "They do not buy because all of my customers are only men and I do not sell to women and children at all". According to his experience in the game, he rarely comes across foreigners and only sells off his supply to Syrians.

Though, just because he sets tight restrictions on who gets a shot at purchasing his stock of weapons, business has been booming. For one of his largest sales to date, one unnamed client bought 3,000 shotguns for a grand total of $100,000. For the most part, the dealer tries to understand for what specific purpose a potential customer may need a weapon. "There are exceptional people who I cannot ask because they buy big amounts," al-Jamajem revealed in an interview for the Voice of Russia.

His supply countries remain a mystery as al-Jamajem would not delve into the specifics but did comment that some parts for sale are from spoils, in other words guns and arms lying around from slaughtered militants. Insurgents, hungry for weapons can buy Star 7 guns, rifles, snipers, and shotguns from the illegal arms dealer. The most popular models are doshkas and PKSA guns.

As extreme as the man’s job seems, there is a reason why he gets up every morning to sell off weapons that will be used to murder the innocent, guilty, along with unknown civilians that stand in the way of non-stop tirades which seep through select regions in the divided nation.

Al-Jamajem claims that his two sons were killed by militants who were thought to have been affiliated with the regime—these family deaths sparked the then civilian to lash back and retaliate, abiding by his own set of rules as an arms dealer. "I wanted to supply the rebels with weapons in order to get revenge for my sons and in order to be a rich man at the same time," al-Jamajem confessed.

However, after the weapons leave the hands of the illegal arms dealer, there is no telling who those bullets will kill in the line of fire. Rebels are the only type of people allowed to purchase from him. Still, there has been speculation that unnamed rebels have been reselling their illegally bought weapons to extremist groups, such as the Daesh clan.

The Daesh group has been reportedly killing Syrians in a cruel manner and is thought to be unstoppable. It seems safe to say that in a country filled with dangerous weapons, collateral damage is a given, but the amount of destruction may only get worse with the tons of weapons being tossed around for unknown rebels to do as they please.

Like any sensible person the arms dealer longs for the day the war will finally come to an end. "I gained too much money and do not forget that my income is still increasing and you have to put into your mind too that the war is still going on, in the long run, for sure that makes me get richer more and more," al-Jamajem explained and then added, "If it ended it would be a big miracle and I hope so as soon as possible."

As long as the war drags on, illegal arms dealers in Syria will continue to keep their gun stock available for customers to buy. It remains unclear how many patrons illegally sell weapons on either a large or small scale, but the fact that civilians continue to bleed to death from gunshot wounds in rebel regions may be proof enough that arms are in circulation. While one man’s profits are another man’s plunge to death—it is just another priceless transaction made during the dark days in war-ridden Syria.

Saturday, February 8

SERBIA PROMOVE D.E.A., F.B.I. AND U.S. FEDERAL AGENCIES

Ivica Dacic, Serbia's outgoing prime minister, said that the talks he had in the previous three days with U.S. Officials in Washington have confirmed the high level of the two Countries' relations. “The talks I had with Officials of the Department of State, congressmen, senators and representatives of the Armed Forces indicate a high level of our relations with the U.S., and this can make us happy and prove useful in the forthcoming period".

He underlined that the officials he met with in Washington have confirmed that for the U.S. it is important that Serbia is a factor of "peace and stability in the Balkans". Dacic conferred with Undersecretary of State Nicholas Burns and Drug Enforcement Agency (DEA) Deputy Administrator Thomas Harrigan.

Burns underlined that in the previous year Serbia achieved major results despite great challenges and once again he congratulated the country on entering the EU accession negotiations. Burns commended the great results Serbia achieved in the dialogue with Pristina, and expressed belief that the snap parliamentary elections will not hinder the dialogue and also the membership talks between Serbia and the EU.

Dacic said that he informed Burns about the political situation in Serbia, and underlined that the forthcoming elections will surely not affect the state affairs. “This is confirmed by the meetings I am having here, although in Serbia the election campaign is under way. We believe that the State obligations we assumed are a priority, and as a result we will continue the dialogue with Pristina as early as on February 12".

He stated that it is very important for Serbia to have good relations with the U.S., adding that the level of the two countries' political dialogue is constantly promoted and the relations are good in the areas of economy, defence and security. Dacic conferred with Drug Enforcement Agency (DEA) Deputy Administrator Thomas Harrigan on continuation of cooperation in the field operations that are under way, and also in other forms of cooperation, such as training of people from Serbia.

Many of our people have finished the FBI and DEA academies in the U.S., and they are of great help to Serbia's police. We want to have the best possible cooperation with these Security Agencies, bearing in mind that they are present worldwide, not only in the U.S.".

He added that the fight against terrorism and drug trafficking is every country's priority, Serbia included, nd therefore Serbia finds the assistance of the U.S. Security Services in the region greatly important.

Dacic said that the talks also tabled the possibility for Belgrade to organize a regional conference on the fight against terrorism and drug trafficking with participation of officials of FBI and DEA.

KOSOVO GOVERNO FANTOCCIO DEGLI U.S.A. E DELLA NATO

Per molti Kosovo vuol dire Camp Bondstell. Un mito scaturito da questa enorme base americana in grado di ospitare ben 7000 soldati. Più che una logica conseguenza dell’intervento militare in Kosovo, Camp Bondsteel per alcuni sarebbe stata una delle motivazioni più indecifrabili.

Lo scorso 5 febbraio a Pristina c’è stato un incontro tra i Comandanti della NATO e il ministro degli Interni kosovaro Rexhepi. Si è discusso soprattutto della Sicurezza del Paese.

La simpatia di Rexhepi per l’Italia è arcinota visto che quando era primo ministro insisteva continuamente per avere una scorta di Carabinieri italiani e non di poliziotti kosovari. Nel suo primo viaggio in Italia, nel febbraio 2004, la prima tappa a Roma fu il Comando Generale dell’Arma.

Il Kosovo come tutti gli altri ex Paesi della Jugoslavia da anni si è avviato verso quella che gli esperti chiamano balcanizzazione dei Balcani. Purtroppo l’economia di uno Stato non si regge con il raggiungimento dell’autonomia o con una propria bandiera. E così 15 anni di missione italiana in Kosovo sono serviti a mettere in luce importanti opere di cooperazione civile-militare dei nostri soldati, ma anche le grosse pecche a livello europeo ed internazionale.

Innanzitutto la missione UNMICK (United Nations Interim Administation Mission in Kosovo) ha posto l’accento su quello che si può definire nella storia come primo esempio di monarchia assoluta delle Nazioni Unite. Era il 1999 quando vennero emanate le UNMICK Regulations che di fatto affidavano i poteri legislativo, esecutivo e giudiziario ad un rappresentante delle Nazioni Unite riducendo l’autonomia amministrativa e politica dei kosovari a zero.

Quando i nostri finanzieri iniziarono seriamente a indagare sulla corruzione, tutti i media kosovari tifavano apertamente per i nostri. Tant’è che l’UNMICK fece di tutto per fermare le indagini della Guardia di Finanza italiana, perché rischiavano di aprire il Vaso di Pandora della spirale di corruzione fra internazionali e locali.

Proprio la corruzione di molti politici, la criminalità organizzata e le protezioni di cui godono molti malviventi favoriscono la destabilizzazione del paese kosovaro. Molti di questi criminali si incontrano con i vertici mondiali, capi delle organizzazioni internazionali ecc. Vanno a sciare in Austria o in Svizzera, si fanno accettare nei circoli inglesi e frequentano banche tedesche visto che proprio molti kosovari sono residenti in Germania.

Dall’Europa orientale la mafia russa utilizzava e utilizza i Balcani compreso il Kosovo per effettuare i traffici internazionali di contrabbando, droga e prostituzione ma soprattutto armi tanto da trasformare lo stato kosovaro in uno stato criminale o stato-mafia.

Lo stesso ex primo ministro serbo Kostunica definì il Kosovo uno stato fantoccio amministrato dalla Nato e funzionale agli interessi militari degli Stati Uniti. 

È tra Pristina (Kosovo), Tirana (Albania) e Podgorica (Montenegro) che avviene lo smistamento dell’eroina che poi attraversa il nostro Adriatico per raggiungere i mercati europei occidentali. Alcuni di questi movimenti sono stati intercettati dai nostri Carabinieri dell’MSU (Multinational Specialized Unit).

Wednesday, February 5

SERBIAN PREMIER TRAVELS TO U.S.A.

Serbian Prime Minister Ivica Dacic will be staying in the U.S. for a few days on an official visit during which he will take part in the session of the fEB.10, 2014 at U.N. "Security Council on Kosovo-Metohija, confer with high U.S. officials and attend the National Prayer Breakfast.

Ivica Dacic will meet with FBI Director James Comey and he will confer with U.S. State Department Deputy Secretary William Burns and Chief of Operations for the United States Drug Enforcement Administration Thomas Harrigan.

After that during his stay in Washington, Dacic will meet with congressmen Robert Aderholt and Ted Poe, the Serbian government Office for Cooperation with the Media released.

On Thursday, Dacic will attend the National Prayer Breakfast in Washington which traditionally gathers the U.S. president, members of the Congress, U.S. politicians and guests from around one hundred countries worldwide for a joint prayer on the first Thursday in February of each year.

May be that also Milo Djukanovic, Montenegro Premier, should visit U.S.A. having in Sen. John McCaine his sponsor and his travel' organizator.