Sunday, April 27

NATO SECURITY INVESTMENT PROGRAM (NSIP)

FY2015 BUDGET  North Atlantic Treaty Organization  Security Investment Program  March 2014 Justification Data Submitted to Congress 

Friday, April 25

COULD EUROPE REPLACE RUSSIAN GAS ?

A ban on Russian gas imports to the EU would cause substantial disruption to Europe's economy and industry, Fitch Ratings says. In the immediate aftermath, the region would suffer from gas shortages and high prices due to its limited ability to reduce demand, source alternative supplies and transport gas to the most affected countries. A surge in gas prices after a ban would probably also have knock-on effects on electricity, coal and oil prices. Industry would bear the brunt of supply shortages as household demand would be given priority.

A lengthy ban on Russian gas is a low-probability, but high-impact scenario. Russia supplies around 27% of Europe's gas and, given the high cost a ban would impose on all sides, we believe it would take a severe deterioration in the Ukraine crisis for it to happen. A temporary disruption just affecting gas supplies via Ukraine is a more likely scenario, for which Europe is better prepared due to high reserves and the recent opening of a new pipeline from Russia to Germany.

In the event of a lengthy ban imposed by either Europe or Russia, gas-intensive sectors such as steel and chemicals would be most affected. This would accelerate the closure or mothballing of capacity that is suffering from low profitability due to competition from low-cost energy jurisdictions such as the US or Middle East. In particular, issuers without geographic and product diversification would be most at risk of adverse rating action.

In 2013 Russia supplied 145bcm of gas to Europe, which would have great difficulty in sourcing alternative supplies. Increased European gas production and North African piped gas could offset a small proportion of this. Tapping into the global LNG market would yield limited volumes as Europe's Russian gas demand equates to nearly half of the world's LNG production, which is already mostly tied to long-term supply contracts. Hence, gas and other energy prices could surge.

In theory, Europe has plenty of unused LNG regasification capacity, which could help replace some Russian supplies. But the majority of plants are located in Southern Europe and the UK, far away from the Central and Eastern European countries that are most reliant on Russian gas. The European gas networks suffer from bottlenecks, which limit the ability to transport gas across borders.

Demand reduction initiatives would only be of limited benefit. Japan was able to reduce power demand by 4.7% following the Fukushima disaster, but this was partly weather-related and achieving that level of reduction across 28 countries with their own agendas and exposures would be far harder.

For more details on the impact that a ban on Russian gas would have on Europe, please see the report "Living Without Russian Gas - Replacing Russian Gas in the Short-term" published today and available from www. fitchratings.com. The report is the first in a series that will examine the potential impact on European utilities and how Europe could reduce its energy reliance on Russia in the longer term.

Alternative just for future South Stream Clients

FINALMENTE CE NE SIAMO LIBERATI. PARLO DI DE MISTURA.

Con l'invio della "ultima nota verbale" a nuova Delhi, il 18 aprile scorso, "è stato avviato un percorso di procedura internazionale" sul caso dei due marò italiani trattenuti in India da oltre due anni. È quanto ha detto oggi la ministra degli Esteri Federica Mogherini, davanti alle commissioni riunite Esteri e Difesa di Camera e Senato.

"Si apre una fase nuova, che esaurisce quella avviata dall'inviato del governo Staffan de Mistura", ha sottolineato la titolare della Farnesina, che ha tenuto a ringraziare il diplomatico italiano per "l'instancabile impegno" profuso per una soluzione del caso di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. 

"Da oggi comincia una fase nuova, che ha bisogno di nuove figure di riferimento, a partire da un collegio di esperti che agirà sotto la guida di un coordinatore", ha commentato Federica Mogherini, che ha annunciato il ritorno a Delhi dell'ambasciatore Daniele Mancini.

"Per seguire la nuova fase e quella avviata dalla nota verbale abbiamo valutato la necessità di far rientrare a Delhi l'ambasciatore Mancini, che era stato richiamato dal precedente governo; abbiamo tenuto informate le famiglie, i due fucilieri, in stretto coordinamento con tutti gli attori internazionali", ha concluso la ministra.

Nell'ultima nota inviata il governo italiano chiede dunque "l'avvio di un 'exchange of views' (uno scambio di vedute) sulla disputa e il ritorno dei marò in Italia

Nel caso in cui non si raggiungesse in tempi ragionevoli, per questa via, una soluzione accettabile, si ricorrerà a strumenti internazionali di risoluzione delle dispute in base alle norme internazionali", ha aggiunto Mogherini aprendo quindi la strada all'arbitrato internazionale. 

UKRAINE's END FOR HER DIRTY AND RIGGED GAME.


RUSSIA: WHY DOES NOT FOLLOW RIGHT FEDERAL REFORM?

Russia's government is not planning to fire bureaucrats, reports the deputy head of the government, Vladislav Surkov. In an interview to the Vedomosti newspaper he admitted that the number of government official would grow even more. "One can make any number of revolutionary and evolutionary changes, but the number of officials will still grow," Surkov said.

Surkov's frankness is truly surprising taking into consideration that two years ago Surkov's boss, then-president Dmitry Medvedev, demanded the number of officials be reduced by 20%.

One can only guess what was the reason for Surkov's confession, especially now, when the Prime Minister Dmitry Medvedev does not have practical influence in the state. But what is more interesting is that Vladislav Surkov spoke out about a problem which is one of the most important problems in Russia.

First of all, he is absolutely right about the general assessment of the number of government officials in Russia. It grew even after the first president Boris Yeltsin demanded it be reduced in 1997, when Putin demanded the number of bureaucrats be reduced by 10% in 2000, and even after he adopted a reform which required a reduction of government staff. It is unclear how this could be done now.

Researchers, by the way, note that the using a quantitative measurement of the bureaucracy in Russia, we are not the most numerous. We are slightly ahead of China, but we are behind the U.S. and France.

It's worth mentioning though that the quick growth of government officials after the collapse of the Soviet Communist party was explained by the need to take over managing functions, which had been done by administrative structures.

But Surkov spoke not about the number of officials. He spoke more about the quality of Russia's bureaucracy. He called the critics of bureaucracy " blabbers" who are trying to turn it into "a hated caste." He called government officials "very intelligent," but after thinking a while he added that sometimes he is haunted by the "elementary illiterateness" of Russian officials.

Getting into the caste of officials has become a dream for many Russians. According to numerous polls by the VTSIOM polling agency one fifth of Russians dream of civil service. At the same time, the common Russian does not always think positively of government officials.

It is evident that it is hard for a government official to win sympathy of the common people, because they mostly do not trust them. If so, then the people should be informed that bureaucrats are made of another crop, and that they have been carefully chosen. Well, that is one way to announce one's rights.

ESTABLISHMENT U.N. TRIBUNAL FOR KOSOVO' GENOCIDE

Balkan Insight “This is important and good news for Serbs in Kosovo and Metohija, but also for all Serbs. With this we will show that Serbian people were not guilty of everything that happened in Kosovo and Metohija,” the head of the Serbian government’s office for Kosovo, Aleksandar Vulin, said on Thursday.

The decision to establish the special court to prosecute alleged war crimes including suspected organ-trafficking committed by Kosovo Liberation Army guerrillas during and after the 1998-99 conflict is being seen in Serbia as a result of strong pressure on the Pristina authorities by the international community.

Vulin said there was no will in Kosovo to deal with alleged war crimes by former KLA fighters, which was one of the main reasons why the EU and US have pushed for the new tribunal.

He said that the landmark agreement to normalise relations between Belgrade and Pristina, signed in Brussels last year, was also a key factor.

“If there were no Brussels agreement, this decision would not have been made,” Vulin said.

The proposal to establish the new tribunal was approved by the Kosovo parliament on Wednesday, although Kosovo Prime Minister Hashim Thaci called it “the biggest injustice and insult which could be done to Kosovo and its people”.

But Thaci also said that Kosovo needed the new court in order to “cleanse” itself of allegations made in a 2010 report by Council of Europe rapporteur Dick Marty which claimed that former KLA commanders including Thaci ran organised criminal enterprises including an ad-hoc network of detention facilities in Albania and suggested that guerrillas harvested prisoners’ organs.

Serbian deputy prosecutor Bruno Vekaric also welcomed the decision to establish the new court.

“I expect that by establishing this tribunal, the victims will now get answers about all that happened from 1998 until 2000,” Vekaric told Belgrade-based news agency Tanjug.

International campaign group Human Rights Watch praised the Kosovo parliament’s decision as a step towards justice.

“This shows Kosovo’s commitment to the rule of law and justice for past crimes. After the forthcoming elections, the next parliament should promptly approve the court’s statute and pass the necessary statutory and constitutional amendments to make the court operational,” Human Rights Watch’s EU director Lotte Leicht said in a statement.

SERBIAN PRESIDENT CONFIRM OWN VALUE ON POLICY

Serbia will meet all the conditions for EU accession, Serbian President Tomislav Nikolic stated  in the talks with Didier Burkhalter, president of the Swiss Confederation and the head of the Country's Federal Department of Foreign Affairs.

”We consider it exceptionally important for the Country to be regulated in a way that is envisaged by the European legislature,” Nikolic said.

The Serbian president said that Belgrade has won support everywhere for the talks with Pristina, and expressed the expectation that the Country will obtain full EU membership in much easier way than many people expected.

”Serbia is committed to cooperation in the Region. Problems do arise sporadically but they can cause no harm to the important ties between Countries”.

The Swiss president noted that regional cooperation and reconciliation in the region are very important.

He said that he has come to bring the message that the cooperation between the two Countries is a genuine treasure, especially in the course of the previous two years, and added that security needs to be improved and reforms have to go on. 

After the progress Serbia has made in all segments, more investments will certainly arrive from Switzerland, he said.

Nikolic said that it will be a great honour for Serbia to hold the OSCE chair in 2015. “We are currently following your moves because we share the same goals,” Nikolic told Burkhalter whose Country chairs OSCE this year.

The biggest challenge the new Serbian government will have to tackle is embodied in the ways to avoid pension cuts, Nikolic said.

Reflecting on the difficult economic situation in Serbia, Nikolic said that every year, the budget is some ten percent short of the funds necessary for a positive budget balance, the president's press service stated in its release.

Nikolic noted that Serbia's stand on the situation in Ukraine is a well-known fact and added that the Country does not want to find itself in the position where it would be compelled to take sides, but it will certainly try to provide assistance in the search for a peaceful solution.

Thursday, April 24

MONTENEGRO HOPES IN I.M.F. TO SAVING FROM CRISIS

RUSSIA FEELS BETRAYED BY MONTENEGRO POLITICIANS

The abolition of Visa-free regime between "Russia and Montenegro" could significantly affect the volume of tourism and the change of conditions for imports of wine (Vranac) from Montenegro to Russia would also significant consequences for Montenegrin economy given that 90% of exports go to Russia.

For years, Montenegro has been labeled the “Russian VIP resort”, as the preferred destination of Russian oligarchs. According to some surveys, more than 40 per cent of real estate in Montenegro belongs to Russian politicians and billionaires. 

During his official visit to Washington in April, Montenegro's Prime Minister, Milo Djukanovic, also angered Moscow by calling for a "bold start" to be made to the further expansion of the Euro-Atlantic zone to the East (NATO).

A few days latter, Russia's Foreign Ministry expressed “deep disappointment” about what it called Milo Djukanovic's "hostile statements at the expense of Russia".

On occasion of Montenegro’s decision to join the sanctions against Russia, media report that Moscow is considering a response, bearing in mind that a significant portion of the Montenegro GDP consists of Russian investment and consumption of Russian tourists who make up a third of all foreign visitors.


The answer could include, it said the abolition of Visa-Free travel regime and trade facilitation. Despite centuries of friendship with the russian people the leadership, Milo Djukanovic, joined the U.S. and E.U. sanctions against Moscow, Vladimir Putin, emphasizing mebership in the North-Atlantic military alliance.

Russian are secretly squeezed out from all aspect of life in Montenegro, although in recent years the Russians have invested in it about two billions Euros and thus helped it become desiderable for investors.

Russian company wich invested ten millions euros in the modernization of the Niksic ironworks was forced immediately leave Montenegro, while the government sold the company to the U.K based customer. 

Last summer the Montenegrin authorities confiscated and then announced the sale of the K.A.P. owned by Oleg Deripaska, as it was pointed out in the next.

Police of State does not investigate rising number of cases of looting of Russian owned houses while the Russian have become victims of a massive fraud in the real estate business. 

"Montenegrin politicians groups" have really "short memory" said Russian Ambassador to Podgorica Andrej Nesterenko stating that in 2005 Podgorica officials literaly begged the Russians to support investments in Montenegro saying that "RUSSIANS ARE OUR BROTHERS".


What is going on after that, nobody cannot imagine.

LATORRE E GIRONE DEVONO TORNARE: "SUBITO"!

Con l'apertura della fase  internazionale sul caso dei marò si conclude inoltre l'impegno  dell'inviato del  governo Staffan De Mistura (grazie a Dio!), "mentre abbiamo deciso di far rientrare a Delhi l'ambasciatore Daniele Mancini".

Per la soluzione del caso dei due marò "si apre la procedura internazionale": lo ha annunciato il ministro degli Esteri, Federica Mogherini, nel corso di un'audizione alle commissioni Difesa ed Esteri congiunte di Camera e Senato a palazzo Madama.

 "Siamo usciti dalla fase negoziale e siamo passati in una fase in cui si avvia uno scambio di punti di vista" tra le autorità italiane e indiane, attraverso l'istituzione di una commissione di esperti con carattere giuridico", ha spiegato Mogherini. "Nel caso non si arrivi a una soluzione concordata, si procederà al vaglio degli strumenti preposti alla risoluzione delle controversie internazionali". 

Il governo italiano ha inviato a New Delhi "la richiesta di avvio di questa fase nuova, si tratta di uno scambio di punti di vista ed è il primo passaggio verso tutte le strade del diritto internazionale", ha sottolineato la titolare della Farnesina.

Il governo italiano ha quindi intrapreso la via dell'arbitrato internazionale  per la  risoluzione del caso marò secondo quanto ribadito anche dal ministro della Difesa, Roberta Pinotti: "Non è rimasta altra via che l'arbitrato  internazionale", ha sottolineato il ministro. 

Si tratta di una "precisa strategia condivisa con il parlamento che poggia sul'internazionalizzazione della vicenda", ha spiegato Pinotti. "Trattenere due militari per oltre due anni è inaccettabile per noi, così come per i nostri partner internazionali e abbiamo ottenuto il loro sostegno" per la soluzione della vicenda.

Il ministro ha ribadito da parte italiana il rifiuto della giurisdizione indiana: "A oltre due anni  dall'incidente, a fronte di un atteggiamento indiano dilatorio ed evasivo, manca ancora un atto di accusa", ha ricordato il ministro, secondo il quale i due marò erano tutelati dalla "immunità funzionale". 

"Si tratta di militari che stavano svolgendo il loro compito in missione, il giudizio in India non è una strada percorribile. Per i militari in missione esistono norme che riguardano il giudizio, in caso di errori o manchevolezze", ha aggiunto Pinotti. "Tutte le volte che approviamo missioni internazionali decidiamo le norme sulla giustizia militare e le normative giurisdizionali".

Tuesday, April 22

INTELLIGENCE RUSSA CONTRO INTELLIGENCE E.U. & U.S.A.

Da due settimane “uomini in verde” bene armati e addestrati guidano le rivolte cittadine nel sud-est ucraino a favore della Russia che per adesso si consumano senza scoppiare del tutto – per mancanza di una chiara maggioranza e di un sostegno popolare decisivi. Il New York Times scrive che l’Amministrazione Obama conferma ora la tesi sostenuta con forza dal nuovo governo di Kiev: gli “uomini in verde” appartengono alle Forze armate e all’intelligence di Mosca. 

Alcuni sono stati identificati grazie a foto scattate in altri contesti, mentre prestavano inequivocabilmente servizio come militari russi. Uno di loro ha partecipato con un gruppo delle Forze Speciali all’intervento in Georgia, nel 2008, e questo mese è comparso a Kramatorsk e a Slovyansk, nell’est dell’Ucraina. Giovedì scorso il presidente russo, Vladimir Putin, ha definito “nonsense” le accuse di Kiev sul ruolo del Cremlino nelle proteste e nelle occupazioni, nel corso delle seguitissime quattro ore di domande e risposte pubbliche che concede ogni anno. 

In quella stessa occasione, però, Putin ha ammesso che gli “uomini in verde” che a febbraio hanno occupato la Crimea e hanno facilitato il referendum-lampo con cui la penisola si è consegnata alla Russia erano soldati mandati dal governo russo, come sostenuto da tempo dai governi occidentali. Così, questa è la linea ufficiale di Mosca allo stato presente: in Crimea due mesi fa c’erano militari russi, oggi nelle città dell’est ucraino no. 

Il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, ha smentito il ruolo di Mosca nell’Ucraina orientale con più dichiarazioni, ma il patto provvisorio firmato a Ginevra giovedì scorso assegna alla Russia il ruolo di garante della fine delle occupazioni – in qualche modo riconoscendo a Mosca se non la guida diretta delle rivolte, almeno una capacità di controllo.

Il ministro degli Esteri del governo di transizione ucraino, Andriy Deshchytsya, dice che gli uomini che hanno occupato gli edifici governativi sono armati con un fucile d’assalto – il Kalashnikov AK-100 – che è in dotazione alle forze speciali russe e che non c’è negli arsenali del Servizio di Sicurezza ucraino che gli aggressori dicono di avere saccheggiato. Il 15 aprile il capo del Consiglio nazionale per la Difesa e la Sicurezza, Andriy Parubiy, ha annunciato l’arresto di agenti dell’Intelligence militare russa (GRU), mandati nell’est del paese a sobillare le rivolte. 

Secondo un pezzo del KyivPost, un giornale in lingua inglese della capitale, il capo degli agenti russi è Igor Strelkov, ufficiale del GRU, leader del gruppo paramilitare che l’11 e il 12 aprile ha occupato la cittadina di Slovyansk e ha tentato di reclutare soldati e civili ucraini. In quei giorni ha anche ordinato di sparare a una macchina con a bordo militari ucraini. 

Strelkov è arrivato in Crimea all’inizio di marzo, avrebbe coordinato la presa delle basi militari e degli edifici dell’amministrazione pubblica locale e ha svolto con  discrezione il ruolo di Consigliere per la Sicurezza di Sergei Aksyonov, il Primo Ministro crimeano che ha gestito il passaggio alla Russia. 

Strelkov sarebbe stato incastrato da una telefonata fatta il 14 aprile ai suoi superiori in Russia. Ogni notizia in arrivo dall’Ucraina è da vagliare con sospetto. Sulla scena di una sparatoria avvenuta nel fine settimana a un posto di blocco di rivoltosi filo-Putin è stato trovato il biglietto da visita di uno dei leader degli ultra-nazionalisti ucraini di Settore destro, Dmitri Yarosh – ha detto una televisione russa. 

In questo caso il tentativo di disinformatia è risultato così sfacciato da essere controproducente per i Servizi ucraini.

CRNA GORA: KARADJORGEVIC TODAY - SERBIA TOMORROW.

Balkan Insight: Djordje Djurisic, the legal representative of the Karadjordjevic family in Montenegro, said that the descendants of the former Yugoslav royals were taking court action after a deadline passed for the government’s restitution commission to respond to their plea for their property to be returned.

Djurisic said that the request for restitution was originally filed in April 2005 but no action was taken by the authorities and that the case was now pending at Montenegro’s administrative court. “[The authorities] are waiting for something, but we do not know what it is,” Djurisic told the CDM news portal. The Karadjordjevic family’s property was seized after WWII when the Communists came to power in the former Yugoslavia.

They are now demanding the return of a luxury villa in the coastal village of Milocer, near the resort town of Budva, which was the summer residence of King Alexander, along with the Queen's Beach, which got its name for being the favourite holiday destination of Queen Maria of Yugoslavia. Villa Milocer, which is currently a luxurious state-owned hotel rented to Singapore company Aman Resorts, was registered as the property of Queen Maria until WWII.

The descendants of the former royal family are also seeking the return of the house where King Alexander was born in the historic former capital Cetinje, which is now an ethnographic museum. They are also asking for a castle on Lake Skadar, near Cetinje, which served as the winter residence for the royals. A Belgrade court on Monday rehabilitated former Queen Maria, ruling that she was illegally stripped of her property and citizenship by the communist authorities in 1947.

The decision will allow the heirs of the former royal family to reclaim their seized property under Serbia’s restitution law. At the end of last year, a Belgrade court also ruled that a villa in the Dedinje area of the Serbian capital that was being used as the Montenegrin embassy had to be returned to Elizabeth Karadjordjevic.

SERBIA:APRIL 28, CATHERINE ASHTON WILL VISIT BELGRADE

The 23rd round of dialogue was held in Brussels on March 31 with the participation of the now former Prime Minister Ivica Dacic and Kosovo Prime Minister Hashim Thaci. On this occasion they reached preliminary agreement on the judicial system in the northern part of Kosovo. 

EU High Representative Catherine Ashton will visit Belgrade, as soon as Serbia's new government has been formed. 

While in Belgrade Ashton is expected to meet with future Prime Minister Aleksandar Vucic and other members of his government and discuss the process of European integration, the continuation of the dialogue between Belgrade and Pristina and the normalization of relations, as well as the implementation of the Brussels agreement reached in April of last year. 

LA N.A.T.O. DI RAMUSSEN HA PROVOCATO LA RUSSIA

Il presidente Putin spera che il nuovo Segretario generale della NATO, l’ex premier norvegese Jens Stoltenberg, possa essere più responsabile del suo collega uscente Anders Fogh Rasmussen. Stoltenberg entrerà in carica il 1 ottobre. C’è la speranza che con Stoltenberg i rapporti con la NATO possano stabilizzarsi. Con Rasmussen, invece, essi sono peggiorati oltre ogni limite.

Il 17 aprile, durante la sua “linea diretta” con gli elettori, Vladimir Putin ha raccontato di come Rasmussen, quando era ancora a capo del governo danese, abbia segretamente registrato e poi reso pubblica la sua conversazione con il presidente della Russia. Nell’intervista alla televisione russa, rilasciata già dopo la sua “linea diretta”, Vladimir Putin ha detto che i rapporti con la NATO devono essere normalizzati, ma adesso ciò dipenderà dall’Alleanza e dal suo nuovo Segretario generale. 

Col segretario uscente non aveva senso cercare di migliorare le relazioni, perché non è pensabile di poter migliorare qualcosa con uno che ignora le elementari norme etiche e morali e, per giunta, lo fa nei confronti del massimo esponente dello Stato.

Secondo Vladimir Putin, a differenza di Rasmussen, il nuovo Segretario generale dell’Alleanza, Jens Stoltenberg, è la persona molto più adatta per la normalizzazione. Sembra una “persona seria”, ha detto Putin. Abbiamo ottimi rapporti, anche a livello personale. È una persona molto seria e responsabile. Vedremo come si svilupperanno i rapporti ora che ricoprirà questa nuova carica. È probabile che i rapporti con l’Occidente possano migliorare entro la fine dell’anno?

Voi sapete che ciò non dipende da noi o, piuttosto, non solo da noi. Dipende dai nostri partner. Credo che non ci sia nulla che precluda la normalizzazione e la normale cooperazione.

Certo, lo stato dei rapporti tra NATO e Mosca non dipenderà da Stoltenberg come, del resto, non dipendeva neanche da Rasmussen. Chi comanda nella NATO sono gli USA. Tuttavia il nuovo Segretario generale potrebbe almeno cambiare gli umori negli uffici della NATO. Per esempio, rinunciare al travisamento dei fatti e alla diffidenza nei confronti della Russia che hanno caratterizzato lo stile di Rasmussen. 

Fino al 21 aprile la NATO ha negato che Rasmussen avesse davvero registrato la sua conversazione con Putin, dichiarando che tale affermazione era “assurda”. Il portavoce ufficiale dell’Alleanza, Oana Lungescu, ha persino detto ai giornalisti che i russi cercavano così di “sviare l’attenzione dalla crisi in Ucraina”.

L’eposodio che non fa onore all’ex premier danese risale al 2002, quando Vladimir Putin prese parte al vertice UE-Russia a Bruxelles. L’incontro, non previsto dal programma della visita, è stato richiesto dallo stesso Rasmussen. Il presidente Putin ha detto che allora è rimasto sconvolto dal comportamento di Rasmussen. 

Egli, come si è saputo in seguito, aveva un registratore, ha registrato segretamente e poi ha pubblicato la nostra conversazione. Non credevo ai miei occhi e alle mie orecchie. Ha spiegato che ha registrato la nostra conversazione “per la Storia”. 

Se c’è di mezzo la Storia, ne sono certamente lusingato, ma allora doveva avvertirmi o almeno chiedere il permesso di pubblicare la registrazione. Che fiducia ci può essere dopo incidenti del genere?

Ci sono volute numerose testimonianze dei giornalisti danesi e di altre persone, affinché la NATO e gli assistenti di Rasmussen alla fine riconoscessero che la registrazione c’è stata. L’episodio sarebbe stato inizialmente smentito perché la NATO “non ne sapeva nulla”. Si è detto anche che la registrazione in questione era quasi “uno scherzo”. 

Il giornalista danese Christoffer Guldbransen, che in quel periodo girava il documentario “Fogh dietro la facciata” ('Fogh bag facaden') ha confessato di essere stato lui a fissare il microfono al vestito di Rasmussen prima che questi andasse all’incontro con il presidente della Russia. La conversazione è stata effettivamente “registrata e usata per il mio documentario”, ha detto Guldbransen. Il video in questione era in sostanza uno spot promozionale del premier danese.

Allo stesso modo e per lo stesso documentario Rasmussen ha registrato i suoi incontri con il presidente francese Jacques Chirac, il premier bitannico Tony Blair, il cancelliere tedesco Gerhard Schroeder e con una decina di altre persone. I contatti a livello dei capi di Stato e di governo impongono alcune norme. 

Registrare di nascosto qualcuno per poi pubblicare e "politicizzare" la registrazione.....

INVESTMENT IN "DEMOCRACY" IN UKRAINE. USD 5 BILLION


Read more: http://voiceofrussia.com/news/2014_04_22/US-invested-5-billion-in-democracy-promotion-in-Ukraine-Nuland-2615/

The U.S.A. know very well how to invent noble words to hide the massacres, in his long economic and military's history. The most recent word was coined for the Ukraine: "INVESTMENT IN DEMOCRACY". Even today,  makes all tremble that word used by the americans in the former Yugoslavia: "HUMANITY WAR"!

US Assistant Secretary for European and Eurasian Affairs, Victoria Nuland, in an interview with CNN confirmed that Washington has allocated 5 billion "to support the aspirations of the people of Ukraine to a stronger, democratic government.


Earlier media has published video performances of Nuland at a conference on Ukraine, which was held in Washington in December last year. During her speech, Nuland said the US invested five billion dollars to support democracy in Ukraine since the collapse of the USSR.


Later Russian presidential advisor Sergei Glazyev said that developments in Ukraine were largely provoked by the United States and other NATO members. He also mentioned information that was presented by Nuland regarding the multibillion-dollar aid.

In an interview with CNN, excerpts of which were published on the channel's website, Nuland nevertheless recognized that the United States allocated five billion to support democracy in Ukraine.

"This money has been spent to support the desire of the people of Ukraine to a stronger, democratic government that represents their interests," said Nuland. But she stressed that the US "did not spend money to support the Maidan." According to her, it was a "spontaneous movement".

In Ukraine, on February 22 a change of government took place, which had signs of a coup. Verkhovna Rada has ousted President Viktor Yanukovych from power, changed the constitution and appointed a presidential election on May 25. 

Moscow doubts the legitimacy of the Rada’s decisions. Federation Council gave the right to President Vladimir Putin to use the Russian armed forces in Ukraine to normalize the political situation in that country. 

The Russian Foreign Ministry explained that the consent of the Federation Council does not mean that this right will be quickly implemented.
Meanwhile, investors continued to see tensions in Ukraine as a threat to risk appetite, even though those seemed to be having less of an impact on safe-haven currencies such as the Japanese yen and other markets this week.


"I don't think this will lead to a military conflict. Nonetheless, towards the presidential election in Ukraine (planned for May 25), more tensions are likely and there will be phases where share prices will be hit," said Soichiro Monji, chief strategist at Daiwa SB Investments in Tokyo.

Sunday, April 20

WORSE THAN THIS IT IS IMPOSSIBLE. BOSNIA TODAY.

As if they had woken from a years-long sleep, this February, thousands of citizens of Bosnia and Herzegovina took to the streets to say they had had enough of the country’s incompetent and hypocritical politicians, their corruption and their dubious accumulation of much personal wealth. 

The Molotov cocktails that some of them threw were a strongly worded “message in a bottle” to the political class – a forceful rejection of the prevailing view in Bosnia that politics exists chiefly as money-making business - not as a way to improve ordinary people’s lives. 

Months on, what has really changed? Aside from the resignations of a few cantonal governments - almost irrelevant to the overall situation - none of the protesters’ demands has been met. No major corruption cases have been opened, nor is there any sign of a review of the dodgy privatization processes that destroyed so many companies and left thousands of people jobless.

Nothing much has changed in the way that Bosnia’s politicians use the media, or in the way that they operate in the two entities, which is where the real power and money in Bosnia lie. Started by several hundreds workers of formerly successful, now destroyed, companies in Tuzla, the protests soon attracted thousands of others all over the country.

It seemed as if people had been only waiting for an opportunity to go onto the streets and declare that the authorities were all thieves. But, the expectations of significant change lasted only for a few days. Esad Bajtal, an analyst and professor, recently said in an interview that it was hard to say what concrete changes people had achieved, although they had opened the door to future possibilities. 

“For the first time, citizens came out as citizens, for the first time a rebellion had no national, ethnic or faith-based framework, and for the first time the participants spoke using human rhetoric,” he said. “For now, that would seem to be the only known, tangible gain of those events.” 

Bajtal argued that the protests were entirely justified, as the politicians had not listened to people, even when they held peaceful protests before the February events, when they demonstrated their deep dissatisfaction without resorting to violence.

“It should be determined how and why it came to violence and who needed it, because this was automatically constituted as a basic element in the politicians’ self-defence - which declared the protesters hooligans, ruffians and gangs even drug addicts,” he said.  Adnan Hamidovic Frenkie, a popular hip-hop musician from Tuzla, said that as time goes by, one has to conclude that the people lost this particular battle. 

“From this distance, I don’t think we achieved much,” he said. “With the government – it’s like in a casino – the house wins always at the end of the day.” “We won the first round,” he added, referring to the beginning of the protests, “But then came other [rounds] and now we lost. We have seen that we can do something, but also that nothing can be changed overnight.”

As the protests spread from Tuzla in early February, so did the formation of so-called plenums of citizens, which aimed to bring all people together to voice their common demands for change. With the goal of forcing out the politicians and bringing social and economic issues to the forefront, plenums promised to be places where democracy was practiced first hand. 

With the passage of time, it may become clearer what went wrong with plenums and why they failed to attract those same thousands of protesters. 
Roughly a hundred people were present at the last session of the Sarajevo plenum, and only few hundred took part in the “plenum of all plenums”, which was held in front of the Federation entity government and demanded its resignation. 

While waiting for the Federation government to resign, which is now highly unlikely, or for the formation of new cantonal governments, the interest of citizens in plenums has flagged. There are 15 plenums currently active in different towns in Bosnia’s Federation entity. Thousands of demands have been sent to municipal, cantonal and entity institutions.  

But, with only a small number of supporters and participants, plenums do not look like tools for real change, especially as they now seem focused on the cantonal level of government, which at the end of the day cannot address the years-long problems the whole country suffers from.

“Important changes in this country are possible only as a consequence of constitutional changes at the top, regarding the whole of Bosnia and Herzegovina and the highest state structures,” Bajtal said.  Compared to that, changes at the cantonal level have been compared by some to putting perfume on top of a garbage dump. The first successes, when people bared angry teeth and alarmed the politicians, seemed to push people to do more, but “more” never happened. 

Tuzla Canton is the only one that has moved forward, following the February resignation of the cantonal government. A new “expert” government has been formed there. In some other cantons there have been a few changes, such as abolishing the rights of politicians to continue receiving salaries for a year after their terms end.

While a few dozen determined people still protest every day in Sarajevo and elsewhere, the plenums keep working away, adding to their lists of demands. In Sarajevo Canton, however, there is no sign of a new government that would be in any position to implement them, even if it wanted to. 
One problem with the protest movement is that it lacked a leader and an ideology.

The result was dozens of different demands, ranging from reviews of privatization processes to curbing corruption and enacting constitutional changes, changing the 1995 Dayton Peace Accords. Since many of the demands were so general, many of the politicians did not feel any particular responsibility for dealing with them, but just used them to continue their usual practice of accusing one another. 

“No social movement in European history ever succeeded on the basis of liberal anarchism,” Ivo Komsic, philosophy professor and Mayor of Sarajevo, observed recently. “Such movements fall apart because they cannot systematize all social demands nor can they direct the methods of their activism,” he added. “The current governments will surely draw lessons from this insurgency, but it is just as important that lessons be learned by the citizens as well,” he concluded.

Elvira M. Jukic, Sarajevo Bosnia

LA POLIZIA UCRAINA STA CON LA RUSSIA.

Kiev è costretta a usare l’esercito perché non si fida della polizia. Nell’est del paese i poliziotti – parte essenziale del sistema di potere nel feudo dell’ex presidente Yanukovich – sono passati con i filorussi, o comunque non hanno fatto nulla per fermarli. Secondo indiscrezioni, soltanto il 30 per cento dell’organico resta fedele alla legge. I reparti antiterrorismo Alpha si sono rifiutati di compiere il blitz a Donetsk. Sono in buona parte gli stessi agenti che hanno sparato sul Maidan, molti sono indagati per sospetta strage, e non si fidano del nuovo governo. 

I battaglioni di miliziani del Maidan, ansiosi invece di entrare in azione, sono impreparati e troppo animati da risentimenti politici: mandarli contro i filorussi significa inaugurare ufficialmente la guerra civile. Non resta che l’esercito, nonostante la vecchia regola che i militari spediti a compiere operazioni poliziesche di solito combinano disastri. 

L’Ucraina ha sotto le armi 130 mila uomini, una delle Forze armate più possenti in circolazione. Ma si tratta di un esercito di leva di modello sovietico, e se le truppe russe oltre a essere meglio equipaggiate grazie ai petrorubli hanno subìto l’addestramento della Cecenia, gli ucraini sembrano confermare le peggiori barzellette che su di loro raccontano a Mosca. Le armi ci sono, ma non c’è nessuno che sappia usarle. Però Kiev è costretta a usare l’esercito perché non si fida della polizia, che nell’est dell’Ucraina è passata con i pro russi (resta fedele il 30 per cento dei poliziotti).

In questi giorni ha fatto il giro del web il video del carro armato ucraino che si smarrisce in un campo vicino a Sloviansk ed è costretto alla marcia indietro a colpi di parolacce dai locali. I tre soldatini a bordo del tank, per quanto armati sembrano imbarazzati più che bellicosi. Come forse i loro commilitoni che ieri hanno permesso ai separatisti con le bandiere russe di montare sui loro blindati. L’esercito ucraino, pur facendo sfoggio in questi giorni di tutto l’arsenale ereditato dall’Urss (caccia, carri, elicotteri), è poco motivato a combattere, ma soprattutto incapace di farlo. 

L’Ucraina ha sotto le armi 130 mila uomini, una delle Forze armate più possenti in circolazione. Ma si tratta di un esercito di leva di modello sovietico, e se le truppe russe oltre a essere meglio equipaggiate grazie ai petrorubli hanno subìto l’addestramento della Cecenia, gli ucraini sembrano confermare le peggiori barzellette che su di loro raccontano a Mosca.

La carenza di mezzi è così drammatica che il governo ha lanciato una raccolta di fondi via sms, racimolando 15 milioni di dollari in due settimane. Ma non bastano, manca anche il cherosene per gli aerei. L’America per ora ha mandato 300 mila razioni Mre (meal ready-to-eat) che vengono già rivendute su internet. Dai cittadini arrivano offerte generose: vestiti, cuscini, carote. L’Unione delle donne ucraine ha lanciato una campagna con lo slogan: “Rinuncia al vestitino nuovo per Pasqua, regala un giubbotto antiproiettile ai nostri soldati”. 

E l’ex comandante della Nato in Kosovo Wesley Clark sul New York Times chiede di inviare a Kiev aiuti militari “non letali”, soprattutto strumenti di comunicazione a prova di intercettazione russa. Le radio in dotazione hanno 50 anni, e gli ufficiali preferiscono usare i loro cellulari. 

Le armi invece non mancano: manca chi le sappia usare. L’analista militare Dmitri Tymchuk calcola che l’Ucraina potrebbe richiamare sotto le armi un milione di persone, che però sarebbero “carne da cannone”. Il volontario Viktor Yushenkovich, uno dei 20 mila riservisti richiamati dopo l’invasione della Crimea, spiega: “Abbiamo al massimo 10-20 mila ufficiali preparati, quasi tutti senza esperienza di combattimento, il resto sono soldati di leva che non hanno fatto nemmeno il Car”. Yushenkovich racconta al sito Polemika il suo “addestramento” di dieci giorni: “Ho sparato una sola volta, tre caricatori, 90 colpi, senza mai centrare il bersaglio. Ma mi hanno fatto firmare la carta che mi certifica addestrato a usare un fucile automatico”.

POLAND WANTS MORE U.S. TROOPS IN HER COUNTRY

Poland is already hosting some 100 to 150 US military servicing a battery of Patriot missiles. This battery was deployed in Poland in 2010 as part of NATO's air defense shield in Europe.

NATO's top commander Gen. Philip M. Breedlove says that NATO is planning to move a 4,500-strong brigade from Fort Hood in Texas to Poland.
However, Poland's Defense Minister Tomasz Siemoniak says that Poland is asking for as many as 10,000 American troops. The Polish Defense Minister wants to see his country playing a leading role in NATO's build-up of troops in Eastern Europe under US patronage.

At present, it wouldn't probably be an exaggeration to say that the US is attaching priority, first of all, to its military presence in Asia. After what he qualifies as “Russia's aggression against Ukraine”, the US needs to pay more attention to its military presence in Europe, Tomasz Siemoniak insists.

The Pentagon has not so far revealed any details about whether it may follow the wishes of the Polish Defense Minister, saying that its plans concerning Poland are still under consideration. However, a senior US official told Fox news on Friday that around 130 soldiers may be sent to Poland on a rotational basis.

The US military also announced the dispatch of a US Army company of about 150 soldiers to Poland to take part in a two-week land-forces exercise. NATO's military response to the Ukrainian crisis was to deploy additional aircraft for patrols in European airspace and to send American warships into the Black Sea.

The recent events in Ukraine aggravated relations between the US and Western Europe, on the one side, and Russia, on the other. Russia does not recognize the authorities that came to power in Ukraine after a recent coup as legitimate. Moreover, Russia believes that the Ukrainian coup was orchestrated by the West.

A referendum recently held in the Crimean Peninsula, which used to be part of Ukraine, showed that the majority of Crimea's residents want their peninsula to be part of Russia, and Russia has accepted Crimea as such. However, the West qualifies this as Russia's forced annexation of Crimea.
In reality, Russia has not introduced its forces into Ukraine so far – but it believes it has the right to do so any moment if ethnic Russians become to be oppressed in Ukraine.

NATO's increasing of its military presence in Europe is a response to Russia's alleged “aggressive plans”. NATO's members in Eastern Europe acknowledge themselves that from the point of view of military might, Russia is strong enough to defeat their national forces. Theoretically, this is probably really so. However, in reality, any talks that Russia has any aggressive plans against any country are totally groundless.

Saturday, April 19

UN PO DI STORIA VERA: "DONALD KAGAN".

Non è per uno scherzo dell’età che Donald Kagan parla con la stessa urgenza dell’annessione russa della Crimea (2014), del trattato di Versailles (1919), della caduta del Muro di Berlino (1989), della spedizione ateniese in Sicilia (415 a. C.),  della fine della Seconda guerra mondiale (1945) e di altre vicende sparse nel tempo e nello spazio. 

L’occhio del classicista si spinge oltre l’orizzonte del contingente, fissandosi su quella che con un certo grado di compassione chiama la “condizione umana”, un meraviglioso e inquietante coacervo di elementi spuri mosso da interesse, potere, razionalità, passioni, volontà, tendenze virtuose e ricadute nel vizio, eternamente alla ricerca ed eternamente depistato. Spesso dalle sue stesse orme. 

E’ nelle leggi dell’agire umano che il professore emerito di Yale, autore di una monumentale storia della Guerra del Peloponneso in quattro volumi, trova il chiavistello universale per aprire le serrature della geopolitica, che non è altro che il precipitato dei rapporti fra gli uomini su scala globale. Cambiano le condizioni, gli interpreti, gli oggetti specifici del contendere e i modi di affrontarsi, non le regole generali che determinano i rapporti di forza, il ricorso alla guerra e il mantenimento della pace. 

Tucidide, di cui Kagan parla come di un suo vecchio insegnante del ginnasio, diceva che gli uomini fanno la guerra per i soliti, antichi motivi: onore, paura e interesse. Kagan guarda l’aggressività della Russia di Vladimir Putin e non trova che conferme alla saggezza greca: la ricerca di influenza (più che di territori) corrisponde a quella massimizzazione del potere che è pulsione basilare dell’agire umano.

Come per Tucidide, le forze che muovono la storia secondo Kagan non hanno tratti soprannaturali né connotazioni mistiche, sono il frutto di umanissima razionalità e altrettanto umana assenza di razionalità. Non c’è un destino scritto nel cielo che anela di compiersi quando si tratta della dominazione delle cose del mondo, nemmeno per l’America che per il professore è l’attore che meglio può garantire il massimo scopo perseguibile nelle relazioni internazionali: il mantenimento della pace. 

Kagan è studioso della classicità e pater familias di una dinastia conservatrice. Robert Kagan è l’intellettuale neocon che all’inizio della guerra al terrore condensò la cruciale differenza fra l’America che viene da Marte e l’Europa da Venere, e di recente ha scritto un saggio, “The World America Made”, che con piglio analitico sostiene che l’America non ha affatto perso la sua posizione dominante nel mondo. 

Esibendo la consueta abilità di calcolo, anche Barack Obama è riuscito con una piroetta a saltar sul carro degli avvocati della forza americana elogiando furbescamente lo scritto dell’intellettuale di “Paradiso e Potere” (Mondadori). L’altro figlio, Frederick, è un analista militare che assieme alla moglie Kimberly ha avuto un ruolo fondamentale nella costruzione del surge iracheno assieme al generale David Petraeus – poi risucchiato via da un riflusso sospetto della storia – inizio di un’epopea bellica densa di implicazioni culturali e persino latore di una visione del mondo.

L’82enne nato in uno shtetl della Lituania e trasferitosi a due anni in un quartiere di Brooklyn di nome Brownsville, noto per aver provveduto all’educazione di Mike Tyson e per una tenace resistenza alla gentrificazione dilagante, incontra il Foglio nella sede dell’Elizabethan Club, società nobile di Yale senza l’allure cinematografica degli Skull & Bones, dove sono interdetti gli strumenti elettronici più avanzati di un orologio da polso. Quando si tratta di Kagan i custodi dell’ortodossia luddista si mostrano tuttavia assai indulgenti. 

La conversazione parte da una dichiarazione crepuscolare sulla dominazione americana che giusto un anno fa, in occasione del suo commiato ufficiale dalla cattedra, il professore ha affidato al Wall Street Journal: “Siamo immersi in una cultura che rende difficile per noi agire razionalmente quando essere duri è la cosa razionale da fare. Possiamo farlo quando siamo spaventati a morte e non ci sono alternative. 

Quando è il momento di chiudere i conti, molto spesso sgattaioliamo via”. Sgattaioliamo via è sintesi piuttosto cruda dell’agire e del non agire dell’America sotto l’egida di Obama, presidente di linee rosse non rispettate e di severe telefonate di rimprovero agli avversari, ma il professore legge il neoisolazionsmo obamiano come il sintomo di un male profondo che abbisogna di analogie più larghe per essere opportunamente diagnosticato: “Vedo molte somiglianze fra come gli americani hanno reagito alla Prima guerra mondiale e quello che sta succedendo oggi. Non c’è stato nulla di simile nella storia americana. 

La gente ora dice che prima della Grande guerra l’America era isolazionista, ma non è vero, il suo potere e la sua influenza di fatto rendevano superflua qualunque riflessione critica sul tema. Di certo è stata profondamente impegnata in una serie di questioni internazionali per tutto il XIX secolo quando si trattava di difendere gli interessi americani. Quando siamo entrati nella prima guerra mondiale l’America era un potere globale impegnato direttamente su una molteplicità di fronti. 

Pensiamo a Teddy Roosevelt che lavorava per risolvere le dispute europee e prima ancora aveva contribuito a risolvere la guerra russo-giapponese. Il presidente partecipava alle discussioni postbelliche, il che era il riflesso del ruolo americano nel mondo. Adesso esagero, ma credo che senza l’intervento dell’America la Prima guerra mondiale non sarebbe mai finita. E’ un’iperbole che uso per sottolineare che l’America è stata la nazione decisiva per l’andamento della Grande guerra. Quello è stato il momento determinante, il culmine di un atteggiamento di engagement che era già presente nell’approccio americano all’ordine globale. Un investimento del genere, uno poteva pensare, sarebbe risultato in una partecipazione anche maggiore degli Stati Uniti nel determinare quello che sarebbe successo dopo. 

Sarebbe stato un passo naturale. Invece c’è stato un repentino cambiamento di approccio. La verità è che per l’America era ormai impossibile a quel punto ritrarsi completamente, ma la questione era se sarebbe rimasta come attore attivamente impegnato nel determinare lo scenario globale, con la coscienza del suo ruolo nel mondo e dei costi che questo avrebbe comportato. 

L’America ha scelto quello che chiamano isolazionismo, ma non era nemmeno un effettivo isolazionismo, era un atteggiamento ambiguo: da una parte continuavamo a difendere i nostri interessi nel mondo, dall’altra non eravamo attivamente coinvolti nella costruzione di un nuovo ordine. Il rifiuto di entrare nella Società delle Nazioni non era predeterminato né era l’esito naturale degli eventi. Fu uno strappo. All’origine di questo strappo c’è una disputa politica domestica. Quelli che si sono messi contro Wilson e la Società delle Nazioni erano gli stessi che avevano invocato un coinvolgimento più stretto degli Stati Uniti nelle questioni internazionali.

Ma erano repubblicani e odiavano Wilson, avrebbero votato qualunque cosa pur di dargli contro. Il risultato di questo è che negli anni Venti e Trenta del Novecento l’atteggiamento degli Stati Uniti nel mondo è stato una disgrazia. Il governo non aveva una politica estera. L’unica idea era convincere gli alleati a ripagare i debiti di guerra, e questi per farlo dovevano rivalersi sulla Germania, e ciò inevitabilmente ha avuto poi un certo peso nell’ascesa di Hitler. Ma il punto è che siamo diventati isolazionisti dopo la guerra cambiando corso rispetto alle decisioni precedenti. Molti dicono che semplicemente siamo tornati all’atteggiamento naturale americano, ma non è affatto così”.

L’America è strutturalmente connotata da un atteggiamento ambivalente verso ciò che succede nel mondo. Il popolo americano “ha una tendenza naturale a occuparsi degli affari di casa propria, a non prestare attenzione al resto del mondo”, dice Kagan, per questo è necessaria una “leadership attiva” anche soltanto per mantenere lo status quo. Nel libro “On The Origins of War” sostiene che intraprendere guerre e mantenere la pace sono attività che richiedono un identico esborso di energia, e gli americani lo hanno imparato durante e soprattutto dopo la Seconda guerra mondiale, fase che Kagan mette radicalmente in opposizione all’oggi multipolare, aggettivo potabile per descrivere un mondo non più a trazione americana. 

“Tutto è cambiato quando i giapponesi hanno attaccato Pearl Harbor. Non c’è stata alcuna resistenza all’ingresso in guerra: l’America ci si getta a capofitto e vince. A quel punto è inevitabilmente implicata direttamente in tutti gli scenari globali, ma l’aspetto fondamentale è che ha deciso di continuare a guidare lo scenario anche dopo la fine della guerra. La costruzione del nuovo ordine mondiale è un prodotto della volontà americana, non della necessità del momento.

Quello che è successo dal 1945 a oggi è una delle cose più incredibili della storia umana. Vado con la mente fino al V secolo a. C. e non riesco a trovare nessun periodo della storia in cui qualcosa di simile è successo: un mondo in cui un potere soltanto ha dominato militarmente, economicamente e diplomaticamente. Nessuno lo aveva fatto prima”. Accanto alla reazione imperiosa, marziale a una minaccia contingente c’è la volontà inflessibile di creare sulle macerie un ordine duraturo. 

E gli ordini duraturi non si reggono su vittorie episodiche, ma si coltivano con sforzi costanti. Se c’è uno spettacolo che deprime questo professore affabile con proverbiale sguardo sghembo e un senso dell’umorismo che è un’arma contundente è il difetto della volontà americana. “Certamente – continua Kagan – senza l’emergere della minaccia comunista l’America avrebbe potuto cadere nello stesso errore commesso alla fine della Grande guerra. Il fatto è che è immediatamente diventato chiaro che il comunismo era una minaccia esistenziale, nessun presidente e nessun Congresso avrebbe potuto ragionevolmente ritrarsi. 

Fra il 1945 e oggi il nuovo ordine mondiale è dominato da una sola potenza, ma sostenuta da una serie di alleati profondamente concordi nella visione morale e strategica incarnata dall’America. Questo ha permesso un risultato che trovo miracoloso: sconfiggere il comunismo senza una guerra. Sei troppo giovane per ricordartelo, ma tutti prevedevano che prima o poi ci saremo fatti saltare in aria a vicenda o si sarebbe arrivati a un apocalittico conflitto armato, e non è successo”.

Il problema è venuto dopo il crollo dell’Unione sovietica, quando si è affermata una visione da “fine della storia” secondo cui il mondo si sarebbe naturalmente allineato al paradigma delle democrazie liberali d’occidente. Improvvisamente è sembrato che non ci fosse più bisogno della volontà americana di mantenere la stabilità: “Ci siamo ritrovati con un mondo ancora nelle mani dell’America, ma con l’America che doveva dimostrare di avere la volontà di essere quello che era stata dal 1945 fino a quel momento”. 

Qualche anno fa il figlio Robert ha scritto un libro sul fallimento dell’impostazione neohegeliana di Francis Fukuyama intitolato, appunto, “Il ritorno della storia e la fine dei sogni” (Mondadori). Qui però siamo oltre la teoria di Fukuyama, “che era ampiamente accettata come ipotesi interpretativa del potere globale”, spiega Kagan. “Obama è il primo presidente ad avere agito secondo quella visione. Non solo parla quel linguaggio, ma lo pratica, è la sua visione. 

‘Non è un grosso problema’ potrebbe essere il suo motto di politica estera. Credo che questa Amministrazione sia profondamente diversa dalle altre. Anche nel governo di George W. Bush si notava un leggero spostamento dall’idea della responsabilità globale, ma è leggero. Poi con l’attentato alle Torri gemelle c’è stata una grande confusione e una certa mancanza di concentrazione sul nostro ruolo, ma Obama rappresenta una rottura drastica. Se prendiamo tutto quello che ha detto nella sua carriera e soprattutto quello che ha fatto da quando è alla Casa Bianca è chiarissimo il suo progetto, ed è terribilmente simile a quello che l’America ha fatto nel 1918. 

Vuole dire al mondo di andare pure per la sua strada, in modo che lui possa occuparsi di quelli che, a mio avviso, sono grandi, enormi cambiamenti del carattere nazionale americano, perché semplicemente non si riconosce in quello che l’America è stata ed è. E’ una questione più profonda del solito confronto fra destra e sinistra, democratici e repubblicani. Ha chiaramente obiezioni strutturali rispetto alla stessa identità americana, e agisce di conseguenza. Vuole essere libero dalle incombenze della politica estera per concentrarsi sulle riforme qui. Prima lo ha fatto in modo più silenzioso e circospetto, ora esplicitamente dice che quello che succede nel mondo non è affar nostro, che non  ce lo possiamo permettere, che uccidono i nostri uomini al fronte, tutto per non ammettere la vera ragione del disimpegno: avere le mani libere”.

Risuona nell’analisi un’eco delle battaglie della sinistra radicale, movimento antiamericano che è all’origine della svolta conservatrice di Kagan: insegnava alla Cornell University nel 1969 quando l’università ha chinato il capo di fronte a un gruppo di studenti afroamericani armati che avevano occupato il campus. Kagan si è unito alla controprotesta di uno sparuto gruppo di professori non allineati guidati dal suo amico Allan Bloom, intellettuale e classicista che in “The Closing of the American Mind” fissò il paradosso della cultura accademica americana: l’apertura del relativismo conduce alla massima chiusura della mente. “La sinistra estrema – dice Kagan – ha sempre detto che qualunque cosa succedesse nel mondo era colpa nostra, delle nostre prevaricazioni, del fatto che non badavamo agli affari nostri come avremmo dovuto. Obama è un erede naturale di quella mentalità.

Questo coincide poi perfettamente con il fatto che un engagement all’estero lo distrarrebbe dai suoi propositi rivoluzionari in patria, cosa che non può assolutamente permettere”. C’è una linea ideologica nemmeno troppo sottile che lega il ritirismo geopolitico al ripiegamento culturale sui dettami del politicamente corretto. Il professore sfoggia una statistica a braccio: “Per anni ho chiesto ai miei studenti di nominare tutti i professori di Yale che conoscevano che avevano un’opinione diversa dal consenso prevalente. Anni fa ne citavano una decina, magari quindici, su un corpo docenti di sei o settecento professori. Negli ultimi tempi sono diventati uno o due al massimo. In un contesto del genere capisci che non siamo, culturalmente, nel 1945”.

Due sono le condizioni per fermare questo inizio di “ritiro da ciò che è necessario per preservare questo straordinario ordine mondiale”. Primo: “L’America deve mantenere e alimentare la sua supremazia economica e militare”. Secondo: “Deve rinnovare la volontà di guidare questo ordine mondiale. I tagli al budget del Pentagono e l’indulgenza sulle condizioni di spesa militare necessarie ai membri per rimanere nel quadro della Nato sono testimonianze più fedeli delle formule retoriche sulla “freedom is not free” che Obama ha snocciolato proprio alla sede dell’Alleanza atlantica il mese scorso.

La seconda condizione, la volontà, “è completamente svanita”, e il professore fa leva su un episodio rivelatore: “Obama nel 2009 doveva decidere di mandare un nuovo contingente in Afghanistan, come richiesto dai militari. Ha aspettato e aspettato, e infine ha ordinato un aumento di truppe minore di quello richiesto ma, e questo è anche più grave, nello stesso momento in cui ha preso la decisione ha annunciato che una volta compiuta la missione i soldati sarebbero rientrati. Ora, questo è un deliberato sabotaggio, perché chi capisce qualcosa di strategia, e in questo caso basta avere compiuto sei anni, sa che tutto il problema è convincere il nemico che è spacciato, non può vincere. 

Uno dei modi per farlo capire è essere pronti a dispiegare le forze, così il nemico almeno cercherà di trovare un accordo per salvarsi dalla più grande potenza militare del mondo. Ma se l’idea è dire ‘ehi, fra l’altro giovedì sera ce ne andiamo’ è la fine. Obama ha sabotato il suo stesso piano. Nessuno può convincermi che sia stato un atto di ignoranza. Politicamente aveva bisogno di dare l’impressione che stesse facendo qualcosa, ma voleva essere certo che il suo tentativo fallisse”.

Ora il fallimento della stabilità americana è arrivato sul confine dell’Europa occidentale, e l’avversario nella competizione a lungo termine è quella Russia che l’ultimo avversario elettorale di Obama, Mitt Romney, citava come fonte primaria di pericolo per l’America fra le risate grasse dei democratici. Tendono a ridere meno, di recente, e a produrre piuttosto accigliate tirate anti Putin che per il professore sono il massimo dell’ipocrisia liberal: “Putin è confortato e legittimato nelle sue decisioni sull’Ucraina esattamente da quello che l’America guidata da Obama ha fatto, anzi non ha fatto prima. 

In Siria ha dichiarato nei fatti di essere un codardo. Vogliamo parlare della Libia? Un fallimento della volontà e un fallimento in generale. Non dobbiamo dimenticare poi l’Iraq, un successo incredibile degli americani, che potevano avere un alleato indipendente per tenere a bada l’Iran. Obama è responsabile per quello che è successo in Iraq: non è nemmeno riuscito a fare un accordo con il governo iracheno sulla permanenza delle forze americane dopo la data del ritiro. Tutto quello che il generale Petraeus e compagnia avevano fatto lui lo ha distrutto”.

Che fare, dunque? “Ora occorre innanzitutto sottolineare la solidarietà a livello Nato e la natura militare dell’alleanza. Dovrebbero fare esercitazioni militari e dispiegare forze in aree strategiche per dimostrare che siamo pronti a usare la forza se la Russia continua a provocare. Non lo faranno, ma a quel punto la nostra debolezza non avrà più scuse”. Se il professore è duro con l’America guidata dal sedile posteriore, sull’Europa ha posizioni simili a quelle della nuora, Toria Nuland, sottosegretario del dipartimento di stato sorpresa a pronunciare in una telefonata privata le ineffabili parole: “Fuck the EU”. 

“L’Europa è pietosa – dice Kagan – il welfare state, e questo è sempre più vero anche in America, l’ha depredata della capacità di pensare chiaramente e criticamente a qualunque cosa. Non è disposta a fare sacrifici di nessun tipo per qualsiasi scopo. Si aspettano soltanto di ricevere qualcosa dallo stato. Poi c’è da dire, e questo è comprensibile, che qualunque cosa assomgili vagamente a una guerra ripugna profondamente agli europei, che hanno sofferto in modo indicibile nel Novecento. 

Diventa difficile convincere gli europei a combattere qualcuno o a difendere un ideale. Gli europei hanno sempre visto la Nato come lo strumento con cui gli Stati Uniti li avrebbero protetti, e la cosa ha funzionato molto bene a lungo, ma poi si è affievolita. Credo però che il comportamento della Russia stia cambiando questo approccio. Siamo soltanto all’inizio, e la Russia non è ancora abbastanza potente per rappresentare una minaccia chiara e imminente, ma l’aggressività di Putin ha introdotto un senso di paura inedito. 

Se sono davvero preoccupati dalla Russia e allo stesso tempo si rendono conto che si è rotto quel meccanismo delle relazioni globali per cui se qualcuno tocca un alleato dell’America, l’America è pronta a farlo saltare in aria, allora diventa chiaro che qualcosa deve cambiare nell’assetto del potere mondiale”. Una staffilata va di rigore alle organizzazioni internazionali, “una sciocchezza, una distrazione rispetto alla realtà, offrono un alibi ai governi nazionali per non prendersi responsabilità. Nel migliore dei casi sono inutili, nel peggiore sono un impedimento alla pace”.

Ma in un certo senso la debolezza che unisce Bruxelles al Palazzo di Vetro è un sintomo del deteriorarsi dell’influenza americana. Un ritiro cosciente ed esplicito che si nutre di proclami di intervento e sanzioni pro forma: “Io mi rifiuto di pensare che l’impostazione delle politica estera di Obama sia frutto di errori di valutazione. E’ pensata così. Vuole fare ciò che vuole: il dramma è che ciò che vuole non include ciò che è necessario. C’è un divario fra la volontà politica di Obama e le necessità imposte dalla realtà. Sulla scena internazionale fa sempre e soltanto il minimo indispensabile per evitare di risultare ridicolo. Appena passata questa soglia si ritrae”.

Le nazioni che vogliono contribuire a mantenere la pace, invece, “devono essere pronte a dispiegare una forza preponderante rispetto agli avversari e dimostrare di avere la volontà di usarla, se necessario”. Kagan, mente abituata a non soffermarsi sulle cose penultime, mette lo spettacolo poco edificante della debolezza occidentale sullo sfondo di una crisi antropologico-culturale la cui chiave è la “parte soffice del cristianesimo”. 

“C’è un aspetto problematico nel cristianesimo e per quanto la secolarizzazione avanzi, il cristianesimo non si può sradicare dalla mentalità occidentale. Il punto è questo: la figura di Gesù che predica il sermone della montagna, un insegnamento così utopico che se non fosse così serio e ammirevole sarebbe ridicolo. Il suo potere persuasivo è enorme, chiunque sia cresciuto nella cultura occidentale se lo ritrova da qualche parte nel cuore e nella mente. E’ ammirevole, dicevo, ma è l’opposto di come le cose vanno nel mondo. 

Non si può eliminare il fatto che gli uomini agiscono virtuosamente in certi casi, ma nelle cose più importanti altre motivazioni prevalgono. Il potere e l’egoismo tendono a dominare le cose umane. Dunque, cosa fanno gli uomini quando hanno questa promessa enorme nel cuore ma allo stesso tempo devono venire a patti con il mondo? L’occidente ha al suo interno questa terribile e affascinante contraddizione. 

L’islam in questo senso ha un vantaggio filosofico enorme, perché non c’è contraddizione fra la sua visione antropologica e la dominazione politica e militare. C’è sempre un senso di colpa nell’occidente che deriva dalla sproporzione fra l’ideale enunciato nel sermone della montagna e la realtà dei poteri che determinano l’andamento del mondo. L’ideologia comunista ha tratto enormi benefici dalla parte soffice del cristianesimo, anche se era anticristiana. Potevano sempre dire: perché non ami il tuo prossimo? Perché non porgi l’altra guancia?”.

Perché il fondamentalismo islamico non ha assunto la stessa funzione storica di sveglia della coscienza dell’occidente che ha avuto la minaccia comunista? Sono passati quasi 13 anni dall’11 settembre e l’America sembra aver esaurito la sua forza... “E’ verissimo”, dice Kagan, e su questa affermazione nello sguardo brilla per un attimo la malinconia di chi si scopre accampato sul versante debole della storia. Ma è solo un attimo, poi riprende il filo dell’analisi: “Il comunismo era una minaccia più credibile, per via del potere militare e delle armi nucleari. 

Era anche una minaccia filosofica e ideologica che tutto l’occidente poteva riconoscere chiaramente: l’idea di una vittoria dell’Unione sovietica implicava automaticamente la scomparsa di tutto quello in cui gli americani credevano. Fra l’altro era un’ideologia profondamenta antireligiosa, quindi intimamente contraria all’idea prevalente in occidente, soltanto un idiota non avrebbe riconosciuto che erano nemici dell’occidente. 

La principale ragione per cui l’islam non è diventata una minaccia analoga credo sia nel suo potere limitato. Non è così credibile. Il comunismo era anche a livello popolare l’incarnazione di tutto ciò che di male ci poteva essere, mentre la gente conosce poco la cultura islamica, e il politicamente corretto impedisce di muovere anche la minima critica all’islam”.

Su certi garage di New York – breve inciso: baseball a parte, poche cose emozionano il professore quanto la sua città, che ha lasciato nel 1959 – si può trovare la fatidica scritta “don’t even think of parking here”, l’espressione che ha ispirato la regola aurea di Kagan in politica estera: “Non pensare nemmeno di usare la forza. Perché se la usi veniamo e ti schiacciamo”. Serve però una certa moral clarity per mettere in pratica questa regola, no? 

“In un certo senso no – risponde Kagan – perché per giustificare una leadership muscolare basterebbe soltanto l’argomento realista: l’obiettivo supremo per l’occidente è preservare la pace e non dovremmo lasciare che nulla ci distragga da quell’obiettivo. Come lo raggiungiamo? Preparandoci ad agire. Non mi sfugge che la maggior parte del mondo non è d’accordo con questa prospettiva, ma mi chiedo: qual è l’alternativa? Raccontatemi una versione dei fatti più credibile e sono pronto a cambiare idea, ma di versioni più credibili non ne sento”. 

Nella stagione della guerra al terrore le ragioni di Kagan e dei suoi sodali neoconservatori si sono spesso sovrapposte a quelle degli interventisti liberal, che da sinistra invocavano l’intromissione americana per ragioni umanitarie, ma la situazione in Siria è l’emblema di un sostanziale scollamento delle prospettive. Gli interventisti liberal dell’Amministrazione, a partire da Samantha Power, sono una nicchia molto considerata ed elogiata a parole ma inascoltata quando si tratta di prendere decisioni: “Per me è un fatto di convenienza diffondere i nostri valori, perché le nazioni che aderiscono al nostro modo d’intendere il mondo tendono a essere amichevoli nei nostri confronti. 

E’ un’idea moralmente e praticamente vantaggiosa, ma incoraggia l’intervento negli affari interni di altre nazioni. Se uno è interessato, come lo sono io, nella conservazione della pace, questo crea problemi, perché è difficile di volta in volta giudicare se e come è opportuno intervenire. Io sono restio a intervenire automaticamente ogni volta che c’è una terribile violazione dei diritti umani. 

Credo che altre condizioni vadano soddisfatte. Se la valutazione di un caso specifico ci porta a concludere che la situazione di una certa area non è soltanto terribile in sé, ma rischia di causare problemi a livello internazionale, ascolto volentieri le ragioni di un intervento, perché a quel punto è anche affar nostro. A volte si interviene a volte no, ogni volta è un giudizio separato. Di fronte a un dittatore che maltratta il suo popolo abbiamo il dovere di obiettare e di far sentire la nostra voce, di persuadere ma non automaticamente di intervenire. Capisco che è insoddisfacente, ma così è la condizione umana”.

Nota biografica: Donald Kagan è uno storico dell’antica Grecia e intellettuale conservatore nato in Lituania nel 1932 e cresciuto a Brooklyn. Ha insegnato alla Cornell University e a Yale. La sua opera fondamentale è una storia della guerra del Peloponneso in quattro volumi, e accanto agli scritti accademici ha pubblicato diversi titoli sul ruolo dell’America nel mondo, le origini della guerra e l’eredità occidentale. E’ il padre di Robert e Frederick, uno intellettuale neoconservatore autore di diversi libri fra cui il recente “The World America Made”, l’altro analista militare che durante la guerra in Iraq ha contribuito al concepimento del “surge” guidato dal generale David Petraeus.