Friday, May 30

BILDERBERG MEETING FROM MAY 29 TO 01 JUNE, 2014

Here is the list of participants at the meeting of the Bilderberg Group, from May 29 until to June 1, 2014  at Marriot Hotel in Copenhagen, Denmark. 

Chairman
FRA Castries, Henri de Chairman and CEO, AXA Group

DEU Achleitner, Paul M. Chairman of the Supervisory Board, Deutsche Bank AG

DEU Ackermann, Josef Former CEO, Deutsche Bank AG

GBR Agius, Marcus Non-Executive Chairman, PA Consulting Group

FIN Alahuhta, Matti Member of the Board, KONE; Chairman, Aalto University Foundation

GBR Alexander, Helen Chairman, UBM plc

USA Alexander, Keith B. Former Commander, U.S. Cyber Command; Former Director, National Security Agency

USA Altman, Roger C. Executive Chairman, Evercore

FIN Apunen, Matti Director, Finnish Business and Policy Forum EVA

DEU Asmussen, Jörg State Secretary of Labour and Social Affairs

HUN Bajnai, Gordon Former Prime Minister; Party Leader, Together 2014

GBR Balls, Edward M. Shadow Chancellor of the Exchequer

PRT Balsemão, Francisco Pinto Chairman, Impresa SGPS

FRA Baroin, François Member of Parliament (UMP); Mayor of Troyes

FRA Baverez, Nicolas Partner, Gibson, Dunn & Crutcher LLP

USA Berggruen, Nicolas Chairman, Berggruen Institute on Governance

ITA Bernabè, Franco Chairman, FB Group SRL

DNK Besenbacher, Flemming Chairman, The Carlsberg Group

NLD Beurden, Ben van CEO, Royal Dutch Shell plc

SWE Bildt, Carl Minister for Foreign Affairs

NOR Brandtzæg, Svein Richard President and CEO, Norsk Hydro ASA

INT Breedlove, Philip M. Supreme Allied Commander Europe

AUT Bronner, Oscar Publisher, Der STANDARD Verlagsgesellschaft m.b.H.

SWE Buskhe, Håkan President and CEO, Saab AB

TUR Çandar, Cengiz Senior Columnist, Al Monitor and Radikal

ESP Cebrián, Juan Luis Executive Chairman, Grupo PRISA

FRA Chalendar, Pierre-André de Chairman and CEO, Saint-Gobain

CAN Clark, W. Edmund Group President and CEO, TD Bank Group

INT Coeuré, Benoît Member of the Executive Board, European Central Bank

IRL Coveney, Simon Minister for Agriculture, Food and the Marine

GBR Cowper-Coles, Sherard Senior Adviser to the Group Chairman and Group CEO, HSBC Holdings plc

BEL Davignon, Etienne Minister of State

USA Donilon, Thomas E. Senior Partner, O’Melveny and Myers; Former U.S. National Security Advisor

DEU Döpfner, Mathias CEO, Axel Springer SE

GBR Dudley, Robert Group Chief Executive, BP plc

FIN Ehrnrooth, Henrik Chairman, Caverion Corporation, Otava and Pöyry PLC

ITA Elkann, John Chairman, Fiat S.p.A.

DEU Enders, Thomas CEO, Airbus Group

DNK Federspiel, Ulrik Executive Vice President, Haldor Topsøe A/S

USA Feldstein, Martin S. Professor of Economics, Harvard University; President Emeritus, NBER

CAN Ferguson, Brian President and CEO, Cenovus Energy Inc.

GBR Flint, Douglas J. Group Chairman, HSBC Holdings plc

ESP García-Margallo, José Manuel Minister of Foreign Affairs and Cooperation

USA Gfoeller, Michael Independent Consultant

TUR Göle, Nilüfer Professor of Sociology, École des Hautes Études en Sciences Sociales

USA Greenberg, Evan G. Chairman and CEO, ACE Group

GBR Greening, Justine Secretary of State for International Development

NLD Halberstadt, Victor Professor of Economics, Leiden University

USA Hockfield, Susan President Emerita, Massachusetts Institute of Technology

NOR Høegh, Leif O. Chairman, Höegh Autoliners AS

NOR Høegh, Westye Senior Advisor, Höegh Autoliners AS

USA Hoffman, Reid Co-Founder and Executive Chairman, LinkedIn

CHN Huang, Yiping Professor of Economics, National School of Development, Peking University

USA Jackson, Shirley Ann President, Rensselaer Polytechnic Institute

USA Jacobs, Kenneth M. Chairman and CEO, Lazard

USA Johnson, James A. Chairman, Johnson Capital Partners

USA Karp, Alex CEO, Palantir Technologies

USA Katz, Bruce J. Vice President and Co-Director, Metropolitan Policy Program, The Brookings Institution

CAN Kenney, Jason T. Minister of Employment and Social Development

GBR Kerr, John Deputy Chairman, Scottish Power

USA Kissinger, Henry A. Chairman, Kissinger Associates, Inc.

USA Kleinfeld, Klaus Chairman and CEO, Alcoa

TUR Koç, Mustafa Chairman, Koç Holding A.S.

DNK Kragh, Steffen President and CEO, Egmont

USA Kravis, Henry R. Co-Chairman and Co-CEO, Kohlberg Kravis Roberts & Co.

USA Kravis, Marie-Josée Senior Fellow and Vice Chair, Hudson Institute

CHE Kudelski, André Chairman and CEO, Kudelski Group

INT Lagarde, Christine Managing Director, International Monetary Fund

BEL Leysen, Thomas Chairman of the Board of Directors, KBC Group

USA Li, Cheng Director, John L.Thornton China Center,The Brookings Institution

SWE Lifvendahl, Tove Political Editor in Chief, Svenska Dagbladet

CHN Liu, He Minister, Office of the Central Leading Group on Financial and Economic Affairs

PRT Macedo, Paulo Minister of Health

FRA Macron, Emmanuel Deputy Secretary General of the Presidency

ITA Maggioni, Monica Editor-in-Chief, Rainews24, RAI TV

GBR Mandelson, Peter Chairman, Global Counsel LLP

USA McAfee, Andrew Principal Research Scientist, Massachusetts Institute of Technology

PRT Medeiros, Inês de Member of Parliament, Socialist Party

GBR Micklethwait, John Editor-in-Chief, The Economist

GRC Mitsotaki, Alexandra Chair, ActionAid Hellas

ITA Monti, Mario Senator-for-life; President, Bocconi University

USA Mundie, Craig J. Senior Advisor to the CEO, Microsoft Corporation

CAN Munroe-Blum, Heather Professor of Medicine and Principal (President) Emerita, McGill University

USA Murray, Charles A. W.H. Brady Scholar, American Enterprise Institute for Public Policy Research

NLD Netherlands, H.R.H. Princess Beatrix of the

ESP Nin Génova, Juan María Deputy Chairman and CEO, CaixaBank

FRA Nougayrède, Natalie Director and Executive Editor, Le Monde

DNK Olesen, Søren-Peter Professor; Member of the Board of Directors, The Carlsberg Foundation

FIN Ollila, Jorma Chairman, Royal Dutch Shell, plc; Chairman, Outokumpu Plc

TUR Oran, Umut Deputy Chairman, Republican People’s Party (CHP)

GBR Osborne, George Chancellor of the Exchequer

FRA Pellerin, Fleur State Secretary for Foreign Trade

USA Perle, Richard N. Resident Fellow, American Enterprise Institute

USA Petraeus, David H. Chairman, KKR Global Institute

CAN Poloz, Stephen S. Governor, Bank of Canada

INT Rasmussen, Anders Fogh Secretary General, NATO

DNK Rasmussen, Jørgen Huno Chairman of the Board of Trustees, The Lundbeck Foundation

INT Reding, Viviane Vice President and Commissioner for Justice, Fundamental Rights and Citizenship, European Commission

USA Reed, Kasim Mayor of Atlanta

CAN Reisman, Heather M. Chair and CEO, Indigo Books & Music Inc.

NOR Reiten, Eivind Chairman, Klaveness Marine Holding AS

DEU Röttgen, Norbert Chairman, Foreign Affairs Committee, German Bundestag

USA Rubin, Robert E. Co-Chair, Council on Foreign Relations; Former Secretary of the Treasury

USA Rumer, Eugene Senior Associate and Director, Russia and Eurasia Program, Carnegie Endowment for International Peace

NOR Rynning-Tønnesen, Christian President and CEO, Statkraft AS

NLD Samsom, Diederik M. Parliamentary Leader PvdA (Labour Party)

GBR Sawers, John Chief, Secret Intelligence Service

NLD Scheffer, Paul J. Author; Professor of European Studies, Tilburg University

NLD Schippers, Edith Minister of Health, Welfare and Sport

USA Schmidt, Eric E. Executive Chairman, Google Inc.

AUT Scholten, Rudolf CEO, Oesterreichische Kontrollbank AG

USA Shih, Clara CEO and Founder, Hearsay Social

FIN Siilasmaa, Risto K. Chairman of the Board of Directors and Interim CEO, Nokia Corporation

ESP Spain, H.M. the Queen of

USA Spence, A. Michael Professor of Economics, New York University

FIN Stadigh, Kari President and CEO, Sampo plc

USA Summers, Lawrence H. Charles W. Eliot University Professor, Harvard University

IRL Sutherland, Peter D. Chairman, Goldman Sachs International;

SWE Svanberg, Carl-Henric Chairman, Volvo AB and BP plc

TUR Taftalı, A. Ümit Member of the Board, Suna and Inan Kiraç Foundation

USA Thiel, Peter A. President, Thiel Capital

DNK Topsøe, Henrik Chairman, Haldor Topsøe A/S

GRC Tsoukalis, Loukas President, Hellenic Foundation for European and Foreign Policy

NOR Ulltveit-Moe, Jens Founder and CEO, Umoe AS

INT Üzümcü, Ahmet Director-General, Organisation for the Prohibition of Chemical Weapons

CHE Vasella, Daniel L. Honorary Chairman, Novartis International

FIN Wahlroos, Björn Chairman, Sampo plc

SWE Wallenberg, Jacob Chairman, Investor AB

SWE Wallenberg, Marcus Chairman of the Board of Directors, Skandinaviska Enskilda Banken AB

USA Warsh, Kevin M. Distinguished Visiting Fellow and Lecturer, Stanford University

GBR Wolf, Martin H. Chief Economics Commentator, The Financial Times

USA Wolfensohn, James D. Chairman and CEO, Wolfensohn and Company

NLD Zalm, Gerrit Chairman of the Managing Board, ABN-AMRO Bank N.V.

Monday, May 26

RUSSIA, KAZAKHSTAN AND BELORUS TREATY 2015

Russia’s President Vladimir Putin and his Belarusian and Kazakhstani counterparts, Alexander Lukashenko and Nursultan Nazarbayev, will sign the Eurasian Economic Union treaty in Astana on May 29.

The treaty will come into effect on January 1, 2015.
The presidents of three countries “are expected to discuss the functioning of the Customs Union and the common economic space.
“They will consider further expansion of the Eurasian Economic Union, including Armenia’s accession, and preparations for the ‘roadmap’ to bring Kyrgyzstan’s legislation in line with the Customs Union and the common economic space”.
“The creation of the Eurasian Economic Union will allow the countries to reach the higher level of integration”.
“Three states assume obligations to guarantee free movement of goods, services, capitals and workforce and carry out a coordinated policy in such areas as energy, industry, agriculture and transport”..
“So, the largest common market will be formed on the CIS space. It will be a new powerful center for economic development,” the Kremlin says.

A treaty on the Eurasian Economic Union does not contain any clauses regulating political, humanitarian or any other kind of cooperation between its member states, Kazakhstan’s Deputy Foreign Minister Samat Ordabayev told a news conference.

“Political and humanitarian cooperation with Eurasian Economic Union countries will continue,” Ordabayev said. “But our relations in these fields will develop within other platforms - the CIS (Commonwealth of Independent States), the OSCE (Organization for Security and Cooperation in Europe) and the EurAsEC (Eurasian Economic Community) until it functions.”
Ordabayev noted that the original draft treaty had not been confined to trade and economic cooperation. It also contained clauses concerning political cooperation, common citizenship, migration policy, joint protection of state borders and other spheres.
“There was an attempt to insert provisions in the treaty regulating all aspects of our states’ lives,” he said, adding that all issues of non-economic cooperation, not reflected in the Eurasian Economic Union treaty, had already been regulated in bilateral agreements.
“We have established a large-scale legal framework with Russia in various fields, including more than 500 agreements,” Ordabayev said. “We should not fear there will be legal vacuum.”

Customs services of the Customs Union countries will not be integrated in a supranational body in the upcoming Eurasian Economic Union (EEU), Andrei Belyaninov, Head of the Russian Federal Customs Service. The services would remain under their resperctive governments’ control, as each country had its own specific goals. Only methodology related functions will be transferred to the supranational level, said Belyaninov, adding that merging any state bodies under the EEU was not in question.

Saturday, May 24

LA "VARIABILE" STORICO-ECONOMICA DELLA GERMANIA.

Ho trovato sinceramente vomitevole che "La Repubblica" abbia concesso spazio ad un'intervista a Michael Stürmer, controverso storico tedesco noto per essere stato, negli anni '80, uno dei principali consiglieri di Helmut Kohl. 

Stürmer, da storico nazionalista e da strenuo difensore dell'orgoglio tedesco, è a suo modo un nostalgico sia del Kaiser che della Repubblica di Weimar (non pubblicamente del III° Reich perché, in Germania, non sarebbe 'politicamente corretto'), e si ispira molto, politicamente, alla figura di Gustav Noske. 

Si spaccia per un paladino dell'Euro e per un difensore dell'attuale (e fallimentare) modello di Europa, scagliandosi violentemente contro i partiti ed i politici 'populisti', anti-Euro o anti-europei che si apprestano a sbarcare numerosi sui banchi del fittizio europarlamento, definendoli senza mezze misure «cinici, spregiudicati e senza scrupoli morali», soltanto perché il suo è in realtà un modello di Europa germanocentrico. 

È quindi in realtà un lupo travestito da agnello, è un autentico anti-europeo (se si intende il Vecchio Continente come un Europa dei popoli) mascherato da europeista. 

E, purché l'Europa sia e continui ad essere germanocentrica, ben vengano per Stürmer le politiche di rigore della Merkel. Politiche di rigore che schiacciano e affondano la maggior parte dei paesi dell'Eurozona, in primis la Francia, l'Italia, la Spagna, il Portogallo e la Grecia. Stürmer è violentemente anti-francese e anti-italiano. 

Egli concepisce solo la Germania ed un Europa guidata e diretta dalla Germania. Non vi è per lui un'alternativa a questo modello, anche se, per essere (e continuare ad essere) germano-centrica, l'attuale Europa ha dovuto prostituirsi al sistema bancario e alla finanza internazionale, trasformandosi in una bieca tecnocrazia che i popoli europei (fra cui buona parte degli stessi Tedeschi) vedono ormai con odio e ostilità.

Trovo naturale che uno come Stürmer sia stato fra i principali consiglieri di Helmut Kohl. Kohl, che Berlusconi ingenuamente esalta polemizzando con la Merkel, è stato uno dei massimi responsabili dell'affossamento della nostra industria e della nostra economia. Durante il suo cancellierato ha deliberatamente portato avanti un piano ben congegnato per indebolire e rendere inoffensive sia l'economia italiana che quella francese, permettendosi inaudite ingerenze sulla linea adottata dai dicasteri economici dei paesi concorrenziali alla Germania. 

Sono infatti note (purtroppo non abbastanza al grande pubblico) le sue pressioni in stile mafioso e ricattatorio sulla Banca d'Italia e sul Ministro del Tesoro Guido Carli. Pressioni che portarono all'esautorazione di Nino Galloni, 'colpevole', a dire di Kohl, di remare contro gli interessi della Germania. E soltanto perché Galloni, nel suo lavoro al Ministero, stava operando per una riduzione dei nostri tassi di interesse e aveva aperto un dibattito per rimettere in discussione il divorzio fra il Tesoro e la Banca d'Italia. Divorzio che, come ben sappiamo, è stato la principale causa dell'aumento esponenziale del nostro debito pubblico.

Giulio Andreotti, in quella delicata fase politica, aveva ben compreso la situazione ed era nettamente contrario ad una riunificazione della Germania, riunificazione che avrebbe rafforzato il disegno di Kohl di costruire un'Europa germanocentrica destabilizzando l'economia e l'industria delle nazioni rivali. È rimasta infatti famosa la frase di Andreotti che, rispondendo alla domanda «ma lei perché ce l’ha tanto con la Germania?», rispose: «no, io amo la Germania. Anzi, la amo talmente tanto che mi piace che ce ne siano addirittura due! ».

La Germania di Kohl, pur di ottenere ad ogni costo l'ambita riunificazione e di annettersi la DDR, dovette scendere a patti con la Francia e siglare un tacito accordo che prevedeva la rinuncia al Marco in funzione dell'adozione di una moneta unica europea, che di lì a pochi anni si sarebbe concretizzata. Come ha denunciato Nino Galloni, affinché questo accordo tra Kohl e Mitterand potesse reggere, occorreva deindustrializzare e indebolire l’Italia. Non potevano permettere che entrassimo nel circuito di una moneta unica con i nostri standard economici di allora e, soprattutto, con il nostro elevato livello di industrializzazione e di competitività.

È vero che l'industria italiana stava, in quella fase, già perdendo colpi, ma eravamo ancora in una situazione di assoluto dominio nel panorama manifatturiero internazionale. Eravamo al quarto posto nel mondo per le esportazioni, una indiscussa potenza dal punto di vista industriale e manifatturiero, e sarebbero bastati pochi interventi, concentrati soprattutto sulla ripresa degli investimenti pubblici, per surclassare del tutto la Germania. 

Si andò invece nella direzione opposta, entrando nell'infausta stagione delle privatizzazioni selvagge, che furono possibili soltanto in conseguenza del terremoto di Tangentopoli; privatizzazioni delle quali beneficiarono, più che lo Stato, i soliti 'noti', e che dettero un duro colpo alla nostra industria a partecipazione statale. 

Esattamente quello che voleva, e che ha ottenuto, Helmut Kohl, anche grazie, soprattutto, alla complicità di una sinistra italiana (il PCI-PDS-DS oggi PD) e al suo scellerato 'patto col diavolo' con la grande finanza internazionale globalista e bilderberghina. Ricapitolando, con i governi di Prodi e di D'Alema, si è avviata in Italia quella politica di deindustrializzazione voluta e ottenuta da Helmut Kohl, affinché il nostro Paese non rappresentasse più per la Germania un pericoloso concorrente e si trasformasse in un obbediente subalterno

Fu la fine delle grandi politiche industriali e delle strategie di crescita e di sviluppo, quelle strategie delle quali, non a caso, Pier Luigi Bersani, nel suo ruolo di Ministro dell'Industria, teorizzò l'inutilità.

A completare questo drammatico quadro ci pensò la trasformazione del sistema bancario da servizio di utilità e di credito per il cittadino e le imprese a cartello di lobby banditesche dedite quasi esclusivamente al settore speculativo. 

Non c'è quindi da stupirsi se "La Repubblica", notoriamente espressione, oltre che di una certa sinistra radical-chic, dei grandi poteri forti speculativi e finanziari che hanno affossato l'Italia, abbia dato voce a un personaggio come Michael Stürmer, principale consigliere di Kohl in questa sua ben riuscita crociata anti-italiana. 

Lo stesso Stürmer, oggi merkeliano di ferro, che si scaglia con rabbia, in vista delle imminenti elezioni europee, contro quelle forze politiche legittimamente euroscettiche che egli taccia di cinismo, di spregiudicatezza e di essere  addirittura senza scrupoli morali!

Si capisce, dalle sue parole, che Stürmer è terrorizzato da quelli che lui chiama i 'populisti', colpevoli, a suo dire, di mettere in discussione l'abominevole castello della Banca Centrale Europea e la sua moneta unica che fino ad oggi ha prodotto solo danno e miseria. È terrorizzato a tal punto da mettere fra questi 'populisti' anche Silvio Berlusconi, sostenendo che la Merkel fa bene ad ignorarlo perché, se gli rispondesse, farebbe solo salire le sue quotazioni.

Stürmer definisce la Francia e l'Italia «due bombe a tempo», capaci di far esplodere l'eurozona e di scardinare quindi l'egemonia tedesca, e lascia intendere che, se dipendesse da lui, commissarierebbe l'Europa «per salvarla dai populisti». Attacca poi Schröder e Chirac, che definisce «due cinici» soltanto perché, accortisi della follia degli euro-fanatici oggi al comando in Germania e a Bruxelles, tentarono di rimettere in discussione i parametri di Maastricht. 

E arriva addirittura, senza alcun ritegno, ad incolpare questi due leader per il fatto che proprio per rimediare a loro presunti errori si sarebbe resa poi necessaria la folle politica di austerità degli ultimi anni. Niente di più falso!

In realtà, nel caso specifico della Germania, ritengo che Gerhard Schröder sia stato il miglior Cancelliere del dopoguerra dopo Helmut Schmid. Negli anni del suo mandato, dal 1998 al 2005, ha rimediato a molti errori di Kohl e è stato artefice di importanti riforme. 

Il suo Governo è stato caratterizzato dalla sua ferma opposizione alla guerra di aggressione americana all'Irak di Saddam Hussein, da politiche per le donne e per le famiglie (con miliardi di Euro stanziati per la costruzione di asili nido) e da una grande riforma sociale (l'Agenda 2010), fortemente contrastata dai suoi avversari politici e dalla sinistra dell'SPD. E i suoi rapporti con l'Italia sono semprestati sinceri e cordiali.

Ho personalmente conosciuto Gerhard Schröder a Teheran nel 2009, dove si trovava per un vertice sul gas, in qualità di consigliere della Gazprom e di direttore del progetto per il gasdotto russo-tedesco. Alloggiava nel mio stesso hotel e una sera trascorremmo un paio d'ore a conversare di politica e di economia. 

Si è rivelato una persona estremamente simpatica e disponibile, e devo dire di aver apprezzato e condiviso molte sue posizioni in vari campi. Soprattutto, alla luce di alcune cose che ci siamo detti, ho compreso perché, terminato il suo cancellierato, sia andato a lavorare per Putin e perché non può oggi esistere e prosperare un'Europa che non abbia un forte legame con la Russia.

Ritengo che se Schröder fosse diventato Cancelliere prima, negli anni di Kohl (e in particolare nel periodo 1990-1998), oltre che per la Germania anche per l'Italia le cosa sarebbero andate in maniera diversa. La Storia non si fa con i se e con i ma, ma è probabile che avremmo forse avuto un'Europa un po' diversa dal mostro tentacolare e tecnocratico che abbiamo oggi. Un'Europa più solida, più forte e più aperta verso la Russia. 

E forse l'Italia avrebbe meglio salvaguardato le proprie politiche industriali e non ci troveremmo ad essere stati commissariati e governati da inquieranti personaggi come Mario Monti, Gianni Letta e Matteo Renzi (vedi Giorgio Napolitano).

UKRAINE INTO CIVIL WAR

Russian Defense Minister Sergei Shoigu said at the opening of an international "Conference on Global Security" that Ukraine has practically slid into civil war.

"After the president was forcibly removed from power with active involvement of external forces, the country has practically slid into civil war," the Russian minister said in Moscow, and warned that a focal point of tension has been artificially created in Europe.

The 3rd Moscow International Security Conference is attended Serbian Defense Minister Bratislav Gašić. Shoigu spoke about the impact of "color revolutions" on global security and pointed out that those were an important factor of destabilization in many regions of the world. 

Among the negative examples, he mentioned "the war against Serbia." 

"The phenomenon of colored revolutions becomes an important factor of destabilization in many regions of the world. Under the pretext of spreading democracy, someone else's values are imposed on people. Socio-economic and political problems of some countries are used to replace nationally oriented governments with regimes that are controlled from abroad," said the high ranking Russian official, adding that all this provides "the sponsors" unhindered access to the resources of those countries. 

According Shoigu, "color revolutions" have increasingly been gaining the form of armed struggle, using all available means, including information war and special purpose forces. 

"To increase the effect, military force can be used to the full extent. The war against Serbia, the strikes on Libya, the intervention in the conflict in Syria are a confirmation of that," he warned

In each scenario, Shoigu noted, the cause of foreign interference was different, but the scheme of its realization was "universal": information-related activities - military pressure - replacement of political leadership, and a change of foreign policy and economic vectors of a state. 

If, the Russian minister added, they fail to replace a Country's government, conditions are then created for armed conflict to take place in order to further shake up a government they do not like. 

The war against Yugoslavia was also mentioned as a negative example by Russian Foreign Minister Sergei Lavrov, who spoke after Shoigu, and Chief of Staff of the Russian Armed Forces and Deputy Defense Minister Valery Gerasimov

Commenting on the situation in Ukraine, Gerasimov said that "the dynamic of events does not allow for any further predictions of future developments." 

"But it can certainly be assumed that in the resolution of the Ukrainian crisis a decisive factor will be the strengthening of military force and the extent of its application, which will inevitably have a negative impact on the state of European security." 

He warned that some Western Countries have increased their anti-Russian rhetoric, while NATO's military groupings in the Baltic States, Poland, Romania have also been enhanced. That military alliance is also present in the waters of the Baltic, the Black Sea and the Mediterranean, the general remarked

"Under these circumstances we cannot remain indifferent to the events and will have to take measures in response," Gerasimov said, without specifying what those measures would be. 

He also noted that conflicts within states ceased to be purely internal and increasingly take on an international character, warning that the use of non-state armed forces as the main instrument of force in conflicts leads to a growth of uncontrolled power in the world, such as terrorism, extremism, cross-border organized crime, and mercenaries

"Whole regions are descending into chaos. This situation is just as dangerous for those against whom it is directed, as it is for those who created it. Color revolutions are one of the main sources of its origin".

RUSSIA: "PROGETTO AQUILA D'ORO".

In una delle sue relazioni più scioccanti dall’inizio della crisi ucraina, il Ministero degli Affari Esteri avverte che il presidente Putin ha ordinato l’immediata attuazione del “Progetto Aquila d'oro”, che una volta pienamente realizzato farà in modo che tutta l’energia globale sarà acquistata in oro ponendo così fine al regno del dollaro statunitense come valuta di riserva globale e il collasso delle economie degli Stati Uniti e dell’Unione europea.

Il “Progetto Aquila d'oro”, chiede che la Banca Centrale della Federazione Russa (CBR) inizi la produzione di monete da 5 Rubli d’oro contenenti 0,1244 once troy di Oro puro, con un diametro di 18 millimetri, decorate con una doppia aquila schermato e coronata le quali diventeranno l’alternativa mondiale sia al dollaro USA che all’euro per l’acquisto di forniture energetiche.

Fondamentale notare, secondo questa relazione, che il “Progetto Doppia Aquila” prevede la creazione di un nuovo “sistema di pagamento nazionale” che consentirà alla Russia di costruire le fondamenta che potrebbero presto offrire un’alternativa alla Società per le telecomunicazioni finanziarie interbancarie mondiali ( SWIFT ) del sistema bancario e permettere alle nazioni di tutto il mondo la possibilità di allontanarsi dal dollaro americano e dall’egemonia degli Stati Uniti.

La causa dietro la reazione “furiosa” di Putin di ordinare il “Progetto Aquila d'oro”, secondo quanto afferma la relazione, è stata il blocco “illegale e assurdo ” di una rimessa dall’ambasciata russa ad Astana, in Kazakhstan verso la SOGAZ Insurance Group da parte della più grande banca degli Stati Uniti, J.P. Morgan questa settimana attraverso SWIFT e alla quale il portavoce del ministero degli Esteri Aleksandr Lukashevich ha risposto dichiarando: “Se con questo la società finanziaria americana ha voluto “guadagnare punti” agli occhi della Casa Bianca, ha evidentemente esagerato. 

Washington deve capire: Ogni azione ostile alla missione diplomatica russa rappresenta non solo una violazione del diritto internazionale, ma può anche essere fonte di contromisure, che inevitabilmente influenzeranno il lavoro della Ambasciata degli Stati Uniti e dei consolati generali in Russia”.

A parte la messa in opera da parte di Putin del “Progetto Aquila d'oro”, Questa relazione fa notare, che egli ha inoltre ordinato che Sberbank, la più grande banca in Russia e in tutta l’Europa orientale, interrompa l’emissione di prestiti al consumo in valuta estera, una mossa che il sito finanziario americano altamente influente Zero Hedge ha avvertito “è la miccia che elimina la scelta alla Russia se lasciare o meno i petrodollari volontariamente e lo rende una opzione obbligatoria”.

Importante notare su SWIFT, secondo quanto afferma la relazione, è che esso è il “collante” che tiene il sistema monetario globale attaccato al dollaro USA e che questa “banca delle banche centrali ” funziona come mezzo per lo scambio di valuta ed è stata il perno centrale per le transazioni delle materie prime e di energia globali legate alla valuta di riserva, ma un sistema russo basato sull’oro “distruggerebbe tutto in una quindicina di giorni”.

Inoltre, a questo nuovo sistema mondiale bancario russo legato all’oro alternativo allo SWIFT, la relazione afferma, si uniranno le altre nazioni BRICS (Brasile, India, Cina e Sud Africa) che hanno all’unanimità e, in molti modi, con forza sostenuto la posizione della Russia in Crimea contro gli Stati Uniti e l’UE. 

Con gli Stati Uniti che devono pagare i propri oligarchi il 26% delle entrate fiscali disponibili per interessi, questa relazione continua, e con l’Unione Europea che ha ora avvertito che le sarebbe costato 215 miliardi dollari fermare le importazioni di gas russo, la CBR ha potuto sollevare riserve auree russe di oltre 1.040 tonnellate mostrando la sua forza contro le banche centrali occidentali che vivono solamente del denaro stampato.

Per sostenere il “Progetto Gold Eagle” contro l’inevitabile contraccolpo USA-UE, la relazione rileva, il Ministero delle Risorse Naturali riporta che il Progetto Natalka ha già avviato la produzione ed è in grado di fornire al CBR una “scorta infinita” d’oro per favorire il successo di questa nuova valuta globale per gli acquisti di approvvigionamento energetico. 

(Nota: La Russia ha le seconde maggiori riserve auree del mondo a 12.500 tonnellate, oltre 400 milioni di once, e il Progetto Natalka, situata nella regione di Magadan, è considerato uno dei più grandi giacimenti d’oro nel mondo e dispone di 32 milioni di once di riserve probabili e una risorsa totale di 60Moz + e ha iniziato la produzione questo mese).

La cosa più inquietante di cui parla questa relazione, però, è il suo monito che l’annessione della Crimea è diventata una “giustificazione” per gli Stati Uniti nel degenerare la propria presenza militare praticamente ovunque, anche vicino alla Russia e che le forze della Nato stanno progettando accumuli di massa di nazioni del Caucaso come l’Armenia e l’Azerbaigian volte a spaccare la Russia.

E per l’assurdità assoluta della propaganda di guerra USA-NATO contro la Russia, al fine di giustificare i loro accumuli di truppe, questa relazione conclude, nessuno deve guardare più in là di NBC News, che all’inizio di questa settimana ha pubblicato un articolo del giornalista Jim Maceda, intitolato: “Il Tour del confine tra Ucraina e Russia non trova segni di rafforzamento militare”, ma poi è tornato indietro  e oggi ha pubblicato un articolo intitolato “Non ci sono Segni del ritiro delle truppe russe dal confino con l’Ucraina”.

Come possa la Russia “ritirare” truppe che non sono nemmeno lì, la NBC News non lo dice, ma essa non da neanche il tempo ai suoi spettatori di notare la propria ipocrisia finalizzata alla guerra. (…)

Friday, May 23

GEORGE SOROS ALIAS GEORGE SCHWARTZ VS RUSSIA


Glenn Beck ran a terrifying expose of George Soros last night. Seriously, the first seven minutes are so frightening we couldn't bring ourselves to watch anymore. 

If Beck is right, George Soros is going to break the US dollar like he broke the British pound, like tomorrow. Thank god he's not. 

We only heard one source mentioned in the first 7 minutes: Political analysts. Also, George Soros conspiracy theorists are a dime a dozen. So it seems only natural that Beck picked up on the story. 

The Soros conspiracy has three elements right up his alley: an anti-capitalist, an anti-USA billionaire, and something that's about to blow up bigtime.

He re-counts the rest of the theories and boom, the scariest show we've ever seen. Ratings gold.

His claims:

1. Soros collapses currencies AND regimes (Britain)

2. He has funded revolutions in the Czech Republic, Ukraine, Serbia and Georgia

3. He staged coups in Slovakia, Croatia, Serbia, Bosnia, Kosovo, Montenegro, Albania and Greece.

4. He wants to overturn the US. "He has said it himself on a number of occasions that, 'what I have done in terms of overturning bad governments, I am going to do in this Country."

5. He has the support of Hilary Clinton - who has said "Our country needs us. We need people like George Soros who is fearless and willing to step up when it counts."

6. The "Shadow Party" that he has created in the US is modeled after the "Shadow Party" he created in other countries, shortly before he instigated a coup. The Center for American Progress is one of the first of his "Shadow Party" groups. What's their job? Gain control of the conservative media.

7. George Soros' real name was George Schwartz.

8. He's going to take down the United States of America. "The biggest threat to a stable world order is the U.S."

9. Soros has visited the White House at least 4 times this year.


11. Soros wants the world to be a global society without individual governments, and with one global gatekeeper. Guess who!

A-100: IL MASSIMO TECNOLOGICO RUSSO IN"OPEN SKY"

In Russia sarà presto prodotto il nuovo, modernissimo velivolo da ricognizione di allarme e controllo aereo modello A-100. 

L’aeromobile sostituirà su richiesta il suo omologo dell’aeronautica militare russa A-50. Gli aeromobili di nuova 5° generazione A-100 permetteranno di migliorare notevolmente le opportunità per l'esplorazione, il pattugliamento e la gestione. 

Secondo informazioni a disposizione pubblica, il complesso riesce a rivelare bombardieri ad un raggio di 650 chilometri, aerei da combattimento ad un raggio di 300 km e bersagli a terra, come le colonne di carri armati alla distanza di 250 chilometri. E anche con la capacità di esplorazione, elaborazione e reporting su oggetti di qualsiasi livello.

Il complesso interspecifico aeromobile di allarme in volo, noto come A-100, creato sulla base dell’IL-476 in collaborazione tra le imprese dell'industria della difesa russa. Questo complesso aereo operativo-strategico ha capacità balistiche e aerodinamiche uniche per il rilevamento e la selezione di bersagli in aria, terra, superficie, comprese le strutture ipersoniche senza equipaggio. 

Indubbiamente questo è uno dei sistemi di trasporto aereo più complessi del mondo. Per ora possono creare in modo indipendente tali complessi solo due Paesi, uno dei quali è Russia. Gli aeromobili A-100 saranno dotati di moderni sistemi radio con matrice attiva di fase (AESA) di ultima generazione. Così come le strutture informatiche superpotenti basate su cluster di supercomputing interno per il trattamento delle informazioni. 

Probabilmente come parte integrante delle Forze Aeree russe, questo complesso sarà un elemento chiave di intelligence e controllo per tutti i rami delle Forze Armate. Ma per condurre la ricognizione nell’ambito del trattato internazionale OPEN SKY si può utilizzare il sistema di sorveglianza basato sul TU-214ON dell'aviazione militare russa. Per il ministero della Difesa russo sono già stati costruiti due mezzi ON completamente attrezzati del velivolo d'osservazione e di tutti i sistemi di monitoraggio delle infrastrutture a terra. 

La società Vega in questo caso è il produttore principale, ha detto Vladimir Verba: Il sistema di sorveglianza aerea che abbiamo dato in dotazione a tutti sono mezzi di monitoraggio aereo consentiti dal Trattato OPEN SKY. 

Durante l'esecuzione delle missioni d’ispezione russa, si possono condurre osservazioni globali della superficie in varie gamme di lunghezza delle onde elettromagnetiche: infrarossa, ottica, fotografica, video, radar.

Secondo il direttore generale le preoccupazioni espresse dai media occidentali circa le presunte superiorità tecniche dei complessi aerei americani sono assolutamente infondate. 

Dopo aver superato il sistema di certificazione internazionale Tu-214ON potrà essere utilizzato per i voli di controllo sui territori dei Paesi partecipanti al Trattato. 

Oggi sono 34 gli Stati, compresi gli Stati Uniti. Alla presentazione del sistema d'osservazione OPEN SKY a Vienna gli esperti occidentali hanno riconosciuto che la Russia è riuscita a creare il migliore aeromobile per OPEN SKY.

E' UN OSSIMORO MA E' L'INIZIO DELLA FINE PER L'EUROPA

Tra i dossier più caldi della prossima legislatura a rischiare lo stop c‘è l’accordo per l’area di libero scambio UE-USA, sul quale Marine Le Pen ha annunciato una dura battaglia in nome del ritorno a discussioni a livello nazionale. 

Un trattato che ha già sollevato diverse critiche per la poca chiarezza su clausole, contenuti ed effetti per i 28 paesi membri, ma la cui bocciatura potrebbe essere strumentalizzata per indebolire la logica dello stesso mercato interno europeo. Per quanto osteggiati da sempre dalla Germania, l’arrivo in massa degli euroscettici archivierebbe per sempre una qualunque ipotesi d’introduzione degli eurobond.

Non dovrebbero ottenere più di un quarto dei seggi del nuovo Parlamento UE, abbastanza comunque per formare un nuovo gruppo politico. Il fronte degli euroscettici, che avvicina Francia- Italia- Ungheria-Paesi Bassi Finlandia e Austria in nome del ritorno alla piena sovranità nazionale, spaventa Bruxelles. Non tanto per gli esiti catastrofici sulla tenuta del progetto comunitario, quanto per un più probabile e minaccioso rischio paralisi della futura attività istituzionale.

Ma non basta. Nei prossimi cinque anni in nome della guerra agli sprechi e del risparmio nazionale, Bruxelles potrebbe veder diminuire sensibilmente il proprio bilancio annuale. Questo significherebbe la fine di alcuni importanti programmi comunitari. Primo l’Erasmus. Al centro della battaglia politica dell’asse Le Pen, Wilders, Farage sicuramente l’immigrazione. 

E’ probabile dunque che anche nei prossimi cinque anni non si faranno passi avanti verso la realizzazione della politica estera e di difesa comune, con conseguenze negative sulla possibilità di gestione dei flussi migratori a livello comunitario. Con buona pace per Italia, Grecia, Spagna e Malta, che da anni lamentano di essere lasciati soli a gestire l’arrivo dei flussi dal Mediterraneo.

Il rischio paralisi è tanto più alto quanto più è eterogenea la compagine euroscettica che si appresta ad arrivare a Bruxelles. Il movimento Cinque Stelle ad esempio dovrà scegliere se e in quale gruppo politico entrare, pena la marginalizzazione della propria presenza in aula. 

Un freno per un’istituzione che dovrebbe invece poter contare su una straordinaria accelerazione della propria attività al fine di consolidare l’uscita dalla crisi economica. Una crisi i cui effetti sono ancora tangibili in moltissimi Paesi europei.

Wednesday, May 21

LA NATO PROVOCA UNA REAZIONE RUSSA SENZA RITORNO

La NATO aumenta la sua presenza militare al fianco strategico dell'Europa orientale, questo  in risposta all'adesione della Crimea alla Russia, ha dichiarato il vice presidente Joe Biden, intervenendo a Bucarest davanti ai partecipanti delle manovre militari congiunte rumeno-americane.

Il vice presidente Joe Biden ha ricordato che la Romania ha già ospitato navi della Marina militare statunitense. Queste nuove esercitazioni, sono state condotte con i caccia F-16 e F-18. Secondo Biden, nei prossimi giorni nuove navi da guerra arriveranno, compreso l'incrociatore missilistico "Vella Gulf" saranno nel Mar Nero.

In precedenza, il ministro della Difesa russo Serghej Shougu ha già denunciato un aumento senza precedenti delle attività NATO nell' Europa dell' Est.

Monday, May 19

AFTER CLINTON ANOTHER "PROPAGANDA" IN MONTENEGRO

In an interview for the Mail Online last year, Malik Obama, who has 12 wives and has been criticized for his ties to former Libyan dictator Muammar Gaddafi, said he was fed up with people accusing him of cashing in on his half-brother’s name.

Back in 2011, the charity was the focus of controversy in the United States after an investigation reported that the foundation, which collects funds in the US, obtained tax-exempt status in a record period of only a month.

Malik Obama is the founder and president of the “Barack H Obama” Kenyan charity foundation. Named after Malik’s and Barak’s late father, it aims to improve healthcare, literacy, education and general living conditions for the poor.

Malik Obama, who runs a charity foundation,  said it was time for the people of the Balkans to turn to one another and cooperate closely to ensure a better life.

"After the wars, peace and friendship can be built again and the Balkans can show that in the best possible way," Malik said on a visit to Bijelo Polje, in northern Montenegro, which the OSCE has named the most ethnic-tolerant town in the region.  

Malik Obama arrived in Montenegro on Friday and has met President Filip Vujanovic and visited the mosque in the capital, Podgorica.

Last year, Malik Obama ran for the post of governor of the Kenyan county of Siaya, but lost.

How much it is the price of this "fun propaganda" show? Who's payed for it??

Sunday, May 18

U.S.A. PAYS PRIVATE ARMIES DEPLOYED IN UKRAINE

The US private military companies Blackwater and Greystone are are mentioned increasingly often. Blackwateris actually doesn't exist. It has changed its name several times and is now called Academi. It's the biggest private army of the world. 

Blackwater is one of its subdivisions. 90 percent of orders for both companies come from the US Department of State, the Pentagon and even the White House. They can collect from 5,000 to 10,000 "soldiers of fortune" under their standards.

At least 650 servicemen were killed, wounded or taken prisoner in the past ten 10 days, he said. There are 70 foreigners among them and of those 13 agents of the US Federal Bureau of Investigation and CIA were killed and 12 others were wounded, Ponomaryov told reporters.

A CIA official claimed on the US embassy in Berlin's official Twitter page of the that no such incidents had taken place and that allegations by pro-Russian activists did not correspond to reality.

According to reports from Donetsk, another group of US mercenaries has landed at the local airport, mercenaries that the 'Maidan'-approved government in Kiev is going to use for a mop-up operation in the region. 

Deputy Chief of People's Self-Defence of Donbass, Sergei Tsyplakov, claims that 100 "soldiers of fortune" have arrived this time. Judging by US and UK press reports, the overall strength of the ground force that the Kiev-based government will send to the South-East of Ukraine makes up 1,800.

Tiffany Anderson of Greystone said on April 10th the organization has no soldiers deployed in the east or south of Ukraine. But this kind of denial is quite common for private armies, so hardly anyone will take it seriously. 

The founder of Blackwater, Erik Prince has told ABC television that they normally remain in close contact with the State Department, the CIA and the Pentagon, so it's perfectly normal to remain super secretive.

Late last year, Prince published a book, Civilian Warriors. The Inside Story of Blackwater and the Unsung Heroes of the War on Terror. 

According to what he writes, U.S. Iintelligence Agencies always ask them to do some job in far-away Countries. "Soldiers of fortune" do that job, without commenting on it ever after. "The job we do is very serious, so no one should better know about it".

Journalists asked him to explain his statement that President Obama is perfectly aware of what private armies in the US government's service do.

"You claim in your book that your ties with President Obama are stronger than he will ever agree to admit. Just what does that mean?" the journalists asked.

"This means we are involved in the effort to carry out some key programmes that he sees as ones of vital importance to the United States," he replied.

The Blackwater and Greystone units for large-scale operations normally constitute up to 100 to 300 people. This means six hit squads have already been flown to Ukraine. 

The soldiers are paid 300 to 1,500 dollars per day. According to the British press, the US pays 8 million dollars a month to have its private armies deployed in Ukraine.

According to retired Lieutenant Colonel from the Russian security service, Andrei Popov, it is pretty difficult to identify Greystone or Blackwater mercenaries during an operation. 

They are normally made to look like local police or security service units. "They are currently armed as the security service troops they are passing themselves off as. 

They carry Kalashnikov sub-machineguns and Makarov pistols, as well as our bulletproof vests. 

But they use closed communications channels, and that's how they can be recognized as mercenaries. They are trained just as any task force, but are absolutely unscrupulous. 

They have no idea of human feelings, that’s why they are used for bloody suppressions of local protests."

The US may also have recruited former task force soldiers, police officer or Marines of various nationalities for a specific operation, which looks like a private foreign legion.