Saturday, November 29

TITO

La pace durerà cent'anni, ma dobbiamo esser pronti a entrare in guerra domani.
Josip Broz Tito (1892 – 1980) Leader mondiale e Uomo di Stato.

Libro consigliato.

Friday, November 28

A DANGEROUS C.I.A. REFORM

By A.Goodman

CIA Director John Brennan is promoting a reorganization scheme at the Central Intelligence Agency that will make it more likely that intelligence analysis will be politicized to support the interests of the White House and senior policymakers.

The organizational change that he favors would abolish the directorates of intelligence and operations, which were designed to maintain a bureaucratic wall between intelligence analysis and clandestine actions, in order to create regional and functional “centers” that would place analysts and operatives side-by-side. There is no doubt that such centers would do great harm to the production of strategic intelligence and would increase the likelihood of politicizing all intelligence production.

The CIA already relies heavily on so-called fusion centers, such as the Counter Terrorism Center (CTC) and the Counter Intelligence Center (CIC), which combine intelligence analysts and clandestine operatives. These centers were responsible for the operational failures in 2009 that allowed a Nigerian terrorist to board a commercial airline flight to the United States and enabled a Jordanian suicide bomber, a double agent, to enter (and blow up) the most sensitive CIA base in Afghanistan.

More recently, the CTC contributed to the intelligence failure regarding the danger and the lethality of the Islamic State in Syria and Iraq, which has contributed to the policy nightmare in the Middle East that just claimed a major bureaucratic victim, Secretary of Defense Chuck Hagel. And let’s not forget the role of the CTC regarding the 9/11 intelligence failure, the most important intelligence setback since Pearl Harbor 60 years earlier.

The analysts in these centers do serve an important purpose as “targeting analysts,” which allows them to concentrate on identifying targets for drone attacks in the case of the CTC or for counter-intelligence operations in the case of the CIC. This is very tedious and parochial work, but very different from the kind of academic and analytical work needed to produce trenchant analysis on long-term geopolitical concerns regarding Russia, China, North Korea, and Iran.

There is already too much insularity in these regional offices, which do not take full advantage of outside experts, and combining analysts and operatives will lead to greater parochialism.

The “centers” that currently exist have become more or less service centers for policymakers, answering specific questions and preparing requested briefings, but not distinguished for exploring new ideas or for sponsoring competitive analysis. They often justify themselves by citing the numbers of briefings given to policymakers or staffers, with an emphasis on quantitative evaluation and rarely on qualitative assessment or lessons learned.

This is similar to the evaluation that takes place in the National Clandestine Service (formerly the directorate of operations) that grades its operatives on the number of recruitments rather than the usefulness of the intelligence that is elicited from these recruits.

Clandestine operatives are deeply involved in policy; they rely on secrecy and hierarchy and reluctantly share information on a strict need-to-know basis. Intelligence analysts must have no policy axes to grind; their credibility rests on that fact. Serious intelligence failures, such as the lack of warning about the decline of the Soviet Union or the phony assessments of Iraqi weapons of mass destruction, occurred when policy advocacy hampered the flow of intelligence information.

CIA directors and deputy directors such as William Casey and Robert Gates were involved in the Soviet failure; George Tenet and John McLaughlin played key roles in preparing the phony intelligence case for going to war against Iraq. We will be paying for these cases of politicized intelligence for a long time.

One of the most important factors in the decline of the CIA over the past 30 years has been the inability to produce relevant strategic intelligence and to prepare timely national intelligence estimates. The intelligence from the fusion centers concentrates on tactical warning, but does a poor job of producing intelligence that explains the “why” and “wherefore” of geopolitical events.

There is already too much “opportunity analysis” at the CIA, which finds analysts pointing out possible lines of action for policymakers based on intelligence information.  This kind of analysis clearly breaches the firewall between intelligence and policy that Casey and Gates ignored in the 1980s and Tenet and McLaughlin exploited more recently.

There are many examples of the misuse of clandestine collection to suit policy interests and ignore intelligence requirements. In Central and South America, clandestine operatives contributed to the cover-up of human rights abuses to satisfy the Reagan administration in the 1980s.

In Southwest Asia, operatives often censored or simply ignored reporting on strategic weaponry in Pakistan to satisfy the Nixon administration in the 1970s and the Reagan administration in the 1980s. President Nixon wanted to protect Pakistan as a conduit for conducting secret diplomacy with China; President Reagan wanted to protect Pakistan as a conduit for arms shipments to the mujahedeen fighting the Soviets in Afghanistan.

Previous CIA failures led to reform measures, but this has not been so in more recent times. The CIA corruption of the 1960s and 1970s during the Vietnam War led to the creation of the congressional oversight committees as well as a congressional review function for covert action. The Iran-Contra scandal of the 1980s led to the creation of a statutory or “independent” Inspector General (IG) at the CIA, appointed by the president with the advice and consent of the Senate.

There have been no recent reform efforts at the CIA despite the intelligence failures of 9/11 and Iraqi WMD as well as the operational degradation of torture and abuse, extraordinary renditions, and erroneous detentions. In fact, the Obama administration and then CIA Director Leon Panetta combined several years ago to weaken the office of the Inspector General, even the statutory IG himself.

CIA Director Brennan, who is already part of a constitutional crisis by lying to the chairwoman of the Senate intelligence committee and blocking a Senate report on torture and abuse, is now lobbying for a “reform” that will do even more harm to the CIA’s original mission to produce strategic intelligence.

"SHALE OIL" DESTINATO A IMPLODERE? RUSSIA LA REGISTA.

L'OPEC ha deciso di non tagliare la produzione di petrolio,  lasciando alla strategia saudita di tenere basso il prezzo. Così facendo, fibrilleranno -tra mille difficoltà- i produttori nord-americani di "Shale Oil". Questa strategia saudita è stata preparata e condivisa con la Russia contando, in futuro, sull'aiuto primario di Vladimir Putin.

Dalla sintetica e breve riunione dell'OPEC a Vienna, si evidenzia che i sauditi considerano lo "Shale Oil" un pericoloso avversario commerciale. Ragione per cui Putin pur di ribaltare la sua posizione da aggredito a quella di aggressore, ha accettato di "formare cartello"  con i sauditi, da Hormuz alla Siberia.

Brevemente, questa è la sostanza a del più trepidante e importante "summit" di tutti i tempi, nella storia dell'OPEC. Il ministro saudita del petrolio, Ali al-Naimi, inizia la giornata con un comunicato diffuso dall'AP, prima di uscire dal''hotel: "c'é l'accordo con i Paesi del Consiglio di Cooperazione  del Golfo sul mantenimento della produzione a 30 milioni di barili al giorno". Ovvero: Kuwait, Emirati Arabi Uniti e Qatar, fanno quadrato con l'Arabia saudita.

Poco dopo entrando nella sede del "summit", lo stesso ministro saudita ricorda alla stampa internazionale, in attesa, che esiste una concreta convergenza con la Russia". Anche se quest'ultima non fa parte della Cooperazione OPEC, pur restando la Russia, uno dei maggiori produttori al mondo, sosterrà il taglio della produzione mondiale.  

Ad inizio novembre, al Cremlino, Serghej Lavrov ha ricevuto il collega saudita, Saud al-Faisal, firmando bilateralmente un "vincolo" denominato:" Crisi Regionali e Petrolio". In questo documento di estende la prorompente strategia tra Russia e OPEC, e non solo.

Il sostegno della Russia conta molto per il ministro saudita del petrolio, al-Naimi, durante il "summit", sarà essenziale il sostegno di Vladimir Putin per neutralizzare l'opposizione interna all'OPEC dell'Iran, favorevole con Iraq, Algeria, Venezuela e Libia (?) a tagliare la produzione di soli 1-2 milioni di barili. 

Vladimir Putin è l'alleato strategico di Teheran in Medio.oriente - dalla difesa del presidente Bashar Assad in Siria, al negoziato sul programma nucleare ancora in corso (rimandato al 2015), fino al patto per la fornitura di 8 reattori nucleari, e una cosa è certa: l'Ayatollah Seyyed Alī Hoseynī Khāmeneī non andrà mai contro Vladimir Putin.

La seduta dell'OPEC si conclude senza storia -assicura una fonte ospite in sala- e poco dopo le 16 l'intesa è ufficiale: " la produzione resta stabile, nessun vertice straordinario fino al prossimo giugno 2015". Immediata la reazione sui mercati con il Brent che perde sei dollari a barile, attestandosi a $U.S. 71,25. "E' una grande decisione", commenta il ministro saudita al-Naimi esibendo un sarcastico sorriso da vincitore.

A Mosca -nel frattempo- Leonid Fedum, vice-presidente della LUKOIL, chiarisce i motivi della scela del ministro degli esteri russo Serghej Lavrov: "la politica OPEC porterà al collasso la produzione statunitense dello "Shale Oil". Il riferimento è -ovviamente- al boom di estrazione di greggio americano, estratto con la tecnologia del "fracking" , negli Stati Uniti e in Canada, il quale consente al nord America di emanciparsi dalla dipendenza del Golfo Persico, fino a immaginare il miraggio della totale indipendenza energetica.

Per le famiglie reali arabe, significa perdere l'acquirente più importante e la contromossa sono i prezzi bassi perchè, come spiega Oliver Jackob della PETROMATRIX "l'interesse dell'OPEC è rallentare lo sviluppo dei progetti enegetici nord-americani" che diventano fuori mercato se il prezzo del barile si staziona sui U.S.$ 60. 

Non a caso il ministro del petrolio kuwaitese, Alì Saleh al-Omair, e quello iracheno, Adel Abdel Mehdi, parlano di "un limite minimo di U.S.$ 60-65" che consentirà un "nuovo equilibrio nei decenni avvenire". 

Ecco, in sintesi, questa è la mèta che Arabia saudita e Russia si impongono, cioè: "trasformare lo Shale Oil americano in un prodotto troppo caro a produrre". In questo modo, l'Arabia saudita e la Russia -come dominus- gestiranno congiuntamente la risorsa mondiale del petrolio. 

C'è da aggiungere che russi e sauditi godranno nel vedere "frantumarsi" lo "status" predominante degli Stati Uniti, sin dal tempo di Franklin Delano Roosevelt, quale nazione aggressiva e dominante, utilizzando la "guerra per la democrazia" per assoggettare la paranoia bulimica -anche giudaica- delle lobby -politico-militari- che per assoggettare l'energia mondiale, ha sistematicamente prodotto genocidi atroci. 

Bene, questa è la risposta che Vladimir Putin, ha dato agli Stati Uniti d'America riguardo gli "effetti collaterali" avvenuti in Ucraina. 

Thursday, November 27

ALLARMI ... LIBIA TERRA D'AMOR A TE TORNEREM...

L’Italia è pronta a “impegnarsi in prima fila” per un intervento di peacekeeping in Libia, se le Nazioni Unite lo chiederanno. Da ieri in Libia è iniziata la resa dei conti, con raid aerei condotti dalle forze del generale Khalifa Haftar contro l’aeroporto di Mitiga, l'unico in servizio a Tripoli. E oggi il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni rilancia in un’intervista su Repubblica la volontà dell’Italia di essere “in prima fila” in una eventuale missione, rigorosamente su mandato Onu. Un tassello in più che fa pensare a un possibile intervento militare, di cui ci sono già alcune avvisaglie.

"Non dobbiamo ripetere l'errore di mettere gli stivali sul terreno prima di avere una soluzione politica da sostenere. Ma certo un intervento di peacekeeping, rigorosamente sotto l'egida Onu, vedrebbe l'Italia impegnata in prima fila", spiega il ministro nell’intervista. "Purché - prosegue il titolare della Farnesina preceduto dall'avvio di un percorso negoziale verso nuove elezioni garantito da un governo di saggi. In assenza del quale mostrare le divise rischia solo di peggiorare la situazione. Ci stiamo lavorando, con i paesi dell'area e con le Nazioni Unite".

"La Libia - continua Gentiloni - rappresenta per noi un interesse vitale per la sua vicinanza, il dramma dei profughi, il rifornimento energetico. Non a caso manteniamo aperta a Tripoli la nostra ambasciata che fornisce un supporto logistico insostituibile alla mediazione dell'ONU". L’Italia – sottolinea il ministro – “non vuole rassegnarsi alla dissoluzione della Libia. Se anche, semplificando, descrivessimo una Libia spaccata in due fra Cirenaica e Tripolitania, bisogna sapere che nessuna delle due parti è in grado di prevalere militarmente sull'altra. 

La Banca centrale libica continua a funzionare, paga gli stipendi ai dipendenti pubblici sull'intero territorio dello Stato, utilizzando i proventi di gas e petrolio che anche l'ENI continua a versarle. Non ci rassegniamo alla dissoluzione del Paese. 

"Saremo parte attiva nell'individuare una transizione politica unitaria cui subordiniamo l'eventualità di una presenza militare di peacekeeping".

Un po’ per gli interessi economici nell’area, un po’ per la paura di un’ondata migratoria ancora più intensa, l’Italia sta insistendo molto sulla centralità del dossier libico in ogni contesto internazionale, da Bruxelles a New York. In Europa Federica Mogherini, nel suo ruolo di Alto rappresentante della politica estera UE, non perde occasione per portare la Libia al centro del tavolo: la settimana scorsa la questione è stata affrontata al primo Consiglio degli Affari Esteri UE, messa in agenda in posizione prominente per volere della stessa Mogherini.

In sede europea si insiste sull’importanza di agire in stretto contatto con i paesi vicini, a cominciare dall’Egitto e dall’Algeria. Gli egiziani vedono favorevolmente un intervento militare; anche di questo hanno parlato il presidente del Consiglio Matteo Renzi e il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi nel loro recente incontro, e di questo discuterà oggi al Sisi con il presidente francese Francois Hollande. 

Nonostante l'implacabile repressione dei sostenitori del suo predecessore, l'islamista Mohamed Morsi, con più di 1.400 morti e 15.000 arresti, al Sisi può contare sul sostegno internazionale: rimane "un partner strategico" inevitabile, come è stato sottolineato a Roma, mentre l'Egitto - si sottolinea a Parigi - resta "un grande Paese e un grande partner della Francia".

Chiare a riguardo le parole con cui il viceministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda ha riassunto il senso politico del tour italiano di al Sisi: "La questione libica è stata al centro dei colloqui tra il presidente del consiglio Renzi e il presidente egiziano al Sisi. L’Italia e l’Egitto la vedono come un`assoluta priorità”.

Sul campo, intanto, la situazione resta tesissima. Ieri l'aviazione e le forze dell'ex generale Khalifa Haftar, che combattono gruppi islamici e jihadisti filo-IS, hanno lanciato raid aerei sull'aeroporto militare di Mitiga, l'unico ancora in uso a Tripoli, su ordine del governo transitorio, esiliatosi a Tobruk ma riconosciuto dalla comunità internazionale. Raid accompagnati da un ultimatum dei militari governativi alla coalizione filo-islamica armata Alba (FAJR Libya): "Avete 24 ore di tempo per lasciare la capitale".

"Si è trattato un attacco preventivo per difendere i civili", ha poi dichiarato il premier Abdullah Al Thani secondo cui i miliziani stavano per usare lo scalo per lanciare "attacchi aerei contro istituzioni dello Stato". Mentre il suo rivale, il premier del governo "parallelo" imposto da Fajr e dai Fratelli musulmani a Tripoli, Omar al Hassi, ha messo in guardia: "Così si arriva alla guerra".

Tra le due fazioni è intervenuto l'inviato speciale dell'ONU, Bernardino Leon, con un appello ad Al-Thani a fermare i bombardamenti sull'aeroporto per contribuire a riportare la calma e ad avviare un dialogo con Tripoli. Appello cui si è associata anche l'Italia che preme per una trattativa tra le parti. Secca la risposta del premier libico che ha posto le sue condizioni: i raid si fermeranno quando le milizie avranno lasciato la capitale, permettendo l'ingresso della polizia e dell'esercito regolari. E quando il fronte islamico dell'ovest avrà riconosciuto il governo di Tobruk come l'unico legittimo.

La spaccatura tra est e ovest è precipitata alcune settimane fa, quando la Corte Suprema ha definito "illegittimo" il parlamento di Tobruk, eletto a giugno, permettendo così alle milizie di Tripoli di "riesumare" l'ex Congresso generale nazionale che anche oggi è tornato a rivendicare il ruolo di unica istituzione "legale e ufficiale" della Libia. Il Congresso ha inoltre messo in guardia la stessa comunità internazionale dal trattare con "il fronte illegale". Un chiaro segnale all'inviato dell'Onu, che si muove in questo pasticcio anche giuridico, e che potrebbe rischiare l'espulsione da Tripoli.

Il governo parallelo di Hassi continua infatti, con il sostegno di Fajr, a fare pressioni sulla comunità internazionale, tanto che Malta ha deciso di ritirare tutto il suo personale diplomatico dall'ambasciata, una delle pochissime - insieme a quella italiana - rimaste ancora aperte. I funzionari maltesi hanno raccontato di aver temuto per la loro incolumità quando hanno visto spuntare bandiere nere dell'Isis anche a Tripoli. 

Il rischio è che la Libia diventi l'avamposto dello Stato islamico nel Mediterraneo, dopo che a Derna, sulla costa orientale e ad appena qualche decina di miglia dell'Europa, i jihadisti del Consiglio della gioventù islamica e di Ansar al Sharia hanno giurato fedeltà al 'califfo' iracheno Abu Bakr al Baghdadi.

U.E. : DIETRO-FRONT

Una posizione molto cauta, che se da un lato non equivale a non far nulla, dall’altro non vuole dare troppo fastidio a Mosca. La via di mezzo, per ora, è la strada intrapresa dal primo Consiglio UE degli Affari Esteri dell’epoca di Federica Mogherini che si è tenuto il 25 u.s. a Bruxelles. 

Secondo le prime indiscrezioni, i capi delle diplomazie dei 28 paesi UE avrebbero deciso per un allungamento della lista delle misure restrittive contro i separatisti dell'Ucraina orientale, ma nessuna sanzione economica contro la Russia e i suoi oligarchi.

Secondo quanto si apprende mentre la riunione dei ministri degli Esteri dei Paesi UE è ancora in corso, nelle conclusioni del Consiglio si prevede ampliamento della lista delle sanzioni contro i separatisti ucraini, con misure che comprendono il congelamento dei beni finanziari e limitazioni sui visti. 

I ministri degli Esteri europei vogliono da Kiev la "pronta formazione di un governo" e l'avvio delle riforme previste, e hanno chiesto ai servizi dell'Alto rappresentante Mogherini di preparare un elenco di "separatisti" da aggiungere alla lista dei sanzionati a titolo individuale con il congelamento dei beni e il divieto di viaggio. La decisione sui nuovi nomi verrà presa entro la fine del mese.

Il Consiglio, inoltre, sempre secondo quanto si apprende, non chiederà alla Commissione di preparare una nuova proposta con le sanzioni economiche contro la Russia per il suo ruolo nella crisi ucraina.

Ad oggi, 119 persone, separatisti e funzionari o businessmen russi, sono sotto sanzioni europee, cosa che implica il congelamento dei loro beni e il divieto di ingresso nell'UE. Le autorità ucraine si aspettavano verosimilmente qualcosa in più: ancora stamattina il ministro degli Esteri ucraino Pavlo Klimkin esortava l’Unione europea ad avere una sola voce e una posizione unitaria sulla Russia, così da mandare a Mosca “un messaggio chiaro”, esplicitando che ci saranno nuove sanzioni, se necessario. 

Lo scetticismo della Mogherini, rispetto alle sanzioni, d'altronde, è noto da tempo. "Aggiungere nuove sanzioni contro la Russia a quelle già in vigore non aiuterà a porre fine alla crisi in Ucraina orientale ed è necessario rilanciare un dialogo con Mosca", aveva ribadito alla vigilia del vertice.

Dalla NATO, al contrario, arrivano segnali di fermenti russi ai confini. "Confermo che abbiamo registrato un aumento dell'attività aerea russa intorno ai confini della NATO. Siamo vigili e preparati. Intercettiamo gli aerei russi quando si avvicinano", ha detto il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg, secondo il quale i mezzi intercettati quest'anno sono molti di più rispetto all'anno scorso. IPSE DIXIT.

THE "NEW U.S. REGIME" HAVE ONE TARGET: PUTIN & RUSSIA

The new “regime change” target for America’s neocons is Russia’s President Putin – as dangerous as it would be to destabilize a nuclear-armed nation. 

Their first step, as usual, is to begin a propaganda/disinformation war by claiming to combat propaganda and disinformation, as Maidhc Ó Cathail explains. There was a strong whiff of hypocrisy in the Washington air on Nov. 13 when the National Endowment for Democracy (NED) hosted a discussion of a report entitled “The Menace of Unreality: How the Kremlin Weaponizes Information, Culture, and Money.”

“The Menace of Unreality” is co-authored by Michael Weiss, editor-in-chief of the Interpreter, and Peter Pomerantsev, author of a forthcoming book asserting that Putin’s Russia is a post-modern dictatorship. Introducing the discussion, NED’s Christopher Walker noted that the U.S. Congress-funded Endowment for Democracy hadn’t been involved in the production of the report but that it does have “close ties” to Weiss’s online journal and the New York-based think tank that funds it, the Institute of Modern Russia (IMR).

In the course of the report’s self-righteous criticism of the widespread “opaqueness” about who funds think tanks, Weiss and Pomerantsev disclose, in an aside, that their work is “funded by a think tank that receives support from the family of Mikhail Khodorkovsky.” Their critique of the weaponization of money, however, neglects to mention its funder’s conviction for embezzlement and money laundering in Russia.

In Washington, Weiss and Pomerantsev were joined in the discussion of their “counter-disinformation” report by an analyst from the Foreign Policy Initiative, a neoconservative advocacy group founded by Robert Kagan and William Kristol, whose earlier Project for a New American Century had played a key role in pushing the lies that led to the U.S. invasion of Iraq.

Inside the report’s cover, which features a reader oblivious to the fact that the broadsheet he’s reading is going up in flames, the Interpreter says it “aspires to dismantle the language barrier that separates journalists, Russia analysts, policymakers, diplomats and interested laymen in the English-speaking world from the debates, scandals, intrigues and political developments taking place in the Russian Federation.”

The similarity between the Interpreter’s stated aspirations and those of the pro-Israel Middle East Media Research Institute (MEMRI) may be more than coincidental. As the liberal Jewish blogger Richard Silverstein observed about a blog in the Telegraph by the Interpreter’s editor-in-chief, “a number of Weiss’claims are based on the notoriously unreliable MEMRI,” which itself claims to bridge “the language gap between the West and the Middle East and South Asia.”

The bio that precedes that June 2011 Weiss blog describes him as “the Research Director of The Henry Jackson Society, a foreign policy think tank, as well as the co-chair of its Russia Studies Centre.” In addition to a who’s who of neocon luminaries like Kagan and Kristol, the Henry Jackson Society’s international patrons include Ambassador Dore Gold, former permanent representative of Israel to the United Nations, and Natan Sharansky, chair of the executive of the Jewish Agency for Israel.

Weiss’s previous employment at the UK-based, pro-Israel advocacy organization, however, is conspicuously absent from the lengthy “About the Authors” section at the end of the IMR-published, anti-Russia report. His updated bio, however, reveals that Weiss’s concerns haven’t changed much since his HJS days. “Weiss has covered the Syrian revolution from its inception, reporting from refugee camps in southern Turkey and from the frontlines of war-torn Aleppo,” the IMR report notes.

As a profile of the neocon Henry Jackson Society observes, its members have been “active proponents of Western intervention in Syria’s civil war.” It singles out a March 2012 piece in the New York Times by Weiss advocating that the U.S. “begin marshaling a coalition for regime change in Syria consisting of countries” like “Britain, France, Qatar, Saudi Arabia and Turkey.”

In an interview with the Jerusalem Post last year, Israel’s previous ambassador to the U.S. Michael Oren admitted that Tel Aviv “always wanted [President] Bashar Assad to go.” Likewise, one suspects that Weiss’s “set of modest recommendations” on how the West should confront Russia’s supposed “weaponization of information” is motivated at least in part by the challenge Russian media such as RT poses to the monopoly over the narrative of the Syrian conflict coveted by his interventionist friends in the Western media.

U.S.A. INTERNATIONAL' PROBLEMS AS NEVER BEFORE

Tuesday, November 25

WORLD MOST ADVANCED HACKING SPYWARE

A cyber snooping operation reminiscent of the Stuxnet worm and billed as the world’s most sophisticated computer malware is targeting Russian and Saudi Arabian telecoms companies. 

Cyber security company Symantec said the malware, called “Regin” is run by a western intelligence agency and in some respects is more advanced in engineering terms.

Than Stuxnet, which was developed by US and Israel government hackers in 2010 to target the Iranian nuclear programme.

The discovery of the latest hacking software comes as the head of Kaspersky Labs, the Russian company that helped uncover Stuxnet, told the Financial Times that criminals are now also hacking industrial control systems for financial gain. Organised criminals tapping into the networks that run industrial companies, alongside the development of the latest online snooping worm, are signs of the increasingly sophisticated nature of cyber attacks.

Nothing else comes close to this ... nothing else we look at compares,” said Orla Cox, director of security response at Symantec, who described Regin as one of the most “extraordinary” pieces of hacking software developed, and probably “months or years in the making”. However, a western security official said it was difficult to draw conclusions about the origins or purpose of Regin. “It’s dangerous to assume that because the malware has apparently been used in a given country, it did not originate there,” the person said. “Certain states and agencies may well use tools of this sort domestically.”

Symantec said it was not yet clear how Regin infected systems but it had been deployed against internet service providers and telecoms companies mainly in Russia and Saudi Arabia as well as Mexico, Ireland and Iran. The security software group said Regin could be customised to target different organisations and had hacked Microsoft email exchange servers and mobile phone conversations on major international networks. 

“We are probably looking at some sort of western agency,” Ms Cox said. “Sometimes there is virtually nothing left behind – no clues. Sometimes an infection can disappear completely almost as soon as you start looking at it, it’s gone. That shows you what you are.

Meanwhile, Eugene Kaspersky, chief executive of Kaspersky Labs, warned that the computer networks that control energy plants and factories are becoming targets for organised crime gangs armed with skilled hackers. He said there was evidence of “more and more very targeted attacks” of the networks that run industrial companies.

The attacks go beyond recent data breaches at US bank JPMorgan and US retailer Home Depot, in which criminals sought credit card details or personal data to attempt false transactions. Mr Kaspersky said criminals have used hacking for everything from bypassing security at ports to stealing grain from a Ukrainian factory by adjusting the digital scales to read a lower weight.

The most public incident of cyber industrial crime was exposed when Europol smashed a drugs ring last year that was hacking into the control systems of the Belgian port of Antwerp, to move containers holding drugs away from the prying eyes of customs inspectors.

2000-2020 COME PERDERE L'ADRIATICO E IL MEDITERRANEO

Riceviamo e con piacere pubblichiamo Roberto Colella.

Due mari, due futuri molto incerti. Da vie di comunicazione a vie della discordia. Il Mar Mediterraneo come il Mar Adriatico rischia di non sopravvivere se l'Italia non concepirà la loro importanza geopolitica e strategica.

L'instabilità dei governi italiani di questi ultimi anni, compreso quello attuale, ha creato degli ostacoli per una politica di serio intervento nei Balcani producendo l'effetto di una minore presenza italiana a livello geopolitico. Da tempo si parla dei "buchi neri" dei Balcani dai quali si snodano i traffici illegali che attraverso proprio il mar Adriatico raggiungono anche l'Italia. 

L'Adriatico può però diventare la salvezza dei Balcani e i Balcani possono rivelarsi la salvezza del sistema Adriatico. È un paradosso. Ma risponde a una logica funzionale. Infatti, se l'Adriatico vuole comunicare con il Baltico non può che passare attraverso i Balcani. Lo stesso vale se l'Adriatico intende connettersi al Mar Nero. Tutto ciò deve essere garantito attraverso un sistema di sicurezza che punti ad arginare la criminalità organizzata.

A livello regionale e locale nel corso dell'ultimo decennio qualcosa è stato compiuto. Da Termoli, piccola cittadina molisana, partì il progetto di 'Euroregione adriatica' che poi negli anni si è trasformata nell'attuale 'Euroregione adriatica e ionica'. Bisognerebbe però oggi capitalizzare la rete dei rapporti inter-adriatici già attivata negli anni proiettandola verso un più vasto contesto strategico, che tenga conto di più fattori dominanti, geopolitici ed economici. 

Tutto questo visto che c'è un rischio concreto dell'emarginazione del sistema Adriatico rispetto alle nuove direttrici: quella che tende a connettere l'area baltica con il Mar Nero; quella che lega il Mar Nero con il Mediterraneo orientale attraverso il polo Egeo; ed infine i futuri flussi lungo l'asse sud est-ovest del Mediterraneo, caratterizzati dai trasporti energetici e commerciali.

L'altro mare in oggetto è quello che erroneamente viene definito "nostrum" perché in realtà appartiene a molti paesi. Il Mediterraneo soprattutto durante l'Impero romano era un mare di comunicazione non di divisione come lo è ancora oggi. Era uno spazio fondamentale per gli scambi commerciali occidente-oriente. Con la caduta dell'Impero romano e la nascita poi dei vari regni e sottoregni la situazione precipitò. 

Nacque così il cosiddetto 'Regno del cammello' proprio riferito al particolare animale che divenne un fondamentale mezzo di trasporto per spostarsi soprattutto da ovest a est e viceversa visto che il tracciato sud-nord era rischioso per via dell'anarchia mediterranea e per la presenza dei pirati legati al mondo del califfato. Così intorno al cammello si costituirono delle tribù la cui influenza è ancora ben visibile oggi basti pensare a quello che sta succedendo in Libia. 

Proprio la Libia dopo la caduta di Gheddafi ci sta esplodendo praticamente in faccia senza che il governo Renzi intervenga in maniera seria attraverso un tavolo negoziale dove riunire i vari gruppi per la costituzione di un governo stabile tracciando una road-map. Per ora ci stiamo limitando soltanto ad inviare armi incuranti di una situazione che coinvolge tutto il Mediterraneo soprattutto Libia e Tunisia due importanti partners commerciali per l'Italia.

2014 L'ANNO CHE PREANNUNCIA LA CATASTROFE.

Gli economisti Mario Lettieri e Paolo Raimondi (il primo è stato sottosegretario all’Economia del governo Prodi) avanzano un’ipotesi molto interessante. Dietro la decisione di far scendere il prezzo del petrolio ci sarebbero diverse cause, tra le quali anche l’intenzione dell’Arabia Saudita (voluta dagli Stati Uniti) di colpire economicamente l’Iran e la Russia. Sarebbe in corso, dunque, una vera e propria guerra commerciale, combattuta con l’arma del petrolio. 

Dal petrolio, infatti, deriva il 60% delle entrate di Teheran e il 46% di quelle di Mosca. Si capisce subito, quindi, quando sia strategico il petrolio (e il suo prezzo) per questi due Paesi. Ma è mai possibile che per colpire Iran e Russia si metta in moto un meccanismo così sottile (e perverso) che va a incidere in modo pesante sulle economie di tutto il mondo?

Diciamo che non sarebbe la prima volta: nel lontano 1985-1986, infatti, come ricordano Lettieri e Raimondi, l’Arabia Saudita abbassò il prezzo del greggio di 3,5 volte, aumentando al contempo la produzione di 5 volte. Gli sceicchi non morirono di fame – anche se ci rimisero qualcosa (il costo del barile scese a dieci dollari) – ma nel 1989 (Gorbaciov "muro di Berlino") l’Unione sovietica finì come ben noto, in ginocchio.

Che gli Stati Uniti vogliano ripetere quell’esperimento? Perchè se é si: sarà una CATASTROFE! 

La leva del prezzo del petrolio, unita alle sanzioni economiche, potrebbero infliggere un colpo durissimo alla Russia di Putin (come ha sottolineato anche il WP) una diminuzione del 10-20% del prezzo del petrolio potrebbe contribuire a raggiungere lo «scopo politico» delle sanzioni. Se si riduce il prezzo del greggio, va da sé, si riducono le entrate. Così Mosca e Teheran potrebbero essere costrette a REAGIRE.

Il premio nobel per la pace barak obama (tutto in piccolo) licenzia il pericoloso Cuck Hagen, "chief in command" della Difesa (vedi primavera araba e Ukrajna). Il presidente russo Vladimir Putin ha lanciato un piano per militarizzare l’Artico, nel tentativo di ripristinare la presenza che nell’era sovietica Mosca aveva nella regione, assai contesa perché patria delle maggiori risorse energetiche mondiali non ancora sfruttate

Il mese scorso la Russia ha iniziato la costruzione di due installazioni militari nuove di zecca nell’Artico, attuando così la prima espansione della potenza russa post-comunista nell’area. Il Cremlino prevede di costruire sei nuove basi nella regione artica e ha annunciato che vuole creare qui una struttura di comando militare con due brigate di fanteria meccanizzata supportate da motoslitte e hovercraft. E adesso sono cazzi.

La mossa segna una pietra miliare nella militarizzazione russa di una regione che il Cremlino aveva abbandonato negli Anni 80. Mosca ha detto che vuole avere una forza permanente «artica» di 6000 uomini con sistemi radar e di orientamento di stanza vicino a Murmansk, una città portuale sul Mare di Barents. 

Due settimane fa l’esercito russo ha annunciato di aver aperto una nuova base militare sull’isola di Wrangel, una riserva naturale all’interno del Circolo Polare Artico, vicino all’Alaska, nel Mare di Chukchi. Un’analoga base - realizzata con strutture modulari prefabbricate - sarà presto completata nel vicino Cape Schmidt. Gli avamposti, che comprenderanno basi sovietiche ripristinate così come nuovi impianti, sono i primi di una serie di installazioni militari che movimenteranno la frontiera settentrionale della Russia.  

Con circa il 15% del petrolio mondiale e un terzo del suo gas naturale ancora da scoprire, la regione è una potenziale miniera d’oro. Inoltre, il riscaldamento globale sta producendo un effetto devastante sul ghiaccio artico, che si sta gradualmente sciogliendo aprendo per la prima volta una rotta a Nord che è potenzialmente una lucrosa alternativa al Canale di Suez.

Le rivendicazioni della Russia sull’Artico e sulla sua ricchezza energetica sono in competizione con le ambizioni del Canada, della Danimarca, della Norvegia e degli Stati Uniti, e questo rende l’area una delle regioni potenzialmente più instabili del mondo

«È di fondamentale importanza per noi fissare obiettivi per i nostri interessi nazionali in questa regione», ha detto di recente Dmitry Rogozin, l’aggressivo vice primo ministro della Russia, che è stato incaricato da Putin di moltiplicare gli sforzi per costruire le infrastrutture necessarie a dispiegare i soldati nella regione artica. «Se non lo facciamo, perderemo la battaglia per le risorse e questo significa che perderemo anche una battaglia per il diritto alla sovranità e all’indipendenza».  
  
Nel 2013, una base chiusa alla fine della guerra fredda è stata riaperta nelle isole Novosibirsk e ora ospita dieci navi militari e quattro navi rompighiaccio. Il Cremlino sta anche progettando di ripristinare sette piste di atterraggio nella regione artica. Inoltre, ha ordinato all’industria della Difesa di sviluppare armi in grado di affrontare il duro ambiente artico.  

Nel 2007 il Cremlino ha piantato una bandiera russa, in una capsula di titanio, 2,5 miglia al di sotto del Polo Nord. Quando gli è stato chiesto dell’Artico in una riunione con i membri pro-Cremlino del parlamento, Putin di recente ha parlato della presenza di sottomarini Usa nella regione «con missili puntati contro Mosca e San Pietroburgo». «La presenza militare russa nella regione artica non è né una posa né un’ostentazione, è molto seria», ha detto Pavel Felgenhauer, un analista militare di Mosca. 

«Chi è al potere è davvero convinto che entro il 2020 ci sarà una grave carenza di risorse energetiche nel mondo e che l’Occidente, guidato dall’America, attaccherà la Russia per prendere il controllo del petrolio e del gas. Si tratta di una guerra per le risorse. Questo è il senso della militarizzazione dell’Artico». 
  
Secondo una versione vicina ai timori del Cremlino, la Russia ha recentemente tenuto nell’Estremo Oriente del Paese le più grandi esercitazioni militari della sua storia. Le esercitazioni hanno coinvolto 155.000 uomini e migliaia di carri armati, aerei, navi militari

Lo scenario sviluppato dai militari, pare, includeva una potenza straniera chiamata «Missouria» - un modo per indicare gli Stati Uniti secondo gli analisti indipendenti - che provocava un conflitto tra la Russia e una nazione asiatica senza nome per una disputa territoriale. Nello scenario «Missouria», con il sostegno degli alleati, utilizzava questo conflitto come pretesto per iniziare un’invasione su vasta scala della Russia.  

Dulcis in fundo:
Russia e Cina terranno esercitazioni congiunte nel Mar Mediterraneo e nel Pacifico nel 2015, lo ha dichiarato il ministro della Difesa russo Sergej Shoygu dopo i colloqui con il suo omologo cinese Chang Wanquan. 

Il ministro russo ha ricordato che a maggio si sono tenute con successo le esercitazioni navali russo-cinesi "Interazione marina", durante le quali le "Marinerie" dei due Paesi per la prima volta hanno collaborato durante il combattimento in addestramento con gruppi misti

Shoygu ha anche detto che la Russia e la Cina sono preoccupate per i tentativi degli Stati Uniti di rafforzare la sua influenza politica e militare nella regione dell’Asia Pacifica.

Come già dicevo: "adesso sono cazzi". 

Sunday, November 16

UNA GUERRA MONDIALE PUR DI ANNETTERSI LA RUSSIA

Il FMI prolungò l’agonia di Kiev verso il default, in cambio della completa sottomissione agli USA e alle Lobby bancarie. Cosa che avvenne puntualmente, tra l'altro creando anche i fatti tragici sotto riportati. Il motivo principale per cui l'Ukrajna si è impegnata e consegnata all'occidente, sono settanta miliardi di dollari in ballo. Solo come inizio. È quanto serviva, e servirà, al nuovo governo -fantoccio- ukrajno per arruolarsi sotto l'ombrello lobbistico americo-israeliano

Il governo -fantoccio- ukrajno, però, ha preteso dall'occidente, affinchè sia la preda di questa -nefasta- pagliacciata (sino a che la Russia caschi dentro nella trappola), che il denaro promesso dall'IMF, dovrà trovarsi nelle casse ukrajne -entro fine 2014- e per allora, il governo fantoccio "consegni" Vladimir V.Putin vivo o morto. E se poi così non sarà, che guerra sia.

In questa devastante furia occidentale -bugiarda e infame- contro la Russia (e smettiamola di chiamarla "guerra tra Ukrajna e Russia"), ogni azione, movimento, proposito o intenzione della Russia a ristabilire la verità; si tramuterà in un "target" da colpire. Qualunque esso sia. Fino alla sua fine. Dando il via alla prima fase del "nuovo ordine mondiale".

Il 28 febbraio scorso,  un sedicente personaggio israeliano si fece intervistare da una agenzia stampa israeliana con sede a New York.  Il suo nome in codice è Delta. È il capo dei "caschi blu ucraini" quindi, il capo "segreto" della «rivoluzione ucraina» che ancora combatte a anche se, come lui stesso dichiara, non si considera ucraino. Difatti, sotto l’elmetto porta la "kippah" ebraica. 

Delta è rientrato qualche anno fa in Ucraina in veste di uomo d’affari (proprio come:" Petro Oleksijovyč Porošenko"). Delta, è un veterano -specialista-  dell’esercito israeliano".  

Peraltro, specializzatosi in combattimento urbano nella brigata di fanteria "Givati", impiegata nell’operazione "Piombo Fuso" e in altre azioni contro Gaza, tra cui il massacro di civili nel quartiere Tel el-Hawa.

Scoppiò la rivolta a Kiev,  ben finanziata e organizzata dalla CIA e dal MOSSAD, ci scapparono abbastanza morti, e la cosa risultò vincente. Come oggi sappiamo, non per opera di questi rivoltosi inermi e idealisti, che con urla e sassi avrebbero combinato ben poco, ma per opera di cecchini Killer, organizzati dalle  due Intelligence che spararono sui poliziotti e sulla folla, li ammazzarono e determinarono la reazione (trappola!) della polizia con relatica carneficina tra i civili. Tutto calcolato. Tutto previsto.

Delta ha formato e addestrato insieme ad altri ex militari israeliani il plotone «Caschi blu di Majdan», applicando a Kiev le tecniche di combattimento urbano sperimentate a Gaza (come a Belgrado 1996, a Damasco 2006, a Tunisi 2010, a Tripoli 2010, al Cairo 2010, ad Algeri 2009 etc. etc.). 

Il suo battaglione, è il braccio armato di Svoboda, ossia di un partito che dietro la nuova facciata conserva la sua matrice neonazista. Partito che tranquillizza gli ebrei ukrajni che si sentono minacciati dai neonazisti, che non sanno, però, che i neo-nazisti sono proprio loro. Delta lo sottolinea:"l’accusa di anti-semitismo nei confronti di Svoboda è una «stronzata»". No comment.

La presenza in Ukrajna di decine di specialisti militari israeliani è confermata dalla notizia, diffusa, anche,  da agenzie israeliane, le quali affermarono che diversi feriti  (particolari) negli scontri con la polizia di stato a Kiev furono trasportati, con la massima urgenza, in ospedali israeliani. Questo per nascondere o impedire che qualcuno rivelasse scomode verità. 

Tipo quella di chi abbia addestrato e armato i cecchini che, con  gli stessi fucili di precisione, spararono in piazza Majdan sia sui dimostranti che sui poliziotti (quasi tutti colpiti alla testa). Tali fatti gettarono ulteriore luce sul modo in cui fu preparato e attuato il "golpe di Kiev".

Thursday, November 13

FOR DO NOT FORGET HOW USA HANDLING ALL COUNTRIES

S E R B I A UNCLASSIFIED FILE by STEFAN MEDO VLAHOVICH

THE MOST PATHETIC LIAR IN THE WORLD:"TONY BLAIR".

Tony Blair Associates, an umbrella company owned by the former Labour leader, now a Middle East envoy, agreed in November 2010 to organize deals between oil company PetroSaudi and elite Chinese officials, a leaked contract seen by The Sunday Times suggests.

The deals were to be arranged during Blair’s visit to the Chinese capital of Beijing in November that year. While the contract was in place, PetroSaudi reportedly paid Bair £41,000 a month to carry out these duties, and added a lucrative 2 percent cut of each successfully orchestrated agreement to the former prime minister’s paycheck.

PetroSaudi was reportedly informed it could not reveal Blair’s role in the business arrangement without permission. Despite the firm’s insistence the deal would remain shrouded in secrecy, the contract was leaked.

The disclosure marks the first commercial contract relating to Blair’s business deals to be revealed to the public, and provides evidence he is working for a Middle Eastern oil company.

It also raises questions over the former PM’s role as Middle East envoy and his personal vested interests in the region. The former Labour leader faces allegations he has deployed contacts gleaned through his diplomatic work in the Middle East for his own personal gain.

The allegations follow Blair’s recent quashing of a Serious Fraud Office investigation into alleged corruption regarding an arms deal with Saudi Arabia. PetrolSaudi, conveniently registered in the Cayman Islands as a means of avoiding a Saudi Arabian 85 percent tax rate, was founded by a son of Saudi King Abdullah and a Saudi businessman.

A senior source based at the oil firm told that Blair’s links to the Middle East run deep. Referencing the leaked contract, the source said the firm knows a lot of similar people to Tony Blair who put the company in touch with him.

It was a confidential engagement to help us develop business in China,” the source added. The leaked contract, obtained by the Sunday Times, reveals Blair’s umbrella firm was hired by PetroSaudi to source new investment opportunities.

Central to the agreement was the condition Blair would make “introductions to the senior political leadership, industrial policymakers, corporate entities and other persons in China” deemed to be “relevant to PetroSaudi’s international strategy.”

Following revelations surrounding the covert deal, Oliver Miles, a former UK ambassador to Libya who has called for Blair to be removed from his role as Middle East peace envoy, said he should disclose his financial interests in the region.

In June, a campaign calling for Blair’s Middle East envoy role to be relinquished gathered momentum following the former PM’s efforts to shun responsibility for the ongoing crisis in Iraq.

A letter, signed by multiple high profile political UK figures, warned Britain’s 2003 invasion of Iraq led to the rise of “fundamentalist terrorism in a land where none existed previously.”

Signatories of the letter, including former Libya envoy Miles, Blair’s former ambassador to Iran, Sir Richard Dalton, former London mayor Ken Livingstone and human rights barrister Michael Mansfield QC, denounced the Blair’s accomplishments as Middle East envoy as “negligible."

Probed on the leaked contract between Tony Blair Associates and PetrolSaudi, Blair’s office told The Sunday Times that his work for the oil company was only “for a period of months” and had nothing to do with the Middle East.

VLADIMIR V. PUTIN SUPER STAR

Barack Obama è volato in Cina in cerca di un rilancio, deciso a rafforzare sul palcoscenico internazionale la sua immagine, e quella leadership completamente persa in patria e travolta dal voto di midterm. Ora il presidente americano rischia di tornare a casa, se non a mani vuote, senza aver ottenuto i risultati sperati. Anche se il prossimo fine settimana sul tavolo del G20 in Australia potrà giocare le ultime carte a disposizione.

Il dialogo con il presidente cinese Xi Jinping, ripreso dopo tante tensioni, e le prove di disgelo col leader del Cremlino Vladimir Putin (anch'egli al vertice APEC di Pechino) aiutano il tentativo di Obama di svolgere un ruolo ancora centrale nell'indirizzare il futuro del mondo. E di rallentare quel declino degli Usa di fronte alle economie emergenti di cui oramai parlano in molti.

Ma dal punto di vista concreto - sottolineano sui media USA diversi analisti politici ed economici - il bilancio è piuttosto magro. L'unico risultato veramente tangibile della missione cinese del presidente americano è l'accordo sui dazi. Certamente una svolta, visto che Washington e Pechino, dopo uno stallo durato anni, hanno finalmente deciso di eliminare le tariffe su più di 200 categorie di prodotti elettronici e Hi-Tech: dalle console per i videogame ai software dei computer, dai sistemi di GPS alle apparecchiature mediche più avanzate. Un mercato che vale circa mille miliardi di dollari. La Silicon Valley, in primis, ringrazia.

Per il resto Obama è rimasto più o meno a bocca asciutta. Ha dovuto assistere impotente alla vittoria di Xi nella partita più importante: quella del libero scambio. Il leader di Pechino ha ottenuto da 21 Paesi (compresi gli Usa) il via allo studio di un'unica enorme zona nell'area del Pacifico. Un progetto concorrente a quello promosso dalla Casa Bianca, e che lo oscura, consegnando per la prima volta alla Cina un ruolo guida nel promuovere un'intesa commerciale di così vasta portata, che coinvolge il 40% della popolazione mondiale e il 60% del pil globale.

Il rischio di una ulteriore erosione dell'influenza americana in un'area che va dall'Estremo Oriente all'Australia è più che concreto. Soprattutto se si considera che Paesi come il Giappone e la Corea del Sud, fedelissimi alleati degli Usa, sono però dal punto di vista economico sempre più dipendenti dalle esportazioni verso la Cina, soprattutto nel settore tecnologico.

Persa la sfida principale, dunque, a Obama è rimasto poco altro. Con Xi si è messo d'accordo per stilare regole comuni di comportamento che evitino il verificarsi di scontri e incidenti militari nelle zone calde del Pacifico. Ma sulla spinosissima questione del cyberspionaggio, che ha avvelenato i rapporti tra Washington e Pechino negli ultimi mesi, tra i due leader è stato "il gelo", come ha ammesso la stessa Casa Bianca. Era un'altra la spinta che si aspettava il presidente Usa.

Le difficoltà di Obama emergono in modo ancora più spietato se confrontate con l'agilità con cui si è mosso il presidente russo Vladimir Putin, che si è conquistato il ruolo di miglior attore non protagonista. Sorridente, sicuro di sé, addirittura galante con la first lady Peng Liyuan - alla quale ha offerto un plaid per coprirsi le spalle in una delle cene ufficiali, in una scena colta da un cameraman della tv di Stato ma prontamente fatta sparire dagli occhiuti censori cinesi - Putin si è conquistato un capitale di simpatia presso l'opinione pubblica cinese.

In un incontro con Xi Jinping ha detto che "la cooperazione tra Russia e Cina è estremamente importante per mantenere la pace nel quadro della legalità internazionale", e ha offerto un secondo, sostanzioso accordo per la fornitura a Pechino del gas, dopo quello della scorsa primavera. Gas del quale la macchina industriale cinese ha un estremo bisogno.

Ammirato per le sue posture anti-occidentali, e considerato un amico dopo gli accordi sulle forniture energetiche, il campione di karate non si è smentito. Il premier australiano Tony Abbott aveva promesso in patria che lo avrebbe messo alle strette sulla vicenda del volo MH17 delle Malaysian Airlines, abbattuto in Ucraina da un missile sparato "probabilmente" dei miliziani filo-russi, che ha causato la morte di 298 persone 38 delle quali erano australiane. Invece, nel loro incontro a due Tony Abbott è apparso molto impacciato di fronte a un Putin con un disarmante sorriso.

Si pensava che sarebbe stato snobbato da Obama, dopo le polemiche dei mesi scorsi. Invece, si è intrattenuto per più di una volta con il presidente americano, "per un totale di 15-20 minuti", secondo Bernadette Meehan, la portavoce del Consiglio di Sicurezza Nazionale degli USA. 

Non è chiaro cosa abbiano prodotto questi colloqui ma è certo che dopo la sua performance in Cina,  Vladimir Putin andrà anche al G20 -che si tiene il 15 e 16 novembre a Brisbane, in Australia- a testa sempre più alta, forte della sua popolarità in Russia e nel mondo. Soprattutto, del sostegno della Cina di Xi Jinping: che non lo farà mettere sul banco dei "cattivi" per il ruolo che sta giocando nella vicenda dell'Ucraina, come non permetterà all'Occidente di autodefinrsi: "i buoni".

Tuesday, November 11

HOW ISIS WORKS

By MICHAEL R. GORDON and ERIC SCHMITT

Iraqi Security Forces, backed by American-led air power and hundreds of advisers, are planning to mount a major spring offensive against Islamic State fighters who have poured into the country from Syria, a campaign that is likely to face an array of logistical and political challenges. The goal is to break the Islamic State’s occupation in northern and western Iraq, and establish the Iraqi government’s control over Mosul and other population centers, as well as the country’s major roads and its border with Syria by the end of 2015, according to American officials.

Iraqi and Kurdish Forces have made inroads in recent weeks in securing territory threatened or captured by the Islamic State, including the Rabia border crossing with Syria, the oil refinery in Baiji north of Baghdad, the northern town of Zumar, and Jurf al-Sakhar southwest of Baghdad.

But the major push, which is being devised with the help of American military planners, will require training three new Iraqi Army divisions -more than 20,000 troops- over the coming months. “It is a balance between letting them develop their own plan and take ownership for it, and ensuring that they don’t stretch themselves too far and outpace their capability,” said one United States military official, who asked not to be identified because he was discussing war planning.

Though the United States began to carry out airstrikes to protect Erbil in August, the longer-term campaign plan has remained under wraps. Now that the planning has advanced, more than a dozen Iraqi and American officials provided details about a strategy that is certain to become increasingly visible. The basic strategy calls for attacking fighters from the Islamic State, also known as ISIS or ISIL, with a goal of isolating them in major strongholds like Mosul.

That could enable Iraqi troops, Kurdish pesh merga units and fighters that have been recruited from Sunni tribes to take on a weakened foe that has been cut off from its supply lines and reinforcements in Syria, which are subject to American airstrikes. To oversee the American military effort, a new task force is being established under Lt. Gen. James L. Terry, who oversees Army forces in the Middle East and who will operate from a base in Kuwait. Maj. Gen. Paul E. Funk II will run a subordinate headquarters in Baghdad that will supervise the hundreds of American advisers and trainers working with Iraqi forces.


The effort to rebuild Iraq’s fighting capability faces hurdles, including the risk that the Islamic State will use the intervening months to entrench in western and northern Iraq and carry out more killings. The United States currently does not plan to advise Iraqi forces below the level of a brigade, which in the Iraqi Army usually has some 2,000 troops. Nor is it clear under what circumstances the White House might allow American advisers to accompany Iraqi units on the battlefield or to call in airstrikes, as Gen. Martin E. Dempsey, the chairman of the Joint Chiefs of Staff, has indicated might be necessary.

Iraq’s recent history suggests that such a battlefield advisory role is likely to be needed. Iraqi forces faltered during their 2008 offensive against Shiite militias in Basra until American commanders sent their troops to advise Iraqi forces below the brigade level and facilitate airstrikes.