Sunday, November 16

UNA GUERRA MONDIALE PUR DI ANNETTERSI LA RUSSIA

Il FMI prolungò l’agonia di Kiev verso il default, in cambio della completa sottomissione agli USA e alle Lobby bancarie. Cosa che avvenne puntualmente, tra l'altro creando anche i fatti tragici sotto riportati. Il motivo principale per cui l'Ukrajna si è impegnata e consegnata all'occidente, sono settanta miliardi di dollari in ballo. Solo come inizio. È quanto serviva, e servirà, al nuovo governo -fantoccio- ukrajno per arruolarsi sotto l'ombrello lobbistico americo-israeliano

Il governo -fantoccio- ukrajno, però, ha preteso dall'occidente, affinchè sia la preda di questa -nefasta- pagliacciata (sino a che la Russia caschi dentro nella trappola), che il denaro promesso dall'IMF, dovrà trovarsi nelle casse ukrajne -entro fine 2014- e per allora, il governo fantoccio "consegni" Vladimir V.Putin vivo o morto. E se poi così non sarà, che guerra sia.

In questa devastante furia occidentale -bugiarda e infame- contro la Russia (e smettiamola di chiamarla "guerra tra Ukrajna e Russia"), ogni azione, movimento, proposito o intenzione della Russia a ristabilire la verità; si tramuterà in un "target" da colpire. Qualunque esso sia. Fino alla sua fine. Dando il via alla prima fase del "nuovo ordine mondiale".

Il 28 febbraio scorso,  un sedicente personaggio israeliano si fece intervistare da una agenzia stampa israeliana con sede a New York.  Il suo nome in codice è Delta. È il capo dei "caschi blu ucraini" quindi, il capo "segreto" della «rivoluzione ucraina» che ancora combatte a anche se, come lui stesso dichiara, non si considera ucraino. Difatti, sotto l’elmetto porta la "kippah" ebraica. 

Delta è rientrato qualche anno fa in Ucraina in veste di uomo d’affari (proprio come:" Petro Oleksijovyč Porošenko"). Delta, è un veterano -specialista-  dell’esercito israeliano".  

Peraltro, specializzatosi in combattimento urbano nella brigata di fanteria "Givati", impiegata nell’operazione "Piombo Fuso" e in altre azioni contro Gaza, tra cui il massacro di civili nel quartiere Tel el-Hawa.

Scoppiò la rivolta a Kiev,  ben finanziata e organizzata dalla CIA e dal MOSSAD, ci scapparono abbastanza morti, e la cosa risultò vincente. Come oggi sappiamo, non per opera di questi rivoltosi inermi e idealisti, che con urla e sassi avrebbero combinato ben poco, ma per opera di cecchini Killer, organizzati dalle  due Intelligence che spararono sui poliziotti e sulla folla, li ammazzarono e determinarono la reazione (trappola!) della polizia con relatica carneficina tra i civili. Tutto calcolato. Tutto previsto.

Delta ha formato e addestrato insieme ad altri ex militari israeliani il plotone «Caschi blu di Majdan», applicando a Kiev le tecniche di combattimento urbano sperimentate a Gaza (come a Belgrado 1996, a Damasco 2006, a Tunisi 2010, a Tripoli 2010, al Cairo 2010, ad Algeri 2009 etc. etc.). 

Il suo battaglione, è il braccio armato di Svoboda, ossia di un partito che dietro la nuova facciata conserva la sua matrice neonazista. Partito che tranquillizza gli ebrei ukrajni che si sentono minacciati dai neonazisti, che non sanno, però, che i neo-nazisti sono proprio loro. Delta lo sottolinea:"l’accusa di anti-semitismo nei confronti di Svoboda è una «stronzata»". No comment.

La presenza in Ukrajna di decine di specialisti militari israeliani è confermata dalla notizia, diffusa, anche,  da agenzie israeliane, le quali affermarono che diversi feriti  (particolari) negli scontri con la polizia di stato a Kiev furono trasportati, con la massima urgenza, in ospedali israeliani. Questo per nascondere o impedire che qualcuno rivelasse scomode verità. 

Tipo quella di chi abbia addestrato e armato i cecchini che, con  gli stessi fucili di precisione, spararono in piazza Majdan sia sui dimostranti che sui poliziotti (quasi tutti colpiti alla testa). Tali fatti gettarono ulteriore luce sul modo in cui fu preparato e attuato il "golpe di Kiev".