Wednesday, October 28

WHAT REALLY RUSSIA THINK ABOUT SYRIA

“To jaw-jaw is always better than to war-war,” as Sir Winston Churchill put it at a White House luncheon on June 1954. The aphorism applies in spades today as the U.S., Russia and other key countries involved in troubles in Syria decide whether to jaw or to war: Ray McGovern.

Russia’s recent military intervention in Syria could open up new possibilities for those working for a negotiated solution – or not. There does seem to be considerable overlap in U.S. and Russian interests and objectives.

For instance, both sides say they want to suppress terrorism, including the Islamic State (also known as ISIL, ISIS or Daesh) and Al Qaeda’s affiliate, the Nusra Front, and both the U.S. the Russia talk about the need for political reconciliation among Syria’s disparate religious and ethnic groups. 

The chief disagreement is over the future of Syrian President Bashar al-Assad, whether he “must go,” as U.S. officials insist, or whether that issue should be left to the ballots of the Syrian people, the view favored by Russia.

Yet, what happens in the next week or so – whether it turns out to be a belated “jaw-jaw” or an escalated “war-war” – will have a significant effect on bilateral U.S.-Russian relations, as well as developments in Syria, Iraq and the whole neighborhood, which now includes Europe because of the destabilizing flow of refugees.

So, I think it makes sense for me to undertake what we did at some of the best moments inside the CIA’s analytical branch: view a crisis from where the other side stood and thus project how an adversary (or a friend) might react to a U.S. initiative. A common trap in intelligence analysis is mirror-imaging – assuming that others, whether adversaries or friends, look at facts and intentions the same way we do.

It can be helpful to step into the other side’s shoes and consider how its leaders are likely to see us. I make a stab at that below.

In what follows, I imagine myself working within Russia’s Foreign Intelligence Service (the SVR, Russia’s CIA equivalent) in the analysis office responsible for preparing. 

The President’s Daily Brief for President Vladimir Putin. I further imagine that his daily brief resembles what the U.S. Intelligence Community prepares for the U.S. President. So, I pattern the item below after the (now declassified) PDB for President George W. Bush that – on Aug. 6, 2001, famously warned him, “Bin Laden Determined to Strike in U.S.” (In my paper, intelligence assessments are presented in italics.) The President’s Daily Brief Oct. 28, 2015

Re Syria: Obama Trying to Fend Off US Hawks

President Obama is under severe pressure from senior military and intelligence officials and Congress to raise the ante in Syria.

Yesterday’s Washington Post lead story, sourced to unnamed U.S. officials, reported that Obama is considering Pentagon proposals to “put U.S. troops closer to front lines” in Iraq and Syria.

Diplomats at our embassy in Washington note that this kind of story often reflects decisions already made and about to be formally announced. In this particular case, however, the embassy thinks it at least equally likely that the Post is being used by officials who favor more aggressive military action, in order to put pressure on the President. 

During Obama’s first year in office, senior military leaders used the media to make it extremely difficult for Obama to turn down leaked Pentagon proposals to “surge” troops into Afghanistan.

Yesterday, Sen. John McCain, the Republican chair of the Senate Armed Services Committee, used a Senate hearing to ridicule administration policy on Syria and grill Defense Secretary Ashton Carter and Joint Chiefs Chairman Gen. Joseph Dunford on the policy’s embarrassing failings. 

Carter said attacks against ISIL in Syria and Iraq would increase, including “direct action on the ground.” But Dunford admitted, “The balance of forces now are in Assad’s advantage.”

Facing heavy criticism for indecisiveness, Obama still seems reluctant to put many more U.S. Army or “moderate rebel” boots into the “quagmire” that he warned us against when we began our airstrikes. He would also wish to avoid the kind of destructive attacks that would pour still more Syrian refugees into Europe.

We do not think occasional “direct action on the ground” will change much. Indeed, a White House spokesman reiterated yesterday that the administration has “no intention of long-term ground combat.”

As for the “no-fly zone” advocated by McCain and presidential candidate Hillary Clinton, Secretary Carter said, “We have not made that recommendation to the President,” adding the obligatory caveat, “He hasn’t taken it off the table.” Dunford added, “From a military perspective, we can impose a no-fly zone.”

Diplomacy

We continue to believe that Obama prefers to regard this past month’s events in Syria as an opportunity to bring the main players to the negotiating table rather than the battlefield.

Defense Secretary Carter called attention to talks later this week in Vienna, in which Secretary of State John Kerry will be engaged, that are “precisely aimed at the contours of [a] political settlement.” The big news here is that Kerry has dropped the U.S. objection to having Iran, a supporter of the Assad regime, participate.

As for Kerry, unlike his behavior in late summer 2013 and in early 2014, he seems to be following the President’s instructions to negotiate an end to the conflict and to the misery in Syria. 

Emerging on Friday from contentious talks with the Saudi and Turkish foreign ministers, as well as Foreign Minister Lavrov, Kerry sounded a hopeful note: “Diplomacy has a way of working through very difficult issues that seem to be absolutely contradictory … but if we can get into a political process, then sometimes these things have a way of resolving themselves.”

At the Senate hearing, Defense Secretary Carter called for an early political transition in Syria, but was careful to add, “The structures of the Syrian state are going to be important to the future, and we don’t want them to dissolve entirely. … The U.S. approach to removing Assad has been mostly a political effort.”

At which point, Sen. Lindsey Graham, R-South Carolina, a close ally of Sen. McCain, complained bitterly, “Assad is as secure as the day is long,” adding, “you have turned Syria over to Russia and Iran.”

The vitriol of McCain and Graham is no surprise. We want to make sure you know something about a relatively new player, JCS Chairman Joseph Dunford, who chose at his confirmation hearing on July 9, 2015, to let the world know that he is an unreconstructed Cold Warrior:

“If you want to talk about a nation that could pose an existential threat to the United States, I’d have to point to Russia,” Dunford said. “If you look at their behavior, it’s nothing short of alarming.” Dunford added that he thought it reasonable to send heavy weapons to Ukraine.

Dunford took up his new duties at an inauspicious moment the day after we began launching air strikes against terrorist targets in Syria. Suffice it to say that, for the U.S. military and CIA, October has been one of the most humiliating months since the inglorious U.S. departure from Vietnam. It is important to bear that in mind.

We think this serves to double the pressure on President Obama to let loose the military on Syria and Iraq, as pushed by most of the corporate media that are attacking Obama for weakness and indecision. You will recall that he faced the same challenge in August 2013, when he came very close to letting himself be mouse-trapped into a major attack on Syria with U.S. forces.

A Special Danger

This time there is a new, quite delicate element of which you need to be aware – the so-called “moderate” rebels whom the U.S. (primarily the CIA) trained, equipped, and inserted into Syria.  This issue came up at the Senate Armed Services Committee meeting yesterday, when Chairman McCain expressed particular concern for pro-U.S. Syrian rebels he said are now being bombed by Russia and Syria.

Defense Secretary Carter replied that “no rebel group directly supported by the Defense Department under the law had been attacked.” Casting a look of incredulity, McCain replied, “I promise you they have.”

This is a particularly sore spot for McCain and his CIA friends. Ten days into our air-strike campaign, another Washington Post lead story with the headline, “Early signs of Russian intent … Strikes seemed to catch White House flat-footed,” claimed that Russian aircraft “pounded” CIA-sponsored “moderate rebel groups … who appeared to get no warning that they were in Russian jets’ crosshairs.”

“U.S. officials” told the Post, “CIA Director John Brennan has voiced frustration with U.S. inaction as fighters trained and armed by the agency at camps in Jordan over the past two years face a Russia assault.”

CIA officials do not like to be seen as leaving their own in the lurch – whether in the mountains of Syria or on the beaches of the Bay of Pigs in Cuba. Many serious scholars who have investigated the assassination of President John F. Kennedy conclude that Allen Dulles, who was fired by Kennedy after the Bay of Pigs fiasco, led a cabal that killed him – and then sat on the Warren Commission to cover it all up.

We doubt that John Brennan is up to playing that kind of role, or that Dunford, for example, could be persuaded to do what a Marine predecessor, Gen. Smedley Butler, refused to do, join a coup against the sitting U.S. President (in Butler’s case he rejected a right-wing scheme to remove President Franklin Roosevelt from office).But there is reason to think that Obama believes he has more to fear than the fate of his policies. One report alleges that he privately told friends of his fear of ending up like Dr. Martin Luther King, Jr.

In sum, Obama has ample reason to be afraid that powerful people in Establishment Washington, convinced they know better than he how to protect the country, might succeed in pinning on his back a “too-soft-on-the-Russians” bulls-eye.

Wednesday, October 14

RAINY DAYS IN PENTAGON

On October 3, 2015 during the Battle of Kunduz, a United States Air Force AC-130 gunship attacked a Médecins Sans Frontières (MSF) hospital (English name: Doctors Without Borders) in the city of Kunduz, in the province of the same name in northern Afghanistan. 

Thirty-seven people were injured, including 19 staff. U.S. forces knew they were targeting a hospital because MSF, as it does in all conflict contexts, had provided its exact GPS coordinates on multiple occasions over the past months, including most recently on Sept. 29. 

There was a nine-foot flag on the roof that identified the building as a hospital. After the first strike, MSF contacted U.S. officials and reported the hospital was being bombed and begged them to halt the attack. Nevertheless, the U.S. AC-130 gunship continued to pummel the hospital repeatedly for more than one hour. “Our patients burned in their beds,” said MSF International President Joanne Liu. 

Doctors, nurses and other staff were killed as they worked.”  She added, “Our colleagues had to work on each other. One of our doctors died on an improvised operating table – an office desk – while his colleagues tried to save his life.”  In attempting to explain why they had bombed a hospital, U.S. military leaders changed their story four times. 

On Saturday, the day of the bombing, U.S. spokesman Col. Brian Tribus said the strike occurred “against individuals threatening the force. The strike may have resulted in collateral damage to a nearby medical facility.” 

On Sunday, Gen. John Campbell, U.S.-NATO commander in Afghanistan, claimed the strike occurred “against insurgents who were directly firing upon U.S. service members … in the vicinity of a Doctors Without Borders medical facility.” 

On Monday, Campbell announced, “Afghan forces advised that they were taking fire from enemy positions and asked for air support” and “several civilians were accidentally struck.” 

By Tuesday, Campbell said, “the decision to provide aerial fire was a U.S. decision, made within the U.S. chain of command. A hospital was mistakenly struck. We would never intentionally target a medical facility.” 

Since the Pentagon has access to video and audio recordings taken from the gunship, they must know what actually occurred. Daily Beast reported that the recordings contain conversations among the crew as they were firing on the hospital, including communications between the crew and U.S. soldiers on the ground. 

Moreover, AC-130 gunships fly low to the ground so the crew can assess what they are hitting. But members of Congress who oversee the Pentagon have been denied access to the classified recordings

Article 18 of the Fourth Geneva Convention states, “Civilian hospitals organized to give care to the wounded and sick, the infirm and maternity cases, may in no circumstances be the object of attack, but shall at all times be respected and protected by the parties to the conflict.” 

International law expert Mary Ellen O’Connell, a professor at Notre Dame Law School, said, “The critical question for determining if U.S. forces committed a war crime was whether they had notified the hospital ahead of the strike if they understood the Taliban to be firing from the hospital.” MSF has said they were never notified that the hospital would be bombed. 

Not a single member of our staff reported any fighting inside the MSF hospital compound prior to the U.S. airstrike on Saturday morning,” according to MSF General Director Christopher Stokes. Parties to a military conflict have a duty to distinguish between civilians and combatants, and civilians and their facilities cannot be targeted. 

If the hospital were being used for military purposes, the strike must be proportionate to the military advantage sought, and the U.S. forces had a duty to warn the people inside the hospital that it would be struck. No one in the hospital said it was being used for military purposes, and even if it was, the U.S. forces never warned those in the hospital before striking it. 

The U.S. strike was a precise attack on the hospital, because no other buildings in the MSF compound were hit. MSF executive director Jason Cone said, “I want to reiterate that the main hospital building where medical personnel were caring for patients was repeatedly and very precisely hit during each aerial raid while the rest of the compound was left mostly untouched. So we see this as a targeted event.” 

MSF is demanding an independent investigation by the International Humanitarian Fact-Finding Commission (IHFFC), established under Additional Protocol I to the Geneva Conventions. But the United States must consent to the investigation. 

The U.S. government says there are enough investigations – one by the Pentagon, one by a joint U.S.-Afghan group, and one by NATO. But none of these is independent and impartial. Historian and investigative journalist Gareth Porter has written three articles about three different internal investigations the U.S. military used to cover-up operations that should have led to criminal prosecutions against U.S. officers. Why should we believe that this will be any different? 

The Rome Statute for the International Criminal Court provides several bases for war crimes prosecution. They include willful killing; willfully causing great suffering or serious bodily injury; intentional attacks against civilian or civilian objects; intentional attacks with knowledge they will cause death or injury to civilians when clearly excessive in relation to the anticipated military advantage; and intentionally attacking medical facilities which are not military objectives. 

Although the United States is not a party to the Statute, there could be jurisdiction over U.S. leaders if the Security Council referred the matter to the Court. That will not happen because the United States would veto such a referral. If U.S. leaders are found on the territory of a country that is a party to the Statute, that country could send them to The Hague, Netherlands, for prosecution. 

But the Bush administration blackmailed 100 countries into signing “bilateral immunity agreements,” promising they would not send U.S. nationals to The Hague on penalty of losing U.S. foreign aid. Other countries can prosecute foreign nationals under the well-established doctrine of “universal jurisdiction.” 

But since Bush initiated his war on Iraq, no nation has been willing to incur the wrath of the United States by maintaining such an action against a U.S. leader. Nick Turse and Bob Dreyfuss documented the killing of as many as 6,481 Afghan civilians by U.S. forces from October 2001 through 2012

The U.S. government has killed large numbers of civilians in its drone attacks in Iraq, Afghanistan, Pakistan, Libya, Syria, Somalia and Yemen. But President Obama rarely apologizes to or compensates the victims. It is only because a Western-based organization was hit and the attendant media coverage has been so overwhelming that led Obama to apologize to MSF. 

MSF’s advance provision of the hospital’s coordinates to U.S. forces, its notifications during the bombing, its denial that any fire was coming from the hospital, and the Pentagon’s shifting rationales for the bombing constitute probable cause that a war crime was committed

Obama should consent to a full, independent, impartial investigation of the hospital bombing by IHFFC. If that investigation shows that war crimes probably occurred, appropriate prosecutions of the U.S. chain of command should ensue.

Tuesday, October 13

FINALMENTE ABBIAMO LA STRATEGIA: "LA SUPERCAZZOLA"!!

Il Califfato, intanto, sta subendo la completa disintegrazione degli avanposti strategici sia di confine che interni, da parte dei droni russi. I quali hanno bombardato, chirurgicamente, enormi depositi di armi, munizioni, rifornimenti e centri di comando all'interno dei centri abitati, e di preferenza vicino alle moschee. Usando la popolazione come scudo umano. 

Preparatevi alla prossima ondata dei media occidentali schierati: "I russi bombardano le moschee! Uccidono civili!". Gli americani lo fanno da circa un secolo. L’Occidente adesso teme che l’invincibile Califfato si sciolga come neve al sole. Almeno è ciò che rivela un titolo del britannico Express: “L’IS è così indebolito dagli attacchi aerei russi e dalle diserzioni che può essere distrutto nel giro di ore”. 

Forse non sono ore, ma settimane. Questo timore spiega perché il governo italiano si prepari a ordinare ai suoi quattro Tornado IDS e ADV, che ha in Iraq da anni nel quadro della coalizione americana (Kurdistan iraqeno) e NATO, di cominciare a bombardare le posizioni dell'IS in Iraq

Si ha il vago sospetto che questa fretta sia stata incitata da Washington: la "coalizione" deve partecipare alla distruzione dell'IS nell'Iraq (sciita, sotto influenza iraniana) prima che cada per mano russa nella Siria, dove la disfatta probabilmente precipiterebbe lo sgretolamento anche del Califfato iracheno? È un'ipotesi. 

L'altra ipotesi, non necessariamente opposta alla prima, è che nel progetto di Washington, uno dei motivi del perchè abbia creato l'IS con questi caratteri di ferocia stupida contro i cristiani locali e contro i venerabili monumenti archeologici, fu quello di seminare nell'opinione pubblica europea "la paura e l'odio che gli israeliani provano verso i musulmani"; quindi, spingere gli europei ad entrare in quella guerra, coinvolgerli, impantanarceli, fare in modo così che siano sempre più dipendenti dall'ombrello armato della Superpotenza a stelle e strisce

Adesso questa parte del programma va' affrettata… tanto più che negli stessi vertici politici statunitensi di fronte alla fallimentare figura in Siria, le fratture si acuiscono. McCain con la bava alla bocca, e Brzezinski con razionalità paranoide, pressano Obama affinchè crei una "no-fly zone", dia tonnellate di armi a dei ribelli crimininali affichè contrastino, come già da tempo facevano con Bashir Assaf, la pericolosa Russia… Barak Obama ha risposto che non lo farà. 

La divisione è forte anche internamente alla CIA, che alla formazione ed armamento delle forze jihadiste anti-Assad ha consacrato addirittura il 10 percento del suo bilancio (Usd. 500 mln), e il Pentagono che ha fatto il meno possibile

Se invece gli europei si coinvolgono sul terreno, la cosa diventa seria, l'amministrazione americana viene forzata a tener duro. È per questo che i giornalai e media TV italiani sono improvvisamente pieni di esperti che proclamano: "È ora di passare dalle parole ai fatti! L'IS è un pericolo estremo per noi! Alla guerra, alla guerra!". 

Nelle radio mainstream, i giornalisti danno loro ragione: è una guerra di civiltà, bisogna farla questa guerra…"L'IS vuole farsi la bomba atomica, ha già "cercato contatti" con trafficanti "russi" di materiali. Non lo sapevate? Lo dice l'ANSA, quindi è vero. È urgente che ci buttiamo alla guerra contro l'IS, anche noi. Che patetica messa in scena. Mercenari della carta stampata e di frequenza d'onde. 

Anzi, può darsi che i nostri governanti (parassiti) stavano, forse, cominciando di nascosto a bombardare, adesso sono stati scoperti e dicono che prima ascolteranno il Parlamento. Ma "sono i doveri di una coalizione", come ci ammaestra un tal Franco Venturini sul Corsera: "Noi e gli alleati, un solo nemico". 

E allora, poi, ci conviene assolutamente, dicono all'unisono giornalisti ed esperti, perché "il salto di qualità" in Iraq ci darà "più peso decisionale nella crisi libica".Ecco, vedete che, a cercarlo, un motivo per bombardare gli iracheni si trova. Del resto, perché no? 

I quattro Tornado non cambieranno le cose. Anzi, la partecipazione dell'Italia alla coalizione dell'Occidente dovrebbe rallegrarci, se abbiamo memoria storica: entriamo come alleati degli uni, possiamo finire come alleati degli altri. Avere l'Italia come alleata non è una cosa che porta bene. 

Del resto, il ministro della difesa russo ha invitato ufficiali della NATO a recarsi a Mosca quando vogliono, per partecipare al coordinamento degli attacchi aerei: è la risposta di Vladimir Putin ai paranoici-propagandistici-allarmisti  della NATO (pagati profumatamente per dire cazzate) su presunti "sfioramenti" dei Sukhoi con gli F-22 americani, e dei presunti sconfinamenti russi in Turchia. Però, minchia, dicono i russi, non avevamo in comune un solo avversario, cioè : l'IS?

Sunday, October 11

COME BOMBARDARE PER ESPORTARE DEMOCRAZIA

Analisi Didesa. L’Amministrazione Obama ha deciso di mettere fine al contestato programma da 500 milioni di dollari annui del Pentagono per addestrare i ribelli “moderati” siriani.

Riconoscendo, in questo modo, il fallimento totale nella formazione di combattenti in grado di contrastare lo stato islamico. Lo ha riferito il New York Times, citando fonti della stessa amministrazione Obama. 

La conferma è arrivata poco dopo dal segretario alla Difesa, Ash Carter, secondo cui il presidente americano presenterà a breve proposte di modifica al programma. Sarà lo stesso Obama a parlarne nelle prossime ore, ha aggiunto Carter.

Dal Pentagono una fonte sotto anonimato ha spiegato al quotidiano che non verranno più reclutati ribelli da mandare ad addestrare in Giordania, Qatar, Arabia Saudita o Emirati, ma verrà allestito un centro di formazione più piccolo in Turchia dove un piccolo gruppo di “facilitatori”, per la maggior parte comandanti dei gruppi di opposizione, verranno istruiti su manovre tattiche  e su come chiedere l’intervento dei cacciabombardieri della Coalizione.

Ashton Carter, ha affermato che gli USA intendono cambiare il programma di addestramento dei ribelli siriani contro lo stato islamico seguendo l’esempio della collaborazione coi curdi. “Il lavoro che abbiamo fatto coi curdi nel nord della Siria è l’esempio di un approccio efficace”, ha affermato il ministro americano nel corso di un incontro a Londra col suo omologo britannico Michael Fallon.

Questo è l’esempio che vogliamo seguire con gli altri gruppi in Siria d’ora in avanti”, ha aggiunto Carter senza spiegare però che mentre i curdi controllano ampi territori i ribelli siriani moderati sono a ranghi ridotti e controllano poco enclaves in Siria minacciate dalla pressione dello stato islamico e del Fronte al-Nusra oltre che dalle forze regolari di Damasco.

Il fallimento del piano americano di rafforzare i ribelli moderati coincide con l’offensiva scatenata ieri dallo stato islamico che continua ad avanzare a nord di Aleppo attaccando le postazioni dei ribelli moderati e quelle governative. Qui gli uomini del Califfato hanno ucciso giovedì sera il generale iraniano Hussein Hamedani, morto mentre svolgeva il suo lavoro di “consigliere” delle forze siriane, ha spiegato la tv di Teheran. 

Hamedani era indicato come il responsabile in Siria delle Forze al Quds, la divisione per le operazioni all’estero dei Pasdaran iraniani.Secondo l’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (organizzazione vicina ai ribelli sospettata di essere sostenuto dall’intelligence anglo-americana)  Hamedani è stato ucciso dallo stato islamico vicino all’aeroporto di Kweiris, a est di Aleppo, assediato dai jihadisti.

La Francia ha bombardato ieri per la quinta volta campi d’addestramento del Califfato a Raqqa mentre Mosca ha annunciato ieri di aver bombardato 60 “obiettivi terroristici” in Siria nelle ultime 24 ore.“

Nei 67 raid dei caccia bombardieri Su-34M e Su-25SM nelle province di Raqqa, Latakia, Hama, Idlib e Aleppo sono stati uccisi circa 300 jihadisti, compresi due comandanti, e sono andati distrutti 6 centri di comunicazione e di comando, 17 campi di addestramento, 6 depositi di armi, 13 tunnel utilizzati dai jihadisti nella provincia di Latakia, 16 roccaforti, 17 mezzi corazzati, 2 sistemi multipli di lanciarazzi”.

I dati sono stati resi noti durante una conferenza stampa dal generale Igor Igor Konashenkov , capo dello Stato maggiore russo che ha fornito oggi i dati dei raid effettuati oggi: 64 contro 55 obiettivi. Di fatto la media delle sortite offensive russe si attesta oltre le 50/60 al giorno, oltre il doppio di quelle effettuate dalla Coalizione a guida statunitense.

Come è consuetudine i russi definiscono “terroristi” non solo i miliziani del Califfato ma anche i miliziani dei gruppi salafiti, qaedisti e dei fratelli musulmani che militano nell’Esercito della Conquista (sostenuti da turchi, sauditi e Qatar) e che vengono colpiti insieme allo Stato Islamico poiché presidiano il fronte più delicato per il regime di Bashar Assad, quello nord occidentale tra Latakya, Idlib e Hama

Secondo quanto riportato dalla tv araba al-Mayadin molti membri dello stato islamico hanno evacuato le famiglie da Raqqa dopo l’avvio dei raid aerei russi. Fonti saudite citate dalla BBC assicurano che Riad ha già intensificato il sostegno bellico alle forze dei ribelli siriani.

Per il terzo giorno consecutivo è proseguita l’offensiva di terra delle truppe governative siriane appoggiate da miliziani libanesi e iraniani, che tentano di sfondare le linee degli insorti su tre lati tra Hama e Idlib: Atshan, Kfar Nabbuda e Khan Shaykhun.

"GENOCIDE OR DEMOCRACY"ARE FAKES' N.A.T.O. PRETEST

Organizers and participants in the “Creating a Workable World” conference (held this weekend at the University of Minnesota) are undoubtedly sincere. No one wants to live in an unworkable world. 

The sponsoring World Federalist Movement has historically exercised a strong attraction on progressives, appealing to their generous sentiments and wish for world peace, as Coleen Rowley and Diana Johnstone, describe.

“Human rights” organizations have become purveyors of bloody chaos as they advocate Western big-power military attacks on weak countries in the name of “responsibility to protect” – one of several purportedly well- intentioned strategies gone awry such a grand, overarching ideal as world federalism or global democracy must be evaluated in light of current circumstances and its track record.

At the end of World War II, it was widely believed that nationalism was the main cause of the horrors that had just devastated much of the world. It was easy to imagine that abolishing nation states would be a step toward ending wars by removing their cause. 

This sentiment was particularly strong in Western Europe, forming the ideological foundation of the movement that led to European integration, now embodied in the European Union. In that same period, there was a historic movement going in the opposite direction: the national liberation movements in various colonized countries of the Third World

The political drive for national liberation from European powers —Britain, France, the Netherlands— contributed to establishing national sovereignty as the foundation of world peace, by outlawing aggression

Newly liberated Third World countries felt protected by the principle of national sovereignty, seeing it as essential to independence and even to survival. But today, 70 years after the end of World War II, experience has provided lessons in the practice of these two contrary ideals: supranational governance and national sovereignty

Not surprisingly, the official voices of the hegemonic world power and its allies tend to cite internal conflicts, especially in weaker Third World countries, as proof that national sovereignty must be violated in order to defend “human rights” and bring democracy. The danger from “genocide” has even become an official U.S.-NATO pretext for advocating and launching military intervention. With disastrous results

It’s therefore not surprising that Workable World’s keynote speaker, W. Andy Knight, was a supporter of the infamous regime-change war that virtually destroyed Libya, under the guise, paradoxically, of the U.S. and NATO’sresponsibility to protect.” 

That is not just a side issue: It signals the dirty business of wars and regime-change intrigues currently underway behind the scholarly façade of “global governance”. We fear that opposing arguments in favor of national sovereignty will probably not be discussed much during this conference. 

And yet, the European Union has served as an experimental laboratory testing what happens when a large and growing number (now 28) of sovereign states turns over a major part of their rights to supranational governance. Unified institutionally, the weaker members find themselves dominated by the powerful

Despite decades of speeches proclaiming that “we are all Europeans,” when it comes to the crunch, people revert radically to their national identity. Germans resent Greeks for being debtors; Greeks resent Germans for keeping them in debt

All the more so in that there is no way out. Elections are increasingly meaningless within the member states, because major economic decisions are taken essentially in Brussels, by the E.U. institutionsThis is causing increasing disillusionment and de-politicization in Europe

Europeans take virtually no interest in the European Parliament. They do not feel represented by it, and indeed they are not. Democracy works best in small circumscriptions: Greek city states, Iceland, villages. 

The bigger it gets, the less “democratic” it can be. Half a century ago, the functioning ideal was to bring eternal peace to Europe through unity. Today, that institutional unity is creating new divisions and hostility

To put it simply, experience is in the process of killing the ideal and showing why “worldwide parliamentary democracy” may bring more harm than good, at least in the real world as it exists today and will for some time to come.

Monday, October 5

DA PAPA URBANO II A PUTIN: MILLE ANNI DI MORTE

Palestina, Libia e Siria, evidenziate quali ultimi esempi,  in comune hanno  una ferita aperta:"quella di essere collocate in un medio oriente geografico con frontiere rese evanescenti sin dal tempo dei sanguinari crociati (tagliatori di teste, in un solo giorno, nella battaglia di Ascalona  anno 1153, ne mozzarono più di duemila, maggior parte bambini) e, infine, ridisegnate, dopo la II° guerra mondiale dal massone Wiston Churchill. Il vero monarca dell'impero britannico a tutti gli anni "50.  Questa fu la "grande porcata", donata al nostro futuro, dal re Wiston Churchill, assolutamente asino in storia antica (a parte whiskey e sigari).

Negli ultimi anni "40, dello scorso secolo, centinaia di militari inglesi morirono in Palestina sulle bombe messe dai "terroristi ebrei (così erano definiti sulla stampa mondiale)". In realtà, in medio oriente, nonostante il devastante passaggio del nazi-fascismo, nulla fu più deleterio, per il futuro di quelle genti (arabi, persiani, turchi, curdi, azeri, copti, ebrei, aramei, maroniti, circassi e drusi); che inventarsi nuove frontiere come fece il massone Churchill, dimenticandosi, di quanti popoli tribali in esse vi vivevano, da millenni.  

E pensare che questo "avido impero britannico" fece genuflettere sia egiziani, libici, siriani, persiani, sauditi e sciiti: tutti assieme, eredi di due delle "primarie culture planetarie" ultra millenarie come: "la fenicia e la mesopotamica". 

La cicatrice fu inferta con una ferocia criminale-affaristica. Soprattutto, dai più cruenti assassini interni alle monarchie europee, che dal XI secolo a tutto il XX secolo hanno letteralmente massacrato e umiliato questi popoli medio orientali. Da questo magma dell'alto evo, partirono le Crociate". Secoli dopo secoli.  

Cosa accadde dopo, sino ad oggi, lo sappiamo bene tutti. 

Se non avessimo fatto questa premessa, non potremo addentrarci e comprendere "maggiormente" quanto stia accadendo attorno a noi. Questi stessi popoli, nel pieno del XXI secolo, hanno di ben incazzarsi di questa europa imperialista che li ha sgozzati e massacrati per oltre mille anni

Veniamo ai fatti. L’operazione di Iran e Russia per soccorrere il presidente siriano Bashar el Assad comincia a giugno. E’ un periodo disastroso dal punto di vista del governo, l’esercito sta subendo una sconfitta dopo l’altra e ha speso invano la sua carta militare più preziosa, la cosiddetta Forza Tigre guidata dal colonnello Suheil Hassan

Lui è considerato un eroe dai media del regime. Un ex addestratore delle "Forze Speciali" che rifiuta da anni la promozione a generale per continuare a restare in prima linea con i suoi soldati, che in molti casi sono stati scelti da lui in persona. 

Si diletta di poesia, ma sono versi truci che lui recita ai nemici con un megafono. Il suo reparto è la Qawat al Nimr, la forza Tigre, che però a giugno cede  agli avversari e perde territorio, anche se si era distinta in questi anni di sfacelo generale delle forze armate. 

La provincia di Idlib è perduta ed è un male perché a questo punto soltanto un crinale di monti bassi divide i nemici dalla costa siriana, abitata dagli alawiti e dai fedelissimi del presidente.

Se i guerriglieri prendono anche quel crinale, poi è tutta discesa fino alla città di Latakia. Riescono anche a sparare un paio di razzi fino alla città. Nel 2008 manda un sms di sfida al generale americano David Petraeus a Baghdad: “Generale Petraeus, dovresti sapere che io, Qassem Suleimani, controllo la politica iraniana che riguarda l’Iraq, il Libano, Gaza e l’Afghanistan. Il nostro ambasciatore a Baghdad è anche lui un uomo della forza Quds. E lo è anche l’uomo che lo sostituirà”. 

Petraeus legge il messaggio sullo schermo di un telefonino che gli è porto da un politico iracheno. Suleimani si occupa dal 2013 anche della guerra civile in Siria. S’infuria con l’atteggiamento disfattista dei generali siriani: “Perché tenete la testa bassa? Non voglio vedervi così. I siriani vi hanno pagato gli stipendi in questi anni proprio in attesa di un momento come questo, in cui si aspettano di essere salvati dall’invasione di una banda di bestie cattive”, racconta un testimone al Sunday Times.

Suleimani è l’uomo che due anni prima aveva redatto il cosiddetto piano Suleimani (il nome glielo hanno dato gli israeliani), ovvero la strategia per salvare il presidente Assad – che nel gennaio 2013 aveva sfiorato il tracollo definitivo. Grazie al piano Suleimani le forze di Assad si sono riorganizzate e non hanno più perduto territorio per due anni, anzi in qualche caso l’hanno riconquistato, con l’apporto di un influsso massiccio di combattenti stranieri e, soprattutto, del gruppo libanese Hezbollah. 

Ora però la ruota del conflitto si è rimessa in moto, il Tigre non ha fatto il miracolo e quelli di Hezbollah hanno già mandato un messaggio preciso: non sono venuti in Siria a sparare a tempo indeterminato, la guerra civile è un meccanismo atroce che logora tutti, stanno perdendo troppi uomini, la loro ragione d’essere è combattere contro Israele e non morire mese dopo mese alla periferia di Aleppo. 

Suleimani sgrida i generali rassegnati, ma si chiede: se Hezbollah se ne va, chi combatte questa guerra d’attrito contro un nemico che è superiore per numero e di molto? Si risolve con una leva obbligatoria che ormai viene fuggita da tutti i siriani sani di mente?Alla fine di quel mese di giugno entra in scena – si fa per dire: è discretissimo – l’uomo che fa da ufficiale di collegamento tra gli iraniani e Assad, e vola a Mosca a incontrare Putin. 

Si tratta di Ali Mamlouk, capo del cosiddetto ufficio della Sicurezza Nazionale. In pratica gestisce le quattro Intelligence siriane che controllano il paese e si sorvegliano a vicenda, in modo da evitare che un ufficiale troppo sveglio faccia quello che ha fatto il padre del presidente Bashar e si prenda la Siria con un golpe. Mamlouk è anch’egli, come Suleimani, uomo di quell’apparato opaco e onnipotente che decide le sorti della regione e non appare quasi mai sui media. Tutto il contrario dei mujaheddin eretici e straccioni dello Stato islamico, che girano in sandali e ci tengono parecchio a esibire ogni esecuzione. 

Mamlouk fa parte del circolo di Damasco che prende le decisioni. Un dispaccio americano finito su Wikileaks descrive la sua apparizione a sorpresa a un incontro tra una delegazione americana e una del governo nella capitale siriana nel 2010. Si parlava di terrorismo, lui si presentò a spiegare che i Servizi siriani non lavorano come quelli americani (che appena possono colpiscono): “Noi infiltriamo i gruppi e ci teniamo informati dal loro interno”, è un lavoro che richiede anni.

Mamlouk va a Mosca a chiedere aiuto. Un mese esatto dopo, alla fine di luglio, arriva a bordo di un volo commerciale anche il generale Suleimani, che va anche lui parlare con Putin per fissare una strategia. Il che lascia pensare che la visita di Mamlouk a nome di Assad abbia avuto successo. Il governo siriano ha bisogno dell’intervento della Russia

Mosca nega che ci sia mai stata una visita di Suleimani quando la notizia esce ad agosto. Del resto fino al 18 settembre – due settimane fa – hanno smentito l’intervento in Siria. Mamlouk passa l’estate a fare il giro segreto delle sette chiese. A fine luglio – notizia incredibile – va persino nella tana del nemico, a Gedda, in Arabia Saudita. Non si sa cosa dice, questa informazione esce un mese dopo, ma già una settimana più tardi il quotidiano arabo al Hayat pubblica un pezzo insolito a proposito dell’esistenza di una proposta di pace saudita che suona così: “Noi cessiamo di aiutare i ribelli in Siria se gli iraniani e Hezbollah escono dalla Siria e cessano il loro appoggio sul campo”. 

E’ stata la questione discussa durante l’incontro riservato con il siriano, si capisce dopo (e notare che Mamlouk è pronto a far ritirare Hezbollah dalla Siria, perché sa che tanto deve tenersi pronto a farne a meno). Il 24 agosto Mamlouk vola al Cairo a parlare con il capo dell’Intelligence egiziana, il generale Khaled Fawzi, e deve essere una conversazione interessante perché il 13 settembre Mamlouk torna al Cairo a parlare direttamente con il presidente Abdel Fattah al Sisi

Si sa che il rais egiziano avrebbe una gran voglia di maggior coinvolgimento nella guerra di Putin in medio oriente, del resto al Sisi ha in casa il fronte del Sinai, che è una piccola Siria. Però lui non può, perché gli sponsor sauditi che prestano all’Egitto enormi quantità di denaro non tollererebbero un allineamento esplicito a favore di Assad (invece vorrebbero un suo intervento in Yemen, ma Sisi si tiene fuori più che può).

I viaggi di Mamlouk sono stati ricostruiti a settembre da George Malbrunot, giornalista del Figaro, ma almeno uno non è citato: il siriano va in Oman, il piccolo regno della penisola arabica dove sono partite le trattative segrete tra americani e iraniani sul programma nucleare, e che gode dello status di porto franco dove si possono immaginare i negoziati più improbabili. A maggio era uscito un rumor insistente sulla fine di Mamlouk, che talune voci danno agli arresti domiciliari e altre davano per malato terminale di cancro

Con il senno di poi, viene da pensare a una mossa di disinformazione da parte del governo siriano, perché il capo dei servizi in quel periodo è partito per viaggi cruciali per tutto il medio oriente, a fare le veci di un presidente che non può lasciare Damasco. Chissà cosa succede, viene da chiedere, se Bashar si allontana troppo. La notizia sarebbe considerata una resa? Qualcuno a lui vicino proverebbe a prendergli il posto?

Il terzo membro di questo triangolo iraniano, siriano e russo è Nikolai Patrushev, consigliere per la Sicurezza Nazionale di Vladimir Putin, ex direttore dei servizi segreti dal 1998 al 2008 e prima agente del KGB a Leningrado. Patrushev riceve il generale iraniano Suleimani a settembre (una seconda visita discreta a Mosca) e una settimana dopo è nella stessa stanza quando Putin riceve il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu

Pochi possono vantare questa agenda di appuntamenti. Patrushev teorizza e mette in pratica la necessità di rafforzare l’alleanza militare e di Intelligence con i Servizi Speciali iraniani per affrontare assieme la questione Siria già dall’ottobre 2014, quando fa una visita significativa a Teheran. 

E’ lui che vuole formalizzare i legami tra i due stati con un meccanismo di collaborazione permanente. Un anno dopo, adesso, quel meccanismo esce dall’ombra e rimpiazza la guerra civile siriana con un conflitto nuovo e forse più ampio, di cui ancora non si capiscono tutti i contorni. Segue...

Thursday, October 1

LIBIA E SIRIA BOMBARDATE SPECIALMENTE DA MENZOGNE

Pubblichiamo una intervista, effettuata dalla radio irlandese LMFM a Fatima Hamrush; ritenendola, di grande  interesse. Sia considerata la fonte, sia perché fa luce sul dramma dei rifugiati di questi giorni.

Dottoressa specializzata in Oculistica,  ha studiato e poi vissuto in Irlanda per molti anni, finché non è tornata in Libia dopo la fine delle "operazioni" della Nato del 2011, per far parte del governo di transizione, come ministro della Salute. 

Dopo un anno è tornata in Irlanda, anche perché minacciata di morte dagli integralisti, dove ha pubblicato numerosi articoli sulla drammatica situazione in cui versa la Libia e, in particolare, sulla dilagante corruzione.

"Io, che ero nel Consiglio di transizione libico, dico:  l’Occidente guardi alle cause delle migrazioni. NATO e petro-monarchie hanno ucciso il Medio Oriente sulla base di menzogne

D. Che cosa ha suscitato la foto del bambino curdo annegato in Turchia?

FATIMA. Finora tutti cercavano di stornare lo sguardo dalla realtà. Ci sono centinai di migliaia di bambini morti. Questo ha avuto il privilegio di essere stato fotografato. Tutto qui. E’ la punta dell’iceberg. Non è la prima e nemmeno l’ultima. Ho confrontato questa situazione con l’Olocausto. L’unica cosa che manca sono le camere a gas. In Medio Oriente c’è una massa di persone che scappano dalle loro case per paura di essere uccise, le donne per non essere schiavizzate dal Daesh. Il fatto che accettino di rischiare di morire alle frontiera o in mare dice chiaramente quanto sia disperata la loro situazione. Vede, il Medio Oriente è in un momento terribile. All’inizio eravamo tutti contenti di queste “primavere arabe”,  e speravamo nel meglio. Ero anche io fra chi voleva il cambio ma ora credo che sia andata malissimo, e non parlo di teorie cospirazioniste, ma di fatti provati. Si sta distruggendo il Medio oriente, per creare una nuova mappa.

D. E chi è dietro questo?

FATIMA. Se il Medio Oriente non fosse ricco, tutto questo non succederebbe! Ci sono molti e potenti  interessi.

D. Interessi da fuori?

Sì. E’ provato ormai da molte cose. Pensiamo alla Libia, il paese che conosco meglio, il mio paese. Quando iniziammo la primavera araba, volevamo un futuro migliore. Ma in seguito, da ministro rimasi scioccata dal numero di compagnie straniere che bussavano alla porta perché volevano concludere affari, quando il paese non poteva. Non solo: i  Servizi segreti stranieri in Libia, sono diventati più presenti e forti dei nostri. Infine, i gruppi estremisti, al Qaeda, gli antenati dell’Isis, erano fiorenti in Libia. Una parte della popolazione aveva all’inizio simpatizzato con loro perché Gheddafi li aveva messi in prigione. Ora vediamo bene che aveva ragione, ma allora non lo sapevamo. Quando lui andò in TV all’inizio della crisi e disse: “Sarete governati da al Qaeda, governerà il paese, schiavizzerà le donne”, i libici ridevano, “ma che sta dicendo? inventa”. Adesso vediamo che aveva ragione. Intere città libiche sono cadute completamente nelle mani del cosiddetto Daesh.  

D.  Il Daesh vuole creare il califfato in Medioriente; la Siria è stata il trampolino. Come mai gli interessi occidentali alla fine li hanno appoggiati, quando quelli dicono di voler distruggere l’Occidente, fanno attacchi, propongono distruzioni?

FATIMA. Devo precisare. Non accuso gli occidentali, vivo qui da 20 anni e il popolo è OK, parlo di certi politici…

D. Robert Fisk parla appunto di disconnessione fra la classe dirigente e le popolazioni…

Sì, lo rispetto e quel che dice riflette davvero quel che avviene in Medio Oriente. Non tutti i politici sono cattivi. Ma molti ritengono che per l’interesse superiore del loro paese si può fare qualunque cosa. Non è giusto. E finalmente questo bambino ha toccato tutti noi.

D.  Davanti a questa fuga in massa di persone che cercano di evitare la morte, l’Europa dovrebbe accoglierne di più?

Queste persone vorrebbero rimanere a casa loro. Vorrebbero la pace. E come mai i paesi arabi del Golfo non li accolgono come rifugiati, visto che sono arabi? Anzi, quando vanno là sono trattati male. Quindi vengono in Europa, ma vogliono tornare indietro se arriva la pace. Ringrazio la Germania per quel che ha fatto. Ma voglio tornare a quello che queste persone vogliono. Io stessa vorrei tornare in Libia e aiutare il mio paese, ma c’è una sentenza di morte su di me da parte dei jihadisti: mi hanno accusata di essere contro la religione, perché ero contro di loro. Così vanno le cose in quei luoghi. Insomma, chi scappa vorrebbe poter tornare a casa!

D. FATIMA. Allora che cosa deve fare l’Occidente? 

Deve guardare alle cause di queste situazioni. Perché è successo? Parliamo ad esempio della Libia. Mi ha molto colpita il fatto di sentire che tutta la discussione a livello europeo è su “come distribuirsi i profughi”. E invece nessuno si sofferma sulle cause, sul perché. Come esempio. Torno sempre alla Libia perché è il caso che conosco bene. Le frontiere libiche sono completamente aperte, perché c’è molta corruzione oggi, e confusione, è il caos totale. Ma le frontiere da dove queste persone arrivano, sono frontiere sorvegliate, presidiate, no? Terra, aereo, mare. Quelli che arrivano da quei paesi, per esempio in aereo dalla Turchia, sono già stati controllati, alla partenza. E così quando partono da paesi africani. Vuol dire è là la radice del problema. C’è una rete mafiosa che manda queste persone, promette loro una vita migliore, sapendo che qualcuno in Libia li tratterà come schiavi, mettendoli su barconi che affondano… Chi manda queste persone? Chi fa loro promesse? Perché queste persone arrivano in aereo in Libia dove non ci sono controlli? I governi potrebbero collegarsi!

D. Dunque i trafficanti… Certo lei dice che le persone vogliono stare nei loro paesi ma non possono, c’è l’Isis. La mia domanda è: dove sono gli Usa e le “forze alleate” che andarono in Afghanistan e  Iraq?

E’ molto facile trovare su internet il video nel quale la stessa Hillary Clinton ha ammesso,  al Congresso:   “we created them”; li abbiamo creati noi.  Nella lotta fra Usa e Unione sovietica, gli Usa crearono al Qaeda, e l’Isis è il figlio di al Qaeda, a un più profondo livello di atrocità. Quel che fanno, lei pensa che serva ai musulmani? Ma no, i musulmani sgozzati, catturati, trattati come schiavi solo le loro prime vittime dirette, e quelle indirette sono i musulmani e gli arabi che scappano.

D. Allora le forze statunitensi e alleate che hanno già creato così tante tragedie storicamente in questo mondo, lei pensa che loro possano combattere e sconfiggere il Daesh?

No, non sono d’accordo. Guardi a tutti i paesi nei quali sono andati, che destino: Iraq, non c’è più l’Iraq adesso!

D. E allora? Lasciamo il Daesh libero di creare il califfato?

Penso che i Servizi segreti occidentali sappiano molto bene come fare. Per esempio guardi cosa èavvenyto alla persona accusata di aver ucciso l’Ambasciatore Chris Stevens a Benghazi, in Libia, i Delta Force sono arrivati dagli USA, lo hanno catturato e portato a Guantanamo. Se vogliono prendere i responsabili, possono farlo così, senza…

D. …Senza andare con bombe e uccidere innocenti…

A proposito di bombardamenti… ricorda quando attaccarono la Libia nel 2011, accusando  le forze di Gheddafi di stupri, di aggregare mercenari ecc.? Nessuna di queste accuse avanzate a livello di Nazioni unite per giustificare ha avuto riscontri. Niente stupri di massa, niente mercenari portati in Libia (c’erano Corpi Speciali a guardia di Gheddafi); e anche la terza scusa secondo la quale le forze di Gheddafi stavano per arrivare a sterminare l’est del paese, si è rivelata falsa.Dunque dopo quest’esperienza, i popoli non vogliono più interventi da parte di qualunque comunità internazionale. Vogliamo che quei paesi che ci mandano terroristi siano fermati.  Possiamo fare da noi. Quando ci buttano questi terroristi nel paese, e non possiamo controllarli, ecco che noi diventiamo  una piscina dove nuotano, una terra di nessuno per questi terroristi!

D. Quindi quelli che si radicalizzano e vogliono partire per il Medio Oriente, dovrebbero essere fermati?

Certo! Si sa chi chi sono. Le dico questo. Il sindaco di Tripoli, la mia capitale, è irlandese, perché ha vissuto qui e ha ottenuto la cittadinanza irlandese, oltre a quella libica. Poi è arrivato in Libia per fare la “rivoluzione”, e si è rivelato essere un estremista, non dirò terrorista, ha aiutato a mandare armi e combattenti in Siria. Ha anche formato una brigata in Siria. E poi, è diventato sindaco di Tripoli! Non lo è più…Comunque l’Irlanda sa di lui!

D. In ogni caso, certo dobbiamo aiutare chi si ammassa alle nostre frontiere, anche se vogliono tornare a casa.

Certo, occorre aiutarli. Ci sono due tipi di migranti. Quelli che scappano dall’orrore, e quelli che vogliono una vita migliore, come gli africani. E dall’altra parte ci sono i terroristi che arrivano qui. L’Intelligence occidentale sa bene come separarli.

Tuesday, September 29

LA RUSSIA ENTRERA' IN SIRIA A PRESCINDERE OBAMA

La Russia sta considerando la possibilità di partecipare ai bombardamenti contro lo Stato islamico della coalizione internazionale in Siria e Iraq, ha detto il presidente russo Vladimir Putin parlando ieri in tarda serata all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. 

Questo è sembrato a molti uno dei maggiori segnali di apertura nel botta e risposta a distanza di poche ore tra Putin e il presidente americano Barack Obama, in un’Assemblea che doveva essere l’atto iniziale di una manovra diplomatica in favore della pace in Siria e che invece è diventata occasione di scontro tra i due presidenti. 

Putin ha rubato il momento di Obama sul palcoscenico del mondo”, ha titolato la Cnn (“Putin steals Obama's thunder on the world stage”) per descrivere la risposta del presidente russo al discorso di Obama, che ha pronunciato una vibrante difesa della democrazia e dei valori liberali, e una condanna delle “correnti pericolose rischiano di spingerci indietro in un mondo più buio e meno ordinato” (riferimento poco velato a Putin). 

“Il presidente russo è arrivato alle Nazioni Unite, ieri, per la prima volta in un decennio, proponendo un rovesciamento della leadership globale degli Stati Uniti e cercando di strappare dal controllo americano il controllo della coalizione contro lo Stato islamico”. 

Putin si è scagliato contro le operazioni americane in Iraq e Libia per dimostrare che l’interventismo e l’unilateralismo americano hanno provocato disastri in medio oriente, lasciando un vuoto di potere riempito da “estremisti e terroristi”: “Vi rendete conto di quello che avete fatto?”, ha detto. 

Per evitare gli errori di Bush in Iraq e di Obama in Libia, ha detto Putin, “Pensiamo che sia un errore enorme rifiutare di cooperare con il governo siriano, che sta combattendo con coraggio il terrorismo faccia a faccia”. 

Il destino del presidente siriano Bashar el Assad è uno dei nodi principali per la risoluzione del conflitto in Siria, ed è uno di quelli su cui lo scontro è più duro, perché se per Putin Assad deve rimanere, poche ore prima Obama aveva detto che non è possibile dialogare con un dittatore che getta barrel bomb sui civili, e il presidente francese François Hollande, parlando ai giornalisti, aveva definito Assad il maggior colpevole del conflitto siriano, nonostante gli atroci crimini dello Stato islamico

Entrambi i governi americano e francese, tuttavia, si sono detti pronti a discutere una fase di transizione in Siria che preveda la permanenza a tempo di Assad a Damasco.In difesa del governo siriano e, ha detto il Cremlino, in un’operazione contro lo Stato islamico questo mese la Russia ha installato una base aerea nel porto siriano di Latakia e domenica ha inaugurato un’alleanza militare per la condivisione dei dati d’Intelligence con un fronte sciita composto da Siria, Iran e Iraq

Questi strategici passi unilaterali, che hanno colto di sorpresa la sbandata Amministrazione americana e provocato le proteste di Washington, sono viste tuttavia da molti governi occidentali come una presa di responsabilità importante del governo russo in un teatro di guerra in cui l’America latìta e gli stati europei, con poche eccezioni come quella francese, sono restii all’intervento. 

Nei giorni scorsi sia il ministro degli esteri tedesco Ursula von der Leyen sia quello spagnolo José García-Margallo y Marfil hanno parlato di interessi mutuali con la Russia e il governo siriano

L’apertura a una trattativa con Assad è arrivata anche dalla cancelliera tedesca Angela Merkel, e perfino il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, nemico giurato del regime siriano, la settimana scorsa è andato in visita da Putin e ha parlato di una transizione che comprenda il rais di Damasco

Non si può certo parlare di una coalizione, ma piuttosto di una serie di intenti e interessi diversi che iniziano tutti a muoversi in una direzione, quella voluta da Putin. Ieri Obama e Putin si sono inoltre incontrati faccia a faccia alla fine dei lavori dell’Assemblea generale, in una saletta del Palazzo di vetro adornata con bandiere americane e russe

L’incontro è stato a porte chiuse, e i due hanno ignorato le domande dei giornalisti che si accalcavano all’ingresso. Putin ha in seguito definito il dialogo “molto costruttivo, professionale e franco”, ma non ci sono buoni auspici di una maggiore cooperazione sul fronte siriano. 

Anche la partecipazione da parte russa ai bombardamenti della coalizione è stata vincolata a un’approvazione dell’operazione da parte dell’ONU, che indebolirebbe di fatto la guida americana. 

Putin inoltre, parlando, molto chiaramente, all’Assemblea, ha escluso la partecipazione di truppe russe in un’eventuale operazione di terra in Siria, nonostante la presenza di centinaia di consiglieri militari e di uomini delle Forze speciali già dislocati a Latakia.

Monday, September 28

RUSSIA HAS INVESTED EVERYTHING IN MILITARY EFFORTS

Many recent reports have claimed that Russia intends to step up its involvement in Syrian affairs, continue its support for the regime of Bashar al-Assad, and attempt to stop the spread of the Islamic State. 

Concurrently, rumors suggest that Russia is stitching together broad understandings with several interested parties, including the United States, Iran, Saudi Arabia, France, and Egypt, whereby Russia is willing to accept Assad’s resignation (and perhaps host him indefinitely in Moscow) but is not willing to topple the current regime or concede the Alawite domination of the Syrian political system. 

However, it also appears that something has recently gone awry in these understandings and Russia has chosen to respond by reinforcing its forces to defend the Assad regime and its control of the Syrian coastline. At the same time, Russia will likely continue to promote a political settlement in Syria to stabilize the situation, obstruct the Salafist jihadists, and formulate agreements for a transition period.

For some time, Russia has invested significant diplomatic efforts to revive the dialogue among the warring factions in Syria. Moscow recently sponsored two meetings among the sides, and further rounds of talks will reportedly take place soon. 

Moreover, while it continues to support the Assad regime, Russia is also in close contact with the Syrian opposition, Arab national leaders and senior officials, the United States, and European nations in order to advance a process that could perhaps, with UN cooperation, help end the crisis. In tandem, Russia announced that it is joining the fight against the Islamic State. 

These moves should be examined in light of both Russia’s efforts to restore its status in the Middle East, which was undermined in recent years, and its increasing assertiveness on the international arena vis-à-vis the West, primarily over the crisis in Ukraine.

Moscow, however, is not alone on the Syrian court, a field where the interests of all players in the international system intersect: those of the West, led by the United States; those of the regional players – Iran and its supporters on the one hand and the Sunni nations, led by Saudi Arabia, on the other; Turkey; and radical Islamic factions, first and foremost the Islamic State, challenging all the others

Thus, Russia’s engagement in the Syrian crisis requires engagement with the respective involved parties, and it is thereby competing for a pivotal role in shaping the future regional order. In this playing field, Russia faces complex challenges on several levels:
a.- The domestic Syrian level: Russia is interested in maintaining its status in any future arrangement in Syria and therefore tries to create the conditions to effect this, through mediation efforts, proposed meetings among the sides, and efforts to formulate a compromise. Another reconciliation conference among the opposing sides is supposed to convene under Russian auspices and with UN cooperation, and apparently with other Middle East nations and the United States as well. Despite Russia’s insistence on supporting Assad, recent signals from Moscow indicate a willingness for concessions on this point. At the same time, many reports have spoken of Russia’s military involvement in the fight against the Islamic State in Syria. Although the reports were denied by Moscow and they lack clear evidence, it is obvious that Russia has increased its military aid to Assad’s regime, which includes Russian advisors on Syrian soil and a presence on the Syrian coast that could guard Russia’s interests in any future development.

b.- Relations with the West: It is fairly clear that at least some of Russia’s moves in Syria have occurred with the West’s nod of approval. Beyond its considerations directly linked to the Syrian arena, Moscow wants to draw the attention of the international community away from Ukraine and refocus it on the Middle East. Russia may seek relief from the sanctions imposed by the West regarding its conduct in Ukraine in exchange for concessions in Syria.

c.- The Iranian level: Iran’s success regarding the nuclear agreement created a new reality in the Middle East, joined by the expectation of Iranian involvement in the war against the Islamic State. It seems that the United States, European states, and Russia all seek an alternative to their own direct involvement in the fighting. At the same time, Tehran’s improved regional and international standing concerns its neighbors, who feel threatened by the Iranian drive to expand its influence in the Middle East. Thus, Russia is expected to be sensitive to future Iranian activity, in Syria and throughout the region.

d.- The Sunni states: Warmer relations between Russia and the Sunni states in the Middle East was made possible by the tension between the United States, on the one hand, and Saudi Arabia, Egypt, Jordan, and the Gulf states, on the other, who saw their interests harmed by the nuclear deal with Iran. This tension was aggravated by the idea of involving Iran in the fight against the Islamic State in Syria, which would help Iran expand its influence in the region. Russia has exploited the situation to promote its “diplomacy through weapons” strategy, and talks on deals with these nations on the usual weapons now include plans for providing nuclear reactors. Russia is likewise working on understandings with these states on the future of Syria, though the fate of Assad is still a matter of contention.

e.- The war against the Islamic State: Russia, which in the past attributed little importance to the Islamic State, has changed its stance. The organization’s territorial conquests make it a substantive threat to the Assad regime, and the addition of the Caucasus emirate to the Islamic State has amplified the threat perceived by Moscow posed by the expansion of Islamic organizations challenging Russia on its own soil. Joining the fight against the Islamic State could be a Russian card in Moscow’s conflict with the West. At present, Moscow is talking about the moderate Syrian opposition joining forces with Iraqi and Kurdish forces and operating with the help of Turkey, Saudi Arabia, and Jordan, under UN auspices, to fight the Islamic State. While there is no certainty that Russia would have its own soldiers fight this war on Syrian soil, Moscow is offering to lead the formation of such a coalition.

It seems that Russia is determined to protect its interests in Syria and is preparing for all possible scenarios in that arena. These include defense of the Assad regime, even if it is forced to retreat to the coastline; promotion of a compromise that would end the fighting; and, if possible, recruitment of broad regional support for these moves, also for the sake of containing the threat the Islamic State poses to Russia. Such a policy places Russia at the center of the regional stage in the Syrian context and beyond, because it reflects the drive to translate its involvement in the local crisis to a stronger international standing.

But this is a complex undertaking. The chances that Russia will succeed with its planned moves are not auspicious, given the difficulty in navigating between its own interests and those of other key actors, such as Iran, the Sunni states in the Middle East, and the West, primarily the United States. It is too early to tell what direction developments may take. A quick resolution is unlikely; rather, the more likely possibility is that Russia alone will not succeed in dictating the solution for Syria. Consequently, deepened rifts and broadened conflicts are expected among the many actors in the Syrian arena.

Israel is closely following events in Syria, including Russia’s preparations for expanding its involvement there. There is concern that renewed Russian action in the war in Syria might have negative implications for Israel (such as denying Israel freedom of action in Syria, as Hizbollah has stated). But an assessment of Russia’s considerations, supported by messages in the Russian media, leads to the conclusion that Russia’s policy in Syria – whether continued support of the Assad regime or support of the regime without Assad – does not pose any threat to Israel.

In the last few days, many reports have claimed that Russia intends to step up its involvement in Syrian affairs, continue its support for Bashar al-Assad’s regime, and attempt to stop the spread of the Islamic State. Concurrently, rumors suggest that Russia is stitching together broad understandings with several interested parties, including the United States, Iran, Saudi Arabia, France, and Egypt, whereby Russia is willing to accept Assad’s resignation (and perhaps host him indefinitely in Moscow) but is not willing to topple the current regime or concede the Alawite domination of the Syrian political system. 

However, it also appears that something has recently gone awry in these understandings and Russia has chosen to respond by reinforcing its forces to defend the Assad regime and its control of the Syrian coastline. At the same time, Russia will likely continue to promote a political settlement in Syria to stabilize the situation, obstruct the Salafist jihadists, and formulate agreements for a transition period. INSS Insight No. 746, September 10, 2015, Zvi Magen, Sarah Fainberg.

BARAK HUSSEIN OBAMA CEDE A VLADIMIR PUTIN

Carlo Pannella dice che Barack Obama ha conseguito un incredibile e triste primato: dopo l'incontro con Vladimir Putin a New York, è il primo presidente americano della storia a presentarsi a un vertice con un leader del Cremlino in palese, totale svantaggio militare, e ancor più politico, sul fondamentale quadrante della crisi siriana. 
La situazione paradossale è la conseguenza della strategia obamiana di appeasement con l’Iran. Infatti Putin ha un alleato siriano, Bashar el Assad, che ha ribadito quale unico “dominus” possibile di un processo di transizione, e ha i “boots on the ground”, quantomeno a Latakia. 

Obama invece non ha nessun alleato siriano. Ed è nella scabrosa posizione di chi ha due alleati, la Turchia e l’Arabia Saudita che gestiscono con spregiudicatezza i loro “partiti siriani”, inclusa al Nusra-al Qaida. 

La debolezza è talmente irreale che lo stesso Assad si può permettere oggi di irridere sprezzantemente Obama: sappiamo che la Turchia sostiene il Fronte al Nusra e lo Stato islamico, fornendo loro armi, denaro e volontari. Ed è risaputo che la Turchia ha rapporti stretti con l’occidente.Recep Tayyip Erdogan e il suo primo ministro, Ahmet Davutoglu, non possono fare una sola mossa senza coordinarsi innanzitutto con gli Stati Uniti e poi con gli altri paesi occidentali. 

Inchiodato nella palese contraddizione di primo leader del baricentro della NATO, che non è in grado – per proprie deficienze – di impedire che la Turchia, paese NATO, aiuti al Nusra-al Qaida, Obama sarà costretto a chiedere a Putin di intercedere sull’Iran perché interceda su Assad perché infine si metta da parte. Cosa che né Putin, né l’Iran faranno mai

Soprattutto perché – una volta diventato proconsole di Mosca nella regione di Latakia e Tartous, nessuno sarà in grado di detronizzarlo, anche se perde Damasco. Inoltre, la fallimentare strategia obamiana in medio oriente ha permesso a Putin di sostituire a tal punto il Cremlino alla Casa Bianca in un paese strategico come l’Egitto, che la settimana scorsa il presidente egiziano, Abdel Fattah al Sisi, ha deciso di riallacciare le relazioni diplomatiche con la Siria. 

E’ la legittimazione di Bashar el Assad, un suo rafforzamento nella prossima, convulsa fase, da parte del più grande e prestigioso stato arabo – il sigillo del definitivo distacco del Cairo da quella sintonia con la Casa Bianca iniziata da Anwar al Sadat nel 1972, quando cacciò i consiglieri russi (Unione Sovietica) che ora ritornano in massa . 

Obama dunque, si trova in una posizione subordinata, impotente, priva di alternative perché non ha forze militari, alleati, né strategia sulla Siria. Una posizione subordinata che è la prima, dirompente conseguenza dell’accordo Stati Uniti-Iran sul nucleare

Una posizione di debolezza estrema conseguente alla logica che spinse Obama nel 2013 a fare dietrofront all’ultimo minuto e a siglare con Assad quel ridicolo, scandaloso, accordo sul disarmo chimico. Quell’accordo ha avuto l’unico effetto di riammettere con piena dignità Assad nella platea internazionale, salvo poi permettergli di continuare liberamente a usare armi chimiche a bassa tecnologia con effetti letali sui civili. 

Una logica obamiana tanto elementare, quanto cinica – e questo ci può stare – quanto perdente – e questo è un crimine – dettata dall’imperativo di non danneggiare gli interessi geopolitici dell’Iran (il cui baricentro è appunto la continuità del regime di Assad in Siria) per non pregiudicare l’accordo sul nucleare. 

Il tutto avviene nel nome di una “lotta al terrorismo” che non viene combattuta da nessuno dei due leader. Putin infatti costruisce la sua base a Latakia e dispiega la sua flotta nel palese intento strategico di difendere un mini-stato alawita, annesso di fatto alla Federazione russa, che coroni il sogno secolare di Mosca sin dal tempo degli zar di disporre una testa di ponte russa nel Mediterraneo. 

Non è previsto l’impiego dei “boots on the ground”, dei suoi paracadutisti e dei fanti di marina nel contrasto del terrorismo sugli altri fronti siriani, neanche nella cruciale e imminente battaglia per Damasco. 

Obama intanto continuerà la sua guerra aerea con bombardamenti che fanno tanto scena, ma che non hanno mai impedito allo Stato islamico e ad al Nusra di aumentare il territorio da loro controllato. Se si entra dentro lo scenario bellico siriano, la posizione in cui Obama si è messo diventa incredibile. 

Nel suoi due viaggi a Mosca il generale dei pasdaran Qassem Suleimaini ha raffinato una strategia, che, come rivelano le fonti israeliane, prevede la suddivisione dei fronti: ai russi la difesa dell’enclave strategica di Latakia e ai pasdaran e Hezbollah la difesa di Damasco. Difesa contro le milizie dello Stato islamico e contro le concorrenti e avversarie milizie dell’Esercito della Conquista (Jaish al Fatah), di cui fa parte al Nusra-al Qaida, sostenuto da Turchia, Arabia Saudita e Qatar. 

Obama non ha mai mosso un dito, né detto una parola, contro il ruolo militare decisivo dei pasdaran e di Hezbollah in Siria e ora paga il prezzo di questo silenzio (sempre motivato dalla volontà di non irritare l’Iran) non solo con la sua totale irrilevanza politico- militare, ma anche con un quesito diabolico. 

Durante la battaglia di Damasco i suoi bombardamenti aerei chi colpiranno? In ogni caso saranno decisivi pro o contro Assad: se bombarda lo Stato islamico aiuta il dittatore direttamente; se bombarda l’Esercito della conquista, colpisce i terminali siriani di un paese suo alleato nella NATO e dell’Arabia Saudita, fulcro, assieme all’Egitto, dell’intero mondo arabo. Se non bombarda, ammette la sua irrilevanza. 

Questo è soltanto l’inizio del dispiegarsi delle conseguenze politiche implicite nell’accordo sul nucleare, che è la realizzazione del discorso di Obama del 6 giugno 2009 al Cairo, in cui offrì una “mano tesa” agli ayatollah per definire una gestione concordata del medio oriente

Inizio disastroso a cui seguirà – e sarà interessante verificarle – l’implementazione nel merito dell’accordo sul nucleare con le ispezioni, la attuazione della diminuzione delle centrifughe, dello stock di uranio raffinato eccetera. 

E’ la riprova, insomma, del fatto che quell’accordo è sciagurato non tanto – o non solo – in sé: è rovinoso sul piano politico. Perché si basa su un giudizio di affidabilità del regime di Teheran, pur smentito da anni dalla destabilizzazione iraniana di Libano, Iraq, Siria e Yemen, non comprendendo quale è la straordinaria natura del regime di Teheran. Regime nato da una rivoluzione popolare che tiene ancora insieme – di fatto armonicamente – Kerensky, Trotzky e Stalin, per fare una citazione di scuola. 

Là dove la Cina stupisce l’occidente dimostrando di saper far convivere uno Stato autoritario e a pianificazione socialista con una enorme componente di capitalismo non solo libero, ma selvaggio, l’Iran lo spiazza con un nuovo modello di stato rivoluzionario. 

Un sistema che si regge sull’equilibrio tra la componente riformista e quella tutta e solo dedita alla “esportazione della Rivoluzione islamica, a iniziare da Baghdad”, vecchia parola d’ordine di Khomeini. Un regime che mai si adatterà alla parola d’ordine : “La rivoluzione in un paese solo”. 

Con il non piccolo particolare, che sfugge sia a Obama sia alle cancellerie occidentali (e al ministro degli Esteri Paolo Gentiloni) "che il nucleo duro del potere, militare e industriale, è saldamente nelle mani della componente rivoluzionaria che sa fare tattici passi indietro quando pensa che fare avanzare la componente riformista, alla fine, ne rafforzerà le possibilità di “esportare la rivoluzione”. Come sta accadendo in Iraq, Siria, Libano e Yemen. 

“Penso che ci sia una cosa che ora condividiamo con gli Stati Uniti,ha detto Vitaly Churkin, l’inviato all’ONU della Russia, alla Cbs mercoledì, non vogliono che cada il governo di Bashar el Assad in Siria. Non vogliono che cada. Vogliono combattere lo Stato islamico in modo che non ci siano danni per il governo siriano. Ma non vogliono che il governo siriano si avvantaggi della loro campagna aerea contro lo Stato islamico

E’ davvero una situazione complicata”. Le parole del ciarliero Churkin, che hanno fatto imbestialire l’inviata americana all’ONU, quella Samantha Power che inorridisce davanti ai regimi, sbraita, dice che favorire un dittatore che gasa il suo popolo “non può funzionare”, ma non riesce a convincere Barack Obama a indignarsi allo stesso modo, segnalano qual è il primo obiettivo della Russia: creare una convergenza sulla tenuta di Assad, che sul campo esiste, ma che formalmente è da sempre smentita

Se non fate cadere Assad, dicono i russi, allora possiamo parlare: gli esperti continuano a escludere un coinvolgimento attivo delle forze armate di Mosca contro lo Stato islamico, ma la grande coalizione contro il terrorismo invocata da Vladimir Putin è un collante sufficiente per avviare un dialogo tra Russia e Stati Uniti che ormai gli americani considerano inevitabile. 

Nessuno ha mai creduto davvero che Assad potesse cadere sotto i colpi dell’operazione militare aerea guidata dagli americani: sentendo i generali del Pentagono due giorni fa davanti alla commissione del Senato, è stato di nuovo chiaro che non si è mai lavorato a una strategia alternativa ad Assad, né dal punto di vista dell’Intelligence né da quello della formazione delle forze di opposizione

Ora i russi vogliono far sì che quel che è stato sancito sul terreno venga esplicitato, in modo che il loro uomo a Damasco – loro non hanno bisogno di un’alternativa – possa avere la legittimazione che chiede come partner della lotta al terrorismo jihadista dello Stato islamico, esattamente come sono ormai legittimati gli iraniani e le loro forze armate, i pasdaran e Hezbollah. 

Che gli americani possano davvero convergere verso una coalizione a guida russa dai chiari connotati anti-americani e anti-israeliani sembra piuttosto bizzarro, soprattutto per il fatto che condividere piani strategici e militari con le forze al Quds iraniane sembra ben oltre le premesse dialoganti del deal sul nucleare e invero troppo sciagurato persino per il tentennante Obama – come ha quasi urlato davanti al Congresso americano il premier israeliano Benjamin Netanyahu: “Il nemico del mio nemico è mio nemico!”.

Il premier israeliano ha fatto una visita d’emergenza a Mosca per discutere con Putin del fatto che l’afflusso di armi sofisticate russe in Siria e le operazioni a braccetto con i pasdaran sono una minaccia per Israele. Ma accordarsi sulla tenuta di Assad non è poi così difficile

Al Congresso americano, i democratici iniziano a chiedere se davvero allontanare il rais siriano sia una soluzione efficace. I francesi, che sono gli europei più interventisti e anche i meno filoassadisti, hanno già cambiato i toni durante l’estate: Assad non se ne deve più andare, ma “è necessario creare le condizioni per una transizione che neutralizzi” il dittatore siriano. 

Se si pensa che alla parola “transizione” ormai Assad si prende il lusso di dire: ma come potete chiedere la mia testa visto che combatto il terrorismo?, è chiaro che le condizioni non si creeranno più. Alcuni diplomatici sono stati più espliciti. Il ministro degli Esteri tedesco, Ursula von der Leyen, ha detto allo Spiegel che ci sono “interessi mutuali” con la Russia in Siria. 

Il ministro degli Esteri austriaco aveva detto già la settimana scorsa che l’occidente deve coinvolgere Assad e i suoi alleati, l’Iran e la Russia, per combattere lo Stato islamico (il presidente austriaco era a Teheran a incontrare il suo collega iraniano Hassan Rohani, in quei giorni, e si era fatto convincere dalle parole suadenti del presidente della Repubblica islamica: ci sediamo a qualsiasi tavolo ci garantisca la stabilizzazione della situazione siriana). 

Il ministro degli Esteri spagnolo, José García-Margallo y Marfil, ha dichiarato più o meno le stesse intenzioni: i negoziati con Assad “sono cruciali” per garantire un cessate il fuoco in Siria (argomentazione invero poco comprensibile: chi smetterebbe di sparare se si apre il dialogo con il regime di Damasco? Lo Stato islamico? La coalizione a guida americana? Il regime stesso di Damasco?). 

Molti governi europei sono convinti che l’intervento russo in Siria possa avere effetti positivi sul contenimento dei flussi migratori. Putin accusa gli americani, sostenendo che la crisi dei rifugiati era prevedibile e che l’accanimento della coalizione con i bombardamenti l’ha accelerata, facendo intendere che un intervento a favore di Assad potrebbe creare la stabilità necessaria per fermare la fuga. 

Per questo inchinarsi alla regia russa non risulta poi così difficile, in un’Europa che da sempre si divide sul proprio rapporto con Mosca e che è abituata a farsi risolvere i propri problemi di sicurezza da qualcun altro.