Friday, May 29

JIHADISM WORLD' THANKS THE STUNNING BUSH FAMILY

Ray McGovern. As American politicians and editorial writers resume their tough talk about sending more U.S. troops into Iraq, they are resurrecting the “successful surge” myth, the claim that President George W. Bush’s dispatch of 30,000 more soldiers in 2007 somehow “won” the war a storyline that is beloved by the neocons because it somewhat lets them off the hook for starting the disaster in the first place.

But just because Official Washington embraces a narrative doesn’t make it true. Bush’s “surge” was, in reality, a dismal - an unconscionable - failure. It did not achieve its ostensible aim  the rationale Bush eventually decided to give it - namely, to buy time for Iraq’s Sunnis and Shiites to reconcile.

Rather, it did just the opposite, greatly exacerbating antagonisms between them. That result was clearly predicted before the “surge” by none other than Defense Secretary Donald Rumsfeld, top U.S. military leaders, and even the Washington Establishment-heavy Iraq Study Group, all of which were pressing for less -not more- military involvement.

In one very important sense, however, the “surge” into Iraq was wildly successful in achieving what was almost certainly its primary aim. It bought President Bush and Vice President Dick Cheney a “decent interval” so they could leave office without an explicit military defeat sullying their legacy and for the “acceptable” price of “only” 1,000 more U.S. dead.

At the time there were other options – and indeed many of the “achievements” credited to the “surge” had already happened or at least had begun. The hyper-violent Al-Qaeda in Iraq leader Abu Musab al-Zarqawi was killed in June 2006; ethnic cleansing was separating Sunni and Shiite communities; and the Sunni Awakening – the buying off of some tribal leaders – was being implemented.

Yet, by fall 2006 it also was unavoidably clear that a new course had to be chosen and implemented in Iraq, and virtually every sober thinker seemed opposed to sending more troops. The senior military, especially CENTCOM commander Gen. John Abizaid and his man on the ground in Iraq, Gen. George Casey, emphasized that sending still more U.S. troops to Iraq would simply reassure leading Iraqi politicians that they could relax and continue to take forever to get their act together.

Here, for example, is Gen. Abizaid’s answer at the Senate Armed Services Committee on Nov. 15, 2006, to Sen. John McCain, who had long been pressing vigorously for sending 20,000 more troops to Iraq:

“Senator McCain, I met with every divisional commander, General Casey, the corps commander, General Dempsey, we all talked together. And I said, ‘in your professional opinion, if we were to bring in more American troops now, does it add considerably to our ability to achieve success in Iraq?’ And they all said no. And the reason is because we want the Iraqis to do more. It is easy for the Iraqis to rely upon us do this work. I believe that more American forces prevent the Iraqis from doing more, from taking more responsibility for their own future.”

The U.S. ambassador to Iraq, Zalmay Khalilzad, sent a classified cable to Washington warning that “proposals to send more U.S. forces to Iraq would not produce a long-term solution and would make our policy less, not more, sustainable,” according to a New York Times retrospective on the “surge” by Michael R. Gordon published on Aug. 31, 2008. Khalilzad was arguing, unsuccessfully, for authority to negotiate a political solution with the Iraqis.

There was also the establishment-heavy Iraq Study Group, created by Congress and led by Republican stalwart James Baker and Democrat Lee Hamilton. After months of policy review during 2006 – with former CIA Director Robert Gates as a member – it issued a final report on Dec. 6, 2006, that began with the ominous sentence “The situation in Iraq is grave and deteriorating.”

It called for: “A change in the primary mission of U.S. Forces in Iraq that will enable the United States to begin to move its combat forces out of Iraq responsibly… By the first quarter of 2008 … all combat brigades not necessary for force protection could be out of Iraq.” Though a member of the Iraq Study Group, Gates quietly disassociated himself from its findings when Bush was dangling the position of Defense Secretary in front of the always ambitious Gates. After Nov. 8, 2006 when Bush announced Gates’s nomination, Gates quit the ISG.

Gates would do what he needed to do to become secretary of defense. At his confirmation hearing on Dec. 5, he obscured his opinions by telling the Senate Armed Services only “all options are on the table in terms of Iraq.” The Democrats, including then-Sen. Hillary Clinton, swooned over Gates’s supposed thoughtfulness and wisdom.

Many Democrats assumed that Gates would help persuade Bush to implement the ISG’s plan for a troop drawdown, but they were in for a surprise. With unanimous Democratic support and only two conservative Republicans opposed, Gates was confirmed by the full Senate on Dec. 6, the same day the ISG report was formally released. But the Democrats and much of the mainstream media had completely misread the behind-the-scenes story.

The little-understood reality behind Bush’s decision to catapult Robert Gates into his Pentagon perch was the astonishing fact that previous Defense Secretary Donald Rumsfeld, of all people, was pulling a Robert McNamara; he was going wobbly on a war based largely on his own hubris-laden, misguided advice. In the fall of 2006 Rumsfeld was having a reality attack. In Rumsfeld-speak, he came face to face with a “known known.”

On Nov. 6, 2006, a day before the mid-term elections, Rumsfeld sent a memo to the White House, in which he acknowledged, “Clearly, what U.S. forces are currently doing in Iraq is not working well enough or fast enough.”

The rest of his memo sounded very much like the emerging troop-drawdown conclusions of the Iraq Study Group. The first 80 percent of Rumsfeld’s memo addressed “Illustrative Options,” including his preferred – or “above the line” – options such as “an accelerated drawdown of U.S. bases … to five by July 2007″ and withdrawal of U.S. forces “from vulnerable positions — cities, patrolling, etc. … so the Iraqis know they have to pull up their socks, step up and take responsibility for their country.”

Finally, Rumsfeld had begun to listen to his generals and others who knew which end was up. The hurdle? Bush and Cheney were not about to follow Rumsfeld’s example in “going wobbly.” Like Robert McNamara at a similar juncture during Vietnam, Rumsfeld had to be let go before he caused a U.S. president to “lose a war.”

Waiting in the wings, though, was Robert Gates, who had been dispatched into a political purgatory after coming under suspicion of lying during the Iran-Contra scandal as Ronald Reagan’s deputy CIA director. Though President George H. W. Bush pushed through Gates’s nomination to be CIA director in 1991, Gates was sent packing by President Bill Clinton in 1993.

The elder Bush bailed Gates out again by getting him appointed as president of Texas A&M in College Station, Texas, the site of Bush’s presidential library. But Gates began his Washington rehabilitation with a spot on the Iraq Study Group. While on the ISG, he evidenced no disagreement with its emerging conclusions – at least not until Bush asked him to become Secretary of Defense in early November 2006. Rumsfeld had outlived his usefulness.

And, because of Official Washington’s famous forgetfulness, Gates was remembered not as a conniving and deceptive CIA bureaucrat, but as a “wise man” who was seen as a restraining emissary sent by the senior George Bush to rein in his impetuous son.

Easing the going-wobbly Rumsfeld off the stage was awkward. Right up to the week before the mid-term elections on Nov. 7, 2006, President Bush insisted that he intended to keep Rumsfeld in place for the next two years. Suddenly, however, the President had to confront Rumsfeld’s apostasy favoring a drawdown of U.S. troops from Iraq.

Rumsfeld had let reality get to him, together with the very strong anti-surge protestations by all senior uniformed officers save one — the ambitious Gen. David Petraeus, who had jumped on board for the “surge” escalation following the advice of his favorite neocon theorists, including Frederick Kagan.

With the bemedaled Petraeus in the wings and pro-surge guidance from Kagan and retired Gen. Jack Keane, all the White House needed was a new Pentagon chief who could be counted on to take Rumsfeld’s place and do the White House’s bidding. (If the names Kagan and Keane sound somewhat familiar, would you believe that they are now playing on President Barack Obama’s Bush-like aversion to losing a war on his watch, and are loudly and unashamedly promoting the idea of yet another “surge” into Iraq?)

On Nov. 5, 2006, Bush had a one-on-one with Gates in Crawford, Texas, and the deal was struck. Forget the torturously hammered-out recommendations of the Iraq Study Group; forget what the military commanders and even Rumsfeld were saying. Gates suddenly found the “surge” an outstanding idea. Well, not really. That’s just what he let Bush believe. (While “chameleon” is the word most often used for Gates by those who knew him at the CIA, Melvin Goodman, who worked with Gates in the branch I led on Soviet Foreign Policy uses the best label — “windsock.”)

Gates is second to none — not even Petraeus — in ambition and self-promotion. It is a safe bet he wanted desperately to be Secretary of Defense, to be back at center stage in Washington after nearly 14 years in exile from the big show.

He quickly agreed to tell Gen. Abizaid to retire; offer Gen. Casey a sinecure as Army chief of staff, providing he kept his mouth shut; and to eagle-scout his way through Senate confirmation with the help of pundits like David Ignatius composing panegyrics in honor of Gates, the “realist.”

So relieved were the senators to be rid of the hated-but-feared Rumsfeld that the Senate Armed Services Committee hearing on Dec. 5, 2006, on Gates’s nomination had the aura of a pajama party (I was there). Gates told the senators bedtime stories – and vowed to show “great deference to the judgment of generals.”

That “deference” included Gates dumping Abizaid and Casey. But the administration faltered embarrassingly in coming up with a reasonable rationale to “justify” the surge, especially in the face of so much on-the-ground advice opposing the troop increase. And, the truth wouldn’t work either. You couldn’t really say: “We’re trading the lives of U.S. troops for a politically useful ‘decent interval.’”

On Dec. 20, 2006, President Bush told the Washington Post that he was “inclined to believe we do need to increase our troops, the Army and Marines.” He added, tellingly, “There’s got to be a specific mission that can be accomplished with the addition of more troops,” adding that he would look to Gates, just back from a quick trip to Baghdad, to help explain.

By way of preliminary explanation for the “surge,” President Bush wandered back and forth between “ideological struggle” to “sectarian violence.” He told the Post, “I’m going to keep repeating this over and over again, that I believe we’re in an ideological struggle” and, besides, “sectarian violence [is] obviously the real problem we face.”

When it became clear that those dogs wouldn’t hunt, the White House justified the “surge” as necessary to give Iraqi government leaders “breathing space” to work out their differences. That was the rationale offered by Bush in a major address on Jan 10, 2007. Pulling out all the stops, he also raised the specter of another 9/11 and, of course, spoke of the “decisive ideological struggle of our time.”

Taking a slap at his previous generals, the ISG and the wobbly Rumsfeld, Bush dismissed those who “are concerned that the Iraqis are becoming too dependent on the United States” and those whose “solution is to scale back America’s efforts in Baghdad — or announce a phased withdrawal of our combat forces.”

The President did warn that the year ahead would be “bloody and violent, even if our strategy works.” He got that part right. One would be tempted to laugh at Bush’s self-absorption — and Gates’s ambition — were we not talking about the completely unnecessary killing of over 1,000 U.S. troops and the brutalization of other U.S. soldiers — not to mention the slaughter of thousands of Iraqis.

In reality, by throwing 30,000 additional troops into Iraq, Bush and Cheney got two years of breathing room as they wound down their administration and some political space to snipe at their successors who inherited the Iraq mess.

But what about the thousand-plus U.S. troops killed during the “surge”? The tens of thousand of Iraqis? The hundreds of thousands displaced from their homes in the Baghdad area alone? I fear the attitude was this: Nobody would get killed, just a bunch of Iraqis and GIs mostly from small-town and inner-city America. And, anyway, our soldiers and Marines all volunteered, didn’t they?

Bush, Cheney and Gates apparently deemed it a small price to pay for enabling them to blame a successor administration for the inevitable withdrawal from America’s first large-scale war of aggression. I have known Gates for 45 years; he has always been transparently ambitious, but he is also bright. He knew better; and he did it anyway.

While those tactical machinations and political calculations were underway, Col. W. Patrick Lang, USA (retired), and I wrote a piece on Dec. 20, 2006, in which we exposed the chicanery and branded such a “surge” strategy “nothing short of immoral, in view of the predicable troop losses and the huge number of Iraqis who would meet violent injury and death.”

Surprisingly, we were joined by Sen. Gordon Smith, R-Oregon, who explained to ABC’s George Stephanopoulos why Smith said on the Senate floor that U.S. policy on Iraq may be “criminal.” “You can use any adjective you want, George. But I have long believed that in a military context, when you do the same thing over and over again without a clear strategy for victory, at the expense of your young people in arms, that is dereliction. That is deeply immoral.”

Thursday, May 28

IRAQ E SIRIA:"TERRE SUNNITE TORNANO IN MANO SUNNITA"

Non solo di orrore e di coercizione si nutre il consenso allo Stato islamico (Islamic State). L’altra faccia, quella meno conosciuta ma non per questo meno pervasiva, è quella del “Welfare del Califfo” instaurato da Abu Bakr al-Baghdadi nelle terre di Iraq e Siria, conquistate e ora amministrate

Si spiega anche così il sondaggio choc di Al Jazeera, la tv satellitare del Qatar: l’81% degli arabi sostiene lo Stato islamico. Al Jazeera ha fatto in arabo sul suo sito questa domanda: "Sostieni le vittorie dello Stato islamico in Iraq e Siria?”. Oltre 138.000 utenti, in maggioranza sunniti, hanno deciso di rispondere, e l’81% ha votato sì. 

Se è vero che non si tratta di un sondaggio scientificamente calibrato, e dunque non è corretto avventurarsi in strumentali generalizzazioni, tuttavia sarebbe altrettanto sbagliato non riflettere su un dato che quel sondaggio mette in evidenza ma che esiste nella realtà indipendentemente da esso: il consenso dello Stato islamico

Ridurlo alla durezza dell’occupazione, alla ferrea, brutale applicazione della sharia imposta alle popolazioni locali dalla polizia del “Califfo”, significa cogliere solo uno degli aspetti della realtà.

I conoscitori del variegato universo dell’islamismo radicale concordano sul fatto che chiunque si ponga l’obiettivo di controllare e governare un territorio, se non addirittura uno Stato, deve finalizzare gli stessi strumenti militari, e del terrore, a obiettivi politici: ciò vale per Hezbollah in Libano, per Hamas a Gaza, ed anche per lo Stato islamico nelle aree conquistate in Siria e Iraq. 

La voglia di rivincita dei sunniti contro gli sciiti, soprattutto in Iraq, è parte della spiegazione del consenso all’Is, così come la indubbia capacità di al-Baghdadi di tessere alleanze con le tribù beduine e con le varie formazioni jihadiste sunnite preesistenti allo Stato islamico (discorso che dalla Siria e dall’Iraq si estende alla Libia). 

Un certo consenso serve dunque anche alle milizie del “Califfo Ibrahim" per cementarne la presa sul territorio. Il consenso costa. E va organizzato, offrendo servizi e protezione alle popolazioni locali. Insomma, anche lo Stato islamico deve costruire il suo welfare

Di qui, annota Lucio Caracciolo direttore di Limes, l’impegno dell’Is a edificare una struttura parastatale ispirata alla “sharia”, con i suoi “ministeri” economici, militari, i suoi servizi giurisdizionali (corti islamiche), sanitari, scolastici, di ordine pubblico (“hisba”, ovvero ”la polizia che ordina il bene e proibisce il male”), le sue centrali mediatiche (al-Furqan, al-Itisam, al-Hayat con la sua rivista Dabiq). 

Non manca, fra i servizi al pubblico l’ufficio per la protezione del consumatore, insediato nel cuore della “capitale” Raqqa, con tanto di numero di telefono per i reclami (260522). E poiché ogni Stato che si rispetti batte la sua moneta, il “Califfo” ha annunciato la prossima distribuzione della propria, in oro (dinar), argento (dirham) e rame (fulus).

L’ambizione statale si salda alla dimensione imprenditoriale. Ecco allora che i proventi dei traffici – da quello del petrolio al traffico dei reperti archeologici – e le tasse estratte ai sudditi sotto specie di elemosina religiosa non devono provvedere solo al reclutamento e al soldo dei miliziani, ma anche alla gestione del welfare islamista. 

Come si legge sul sito di “The Atlantic”, in Siria e in Iraq “l’Is aiuta a gestire i panifici e fornisce frutta e verdura a molte famiglie, occupandosi anche della distribuzione delle derrate

Sempre a Raqqa, lo Stato islamico ha istituito una mensa a disposizione dei bisognosi e un ufficio per gli orfani che ha compito di trovar loro famiglia. I militanti dell’Is, hanno sviluppato programmi sanitari e assistenziali nelle enclave sotto il loro controllo, utilizzando i fondi dell’organizzazione

I programmi sociali e il consenso popolare, sottolinea Napoleoni, sono l’altra faccia della medaglia della barbara dittatura settaria dello Stato islamico. Lo stato islamico dispone inoltre di un ufficio che monitorizza i livelli di consumo dell’elettricità, installa linee elettriche e tiene corsi su come riattivare quelle vecchie. I miliziani riparano anche le strade danneggiate e gli autobus che fanno servizio fra i territori da essi controllati. 

Fatto di grande importanza per i siriani e gli iracheni residenti a valle, l’Is ha mantenuto attiva la diga di Tishreen (cambiandone il nome in al-Faryq) sull’Eufrate. Un altro strumento abilmente utilizzato dall’Is per neutralizzare l’opposizione interna nei territori conquistati, è quello di istituire legami di sangue tra i conquistatori e i conquistati, legami di sangue sotto forma di matrimoni tra i mujaheddin dello Stato islamico e le donne sunnite del posto, matrimoni che a loro volta dovrebbero consolidare il consenso e produrre legittimità. Il consenso costa, dicevamo. Del resto le risorse non mancano.

Guadagnano più di tre milioni di dollari al giorno con il contrabbando di petrolio. I militanti dello Stato islamico, che agli inizi si servivano di ricchi donatori del Golfo Persico (in primis il Qatar) per finanziare le loro attività, secondo funzionari dell’Intelligence USA e alcuni esperti, sono diventati un autosufficiente colosso finanziario. 

Nel settembre 2014, l’Is controllava 11 campi petroliferi in Siria e Iraq. Il petrolio e altre merci sono vendute di contrabbando sotto il naso degli stessi governi che combattono: curdo al nord dell’Iraq, Turchia e Giordania. I profitti totali derivanti dal petrolio, rileva Luay al-Khatteeb, della Brookings Institution in Qatar

Fuori dall’Iraq, la holding dell’Is ha guadagnato centinaia di milioni di dollari dal contrabbando di antichità: gli oggetti sono venduti in Turchia, sostiene al-Khatteeb. 

Tutti questi soldi servono al Califfato per mantenersi; i combattenti iracheni e siriani, stimati dalla CIA intorno alle 60.000 unità, ricevono un salario mensile di 1.000 dollari al mese, più 100 dollari se sposati e 50 dollari aggiuntivi per ogni figlio. 

Ai jihadisti stranieri, i “Muhajiroun”, viene dato uno stipendio tra i 1.700 e i 2.000 dollari, a seconda del grado di istruzione. Alle vedove di guerra viene assicurata una pensione di 800 dollari.

Una cosa è certa: oggi, il “Califfato” non dipende per la sua sopravvivenza dall’estero. I soldi da fuori arrivano ma non sono vitali. Insomma si autofinanzia. Oltre a praticare saccheggi, il «Califfato» ha organizzato una raccolta di denaro che può essere paragonata al pagamento delle tasse: a Raqqa, per esempio, si paga una zakat (tassa religiosa) del 10% sui redditi, una pressione fiscale vantaggiosa rispetto alla media locale. 

L’Is ha poi dimostrato di saper utilizzare in maniera efficace i media e i social network per veicolare il proprio marchio, differenziandolo da quello di al-Qaeda, e renderlo appetibile per tutti coloro che vogliono combattere per la causa dell’Islam e per quei potenziali donatori (soprattutto del Golfo) desiderosi di fare un investimento sicuro su un marchio di successo

Ma a tali donazioni bisogna aggiungere anche il bottino da quasi 500 milioni di dollari ricavato con la conquista di Mosul e le entrate garantite dalle tasse di protezione e passaggio imposte su tutti i territori conquistati in Iraq e in Siria, nonché i proventi del traffico illegale del petrolio.

Nel complesso, l’assieme di entrate permette al gruppo di finanziare le proprie attività, di mantenere la propria autonomia e comprare ingenti quantitativi di armi ma, soprattutto, di pagare regolarmente i miliziani o, quanto meno, quelli meno motivati ideologicamente

Non è un caso che in pochi mesi i ranghi dell’organizzazione siano cresciuti a dismisura, tanto da superare oggi probabilmente le 60.000 unità, e che – l’aspetto più preoccupanteessi siano alimentati anche da personale militare professionale proveniente sia dall’ex esercito di Saddam che da altri eserciti dell'area. Così nasce lo Stato del Califfo, non solo "Jihad ma welfare” in costume islamista". 

Ringraziando la "Bush Family".

COME MASCHERARE SUGLI IMMIGRANTI UNA INVASIONE

Fonti diplomatiche e analisti militari, nei mesi scorsi, convenivano tutti su un fatto: per combattere davvero i trafficanti di esseri umani , non bastano qualche nave, drone, o elicotteri, occorre predisporre piani di “bonifica del territorio” con reparti speciali a terra, e tanti militari di appoggio: almeno 60mila a rotazione; per una guerra che non sarà breve né indolore

A confermarlo, ci sono documenti segreti che svelano una verità scottante su ministri, premier e capi di Stato europei. Altro che “nessuna operazione terrestre” e solo “pattugliamenti navali rafforzati”. La realtà è un’altra e si indica quale unica strada percorribile: "operazioni terrestri per fermare gli scafisti in Libia". 

Ciò potrebbe includere “azioni lungo la costa, in porto o in rada”. Tesi rilanciata dai documenti acquisiti dall’organizzazione di Assange, nei quali si cita tra i pericoli “la presenza di forze ostili, come gli estremisti dello Stato Islamico”. 

Si puntualizza che la missione "richiederà regole di ingaggio robuste e riconosciute per l'uso della forza, in particolare per il sequestro di imbarcazioni in caso di resistenza, per la neutralizzazione delle navi dei trafficanti e dei loro beni, per situazioni specifiche come il soccorso di ostaggi”. 

Questo punto sembra prendere in considerazione il rischio che i boss degli scafisti usino i migranti come scudi umani per difendere le barche dalle truppe europee.

Sulla prospettiva di un pattugliamento-blocco navale non si nascondono perplessità: "blocco navale è un termine improprio, poiché si indica una misura di guerra, come quella attuata da Israele nei confronti di Libano e Gaza nel 2006 e nel 2009". 

L’ONU potrebbe attuarlo soltanto come misura sanzionatoria e soltanto le autorità di Tobruk e quelle egiziane, al momento, potrebbero avvalersi di questo strumento". 

Un altro blocco navale è stato messo in pratica nel marzo 2011, durante l’operazione NATO “Unified Protector” contro il regime di Gheddafi: oltre alla pioggia di missili Tomahawk su obiettivi libici e agli attacchi aerei, le navi militari hanno bloccato le navi rimanendo in acque internazionali

Fregate, corvette e pattugliatori posizionati a tre miglia dalle coste libiche e coordinati da una nave da assalto anfibio tipo San Giorgio sarebbero in grado di controllare in modo capillare l'area costiera intorno a Zawyah, la più vicina a Lampedusa, da dove salpano la gran parte dei barconi di migranti. 

La sicurezza del tratto di litorale e la deterrenza contro eventuali attacchi di miliziani verrebbero garantite dai cannoni delle navi, dagli elicotteri e dai jet da combattimento decollati dalle portaerei Cavour o Garibaldi o dalle basi dell'aeronautica di Trapani e Pantelleria”. 

È evidente che la messa in moto di questo dispositivo militare impegna l’Italia molto più della disponibilità dichiarata -in questa operazione internazionale – sotto l'egida ONU o della NATO- di stabilizzazione della Libia. Per questo pattugliare non è sufficiente. La parola giusta è un’altra: "guerra. Non solo navale".

Attacco dall’aria, rafforzamento del pattugliamento in mare con motovedette veloci dotate di esplosivo: è questo combinato disposto che sostanzia la “guerra” ai trafficanti di esseri umani. In questo ambito, una base fondamentale sarà quella di Sigonella, la più vicina alla Libia. 

In un futuro che si fa sempre più presente, concordano gli analisti militari, quell’avamposto di guerra in terra siciliana sarà un hub mondiale per i droni. 

Per lo spazio aereo dei droni, il ministero della Difesa ha peraltro creato già da qualche anno (il 2013) speciali “corridoi di volo” nel Mediterraneo, tra la Puglia, il poligono di Salto di Quirra e lo scalo di Decimomannu in Sardegna, le basi di Sigonella e Trapani in Sicilia e l’isola di Pantelleria (nella base siciliana sono già presenti i Predator).

L’Italia con la disponibilità dell'Europa starebbe pensando all'impiego di UAV confermano fonti diplomatiche a Bruxelles. Una simile eventualità era già stata avanzata dall'ex capo di Stato maggiore dell'Aeronautica militare italiana, generale Leonardo Tricarico, attuale presidente della Fondazione "ICSA", centro-studi nel settore della Difesa e della sicurezza, fondato dal già Presidente della Repubblica Francesco Cossiga e dall’attuale sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega ai Servizi, Marco Minniti. 

Prima che i trafficanti possano caricare le imbarcazioni di migranti e provocare nuove tragedie del mare, spiega Tricarico, "sarebbe sufficiente avviare una attività ininterrotta di ricognizione armata delle coste e distruggere i natanti prima che prendano il mare, quando sono ancora vuoti: "un'operazione che sarebbe tra l'altro molto semplice da condurre (anche con armamento inerte, per contenere ulteriormente il rischio di danni collaterali), per chi con questi mezzi ha operato per anni in Iraq, Afghanistan, Libia ed anche sul territorio nazionale in contrasto alla criminalità organizzata".

Per armare i droni, però, è necessaria la collaborazione degli Stati Uniti: "Sono anni che gli USA negano (sic!) all'Aeronautica italiana i kit di armamento per i Predator, nonostante ci avviamo all'undicesimo anno di impiego in teatri operativi. 

Forse, al di là delle belle parole di cui ci gratificano sempre i nostri amici di oltre oceano, nei fatti siamo un alleato poco affidabile! Per gli inglesi invece il problema non si è posto, il loro grilletto è stato armato -dagli USA- senza tante storie".

Wednesday, May 27

Il contesto globale nel quale viviamo è oggi divenuto straordinariamente complesso, difficile da interpretare e incerto nel suo divenire. 

Gli anni ottanta del secolo scorso si erano chiusi con la fine del periodo storico della “contrapposizione bipolare”.

E con la speranza dell’avvio di un processo globale di convivenza pacifica, nel quale le crisi internazionali si sarebbero potute risolvere con l’uso sapiente della diplomazia, dell’economia e degli organismi sovrannazionali.

Tuesday, May 26

RAMADI E PALMIRA SONO CADUTE. ORA, OBAMA STRAPARLA.

Il presidente americano Barack Obama minimizza la guerra di espansione dello Stato islamico. “Non stiamo perdendo. Siamo soltanto all’ottavo mese di una campagna che come ho annunciato durerà per anni”, ha detto in un’intervista al magazine americano Atlantic. 

Per Obama, la caduta della città di Ramadi in Iraq nelle mani del gruppo estremista avvenuta domenica scorsa è quindi un “tactical setback”, un “contrattempo tattico”. 

Il magazine ha pubblicato l’intervista sul suo sito giovedì, nelle stesse ore in cui anche la città siriana di Palmira (e i grandi impianti per la produzione di gas nel deserto attorno) cadeva sotto il controllo dello Stato islamico, e anche in questo caso, la cronaca arrivata in occidente è disastrosa come a Ramadi: collasso delle truppe governative, esecuzioni di massa nelle strade, saccheggio degli arsenali locali

Come se le notizie in arrivo dalle due città arabe non bastassero, ieri il gruppo estremista ha rivendicato un attentato in una moschea sciita dell’Arabia Saudita che ha ucciso venti persone, dichiarando l’inizio delle sue operazioni nel regno. 

Due mesi fa lo Stato islamico ha rivendicato cinque attacchi suicidi in cinque moschee diverse (140 morti) per annunciare in modo simile l’inizio delle operazioni in Yemen.

ll Wall Street Journal fa del sarcasmo facile: “Se questo è vincere, chissà allora come sarebbe perdere”. Il sito politico nota che il presidente americano usa con disprezzo malcelato l’aggettivo “tattico” perché si contrappone a “strategico”, che invece è un aggettivo che nel politichese di Washington ha connotazioni “quasi mistiche”. 

Chi è tattico è un mero dilettante, gioca a breve termine ed è destinato all’insuccesso finale per definizione e quindi secondo Obama il gruppo di Abu Bakr al Baghdadi non ha una strategia all’altezza delle sue ambizioni militari, si muove giorno per giorno e sta improvvisando. 

Si tratta delle stesse critiche che in questi giorni stanno arrivando in America alla strategia dell’Amministrazione Obama in Iraq e in Siria – o meglio, alla totale mancanza di una strategia (tutti ricordano il “We don’t have a strategy yet”, non abbiamo ancora una strategia, pronunciato dal presidente davanti ai giornalisti a fine agosto 2014, quando ormai lo Stato islamico s’era preso una grande parte di Iraq). 

L’ex segretario alla Difesa di Obama, Robert Gates, martedì ha detto in tv: “Non abbiamo una vera strategia. In pratica stiamo facendo questa guerra giorno per giorno”. 

Le notizie rafforzano questa sensazione. Mercoledì il  Pentagono ha annunciato l’invio urgente all’esercito iracheno di mille missili controcarro, già dalla prossima settimana, per distruggere i camion bomba suicidi che aprono varchi nelle loro difese (a Ramadi lo Stato islamico ha usato trenta camion bomba in tre giorni). 

Giovedì, però, come per un ricalcolo dell’ultimo minuto, il  Pentagono ha detto che manderà in Iraq duemila missili controcarro. E’ il giorno per giorno. Il raddoppio annunciato è stato accolto da una salva di commenti sarcastici sul fatto che potrebbero finire presto in mano allo Stato islamico, come già successo a parte dell’equipaggiamento americano lasciato in Iraq.

Al Congresso c’è stata un’audizione davanti alla commissione Difesa, in cui esperti e senatori hanno convenuto senza giri di parole che l’America sta perdendo la guerra contro lo Stato islamico. Gli esperti ascoltati hanno raccomandato un cambio di strategia – perché la campagna aerea in corso non è sufficiente e, quindi, hanno toccato un argomento tabù per l’Amministrazione, l’invio in Iraq di più soldati. Il numero finale proposto è quindicimila.

SEECP TODAY IN TIRANA

Il primo ministro della Romania, Victor Ponta, partecipa oggi a Tirana al vertice dei capi di Stato e di governo del Processo di cooperazione nell'Europa sud-orientale (SEECP). 

Dall'organizzazione fanno parte Albania, Bulgaria, Grecia, ex Repubblica jugoslava di Macedonia, Romania, Serbia, Turchia, Bosnia-Erzegovina, Croazia, Moldova, Montenegro e Slovenia.


Lo riferisce l'ufficio stampa del governo in un comunicato. Nella capitale albanese il primo ministro sarà accompagnato dal ministro degli Esteri, Bogdan Aurescu. 

Secondo il programma Ponta sarà accolto dal presidente dell'Albania, Bujar Nishani e terrà un discorso durante la riunione “nel quale sottolineerà l'importanza che la Romania attribuisce al rafforzamento del processo di cooperazione regionale, che è cruciale nel contesto degli sviluppi politici del vicinato e riaffermerà il sostegno per la continuazione del processo di allargamento dell'Unione europea, sulla base dei criteri di adesione”.

Alla fine del vertice è prevista una conferenza stampa congiunta dei rappresentanti di Bulgaria, Romania e Albania. Il SEECP fondato nel 1996 su iniziativa della Bulgaria, mira stabilire nuove forme di cooperazione tra gli stati membri. 

Gli obiettivi della cooperazione regionale sono: il miglioramento della sicurezza e della situazione politica, l'intensificazione delle relazioni economiche e la cooperazione nel settore delle risorse umane, della democrazia, della giustizia e la lotta alle attività illegali. 

PETR POROSHENKO: CARICATURA DI UN ARLECCHINO

E' il Dottore, professore, avvocato ed anche medico. Un maestro nel confondere tutto,  nomi, luoghi e citazioni. Tuttavia non rinuncia mai ad una discussione accademica. 

Poroshenko è abbastanza bravo in questo ruolo. Per ottenere almeno la nuova concezione storica di "Rus-Ucraina", con cui Poroshenko vuole confermare le tradizioni della statualità ucraina. 

"Rus-Ucraina" ha già il suo significato storico che non ha nulla a che fare con la Kievskaya Rus invisa al presidente dell'Ucraina. Restano solo il gran principe Vladimir di Kiev (lo ha salvato dall'oblio la parola "Kiev") e il cristianesimo (persino Petr Poroshenko non muove un dito per cancellarlo).


Ogni tanto si considera uomo saggio e onnisciente. C'è un'altra caratteristica: la capacità di entrare in qualsiasi disputa e trasformarla in un grande conflitto

Non è così semplice: creare scompiglio nell'Est industrializzato e di successo, seminare là odio, dopo di chè dare  indiscriminatamente la colpa alla Russia, dare regolarmente all'Europa e all'America coloriti rapporti, dove la verità non si distingue. 

Come Pantalone che per richiamare l'attenzione fa della piroette, Poroshenko è pronto a qualsiasi mossa pur di ottenere qualcosina.

Le conseguenze del mix di immagini del presidente dell'Ucraina sono ancora da comprendere e da vivere. Il timore è che purtroppo non abbiano nulla a che fare con l'umorismo della commedia dell'arte.

Dopo un anno di mandato, Petr Poroshenko ha indossato molte maschere e offerto diverse immagini di sé stesso. Qual è il "vero Poroshenko"? Se tra qualcuna di queste immagini si nasconde il vero Poroshenko, chi è che scrive l'allegro copione per lo spettacolo ucraino?

Ogni volta che è intervenuto in pubblico, Poroshenko ha fatto di tutto per avere il massimo impatto sullo spettatore. Proprio una commedia dell'arte impersonificata. Tuttavia non è così facile cambiare tutte le maschere affinchè lo spettatore ti creda veramente.

Ecco che è Arlecchino, quando è scherzoso, ottimista e un po' ingenuo. Nel lavoro con l'opinione pubblica nazionale e in tempo di campagna elettorale questa maschera è giustificata. Ma nei negoziati con gli "amici" di Washington ed europei questa maschera fa più danni che benefici. Che si tratti di richieste di aiuto alla NATO o di prestiti al FMI. 

I disagi e dolori di Arlecchino vengono ascoltati con attenzione, tuttavia nessuno si appresta a venire in soccorso. Se la questione va in fumo, non è per il bene del popolo ucraino e dell'economia ucraina: se volete i soldi, ecco un prestito per poter pagare le merci europee, volete le armi, il debito si abbuona (non scompare per bontà).

Come il vero Arlecchino, Poroshenko ha il suo bastone burlesco, che ama sventolare verso Oriente e anche verso la Russia. Per le gesta minacciose ci sono le lacrime vere dei veri abitanti del Paese. 

Tra l'altro Poroshenko ricorre a questa maschera nell'ambito della realizzazione degli accordi di Minsk. Riconosce che non ci sono alternative, poi li definisce "pseudo-tregua." 

Dove Arlecchino non può fare nulla, c'è Brighella, intelligente, intraprendente ed astuto. Riesce a venire fuori da qualsiasi situazione ingarbugliata, per ogni interlocutore troverà il giusto atteggiamento: "non crede né in Dio nè al diavolo." 

Agli abitanti di Odessa promette solennemente che nessun altro uomo delle forze di sicurezza indosserà un passamontagna o un casco. Dai lavoratori in sciopero dell'aeroporto arriva con la scorta e allude che le cose non si sono messe bene per loro. 

Dimenticando il suo passato, si scaglia a testa bassa nella lotta contro l'oligarchia ucraina. Tuttavia il rappresentante più importante di questa compagnia non resta in debito: le persone della cerchia di Kolomoysky e i deputati  a tempo perso avevano chiesto di aprire un'indagine penale sul passaggio di terreni nel centro di Kiev a strutture legate a Poroshenko

Ma Brighella non ha parlato delle promesse di migliaia di grivnie al giorno per i combattenti dell'operazione ATO nel Donbass, della vendita delle sue attività, delle elezioni con liste aperte e del decentramento. Nemmeno con allusioni.

IL PROGETTO PERICOLOSO DELLA TURCHIA

Perché il Califfato sta vincendo in Siria ed Iraq? Per tre motivi convergenti:

Primo: il nemico contro cui lo Stato Islamico si batte sono gli eserciti governativi di questi due Paesi ed entrambi sono in pessime condizioni. 

Secondo: fra le tribù sunnite il sostegno per lo IS è in crescita perché la diffusa percezione è che sia l’unica loro difesa dalle potenti milizie sciite sostenute dall’Iran. 

Terzo: la motivazione dei jihadisti sunniti è molto alta, vanno incontro al fuoco senza paura di morire perché imbevuti di un’ideologia che santifica il martirio. 

Oltre 6000 raid aerei, in gran parte compiuti dagli Stati Uniti, hanno distrutto centinaia di mezzi militari, edifici ed accampamenti ma sono in difficoltà nell’identificare le cellule di IS perché si muovono in piccoli gruppi che ai satelliti appaiono come civili, a piedi, in auto o sui cammelli. 

Lo Stato Islamico apre le ostilità contro l’Arabia Saudita con un attacco kamikaze in una moschea del Qatif. Il bilancio di almeno 10 morti e 70 feriti nella «Imam Ali» del villaggio di Qadih, in una regione sciita, è rivendicato dai «Soldati del Califfato» con un comunicato sul web nel quale si preannunciano «giorni bui» per la minoranza sciita nel regno wahabita.

L’identificazione del kamikaze in Abu Amer al-Najdi, cittadino saudita, è un messaggio a Riad: fra gli oltre duemila volontari sauditi nei ranghi di IS molti «sono pronti al martirio». 

Nello scorso novembre era stato il Califfo, Abu Bakr al-Baghdadi, a chiedere ai seguaci di «colpire i Saloul», adoperando un termine dispregiativo per indicare nei sauditi la «testa del serpente e la roccaforte del male » da far «esplodere con un vulcano della Jihad». 

Riad aveva preso sul serio le minacce, iniziando a costruire un vallo difensivo lungo i circa 1000 km di confine con l’Iraq, ma Isis riesce ora per la prima volta a colpire beffando la sicurezza saudita e rafforzando la proiezione di una potenza accresciuta in Medio Oriente. 

Nell’ultima settimana la conquista di Palmira ha portato il Califfato a controllare oltre il 50 per cento del territorio siriano - secondo un calcolo dell’Osservatorio sui diritti umani a Londra - e a minacciare tanto Damasco, come anche Baghdad dopo la presa di Ramadi. 

A conferma del consolidamento c’è il successo di al-Tanf, ultimo posto di frontiera Siria-Iraq ancora in mano al regime di Assad. 

Ciò significa che le milizie del Califfato potranno muoversi con più facilità fra Siria e Iraq, potendo accrescere il controllo sulle tribù locali

Ciò che accomuna i successi del Califfo è il messaggio di morte agli sciiti e ciò si ritrova nell’attentato nel Qatif, lasciando intendere di voler indebolire la credibilità del re Salman e del principe ereditario Bin Nayef, ex ministro degli Interni fautore della repressione contro i terroristi interni.

Sono questi sviluppi che spingono il triste ministro degli Esteri italiano, Paolo Gentiloni, a sfruttare il summit UE di Riga per dire che «il governo è preoccupato non solo per quello che succede in Siria ma anche per la forse ancor più minacciosa situazione in Iraq». 

«A Parigi ci sarà la riunione del gruppo di testa della coalizione anti-Daesh - termina Gentiloni, riferendosi a IS – e sarà fondamentale una verifica della strategia seguita finora». Amen.

In alcuni casi IS è stata abile a proteggere gli spostamenti facendosi schermo con le tempeste di sabbia. Ma ciò che più conta è che nelle battaglie di terra, in zone urbane come Ramadi o Palmira, gli aerei possono poco se non sostengono truppe ben addestrate

A Kobane, in Siria, IS è stato sconfitto perché i raid alleati erano coordinati sul terreno con i peshmerga del Kurdistan

«Daesh», acronimo arabo per IS, si autoalimenta con l’ideologia jihadista. Non è un’organizzazione terroristica classica, con gerarchie e catene di comando, bensì un gruppo di persone convinte nella necessità di usare la violenza più efferata sul prossimo per realizzare un’unica Jihadland, dal Pakistan al Marocco. 

Uccidere i leader serve a poco: ne emergono subito altri. A ben vedere anche il Califfo Abu Bakr al-Baghdadi non ha il carisma di Bin Laden o al- Zawahiri, i leader di Al Qaeda. La forza sta nell’ideologia, capace di riprodursi ovunque.

L’occupazione della «Sala Ouagadougou» di Sirte, dove Muammar Gheddafi ospitava i leader africani, dà la misura del rafforzamento di IS in Libia. Se Derna è la roccaforte in Cirenaica e Bengasi è la città dove i jihadisti si muovono più facilmente, l’insediamento a Sirte svela un rafforzamento sul territorio confermato dal controllo di almeno una ventina di pozzi di greggio da cui IS ottiene circa 200mila barili al giorno

E’ l’afflusso di volontari da Tunisia, Egitto, Yemen e Sudan a rafforzare le cellule locali che hanno trovato in Libia una situazione favorevole per espandersi perché i due governi rivali, a Tobruk e Tripoli, creano una situazione di guerra civile endemica assai simile a quella siriana

La battaglia di Qalamun, iniziata il 6 maggio, continua perché IS vuole sconfinare nella Valle della Bekaa per colpire le roccaforti Hezbollah, che alimentano il regime di Assad, spingendo i sunniti alla rivolta. Poi la Giordania, che oramai ha due confini con il Califfato, a Nord ed Est. E l’Arabia Saudita, come testimonia l’attentato di ieri alla moschea sciita di Qatif. 

Ma l’obiettivo più ambizioso è in Afghanistan-Pakistan con il gruppo «Khosaran», i taleban che hanno abbandonato il Mullah Omar per seguire il Califfo nella guerra genocida agli sciiti

USA ed europei temono di impantanarsi, i Paesi arabi vedono il rischio di un effetto-boomerang ai loro danni e la Turchia, che dispone di un esercito formidabile, ha come priorità la caduta del regime di Bashar Assad, non la sconfitta del Califfo

Nelle capitali del Medio Oriente è il tema più discusso: chi "alimenta" l'IS?. I sospettati sono numerosi ma ciò che colpisce è come il più citato sia la Turchia di Erdogan. Perché è attraverso il suo territorio che IS riceve volontari e armi d'ogni genere al quale poi vende illegalmente il greggio

Nonostante le proteste internazionali , Ankara se ne strafotte.

Monday, May 25

L'OCCIDENTE TEME L'INTESA MILITARE RUSSO-CINESE

Il taccuino della feluca segnala un pur tiepido ribilanciamento nei rapporti tra Occidente e Russia. Il calendario ha infatti visto lo svolgimento lo scorso 21 e 22 maggio a Riga del quarto Vertice dei capi di Stato e di governo dei Paesi inclusi nel Partenariato orientale, e prevede il Forum Economico di San Pietroburgo tra un mese

La buona notizia è duplice: il vertice del Partenariato orientale non ha fatto registrare particolari acuti, mentre il forum economico si preannuncia nuovamente gettonato dal gotha dell’industria e della finanza di Europa e Stati Uniti.

I grandi sponsor del Partenariato Orientale, le russofobe Svezia e Polonia, hanno sempre sostenuto che per i sei Paesi non-UE che fanno parte di questa iniziativa (Bielorussia, Ucraina, Moldavia, Armenia, Georgia e Azerbaijan) questo vertice è l’occasione per riallacciare un dialogo che da più parti è stato messo in discussione e intavolare trattative economiche. 

Ma dal versante russo la cosa è stata vissuta come una pericolosa ingerenza europea nel vicinato prossimo di Mosca, e la stessa tragica crisi ucraina è scaturita da un ping pong commerciale tra UE e Ucraina a valle di accordi propiziati dal Partenariato. 

Il vertice di Riga pare dunque chiudere una fase travagliatissima nei rapporti tra Russia e UE, con la promessa tacita di quest’ultima di non compiere azzardi né fughe in avanti. Insomma, viene da dire, questa volta ha prevalso la Realpolitik

Prova ne è il felpatissimo comunicato conclusivo del vertice, senz’altro frutto di un sapiente lavoro di lima come si conviene in situazioni complesse.

A scandire il riavvicinamento ha senz’altro anche contribuito il segretario di Stato Usa, John Kerry, che il 13 maggio scorso è stato in missione a Sochi, sulla costa russa del Mar Nero, per incontrare il ministro degli Esteri russo, Sergej Lavrov

Fino all’ultimo il Cremlino ha evitato di confermare la presenza del presidente Vladimir Putin, che tuttavia alla fine ha preso parte all’incontro, sorprendente per sua cordialità

Il barometro della diplomazia rileva che Washington pare per la prima volta sposare gli accordi di Minsk, raggiunti grazie all’impegno personale della Cancelliera tedesca, Angela Merkel. 

E’ un cambiamento che, se confermato, potrebbe portare ad una distensione delle relazioni con la Russia. Certo, per Kiev sarà difficile accettare l’autonomia del Donbass

Allo stesso modo Mosca faticherà a cedere il controllo della frontiera orientale dell’Ucraina. La strada da fare è quindi ancora lunga, ma per la prima volta dopo parecchi mesi sembra aprirsi uno spiraglio di opportunità. 

Ad aprirlo sono state le milizie dello Stato islamico, e non è detto che la paura che esse incutono in tutto il Medio Oriente ed oltre non possa favorire una ripresa d’iniziativa da parte della comunità internazionale.

Resta da vedere se il ribilanciamento dei rapporti tra Occidente e Russia si consoliderà rapidamente

E, soprattutto, se rallenterà l’abbraccio tra Mosca e Pechino, vero campanello d’allarme che da poco ha indotto anche il Sancta Sanctorum del pensiero geopolitico americano, il Council for Foreign Relations, a invocare con un lungo report un cambio di rotta rispetto all’embrassons-nous americano con Pechino.

La paura fa 90.

Friday, May 22

UN PAESE SERIO AVREBBE CHIESTO LE SUE DIMISSIONI

Si allargano dunque le incertezze sulle reali responsabilità di Abdel Majid Touil, il ventiduenne catturato dalla polizia italiana ma che secondo i registri di una scuola di Trezzano sul Naviglio si trovava in Italia il 16 e il 19 marzo scorsi. 

L'assalto al Bardo è avvenuto il 18 marzo, ma famigliari e vicini di casa ripetono che il ragazzo non si è mai mosso dal nostro Paese.

Il giallo dell'immagine che non corrisponde non è un giallo. L'equivoco nasce da uno scambio di foto. Intanto le autorità tunisine precisano l'accusa nei confronti dell'arrestato. 

E c'è il rischio che si apra un contenzioso con l'Italia per l'eventuale processo. Il giallo della foto di Abdel Majid Touil non è un giallo e la foto è semplicemente sbagliata

Sarebbe questo il vero volto del terrorista Abdel Majid at-Touil ricercato per l’attentato al museo del Bardo di Tunisi. La foto è stata pubblicata in esclusiva dal sito del quotidiano tunisino Akher Khabar Online

Il nome coincide con quello del giovane arrestato a Milano che proprio oggi gli inquirenti italiani hanno accertato che si trovava in Italia il giorno dell’assalto al museo.

La persona arrestata non somiglia nemmeno lontanamente al Touil arrestato in Italia. Tanto che c’è chi comincia a ipotizzare un clamoroso scambio di persona. 

Per gli inquirenti il quadro ora è "incompatibile" con la sua presenza a Tunisi al momento della strage a Tunisi, come invece asserito dal governo tunisino. 

Ma dal paese nordafricano nel frattempo arrivano da un anonimo funzionario dello Stato, degli 'aggiustamenti': E' un trafficante d'armi... ha portato le armi per gli attentatori del Bardo dalla Libia alla Tunisia prima della data dell'attacco...". 

Il giornale 'Tunisie Numerique' scrive inoltre che Touil si sarebbe incontrato in piazza Pasteur con i due terroristi poi uccisi dalla polizia dopo il massacro.

Intanto rimane la polemica sull'informativa di Angelino Alfano al Parlamento sulla vicenda del presunto terrorista marocchino: in aula non ha menzionato al fatto che per i magistrati milanesi ormai è appurato che il giovane catturato a Gaggiano non poteva trovarsi a Tunisi per compiere l'attentato.

Passano le ore ma intorno al presunto terrorista marocchino arrivato in Italia con i barconi il mistero è sempre più fitto. 

Se a questo si aggiunge il fatto che il ministro dell’Interno per tutto il giorno, dalla mattina alla sera, dà conto di notizie che sembrano scollegate dalle risultanze delle procure coinvolte (Milano e Roma), al mistero si aggiunge anche una sgradevole sensazione di pasticcio

In almeno due occasioni, in una giornata di per sé confusa, Angelino Alfano parla e poco dopo viene smentito da magistrati e investigatori, gli uomini che dovrebbero aggiornarlo passo dopo passo su come evolvono gli accertamenti.


È l’informativa che la Lega ha chiesto a gran voce dal giorno prima, fino a lasciare per protesta l’aula di Montecitorio, e che Alfano decide di dare anche per mettere a tacere gli attacchi della Lega che lo attacca per giocarsi la supremazia nel centrodestra alle prossime elezioni. 

Il ministro parla del “successo investigativo” delle forze dell’ordine italiane e sottolinea che dal 17 febbraio, giorno dello sbarco a Porto Empedocle del clandestino di origine marocchina identificato come Abdellah, fino al 19 maggio, giorno del suo fermo, non esistono evidenze documentali della sua presenza in Italia

Peccato che dopo un paio d’ore la procura di Milano conferma che “Touil era nella classe di italiano da lui frequentata a Trezzano”. 

Succede di nuovo una seconda volta, in serata. Alfano questa volta è impegnato in una conferenza stampa sulleelezioni regionali. E a nuove domande sull’indagine e sul “successo investigativo” risponde piccato: “Chiedete a Tunisi, noi abbiamo eseguito un mandato di arresto internazionale sulla base di un’indagine svolta da un altro Paese”.

Thursday, May 21

SIRIA TRA PROVOCAZIONI E INGERENZE STRANIERE

Non un giorno come un altro. Anche in Siria giunge una eco, per quanto distorta e deforme, di quella più ampia sollevazione che la stampa occidentale ha subito battezzato come “Primavera Araba”. 

Questa, a cavallo tra il 2010 ed il 2011, aveva interessato in primo luogo i Paesi della sponda mediterranea, in primo luogo la Tunisia e l'Egitto, sull'onda di un malcontento, vissuto presso settori della gioventù urbana e della popolazione povera, determinato dalla crisi economica e dal peggioramento delle condizioni materiali, e, per altri versi, aspetto maggiormente enfatizzato dai circuiti mainstreaming, dalle difficoltà legate alle burocrazie locali ed alle libertà di espressione. 

La Siria era rimasta sostanzialmente immune ai primi fermenti della sollevazione: se incitazione alla rivolta c'era stata, sino a quel momento, essa era giunta solamente da frange radicali della componente sunnita presente nel Paese, una opposizione storica al regime laico e panarabo espresso dal Ba'th, che, con Hafez al Assad dal 1970 e il nuovo presidente, Bashar al Assad dal 2000, aveva portato la minoranza alawita al potere del Paese. 

La situazione economico-sociale del Paese è mediamente migliore di quella che si registra in altri contesti: la tradizione multi-confessionale del sistema siriano è rispettata e, sebbene le recenti aperture ai mercati occidentali e l'incremento della inflazione abbiano aumentato il gap tra la città e la campagna e tra la costa e l'interno, non si registrano le clamorose sperequazioni frequenti altrove. 

La protesta del 15 Marzo a Dar'a muove da un contesto tra i più poveri e tradizionalmente ostili al potere ba'thista e si salda a Damasco con proteste di settori studenteschi e di classe media, su cui precipita il combinato disposto della repressione governativa e dell'incitamento anti-governativo proveniente non solo dai settori conservatori ma anche dai media ostili (Al Jazeera e Al Arabya).

La Siria è in piedi, la Costituzione è stata riformata e Assad è al potere. Uno dei temi ricorrenti della comunicazione pubblica da parte di Assad è il refrain per cui «solo con la repressione, senza il consenso, sarebbe impossibile per qualsiasi governo, dopo quattro anni di guerra e di distruzioni, rimanere al proprio posto». 

Otto giorni dopo quel 15 Marzo di quattro anni fa, il governatore regionale di Dar'a viene rimosso; tempo una settimana, ed anche il capo del governo viene sostituito; nei mesi successivi viene ridotta la coscrizione obbligatoria, rivisto il sistema fiscale, promosso l'incremento dei salari. 

Il 21 Aprile viene accolta una delle richieste forti delle manifestazioni, la revoca dello stato d'emergenza; la nuova Costituzione siriana viene approvata con un referendum popolare, il 26 Febbraio 2012, da quasi il 90% dei votanti pari a circa il 56% della popolazione siriana (sebbene il dato non sia confermato da osservatori indipendenti); invece, le successive elezioni politiche, il 7 Maggio 2012, sono seguite anche da osservatori indipendenti, registrano una affluenza al voto superiore al 51% e la netta vittoria delle forze della maggioranza, raggruppate intorno al Ba'th nel Fronte Progressista, cui appartengono anche i due partiti marxisti del Paese. 

Il 3 Giugno 2014, nelle prime elezioni presidenziali pluri-partitiche, a norma della Costituzione rinnovata che abroga il ruolo-guida del Ba'th sullo Stato e sulla società e supera la direzione pianificata dell'economia nazionale, Assad è riconfermato con l'88% dei voti espressi, in una tornata che vede un'affluenza superiore al 73%. 

Non c'è dubbio che il risultato elettorale, di per sé, non cancella e non giustifica quelle violazioni, di cui anche il governo legittimo si è reso responsabile, nel corso del conflitto; ciò non toglie che la portata di tale consenso vada almeno riconosciuta, specie da parte di chi usa ergersi a “paladino” delle libertà elettorali.

In mezzo, e tuttora, c'è la guerra: una guerra, come è stato detto, “civile” e “per procura”, al netto del fatto che, secondo stime indipendenti, oltre 200 mila terroristi stranieri, provenienti da più di 80 Paesi del mondo, abbiano combattuto in Siria in tutti questi anni; che i danni provocati dalla guerra, secondo altre stime, pur difficilmente quantificabili, ammontino ad oltre 80 miliardi di dollari sino ad oggi; che la Siria è diventata il terreno privilegiato non solo della nuova contrapposizione strategica tra Stati Uniti e satelliti atlantici, da una parte, e Russia e Cina, dall'altra, ma anche delle divisioni nel mondo sunnita, tra Turchia e Qatar, da un lato, ed Egitto ed Emirati Arabi, dall'altro. 

Le continue provocazioni ed ingerenze straniere, unite alla barbarie, cui assistiamo pressoché quotidianamente, delle varie frange islamiste radicali, nella cornice di una complessiva destabilizzazione ai danni della Siria, come Paese e come governo, hanno alimentato le fila e le risorse di quello stesso terrorismo la cui espansione finisce oggi per preoccupare quelle stesse cancellerie che lo hanno a lungo finanziato e sostenuto; e hanno dato il contributo decisivo al sostanziale azzeramento delle forze democratiche e “moderate” che pure si erano manifestate nella, sempre più lontana, primavera del 2011. 

Gli interrogativi attualmente in corso, presso alcune capitali europee, sulla riapertura dei collegamenti diplomatici con Damasco, potrebbero essere il segnale di un ripensamento necessario. Se così fosse, andrebbe sostenuto e incoraggiato, per non confermare, ancora una volta, l'insopportabile trappola dei “due pesi e due misure”.