Saturday, May 2

AL CENTRO DI ROMA SI NASCONDE UN'IDRA A SETTE TESTE

Caro Amico Ivan, 

ti scrivo sulla (m)agistratuta italiana, cosi ti rilassi un po...

Secondo la rivista nord americana "Forbes", tra i i 196 Paesi del mondo, l’Italia è il numero 8 per ricchezza totale. L’Italia è uno dei Paesi più ricchi del mondo eppure deve andare in giro come un mendicante perché è occupato da una casta. Questa è la ragione del perché lo Stato italiano non può funzionare. 

E non può funzionare -unicamente- a causa del sistema legale "corrotto" ideologicamente e/o materialmente; che diventa, inesorabilmente, la disarticolazione nervosa che si dirada internamente nello spire dell'Idra/Stato a danno di tutti i cittadini. 

Ogni volta che qualcuno cerca di riformare questo sistema, malato cronicamente, per aver una "SANA magistratura europea", dopo poco, viene bloccato dai magistrati stessi che aprono -contro di lui/loro- un qualche processo impigliando anche qualche parente o amico. 

In Italia non c’è (g)iustizia. L’Italia è un Paese -coatto- occupato da caste. E la principale delle caste è quella dei magistrati, uno dei corpi più lenti e improduttivi del mondo. 

"I giudici della Cassazione italiana sono pagati molto meglio che la media dei giudici in Europa. Si lamentano? 

Non hanno i mezzi semplicemente perché costano troppo ai cittadini italiani: per quel poco che danno. Danno? Sì! Danno!! Troppo. 

I giudici della Cassazione guadagnano più dei giudici della Corte Suprema americana che sono solo 7. Loro, gli italiani, sono più di un centinaio".

Se in Italia qualcuno non ti paga, tu lo porti a processo, lui perde, va in appello, riperde, va in appello di nuovo, poi va in Cassazione e il giudice della Cassazione non scrive la sentenza per un anno, per due anni, per tre anni. E’ successo. Tante volte. Se il poveretto che non è stato pagato ormai da 15 anni chiede al suo avvocato di fare una protesta, insomma, di fare qualcosa questo gli risponderà “per carità”. Non sia mai!

Poi (quel) magistrato andrà in pensione e un altro giudice prenderà l’incarico e rivaluterà tutti gli atti. Come può funzionare uno Stato così?"

Uno Stato così nel suo funzionamento, per esempio oggi con l’emergenza del virus, ha emesso un documento per i pagamenti più semplici possibili ed è composto di 10 pagine. L’equivalente in Canton Ticino sono 4 domande, occupa un terzo di una pagina, perché lì se dici una bugia ti fai sei mesi in carcere. Questo sistema "ITALIANO" non da giustizia. Se e quando te la daranno, forse tu sarai morto. Magari di pandemia COVIN-19.

A causa della macchinosità di questo sistema medioevale, non si muove nulla. Non puoi sapere se il giudice, che si prende tutto quel tempo, non scrive la sentenza per ignavia e/o perché è corrotto. No. Tu non puoi saperlo. 

Forse l’imprenditore, tuo debitore, che non ti paga ha passato una "mancia" al giudice ma tu non puoi saperlo. Non importa se è ignavia e/o corruzione il risultato è sempre lo stesso: cioè che lo Stato italiano non può funzionare in questo modo. 

Fai l'esempio della Cassa depositi e prestiti, nella situazione di oggi, potrebbe funzionare come un fondo sovrano e potrebbe dire: "forza fate quella strada, avanti aprite quel cantiere, sbrigatevi costruire quel ponte, ma non potrà MAI farlo perché subito interverrà qualche magistrato. 

Poi, sai che c'é, in Italia è così tutto così strano: prima arrestano -con gogna le persone (ricordiamoci -uno per tutti: ENZO TORTORA!!) poi cercano le prove. Quante volte è successo!? Decine di migliaia di vote!! 

Il caso limite, in tutta Europa, che è stato esaminato e studiato, ovunque, da tutti i Legislatori: è il caso di Calogero Mannino. Venne accusato di mafia nel 1994 ed è stato definitivamente assolto nel 2019. Dopo 25 anni. Perchè il "fatto non sussiste".

La Procura di Palermo perde i suoi processi ed ogni volta rifarà appello per poi ri-accusarlo della stessa porcheria,  ma usando un altro nome. Prima era associazione esterna alla mafia poi è diventato negoziato Stato-mafia. Come può funzionare uno Stato così? Negli Stati Uniti, dove io ho vissuto, una cosa del genere non può  accadere. Negli Stati Uniti farebbero un serio processo contro questo magistrato e lo metterebbero in galera. Va in prigione perché ha fatto dei processi contro un cittadino senza averne prove".

Ma, in Italia, c’è addirittura la carcerazione preventiva. Da nessun parte del mondo accadono cose così come in Italia. Forse in Corea del Nord. O in sud Sudan. Forse. Comunque vedi su Amnesty International.

In Italia, prima il magistrato ti accusa, poi ti arresta, poi ti sbatte dentro, poi lui cerca le prove contro di te ma SOLO DOPO, dopo, tenendoti sempre in carcere. No. Non può funzionare così! 

Nell’Unione Europea ci sono Paesi molto più poveri dell’Italia, come ad esempio la Slovacchia, la Polonia, l’Ungheria. Dove oggi Giuseppi Conte è là, seduto per terra, che strilla:"voglio gli eurobond!”. Ma chi dovrebbe pagare gli ungheresi? Gli slovacchi? i polacchi? E tanti altri poveri Paesi  dell'Unione europea schiavi di Bruxelles e suoi votanti a pagamento e/o tariffa SEMPRE favore di Germania e Francia. Paesi tipo, come la Slovenia, la Lettonia, l'Estonia, l'Austria, l'Ungheria, etc.

L’Italia vuole solidarietà da un gruppo di Paesi che sono molto, ma molto più poveri di essa e a distanza siderali, come cultura e socialità.

Gli italiani oggi sono a casa con la pandemia. Sarebbe una buon occasione per riflettere. E dire: siamo un Paese molto produttivo e ricco ma il nostro Stato non funziona perché il sistema legale è quello che è!! La casta infetta il sistema nervoso o, la linfa, di un Paese meraviglioso non funziona. 

Lo Stato italiano é gestito da una classe di persone che non sono, certamente, europee. La magistratura italiana non è una magistratura europea. Non so da dove viene, forse è una magistratura da polit-buro e non importa se le cose non funzionano se per ignavia o per corruzione. Tanto il risultato non cambierebbe lo stesso. 

Quelli che accusarono Calogero Mannino 25 anni fa, erano i suoi nemici politici e il sistema li ha lasciati fare. Certo i procuratori sono controllati da un corpo professionale ma in Italia questo corpo professionale, che è il Consiglio Superiore della magistratura, è lottizzato da differenti fazione. 

Gli italiani devono riflettere. Siamo mendicanti perché lo Stato non funziona. Lo Stato non funziona perché non abbiamo una magistratura europea. Dobbiamo finalmente avere una magistratura europea. Un giudice che non scrive una sentenza in un mese o in una settimana deve essere licenziato".

"L’opinione pubblica quando vede che il paziente sta morendo perché ha la cancrena deve vedere dove è cominciata questa cancrena. I media devono esaminare due cose per capirlo, non mille, non un milione di cose: un processo come quello di Calogero Mannino: in tutto il mondo non si è mai visto!! E' un anomalia gigantesca da far vergognare diverse generazioni.  

Comincia il tutto dal non avere una giustizia di tipo europea, dal non avere una magistratura europea. Faccio un altro esempio: il sistema legale francese che è quasi simile a quello italiano ha però una differenza: nessun procuratore può muoversi se non autorizzato da un giudice di istruzione che chiede ai magistrati che accusano: 'tu le prove le hai? Per far durare il processo velocemente, tre giorni!? Ed avere così una risoluzione chiara? No!? Allora non disturbare il cittadino!'. 

Se tu fai una truffa contro lo Stato ti prendono subito, perché non hai un sistema intasato da tutte questa massa di accuse opinabili, lungaggini, cose barocche e fatte per altri motivi. Ti fanno un processo e ti mandano in prigione rapidamente. Quanti italiani sono in prigione per non aver pagato le tasse?" 50!! Negli Stati Uniti 230.000!!

Racconto l’aneddoto di una signora di New York, proprietaria di grandi alberghi. Ha pagato 800 milioni di dollari in tasse ma, in quell’anno, qualche anno fa, si è fatta comprare un sofà di poche migliaia di dollari, 3400 dollari, e l’ha portato a casa sua e non in uno dei suoi alberghi come dichiarato. Quando è stata beccata dalle tasse ha preso 3 anni di prigione, di solito sono cinque. Aveva 76 anni ed è andata in prigione. Il processo è durato circa un’ora".

"Se fosse accaduto in Italia avrebbero aperto un dossier per investigare cosa ha fatto negli ultimi 60 anni. Forse l’ha fatto altre volte? Sa, ci sono molti modi, per la magistratura araba o turca che l’Italia ha, per non fare il proprio lavoro. 

Ricordo quando Giulio Andreotti era accusato di associazione esterna mafiosa. Invece di fare vedere due fotografie, lui che abbraccia il suo grande amico Salvo Lima e Lima che abbraccia qualche mafioso, si è deciso di accusarlo di tutto, compreso l’omicidio del giornalista Mino Pecorelli. 

In Italia la signora dell’albergo di cui sopra, non avrebbe fatto un giorno di galera. Le avrebbero aperto un’indagine per 27 anni".