Showing posts with label CLANDESTINI. Show all posts
Showing posts with label CLANDESTINI. Show all posts

Saturday, June 30

1st EP. - THE GREAT PUPPETEERS OF THE LIBYAN TRAGEDY

LAST GADAFI's TIME FEBRUAR 22, 2011
Glencore is keeping the marketing rights for the Sarir and Messla crude grades for a third year even though BP and Shell are returning to lift Libyan oil in a sign the country’s industry is perceived as becoming more reliable. One source familiar with the matter said Libya’s state oil firm National Oil Corporation (NOC) had allocated its 2018 crude and that the contracts would be signed next week. 

With production having steadied at around 1 million barrels per day (bpd) since the middle of last year, Libya, beset by factional fighting, has become a less unstable supplier. However, supply risks remain. One pipeline bringing Es Sider crude to export was recently bombed but swiftly repaired. BP and Shell declined to comment. Spokesmen for Glencore and the NOC did not immediately respond to requests for comment (Last August, Shell directly lifted its first cargo of Libyan crude in five years).

Since the end of 2015, Glencore has been the sole marketer of the Sarir and Messla grades, which are produced in the east of the country and exported via the Hariga port. Glencore was one of the few traders willing to deal with the risks associated with Libya’s unrest, Islamic State intrusions and a crippling port blockade that slashed the country’s output.

Earlier this month, the NOC said it was seeking a prompt restart of the country’s largest refinery at Ras Lanuf, following a resolution to arbitration cases with its operator, Lerco. The refinery, closed since 2013, runs on the grades allocated to Glencore. It was not immediately clear when the refinery would resume operations or what would happen to Glencore’s allocation once it does. 

NOC subsidiary Arabian Gulf Oil Co produces the Sarir and Messla grades. Output has been fluctuating between around 150,000 and 230,000 bpd, its chairman said in early January, below its potential 320,000 bpd owing to power problems.

Other contract winners include Vitol, Total, Unipec, OMV, BB Energy, ENI, API, Cepsa, Socar and Repsol, trading and shipping sources said, largely unchanged from 2017 to June, 2018.

-Shell and BP have agreed annual deals to buy Libyan crude oil. Sources told the news agency that Shell’s deal is the first of its kind since 2013, and that the first cargo of 600,000 barrels will start to be loaded from Zueitina port.

-The head the eastern-based National Oil Corporation EAST (NOC) has claimed that his office has signed 29 contracts independently of the Tripoli-based organisation.

Naji al-Maghrabi told Reuters that recent contracts included deals with major states such as Russia and China. Russia is reported to be planning to arm eastern-based strongman General Khalifa Haftar

-The Deputy Prime Minister of Libya’s internationally recognized government in Tobruk, Abdus Salam al Badri, told a conference last week in Malta that his government will punish international oil companies (IOCs) that continue to work with the rival administration in Tripoli.

-In parallel, the Chairman of the National Oil Corporation (NOC) based in the East of Libya, BP, which didn’t have a term deal in 2017, has reportedly also reached an agreement for this year.

-The Tripoli-based National Oil Corporation (NOC) held a series of meetings with a group of global refineries in the Mediterranean area and with a major oil companies last week in London. The first meeting was with BP, followed by meetings with more than 20 partners, customers, Libyan crude refiners and fuel suppliers. BP, which didn’t have a term deal in 2017, has reportedly also reached an agreement for this year.

-The newly-created National Oil Corporation (NOC) loyal to the internationally recognised government in the east of Libya has reportedly invited international oil companies (IOCs) to “discuss legally signed agreements and contracts” at a conference in Dubai next month.

-The Tobruk government set up the rival company – ‘NOC East’ – in Benghazi, but oil buyers are still dealing only with the established NOC in Tripoli. According to Reuters, oil customers have refused to sign any deal with the eastern entity due to legal concerns as geological data to prove ownership of oil reserves are stored at NOC Tripoli. The invitation to a conference on 2nd September was issued by Naji al-Maghrabi, who was recently appointed chairman of the eastern NOC.

-The head the eastern-based National Oil Corporation (NOC) has claimed that his office has signed 29 contracts independently of the Tripoli-based organisation.  Naji al-Maghrabi told Reuters that recent contracts included deals with major states such as Russia and China. Russia is reported to be planning to arm eastern-based strongman General Khalifa Haftar, commander in the Libyan National Army (LNA), who opposes the UN-backed Government of National Accord (GNA) in Tripoli.

-The Deputy Prime Minister of Libya’s internationally recognized government in Tobruk, Abdussalam Elbadri, told a conference last week in Malta that his government will punish international oil companies (IOCs) that continue to work with the rival administration in Tripoli.

-In parallel, the Chairman of the National Oil Corporation (NOC) based in the East of Libya, Nagi al-Magrabi, told Bloomberg: “We will send letters to all the international companies that operate in Libya asking them to deal with the internationally recognized and legal government. “We will take measures based on their respective replies to the letter. If they continue to decline to cooperate with the legal government, we will stop their loadings once their contracts expire.” Mahdi Khalifa, an NOC board member, said that any oil companies that refuse to cooperate with the government face the risk of legal action.

-Libya’s internationally recognised government has warned companies against dealing with the Tripoli-based National Oil Corporation (NOC). Speaking to a press conference of Beida, the head of the House of Representatives (HoR), Abdullah al-Thinni (pictured), said his government is taking further steps to export crude oil from the regions under its control through its locally recognized “NOC”, and away from the Tripoli-based organisation.

-The chairman of the pro-HoR “NOC”, Mabruk Abu Yousef Maraja, warned of the illegality or illegitimacy of dealing with the NOC in Tripoli. He also warned Tripoli not to enter into any contracts or legal actions that would impose any obligations on the Libyan oil sector.

-National Oil Corporation (NOC) Chairman Nuri Berruien [Nuri Balrwin] (pictured), has confirmed that there are to be no new exploration-production sharing agreements (EPSAs) before mid-2014. Answering questions at the end of a conference in London, he added that this would probably be “during a constitutional government”, implying that the current “interim” government is not deemed constitutional enough or does not have the authority or legitimacy to launch an EPSA bidding round, according to Libya Herald. He added that he hoped for a “win-win” situation for both the NOC and the international oil companies, admitting that the current EPSAs had problems for both parties and hoped that the new EPSAs would “encourage long-term development”.

Glencore oil deal in Libya branded worthless by rival government. Internationally recognised regime in Benghazi says commodity firm’s potentially lucrative oil-export deal in Tripoli is with the wrong people. 

Glencore’s deal to export Libyan oil is not worth the paper it is printed on, the commodities company has been told. The Switzerland-based firm agreed last week to buy up to half of Libya’s oil exports from the western division of the National Oil Company in Tripoli, where an Islamist-backed government is based. But the internationally recognised government in Benghazi, in eastern Libya, said Glencore had signed a deal with the wrong people

Nagi Elmagrabi, chairman of the eastern division of the National Oil Company, told Bloomberg that he had written to Glencore asking for an explanation but not yet received a reply. He said that if Glencore had signed a deal with the parallel regime in Tripoli, the Benghazi government could physically prevent Glencore tankers from using Libyan ports. 

The deal in question envisages Glencore loading and finding buyers for crude oil from the Sarir and Messla fields, exported via Tobruk’s Marsa el-Hariga port in the east. The eastern government says it does not recognise any agreement signed with Tripoli.

Finding a way to resolve the impasse could prove particularly lucrative for Glencore, given that Libya’s oil exports have huge potential to increase. Libya was pumping about 1.6m barrels of oil a day before the civil war that ended Colonel Muammar Gaddafi’s rule in 2011. 

Production has since slumped to as low as 400,000 barrels a day, although it could be increased if the security situation in Libya improves. Glencore regularly invests in countries where security risks and political turmoil have deterred other investors, such as the Democratic Republic of Congo and Colombia

However, the company is in need of new sources of income, after the economic slowdown in China prompted a slump in global commodity prices, ravaging its share price. The company floated its shares at £5.30 in 2011 but they have since plunged, closing on Monday at 90.42p. 

The firm announced proposals earlier this year to raise £6.6bn in an effort to allay investors’ fears about its £20bn debt pile. The plan includes mine closures, asset sales and a £1.6bn share-placing but has yet to arrest the decline in Glencore’s stock. Glencore declined to comment on its dealings in Libya


Friday, April 28

GEORGE SOROS WELCOME TO NEW ITALY BANANA REPUBLIC

Newrope Vallombrosa is a unique place in Tuscany. Its founder, Saint Giovanni Gualberto, a Benedictine monk, chose this secluded place in the mountains 40 km east of Florence to lead a hermit-like existence, right after the year 1000, and with a restricted group of monks started his own monastic order, the Vallombrosani.

John Milton among many other travellers – found inspiration in Vallombrosa while traveling across Italy in 1638, and a marble inscription reminds tourists that here Milton put into writing his Paradise Lost. Vallombrosa is not a place for crowds; rather a place where to seek meditation and inspiration.

To me Vallombrosa represents memories from my childhood. It could be called a piece of my personal heimat, if you wish. Back in the 60’s, when a car was still a far-flung luxury for many Italian families of the working class, we would take the sunday morning bus from the train station in Florence with some frugal lunch, and we were back in the city with the same bus in time for dinner. For me, as a child, that was the highlight of the week – or the month – as it was all that we could afford at the time as a holiday.

It was with these memories that I rode my motorcycle along the winding road through the national forest that is part of Vallombrosa. But when I shut off the engine it wasn’t the silence that I had expected as usual but an eerie cacophony that got my attention. A crowd of young Africans, all in their 20’s, were standing and sitting around the area of the monastery, all of them doing the same thing: shouting at their i-phones, evidently talking to their folks back home.

Welcome to the new Italy Banana Republic, where the replacement of the original population, once known as Italians, is in full swing. Only a few years ago this affirmation would have caused sarcastic disbelief, now is the reality in front of our eyes.

It happened overnight (literally), during the winter, when over 100 “migrants” from Africa fresh from their landing in Sicily, were unloaded in this oasis of peace and tranquility. 

Now, you would think the location was chosen because the benedictine monks were ready to open their doors as a sign of charity and compassion. Far from it.
In reality, and without any help from the monks, what was accomplished was business at its best: minimum effort for maximum profit.

Take a group of local entrepreneurs to take over an old, abandoned hotel near the monastery, one of those hotels that attracted travelers once upon a time. Restore it to make it (more or less) look again like a semi-decent hospice so that you can amass in it as many Africans as possible. 

Make as much as 25/35 euro a day per person, courtesy of the Italian taxpayers. Welcome to Italy’s fastest growing and most profitable business. The example of Vallombrosa is not an exception, rather the rule of what is happening in Italy, or what it could otherwise be called “profitable invisibility”.

Until now local governments – especially the ones where elections are approaching – have been very careful in “disposing of” the migrants in secluded, peripheral areas, so that the locals would not notice their presence in their daily lives. Now, at an estimated rate of arrivals/replacements of over 450.000 a year it is going to be a (very serious) problem to keep this “profitable invisibility”.

In fact, as migrants are not confined to their housing and are therefore free to move around, by whatever public transportation is available the hard-to-hide consequence is that a city like Florence resembles every day more and more an African suk, with a young African man outside every commercial establishment begging for money or trying to sell useless Chinese knick-knacks.

If you talk to them, they will all tell you the same thing: they did not know that it was going to be “this bad”. They “were told” back in Nigeria, Ghana, Mali, Senegal, Ivory Coast, Burkina Faso, and the list could continue, that “once here they had it made”. How? I asked, again, who told them these fairy-tales?

I couldn’t get a convincing answer, and I got the feeling I shouldn’t have asked that question. Considering that on average each migrant pays to get to Europe between €2.000 to €4.000, that sum for most is seen as a lifetime investment that should ensure a better future not just for them but for their families back in Africa.

If you invest all your savings plus a potential future debt to arrive in the land of prosperity you are not going to plan on leaving that place anytime soon. After all, even if you are found as an illegal alien on Italian soil, all you will receive is a foglio di via (expulsion warrant) in which Italian state authorities “summon” the illegal alien to leave Italian territory within – normally – a week or so. 

And after that the illegal alien is left free to go, so long, goodbye till next time when he’s caught again perhaps as a result of a crime, and then he will be given another foglio di via, just to refresh his memory that he’s an illegal alien. By then, he knows he is dealing with a italian banana republic.

The refugees receive a daily allowance of €2.50 as pocket money, but obviously they want more. They are not legally allowed to work – thanks to Italy’s mind-boggling bureaucratic system – but can participate as “unpaid volunteers” in social projects such as cleaning of parks, streets, and the like, but, given the fact that it is on a volunteer basis only, the “volunteers” are few and far between, and they certainly prefer to spend the day sitting around or begging for money so that at the end of the day they will have rounded up a few euros.

The only real possibility of work is “low paid” farm labor, and the average pay ranges between €2 to 4/hr, especially in the south. Young italians, even if unemployed, are not interested in hard and tedious farm labour, or washing dishes in a restaurant. So the “migrants” come handy and useful for many potential employers who have at their disposal a virtual endless supply of next to slave labour.

Inevitably, due to these massive arrivals, Italy is under an unprecedented financial strain. Inevitably, those who are bound to suffer the most from this shift in resources are the growing numbers of Italians – now approaching the 5 million mark – who are rapidly declining into the official category of povertà assoluta (absolute poverty) as classified by ISTAT (the National Bureau of Statistics and Census) who would be willing and forced to accept even as little as a few euros per hour just to get by, except that a potential employer doesn’t even consider hiring an Italian for he knows that a legal employee could easily report an unlawful working condition, therefore potentially exposing the employer to heavy fines.

The millions of Italians – especially olders with no families – who have ended up in this category have little or no help from the state, especially when it comes to housing and specific medical care such as dental care. If you are a single adult with no children, chances of getting subsidized housing are next to zero. And that has a quite simple explanation: all the available subsidized housing goes to families with children, and most of them are foreigners with an average of 2/3 children.

Finally, it is Mother Nature who knows no morals, at least not as humans conceive them, and Nature always wants its toll. Just like in the animal world the invasion of alien species in a new environment often causes a severe reduction – or extinction – of native species, in human societies the massive and sudden moving of people from one continent to the other causes – inevitably – infectious diseases to reappear where they were eradicated or increase dramatically, and of course unexpectedly.

Tuscany sets a perfect example. Traditionally friendly and hospitable, thanks to its post -communist local governments, Tuscany has been welcoming sub-Saharan Africans for at least a couple of decades by now, and Tuscany now stands apart in Italy for a dramatic rise in meningitis cases.

Once again, the local government of Tuscany carefully and skillfully plays down the numbers, avoiding – God forbid if Mass Tourism hears about this – the word “epidemic”, but the numbers are out there and are becoming hard to hide.
Of course, the consequential negative effects for local populations facing what is hard to disguise as “humanitarian crisis”, but in reality a planned forced replacement of Europeans, was taken into account when all this was carefully planned by the “movers and shakers behind the curtains”. Nothing could be left to chance.

In order to accomplish this MP (Master Plan), regardless of the name you want to call it, a fundamental ingredient is essential, namely, the complete readiness of a subservient oligarchy, holding key positions in the countries you want to subdue. This oligarchy must be composed of key figures ready to be disposed of whenever necessary or no longer usable. In other words, as perfectly stated by Gaetano Mosca, a political scientist of the late 19th century, “a well organized minority will always have its way over a disorganized majority.” And, shall we add, for an organized minority to reach its goals another essential is to get rid of all potentially powerful obstacles.

Silvio Berlusconi may have been ultimately unfit to lead Italy, but he had some points to his favour, one of them his personal friendship with Muammar Qaddafi. Thanks to that friendship, and as long as Qaddafi was in power, Libya had not become a major jumping point for Italy for sub-Saharan Africans. In 2011, in a matter of months, both leaders are out of the picture, one resigns and one is dead. Libya plunges into a civil war, and chaos in the country is the result, with no recognized central authority any more.

Two years later, in October 2013, one of the things that you would have certainly called “impossible” to happen in life actually does happen: the Pope resigns from his post. In his resignation statement delivered in Latin he calls himself physically overwhelmed thus unfit to lead the Catholic Church. So long, goodbye.

Of course, it is just one of those weird coincidences, but the Vatican State had been cut off for days prior to Pope Benedict’s resignation from all international banking transactions via SWIFT, just like other evil nations such as Iran and North Korea. Within hours of Benedict XVI’s departure from the Vatican, bound for the residence of Castel Gandolfo outside Rome, Vatican’s connections with SWIFT are reestablished and all banking transactions are possible again. Talk about providential timing.

A new and quite different Pope is elected by the cardinals, certainly, we like to believe, inspired by the Holy Ghost. A Pope that soon, like a broken record, will remind – on a daily basis – Catholics worldwide, but especially Italians that “migrants are not just welcome, they are absolutely welcome”. Now, for a devout Catholic, that must be accepted, and cannot be questioned, even if you have (many) doubts, deep down in your conscience: after all, a Pope is always right, and we, as Catholics, must obey.

Until 2013 the numbers of arrivals from Africa are high, but always below 50.000 a year. 2014 marks the first year of biblical numbers, with over 170.000 arrivals, mostly from sub-Saharan Africans. Since then, the numbers are rising and 2017 is due to pass the 200.000 mark. Never mind that Italy is – literally – running out of places to hold – and feed – these masses. The Pope for many Italians remains the ultimate voice of truth so if THEY come, we must welcome THEM.

History repeats itself. At least in Sicily. In January, 1943 the Casablanca conference in Morocco attended by Churchill and Roosevelt proved to be a turning point of the war. No longer on the defensive, with the Axis forces of Italy and Germany driven out of Africa, Churchill was anxious to attack Hitler’s “fortress Europe” through its “soft underbelly” as he called Italy. And so Operation Husky was decided. The allied forces landed in Sicily in July 1943, which led, in a matter of weeks, to the fall of Mussolini and the surrender of Italy in September, with the country effectively divided in two until the end of the war in April 1945.

As with any carefully prepared military invasion, reliable domestic contacts providing eyes and ears on the ground were essential. Rather than relying on virtually non-existent “resistance groups” like it was going to be the following year for the landing in Normandy, the US and Britain knew they were to take advantage of a different – yet formidable – power: the Mafia.

A number of US intelligence agencies had already been in contact during the war with the New York “underworld” essentially in order to protect the port of New York from highly possible acts of sabotage especially by the Germans.

As Operation Husky received the green light, all possible useful contacts in Sicily were recruited by US intelligence agencies, but the key figure was by no doubt top Mafia mobster Lucky Luciano. Serving a 30 to 50 year sentence in a NY correctional facility since 1936, Luciano provided the US Navy with many Sicilian contacts which proved to be extremely useful in aiding allied forces to establish a secure foothold in Sicily. The all-too-obvious consequence was that the Mafia, on the run since Mussolini’s arrival, was back in power, and it was there to stay.

It must be admitted that Sicily provides an outstanding presence in the Italian government. In January, 2015 the first Sicilian President of Italy, Sergio Mattarella, is elected by the parliament. At that point Sicilians hold the top 3 positions in the Italian government: The President, the President of the Senate (Pietro Grasso, a former prosecutor), and the essential Minister of Interior Angelino Alfano. It needs to be reminded that while the former two are honorific figures and are no decision makers, the Ministry of the Interior is the direct supervisor and coordinator of the whole immigration affaire.


In her whole career, professional and political, she has made no mistery on whose side she stands for, and that side is certainly NOT the average italians who live from paycheck to paycheck (provided they have one) despite the fact that italian taxpayers reward her with over 100.000 euro a year for her position.

Being from an affluent family, she really never had to worry about making ends meet, devoting her whole life to the underpriviliged ones. Just as long as they are NOT italians. We could call her expertise on this whole matter just like the cherry on the cake, or, better stated, the right person in the right place at the right time.

Getting back to Sicily, and speaking of affari (italian for business) immigration -biblical or not- has been a fantastic, unprecedented affare for Sicily as untold billions of euros have kept a steady flow to the island. Sicily has Europe’s biggest migrant reception center, the C.A.R.A. (Centro Accoglienza Richiedenti Asilo), located in Mineo near Catania where many “irregularities” were found out by local prosecutors, leading to the indictment of at least 17 people including a high level politician of the same political party as Angelino Alfano, (NCD).

One of the wistleblowers of the many “irregularities” that were the norm at the C.A.R.A. in Mineo is a middle level police officer from Rome, Daniele Contucci. Contucci has worked for years “in prima linea”, as he states, being among the first ones to receive -and interview clandestine-migrants just unloaded on sicilian shores after having been rescued at sea.

When asked if there’s any hope this biblical invasion will slow down any time soon Contucci is highly skeptic. “Not as long as there’s so much money involved. The profits to be made are just staggering, by far surpassing any other illegal activity”, he says. He admits that -perhaps a bit naive- he thought he could find help and attention to his cause from politicians that rewarded him with lots of shoulder padding and praises but no concrete action of any sort, regardless of the political orientation, leaving him “highly convinced” that despite all the official claims and drama, no party in Italy is willing to do anything serious about this. “It’s the money. There’s simply too much money involved. It’s the kind of money that can buy any politician.”

Last, but by all means not least, the “traghettatori”, italian for ferrymen. Just like Operation Husky,this biblical task could not be accomplished without a fleet – or a flotilla – of well equipped, well payed, well maintained vessels.

Of course they are all humanitarian organizations, and they devote all their lives and their (huge) resources to the safe transporting of migrants to the all too willing and cooperating (or – shall we say – receiving orders from above?)
the Marina Militare, or the Italian Navy. 

One tiny detail: if you want to take “part of the action” as a volunteer, and become a crewmember on one of the NGO’s vessels, get ready for a good series of vaccination shots as a mandatory condition to be taken onboard. As the saying goes: “better be safe than sorry”.

Now the Italian Ministry of Public Health wants “everybody” to get vaccinated in Italy, and that -soon- is probably not going to be an option, especially for schoolchildren. Profitable businesses often go hand in hand. You start with immigration, and you end up with vaccination. It must be the Law of Attraction.

This monumental endeavour of changing Italy’s demographics has found its admirers. One gentleman in particular is willing to open his wallet and shower this gracious flotilla with the insignificant gift of € 1.500 billion.

We wonder what may be behind all this generosity. Perhaps, as the man wants to be remember by future generations of dark skinned italians, as he is getting a little aged and has little time left, he wants to push the final population replacement of Italy to the fullest.

Back in 1943 they were called GI’s. In 2017 they will be called GSB’s (George Soros Boys). Welcome boys, to your future home. The Banana Republic of Italy.

Saturday, February 4

LA FINE DI GEORGE SOROS PADRE DELLA GLOBALIZZAZIONE

Dal Giornale di G. Rossi. Per carità, sarà solo un caso, una coincidenza di quelle che servono agli scettici per dimostrare che non c’è un senso nelle cose. Fatto sta che ogni volta che la società civile, gli umanitaristi della domenica, le sentinelle democratiche scendono in piazza contro il cattivo di turno (che si chiami Putin, Trump o Marine Le Pen), dietro a loro fa capolino la faccia di Soros o meglio, il suo portafoglio.

Anche nell’ultimo caso, quello del Decreto esecutivo sull’immigrazione voluto da Trump, le proteste inscenate in tutta America sono state organizzate da gruppi mantenuti con i soldi del filantropo miliardario.
Come ha evidenziato Aaron Klein su Breitbart, gli avvocati che hanno messo in piedi le azioni legali contro il Decreto Trump, appartengono a tre associazioni per i diritti degli immigrati: la ACLU (American Civil Liberties Union), il National Immigration Law Center e l’Urban Justice Center. Tutte e tre sono finanziate, per milioni di dollari, dalla Open Society di Soros (la ACLU addirittura ha ricevuto 50 milioni solo nel 2014).

Una delle avvocatesse in prima linea nella battaglia legale, Taryn Higashi, è componente dell’Advisory Board dell’Inziativa per l’Immigrazione Internazionale della Open Society.

Dopo le manifestazioni di protesta all’indomani del voto e la Marcia delle Donne, questa è la terza iniziativa anti-Trump che vede la ragnatela di Shelob/Soros dispiegarsi contro quella parte dell’America colpevole di non aver votato la sua candidata in busta paga, Hillary Clinton.

Come direbbe Poirot: “una coincidenza è solo una coincidenza, due coincidenze sono un indizio, tre coincidenze sono una prova”; e se ci aggiungiamo anche la famosa battaglia contro le “fake-news” che inquinano la purezza dell’informazione mainstream (salvo poi scoprire che a produrre fake news è proprio il mainstream), diciamo che abbiamo la quasi certezza che a Soros non è andata molto giù l’elezione di Trump.

Tra tutte le cause “progressiste” che Soros finanzia, quella per agevolare l’immigrazione clandestina è forse la più curiosa (ed anche la più rivelatrice).

Nel 2014 il New York Times rivelò che la decisione di Obama di modificare la legge sull’immigrazione per facilitare il riconoscimento degli irregolari, fu spinta dalla campagna delle associazioni pro-immigrati divenute una “forza nazionale” grazie all’enorme quantità di denaro versato nelle loro casse dalle ricchissime fondazioni di sinistra tra cui, appunto, la Open Society di Soros (oltre alla sempre presente Ford Foundation); “Negli ultimi dieci anni – scrive il NYT – questi donatori hanno investito più di 300 milioni di dollari nelle organizzazioni di immigrati” che lottano “per riconoscere la cittadinanza a quelli entrati illegalmente”.

Ora, Soros, che di mestiere fa lo speculatore finanziario, è uno che con i soldi non produce ricchezza ma povertà. Il suo lavoro è, di fatto, scommettere sulla perdita degli altri; lui vince se il mondo perde.
Soros appartiene a quella aristocrazia del denaro per la quale, crisi economiche e guerre, sono linfa vitale per il proprio portafoglio (e per il proprio potere).


E se “destabilizzare le economie” è il suo lavoro, destabilizzare i governi è il suo hobby; e così Soros finanzia da anni rivoluzioni colorate (dall’est Europa alle Primavere Arabe) che altro non sono che guerre civili all’interno di Stati sovrani per sostituire governi legittimi con replicanti a lui rispondenti; e adotta (finanziando campagne elettorali) candidati particolarmente inclini a fare le “guerre umanitarie” con cui stravolgere intere aree del mondo.

Per semplificare (anche troppo) lo chiameremo “SCHEMA SOROS” anche se in realtà è un preciso disegno dell’élite tecno-finanziaria per costruire il proprio sistema di potere globale.

Lo “Schema Soros” funziona così: l’élite prima produce i poveri, poi trasforma alcuni di loro in profughi attraverso una bella guerra umanitaria o una colorata rivoluzione (in realtà i profughi sono meno della metà degli immigrati) e poi li spinge ad entrare illegalmente in Europa e in USA grazie alle sue associazioni umanitarie, ricattando i governi occidentali e i leader che essa stessa finanzia affinché approvino legislazioni che di fatto eliminano il reato di immigrazione clandestina. Il tutto, ovviamente, per amore dell’Umanità.

In questo schema un ruolo centrale ce l’ha il sistema dei media e della cultura nel manipolare l’immaginario simbolico e costruire il “pericolo xenofobo e populista” contro chiunque provi ad opporsi a questo processo.

E francamente fa uno strano effetto vedere la sinistra americana di Obama e della Clinton solidarizzare con i profughi dopo aver lanciato sulla loro testa 26.000 bombe solo nel 2016 (quasi 50.000 in due anni) e venduto ai loro governi più armi di qualsiasi amministrazione americana, nel rumorosissimo silenzio di Soros e dei benpensanti che oggi scendono in piazza contro Trump.

L’immigrazione in atto non è un processo naturale ma indotto per consolidare un modello incentrato non sulla ricchezza reale (produzione di beni e consumo) a vantaggio di tutti, ma su quella “irreale” del debito e dell’usura, a vantaggio di pochi.

La globalizzazione non è altro che il processo di concentrazione della ricchezza mondiale nelle mani di un numero sempre più ristretto di persone (quel famoso 1% che detiene il 50% della ricchezza globale).

Per l’Occidente il vero sconvolgimento è la dissoluzione della classe media, l’erosione ormai costante di quella che è stata il motore trainante dello sviluppo economico e civile dell’ultimo secolo e mezzo.

Non è un caso che “l’abbattimento della borghesia” (sogno di ogni ideologia totalitaria di destra e di sinistra) va di pari passo con i tentativi di smantellamento delle democrazie in atto in Occidente attraverso l’ascesa di governi tecnocratici e revisioni costituzionali scritte direttamente dai banchieri.

Per Soros e per l’élite tecno-finanziaria, “la democrazia è un lusso antiquato” (come scrisse il Financial Times, la Bibbia del gotha finanziario); e i meccanismi di sovranità popolare e rappresentanza parlamentare sono un intralcio alla gestione diretta del potere.

Il processo d’immigrazione indotta serve proprio a questo: disarticolare l’ordine sociale e culturale, generare conflitti endemici (guerra tra poveri), imporre legislazioni più autoritarie, alterare l’equilibrio demografico e generare un’appiattimento della stratificazione sociale per ridurre il peso di quella classe media, elemento da sempre in conflitto con le élite.

Per Soros e i suoi amici è molto più funzionale una società a due livelli: una élite con in mano grande potere economico (e decisionale) in grado di gestire anche i flussi informativi (e formativi) e una massa sempre più povera, dipendente da questa élite e dall’immaginario che essa costruisce; e nel progetto globalista, le identità nazionali e religiose (proprio perché pericolose costruttrici di senso) devono essere annullate all’interno di una massa indistinta e perfettamente funzionale al sistema di dominio.

Il sogno di un mondo governato da pochi plutocrati passa per la dissoluzione dell’Occidente come lo conosciamo e l’immigrazione di massa costruita a tavolino e legittimata persino nelle dichiarazioni ufficiali dei tecnorati sulla “Migrazione Sostitutiva”, serve a trasformare il loro sogno nel nostro incubo.

Monday, September 28

BARAK HUSSEIN OBAMA CEDE A VLADIMIR PUTIN

Carlo Pannella dice che Barack Obama ha conseguito un incredibile e triste primato: dopo l'incontro con Vladimir Putin a New York, è il primo presidente americano della storia a presentarsi a un vertice con un leader del Cremlino in palese, totale svantaggio militare, e ancor più politico, sul fondamentale quadrante della crisi siriana. 
La situazione paradossale è la conseguenza della strategia obamiana di appeasement con l’Iran. Infatti Putin ha un alleato siriano, Bashar el Assad, che ha ribadito quale unico “dominus” possibile di un processo di transizione, e ha i “boots on the ground”, quantomeno a Latakia. 

Obama invece non ha nessun alleato siriano. Ed è nella scabrosa posizione di chi ha due alleati, la Turchia e l’Arabia Saudita che gestiscono con spregiudicatezza i loro “partiti siriani”, inclusa al Nusra-al Qaida. 

La debolezza è talmente irreale che lo stesso Assad si può permettere oggi di irridere sprezzantemente Obama: sappiamo che la Turchia sostiene il Fronte al Nusra e lo Stato islamico, fornendo loro armi, denaro e volontari. Ed è risaputo che la Turchia ha rapporti stretti con l’occidente.Recep Tayyip Erdogan e il suo primo ministro, Ahmet Davutoglu, non possono fare una sola mossa senza coordinarsi innanzitutto con gli Stati Uniti e poi con gli altri paesi occidentali. 

Inchiodato nella palese contraddizione di primo leader del baricentro della NATO, che non è in grado – per proprie deficienze – di impedire che la Turchia, paese NATO, aiuti al Nusra-al Qaida, Obama sarà costretto a chiedere a Putin di intercedere sull’Iran perché interceda su Assad perché infine si metta da parte. Cosa che né Putin, né l’Iran faranno mai

Soprattutto perché – una volta diventato proconsole di Mosca nella regione di Latakia e Tartous, nessuno sarà in grado di detronizzarlo, anche se perde Damasco. Inoltre, la fallimentare strategia obamiana in medio oriente ha permesso a Putin di sostituire a tal punto il Cremlino alla Casa Bianca in un paese strategico come l’Egitto, che la settimana scorsa il presidente egiziano, Abdel Fattah al Sisi, ha deciso di riallacciare le relazioni diplomatiche con la Siria. 

E’ la legittimazione di Bashar el Assad, un suo rafforzamento nella prossima, convulsa fase, da parte del più grande e prestigioso stato arabo – il sigillo del definitivo distacco del Cairo da quella sintonia con la Casa Bianca iniziata da Anwar al Sadat nel 1972, quando cacciò i consiglieri russi (Unione Sovietica) che ora ritornano in massa . 

Obama dunque, si trova in una posizione subordinata, impotente, priva di alternative perché non ha forze militari, alleati, né strategia sulla Siria. Una posizione subordinata che è la prima, dirompente conseguenza dell’accordo Stati Uniti-Iran sul nucleare

Una posizione di debolezza estrema conseguente alla logica che spinse Obama nel 2013 a fare dietrofront all’ultimo minuto e a siglare con Assad quel ridicolo, scandaloso, accordo sul disarmo chimico. Quell’accordo ha avuto l’unico effetto di riammettere con piena dignità Assad nella platea internazionale, salvo poi permettergli di continuare liberamente a usare armi chimiche a bassa tecnologia con effetti letali sui civili. 

Una logica obamiana tanto elementare, quanto cinica – e questo ci può stare – quanto perdente – e questo è un crimine – dettata dall’imperativo di non danneggiare gli interessi geopolitici dell’Iran (il cui baricentro è appunto la continuità del regime di Assad in Siria) per non pregiudicare l’accordo sul nucleare. 

Il tutto avviene nel nome di una “lotta al terrorismo” che non viene combattuta da nessuno dei due leader. Putin infatti costruisce la sua base a Latakia e dispiega la sua flotta nel palese intento strategico di difendere un mini-stato alawita, annesso di fatto alla Federazione russa, che coroni il sogno secolare di Mosca sin dal tempo degli zar di disporre una testa di ponte russa nel Mediterraneo. 

Non è previsto l’impiego dei “boots on the ground”, dei suoi paracadutisti e dei fanti di marina nel contrasto del terrorismo sugli altri fronti siriani, neanche nella cruciale e imminente battaglia per Damasco. 

Obama intanto continuerà la sua guerra aerea con bombardamenti che fanno tanto scena, ma che non hanno mai impedito allo Stato islamico e ad al Nusra di aumentare il territorio da loro controllato. Se si entra dentro lo scenario bellico siriano, la posizione in cui Obama si è messo diventa incredibile. 

Nel suoi due viaggi a Mosca il generale dei pasdaran Qassem Suleimaini ha raffinato una strategia, che, come rivelano le fonti israeliane, prevede la suddivisione dei fronti: ai russi la difesa dell’enclave strategica di Latakia e ai pasdaran e Hezbollah la difesa di Damasco. Difesa contro le milizie dello Stato islamico e contro le concorrenti e avversarie milizie dell’Esercito della Conquista (Jaish al Fatah), di cui fa parte al Nusra-al Qaida, sostenuto da Turchia, Arabia Saudita e Qatar. 

Obama non ha mai mosso un dito, né detto una parola, contro il ruolo militare decisivo dei pasdaran e di Hezbollah in Siria e ora paga il prezzo di questo silenzio (sempre motivato dalla volontà di non irritare l’Iran) non solo con la sua totale irrilevanza politico- militare, ma anche con un quesito diabolico. 

Durante la battaglia di Damasco i suoi bombardamenti aerei chi colpiranno? In ogni caso saranno decisivi pro o contro Assad: se bombarda lo Stato islamico aiuta il dittatore direttamente; se bombarda l’Esercito della conquista, colpisce i terminali siriani di un paese suo alleato nella NATO e dell’Arabia Saudita, fulcro, assieme all’Egitto, dell’intero mondo arabo. Se non bombarda, ammette la sua irrilevanza. 

Questo è soltanto l’inizio del dispiegarsi delle conseguenze politiche implicite nell’accordo sul nucleare, che è la realizzazione del discorso di Obama del 6 giugno 2009 al Cairo, in cui offrì una “mano tesa” agli ayatollah per definire una gestione concordata del medio oriente

Inizio disastroso a cui seguirà – e sarà interessante verificarle – l’implementazione nel merito dell’accordo sul nucleare con le ispezioni, la attuazione della diminuzione delle centrifughe, dello stock di uranio raffinato eccetera. 

E’ la riprova, insomma, del fatto che quell’accordo è sciagurato non tanto – o non solo – in sé: è rovinoso sul piano politico. Perché si basa su un giudizio di affidabilità del regime di Teheran, pur smentito da anni dalla destabilizzazione iraniana di Libano, Iraq, Siria e Yemen, non comprendendo quale è la straordinaria natura del regime di Teheran. Regime nato da una rivoluzione popolare che tiene ancora insieme – di fatto armonicamente – Kerensky, Trotzky e Stalin, per fare una citazione di scuola. 

Là dove la Cina stupisce l’occidente dimostrando di saper far convivere uno Stato autoritario e a pianificazione socialista con una enorme componente di capitalismo non solo libero, ma selvaggio, l’Iran lo spiazza con un nuovo modello di stato rivoluzionario. 

Un sistema che si regge sull’equilibrio tra la componente riformista e quella tutta e solo dedita alla “esportazione della Rivoluzione islamica, a iniziare da Baghdad”, vecchia parola d’ordine di Khomeini. Un regime che mai si adatterà alla parola d’ordine : “La rivoluzione in un paese solo”. 

Con il non piccolo particolare, che sfugge sia a Obama sia alle cancellerie occidentali (e al ministro degli Esteri Paolo Gentiloni) "che il nucleo duro del potere, militare e industriale, è saldamente nelle mani della componente rivoluzionaria che sa fare tattici passi indietro quando pensa che fare avanzare la componente riformista, alla fine, ne rafforzerà le possibilità di “esportare la rivoluzione”. Come sta accadendo in Iraq, Siria, Libano e Yemen. 

“Penso che ci sia una cosa che ora condividiamo con gli Stati Uniti,ha detto Vitaly Churkin, l’inviato all’ONU della Russia, alla Cbs mercoledì, non vogliono che cada il governo di Bashar el Assad in Siria. Non vogliono che cada. Vogliono combattere lo Stato islamico in modo che non ci siano danni per il governo siriano. Ma non vogliono che il governo siriano si avvantaggi della loro campagna aerea contro lo Stato islamico

E’ davvero una situazione complicata”. Le parole del ciarliero Churkin, che hanno fatto imbestialire l’inviata americana all’ONU, quella Samantha Power che inorridisce davanti ai regimi, sbraita, dice che favorire un dittatore che gasa il suo popolo “non può funzionare”, ma non riesce a convincere Barack Obama a indignarsi allo stesso modo, segnalano qual è il primo obiettivo della Russia: creare una convergenza sulla tenuta di Assad, che sul campo esiste, ma che formalmente è da sempre smentita

Se non fate cadere Assad, dicono i russi, allora possiamo parlare: gli esperti continuano a escludere un coinvolgimento attivo delle forze armate di Mosca contro lo Stato islamico, ma la grande coalizione contro il terrorismo invocata da Vladimir Putin è un collante sufficiente per avviare un dialogo tra Russia e Stati Uniti che ormai gli americani considerano inevitabile. 

Nessuno ha mai creduto davvero che Assad potesse cadere sotto i colpi dell’operazione militare aerea guidata dagli americani: sentendo i generali del Pentagono due giorni fa davanti alla commissione del Senato, è stato di nuovo chiaro che non si è mai lavorato a una strategia alternativa ad Assad, né dal punto di vista dell’Intelligence né da quello della formazione delle forze di opposizione

Ora i russi vogliono far sì che quel che è stato sancito sul terreno venga esplicitato, in modo che il loro uomo a Damasco – loro non hanno bisogno di un’alternativa – possa avere la legittimazione che chiede come partner della lotta al terrorismo jihadista dello Stato islamico, esattamente come sono ormai legittimati gli iraniani e le loro forze armate, i pasdaran e Hezbollah. 

Che gli americani possano davvero convergere verso una coalizione a guida russa dai chiari connotati anti-americani e anti-israeliani sembra piuttosto bizzarro, soprattutto per il fatto che condividere piani strategici e militari con le forze al Quds iraniane sembra ben oltre le premesse dialoganti del deal sul nucleare e invero troppo sciagurato persino per il tentennante Obama – come ha quasi urlato davanti al Congresso americano il premier israeliano Benjamin Netanyahu: “Il nemico del mio nemico è mio nemico!”.

Il premier israeliano ha fatto una visita d’emergenza a Mosca per discutere con Putin del fatto che l’afflusso di armi sofisticate russe in Siria e le operazioni a braccetto con i pasdaran sono una minaccia per Israele. Ma accordarsi sulla tenuta di Assad non è poi così difficile

Al Congresso americano, i democratici iniziano a chiedere se davvero allontanare il rais siriano sia una soluzione efficace. I francesi, che sono gli europei più interventisti e anche i meno filoassadisti, hanno già cambiato i toni durante l’estate: Assad non se ne deve più andare, ma “è necessario creare le condizioni per una transizione che neutralizzi” il dittatore siriano. 

Se si pensa che alla parola “transizione” ormai Assad si prende il lusso di dire: ma come potete chiedere la mia testa visto che combatto il terrorismo?, è chiaro che le condizioni non si creeranno più. Alcuni diplomatici sono stati più espliciti. Il ministro degli Esteri tedesco, Ursula von der Leyen, ha detto allo Spiegel che ci sono “interessi mutuali” con la Russia in Siria. 

Il ministro degli Esteri austriaco aveva detto già la settimana scorsa che l’occidente deve coinvolgere Assad e i suoi alleati, l’Iran e la Russia, per combattere lo Stato islamico (il presidente austriaco era a Teheran a incontrare il suo collega iraniano Hassan Rohani, in quei giorni, e si era fatto convincere dalle parole suadenti del presidente della Repubblica islamica: ci sediamo a qualsiasi tavolo ci garantisca la stabilizzazione della situazione siriana). 

Il ministro degli Esteri spagnolo, José García-Margallo y Marfil, ha dichiarato più o meno le stesse intenzioni: i negoziati con Assad “sono cruciali” per garantire un cessate il fuoco in Siria (argomentazione invero poco comprensibile: chi smetterebbe di sparare se si apre il dialogo con il regime di Damasco? Lo Stato islamico? La coalizione a guida americana? Il regime stesso di Damasco?). 

Molti governi europei sono convinti che l’intervento russo in Siria possa avere effetti positivi sul contenimento dei flussi migratori. Putin accusa gli americani, sostenendo che la crisi dei rifugiati era prevedibile e che l’accanimento della coalizione con i bombardamenti l’ha accelerata, facendo intendere che un intervento a favore di Assad potrebbe creare la stabilità necessaria per fermare la fuga. 

Per questo inchinarsi alla regia russa non risulta poi così difficile, in un’Europa che da sempre si divide sul proprio rapporto con Mosca e che è abituata a farsi risolvere i propri problemi di sicurezza da qualcun altro.

Thursday, May 21

MA QUANTO SONO CAZZARI I NOSTRI POLITICI?

La UE, almeno per ora, non va oltre le chiacchiere nella nuova agenda per la gestione dell’immigrazione approvata mercoledì dalla Commissione Europea. 

Certo i bla-bla-bla come al solito si sprecano. 

Federica Mogherini, l’ha definita “un passo da gigante per la UE” e “una giornata storica per l’Italia” perché “un peso e una responsabilità finora quasi esclusivamente italiani diventano europei”.

In realtà non c’è una sola riga in cui si dica basta al ricatto dei trafficanti e allo sbarco di immigrati clandestini, non è stato reso noto nessun piano piano per respingere chi si affida ai criminali per venire in Europa. 

Al contrario, dopo aver sostenuto per settimane la necessità di colpire i trafficanti e distruggere preventivamente i barconi con un’operazione militare ambigua che attende il via libera dell’ONU, la Mogherini ha deliziato i fanatici del “politically correct” affermando candidamente alle Nazioni Unite: “Lasciatemi assicurare esplicitamente che nessun rifugiato o migrante intercettato in mare verrà respinto contro la sua volontà”.

Ma come si fa a combattere i trafficanti se non si respingono gli abusivi? Se non si scoraggiano i loro clienti?

A causa della sua infingardaggine l’Unione Europea non riesce a coprire con i bla-bla-bla l’ambiguità di fondo che  contraddistingue la sua iniziativa. 

Il piano prevede più navi e più denaro per soccorrere e portare in Italia più clandestini: una Mare Nostrum targata Ue che incoraggerà gli africani a partire e ad arricchire i trafficanti

Non c’è quindi da stupirsi che il Ministro degli interni britannico, Theresa May, abbia attaccato la Mogherini sul Times affermando che “un simile approccio non può che favorire la traversata del Mediterraneo e incoraggiare ancora più persone a mettere la loro vita in pericolo”.

Ma quale coerenza o deterrenza può esprimere un piano incapace persino di prendere atto realisticamente delle dimensioni e delle caratteristiche dei flussi gestiti dalle organizzazioni criminali? 

Una linea che l’Italia ha continuato a incoraggiare in questi anni con l’accoglienza per tutti,  Mare Nostrum e la mobilitazione della flotta per consentire a chiunque paghi il pizzo a criminali e terroristi islamici di venire in Italia.

Eppure Paesi meno ambigui attuano politiche ben diverse. La civilissima Australia per esempio prevede che chi arriva clandestinamente non avrà mai nessuna possibilità di vivere in Australia (la campagna No Way è molto chiara in proposito, guardate il video) e la Royal Australian Navy viene impiegata nell’operazione Sovereign Borders (confini sovrani, che fa l’esatto opposto di Mare Nostrum, Triton e Mare Sicuro)  il cui compito è proibire l’accesso al territorio nazionale non assicurarlo a chiunque paghi il pizzo al crimine organizzato. 

Le imbarcazioni di clandestini vengono rimorchiate nelle acque di Indonesia e Sri Lanka mentre chi viene soccorso in mare raggiunge i centri per richiedenti asilo a Papua Nuova Guinea o a Nauru, Stati con i quali l’Australia ha stretto accordi.

Se non hanno diritto all’asilo vengono rimpatriati ma se la domanda viene accolta restano senza eccezione in quelle isole e non possono andare in Australia.

Iniziative evidentemente impensabili nella vecchia e decadente Europa dove però a sgombrare il campo dai soliti bla-bla-bla buonisti orchestrati da terzo-mondisti ideologici e da organizzazioni che incassano milioni di euro dall’accoglienza e assistenza ai clandestini  (legate saldamente a diversi “carri” politici) ha provveduto autorevolmente Fabrice Leggeri.

Il direttore di Frontex (nella foto a fianco), l’agenzia europea per le frontiere che gestisce l’operazione Triton, ha detto chiaro e tondo a Le Figaro che “i migranti che intraprendono la strada libica ormai arrivano dall’Africa, non più dalla Siria o dall’Iraq” e per lo più “partono per problemi economici, e possono e devono essere rispediti a casa loro”.

Chissà perché queste affermazioni sono state rimosse dal bla-bla-bla italiano ed europeo di questi giorni. Invece la UE ha emanato quote per la ripartizione dei migranti che hanno diritto all’asilo tra tutti i partner. 

In realtà inglesi irlandesi e danesi non ne accetteranno uno e molti altri Stati nell’est Europa si oppongono. In ogni caso si tratta di 20 mila persone l’anno che già hanno avuto riconosciuto il diritto allo status di rifugiato e qualche altro migliaio all’anno che lo avrà in futuro.

In Italia però solo tra novembre e marzo sono sbarcati dalla Libia 51 mila clandestini, in tutto il 2014 ne sono arrivati 170 mila e quest’anno il Ministero degli interni ne attende 250 mila mentre secondo l’inviato dell’ONU in Libia, Bernardino Leon, quelli pronti a salpare sarebbero almeno mezzo milione.

Allora come si fa a esultare per le “decisioni storiche” dell’Europa? Il piano in 4 punti che la Mogherini ha presentato all’ONU prevede di aiutare l’economia dei Paesi di provenienza dei migranti e di controllare le frontiere meridionali libiche, cioè azioni che per dare eventualmente qualche risultato richiederanno anni e migliaia di truppe occidentali che nessuno vuole schierare nel Sahel.

Un altro campione di bla-bla-bla come il Ministro dell’interno, Angelino Alfano esulta perché secondo lui è stato abbattuto il “muro di Dublino” riferendosi alla norma UE che impone ai clandestini di registrarsi (e restare) nel Paese dove sbarcano.

Alfano è facile agli entusiasmi, basti ricordare che salutò l’avvio di Mare Nostrum come un’operazione di contrasto e deterrenza nei confronti dei trafficanti di esseri umani e ha definito un successo la devastazione attuata dai black bloc del centro di Milano perché "non ‘cera scappato il morto"!

Difficile però condividere la sua gioia: i clandestini resteranno in Italia e i nostri partner vogliono persino rimandarcene 29 mila sbarcati illegalmente da noi e poi fuggiti in nord Europa altrettanto illegalmente ma con il benevolo occhio disattento degli italiani, così lieti di scaricare ad altri il fardello dal far sbarcare anche che non vuole declinare le proprie generalità per registrarsi in un altro Paese della UE.

L’operazione “svuota l’Africa” continuerà senza soste a riempire l’Italia di clandestini tra i quali ci saranno anche poveracci (c’è anche chi viaggia con migliaia di euro) ma non mancano certo i “fighetti” come quelli (tutti islamici) che hanno rifiutato l’accoglienza nell’albergo a loro destinato perché non c’era la TV nelle camere né il WI-FI e nella hall c’erano donne sposate.

Vogliamo chiamarli rifugiati? 

Invece di ributtarli in Libia a pedate, ovviamente dopo i soliti bla-bla-bla, l’Italia ancora una volta “prona a tutto” ha trovato loro un alloggio più consono. 

Un modo efficace per regalare consensi a Matteo Salvini e, di questo passo,  persino al Ku Klux Klan facendo diventare razzisti anche gli italiani più moderati e tolleranti.

Scarse anche possibilità che l’operazione militare targata UE che si sta configurando per distruggere i barconi consegua risultati rapidi e credibili. Tra i militari infatti non mancano dubbi e perplessità circa le modalità operative in valutazione, le regole d’ingaggio, la necessità tutta politica di avere il via libera dall’ONU e la collaborazione delle autorità libiche (quali?).

Cercare i barconi sulla costa e colpirli con missili, bombe e artiglieria navale potrebbe provocare vittime tra i civili mentre operazioni mordi e fuggi a terra, che metterebbero a rischio la vita di incursori delle forze speciali e fucilieri di Marina per sforacchiare canotti, dovrebbero ragionevolmente apparire a tutti una boiata pazzesca.

Un conto è condurre un’azione di guerra contro le organizzazioni criminali e un altro è andare a caccia di barchette da affondare. Il richiamo alla ridicola operazione UE contro i pirati somali Atalanta sembrerebbe dare la misura dell’operazione che l’Europa intende varare. 

Come non ricordare i pirati catturati e poi rifocillati e liberati per “assenza di prove” perché avevano buttato in mare armi e attrezzature o perché non si trovava un Paese disposto a processarli?

I pirati somali sono stati resi innocui dalle guardie armate su tutti i mercantili non dalla flotta UE

Se tra tanti bla-bla-bla si cerca un esempio a cui ispirarsi meglio considerare le lezioni apprese dalla campagna statunitense contro i cartelli dei narcos colombiani. 

Contraddistinta da combattimenti, attacchi e uccisioni mirate dei capi-cosca, mica un’operazione umanitaria, di soccorso o di bla-bla-bla.

L’operazione UE  (si chiamerà Eunavfor Med?), a guida italiana,  verrà inoltre varata solo dopo la fine giugno, come ha anticipato la Mogherini facendo un bel regalo ai trafficanti, consapevoli che avranno ancora un mese e mezzo per agire indisturbati. 

Infatti poche ore dopo le prole di Madame PESC sono salpati dalla Libia barconi con 1.300 clandestini a bordo subito soccorsi anche da navi britanniche e tedesche che li hanno sbarcati in Italia.

L’unica soluzione rapida, efficace e senza vittime sono i respingimenti assistiti accompagnati da una legge (meglio se europea) che precisi che nessuno potrà mai ottenere asilo o permessi di soggiorno in Europa se avrà cercato di raggiungerla pagando i trafficanti.

Se venisse attuata crollerebbe in poche settimane il business dei trafficanti ma anche quello generato in Italia dall’emergenza immigrati. 

Un giro d’affari che anche i militari hanno forse qualche interesse a prolungare grazie alle missioni finanziate ad hoc dallo Stato, specie ora con i bilanci della Difesa ridotti all’osso

Un’operazione di respingimento assistito risolverebbe la crisi in un mese perché nessuno pagherebbe più gli scafisti per ritrovarsi in Libia. 

L’operazione “svuota l’Africa” invece non avrà mai fine.