Showing posts with label DOSSIER ARTIC SEA. Show all posts
Showing posts with label DOSSIER ARTIC SEA. Show all posts

Sunday, September 20

ARTIC SEA: COME PREVISTO.

La Casa Bianca ha annunciato ufficialmente che martedì prossimo il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, avrà un incontro trilaterale con il primo ministro israeliano, Benjamin Nethanyau e il presidente dell'Autorità palestinese, Mahmud Abbas (Abu Mazen), nell'ambito del tentativo di rilanciare il processo di pace in Medio Oriente.

Lo ha comunicato a Washington il portavoce della Casa Bianca, Robert Giibbs, precisando che l'incontro trilaterale sarà preceduto da incontri bilaterali che Obama avrà con entrambi i leader. «Questi incontri - ha precisato la Casa Bianca - intendono proseguire gli sforzi del presidente Obama, del segretario di Stato Hillary Clinton e dell'inviato speciale per il Medio Oriente, George Mitchell, a definire un lavoro di base per il rilancio dei negoziati in modo da creare un contesto positivo per trattative che possano avere successo».

L'annuncio fa seguito alla missione in Medio Oriente di Mitchell, appena rientrato a Washington senza essere riuscito a convincere i dirigenti israeliani a fare qualche concessione sulla controversa questione degli insediamenti ebraici nei Territori palestinesi. Gli Usa insistono sulla necessità di un congelamento del programma per venire incontro alle richieste dei palestinesi.

La conferma. Israeliani e palestinesi hanno confermato la partecipazione: con impeccabile cortesia diplomatica la presidenza del consiglio di Gerusalemme; con accenti diversi la parte palestinese. «Si tratterà di un incontro formale, che si terrà perchè non abbiamo voluto deludere l'amministrazione americano che ne ha chiesto la tenuta» ha detto infatti un alto responsabile palestinese a Ramallah, mentre il principale negoziatore palestinese è stato più caldo: «Noi speriamo che questo incontro - ha detto Saeb Erakat - possa essere per il presidente Obama l'occasione di ascoltare i rispettivi punti di vista e capire cos'è che blocca i negoziati. Secondo noi è Israele che li blocca perchè rifiuta di eseguire gli impegni previsti nella “roadmap”». Diverso ancora il commento di Hamas, che governa sulla striscia di Gaza. «Nessuno, neppure l'Olp, ha il mandato per accettare un accordo che rimetta in discussione i diritti dei palestinesi», ha affermato il capo del governo autoproclamato Ismail Haniyeh.

Netanyahu non lo ha escluso ma ha precisato che lo stop non potrà in ogni caso interessare Gerusalemme Est nè i 42 mila progetti di unità abitative già approvati o in via di realizzazione.

Friday, September 18

“Arctic Sea” comes to Canaries as investigation wrapped up.

The notorious cargo-ship “Arctic Sea” that caught the world's attention this summer after being hijacked in the Baltic Sea and going missing for three weeks is expected to dock at La Porta de Palmas in the Canaries.
Authorities at La Porta de Palmas are preparing for the ship’s arrival in short order, but they still cannot give permission for the ship to pull into port.
They are still waiting for the “Arctic Sea” to get in touch with the port management and to get authorization. It will be issued by the Spanish Ministry of Foreign Affairs. And up until now, the ship has not been in touch with the port authorities.

Russian investigators have completed their work onboard the ship. The probe was done together with Maltese police and navy officers, since the vessel was sailing under a Maltese flag.
“At this point the Investigative Committee has finished its work on board the ‘Arctic Sea,’” said Vladimir Markin, a spokesman for the prosecution’s Investigative Committee.
“This work was conducted together with the Maltese police and maritime authorities. On September 17 the freighter will be handed to its owner [the Malta-based company Arctic Sea Ltd.] or the Maltese government.”
And though the Russian prosecutor may be satisfied with the investigation, many others are not. Lawyers representing the alleged pirates say the Russian government has violated international maritime law in its handling of the “Arctic Sea’ saga.
Lawyers for the eight men accused of hijacking the “Arctic Sea” freighter as it passed through the Baltic Sea told reporters Wednesday that their clients are peaceful seamen. None of the accused has admitted guilt. The lawyers also stated their intention to come on board the freighter with the investigation. However, no official response has been given to their announcement, as Russian law does not require that lawyers be invited onboard for inspection.
The defenders say that their clients – one Estonian, two Russians and one Latvian citizen among them – climbed onto the ship off Sweden because their inflatable rubber boat was damaged and they needed help.
Egons Rusanovs, a lawyer at Rusanovs and Partners, says “Russia has no relation to the current preliminary investigation into this case. This fact contradicts concrete norms of international law, in particular, the convention on maritime law adopted in 1982. This case should be under jurisdiction of either Malta or Sweden,” insists the lawyer.
Questioning Russia’s right to investigate in the first place, lawyers also say the suspects are being held illegally.
Dmitry Pronin, a lawyer who represents detained Latvian citizen Vitalij Lepin, believes that “this arrest is illegal and it’s without ground, because in accordance with the Russian Criminal Code, the type of punishment should be decided within 48 hours after the factual detention. In this case it took four days to specify the preventive punishment.”
Russian authorities continue to defend their actions.
“Let me repeat once again: The Russian Federation and the investigative committee were strictly following international and maritime law,” Markin said.
Complicating matters, Viktor Matveyev, the director of the company that operates the “Arctic Sea,” announced that the company was bankrupt in large part due to the mishandling of the situation by the Russian government. In a statement Matveyev said, "Money needs to be found to continue using the vessel, to bring it back to proper working condition, to provide it with everything necessary, as well as to pay back our creditors."
Over the next couple of days, Spanish, Maltese and Russian officials are planning to work out arrangements for the ship’s transfer, but there is no official word as to when that will take place. In the meantime, one thing is clear: The mystery and intrigue that surrounded the ship initially will only continue when other institutions begin their own investigations into the matter.
The saga has prompted wide speculation that the ship may have been carrying secret weapons or other contraband cargo. No proof of the claim was made public, and several officials have deemed the theories groundless.
On Wednesday RIA Novosti news agency reported that the wood the ship was supposed to be carrying according to its manifest was different from the one found onboard. Instead of redwood the vessel was carrying pine.
The “Arctic Sea” fell off the radar in late July after leaving a Finnish port for Algeria. Russian naval vessels intercepted the ship weeks later off Cape Verde after an intense international search.

Saturday, September 12

ARTIC SEA: SOTTOVALUTATO?

Una estate ludica, potrebbe essere la ragione del silenzio, dopo più di un mese dai stranoti fatti, da parte di Silendo.

Monday, September 7

ARTIC SEA: SUL CARGO MISSILI PER L'IRAN"!



COMMENTO: "UN MESE FA", QUANDO TANTI ERANO BEN LONTANI DAL CAPIRE COSA STESSE REALMENTE ACCADENDO, ADRIATICUS SCRISSE UN MEMORABILE POST: "FACCIAMO FINTA CHE.."  LEGGI.

Thursday, September 3

ARTICA SEA: "Secrets Force Maritime reporter into exile"?

03 September, 2009, 15:02

The strange story of the merchant vessel Arctic Sea took a new twist on Thursday, after some media reported that the man who drew public attention to the missing vessel had to flee Russia.

Mikhail Voitenko, chief editor of the “Maritime Bulletin – Sovfracht” news website, was reported to have fled in fear for his freedom after a tip from unnamed sources.

Interfax cites him as saying that “some powerful people after the events over the Arctic Sea would want to take revenge.” The sources warned that a criminal case against Voitenko was about to be launched and advised him to flee.

“Those who called me said they couldn’t stop the gears and advised me to keep away from Russia for three or four months,” the news agency cites him as saying.

Read more

Infox.ru news website adds that, according to Voitenko, the tip was to prevent further scandal over the Arctic Sea vessel. “If you end up in prison now, it would be a new scandal, which we do not need at all now,” cites the unnamed well-wishers.

After the warning Voitenko was said to flee to Turkey in a matter of hours.

Voitenko’s website confirms that he is now in Istanbul.

“I’d like to tell all those concerned with my well-being that I am on a working visit in Istanbul and am making several interesting reports there,” the statement posted on Thursday says.

It neither confirms nor denies reports of Voitenko’s fleeing from Russia.

Later in the day the website published an official denial signed by its press center. It said that the rumours of his exile have been caused by communication problems. They confirmed that he is in Istanbul on a working visit.

Earlier this week the website had technical difficulties. Two entries signed by Voitenko’s name hint at some incoming news and allege that the downtime of the site was due to a cyber attack.

Mikhail Voitenko himself was not available on the phone to comment on the news.

Voitenko was the first person to report on the strange attack on the vessel on August 8. Later, he gave regular updates on the vessel’s fate and was among the first to speculate that the hijack may have been connected with an illegal cargo onboard.

The story quickly drew international attention, as the ship was reported to have gone missing and Russian President Medvedev ordered the use of the Navy and other military forces to search for it.

Numerous theories have arisen over what kind of secret cargo the Arctic Sea was carrying, ranging from drugs to nuclear materials.


Friday, August 28

ARTIC SEA. Merkel: accelerare negoziati per pace in Medio oriente.

BERLINO - E' essenziale accelerare i negoziati tra Israele e palestinesi per la ripresa del processo di pace. Lo ha detto a Berlino la cancelliera tedesca, Angela Merkel, durante una conferenza stampa congiunta con il premier israeliano, Benjamin Netanyahu.
E' di importanza fondamentale, ha proseguito la cancelliera tedesca, fare progressi sul congelamento degli insediamenti israeliani per la ripresa del processo di pace in Medio Oriente.

Il premier israeliano, Benjamin Netanyahu, ha ribadito la sua richiesta, secondo cui i palestinesi devono riconoscere Israele come Stato ebraico. Questa, ha detto durante una conferenza stampa congiunta con la cancelliera tedesca Angela Merkel, è una condizione per arrivare all'obiettivo della soluzione di pace in Medio Oriente.

Il premier israeliano ha anche chiesto "sanzioni paralizzanti" contro l'Iran per impedire al Paese di dotarsi di armi nucleari.


Thursday, August 27

ARTIC SEA: IL MOSSAD E L'IRAN.

WASHINGTON - La misteriosa Arctic Sea è come la balena delle favole: nella sua pancia puoi trovare di tutto. Le autorità russe, dopo tante smentite, hanno affermato che il carico della nave «dirottata» in agosto poteva essere costituito «non solo dal legno finlandese» destinato all'Algeria. E dunque, ha aggiunto il capo della Commissione d'inchiesta Alexander Bastrykin, andremo fino in fondo per capire cosa sia realmente accaduto sulla nave sparita in Atlantico e ritrovata a metà d'agosto alle isole Capo Verde. «Entro dieci giorni avremo una risposta», assicurano gli inquirenti. Un tempo necessario per torchiare gli improbabili pirati e l'equipaggio. Quindi per esaminare a fondo la nave, una volta che sarà arrivata a Novorossiisk, sul Mar Nero. Infine per confezionare una verità accettabile. L'impressione è che non solo il cargo ma anche il Cremlino abbia qualcosa da nascondere. E, anche alla luce delle dichiarazioni di Bastrykin, l'ipotesi del «carico segreto» non è più una semplice speculazione. L'ultimo scenario nella saga del Baltico chiama in causa il Mossad. Fonti giornalistiche russe hanno sostenuto che i Servizi segreti israeliani avrebbero abbordato la nave in acque svedesi (24 luglio) per bloccare una fornitura di missili da crociera X-55 e anti-aerei 8300 all'Iran. Un blitz camuffato da atto di pirateria per stroncare un contrabbando che andava avanti da tempo. Un'azione alla James Bond seguita da una visita del presidente israeliano Peres a Mosca: l'incontro ufficiale sarebbe però servito per chiedere spiegazioni al Cremlino. La Arctic Sea avrebbe imbarcato le armi a Kaliningrad in giugno, un mese dopo ha raggiunto uno scalo finlandese per caricare una partita di legno, poi è salpata il 23 verso l'Algeria. Un'altra versione comparsa sulla Pravda indica, invece, come responsabile dell'operazione «una potenza occidentale» che avrebbe deciso di far emergere la storia per mettere in imbarazzo i russi. Mosca, a questo punto, avrebbe reagito «in modo isterico». Insistono le fonti locali, che Putin fece mobilitare la Flotta per arrivare alla Arctic Sea prima di altri e conoscerne il contenuto. Una mossa protetta da un fitto sbarramento di notizie false o confuse. Mosca ha ammesso di aver mentito per mischiare le carte. Comportamento giustificato fino al recupero dell'equipaggio, meno dopo l'arresto dei presunti corsari. Con la «liberazione» della nave e la cattura, senza sparare un colpo, di «otto pirati» si pensava infatti che il giallo avrebbe conosciuto l'epilogo. E invece si è arricchito di nuovi episodi. I russi, per prima cosa, hanno preso a rimorchio la Arctic Sea facendo rotta per il porto del Mar Nero dove arriveranno tra qualche giorno. L'equipaggio è rimasto sotto il controllo delle autorità: strano trattamento per delle vittime di un gesto di pirateria. Altre sorprese sono arrivate dai «corsari», trasferiti a Mosca. Quando le loro foto sono apparse, i familiari di Andrei Lunev, uno dei pirati, hanno avuto uno choc: «È incredibile. Pensavamo che fosse morto tre anni fa in un naufragio e invece è vivo». Non meno bizzarra la composizione della banda. Questa la prima lista fornita dagli investigatori: un lituano, un russo, uno spagnolo, tre apolidi e due con la nazionalità da accertare. Il «redivivo» Lunev si è professato «ecologista» ma quando gli hanno chiesto il nome della sua associazione ha replicato con un «non lo so». Un altro ha detto di essere un metalmeccanico, un terzo di aver fatto il pescatore. Diversi sfoggiavano tatuaggi sulle braccia e qualcuno ha pensato di poter decifrare tra i disegni i simboli di qualche gang mafiosa. Ma un esperto lo ha escluso: «È roba da marinai militari». Da Tallin hanno suggerito che almeno sei dei criminali fossero estoni, alcuni dei quali con gravi precedenti penali. Quanti fiutano aria di imbroglio hanno avanzato dubbi su chi sia il reale proprietario del mercantile battente bandiera maltese ma registrato da una compagnia russo-finlandese. «Sono loro i veri titolari o dietro ci sono i Servizi segreti russi, dice un osservatore americano sottolineando indiscrezioni, poi smentite, trapelate da Mosca. A questo punto non resta che attendere le conclusioni dell'inchiesta, ma con la convinzione che sentiremo parlare ancora molto della Arctic Sea. (Guido Olimpio)

COMMENTO:
IL 12/08/09 (NESSUNO AVEVA COMPRESO) QUESTO ERA IL MIO POST.
IL 13/08/09 (TUTTI VEDEVANO PIRATI) QUESTO ERA
IL MIO POST.
IL 19/08/09 (TUTTI ERANO A CAPOVERDE) QUESTO ERA
IL MIO POST.

A LATO DEL BLOG, IN "CATEGORIE" VEDI "ARTIC SEA"

Saturday, August 22

ARTIC SEA CARGO: "FUOCHINO"!

Scendono in campo anche i Servizi segreti russi dell'FSB (Federal’naja Služba Bezopasnosti) nelle ricerche della Arctic Sea, la nave con un carico di legname finlandese da oltre un milione di euro e un equipaggio di 15 marinai russi scomparsa nell'Atlantico il 28 luglio scorso. Un intrigo internazionale degno di un romanzo di John Le Carré.

Il misterioso carico della Arctic Sea - A lanciare la seconda ipotesi è Mikhail Voitenko, direttore dell'autorevole bollettino marittimo Sovrakht, che crede ad un carico "non criminale ma segreto", senza entrare nel dettaglio. "Non penso che siano stati dei pirati a prendere la nave, si sente piuttosto l'odore del coinvolgimento di qualche Stato. Forse qualcuno non voleva che il carico arrivasse a destinazione", sostiene.

E' stato lui oggi a divulgare la notizia che la fregata Ladny, una della quattro navi da guerra russe che stanno dando la caccia al cargo con due sommergibili nucleari, si era lanciata nell'inseguimento di una nave simile a quella scomparsa. Ma successivamente la Marina militare russa lo ha smentito: "questa informazione è basata sul punto di vista personale di un privato e non è vera", ha commentato un portavoce.

Resta il fatto che Mosca abbia sguinzagliato una flotta da guerra e messo in campo l'FSB, che ad Arkangelsk ha visitato gli uffici dell'armatore, la compagnia finlandese Solchart. Il direttore della società, Viktor Matveyev, afferma che é un atto di pirateria: "Se è pirateria, allora si tratta del primo caso nella storia recente della pirateria in queste acque". Le acque sono quelle baltiche della Svezia, "uno dei Paesi più tranquilli d'Europa", sottolinea Voitenko per contestare la tesi di un atto di pirateria.

Qui, l'Artic Sea, il 24 luglio, è stato assaltato da un gruppo di uomini mascherati che si sono spacciati per poliziotti antidroga, ma Stoccolma ha escluso qualsiasi coinvolgimento delle proprie forze di sicurezza.

Il mistero resta sul suo carico (qualcuno ha ipotizzato droga o armi) e sul perché nessuno è intervenuto dopo la segnalazione dell'assalto del 24 luglio.

(Pubblicato da: Russia-Italia)

ARTIC SEA CARGO: "INCURSORI A BORDO".

MOSCA (Reuters) - Le autorità russe oggi hanno portato a Mosca i presunti dirottatori del mercantile Arctic Sea per interrogarli, smentendo l'ipotesi che la nave trasportasse armi.

La Marina russa ha seguito la nave nell'Atlantico dopo quello che Mosca ha definito un atto di pirateria, e l'ha raggiunta al largo delle Isole di Capo Verde lunedì mattina, liberando i 15 russi dell'equipaggio.

La mole di dettagli contrastanti sulla presunta sparizione della nave il mese scorso ha alimentato l'idea che sia stata presa di mira perché trasportava un carico segreto di armi, o addirittura di materiali nucleari.

I presunti pirati - estoni, lettoni e russi - sono stati portati alla base aerea militare russa di Chkalovsky da Capo Verde su un aereo militare Ilyushin-76, poi sono stati condotti nel carcere di massima sicurezza di Lefortovo.

"Gli otto uomini... sono sati consegnati alla principale unità investigativa della Procura", ha detto il ministro della Difesa Anatoly Serdyukov al presidente Dmitry Medvedev, secondo quanto riferito dalla portavoce del Cremlino.

Altri due aerei hanno portato a Mosca gli investigatori e 11 dei 15 membri dell'equipaggio. Le famiglie non hanno voluto parlare coi giornalisti.

Gli altri quattro membri dell'equipaggio, compreso il capitano, sono rimasti sulla nave, che sarà rimorchiata - ha detto Serdyukov - fino al porto russo di Novorossiysk, sul Mar Nero, per "ulteriori misure investigative".

La Russia aveva detto che l'Arctic Sea era stato dirottato il 24 luglio al largo delle coste svedesi da otto uomini armati, che avrebbero costretto l'equipaggio a fare rotta per l'Africa coi sistemi di posizionamento spenti.

I dirottatori avevano minacciato di far saltare in aria la nave se non fossero state accolte le loro richieste di riscatto, ha detto il ministero della Difesa, anche se non è chiaro quanto avessero chiesto.

Esperti di questioni marittime sottolineano che la pirateria è estremamente rara nell'Europa settentrionale dal 17esimo secolo.

La Russia finora non ha fornito spiegazioni esaurienti sul perché i pirati abbiano preso di mira una nave con un carico di legname dal valore relativamente basso, e in una delle zone di mare dove la sicurezza è meglio garantita.

Ma l'inviato russo alla Nato, Dmitry Rogozin, ha smentito le voci di un carico segreto dopo che Tarmo Kouts, ex capo delle forze di difesa estoni, ha detto - come riportato dai media russi - che l'Arctic Sea potrebbe aver cercato di consegnare missili Cruise destinati all'Iran e assaltati da un Commando Incursore straniero.

"Invece di speculare sulla natura del carico trasportato dall'Arctic Sea e inventare storie diverse... bisognerebbe imparare delle lezioni importanti da questo caso", ha detto Rogozin, come riportato dall'agenzia Interfax, aggiungendo che le autorità europee "dovrebbero pensare alla necessità di affrontare questa minaccia (della pirateria)".

Wednesday, August 19

ARTIC SEA CARGO. LA POSTA IN GIOCO SARA' "LA PALESTINA".

Il presidente Medvedev rassicura l'israeliano Shimon Peres sui rapporti con l'Iran. Pochi minuti e il vicedirettore per l'esportazione di materiale bellico frena: "Se l'Iran vuole acquistare...

"MOSCA - Ore 15: Dmitry Medvedev, presidente russo dichiara di fronte a Shimon Peres, presidente israeliano in visita ufficiale, al termine del loro incontro a Soci, sul Mar Nero

che "Mosca non venderà armi a Teheran".

Medvedev: "Mai più armi a Teheran" Ma l'agenzia russa lo smentisce subito


Ore 15.10 circa: Alecsander Mikheiev, vicedirettore dell'agenzia pubblica russa per le esportazioni di armi, Rosoboronexport, alza il telefono, chiama un po' di agenzie di stampa e detta: "Se l'Iran fosse interessato agli aerei da trasporto militari e agli aerei da combattimento, esamineremmo un'eventuale richiesta. Con l'Iran - ha aggiunto - abbiamo relazioni da molto tempo, in particolare con la sua industria aeronautica".

"Il presidente russo ha fatto una promessa chiara - ha tuttavia ribadito Peres durante una conferenza stampa - la Russia non venderà armi che possano danneggiare l'equilibrio di potere in Medio Oriente".

Lo stesso Peres si è poi detto ottimista sulla possibilità di un incontro a tre tra il presidente degli Stati Uniti Barack Obama, il premier Benyamin Netanyahu e il presidente palestinese Mahmoud Abbas. "Le parti sono pronte per un dialogo vero - ha detto - Sono molto incoraggiato da quello che ho ascoltato".

Tuesday, August 18

ARTIC SEA: "Per spegnere un fuoco, bisogna circondarlo con uno più grande. Me lo insegnò un Grande Pompiere di Matera.


Si chiama in termine spionistico: " THERE'S NOT". Cioé, portare il branco dei cani della Regina, durante la caccia alla volpe, volutamente, nella pista sbagliata (a volte per "salvare" volpi più belle o gravide - dipende dall'importanza dell'ospite!).

Sempre, però, con una volpe
localizzata e senza vie d'uscita, braccata. Magari un pò più piccola e magra, ma abbastanza da essere: "dilaniata completamente".



Stesso giorno. Salta per aria una delle prime e delle più grandi centrali idroelettriche russe (degli anni "50) in Siberia.
Stesso giorno. Viene ritrovata a Capo Verde l'Artic Sea. Negata nei giorni precedenti, la sua presenza in quelle acque.

Ora tutti noi assisteremo -con noia- all'isterica corsa dietro la "pista dei cani
sbagliata". Ci convinceranno, suadentemente, "che tutto é il contrario di tutto" e non quello scritto il giorno prima.

Per arrivare al risultato che nessuno di noi più rifletta o ricordi "quella" caccia alla volpe.

Filtrando, abilmente, nelle nostre sub-coscienze che sulla sella del cavallo più bello, quello bianco, cavalcava:" la Regina d'Inghilterra".

___________________________________________________

Monday, August 17

ARTIC SEA CARGO:"COME PRENDERE PER IL CULO TUTTO IL PIANETA! E RIUSCIRCI"!!


Le Autorità russe hanno ritrovato al largo dell'arcipelago di Capo Verde la nave mercantile dell'Artic Sea scomparsa due settimane fa, i membri dell'equipaggio sono tutti vivi. Ne ha dato notizia oggi il ministro della ......................


ARTIC SEA CARGO: LA BONIFICA E' AVVENUTA DA PARTE DEI RUSSI. IL MOSSAD SORRIDE. LA CIA E L'NSA SGRIDATI. GLI ALTRI SERVIZI: ASSENTI INGIUSTIFICATI


Mosca - La "nave fantasma" Arctic Sea è stata ritrovata a circa trecento miglia nautiche da Capo Verde. L’equipaggio è già stato trasferito su un naviglio russo, ed è sotto interrogatorio.

Il ritrovamento del cargo Il ministro della Difesa russo, Anatoly Serdyukov, ha spiegato all’Interfax che i 15 uomini del mercatile scomparso dallo scorso 31 luglio sono stati trasferiti a bordo di un sottomarino russo a largo delle coste occidentali africane.

Secondo le agenzie russe, la nave è stata trovata a circa 480 chilometri a largo delle isole dell’arcipelago di Capo Verde. Ma Serdyukov non avrebbe dato per il momento alcun elemento per sciogliere il mistero della scomparsa del mercantile che trasportava legname. Le circostanze della sparizione avevano sollevato diverse ipotesi, tra cui la più plausibile sembre essere quella della pirateria. Secondo polizia di Helsinki per la restituzione della nave sarebbe stato richiesto un riscatto considerevole, che stando ai media russi si aggirerebbe intorno al milione di euro.

Le ultime notizie certe dell'Artic Sea, che viaggia con bandiera maltese, risalgono allo scorso 28 luglio, quando la nave entrò in contatto la guardia costiera britannica a Dover. Due giorni dopo fu avvistata al largo delle coste atlantiche della Francia, prima di far perdere le proprie tracce.