Showing posts with label ICSA ET PARTNERS. Show all posts
Showing posts with label ICSA ET PARTNERS. Show all posts

Monday, April 6

UNITED EUROPE WILL LOSING ITALIANS PEOPLE

Oil markets are facing a perfect storm. The scissors of supply and demand are moving against one another, generating increasing pain on the oil industry and the political and financial stability of oil-producing countries.

Global oil demand is dropping due to the recession induced by the COVID-19 shut down of economic activity and transport in the most industrialized countries. Goldman Sachs predicts that global demand could drop from 100 million barrels per day (mdb) in 2019 to nearly 80 mdb in 2020.[1] If confirmed, this would be single biggest demand shock since petroleum started its race to become the most important energy source in the world.

Meanwhile, global supply is increasing due to the “oil price war” triggered by the Saudi decision on 7 March to offer discounts and maximize production, increasing output to a record high of 12.3 mbd. The Saudi government had reacted to the refusal by Russia to contribute to a coordinated OPEC production cut of 1.5 mbd, thus shelving, for the moment, the OPEC Plus alliance than had been forged in 2016 precisely to prevent a continuous drop in oil prices

Figure 1 OPEC oil production and supply adjustments


Most analysts explain the ongoing Saudi-Russian oil war with their willingness to increase their respective market share to the detriment of US shale producers. A different, but authoritative interpretation of the Saudi strategy, comes from Bernard Haykel, a professor at Princeton University who is personally acquainted with Saudi crown-prince Mohammed bin Salman.

Professor Haykel maintains that the Saudi decision might actually be motivated by the long-term goal of maximizing oil rents while there still is a market for Saudi oil “because climate change has fueled a global push toward de-carbonization and renewable energy”.[2]

In the short-term, the Saudi leadership is probably seeking to bring Russia back in line with OPEC while at the same time punishing US shale producers which rely on higher oil prices for commercial viability. Yet, Riyadh is also pursuing a longer-term goal, which entails producing as much oil as possible for a world that will be less reliant on petroleum in the medium term.

There is an inherent contradiction between the two goals stated above and the need for Saudi Arabia to preserve a relatively high oil price in order to guarantee fiscal income for the state, thus providing adequate welfare to its citizens.

As a result of the twin supply and demand shocks, the price of US oil (West Texas Intermediate – WTI) has dropped below 20 dollars a barrel followed by wild oscillations. At this price, most US shale companies will not be profitable, (only 3 US shale companies have an average breakeven cost at 30 dollars), while certain qualities of US crude have been sold at negative prices.

The world’s most important crude benchmark (Brent), is below 30 dollars per barrel. With these prices, the political, social and economic turmoil already experienced by OPEC countries such as Venezuela, Libya, Algeria, Nigeria and Iran before the present crisis will become unbearable; while both Saudi Arabia (with a fiscal breakeven at 84 US dollars per barrel) and Russia (with its lower fiscal breakeven price at 48 US dollars) will face tremendous pressures.[3]

The present crisis holds numerous similarities with the oil “counter-shock” of 1985/86 (Figure 2).[4] At the time, global oil demand was declining due to the economic recession of the early 1980s, as well as to the introduction of efficiency measures and the shift to “alternative” energy sources (nuclear and natural gas) put in place by most OECD governments. Similarly to today, there was a problem of over-supply, due to the advent of new oil production, particularly from the British and Norwegian North Sea. Today, a large portion of new supply instead comes from the US shale industry, especially in the Permian Basin, that has increased US production from 5 mbd in 2008 to more than 12 mbd in 2019, giving rise to the so-called “shale revolution”.


Like today, Saudi Arabia was fed up of being forced to continuously cut production to defend the OPEC price and, in the Autumn of 1985, decided to discipline non-OPEC producers by offering discounts and maximizing production. Oil prices fell to nearly 10 dollars a barrel as a result, having a terrible impact on oil producers. US “independent” producers faced bankruptcy, and the cycle of oil industry “mega-mergers” began. OPEC countries entered a phase of political and economic turmoil: Saddam Hussein’s ill-conceived gamble to revive a bankrupted Iraq by invading neighbouring Kuwait in 1990 was only the most evident consequence of the “counter-shock”.


The first novelty is that we might now have reached “peak oil demand” due to a combination of cultural, financial and political shifts in the largest industrialized countries, combined with the ever-increasing pressures for “deglobalization”, heightened by the recent shock from the global pandemic.[5] While the price “counter-shock” of 1985/86 led to a massive expansion of global oil consumption that fuelled the neoliberal globalization of the 1990 and 2000s (global oil consumption increased from 60 mbd in 1985 to 100 mbd in 2019), it is unlikely that the price shock of 2020 will bring global oil demand back beyond the peak of 100 mbd. This will be especially true if state investment plans to counteract the COVID-19 induced recession will be also oriented toward boosting “green” technologies and infrastructures.

The other novelty is that most OPEC countries, and crucially the two countries that played a key role for the creation of OPEC, Venezuela and Saudi Arabia, are for different reasons shifting from a “political approach” to oil production, to a prevailingly “commercial approach”. The Venezuelan government has essentially lost control over its oil industry – which has been effectively privatized and controlled by foreign, mostly Russian, companies. Saudi Arabia has taken the unprecedented step to market 1.5 per cent of its national oil company Saudi Aramco, and as a result now needs to consistently produce dividends for its shareholders, even if at the expense of Saudi state finances.

The spread of this “commercial approach” by OPEC national oil companies will not allow for significant structural production cuts in a competitive environment. Nor will it allow for strong international cooperation with a focus on preserving oil rents for OPEC governments and protecting the availability of the natural resources for future generations. National companies will be struggling to defend their market share, and will thus offer discounts to their customers and demand fiscal incentives from their governments.

The combined pressures from the new “peak demand” scenario, together with the weakening of OPEC due to the commercial orientation of national oil companies, will basically wipe out whatever was left of a “structure” of the oil market that has become increasingly unstable since the 1970s. The race to the bottom of oil prices will wreak economic havoc on most oil-producing countries and regions of the world, including on US states such as Texas (where the oil industry represents 10 per cent of the GDP and directly employs 360,000 workers), and on high-cost OECD oil producers such as Canada.

Since the 1970s, OPEC has been the only international organization that, with moderate success, has attempted to control production and stabilize prices. It cannot, and will not, continue doing so any longer. It will not accept to rein in production while the rest of the world simply strives to pump out as much oil and gas as possible, be this from shale formations, from tar sands or from below the Arctic, with utter lack of environmental concerns. Oil production cuts will either be shared and coordinated with other world producers, or they will simply not happen.

John Maynard Keynes had repeatedly warned about the need for global management to stabilize the price of commodities.[6] The only precedent for global negotiations on energy prices has been the Conference for International Economic Cooperation (CIEC) held in Paris from 1975 to 1977. At the time, a select group of 27 participants from the OECD, OPEC and the “less developed countries” tried to discuss energy prices and development issues in parallel. The danger stemmed from soaring oil prices and the widespread fear of “running out of oil”. The exercise ended in failure because of the unwillingness of OPEC, then at the peak of its power, to discuss prices without relevant concessions by industrialized countries.

This time is different. The risk and instability derive from peak oil demand, low prices and the need for stable prices in order to plan a speedy transition away from fossil fuels, while avoiding the political and economic collapse of oil-producing countries. A new “pro-rationing” effort must be undertaken at a global level, involving the US and other OECD members, OPEC and non-OPEC states such as Russia, Mexico and Brazil. Significantly, the “pro-rationing” conducted by the Texas Railroad Commission in the 1930s already served as the model for the founders of OPEC.

Whatever its format and however difficult it may be to change a “neoliberal” ideology that rules out state-led regulation of production, the time for a global dialogue on production levels and oil prices (and possibly on environments standards) has come. Deregulation of the energy market has to give way to a new era of regulation of the oil industry at both national and international levels.

The alternative will leave commercially-oriented oil companies, both national and international, free to engage in a destructive price war that will maximize environmental degradation and the squandering of natural resources. A destructive price-war will ultimately endanger decarbonization efforts (car-markers are already pressing governments to relax emissions standards), and will increase political and economic instability in OPEC countries, such as Saudi Arabia and Iran, that are key regional actors.

Giuliano Garavini teaches International History at Roma Tre University. He is the author of “The Rise and Fall of OPEC in the Twentieth Century” (Oxford University Press, 2019).

[1] Tsvetana Paraskova, “Goldman Sachs: Prepare for a Massive Oil Demand Shock”, in OilPrice.com, 26 March 2020, https://oilprice.com/Energy/Energy-General/Goldman-Sachs-Prepare-For-A-Massive-Oil-Demand-Shock.html.

[2] Bernard Haykel, “Saudi Arabia’s Radical New Oil Strategy”, in Project Syndicate, 23 March 2020, https://prosyn.org/LmBSCnq.

[3] Jack Farchy and Paul Wallace, “Petrostates Hammered by Oil Price Plunge and Pandemic’s Spread”, in Bloomberg, 28 March 2020, https://www.bloomberg.com/news/articles/2020-03-28/petrostates-hammered-by-oil-price-plunge-and-pandemic-s-spread.

[4] Duccio Basosi, Giuliano Garavini and Massimiliano Trentin (eds), Counter-Shock. The Oil Counter-Revolution of the 1980s, London/New York, IB Tauris, 2018.

[5] The debate on “peak demand” has been raging since 2018. See Spencer Dale and Bassam Fattouh, “Peak Oil Demand and Long-Run Oil Prices”, in OIES Energy Insights, No. 25 (January 2018), https://www.oxfordenergy.org/?p=30822.

[6] See Robert W. Dimand and Mary Ann Dimand, “J.M. Keynes on Buffer Stocks and Commodity Price Stabilization”, in John Cunningham Wood (ed.), John Maynard Keynes. Critical Assessments, Second Series, Vol. VIII, London/New York, Routledge, 1994, p. 87.

Monday, April 4

U.S.A, FRANCIA, INGHILTERRA: IL GRANDE SACCHEGGGIO

Qualche mese fa si è presentato alla Corte di Appello di Roma il delegato di uno studio legale a nome di un cliente che proprio non riusciva a venire di persona: l’avvocato generale dello Stato libico, almeno a credere alla versione del suo rappresentante. In quell’incontro, e altri successivi, il legale italiano non è mai riuscito a dimostrare veramente che dietro di sé c’era un’istituzione sovrana libica, ammesso che qualcosa del genere oggi esista davvero. 

Ma chi lo ha incaricato conosceva bene il Paese, perché aveva richieste precise. Voleva entrare in possesso di una villa di Roma e di un conto bancario appartenuti a Muammar Gheddafi, perché ora sarebbero proprietà della Libia. Quei beni non sono particolarmente preziosi, almeno rispetto al resto. Il conto di Gheddafi in una banca romana vale circa un milione e 290 mila euro, ma ne ha discusso comunque il Comitato di Sicurezza Finanziaria: la Farnesina, il ministero dell’Economia, la Banca d’Italia, la Guardia di Finanza, i Carabinieri, l’Agenzia delle Dogane. 

La decisione alla fine è stata negativa: resta tutto sotto sequestro dei tribunali italiani, su mandato della Corte Penale Internazionale dell’Aja. Quell’episodio non ha lasciato traccia. Tutti però sono consapevoli che anch’esso è la spia di una realtà più vasta e complessa, attorno alla quale si combatte una parte fondamentale della battaglia per la Libia. Si tratta di una partita sotterranea, visibile solo a pochi, ma capace di produrre ripercussioni ogni giorno sulla sponda Sud del Mediterraneo. 

È inevitabile che sia così, perché la villa e il conto di Gheddafi a Roma sono una goccia nell’oceano del patrimonio della Libia. Quelle risorse sono l’oggetto di una sorda battaglia fra chi vorrebbe usarle per alimentare la guerra civile e chi cerca di proteggerle per la futura ricostruzione del Paese, aiutato dai cinque Paesi più coinvolti: Italia, Francia, Gran Bretagna, Spagna e Stati Uniti. 

Le partecipazioni del fondo sovrano Libyan Investment Authority (LIA) oggi valgono almeno 150 miliardi di dollari, anche se da anni manca una contabilità ufficiale. La lista dei titoli nel portafoglio della Lia fu resa nota nel 2011 dal miliardario franco-tunisino Tarak Ben Ammar, quando durante la rivoluzione emerse che una sua società maltese era in affari con la Lia di Gheddafi e con Trefinance, una controllata lussemburghese della Fininvest. 

E quell’elenco è lunghissimo, perché il regime di Gheddafi è crollato prima di riuscire a smobilizzare le sue partecipazioni e da allora nessuno sembra averne il controllo: quel portafoglio fu prima congelato su mandato internazionale, poi scongelato nel 2012 e da allora nessuno sembra davvero disporne. Il fondo sovrano libico ha il 3,2% di Pearson, il gruppo proprietario del Financial Times e co-proprietario dell’ Economist, ha quote in società americane della Difesa come Halliburton o del petrolio come Chevron e Exxon Mobil. 

In Francia è presente in un altro gruppo della difesa-aerospazio come Lagardère. E in Italia ha quote in alcuni dei gruppi maggiori. Dell’Eni la Lia ha probabilmente ancora l’1%; di Unicredit la banca centrale libica ha il 2,92 ed è il quinto socio; di Finmeccanica, il gruppo della difesa controllato dal Tesoro di Roma, la Lia ha il 2,01%. 

Ci sono poi ovviamente società minori come il gruppo milanese di tecnologie delle telecomunicazioni Retelit, del quale la Società libica di Poste e Telecomunicazioni ha il 14,8% ed è il primo azionista. Della Juventus invece la quota libica è ormai diluita sotto al 2%. 

Poi c’è la Banca centrale libica, molto più ricca e liquida del fondo sovrano: dispone di conti per circa 100 miliardi di dollari, frutto di decenni di surplus petroliferi, e quel tesoro giace in decine di depositi bancari Italia, in Europa e negli Stati Uniti. Secondo osservatori vicini a questo dossier, la banca centrale di Tripoli ha conti aperti a Unicredit, Intesa Sanpaolo, Bnp Paribas, Société Générale, Credit Agricole, e poi a Londra alla Hsbc, a Barclays e al Lloyd; a Wall Street, resta un conto alla Bank of New York Mellon. 

Su tutte queste risorse la tensione è massima. Molte restano dormienti, al punto che a volte le imprese coinvolte non sanno a chi pagare i dividendi. Sparsi per tutto il Medio Oriente, un gruppo di economisti e uomini di affari libici compone il “consiglio” della banca centrale di Tripoli e amministra le riserve. Secondo negoziatori occidentali esse sono in gran parte congelate. Secondo fonti libiche la banca centrale ne usa però i proventi per permettere al Paese di importare cibo e medicine. Non ci sono prove che quei fondi vengano usati anche per l’acquisto di armi. Ma se per ipotesi a prendere controllo della Libia alla fine fossero davvero le forze della jihad, arriverà il momento in cui anch’esse reclameranno i propri averi alle banche di Wall Street, della City, di Parigi, o di Milano. Federico Fubini per “la Repubblica”. Francesco Battistini per il Corriere della Sera. 

Esplora il significato del termine: Che puzza di marcio. Il palazzo fascista della Banca nazionale libica, dietro il balcone da cui s’affacciò Mussolini, è chiuso da giorni. Si specchia nel grande stagno a forma di Libia che fece scavare Gheddafi, una melma nera piena di rifiuti e buona solo per trovarci i vermi da pesca. Le anatre sguazzano, i guardiani della Banca preparano esche: da Malta, la direzione generale ha chiuso i rubinetti e da tre settimane la grande cassaforte di Tripoli che tutti finanziava è un verminaio, a secco come lo stagno. 

Non arrivano più gli stipendi per le milizie, né gli assegni per le famiglie dei martiri, né il welfare di cibo e medicine che almeno faceva circolare un po’ d’economia. I prezzi sono impazziti, l’inflazione galoppa. Per questo il nuovo premier sbarcato dal gommone, Fayez Al Serraj, l’altro giorno ha voluto ricevere subito il governatore centrale atterrato dalla Valletta, Saddek Elkaber. Precedenza assoluta su politici e Militari. 

Perché di governatori della Banca ce n’è tre come le Libie, uno per Tripoli, uno per Tobruk, uno per il Sud, e invece non può esserci unità nazionale senza un’unica Banca centrale: «La priorità è la stabilità economica, ha detto Serraj, altrimenti non si va da nessuna parte». I soldi, prima dei soldati. Il mandato ONU è chiaro: nonostante il caos, la Libia è una delle più ricche economie africane e certe adesioni ai nuovi padroni di Tripoli sono irrinunciabili. 

Dopo la Banca nazionale, venerdì è toccato alla PFG (Petroleum Facilities Guard) che controlla l’oro nero all’Est: «Appoggiamo Serraj — hanno detto le guardie dei pozzi — e sblocchiamo i terminal». Ieri, l’OK più atteso: la potente NOC (National Oil Corporation) ha promesso sostegno e il suo presidente, Mustafa Sanalla, ha plaudito alla risoluzione ONU 2278 che vieta «strutture parallele nell’esportazione del petrolio libico». 

Era la minaccia più urgente, peraltro non ancora sventata: la nascita in Cirenaica d’una «NOC-Bengasi», una compagnia del greggio uguale e contraria a quella tripolina, che di fatto ucciderebbe in culla il neonato governo d’unità. «La credibilità di Serraj -spiega Mohammad Al Maghrabi, 70 anni, ex consigliere della Banca Centrale- non si giocherà sulla richiesta d’interventi militari. 

Combattere l’IS va bene a tutti: molto più difficile, far ripartire un Paese che non sa nemmeno quanto sia ricco». La storica LIA (Libyan Investment Authority) gestisce fin dai tempi di Gheddafi un patrimonio che nessuno sa quantificare: 70 miliardi di dollari fra Europa Unita (?), USA e Africa, forse di più, molti ancora congelati. 

I surplus petroliferi sono sparsi in nove grandi banche, gl’investimenti libici sono nei colossi di tutto il mondo, da Siemens ad Allianz, da Orange a Vivendi, da Bayer a Deutsche Telekom, passando per Exxon Mobil, Basf, Chevron, Halliburton, il Financial Times, resort turistici, interi quartieri nelle grandi capitali, intere regioni agricole in Egitto… Solo in Italia, basta ricordare le quote in Unicredit, Eni, Finmeccanica, Enel, Fca, Juventus. 

«Proteggere la Libia è proteggere la sua cassaforte», dice l’economista Al-Maghrabi, ma il problema è che se nessuno sa chi ne controllerà il petrolio, meno ancora può dire del fondo sovrano.I conti sono messi quasi peggio della sicurezza. La storica Lia gestisce fin dai tempi di Gheddafi un patrimonio che nessuno sa quantificare: 70 miliardi di dollari fra Europa, USA e Africa, forse di più, molti ancora congelati. 

I surplus petroliferi sono sparsi in nove grandi banche, gl’investimenti libici sono nei colossi di tutto il mondo, da Siemens ad Allianz, da Orange a Vivendi, da Bayer a Deutsche Telekom, passando per Exxon Mobil, Basf, Chevron, Halliburton, il Financial Times, resort turistici, interi quartieri nelle grandi capitali, intere regioni agricole in Egitto… Solo in Italia, basta ricordare le quote in Unicredit, ENI, Finmeccanica, Enel, FCA (Fiat), A.S. Juventus. 

«Proteggere la Libia è proteggere la sua cassaforte», dice l’economista Al -Maghrabi, ma il problema è che se nessuno sa chi ne controllerà il petrolio, meno ancora può dire del fondo sovrano. Il solito caos: i grandi gruppi si chiedono a chi pagare i dividendi perché non è chiaro chi comandi, buona parte di Tobruk rivendica il controllo LIA, l’Alta Corte inglese qualche giorno fa ha sospeso il giudizio aspettando di capire chi la spunti a Tripoli e l’orgoglio finora rifiutava che NOC -mentre si prevede di tornare a produrre 800mila barili al giorno, contro i 350mila attuali (sotto Gheddafi s’arrivava a un miliardo e 740mila barili) - finisse a un governo «venuto da fuori». 

Truffe e corruzione, ognuno ha da raccontare qualcosa del Grande Saccheggio di quest’era d’anarchia. L’altro giorno, Serraj ha ricevuto i sindaci dell’hinterland di Tripoli e uno, Jamal Al Sriny, che amministra i 400mila abitanti di Suk El Jumaa, dove atterrano gli aerei a Mitiga, l’ha guardato negli occhi: «Sono anni che il governo non mi paga nemmeno l’affitto dell’aeroporto. Non ho soldi per scuole, ospedali, niente. Mi darai una mano?». Bella domanda.

Tuesday, May 29

EU passports for sale in Latvia

Selling your passport may not make you rich, but for poor Latvian citizens, and especially “aliens”, it proves a reliable source of additional income. Claimed lost or stolen, the documents eventually end up with illegal immigrants.
­Latvia is a small Baltic country and was a republic of the former Soviet Union. Its living standards, however, would hardly make it Europe’s primary destination for immigration.

Yet Latvia is a member of the European Union, whose citizens enjoy the privilege of visa-free travel within the EU and many other countries. Even the so-called “aliens” can travel to Europe with their “alien passports”.

Hundreds of thousands of Latvia’s residents who carry “alien passports” are people who moved to live in the then-Soviet Republic of Latvia after 1945, or their descendants. Most are Russian nationals and they are officially considered aliens, lacking many basic human rights, such as the right to vote or work in many state organizations.

This is why Latvian passports are in such demand on the black market.

Every year, 12-15,000 Latvian passports are lost or stolen – an impressive figure for a tiny nation of about 2.2 million people. Some of them, indeed, disappear by pure accident. Other Latvians are known to have held national records with over a dozen passports “lost or stolen”.

The country’s police say that intentional “loss” is the majority of all such cases. A passport can be sold for 150-200 lati (US$250-350), while getting a replacement document would cost you only 50 lati. The final “customer” will pay from 600 to 2,000 lati for the remade ID.

Most of those who sell their passports to black-market dealers are well aware of the buyers’ intentions and do not claim the “loss” until their ID finds its way abroad.

“We have also found out that those members of [certain] ethnic groups, who have acquired permits to stay in Latvia or the EU, then themselves arrange ‘channels’ for illegal immigration,” a senior member of police, Guntis Pujats, explained.

“We once exposed an Egyptian who was thinking of bringing many other Egyptians to Latvia through Russia, and finally to make their way to France with fake travel documents,” he said.
Passports which once belonged to Latvian citizens and non-citizens have now spread all over the world. They have been tracked in Germany, Lithuania, France, Sweden, the UK, Iceland, as well as the US and Canada.

Wednesday, July 27

The Soros Fund currently holds onto around $1 billion from outside investors but will be returning it before 2012.

If you have a million dollars to throw towards marijuana legalization, you probably are doing pretty well off.
It shouldn’t come to a surprise then that, after practically bankrupting the UK and earning billions of dollars without flinching, George Soros is throwing in the towel in regards to the investment circuit.
Apparently Soros has had enough of the regulations that are making the money-making game not quite as fun anymore. Now he’s giving money back to investors.
Hedge fund magnate, philanthropist and old rich guy George Soros announced today that, from now on, he will only be managing money for his family and himself. The unexpected announcement marks the end of a nearly four decade career in investing that allows him to currently sit on around $25 billion.
In a letter from sons Jonathan and Robert Soros, both deputy chairmen of Soros Fund Management LLC, the brothers write that “An unfortunate consequence of these new circumstances is that we will no longer be able to manage assets for anyone other than a family client as defined under the regulations.”
The Soros family adds, “We wish to express our gratitude to those who chose to invest their capital with Soros Fund Management LLC over the last nearly 40 years. We trust that you have felt well rewarded for your decision over time.”
The Soros Fund currently holds onto around $1 billion from outside investors but will be returning it before 2012.
One billion might seem like a lot, but is only a fraction of what Soros is worth. In 1992 he bet against the British pound and made that much just through short selling sterling. He’s also contributed another $8 billion to various charities and organizations during the last 30 years. In 2010 he gave one million towards support of California's Proposition 19, aiming to legalize marijuana.
Under new regulations, hedge funds worth more than $150 million will have to report more information to the Securities and Exchange Commission and be subject to periodic inspections. The Soros sons respond to this by noting that, until now, they had relied “on other exemptions from registration which allowed outside shareholders whose interests aligned with those of the family investors to remain invested in Quantum,” referencing its trademark Quantum Endowment Fund. “As those other exemptions are no longer available under the new regulations, Soros Fund Management will now complete the transition to a family office that it began eleven years ago.”

Saturday, April 30

L'Italia bombarderà la Libia di Gheddafi.

La visita di venerdì a Roma di John Kerry (presidente della commissione esteri della Camera statunitense) latore di una lettera del presidente e la telefonata dello stesso Barack Obama lunedì sera hanno determinato la decisione di Silvio Berlusconi di «accogliere l'appello lanciato dalla Nato agli alleati e dare il via libera ad 'azioni mirate' su obiettivi libici». Non è chiaro quali argomenti siano stati utilizzati dall'Amministrazione statunitense ma devono essere stati molto efficaci se il governo italiano ha rovesciato improvvisamente le sue posizioni aderendo ai raid aerei contro le forze libiche.

Impossibile non sottolineare che solo fino a pochi giorni or sono lo stesso Berlusconi e i ministri Frattini e La Russa escludevano anche negli incontri internazionali un maggior ruolo italiano nel conflitto. Nelle ultime ore il ribaltamento di fronte è stato giustificato dalla Farnesina con le richieste dei ribelli libici e dalla Difesa con la pesante situazione umanitaria di Misurata e dalla volontà dell'Italia di non «sentirsi da meno degli altri Paesi che hanno voluto assistere i cittadini che sono sotto i colpi dell'esercito di Gheddafi» come ha detto il ministro della Difesa, Ignazio La Russa che si è affrettato a spiegare che non ci saranno «bombardamenti indiscriminati ma missioni con missili di precisione su obiettivi specifici» con l'obiettivo di «evitare ogni rischio di colpire la popolazione civile».

Al di là delle implicazioni politiche, con il no della Lega Nord che rischia di spaccare la maggioranza, sul piano strettamente militare la decisione del governo avrà un pesante impatto operativo e finanziario. Finora l'Italia ha fornito 12 aerei alla Coalizione (4 caccia Typhoon, 4 bombardieri "anti-radar" Tornado Ecr e 4 cacciabombardieri Harrier della Marina) impegnati in compiti di sorveglianza dello spazio aereo libico. L'avvio di operazioni di attacco coinvolgerà certamente gli Harrier ma probabilmente richiederà l'aumento dei jet assegnati alle operazioni di almeno 8 unità con 4 bombardieri Tornado IDS e altrettanti cacciabombardieri AMX Acol come quelli impiegati disarmati in Afghanistan.

In pratica raddoppieranno gli aerei italiani impegnati nelle operazioni e anche quelli di supporto e se dal 19 marzo a 24 aprile sono state effettuate circa 500 sortite per un totale di oltre 1.300 ore di volo (per un costo di oltre 45 milioni di euro solo per la componente aerea) è probabile che nel secondo mese di guerra questi dati raddoppieranno e con essi i costi. Le missioni di attacco al suolo contro depositi di munizioni, postazioni e mezzi dell'esercito di Gheddafi consumano munizioni di precisione quali bombe a guida laser o Gps (come le 900 Jdam e le 500 Small Diameter Bomb acquistate recentemente) del valore di qualche decina di migliaia di euro a esemplare o i missili Storm Shadow lanciabili dai Tornado che costano circa oltre 250 mila euro. Armi i cui consumi sono già più alti del previsto per britannici e francesi e che andranno messi in conto a una missione che al momento non ha ancora una copertura finanziaria garantita da un decreto ad hoc o da un'estensione del decreto che finanzia ogni sei mesi le missioni militari all'estero.

Al momento la guerra in Libia ricade finanziariamente sui già magri bilanci delle forze armate che quest'anno hanno subito un taglio del 18,2 per cento proprio alla vice "Esercizio". Di fatto Marina ed Aeronautica stanno dando fondo a riserve di carburante che dovevano coprire l'intero anno per non parlare dei costi del personale che tra indennità di missione e straordinari stanno superando ogni previsione di spesa messa a bilancio. Basti pensare che le cinque unità navali impegnate nelle operazioni di fronte alle coste libiche (portaerei Garibaldi, un caccia, una fregata, un rifornitore e una corvetta) costano ogni giorno circa 350 mila euro di spese vive.

I tempi per rendere operativi i jet italiani nei nuovi compiti di attacco sono brevi: 24 ore secondo la Difesa, 72 secondo il generale Leonardo Tricarico, ex capo di stato maggiore dell'Aeronautica e membro della Fondazione Icsa, per il quale il rischio di provocare danni collaterali è altissimo. "Le azioni mirate, dunque i bombardamenti, sono molto pericolosi, anche perché di obiettivi militari dopo oltre un mese di azioni alleate ne dovrebbero essere rimasti ben pochi''.

La Nato ha chiesto a tutti i partner di affiancare i jet dei sette Paesi che effettuano attacchi al suolo (Usa, Gran Bretagna, Francia, Danimarca, Belgio, Canada e Norvegia) per intensificare le incursioni contro i mezzi terrestri dell'esercito libico che schiera artiglierie e corazzati nei centri urbani per render più rischiose le incursioni aeree alleate mentre le truppe libiche si muovo generalmente si veicoli civili per non costituire un bersaglio.

Intelligence, spionaggio e tecniche di sicurezza nazionale? Si imparano tra i banchi dell'Universita'.

Le fondazioni Link Campus University e Icsa (Intelligence Culture and Strategic Analysis) hanno lanciato la settima edizione del "Master in intelligence e security". Il corso, presentato a Palazzo Marini, a Roma, dal sottosegretario agli esteri Enzo Scotti e dal deputato del Pd Marco Minniti, ex viceministro dell'Interno, si rivolge a tutti coloro che hanno interesse ad approfondire le metodologie d'intelligence nazionali ed internazionali e a conoscere da vicino la storia di una disciplina molto importante per la difesa degli interessi nazionali. Molto ampio il quadro delle materie d'insegnamento, con l'approfondimento delle metodologie di base dell'intelligence, i principi giuridici e costituzionali che disciplinano l'attivita' e le tecniche di controspionaggio. Il corso riserva, inoltre, ampio spazio all'attualita' con la presentazione di alcune "case history" di particolare rilevanza. Il master, che gli organizzatori hanno voluto dedicare a Francesco Cossiga - "il piu' importante 007 e forse il piu' abile della storia d'Italia", lo ha definito Enzo Scotti ricordando le parole di un giornalista - ha durata annuale ed e' aperto ad "addetti ai lavori" degli ordini militari e non.

Monday, February 15

ICSA: February 2010, Vol. 1, No. 1

News on the activities of ICSA


La Fondazione I.C.S.A. si pone l’obiettivo di analizzare i principali aspetti connessi alla sicurezza nazionale interna ed esterna, all’evoluzione dei modelli di difesa militare dalle minacce esterne, alla crescita dei principali fenomeni criminali e illegali in Italia e all’estero, alla sicurezza informatica e tecnologica dello Stato e dei cittadini, soprattutto in relazione al crescente dispiegarsi della globalizzazione economica, finanziaria e giuridica.

Sunday, November 22

ICSA: Un’altra fanese si mette in evidenza a Roma

Stefania Schiaroli infatti, fa parte dello staff della Fondazione ICSA, recentemente costituitasi, centro di elaborazione culturale, non politico, che intende trattare in modo innovativo i temi della sicurezza, della difesa e dell’intelligence.

La Fondazione si pone l’obiettivo di analizzare i principali aspetti connessi alla sicurezza nazionale interna ed esterna, all’evoluzione dei modelli di difesa militare dalle minacce esterne, alla crescita dei principali fenomeni criminali e illegali in Italia e all’estero, alla sicurezza informatica e tecnologica dello Stato e dei cittadini.

Del comitato scientifico fanno parte i massimi esperti a livello nazionale ed internazionale, quali il capo dell’antiterrorismo, l’ex Direttore del Sismi, l’ex procuratore nazionale antimafia.

Alla presentazione della nuova Fondazione hanno partecipato tra gli altri il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega ai servizi, Gianni Letta e il direttore del Dis, Gianni De Gennaro.

Il presidente onorario della Fondazione è l’emerito Presidente della Repubblica Francesco Cossiga mentre il presidente è Marco Minniti.

Stefania Schiaroli, dottoressa in psicologia, dopo aver approfondito altre esperienze nella capitale da tempo collabora con il presidente Minniti ed ora nella Fondazione Institute Cultural and Strategic Analisis primario strumento per la sicurezza dello Stato e dei cittadini.

V I D E O

Friday, November 20

FRANCESCO COSSIGA PRESIDENTE DELLA "FONDAZIONE" INTELLIGENCE CULTURE & STRATEGIC ANALYSIS

Sicurezza, nasce la Fondazione ICSA. La presentazione a Roma

Il tavolo di lavoro della fondazione Icsa
Il tavolo di lavoro della fondazione ICSA

Si occuperà dei temi della Difesa e dell'Intelligence. Presidente onorario dell'Intelligence Culture and Strategic Analysis è il senatore a vita Cossiga, il presidente è Marco Minniti. Il presidente emerito della Repubblica avverte: ''Se Fini continua così si va alle elezioni anticipate'' (VIDEO) 

#2    20 Novembre 2009 - 14:05