Showing posts with label INSABBIATURE. Show all posts
Showing posts with label INSABBIATURE. Show all posts

Wednesday, June 27

MACEDONIA AND ALBANIA? YES - MONTENEGRO? NO!

Macedonian and Albanian leaders on Wednesday 27 welcomed the decision by European ministers to give a conditional green light to their EU accession talks.

“There will be sweat, tears and many disappointments but we will succeed!” Macedonian Foreign Minister Nikola Dimitrov wrote on Facebook.

“Now we will climb a mountain road, narrow and steep, marred by rain and ghastly wind, but we will succeed,” he added.

Macedonia’s Prime Minister Zoran Zaev said it was great news for the country and offered a major “motivation” for achieving a “European Macedonia”.

After a long debate on Tuesday among the bloc's European affairs ministers, it was decided that Albania and Macedonia’s EU accession talks will start in June next year, dependent on certain conditions being fulfilled.

The unexpected outcome, despite broad EU support, showed French President Emmanuel Macron’s determination to postpone the decision until after European Parliament elections in May, for fear of stoking anti-immigrant sentiment, diplomats said.

It also puts a brake on the momentum Germany and EU chief executive Jean-Claude Juncker had sought in the Western Balkans to counter Russian influence by offering six countries a path to EU membership.

EU governments will “set out the path towards accession negotiations in June 2019” for Macedonia and Albania, according to a document agreed by the bloc’s 28 Europe ministers at what diplomats said was a long, fraught meeting in Luxembourg.

“It was a very difficult birth,” Germany’s EU minister Michael Roth said of the compromise decision.

Germany, Austria, Sweden, Slovakia and many other EU countries had hoped for an agreement on Tuesday that would give clear approval for membership talks to start. EU leaders were due to have signed off at a summit on Thursday in Brussels.

Albania, Bosnia, Kosovo, Macedonia, Montenegro and Serbia all hope to join the EU.

Membership talks are already underway with Serbia and Montenegro. Albania, which is NATO member, and Macedonia, which has reached an agreement to resolve a dispute over its name with Greece, had won the support of the European Commission, which recommended that membership talks be opened.

Even with the delay, Macedonia’s deputy prime minister for European Affairs, Bujar Osmani, said on Twitter his country was now “on the path to open the accession negotiations next June”.

Albanian Prime Minister Edi Rama also hailed the ministers’ decision “after 72 hours of stormy debate” as a victory. “The results of our huge reforms finally led even the sceptics to accept that Albania and Macedonia are ready to negotiate,” Rama tweeted in English.

However, opposition leader Lulzim Basha said Albania would be turned away in a year if it did not fight crime and corruption.

COUNTERING CORRUPTION
Macron, backed by the Netherlands, has said the bloc must first reform itself before taking on new members, although EU diplomats say Paris is mainly concerned about anti-immigrant sentiment at home.

The rushed accession of Romania and Bulgaria in 2007 and the poorly managed migration of eastern European workers to Britain, which turned many Britons against the European project, have made EU enlargement more difficult, officials say.

The Dutch parliament has approved opening EU membership talks with Macedonia after the agreement with Greece to change the country’s official name to Republic of North Macedonia. But the Dutch government was unwilling to move before France, diplomats said.

In their statement, EU ministers said both Albania and Macedonia needed to do more on judicial reforms, corruption and organised crime. Depending on progress next June and another report by the Commission, which oversees membership talks, EU governments could formally open negotiations by the end of next year.

Both countries have to show “a track record both in improving the rule of law and fighting organised crime”, Dutch Foreign Minister Stef Blok told reporters.

Many European countries, including Austria which will chair the EU rotating presidency from July, want to send a signal to Albania, Macedonia and other Western Balkan countries that the way to EU membership is still is open, especially as Macedonia looks set to be welcomed into the NATO alliance in July.Albanian PM Edi Rama said that "after 72 hours of stormy debate" the decision comes as a victory.

Albania and Macedonia hope the decision will clear the way for approval by EU leaders at a summit on June 28-29. EU enlargement commissioner Johannes Hahn said after the meeting that the decision was a “key signal to the region that progress is rewarded”.

While most of the EU's member states supported opening the accession talks immediately, France and the Netherlands opposed the move, saying they first wanted to see Macedonia and Albania sustain their reforms.

The two countries were given several key conditions to meet before starting the talks. They include judicial reforms, active investigations and verdicts in high-level corruption cases, reforms in the intelligence and security sectors and public administration reform.

Arguably the most important condition for Macedonia is the implementation of the recent ‘name’ deal with Greece, under which the country should change its name to the Republic of North Macedonia.

Tuesday, March 30

Tronchetti Provera è riuscito a mantenere lo status di semplice testimone.

Dietro le porte chiuse dell'udienza preliminare per il caso Telecom, si apre uno spiraglio su una vicenda in teoria coperta dal segreto di Stato: i rapporti tra la compagnia telefonica e il mondo dei Servizi segreti. A sollevarlo è l'uomo che fino all'esplosione dello scandalo dei dossier illegali sedeva al vertice di Telecom: Marco Tronchetti Provera.

Ma ora, difronte alle accuse dell'investigatore Emanuele Cipriani - secondo cui era perfettamente a conoscenza delle attività «coperte» dell'ufficio security diretto da Giuliano Tavaroli - Tronchetti è stato convocato per quattro volte a rispondere alle domande degli avvocati difensori: che quasi mai gli hanno riservato il «garbo istituzionale» che la Procura aveva dimostrato nei suoi confronti durante le indagini preliminari. E così, interrogatorio dopo interrogatorio, oggi Tronchetti Provera è arrivato a dover affrontare il tema che porta dritto dritto ai rapporti coperti dal segreto di Stato.

Perché è certo che Tavaroli abbia lavorato in quegli anni - non solo per Telecom ma anche per i nostri Servizi segreti, ai cui stava Marco Mancini, suo amico fraterno e testimone di nozze. Ma cosa abbia fatto davvero Tavaroli per il Sismi, e con quali contropartite, probabilmente non si saprà mai. Però oggi è Tronchetti Provera a parlare dell'uomo che all'interno del governo rappresenta la massima autoritàin materia di intelligence: Gianni Letta, sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega ai servizi segreti.

Tronchetti parla per tré volte di Letta, in aula. La prima è quando racconta di avere parlato con il sottosegretario dei dossier che la Kroll - potente agenzia investigativa americana - aveva raccolto contro Telecom e contro di lui (Tronchetti) medesimo. La seconda è quando riferisce di avere chiesto lumi a Letta su come comportarsi quando, nel maggio del 2005, Tavaroli fu raggiunto dal primo avviso di garanzia. La terza, ed è la più singolare, risale al luglio 2005. Tavaroli è stato costretto a dimettersi da Telecom ma «poiché non c'erano evidenza di reati e si tratta di una persona con cinque figli, era stato assunto da Pirelli Romania».

Ma mentre Tavaroli è a Bucarest scoppiano le bombe sul metrò e sui bus di Londra.Tronchetti scopre di non avere vicino un manager in grado di tutelare l'azienda sul fronte dell'analisi e della prevenzione antiterrorismo. E va a chiedere consiglio a Gianni Letta. Non è chiaro, nella versione di Tronchetti, chi dei due avanzi per primo l'idea di richiamare in servizio «Tavola» (come lo chiamavano ai tempi dell'Anna). In ogni caso, va a finire che «Letta mi disse che Tavaroli era una persona importante, perché era stato nei Ros dei carabinieri, cosa che io non sapevo. Mi disse anche che visto il momento di tensioni era possibile che Tavaroli non avesse colpe e la sua situazione (cioè l'inchiesta a suo carico) fosse conseguenza di tensioni tra i servizi segreti». Possibile? Possibile che Tronchetti non conoscesse da dove arrivava l'uomo che si occupava della security fin dai tempi di Pirelli?

Possibile che dovesse andare a chiedere al governo lumi su una indagine che aveva già visto i Carabinieri perquisire gli uffici di Telecom? La sensazione è che davanti alle domande dei difensori Tronchetti si sia reso conto di trovarsi su un terreno scivoloso, e che abbia cercato di cavarsi d'impaccio in qualche modo, ma in questo modo abbia finito con entrare in rotta di incrocio con la autoritàpolitica. Sicuramente è inconsueto che temi così rilevanti non siano stati toccati nel corso delle indagini della Procura, ed emergano solo ora per iniziativa delle difese.

E la Procura, anche ieri, ha cercato di risparmiare imbarazzi al presidente di Pirelli, cercando di opporsi a due domande sulle incursioni nei computer del Corriere della sera. Ma il giudice Mariolina Panasiti respinge l'opposizione, ritenendo che anche di quella oscura vicenda si debba parlare per capire chi ordinasse davvero le imprese del Tiger Team, la squadra di hacker Telecom guidata da Fabio Ghioni.

Thursday, March 11

COLD CASE: Emanuela Orlandi.

C'è una svolta nel mistero della scomparsa di Emanuela Orlandi: Sergio Virtù, 49 anni, l'uomo ritenuto dagli inquirenti l'autista di Renatino De Pedis, il boss della banda della Magliana, è indagato per la morte della cittadina vaticana scomparsa il 22 giugno del 1983. Sergio Virtù, rinchiuso nel carcere di Regina Coeli per un'altra vicenda, è stato interrogato ieri per oltre due ore dal procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo, dal sostituto Simona Maisto, e dal capo della mobile Vittorio Rizzi. Le accuse sono di omicidio volontario aggravato e sequestro di persona. A fare il nome di Sergio Virtù sono state Fabiola Moretti, pentita della banda della Magliana, e Sabrina Minardi, ex compagna di De Pedis.

Le donne hanno indicato l'uomo come una persona che non faceva parte della banda, ma che è stato legato a Renatino tra il 1982 e il 1983. È stata Sabrina Minardi a raccontare agli inquirenti che Virtù sarebbe stato l'autista del boss della Magliana e in particolare a collegarlo alla scomparsa della Orlandi. La donna ha detto di aver visto Emanuela Orlandi allaghetto dell'Eur, nell'immediatezza del sequestro. Con la ragazzina, che aveva 15 anni, ci sarebbe stato appunto Sergio, uomo di fiducia di Renatino De Pedis. La donna ha sostenuto di aver guidato un'auto, con accanto proprio De Pedis, seguito dalla vettura di Sergio che; aveva con sé Emanuela.

E ha raccontato anche di un altro incontro in un bar al Gianicolo, dove Virtù è arrivato con la sua Bmw, «color cipolla», e avrebbe consegnato Emanuela Orlandi a Daniela Mobile, amica di Danilo Abbruciati, altro boss della banda della Magliana e consegnata a un sacerdote. Contro l'uomo ci sono anche le dichiarazioni di un'altra donna, una sua ex convivente, con cui ha intrecciato e poi concluso una relazione in tempi recentissimi. A lei avrebbe confidato genericamente di aver avuto un ruolo nella scomparsa della Orlandi e per questo di aver ricevuto molti soldi.

Davanti agli inquirenti Virtù ha però negato ogni cosa: «non ho mai conosciuto De Pedis - ha detto - e non ho partecipato al sequestro della 15enne cittadina vaticana». L'uomo ha solo ammesso si aver conosciuto Claudio Sicilia, detto "er vesuviano", considerato dagli inquirenti l'anello di congiunzione tra la camorra e la banda della Magliana, salvo poi diventare collaboratore di giustizia e per questo venne ucciso nel 1991 a Tor Marancia.

Sergio virtù fa il commerciante, negli anni scorsi è stato condannato due volte in primo grado a otto, e nove anni di reclusione ciascuno in quanto coinvolto in processi per truffe e fallimenti che vedevano coinvolti, «colletti bianchi». Pene non passate in giudicato e in relazione alle quali si è in attesa del processo d'appello. Sergio Virtù era finito in carcere su richiesta dalla Procura Generale presso la Corte d'Appello sulla base del convincimento che stesse per scappare all'estero, evitando così di scontare queste condanne e le indagini della squadra Mobile sul caso di Emanuela Orlandi.

Saturday, February 13

BNL-ATLANTA USA: "TO WHOM CONCERNE"

Ma come mai, dopo oltre due anni e mezzo, i giudici americani hanno deciso di mettere le manette a Drogoul? 

 E' finito in manette Chris Drogoul, il protagonista principale del crack della filiale di Atlanta della Bnl. L' uomo che dal 1985 al 1989 diresse magistralmente una complessa operazione di finanziamenti all' Irak di Saddam Hussein, esponendo la banca italiana per circa 4.000 miliardi con Bagdad. L' ex direttore della filiale americana della Bnl è stato arrestato lunedì sera in tribunale, dopo che la Corte distrettuale di Atlanta gli ha revocato la libertà condizionata di cui beneficiava da oltre due anni e mezzo. Un imputato ' a rischio' La Corte, presieduta dal giudice Marvin Shobb, ha infatti accolto un ricorso avanzato dal pubblico ministero, il quale temeva che Drogoul potesse abbandonare gli Stati Uniti prima dell' inizio, previsto per il 2 giugno, del processo a suo carico. Secondo il pubblico ministero, infatti, Drogoul, che già non si è presentato ad un' audizione il 15 aprile, è un "imputato a rischio" perchè, dopo che cinque ex dipendenti di Atlanta si sono dichiarati colpevoli e hanno annunciato che testimonieranno contro di lui, potrebbe decidere di "darsi alla macchia". Del resto, ha aggiunto il pubblico ministero, Drogoul, sul quale pendono ben 347 capi d' imputazione, ha tutti i mezzi per poter lasciare clandestinamente gli Stati Uniti, anche se gli è stato sequestrato il passaporto: "Alcuni milioni di dollari generati dallo schema illegale dei prestiti concessi all' Irak -ha infatti spiegato- sono controllati dal padre di Drogoul, Pierre, e da un co- imputato" e quindi per lui i soldi per un' eventuale fuga non sono certo un problema. L' ex direttore di Atlanta è pertanto tornato in galera. C' era già stato nell' autunno dell' 89, ma vi uscì dopo pochissimi giorni dietro il pagamento di una cauzione di 100.000 dollari. Secondo alcuni l' arresto del banchiere è legato alle trattative in corso tra lo stesso Drogoul e i giudici per arrivare ad un patteggiamento. In questo modo, infatti, potrebbe essere evitato un processo che potrebbe portare sgradite sorprese all' Amministrazione repubblicana di George Bush proprio in coincidenza con il rush finale per le elezioni presidenziali. Le indagini svolte dal Congresso americano e dalla commissione d' inchiesta del Parlamento italiano, del resto, hanno messo in luce l' esistenza di un vero e proprio piano di aiuti all' Irak che aveva come braccio finanziario la filiale della Bnl di Atlanta. Molti paesi occidentali e in particolare gli Stati Uniti di Ronald Reagan, vedevano negli anni' 80 il rais di Bagdad, Saddam Hussein, come un utile baluardo contro l' Iran khomeinista e quindi hanno finanziato e sostenuto in tutti i modi l' Irak durante la guerra con gli iraniani, nonostante l' embargo decretato ufficialmente. Gli Usa misero in piedi un programma di aiuti alimentari a Bagdad, che fece arrivare in Irak merce e soldi per un controvalore di 5 miliardi di dollari, garantiti dalla Credit Commodity Corporation (Ccc), la Sace Usa. E La Bnl di Atlanta, da sola, utilizzò il 25% di questi soldi, grazie a degli accordi che l' abile Drogoul aveva stipulato con Bagdad. Ma a Saddam questa cifra non poteva bastare. E quindi, a partire dall' 87 la Central Bank of Irak e la Rafidain Bank stipularono quattro accordi "segreti" con Atlanta, in virtù dei quali Drogoul ha concesso agli iracheni prestiti per 2 miliardi 155 milioni di dollari a tassi particolarmente favorevoli. Armi nucleari e convenzionali E questa volta, oltre a beni alimentari (molti dei quali peraltro potevano essere utilizzati anche per fini bellici) Saddam sfruttò soldi e i materiali ottenuti da ditte di tutto il mondo per produrre in proprio armi convenzionali chimiche o, peggio ancora, nucleari, passando per il "Supercannone". Armi che poi furono puntate contro la forza multinazionale durante la Guerra del Golfo. Secondo il democratico Henry Gonzalez, presidente della commissione bancaria della Camera Usa, molti esponenti di spicco delle Amministrazioni repubblicane, guidate prima da Reagan e oggi da Bush, hanno favorito il riarmo di Saddam. Tra questi Gonzalez ha chiamato in causa anche il segretario di Stato James Baker. - di FABIO MASSIMO SIGNORETTI

Saturday, January 16

ANTONIO DI PIETRO: «Dicono che sono stato pagato dalla CIA per Mani pulite e che ho soldi negli Usa e in Nuova Zelanda» «Girano fotografìe che mi ritraggono con Contrada, Mori e agenti segreti».

Ironia della sorte, esattamente a dieci anni dalla morte in esilio di Bettino Crari, Antonio Di Pietro, grande. accusatore dell'ex-segretario socialista, ha paura. Perché, abituato a fare il cacciatore, si trova a disagio nei panni del braccato. Lo scrive in una lettera pubblicata sul suo sito nella quale svela che circola, nei palazzi della politica e nelle redazioni dei giornali, un dossier su di lui.

Il leader dell'Italia dei valori dice di conoscerne il contenuto: dodici fotografie che lo ritraggono, all'epoca di Mani pulite, insieme a uomini dei Servizi segreti italiani e stranieri oltre che a due volti noti degli intrecci politico-giudiziari di quegli anni: Bruno Contrada allora questore di Palermo, poi ufficiale dei Servizi (arrestato e condannato con infamanti accuse di collusioni con Cosa Nostra), e il colonnello Mori, il comandante dei ROS (Reparto Operativo Speciale) dei Carabinieri che eseguì tra gli altri anche l'arresto del capo della mafia Totò Riina) pure lui finito poi nei guai giudiziari.

Di Pietro va oltre, e anticipa che da questo dossier potrebbe emergere, falsamente, che lui era pilotato dalla CIA (Servizi segreti americani), che entrò in contatto con la mafia nella stagione dei veleni e delle stragi, che qualcuno lo pagò per fare la sua parte nella decapitazione della Prima Repubblica versandogli somme di denaro in banche americane e neozelandesi. In quelle carte e in quelle foto che circolano clandestinamente si troverebbero insomma indizi che se non smontati dimostrerebbero come Mani pulite fosse un complotto internazionale e come Di Pietro non fosse il magistrato senza paura e senza macchia che ha voluto farci credere. Ce ne sarebbe abbastanza per riscrivere la trama, e i giudizi, degli ultimi vent'anni di storia italiana. Sull'esistenza di tutto questo materiale e sul suo contenuto ci fidiamo delle parole dell'ex pm.

Se lo dice lui vuole dire che è vero. Del resto lo stesso Di Pietro scrive che quelle fotografie potrebbero anche essere autentìche: «Magari, ma a vent'anni di distanza non ricordo tutte le circostanze sarà pure capitato - si legge nella lettera che nelle pause di lavoro mi sia fermato a mangiare o a bere un caffè con loro... Che male c'è, non potevo certo sapere dei guai che sarebbero loro capitati anni dopo». Ora, a parte che è strano che uno non ricordi con certezza se ha mai incontrato due degli investigatori più famosi e discussi d'Italia (Contrada e Mori), a parte che fino a ieri ha sempre negato di averlo fatto (lo disse anche a proposito di Ciancimino ma fa sbugiardato in diretta tv), non si capisce, se tutto è così normale e coerente con la storia ufficiale, perché uno senta il bisogno di urlare al complotto. Se si tratta di semplici e innocue foto ricordo dovrebbe attivarsi per recuperarle e archiviarle nell'album di famiglia. C'è qualche cosa che non torna nella mossa a sorpresa di Di Pietro.

Questo mettere le mani avanti rispetto a una notìzia di cui nulla si sapeva e che probabilmente non sarebbe mai stata pubblicata crea più sospetto che solidarietà. Anticipare addirittura la linea difensiva sa più di paura che di trasparenza. Lui dice che poteva non sapere chi erano o sarebbero diventati i signori che incontrava tra un arresto e l'altro. Strano, detto da uno che ha indagato e incarcerato decine di persone solo perché «non potevano non sapere», e che si accoppia a persone, come Travaglio, che aprono un processo mediatico contro il presidente del Senato, Renato Schifarli, perché da giovane avvocato assisteva a Palermo personaggi che anni dopo si scopriranno essere mafiosi.

Il dipietrismo ci ha abituato alla doppia morale. L'immunità parlamentare che lui si tiene ben stretta come eurodeputato è uno scandalo se a chiederla è Silvio Berlusconi; la chiarezza assoluta nell'utilizzo dei finanziamenti ai partiti non vale per l'Italia dei valori, e via dicendo. Ma questo non basta a capire che cosa sta succedendo. E non basterà fino a che Antonio Di Pietro non racconterà al Paese la verità, tutta la verità e niente altro che la verità su tré fatti che lo riguardano.

Il primo: come ha fatto un giovane poliziotto della bergamasca a laurearsi tanto rapidamente e a diventare magistrato?
Il secondo: come ha fatto un inesperto pm a diventare improvvisamente il più bravo e importante della storia delPaese?!!
Il terzo: come mai, all'apice del successo e del potere, abbandonò la toga per buttarsi in politica?
So che lui ha già risposto a queste domande.
Riassumo in sintesi: sono bravo. Rispondo in sintesi: è vero, ma noi non siamo fessi. La storia di Mani pulite è ancora avvolta nel mistero e piena di buchi neri. E la reazione di Di Pietro al presunto dossier che potrebbe aprire uno squarcio nell'omertà di questi anni ha il sapore della «excusatio non petita, accusatio manifesta». Restiamo garantisti, ma anche curiosi di capirne di più, come dice Santoro quando i killer della mafia accusano i vertici del centrodestra. Vedremo. (Fonte: Alessandro Sallusti - Il Giornale)

Thursday, November 19

Il telefonista "Mario"

pubblicato da Renato Marino in: Casi insoluti Omicidi-Suicidi

Svolta nelle indagini sulla scomparsa di Emanuela Orlandi, la ragazza, figlia di un funzionario vaticano, sparita nel nulla il 22 giugno 1983 all’età di 15 anni. Ora, dopo 26 anni, c’è il primo indagato. È stato infatti identificato il telefonista, la persona che pochi giorni dopo la sparizione di Emanuela chiamò a casa Orlandi presentadosi come il 35enne “Mario”. A riconoscere la sua voce, la superteste Sabrina Minardi.
La donna tra l’82 e l’84 ebbe una relazione con Enrico - “Renatino” - De Pedis, considerato il capo della banda della Magliana, ucciso nel 1990. In quella telefonata del 29 giugno ‘83,“Mario”, un ex appartenente alla banda, attualmente a piede libero, parla la con lo zio di Emanuela. Ha un forte accento romano e dice di aver incontrato un uomo accompagnato da due ragazze che vendevano cosmetici. Una di queste si presentava come “Barbara” e somigliava alla scomparsa.
Quando gli viene chiesto dell’altezza della ragazza “Mario” però esita, non risponde, e in sottofondo si sente una voce che gli suggerisce “no, di più”. Lo scorso giugno Sabrina Minardi ai magistrati aveva raccontato di aver saputo da De Pedis che Emanuela era stata uccisa pochi mesi dopo la sua scomparsa e che il suo corpo, chiuso in un sacco, era stato abbandonato in una betoniera di un cantiere a Torvajanica.
Continua a leggere: Caso Orlandi, dopo 26 anni primo indagato per la scomparsa di Emanuela: é il telefonista "Mario"

I magistrati della procura antimafia di Caltanissetta e Palermo hanno notificato al prefetto Gianni De Gennaro un ordine di esibizione di atti riservati

I magistrati della procura antimafia di Caltanissetta e Palermo hanno notificato stamani al prefetto Gianni De Gennaro, direttore del dipartimento delle informazioni per la sicurezza (DIS), un ordine di esibizione di atti riservati che riguardano le stragi Falcone e Borsellino. I pm vogliono acquisire documenti che sono contenuti negli archivi dei Servizi segreti.

I capi degli uffici di Caltanissetta e Palermo, Sergio Lari e Francesco Messineo, dopo aver consegnato il provvedimento che è diretto alla presidenza del Consiglio da cui dipendono i servizi di intelligence, hanno dato corso all'acquisizione degli atti che viene curata dai pm dei due uffici giudiziari siciliani.
La decisione è stata adottata dagli inquirenti nell'ambito delle indagini avviate sui mandanti esterni a Cosa nostra per le stragi di Capaci e via d'Amelio e su alcuni informatori dei servizi che potrebbero essere stati coinvolti in omicidi su cui indaga la procura di Palermo. Un ruolo dei 'servizi' è stato ipotizzato per il fallito attentato dell'Addaura a Giovanni Falcone, quando nel 1989 una carica di epslosivo minacciò di far saltare l'abitazione estiva del giudice, che per primo attribuì l'avvertimento a "'menti raffinatissime".

A quell'attentato potrebbe essere legate la misteriosa scomparsa a Palermo di Emanuele Piazza, il giovane collaboratore del Sisde ucciso e poi sciolto nell'acido, e l'uccisione dell'agente Nino Agostino, assassinato misteriosamente nell' estate dell'89 insieme alla moglie. Sull'omicidio Agostino, il pentito Giovan Battista Ferrante ha negato ogni coinvolgimento di Cosa nostra. "Se lo 'asciugarono' loro", ha detto parlando dell'agente palermitano.
I pm nisseni indagano inoltre anche su un altro agente dei servizi che ha la faccia da 'mostro' e che sarebbe stato utilizzato per commettere omicidi in Sicilia.di Lirio Abbate
I magistrati della procura antimafia di Caltanissetta e Palermo hanno notificato al prefetto Gianni De Gennaro un ordine di esibizione di atti riservati sulle stragi Falcone e Borsellino. Vogliono acquisire i documenti contenuti negli archivi dei Servizi segreti. (LIRIO ABBATE)

Sunday, November 8

STEFANO CUCCHI

Le foto segnaletiche di Stefano Cucchi hanno colmato un vuoto che si era aperto alla immaginazione di noi tutti: come quel ragazzo sereno e sorridente che si affaccia dagli album di famiglia abbia potuto trasformarsi in quel corpo martoriato che gli stessi familiari hanno voluto rendere pubblico? Dei molti scatti che avrebbero potuto raccontare quella metamorfosi (e che ciascuno in questi giorni ha provato a raffigurarsi, raccapricciando), quelle foto sono una piccola scelta, che aiuta però tanto la nostra immaginazione a fissarsi in un altro punto di realtà quanto l'attività investigativa a restare con i piedi per terra e a non farsi distogliere dalla ridda di ipotesi e. di dichiarazioni che si allacciano come una cortina fumogena intomo alla tragica realtà della morte di Stefano Cucchi. Servono, quelle foto, a fugare la posticcia condizione di incertezza che qualcuno ha voluto alimentare, a proposito della violenza subita da Cucchi dopo l'arresto, ma prima dell'ingresso nel carcere romano di Regina coeli. Qualche giorno fa avevamo addirittura letto del difensore d'ufficio che - in tribunale non si era accorto di niente: appena finita l'udienza, in una stanza accanto, i media di piazzale Clodio rilevano (quasi) tutto dò che risulterà da numerosi accertamenti diagnostici successivi (in vita e in morte) sul corpo di Stefano Cucchi, ma il suo avvocato d'occasione non si era accorto di nulla.Speriamo in una caduta deontologica: (non dovrebbe, ma) capita che un difensore d'ufficio non guardi neanche in faccia il suo assistito. Altri potrebbero sospettare un potere di condizionamento dell'Arma e del suo Ministro, che già aveva fatto sentire la sua voce, naturalmente assolutoria, per partito preso. La memoria torna a Genova, otto anni fa: ragazzini presi a calci in faccia da maturi signori appartenenti alle Forze dell'Ordine sotto gli occhi e le telecamere di mezzo mondo e non una parola di biasimo, un distinguo, un'eccezione. Così oggi Ignazio La Russa: «Di una cosa sono certo: del comportamento assolutamente corretto dei Carabinieri in questa occasione». Nessuno, in un caso del genere, ha interesse a mettere sul banco degli imputati "i Carabinieri", ne l'intero sistema penitenziario o di polizia: servirebbe solo a far perdere nelle fumisterie di responsabilità istituzionali o collettive, quelle specifiche e personali di chi ha abusato del corpo di Stefano Cucchi e di chi - forse - non gli ha prestato le cure e l'assistenza necessarie. Perché, allora, proprio dal Ministro la difesa d'ufficio (e quindi la - logicamente precedente - messa in stato d'accusa) dell'intero Corpo? Passione per le fumisterie? Per le notti in cui tutte le vacche sono bigie? Ma, in questo modo, non si aiuta la giustizia, e neanche l'Arma dei Carabinieri, costretta a sobbarcarsi il sospetto della responsabilità di alcuni suoi uomini in un fatto di morte e violenza. Meglio sarebbe, allora, caro Ministro, dire e far dire tutta la verità: meglio per Stefano e la sua memoria, meglio per la giustizia sa.

Friday, September 25

DIARIO DI UN GIORNO DI ORDINARIA FOLLIA AL SISDE, COMPILATO DA UN OPERATIVO ORA A SPASSO.

Corsie preferenziali, passaggi col rosso, parcheggi in doppia e tripla fila. Una multa dopo l'altra per ripetute violazioni al codice della strada. Una pila di contravvenzioni alta così, contravvenzioni mai pagate perchè finanziariamente addebitate o ad auto del SISDE o a imprecisate esigenze di servizio di agenti impegnati in operazioni segretissime.

In particolare l'escamotage ideato da un "alto funzionario dell'Intelligence civile", per non pagare le infrazioni sulle auto di sua proprietà -riscontrate dai verbali della polizia municipale finito agli atti dell'inchiesta aperta su denuncia di alcuni agenti epurati sotto il governo Prodi e conclusasi, di recente, con una discussa archiviazione.

Le accuse, mosse da uno degli epurati, andavano proprio nel senso di un licenziamento dalla struttura di via Lanza come ritorsione alla decisione di opporsi al tentativo, richiesto dal superiore, di attestare il falso. Per la cronaca  si legge nell'atto di opposizione alla richiesta di archiviazione del PM con questo artifizio dal 2001 al 2007 si è fatto annullare ben sessantotto contravvenzioni. Uno dei tanti. Uno "di quelli che dall'alto della loro posizione - secondo le accuse degli agenti licenziati - riuscivano a giustificare il transito della propria utilitaria nelle zone a traffico limitato (ZTL) facendolo figurare come un'attività d'Intelligence.

A riprova di ciò, l'agente epurato è stato in grado di esibire una tabella con sovrimpressi il numero di verbale, quello della targa, la data della rilevazione dell'infrazione, gli articoli del codice della strada violati e l'entità della sanzione mai saldata. Il superiore di (...) che gli chiedeva di sottoscrive i falsi ideologici per ottenere l'annullamento delle multe, dopo qualche mese dal rifiuto, lo segnalavper l'allontanamento, che puntualmente sivverificherà. Mi corre l'obbligo di segnalare - scriveva l'epurato a proposito dell'episodio scatenante - come il capo del mio ufficio al fine di farsi annullare una contravvenzione mi chiese di compilare una lettera dalla quale doveva risultare che l'auto da lui guidata era stata utilizzata per esigenze d'ufficio. Dal giorno del mio rifiuto il suo atteggiamento nei mie confronti cambiò. L'allontanamento dal Servizio fu questione di giorni. Sempre agli atti dell'inchiesta son finite storie clamorose.

Dopo l'omicidio D'Antona - racconta - organizzammo un'attività di controllo su un personaggio che anni prima era stato denunciato insieme a Galesi (il brigatista ucciso sul treno nel corso di un conflitto a fuoco con la polizia vicino ad Arezzo). Con le persone disponibili per riuscire a conoscere più cose possibili del personaggio, formammo due squadre, una per il servizio della mattina, l'altra del pomeriggio. Arrivo in ufficio verso le 11 facendo parte della squadra del pomeriggio e stupito trovo quella della mattina già in sede. Alla mia richiesta di come mai fossero rientrati così presto mi risposero che la persona d'interesse non era stata vista. Tutto regolare, pensai. Saputo che l'inizio del controllo, cominciò alle ore 9, andai su tutte le furie, visto che era già stato accertato che il soggetto d'interesse usciva di casa alle ore 8. E ancora.

Sempre per cercare qualcosa su Galesi, due colleglli sono andati ad Ostia per vedere se uno con cui Galesi aveva fatto rapine, abitasse ancora lì e cosa facesse, chi frequentasse. Effettivamente lo videro uscire con l'auto e con l'ombrellone. Gli "esperti" investigatori, o ritenuti tali, erano andati a Ostia... in metropolitana invece che con l'auto di servizio. Saputo di questo, e di altre gravi negligenze, l'agente protestò e chiese di svolgere un altro servizio. Il suo dirigente rispose seccato: Così, non ti sta bene? Comandi tu? Guarda che io posso fare come cazzo mi pare. A quel punto, deluso e amareggiato, mi alzai e andai via. Poco tempo dopo, non per sua volontà, lo feci per sempre.

Monday, August 31

SUA EMINENZA BAGNASCO CARDINALE ANGELO "BOLLA"!


La pietra dello scandalo ha un nome: pedofilia. Un macigno che rischia di minare la credibilità della Chiesa Cattolica. La quale, travolta dagli scandali, ora s’impegna a cacciare le “mele marce” e collaborare con la giustizia. (Fonte WU Magazine - Piero Ricca)

Dicono che il Vizio Oscuro si consumi dalla notte dei tempi - nell’ombra e in silenzio - nelle scuole religiose, nelle sagrestie, nei seminari, negli oratori. Tollerato come un’umana debolezza, lavato in famiglia come la biancheria sporca. Negli ultimi anni il bubbone è scoppiato. Le vittime hanno iniziato a raccontare. L’informazione ha iniziato a indagare. La giustizia ha iniziato a funzionare. La percezione sociale del fenomeno sta cambiando.

Da tutto il mondo giungono notizie di abusi. Storie di infanzia violata, di giovani vite spesso rovinate per sempre. Storie di inchieste insabbiate, di tragedie che potevano essere evitate.

In Italia si ha notizia di innumerevoli casi, ma sono pochi i molestatori che finiscono in carcere. “Su 443 casi accertati - scrive Massimiliano Frassi, fondatore dell’associazione Prometeo - il 67 % è in libertà, e nella maggior parte dei casi svolge attività a stretto contatto con i bambini”. 

Molti se la cavano con il patteggiamento. Altri la fanno franca con la prescrizione. Uno dei pochi che sta in carcere è Don Marco Dessì, sacerdote cagliaritano che in Nicaragua s’era fatto un harem di bambini. Nel maggio del 2007 con il rito abbreviato il Tribunale di Parma l’ha condannato a 14 anni. Nel 2005 Don Pierangelo Bertagna ha confessato di aver abusato di quaranta bambini. A luglio 2008 è stato arrestato Don Ruggero Conti: gli vengono contestati abusi su sette bambini. Era uno dei garanti elettorali per la famiglia del sindaco di Roma Gianni Alemanno.

In Australia sono stati condannati e incarcerati 107 sacerdoti e religiosi. In Brasile, tra il 2005 e il 2006, oltre 1700 preti sono stati denunciati per violenze, orge e uso di droga con bambini.

Nel 2000 l’arcivescovo O’Connor, capo della Chiesa d’Inghilterra e Galles, ammette di aver coperto preti pedofili. Nel 2002 l’arcivescovo polacco Paetz è accusato di aver molestato seminaristi. L’arcivescovo di Vienna Groer è stato costretto a ritirarsi per aver molestato uno studente. Destino a cui non scampa nemmeno l’arcivescovo Storni di Santa Fè in Argentina, accusato di abusi sessuali su almeno 45 seminaristi. Una vicenda incredibile è quella del Reverendo Marcial Maciel Degollado, fondatore dei Legionari di Cristo, lodato da Giovanni Paolo II come “efficace guida per i giovani”, dietro una parvenza di santità ha nascosto una vita dedita al vizio e segnata da un numero incalcolabile di abusi sessuali sui minori.

A Dublino sono emersi 150 casi di preti pedofili. Tra questi, Oliver O’Grady, condannato a 14 anni di carcere, che ha raccontato come adescava le sue vittime nel documentario della Bbc “Sex crimes and Vatican”, trasmesso nell’ottobre del 2006. In Italia il filmato ha dapprima spopolato su Internet e poi è stato trasmesso da Michele Santoro in una puntata di Anno Zero. In quel documentario, tra l’altro, si citava l’Epistola con la quale la Congregazione per la Dottrina della Fede, retta dal cardinale Ratzinger, richiamandosi all’Istruzione pontificia Crimen Sollecitationis del 1962, dettava la linea su come gestire i casi di pedofilia. 

Due le direttive fondamentali: avocazione presso il Vaticano di tutti gli atti di indagine e imposizione del segreto pontificio, pena la scomunica. E qui sta il punto critico, vedi alla voce: Omertà. “Il Vaticano ha ostacolato la giustizia anziché aiutare le vittime”, spiega l'avvocato statunitense Daniel Shea, il quale nel febbraio 2005 ottenne che Ratzinger fosse chiamato a rispondere di quell’atto davanti alla giustizia americana in un processo per abusi sessuali a Houston. Due mesi dopo Ratzinger fu eletto Papa e il processo fu sospeso per via dell’immunità diplomatica concessa ai Capi di Stato.

Lo scandalo più grande è scoppiato proprio negli States. Sono circa 5.000 i membri del clero accusati di abusi sessuali, 100 sono i preti condannati da tribunali civili. La gran parte delle inchieste si sono chiuse perché le famiglie delle vittime hanno accettato un risarcimento in denaro. Le diocesi più colpite sono quelle di Boston e Los Angeles. Si calcola che la somma complessiva sborsata dalla Chiesa statunitense si aggiri intorno ai 3 miliardi di dollari. Un ruolo decisivo l’ha giocato l’informazione, a cominciare dal Boston Globe, vincitore di un premio Pulitzer per l’inchiesta su quei fatti.

Personaggio emblematico dello scandalo americano è John Geoghan, ex prete di Boston. Gli vengono contestate violenze su 130 bambini in trent’anni; condannato a nove anni e incarcerato, verrà ucciso in galera. Il suo vescovo, Bernard Law, s’era limitato a trasferirlo di parrocchia in parrocchia. “Ho sempre pensato che la pedofilia fosse un peccato, non un crimine”, s’è giustificato. Dal 2002 è arciprete di Santa Maria in Trastevere. Come lui si sono comportati tanti altri prelati in giro per il mondo. “La Chiesa ha adottato la politica dello struzzo”, spiega Pepe Rodriguez, giornalista d’inchiesta spagnolo, “quando gli abusi vengono conosciuti all’interno della comunità dei fedeli, il responsabile della diocesi in genere lo trasferisce in un’altra parrocchia, per proteggerlo ed evitare lo scandalo”.

La “politica dello struzzo” ha contribuito alla diffusione di una devianza ad alto tasso di recidività. Un esempio: non più di un anno fa la Compagnia di Gesù evitò un processo per abusi su 110 bambini pagando un risarcimento di 40 milioni di dollari. Alcuni dei preti incriminati provenivano dalla diocesi di Los Angeles, dov’erano stati condannati per abusi su oltre 500 bambini. I superiori li avevano spediti in una minuscola isola dell’Alaska, Saint Michael, a curare le anime degli abitanti di una quindicina di villaggi. 


Ha impegnato la Chiesa ad assicurare i responsabili alla giustizia ordinaria, perché “gli abusi sessuali sui bambini sono incompatibili con il sacerdozio”. Un passo in avanti apprezzabile da parte di un’autorità spirituale che, fino a ieri, si rifiutava di incontrare le vittime. “Ma ora ci attendiamo che dalle parole si passi ai fatti”, ha commentato Bernard Barrett, esponente dell'associazione australiana Broken Rites, “i vescovi devono smetterla di intralciare i ricorsi ai tribunali”................ omissis...................