Showing posts with label INTRIGHI NAZIONALI. Show all posts
Showing posts with label INTRIGHI NAZIONALI. Show all posts

Friday, October 26

THE ZIONISM AFTER 70 YEARS OF ABUSE AND RACISM

What is the matter with the Palestine solidarity movement? Since 1948 (and before that, even) the Palestinians have been viciously abused and dispossessed while the perpetrators and their supporters, including unprincipled politicians of the Western powers, have continually played the anti-Semitism card.

Lately, bemused spectators were bored witless by the long and ludicrous propaganda campaign to vilify Jeremy Corbyn, bully the Labour Party into making the International Holocaust Remembrance Alliance (IHRA) definition of anti-Semitism a cornerstone of their code of conduct and stifle discussion of Israel’s crimes against the Palestinian people. The expected riposte never came.

Jewish Voice For Labour, of all people, have now stepped in and struck back with a useful looking definition of anti-Palestinian racism which they describe as “hatred towards or prejudice against Palestinians as Palestinians”. In a document faintly mocking the pronouncements on anti-Semitism, they suggest that manifestations of anti-Palestinian racism might include the denial of Palestinian rights to a state of Palestine as recognised by over 130 member countries of the United Nations and blaming Palestinians themselves for their plight under brutal military occupation and lock-down. Here’s how they put it:

Contemporary examples of anti-Palestinian racism in public life, the media, schools, the workplace, and in the religious sphere could, taking into account the overall context, include, but are not limited to:

1. Denying the Palestinian people their right to self-determination and nationhood, or actively conspiring to prevent the exercise of this right.

2. Denial that Israel is in breach of international law in its continued occupation of Gaza, the West Bank and East Jerusalem.

3. Denial that Israel is an apartheid state according to the definition of the International Convention on Apartheid.

4. Denial of the expulsion of 750,000 Palestinians during the 1948 Nakba and of their right, and the right of their descendants, to return to their homeland.

5. Denial that Palestinians have lived in what is now the land of Israel for hundreds of years and have their own distinctive national identity and culture.

6. Denial that the laws and policies which discriminate against Palestinian citizens of Israel (such as the recently passed Nation-State Law) are inherently racist.

7. Denial that there is widespread discrimination against Palestinians in Israel and the occupied territories in matters of employment, housing, justice, education, water supply, etc, etc.

8. Tolerating the killing or harming of Palestinians by violent settlers in the name of an extremist view of religion.

9. Making mendacious, dehumanising, demonising, or stereotypical allegations about Palestinians – such as, especially but not exclusively, the myth of a Palestinian conspiracy to wipe Israel off the map.

10. Justifying the collective punishment of Palestinians (prohibited under the Geneva Convention) in response to the acts of individuals or groups.

11. Accusing the Palestinians as a people of encouraging the holocaust.

I am not sure how Palestinians, as genuine Semites living there for thousands of years, will react to No.5 which claims their homeland is “now the land of Israel”. Despite being illegally occupied by an apartheid entity most of whose members have no ancestral links to the ancient “land of Israel”, it is still Palestine.

For decades activists have been telling the Israel lobby to look in the mirror and address their own racial hatred towards the Palestinians. You must truly hate people to deny them their freedom and even their right to return to their homes and livelihoods. Why has it taken so long for such a simple and obvious weapon to be produced? Doesn’t it make you wonder about the true agenda of those in charge of Palestine solidarity? And why is it left to a group of Jews (bless ’em) to do it?

The question now is how best to deliver this somewhat delayed riposte. It might have been most effective while the iron was hot, at the height of the anti-Semitism witch-hunt and media onslaught. Many activists wanted Corbyn to turn on his tormentors and tell them to mend their own vile attitude towards Palestinian Arabs before daring to smear others with accusations of anti-Semitism.

On the other hand, it will benefit from careful honing, cool planning and the massing of pro-Palestinian support to make the hit really count.

For reasons we know only too well, our politicians won’t adopt it as eagerly as they embraced the IHRA’s definition of anti-Semitism. But it is at least a starting point in the fight-back, especially if deployed by a coalition of genuine pro-Palestine groups and the BDS movement as the centrepiece of a new, high-octane strategy.

Lies, damned lies…
Meanwhile, I hope all those who allowed themselves to be suckered by the ZIONIST U.S.LOBBY will hang their heads in shame when they read this report by the Media Reform Coalition: Labour, Antisemitism and the News – A disinformation paradigm. The Executive summary says that an analysis of over 250 articles and news segments from the largest UK news providers (online and television) showed:

 29 examples of false statements or claims, several of them made by anchors or correspondents themselves, six of them surfacing on BBC television news programmes, and eight on The Guardian.com

A further 66 clear instances of misleading or distorted coverage including misquotations, reliance on single source accounts, omission of essential facts or right of reply, and repeated assumptions made by broadcasters without evidence or qualification. In total, a quarter of the sample contained at least one documented inaccuracy or distortion.
Overwhelming source imbalance, especially on television news where voices critical of Labour’s code of conduct were regularly given an unchallenged and exclusive platform, outnumbering those defending Labour by nearly 4 to 1.

In all, there were 95 clear-cut examples of misleading or inaccurate reporting on mainstream television and online news platforms, with a quarter of the total sample containing at least one such example. On TV two thirds of the news segments contained at least one reporting error or substantive distortion.

The report points to “a persistent subversion of conventional news values”. Furthermore, coverage of Labour’s revised code of conduct during the summer of 2018 often omitted critical discussion of the “working definition” of anti-Semitism promoted by the IHRA and wrongly described it as universally adopted. It says:

We established through background case research that although the IHRA is an international body with representatives from 31 countries, only six of those countries have, to date, formally adopted the definition themselves.

In spite of a call for local authorities to adopt the definition by the UK’s central government in early 2017, less than a third of councils have responded and several of those have chosen not to include any of the controversial examples contained within the working definition.

Several high-profile bodies have rejected or distanced themselves from the working definition, including the EU’s Fundamental Rights Agency (a successor to the body that drafted the original wording on which the definition is based) and academic institutions, including the London School of Economics and the School of Oriental and African Studies.

Mainstream academic and legal opinion has been overwhelmingly critical of the IHRA definition, including formal opinions produced by three senior UK barristers and one former appeals court judge. Virtually none of this essential context found its way into news reports of the controversy. Instead, the Labour Party was routinely portrayed by both sources and correspondents as beyond the pale of conventional thinking on the IHRA definition.”

Which all goes to show that Britain’s mainstream media has a hill to climb to get back its self-respect.

By Stuart Littlewood

Tuesday, April 7

LA COOP SEI TU...E GEORGE SOROS CHE CI FA'?

Forse non sarà necessario riscrivere l'articolo 45 della Costituzione ("La Repubblica riconosce la funzione sociale della cooperazione a carattere di mutualità e senza fini di speculazione privata"); però questo ingresso del finanziere statunitense George Soros nella "L.G.D.", fondo di gestione immobiliare controllato dalla Lega delle Cooperative, in altri tempi lo avremmo definito un matrimonio contronatura.

Ma come? Il re della speculazione internazionale diventa terzo azionista di un fondo delle COOP “rosse”? Va bene che Soros nel tempo libero si trasforma in filantropo liberal, ma qui ci sono di mezzo gli affari; nonché l’assetto futuro del nostro depresso sistema economico. Che frutti potrà mai  generare un simile innesto?

Desiderosi come siamo di attrarre investimenti stranieri nel belpaese, non ci permetteremo certo di fare gli schizzinosi. Né indugeremo nella dietrologia sulla firma del contratto con Soros, giunta proprio sei giorni dopo che il presidente della Lega Coop, Giuliano Poletti, è entrato a far parte del governo Renzi in qualità di ministro del Lavoro. 

La nomina di Poletti appariva come segno culturale adeguato alla durezza dei tempi: far ricorso all’esperienza solidaristica su cui è fondato il movimento cooperativo per favorire la nascita di nuove imprese e di nuovi strumenti di assistenza sociale. 

Avevamo equivocato? Le COOP sono divenute semplicemente un nuovo “potere forte” che si cimenta in campo finanziario al
pari degli altri? La domanda non è oziosa, e l’arrivo di Soros ce lo conferma.

Vivendo in un’epoca di scarsità permanente, dovendoci attrezzare per un futuro di penuria, la buona pratica del mettersi insieme, aiutarsi a vicenda, superare l’individualismo proprietario, è ritornata più che mai attuale. Là dove la politica si rivela inadeguata, sopperisce — dal basso — la virtù autogestita della condivisione. Basta guardarsi intorno per constatare che la sofferenza sociale non produce sempre solo lacerazione e solitudine. 

Parole antiche come mutuo soccorso, fratellanza, cooperazione, riacquistano qui e là un significato concreto. Affondano le loro radici nell’umanesimo cattolico e mazziniano da cui germogliarono le società operaie e artigiane del primo movimento socialista. 

Ma oggi di nuovo si avverte la necessità di un’economia capace di anteporre il benessere collettivo alla rendita speculativa. Sarebbe davvero un peccato dover constatare che nel frattempo gli eredi di quella storia, i colossi della cooperazione — non importa se “rossa” o “bianca” — sono diventati inservibili a tale scopo.

Al tempo in cui l’UNIPOL guidata da Giovanni Consorte si alleò con furbetti di ogni sorta nel tentativo di acquisire il controllo di una banca, molti dirigenti della sinistra reagivano con stizza alle critiche: perché mai la finanza “rossa” dovrebbe restare esclusa dalle partite che contano? Poi Consorte fu assolto. 

Tanto che ora dà vita a un’associazione finalizzata a modernizzare la cultura riformista, e nessuno gli chiede più conto delle decine di milioni incassati per consulenze estranee alla sua attività di manager della cooperazione. 

Difficile eludere la constatazione di Luigino Bruni, tra i massimi studiosi dell’economia sociale italiana: «Viene da domandarsi dove sia finito lo spirito cooperativo quando alcuni direttori e dirigenti di cooperative di notevoli dimensioni percepiscono stipendi di centinaia di migliaia di euro». 

Qualche anno dopo Consorte, l’Unipol ha rilevato l’impresa assicurativa della famiglia Ligresti con tutte le partecipazioni societarie annesse nei “salotti buoni”. Niente da ridire, ma sarebbe questa la sinistra cooperativa e mutualistica che avanza?

Ora viene il turno di George Soros associato a un fondo immobiliare delle COOP specializzato in centri commerciali e ipermercati (1,9 miliardi di euro il patrimonio stimato). Va rilevato che il settore immobiliare italiano suscita un rinnovato interesse nei gruppi stranieri. 

Soros non è il solo a puntarci. Naturalmente ciò non ha nulla a che fare con la nostra emergenza abitativa: a fare gola sono i nuovi grattacieli per uffici direzionali, l’edilizia di lusso e, per l’appunto, i centri commerciali. 

È verosimile che tali investimenti speculativi funzionino da volano per uno sviluppo equilibrato? Piacerebbe sentire in merito l’opinione dei manager della cooperazione e dello stesso ministro Poletti. Anche perché la loro diversificazione finanziaria non ha evitato che la crisi sospinga varie cooperative in difficoltà a chiudere un occhio su materie delicate, come i subappalti precari e sottopagati.

Accolto con un doveroso benvenuto il compagno americano, ci chiediamo che strana razza di capitalismo verrà fuori dal suo incrocio con la finanza “rossa”. Le buone pratiche diffuse della cooperazione, che sia di produzione, distributiva o di cura alle persone, non attenderanno i dividendi di Borsa. La loro carica profetica e soccorrevole si esprime altrove.

Wednesday, July 3

IL PRESIDENTE:"GLI F-35 SONO INDISPENSABILI".

Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha presieduto oggi, al Palazzo del Quirinale, una riunione del Consiglio Supremo di Difesa. Alla riunione hanno partecipato: il Presidente del Consiglio, Enrico Letta; il Ministro degli Esteri, Emma Bonino; il ministro dell'Interno, Angelino Alfano; il ministro dell'Economia Finanze, Fabrizio Saccomanni; il Ministro della Difesa, Mario Mauro; il Ministro dello Sviluppo Economico, Flavio Zanonato; il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Amm. Luigi Binelli Mantelli. Hanno presenziato il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Filippo Patroni Griffi; il Segretario generale della Presidenza della Repubblica, Donato Marra; il Segretario del Consiglio Supremo di Difesa, Gen. Rolando Mosca Moschini. 
2002 L'amm. Di Paola firma il protocollo d'intesa con gli USA per 131 aerei F-35

Il Consiglio, nel riaffermare il ruolo insostituibile delle Forze Armate, ha esaminato - si legge nel comunicato del Quirinale - i principali scenari di crisi e l'andamento delle missioni internazionali, anche in vista del decreto autorizzativo per il quarto trimestre, che sarà in linea con gli impegni assunti nella prima parte dell'anno, confermando una sensibile riduzione di presenze e di oneri rispetto al passato.

Sui programmi di ammodernamento delle Forze Armate, e quindi anche sull'acquisto dei caccia F35, decide il Governo. Cosi il comunicato del Consiglio Supero di Difesa che si é riunito questa mattina. Nella nota non si fa esplicito riferimento ai caccia F35, né al recente dibattito parlamentare. Tuttavia il Consiglio Supremo di Difesa spiega che la progressiva integrazione europea, in coordinamento con l'evoluzione della NATO, e la realizzazione di capacità congiunte costituiscono presupposti fondamentali per l'approntamento di forze in grado di far fronte efficacemente alle esigenze di sicurezza e di salvaguardia della pace

Questa é la prospettiva da perseguire, anche in considerazione della limitatezza delle risorse disponibili e dell'entità, da un lato, degli investimenti da effettuare per la sicurezza e la difesa e della gravità, dall'altro, delle esigenze di rilancio della crescita e dell'occupazione».

«A parere del Consiglio Supremo, tale visione é conforme allo spirito ed al disposto della legge 244, anche per quanto attiene alle necessità conoscitive e di eventuale sindacato delle Commissioni Difesa sui programmi di ammodernamento delle Forze Armate, fermo restando che, nel quadro di un rapporto fiduciario che non può che essere fondato sul riconoscimento dei rispettivi distinti ruoli, tale facoltà del Parlamento non può tradursi in un diritto di veto su decisioni operative e provvedimenti tecnici che, per loro natura, rientrano tra le responsabilità costituzionali dell'Esecutivo».

E così sia.

Monday, May 20

MAMMA MIA !!!


La politica attuale spaccia la propria incapacità di agire e la sua scarsa autorevolezza, per pacificazione nazionale. Si incontrano nei conventi, fanno finta di litigare, si danno all’avanspettacolo, mentre fuori dall’alveo amicale del governo, i partiti preparano le loro rese dei conti interne. S’è ben capito: nel PD le nuove alleanze mirano a disinnestare la rottamazione di Renzi (reo, a dire il vero, di un attendismo che fa dubitare dell’autenticità del suo acume) e si prepara una stagione di schizofrenia politica tra coloro che terranno in piedi il governo, e quelli che per ritrovare il consenso perduto, tenteranno ogni espediente per minarne la credibilità. 

Nel centro destra, la bipolarità non è meno evidente, ma, al meno, si tratta di mera strategia. Si sta al governo fin quando governare paga, poi - non appena l’elettorato comprenderà che non c’è possibilità alcuna di migliorare lo stato di disgrazia sociale in cui siamo precipitati - si staccherà la spina. Sempre se non sarà proprio il PD, sollecitato da grillini in fuga e base elettorale incazzata, a far cadere - come si dceva poc'anzi - il governo per riconquistare una smarrita credibilità identitaria. Ma è anche vero che l’antipolitica ha mostrato l’ala della demenza che l’alimenta.

Litigano per questioni di rendicontazione di pranzi e cene, meschini ed incapaci usurpatori dell’autorità che questo collassato sistema democratico gli ha fornito. Nella tundra del pensiero nelle menti degli intellettuali più in voga, fiorisce solo la sociologia: ideologica è la fine delle ideologie, statica la visione della storia che ci propongono sui giornali. Anzi sui giornaloni, come li chiama ironicamente qualcuno. La menzogna regna ovunque sovrana. Il peggio sembra essere l’unica certezza che ci rimane. Siamo oggetti ridotti all’impotenza. 

L’assurdo è diventato fatale, la fatalità ha assunto il senso della logica. Il peggio è assicurato e noi ne siamo complici. Perché pensiamo, ognuno di noi in cuor suo pensa, di aver ragione e rendiamo tutto lecito. Impotenti viviamo il malinteso e moltiplichiamo i nostri disordini interiori e sociali. Il ritorno all’origine sarebbe l’unica salvezza. Ma temo si sia perduta la via: le briciole che i più avveduti avevano seminato nel bosco, sono state spazzate forse per sempre.

Nelle piazze si spaccia per rito democratico lo scontro fisico e la demonizzazione dell’avversario, come se nulla fosse, riprendendo e commentandolo in televisione: “ecco il popolo di Berlusconi e, dall’altra parte, i cittadini che protestano”. Si sottovaluta allegramente e morbosamente che siamo ad un passo - ma davvero ad un nonnulla - da uno scontro brutale, che rischia di dar vita a subdole forme di autoritarismo. E’ la ricetta politica da anni in voga nella sinistra italiana che parte dal principio, anzi dal dogma, dell’innocenza originale della loro parte. 

La loro presunzione di superiorità morale, del resto, è una legenda che dura da almeno cinquant’anni I riti più disprezzabili di culture esecrabili, divengono mode, e qualunque amante tradito si sente in diritto di gettare l’acido muriatico sul volto della ipotetica fedifraga. L’amore è tramutato in senso del possesso, il dovere in rogna quotidiana, l’onore è divenuto un accessorio per lo più collocato tra le proprie o altrui gambe. 

Gli imprenditori più grandi e ricchi vivono sulle spalle dello Stato, i più piccoli - e spesso più onesti e capaci - vengono strangolati dalle spire burocratiche dello stesso Stato. Il suicidio è una nuova e drammatica forma di saldo finale economico e morale con la società. La disperazione ha sostituto l’ideologia e arma il nuovo terrorismo “fai da te”.

Un’Italia così mal ridotta non s’era mai vista, non la si ricorda a memoria d‘uomo. Economicamente sul lastrico, socialmente dilaniata, moralmente ai minimi termini, politicamente inesistente. Nelle albe milanesi, vagano assassini con il piccone (trallalalà) e, siccome sono di colore, da un lato il livello di moralismo oramai raggiunto, esenta le istituzioni dal giudizio, dall’altro ci si attacca a questo fatto razziale, come se la questione antropologica fosse l’unica causa del gesto. Nei Tribunali, Milano, si spacciano opinioni personali come verità, e le requisitorie diventano un genere letterario. La incredibilmente pettegola requisitoria della dottoressa Boccassini è un documento che a suo modo farà epoca negli annali della cultura civile italiana. 

Per dirla con il Papa Francesco, che ha messo in guardia dal pettegolezzo e dall’interesse morboso per le vite degli altri nella sua messa mattutina a Santa Marta dello scorso sabato, non può che essere il diavolo a proporsi come linguaggio speciale della diffamazione, fino a entrare nel giudizio, nel dibattimento di rito solenne che si svolge nel tribunale di Milano, per occuparsi della moralità degli acquisti in borse Prada, nel “quadrilatero della moda”, di giovani donne, nella media definite “appena maggiorenni”, che sono state ospiti di una personalità pubblica per la quale si chiede la condanna alla galera e alla perdita dei diritti civili, e che forse è la più spiata, intercettata e sventrata nei suoi diritti in tutta la storia europea moderna. 

Saturday, March 30

IL FANGO SU PIERO GRASSO


Per evidenziare le cose non vere dette da Marco Travaglio (se usassi il suo linguaggio direi che sono “balle”) devo ricordare molto sommariamente gli eventi di allora. Il 12 luglio 2005 la commissione referente del CSM incaricata di valutare le candidature per la nomina a Procuratore nazionale antimafia divise le sue preferenze tra due candidati: tre dei suoi 6 componenti proposero al Plenum del Consiglio di nominare Piero Grasso e tre Giancarlo Caselli. Perché il Plenum del CSM potesse decidere era tuttavia necessario che le motivazione a favore di entrambi fossero sottoposte alla sua valutazione. La motivazione a favore di Grasso fu depositata con sollecitudine ma non quella a favore di Caselli. Il 20 luglio 13 consiglieri chiesero al Vice Presidente di accelerare il procedimento non solo per dare con rapidità un direttore alla DNA (Direzione Nazionale Antimafia)  ma anche per evitare che la scelta del CSM tra i due candidati potesse essere stravolta da una esecrabile norma, allora in via di approvazione, che era specificamente intesa ad escludere dalla competizione uno dei due candidati e cioè Caselli (prevedeva limiti di età per la nomina che lo avrebbero escluso).

(Piero Grasso da Formigli)

Con lettera del 21 luglio il Vice Presidente del CSM trasmise al relatore del parere favorevole a Caselli, il consigliere Francesco Menditto, copia della richiesta dei 13 consiglieri sollecitandolo a depositare anche la sua proposta. Questi rispose lo stesso 21 luglio di aver già predisposto la relazione ma di non volerla depositare adducendo motivi di scarsa consistenza, con ciò stesso impedendo che il Consiglio scegliesse tra Caselli e Grasso prima dell’entrata in vigore della legge che avrebbe impedito la partecipazione al concorso da parte di Caselli. Risulta chiaro da queste indicazioni (tutte comprovate da documenti ufficiali del CSM) che le affermazioni contenute nell’articolo di Travaglio non corrispondono al vero sotto vari profili. In primo luogo non è vero che il Vice presidente del CSM considerò la lettera dei 13 consiglieri “irricevibile”, che anzi diede ad essa corso il giorno dopo sollecitando Menditto a depositare la sua relazione con una comunicazione del 21 luglio. In secondo luogo non è vero che il ritardo nella decisione del Csm dipendeva dal fatto che Menditto doveva “ancora stendere le sue motivazioni” perché lo stesso Menditto lo smentisce nella sua lettera del 21 luglio dicendo che erano già pronte. Sono due le principali implicazioni di questi eventi che smentiscono altre affermazioni di Travaglio.

La maggioranza del Consiglio fece di tutto per decidere tra le candidature di Caselli e Grasso prima che entrasse in vigore la legge che impediva la nomina di Caselli. Con la conseguenza che Caselli, se soccombente, avrebbe anche potuto fare ricorso al giudice amministrativo. Contrariamente a quanto dice Travaglio ha quindi ragione Grasso quando afferma che Caselli «se la deve prendere con i colleghi che impedirono la decisione». Rimane ovviamente da capire perché la decisione fu impedita proprio dai consiglieri che erano favorevoli alla nomina di Caselli. Invece di dirvelo con parole mie preferisco farlo citando le recenti dichiarazioni di un magistrato componente del CSM di allora, Giuseppe Fici, che era favorevole alla nomina di Caselli, dichiarazioni che sono citate in un articolo de “La Repubblica” del 25 marzo scorso dal titolo «Caso Grasso, è scontro dentro La 7». Il consigliere Fici ricorda che nel caso si fosse allora votato nel Plenum del CSM «Grasso avrebbe comunque prevalso su Caselli con una prospettiva di almeno 14 voti sicuri».

Poiché Caselli non poteva comunque vincere era, quindi, politicamente conveniente rinviare la decisione a quando la legge che lo escludeva per ragioni di età sarebbe entrata in vigore e far quindi dipendere formalmente la sua esclusione non da un voto del CSM, ma da una iniqua norma di legge che, per bocca dei suoi stessi proponenti, era intesa a discriminarlo. Operazione riuscita in pieno. A tutt’oggi è quella la versione più accreditata e sono sicuro che nessuna prova, come quelle da me date in questo articolo, potranno modificare il messaggio che i consiglieri della corrente di Magistratura Democratica vollero allora trasmettere.


Tre postille: 
- La prima è che la documentazione ufficiale a supporto delle cose che ho qui ricordato è molto più ampia di quella che potevo citare ora; 
-La seconda: la norma intesa ad escludere Caselli dalla competizione per la DNA è ripugnante. Almeno su questo sono d’accordo con Travaglio; 
- La terza: quella norma, oltre ad essere iniqua, era anche inutile perché gli orientamenti della maggioranza dei magistrati eletti in quel Consiglio (cioè quelli delle correnti di Unicost e Magistratura Indipendente) erano irremovibilmente favorevoli a Grasso.

Thursday, January 19

FRANCO GABRIELLI: «Adesso basta».

Con i cadaveri ancora a mollo, i dispersi nelle liste d'attesa e il carburante a tonnellate da risucchiare a terra, l'erede di Bertolaso tira fuori le palle e risponde a chi lo critica perla gestione dei soccorsi e inneggia a un ritorno di San Guido senza se, senza ma, senza Anemone e Balducci. «Alle 14 nel mio ufficio, -è l'esordio di Franco Gabrielli, capo della Protezione Civile - non ne posso più delle accuse rivolte a una struttura un tempo eccezionale, super efficiente, e che oggi, cosi com'è, è bene che si sappia, non serve assolutamente a niente».

A poche ore dalla nomina a commissario straordinario perla tragedia del Giglio, il Nuovo Salvatore della Patria è carico a pallettoni. L'ideale per un'intervista. Si è risentito più per quel riferimento al suo predecessore o... (Gabrielli non ci fa nemmenofinire la domanda). «Posto che sono amico di Guido, persona onesta e perbene, che non mi è piaciuto il vergognoso linciaggio cui è stato sottoposto, che non aspiro a essere ricordato come il miglior capo della Protezioni Civile perché Bertolaso ha doti e capacità inarrivabili, vi dico che questa struttura, oggi come oggi, è inutile».

CASO CONCORDIA: Per un'ora e mezzo non riusciamo a sapere altro. Ci ha pensato un familiare di un turista a bordo a comunicarcelo via telefono! Solo a quel punto ci siamo attivati inviando un nostro team nella struttura operativa. Non sono potuto intervenire con la celerità di un tempo perché non avevo la certezza che un nostro intervento potesse essere .

«Certo, come qualcuno alla fine può non essere più salito. Perdire, sappiamo di una cittadina ungherese che non risulta nelle liste ma che è stata reclamata dai familiari. Sarebbe entrata nella nave insieme a un membro dell'equipaggio. Non si trova». Perché il «censimento» dopo la tragedia s'è rivelato incompleto? «Sono stati momenti drammatici, convulsi. Mi è stato riferito che al porto di Santo Stefano arrivava gente sotto choc, molti stranieri, tanti senza documenti.

Numerosi passeggeri non risultavano nemmeno ai controlli in ospedali e alberghi. Poi grazie alla Costa Crociere si è fatto un po' di chiarezza, ma i conti non tornavano lo stesso. Le persone rivendicate e non rintracciate erano 11, poi è spuntato quel gruppo di tedeschi che non risultava solo perché la lista che era stata inviata in Gennania, veniva aggiornata lentamente. La differenza l'ha fatta la conta sulla rivendicazione dei dispersi e dei ricomparsi ad opera dei familiari».

Come si spiega allora quel caos sul numeri che scorrevano in TV? «A un certo punto, purtroppo, c'è stata la corsa a far bella figura davanti alle telecamere e in troppi si sono messia dare numeri secondo le loro personali (parziali) valutazioni». I rischi ambientali quali sono realmente? «La Costa ha collaborato bene interessata com'è a non passare alla storia anche per un disastro ecologico.

Una società specializzata nel recupero di combustibile sta cercando il posto del "bunker" dove attaccare il manettoneed estrarre, dai 25 serbatoi, il carburante che essendo denso dovrà essere riscaldato con delle serpentine e trasportato nelle bettoline.Ci vorranno almeno quattro settimane per lo svuotamento, meteo permettendo».

Le ricerche dei dispersi quando si chiuderanno? «Sarà il comandante dei vigili del fuoco a deciderlo. Nella parte sommersa non si nutrono troppe speranze. Un'ipotesi residuale è che ci sia da qualche parte una bolla d'aria in una situazione asciutta. Penso ancora qualche giorno...»

Friday, December 2

AVVISO AI NAVIGANTI: "CHE COS'E' "IL GRANDE ORIENTE D'ITALIA".

"Il curriculum di Mario Monti è di alto profilo. Spero vivamente che possa traghettarci fuori da questa crisi". Gustavo Raffi, Gran Maestro del Grande Oriente d'Italia, la principale loggia massonica, con una intervista ad Affaritaliani.it appoggia il nuovo governo. E sull'esecutivo Berlusconi ha un giudizio poco lusinghiero: "Quando sento dire da Tremonti che con la cultura non si campa... c'è qualche cosa di sbagliato". Un buon punto di partenza è il ritorno alla meritocrazia: "Se vado a vedere le teste pensanti che erano presenti in tutti i partiti del primo Parlamento e poi vado a vedere quelle di oggi... l'Aula non può essere il rifugio di quelli che non possono fare altro".

Come valuta la lettera aperta a firma del Venerabile Maestro  Gioele Magaldi, leader del Grande oriente democratico (corrente eterodossa del Grande oriente d'Italia) che fa le congratulazioni al "fratello Mario Monti"?
"Sono convinto che certi personaggi si sveglino la mattina in cerca di notorietà. Non bisogna dare corda a questo individuo, che tra l'altro è stato espulso dal Grande Oriente. Cui prodest? Solo a Magaldi che è in cerca di visibilità. Come diceva Troisi: non ci resta che piangere".

CHE COS'E' "IL GRANDE ORIENTE D'ITALIA"
"La Massoneria del Grande Oriente d'Italia di Palazzo Giustiniani è un Ordine iniziatico i cui membri operano per l'elevazione morale e spirituale dell'uomo e dell'umana famiglia.
La natura della Massoneria e delle sue istituzioni è umanitaria, filosofica e morale. Essa lascia a ciascuno dei suoi membri la scelta e la responsabilità delle proprie opinioni religiose, ma nessuno può essere ammesso in Massoneria se prima non abbia dichiarato esplicitamente di credere nell'Essere Supremo.
La Massoneria non è una religione né intende sostituirne alcuna: non pratica riti religiosi, non valuta le credenze religiose, non si occupa di nessun tema teologico, non consente ai propri membri di discutere in Loggia in materia di religione. La Massoneria lavora con propri metodi, mediante l'uso di Rituali e di simboli coi quali esprime ed interpreta i princìpi, gli ideali, le aspirazioni, le idee, i propositi della propria essenza iniziatica.
Essa stimola la tolleranza, pratica la giustizia, aiuta i bisognosi, promuove l'amore per il prossimo e cerca tutto ciò che unisce fra loro gli uomini ed i popoli per meglio contribuire alla realizzazione della fratellanza universale. La Massoneria afferma l'alto valore della singola persona umana e riconosce ad ogni uomo il diritto di contribuire autonomamente alla ricerca della Verità.
Essa inizia soltanto uomini di buoni costumi, senza distinzione di razza o di ceto sociale. I Lavori di Loggia sono di natura strettamente riservata, ma non segreta. Il Massone è tenuto ad osservare scrupolosamente la Carta Costituzionale dello Stato nel quale risiede o che lo ospita e le leggi che ad essa si ispirino. La Massoneria non permette ad alcuno dei suoi membri di partecipare o anche semplicemente di sostenere od incoraggiare qualsiasi azione che possa turbare la pace e l'ordine liberamente e democraticamente costituito della società.
I Massoni hanno stima, rispetto e considerazione per le donne. Tuttavia, essendo la Massoneria l'erede della Tradizione Muratoria operativa, non le ammette nell'Ordine. Ogni membro, al fine di rendere sacri i propri impegni, deve aver prestato Solenne Promessa sul Libro della Legge da esso ritenuta Sacra.
Che cosa ne pensa di Mario Monti?
"Il curriculum è di alto profilo. Spero vivamente che possa traghettarci fuori da questa crisi. Certo poi un governo va valutato sulla base delle opere che riesce a realizzare".

E' la persona di cui oggi l'Italia ha bisogno?
"Questo lo sapremo solo dopo che avremo visto i fatti. La massoneria non si occupa di politica del quotidiano. Si occupa dei grandi valori, dei grandi temi".

Ci spieghi meglio...
"Ancora ai tempi della Grecia antica un tale Aristotele disse che l'uomo è un 'animale politico', ma non certo perché è iscritto a qualche partito o perché ha una tessera. Semplicemente perché vive nella polis, nella società e quindi si fa carico dei problemi che riguardano la dignità e la libertà della persona. I grandi problemi della società erano i suoi problemi e sono quelli della massoneria".

In quest'ottica come valuta il governo Berlusconi?
"Beh, quando sento dire, da Tremonti, un ex ministro dello scorso governo, che con la cultura non si campa. Questo è una offesa, una violenza. Se non hai un ancoraggio ideologico, se non hai un sogno come puoi vivere. Da vecchio mazziniano dico che il problema è sempre l'educazione. Quando a Mazzini gli chiesero che cosa fosse la Repubblica lui disse che 'è una idea, non è una forza di governo o di partito che vince o che perde, è un progetto di educazione morale'".

Affaritaliani.it ha lanciato il "Forum della meritocrazia", un evento che ha lo scopo di riportare il merito come valore nella società. L'Italia ha bisogno di meritocrazia?
"Assolutamente sì. E' un concetto che condivido. Anche se la meritocrazia significa anche la capacità di sapersi elevare, non solo di fare carriera in una azienda o in una professione. E' qualcosa di più ampio".

Secondo lei in politica ci sono troppo persone che non hanno i requisiti per sedere in Parlamento?
"Se considero la composizione del primo Parlamento e vado a vedere le teste pensanti che erano presenti in tutti i partiti e poi vedo quelle di oggi... Il Parlamento non può essere il rifugio di quelli che non possono fare altro. Lei sa chi era Alfredo Baccarini?".

No, devo ammetterlo, non lo conosco.
"Alfredo Baccarini è stato il più grande ministro dei Lavori pubblici che l'Italia abbia mai avuto. Era un uomo che quando il governo non manteneva il programma si dimetteva. E quando morì un giornale francese scrisse:  'E' morto povero, il più grande encomio che si possa fare ad un uomo politico'".

Monday, November 14

MARIO MONTI: Unelected eurocrats hijack sovereign states?

In Italy, former European commissioner Mario Monti is forming a new cabinet to tackle the country’s debt. As technocrat governments take over in Greece and Italy, are the leaders nobody voted for likely to do a better job than the old crew? The economist and former European Union competition commissioner Mario Monti has agreed to start forming a new Italian government. He said he would get to work immediately and "with a great sense of responsibility and service towards the [Italian] nation," as cited by the Associated Press.Italy’s outgoing prime minister, Silvio Berlusconi, resigned on Saturday after the Italian parliament approved new austerity measures demanded by the European Union.

And Mario Monti, who received a formal mandate from President Giorgio Napolitano, now faces the real challenge of preventing an Italian default that risks tearing apart the entire European Union. The project that sought to unite Europe, 17 countries of which now share a single currency, attracted fierce criticism from the very beginning.

As far back as 2004, European Parliament member Nigel Farage warned: "We have witnessed the beginning of a dishonest and downright dangerous German presidency [which seeks] to revive the EU constitution but to do it in such a way that you want to avoid referendums in the key member states.”

Some might now be wishing they had heeded the warnings as one after another of the member states begins to wobble, with Italy being the latest to come under scrutiny.
“We have been witnessing, at least in the last month, a growing pressure from Europe,” says political journalist Fabrizio Maronta. “And I’m talking in particular from France and Germany, partly the UK, certainly the European parliament and the Commission, for Berlusconi to step back.”

The crisis has so far seen the leaders of Greece and Italy replaced by people who were never elected to office, but who know their way around Brussels. In Italy though, with Berlusconi gone, painful reforms now need to be implemented to meet tough EU demands. And for the first time since the crisis began, talks are turning to the possibility of members exiting from the euro, or the creation of a core Europe, with countries like Germany seen to be leading the way.

However, some observers are warning against such a strategy. “I think it’s not in the best interests of the Germans to keep going on with this attitude of ‘oh you’ve behaved badly, we’re going to punish you,’” says Gustavo Piga, a professor of economics from the University of Rome. “That’s not a union. In the United States of America if a state behaves badly – imagine Texas behaving badly – what do you think Obama is going to do? Say, ‘were going to kick you out of the United States of America’? No, they are not going to do that.”

The growing sense of a bad euro group and a good euro group has not gone unmissed by struggling countries. And while it is clear that those who overspent must now face up to painful austerity measures, the sense of being treated like a naughty schoolchild has only added to the growing strain in the euro community.

“If Italy now starts to ‘behave well’, so to say, they will increasingly expose France, and especially Germany, to the task they now need to be up to – that is, to express a political leadership now not just for their own countries but for Europe as a whole,” says Fabrizio Maronta.

Euro tensions have not gone unnoticed by the financial markets which have punished the political leaders for dragging their feet in dealing with the crisis. Struggling economies like Italy are now caught in a situation which leaves them with no room for mistakes.

With new governments now being formed in Greece and Italy, the spread of Brussels’ influence within Europe is causing concern. And winning back public trust is going to be a vital challenge. Whilst dramatic decisions and changes have come thick and fast in recent weeks, the people have been left on the sidelines watching and wondering when or if they are going to be consulted.

Italy is being considered by many as a test case for the entire eurozone. If it fails, it could bring the whole system crashing down with it. The question now is whether or not those measures can succeed or whether we will see them go the same way as the others put forward by the European elite, who have so far failed to come up with any credible euro rescue.

Wednesday, July 27

The Soros Fund currently holds onto around $1 billion from outside investors but will be returning it before 2012.

If you have a million dollars to throw towards marijuana legalization, you probably are doing pretty well off.
It shouldn’t come to a surprise then that, after practically bankrupting the UK and earning billions of dollars without flinching, George Soros is throwing in the towel in regards to the investment circuit.
Apparently Soros has had enough of the regulations that are making the money-making game not quite as fun anymore. Now he’s giving money back to investors.
Hedge fund magnate, philanthropist and old rich guy George Soros announced today that, from now on, he will only be managing money for his family and himself. The unexpected announcement marks the end of a nearly four decade career in investing that allows him to currently sit on around $25 billion.
In a letter from sons Jonathan and Robert Soros, both deputy chairmen of Soros Fund Management LLC, the brothers write that “An unfortunate consequence of these new circumstances is that we will no longer be able to manage assets for anyone other than a family client as defined under the regulations.”
The Soros family adds, “We wish to express our gratitude to those who chose to invest their capital with Soros Fund Management LLC over the last nearly 40 years. We trust that you have felt well rewarded for your decision over time.”
The Soros Fund currently holds onto around $1 billion from outside investors but will be returning it before 2012.
One billion might seem like a lot, but is only a fraction of what Soros is worth. In 1992 he bet against the British pound and made that much just through short selling sterling. He’s also contributed another $8 billion to various charities and organizations during the last 30 years. In 2010 he gave one million towards support of California's Proposition 19, aiming to legalize marijuana.
Under new regulations, hedge funds worth more than $150 million will have to report more information to the Securities and Exchange Commission and be subject to periodic inspections. The Soros sons respond to this by noting that, until now, they had relied “on other exemptions from registration which allowed outside shareholders whose interests aligned with those of the family investors to remain invested in Quantum,” referencing its trademark Quantum Endowment Fund. “As those other exemptions are no longer available under the new regulations, Soros Fund Management will now complete the transition to a family office that it began eleven years ago.”

Monday, May 10

Diego Anemone sotto osservazione del Copasir per i suoi rapporti con i servizi segreti italiani.

Ad aprire questa nuova inchiesta sul costruttore finito nelle indagini sul G8  è il Copasir  presieduta da Massimo D’Alema. Il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica ha inviato una lettera al Dis, il Dipartimento delle informazioni per la sicurezza, di cui è capo Gianni De Gennaro. La risposta di De Gennaro è segreta, ma non risulterebbero rapporti di appalti diretti tra i servizi segreti e Anemone.

In ogni caso, quel che è certo è che i pm di Perugia si stanno occupando di tutti gli appalti delle imprese di Anemone con la pubblica amministrazione: tra queste, in particolare quella per la realizzazione della sede dell’Aisi (l’intelligence interna, ex Sisde) in piazza Zama a Roma.

Un appalto di alcuni milioni di euro, il cui via venne dato nel 2001 dopo l’arrivo all’allora Sisde del generale Mario Mori. La magistratura sta indagando se l’appalto sia stato aggiudicato ad Anemone dal Sisde stesso o dal ministero dell’Interno. All’epoca al Viminale c’era Claudio Scajola.

Un altro nome che riporta a Claudio Scajola, dimessosi in seguito allo scandalo sugli assegni pagati per la casa al Colosseo da Anemone, è quello di Angelo Zampolini: dal suo conto corrente, dal quale è stato emesso l’assegno che sarebbe servito per finanziare l’acquisto delle casa di Scajola, sono partiti anche gli assegni usati per comprare due appartamenti di proprietà del generale della Guardia di Finanza Francesco Pittorru. Il quale era responsabile dell’area logistica dell’ex Sisde che gestì l’appalto di piazza Zama.

I legami non finiscono qui. Angelo Balducci, presidente del Consiglio superiore dei lavori pubblici, si serviva, tra le altre, di una scheda telefonica pagata proprio da Anemone, ma intestata a un poliziotto dell’Aisi. E lo stesso Balducci aiutò Scajola a trovar casa a Roma.

“Conobbi Anemone, si giustifica Scajola, perché una sua impresa stava effettuando lavori per la messa in sicurezza del mio alloggio di servizio al Viminale”.

Una conferma degli intrecci tra la “cricca” e i sevizi segreti è arrivata anche da D’Alema, che settimana scorsa, intervenendo a Ballarò, ha detto: “L’imprenditore in questione – riferendosi ad Anemone – era di fiducia del ministero dell’Interno. Me ne sono occupato anche come presidente del Copasir perché aveva un rapporto fiduciario con i servizi al punto che gli avevano assunto persino un cognato” (Arnaldo Pascucci).

Friday, April 30

DIS INFORMAZIONE CONTROLLATA

Il Copasir, la commissione parlamentare che vigila sui servizi segreti, presieduta da Massimo D’Alema, nei giorni scorsi ha ascoltato Italo Bocchino, che aveva denunciato un grave episodio. Ovvero, di essere stato a lungo spiato da agenti del “controspionaggio” o, come oggi vengono chiamati, da agenti del Servizio civile. Giovedì il Copasir ha trattato nuovamente la questione con l’audizione di Adriano Santini, direttore dell’Aise, ex Sismi (spionaggio interno), che ha riferito sui compiti del servizio da lui diretto senza entrare nel dettaglio, anche perché Santini si trova a capo dell’Aise solo da poche setimane.
Nel corso della seduta del Copasir è emerso che alcune settimane fa un centinaio di agenti è passato dall’intelligence militare a quella civile.
Lo spionaggio di Italo Bocchino è cominciato prima o dopo il trasferimento?  Le novità recenti nell’organizzazione dell’Aise è proprio una delle risposte che il Copasir, forse, vuole avere adesso.
 Ma non è la sola, naturalmente.
Il pedinamento di Italo Bocchino è stato deciso in concomitanza di altri eventi, per esempio alla vigilia della rottura fra i finiani e il presidente del Consiglio, quando ancora le nuvole all’orizzonte non lasciavano presagire il temporale che si sarebbe verificato nel corso della riunione della direzione nazionale del Pdl. Tempi insospettabili dunque, ma non per tutti. Per esempio, Il Giornale, edito dalla famiglia Berlusconi, è stato il primo ad anticipare il dimissionamento dell’ex vice capogruppo della Camera dei deputati. “Sarà il primo a perdere la poltrona”, anticipò il quotidiano parecchi giorni or sono. La previsione giornalistica non ha nulla a che vedere con lo spionaggio, ovviamente, ma testimonia il clima “avvelenato” del Pdl, in particolare nelle strette vicinanze di Arcore.
Dopo la riunione del Copasir sono circolate voci circa una faida interna ai servizi segreti e di una fazione, guidata dal generale Niccolò Pollari, vicina a Italo Bocchino. Una voce che vorrebbe fare intendere, senza fornire alcun indizio, che la soffiata che ha consentito di svelare l’episodio di spionaggio sia venuta dall’interno dei servizi. Un ragionamento che ha una sua logica, perché Italo Bocchino non avrebbe potuto averne notizia altrimenti, dal momento che le attenzioni su di lui sono state ben mimetizzate.
La tensione che si respira dalle parti di Montecitorio e Palazzo Chigi, fra Fini e Berlusconi, suscita illazioni e voci incontrollate, alcune delle quali appaiono autentiche farneticazioni, una caccia alle streghe giustificata solo dalla diffidenza e dai sospetti accumulati in questi giorni intensi di guerriglia.
Fra le farneticazioni va annoverata quella di chi collega l’episodio di spionaggio alla vicenda Marrazzo per delineare una strategia degna del Kgb. Metodi sovietici, dunque, che richiamano – proseguendo la farneticazione – le frequentazioni del premier con il suo collega russo, Vladimir Putin, ex capo del Kgb e considerato un esperto in materia.
Gli incontri informali e riservati hanno concesso un qualche interesse, che non merita, agli accostamenti, contribuendo ad avvelenare ulteriormente il clima.
Certo, le recenti rivelazioni sul caso Marrazzo lasciano allibiti: la magistratura inquirente ha accertato il complotto ai suoi danni, una volontà chiara fare esplodere lo scandalo. Ricatto per i soldi o una finalità ben precisa, di natura politica?
Non lo sapremo mai, o meglio, non lo sapremo presto. Lo scandalo Marrazzo, è un fatto incontrovertibile, ha seppellito il gossip che impazzava attorno a Palazzo Grazioli e a Villa Certosa, oltre che “bruciare” in modo grave la permanenza del Pd alla testa della Regione Lazio, un "test"-chiave per l’esito complessivo del voto.
La dietrologia la fa da padrona, stimolando illazioni e farneticanti scenari, il caso Bocchino si carica, forse inevitabilmente, di responsabilità, sospetti che non hanno a che fare con la voglia, platealmente esibita, dal premier di farla finita con il presidente della Camera ed i suoi più fedeli seguaci. Il fatto che si sia arrivati al redde rationem proprio in concomitanza con l’episodio di spionaggio, ha dato una mano a coloro che disegnano complotti e li vedono ad ogni angolo.

Thursday, April 29

Senza vergogna

Fabio Amendolara segue per il Quotidiano della Basilicata la vicenda di Elisa Claps, la ragazza scomparsa nel 1993 all’età di 16 anni, a Potenza, di cui il cui corpo è stato ritrovato il mese scorso nel sottotetto della chiesa potentina della Santissima Trinità. Con lui, che sta vivendo direttamente la vicenda, abbiamo voluto scambiare qualche idea su tutta la vicenda.
Amendolara, innanzitutto ci aiuti ad inquadrare l’ambiente. In una corrispondenza da Potenza, Alberto Statera scriveva su Repubblica del 14 aprile 2007: “In questo ex borgo montanaro, voluto capoluogo regionale da Giuseppe Bonaparte nel 1806, che vide tra i suoi cittadini Giustino Fortunato, vagheggiatore della nascita di una moderna borghesia imprenditoriale nel Mezzogiorno, in questa capitalina di 69 mila abitanti, tra monti bellissimi, ma di una bruttezza palazzinara che fa male all’anima, c’è un tasso di omicidi irrisolti che dev’essere proporzionalmente il più cospicuo d’Italia. Non tanto gli omicidi di camorra, di mafia, di ’ndrangheta, che pure qui arrivano ma che altrove non si contano neanche più. Ma casi in cui s’ intrecciano potere, politica, massonerie, magistratura, corruzioni, abusi, sesso e droga”.E’ davvero questa la Potenza dove è maturato il delitto della Claps?
Potenza, con i suoi 60 mila abitanti, è il capoluogo di una regione che ne ha meno di 600 mila. E’ a Potenza che ci sono le sedi delle maggiori istituzioni e amministrazioni della Basilicata. E’ una città burocratica in cui, a causa dei piccoli numeri, si intrecciano inevitabilmente rapporti tra esponenti dei poteri governativi, amministrativi e politici.
L’unico indagato per la morte della ragazza, almeno per ora, è Danilo Restivo, lo stesso condannato qualche tempo fa semplicemente per falsa testimonianza…
Fu il massimo che il pm di allora, la dottoressa Felicia Genevose, riuscì a ottenere a carico dell’indagato. Con gli elementi che avevano a disposizione il pm riuscì a dimostrare solo le false dichiarazioni che gli valsero una condanna a due anni e otto mesi di reclusione. Poi l’inchiesta passò alla Procura di Salerno. C’è però chi sostiene che Danilo Restivo, in quanto sospettato della scomparsa di Elisa Claps, non era in quel momento imputabile del reato di false dichiarazioni rese al pubblico ministero. E’ purtroppo un caso che, su tutti i punti, continua a dividere la città. E, per tutte le ipotesi, non c’è una verità assoluta.
Noi abbiamo nutrito qualche tempo fa, più di un dubbio che Restivo abbia agito da solo o, quanto meno, che abbia potuto godere di protezioni a diversi livelli. Chi è davvero Danilo Restivo?
Danilo Restivo, oggi trentottenne, all’epoca della scomparsa di Elisa era un ragazzo “chiacchierato”. In città molti sapevano delle sua strana abitudine di tagliare ciocche di capelli a ignare ragazze e molte sue coetanee lo evitavano perché ritenevano che fosse “strano”. Nel 1993 aveva 21 anni ed era, per come lo ricordano, appunto un ragazzo strano. Dubito che avesse potuto godere di conoscenze forti. Cosa diversa per suo padre, Maurizio, ex direttore della biblioteca nazionale. A oggi, però, non ci sono elementi di peso che possano dimostrare la tesi degli aiuti e delle coperture.
Dobbiamo ammettere di essere di fronte ad un delitto e ad un ritrovamento del cadavere che sono pieni di anomalie: donne delle pulizie che vedono il teschio e ne parlano con il viceparroco, calcinacci e materiale edile che ricoprono il cadavere di Elisa e che vengono poi rimossi non si sa bene da chi, e chi più ne ha più ne metta….
Una cosa sola sembra certa nel ritrovamento del cadavere: tutti coloro che lo hanno visto prima del 17 marzo cercano accuratamente di prendere le distanze dal ritrovamento e negano di aver saputo di quei resti umani prima della scoperta “ufficiale”. Credo che in tantissimi, a Potenza, sarebbero stati felici di mettere fine all’angoscia della famiglia e invece stiamo assistendo ad un’ennesima dimostrazione di omertà. Non che Potenza sia una città omertosa, ma tutti quelli che sono finiti in questa storia, chi per una ragione e chi per un’altra, sembrano avere difficoltà a dire effettivamente come stanno le cose.
Da più parti si sostiene che gli investigatori sono convinti che a Potenza più di una persona sapesse da tempo dove fossero occultati i resti di Elisa Claps: è così?
 E’ probabile. Credo che la rete si possa essere formata in questo modo, ma è la mia personale opinione: una persona vicina all’assassino lo ha coperto, un’altra persona ha coperto chi ha coperto l’assassino e così via. E’ possibile, inoltre, che anche per le presunte coperture sia finita così: il poliziotto che ha sbagliato in buona fede è stato coperto dal collega che, a sua volta, è stato coperto dal collega, e così via.  E’ verosimile che chiunque abbia contribuito a tessere questa tela non fosse a conoscenza di tutti gli altri protagonisti, ognuno a suo modo e a seconda delle proprie conoscenze e competenze.

Thursday, March 11

GENCHIS KAN

“Qual è il ruolo attualmente occupato da Gioacchino Genchi all’interno della Polizia di Stato o della Pubblica amministrazione? Il consulente ha ricevuto un nulla osta per poter svolgere attività in proprio o in altre società private  per conto delle procure?” E’ quanto chiede il senatore del Pdl Giuseppe Esposito, vicepresidente del COPASIR, in un’interrogazione ai ministri Maroni, Alfano e Brunetta.  

Nell’indagine  su Fastweb e Telecom Italia Sparkle, il sostituto procuratore Giovanni di Leo ha deciso di ricorrere alla collaborazione del consulente Genchi al quale – è spiegato nel testo -sarebbero stati affidati i documenti informatici sequestrati dalla procura in case e uffici degli indagati. Inoltre, nell’espletamento della consulenza, Genchi risulterebbe aver inviato lettere a Tim, Vodafone e HG3 con la minaccia di bloccare i pagamenti dovuti dalla procura in caso di scarsa collaborazione da parte delle aziende citate. “

Genchi – spiega il senatore Esposito – risulterebbe essere ancora vice questore della Polizia di Stato, ma nonostante questo viene retribuito come un privato dai magistrati che nominano consulente lui o la sua società C.S.I. S.r.l.  

Alla luce di tutto ciò, chiedo inoltre ai ministri di sapere come è protetta la privacy dei cittadini schedati nell’archivio privato del consulente, se ci siano copie di tale archivio e in possesso di chi. Infine, se tutto ciò non rappresenti una situazione di straordinaria gravità che richiede indagini specifiche ad ogni livello da parte degli organi di vigilanza”

Tuesday, March 9

INTERCETTAZIONI ILLECITE: Tronchetti Provera al 16 marzo

Marco Tronchetti Provera sentito come testimone assistito nell'ambito dell'udienza preliminare in corso a Milano sui dossier illeciti. Nessuna dichiarazione, da parte di Tronchetti Provera, che dopo circa tre ore di esame in aula ha lasciato Palazzo di Giustizia affiancato dai suoi legali.

L'avvocato Lanfranconi, che lo ha assistito, ha sottolineato come il presidente di Pirelli abbia ribadito che "tutte le irregolarita' rilevate in modo autonomo dalla societa' siano state portate a conoscenza dell'autorita' giudiziaria. Marco Tronchetti Provera, ha aggiunto il legale- ha anche precisato di aver avuto con Giuliano Tavaroli incontri sporadici, comunque molto ridotti rispetto a quelli tenuti con i collaboratori operativi".

Simonetta Cesaroni. Si è "ucciso" Pietrino Vanacore.

Il 12 marzo avrebbe dovuto testimoniare al processo contro l'ex fidanzato della Cesaroni.

 

Secondo quanto si è appreso da fonti investigative, l'ex portiere di via Poma avrebbe scritto più o meno questo stesso messaggio: «20 anni di martirio senza colpa e di sofferenza portano al suicidio».

Sul posto, si trovano i Carabinieri che stanno aspettando il magistrato di turno Maurizio Carbone della Procura di Taranto.

L'automobile dell'ex portiere è una Citroen AX di colore grigio. Il corpo dell'uomo è ancora in acqua, affiorante. È visibile una fune che per ora non si sa a che cosa sia legata.

S'intravede che è intrecciata ad una caviglia e anche attorno al collo. Il corpo - a quanto viene reso noto - è stato trovato da amici: non si sa se il ritrovamento sia stato casuale o fatto da persone che erano già alla sua ricerca.

Monday, March 8

NOS (il Nulla Osta di Sicurezza) al gruppo del costruttore Anemone. A fornire i chiarimenti sarà domani il sottosegretario con delega Gianni Letta.

Angelo Balducci, ex presidente del Consiglio dei lavori pubblici, si è dichiarato estraneo ai fatti e ha chiesto l'annullamento del provvedimento cautelare. Gli avvocati dell'imprenditore Francesco De Vito Piscicelli ne hanno chiesto l'immediata scarcerazione e il trasferimento degli atti alla procura di Roma. Balducci e Piscicelli, detenuti nell'ambito dell'inchiesta, condotta dalla Procura di Firenze, sugli appalti dei Grandi eventi, sono stati ascoltati dal gip del Tribunale di Roma Valerio Savio (gli interrogatori infatti si svolgono tramite rogatoria). L'accusa per i due è di concorso in corruzione continuata e aggravata.

Balducci si è dichiarato estraneo ai fatti. Il primo a essere ascoltato è stato Balducci, che venerdì è stato raggiunto da un nuovo provvedimento di custodia cautelare in relazione agli appalti per la costruzione della Scuola marescialli dei carabinieri a Firenze. «Balducci ha dichiarato la sua estraneità alla vicenda - ha detto l'avvocato Franco Coppi al termine dell'interrogatorio a Regina Coeli - e non siamo in grado di portare alcun contributo perchè di tutto quello che sarebbe accaduto non sa assolutamente nulla». L'avvocato, che assiste Balducci insieme a Roberto Borgogno, ha detto che «il provvedimento restrittivo della libertà mi sembra effettivamente privo di presupposti». L'interrogatorio, ha detto il penalista, «non ci ha fatto incontrare nessuno dei magistrati che hanno emesso il provvedimento» cosa abbastanza singolare, è la prima volta che mi capita in un processo grave e delicato. Rimango un po' sorpreso». Sulle condizioni psicofisiche di Balducci, Coppi ha dichiarato: «È uno che regge. È reattivo, risponde alle domande, ma ormai è dentro da quasi un mese e queste sono esperienze che segnano, certo non è un albergo a cinque stelle». I legali di Balducci hanno richiesto l'annullamento del provvedimento cautelare. Per il gip di Firenze, Rosario Lupo, Balducci «ha gestito in modo del tutto personalizzato ed egoistico l'enorme potere in parte conferitogli con incarichi di prestigio nella pubblica amministrazione e in parte conquistato sul campo, capace di costruire una ragnatela di rapporti alquanto influenti e forti».


Per Piscicelli domani richiesta di trasferimento degli atti alla Procura di Roma. Il legale di Piscicelli, Marcello Melandri, ha annunciato che domani presenterà una richiesta di trasferimento degli atti alla procura di Roma: «a Firenze non è successo assolutamente nulla e qualunque cosa ci contestino è avvenuta a Roma, i fatti sono tutti avvenuti a Roma». Il legale dell'imprenditore ha detto di essere assolutamente certo che la vicenda «finirà benissimo per noi e finirà a Roma». Melandri ha inoltre aggiunto che il suo assistito «ha chiarito perfettamente e quindi abbiamo chiesto immediata scarcerazione». A chi gli chiedeva dei rapporti tra Piscicelli e gli altri protagonisti dell'inchiesta, il legale ha spiegato che i rapporti erano regolari senza nessun tipo di problema«. Sull'ordinanza di custodia cautelare che ha raggiunto Piscicelli nei giorni scorsi, l'avvocato ha detto: »perchè si è arrivato a questo? Lui aveva già chiarito tutto». Piscicelli viene definito «sciacallo» dal giudice fiorentino: è l'imprenditore intercettato mentre rideva la notte del terremoto in Abruzzo pregustando gli appalti in arrivo.

Parere negativo dei pubblici ministeri alle richieste di revoca della custodia cautelare in carcere per Diego Anemone, Angelo Balducci e Mauro Della Giovampaola che avevano chiesto al gip di Perugia, al termine degli interrogatori di garanzia, di revocare la misura disposta nei loro confronti il 27 febbraio scorso per l'indagine sugli appalti per i cosiddetti Grandi eventi. La decisione del giudice Paolo Micheli è attesa in giornata. Nessuna istanza è stata avanzata da parte del quarto arrestato, Fabio De Santis.

Mercoledì l'interrogatorio di Fusi. Nell'ambito della stessa inchiesta è stato rinviato a data da destinarsi l'interrogatorio del costruttore fiorentino Riccardo Fusi, patron della Btp (ha lasciato l'incarico di presidente lo scorso 18 febbraio), precedentemente previsto per mercoledì 10 marzo, nel quale erano annunciate clamorose rivelazioni. Per Fusi il gip ha respinto la richiesta di custodia cautelare non ravvisando il pericolo di fuga e rilevando che il costruttore era fuori dal sistema di corruttela nella gestione dei grandi appalti costituitosi al dipartimento governativo di via della Ferratella. In settimana, poi, il gip si è riservato di interrogare l'avvocato romano Guido Cerruti, agli arresti domiciliari per le sue condizioni di salute.

Attenzione all'inchiesta del Copasir. Sull'inchiesta G-8 c'è attenzione anche da parte del Copasir, il Comitato parlamentare per la Sicurezza della Repubblica, in relazione al coinvolgimento di uomini dei Servizi Segreti e sul rilascio del NOS (il Nullaosta di sicurezza) al gruppo del costruttore Anemone. A fornire i chiarimenti sarà domani il sottosegretario Gianni Letta.

Saturday, March 6

« Curiam, in qua occisus est obstrui placuit Idusque Martias Parricidium nominari, ac ne umquam eo die senatus ageretur. »

Ultime notizie (dopo 32 anni) sull’“affare Moro”: i Servizi segreti italiani dell’epoca si attivarono per ottenere la collaborazione di gruppi della resistenza palestinese al fine di giungere “alla liberazione dell’on. Aldo Moro”. Fin qui nulla da eccepire. Il fatto nuovo, stravagante, e incredibile (pur se qualche dubbio in proposito è già affiorato da alcuni anni) è che l’iniziativa fu presa il 2 marzo 1978, vale a dire quattordici giorni prima dell’agguato in via Fani, quando i cinque uomini della scorta del presidente della Dc furono massacrati e Moro venne sequestrato, e poi tenuto prigioniero, durante 55 giorni, fino alla sua esecuzione. Insomma, i servizi sapevano con buon anticipo quello che sarebbe accaduto la mattina di quel 16 marzo, e si preparavano a gestire la fase immediatamente successiva. Sapevano, ma si erano ben guardati dal segnalare la cosa a chi di dovere - il diretto interessato, il governo, i servizi di sorveglianza -, preoccupandosi invece di prendere contatti nell’agitato e composito (in quegli anni come oggi) calderone mediorientale. I servizi segreti, si è detto, ma quali servizi segreti?
La risposta - come spesso accade quando ci si addentra nei meandri delle “barbe finte” nostrane - è insieme semplice e complessa. Infatti, torna in scena una sigla dietro la quale non si è mai saputo che cosa esattamente vi fosse: Gladio. Ascoltiamo Falco Accame, ammiraglio a riposo con una brillante carriera nella Marina Militare, ex presidente della Commissione difesa della Camera: “In un documento (numero di repertorio 122627), autenticato dal notaio Piero Ingozzi, di Oristano, si legge che il 2 marzo 1978, e cioè quattordici giorni prima del rapimento dell’on. Moro e dell’uccisione della sua scorta, la X Divisione Stay Behind della direzione del personale del ministero della Marina, a firma del capitano di vascello capo della Divisione stessa, inviava l’agente G71, appartenente alla Gladio-Stay Behind (partito da La Spezia il 6 marzo sulla motonave Jumbo M) a Beirut, per consegnare documenti all’agente G219 ivi dislocato, dipendente dal capocentro G216, cioè il colonnello Stefano Giovannone, affinché prendesse contatti con i movimenti di liberazione in Medio Oriente, perché questi intervenissero sulle Brigate Rosse, ai fini della liberazione dell’on.Moro”. “Perché, viene da chiedersi - aggiunge Accame - la X Divisione non avvertì l’on.Moro e le Forze dell’ordine il 2 marzo? Si poteva evitare la prigionia di Moro e la morte dei suoi agenti di scorta? Una domanda incredibile, surreale, se non emergesse da un documento a ‘distruzione immediata’ che però non venne distrutto dal latore, e che ora riemerge come da un profondo abisso. Dell’esistenza del documento è stato informato il Procuratore militare della Repubblica dott. Intelisano. Il documento è riportato, con molti altri, in un libro di prossima pubblicazione negli Stati Uniti, scritto dall’ex gladiatore Antonino Arconte, l’agente G71 che portò il documento a Beirut”.
In effetti il documento in questione esiste, su carta intestata del ministero della Difesa – Direzione generale S. B. – Personale militare della Marina, timbrato, firmato dal capitano di vascello Remo Malusardi, datato (2 marzo 1978), e vi si legge: “Oggetto: autorizzazione ministeriale riferita a G.219. È autorizzato ad ottenere informazioni di 3° grado e più, se utili alla condotta di operazioni di ricerca contatto con gruppi del terrorismo M. O. al fine di ottenere collaborazione e informazioni utili alla liberazione dell.on Aldo Moro”. Si fa riferimento ad Antonino Arconte, “appartenente all’Organizzazione Gladio”, in forza dal 6 marzo 1978 come macchinista navale sulla motonave Jumbo M, che “ha ricevuto in consegna il plico contenente n. 5 passaporti e questo ordine diramato dal Simm presso l’Ammiragliato e proveniente dal ministero della Difesa”. Alla fine, la scritta in lettere maiuscole :”DOCUMENTO A DISTRUZIONE IMMEDIATA”.

• • •

Antonino Arconte, il testimone chiave di questa oscura vicenda, oggi ha 47 anni, sposato con due figli, vive a Cabras (Oristano) e svolge un’attività di costruttore edile, soprattutto in Florida. A 16 anni si era arruolato volontario nell’Esercito, passando poi alla Marina Militare, come sottufficiale fuochista, e assegnato al comando incursori subacquei. In quel reparto i servizi segreti militari reclutavano gli agenti destinati alle operazioni “coperte”, un aggettivo sotto il quale si possono collocare tutte quelle attività che devono rimanere nascoste. Antonino Arconte era così diventato l’agente G71. Un agente molto attivo, utilizzato in vari modi, anche come “postino”. Ed è con questa mansione che entra, senza saperlo, nell’“affare Moro”. In che modo? L’ex agente segreto lo racconta a Giuliano Fontani, in un’intervista pubblicata da Il Tirreno il 1 maggio 2002: “La mattina del 6 marzo 1978 mi danno l’ordine di partire per Beirut con una busta sigillata. Dentro, ma l’ho saputo soltanto dopo, c’erano cinque passaporti falsi, nel senso che riportavano nomi e dati anagrafici di persone italiane, di cui però non c’era la foto. Dovevo consegnarli all’agente G219, che successivamente ho conosciuto come il colonnello Ferraro, un parà distaccato in Medio Oriente. Lui, a sua volta, avrebbe dovuto dare il plico al suo capocentro, il colonnello Stefano Giovannone, sigla in codice G216. Il pomeriggio mi imbarco da La Spezia, sulla motonave Jumbo M, e nel giro di tre giorni sono a Beirut. Consegno la busta a G219, e il mio compito è finito ben prima del rapimento di Moro”.
Passano gli anni, e nel 1985 Antonino Arconte viene licenziato in tronco. Anzi, da un giorno all’altro trova che il suo ufficio è stato smantellato, al pari della struttura alla quale apparteneva. Persino i suoi superiori sono spariti. Del resto, gli viene detto che dovrebbe sparire anche lui, che l’agente G71 non è mai esistito, come non sono mai esistite le operazioni a cui ha partecipato. Ma Arconte non ha alcuna intenzione di sparire, e si rivela un osso duro. Si dà molto da fare, e sa come muoversi. Recupera in maniera riservata dei contatti, raccoglie documenti “top secret”, e, forte delle sue ragioni e del suo dossier, fa causa allo Stato italiano davanti alla Commissione europea di Strasburgo. E vince: lo Stato italiano è condannato a risarcirlo con sentenza definitiva. Tra gli incartamenti presentati per la causa, appare quel documento firmato il 2 marzo 1978 nel quale ci si riferisce profeticamente a un tragico evento quattordici giorni prima che esso avvenga. “Io ne ho sempre parlato con tutti - dice oggi Arconte nell’intervista a Il Tirreno - questa cosa l’ho persino scritta nella causa che ho intentato e vinta contro lo Stato italiano davanti alla Commissione europea per i diritti dell’uomo. Non è colpa mia se nel nostro Paese non se ne è mai parlato. Capisco, è roba scomoda, compromettente. Ma dentro c’è un pezzo della storia del nostro Paese, forse non la migliore, non sta a me giudicare, di sicuro molto interessante”. Definire “scomoda” e “compromettente” la missione di Arconte a Beirut sembra davvero riduttivo. Dietro vi è ben altro, di qualsiasi cosa si tratti. E forse ai morti del “caso Moro” si deve aggiungere, in tempi non troppo lontani, uno strano “suicidio”.

• • •

Il 6 luglio 1995, il colonnello Mario Ferraro viene trovato impiccato al portasciugamani del bagno della sua abitazione, a Roma. Ferraro è l’agente G219 al quale Antonino Arconte il 6 marzo 1978, a Beirut, aveva consegnato il plico contenente i cinque passaporti falsi e il documento che chiedeva di prendere contatti per ottenere la “collaborazione e informazioni utili alla liberazione dell’on. Aldo Moro” quando la strage di via Fani era ancora di là da venire. A scoprire il cadavere dell’ufficiale è la sua compagna Maria Antonietta Viali: Ferraro è seduto sul pavimento, il collo stretto dalla cintura dell’accappatoio. Suicidio, decreta subito il magistrato incaricato del caso, che non dispone nemmeno l’autopsia. Anche se da un punto di vista “tecnico” l’ipotesi che l’ufficiale abbia voluto e potuto togliersi la vita in quel modo appare molto dubbia. Suicidio per suicidio, sarebbe stato più logico che usasse la sua pistola. E poi, quali motivi aveva Mario Ferraro per uccidersi? “Nessuno - afferma Maria Antonietta Viali - quella domenica lui era sereno, avevamo trascorso una giornata meravigliosa, l’ultima”. Però, se non aveva né l’intenzione né il motivo di suicidarsi, il colonnello non si sentiva tranquillo. Aveva scritto ai suoi familiari una lunga lettera nella quale manifestava il timore di essere ucciso: in particolare era preoccupato per una sua possibile missione a Beirut, che rischiava di essere un viaggio senza ritorno. “È omicidio - ripete Maria Antonietta - Mario non si è ucciso, non ci ho creduto neppure per un attimo, e sono convinta che prima o poi la verità salterà fuori…”.
Omicidio, ma perché? Chi aveva interesse a eliminare il colonnello Mario Ferraro, l’agente G219 misteriosamente implicato nell’“affare Moro”? E torniamo a quell’enigmatico foglio con intestazione del ministero della Difesa - Direzione generale S. B. - Personale militare della Marina, dato 2 marzo 1978, timbrato e firmato da un capitano di vascello, nel quale si fa riferimento (due settimane prima del fatto) al rapimento di Aldo Moro, all’agente G219, all’organizzazione Gladio: documento a distruzione immediata, veniva specificato. Ma Ferraro, che doveva riferirne il contenuto al suo capocentro a Beirut, il colonnello Stefano Giovannone, alias agente G216, evidentemente non lo distrusse, anzi, lo conservò accuratamente, o lo consegnò ad altri (ad Antonino Arconte, agente G71 “postino” dell’operazione?). Forse in proposito, dato il suo grado, ne sapeva molto di più, e aveva pensato che quella fosse una carta forte da giocare in qualche modo, e in effetti lo era. Anzi, troppo forte, tanto da richiedere uno sbrigativo intervento. Il colonnello Giovannone era morto il 17 luglio 1985, dopo essere stato due volte inquisito e arrestato: per l’uccisione del giornalista Italo Toni e della compagna Graziella De Palo da parte del Flp (Fronte di liberazione della Palestina), con l’accusa di averne segnalata la presenza in Libano ai dirigenti dell’organizzazione terrorista, e per un traffico d’armi tra i palestinesi e le Brigate Rosse. Undici giorni dopo la morte dell’agente G216, il Presidente del Consiglio di allora Bettino Craxi aveva opposto il segreto di Stato alla richiesta di notizie e chiarimenti sui rapporti tra i servizi segreti italiani e l’Flp.
Quanto ad Antonino Arconte, si era deciso ad uscire allo scoperto - prima con la causa a Strasburgo, e ora con il libro di prossima pubblicazione - proprio perché, dice, “così non avrebbe più senso uccidermi”. E racconta che il 28 febbraio 1993, mentre stava scalando le scogliere di Capo Marrargiu, due uomini che lo attendevano in cima, sul bordo della spianata dove aveva lasciato la sua auto, avevano tentano di farlo precipitare in basso. Ne era seguita una breve lotta, e i due erano spariti, mentre Arconte era andato ad Alghero a far medicare le sue ferite. “Non ho denunciato la cosa. Potevo dire che ero un ex gladiatore? E chi mi avrebbe creduto? E poi, in quel periodo ero sottoposto a una persecuzione di false accuse. Anche una denuncia per traffico di droga: cinque grammi di hashish. Dopo sentenze e appelli sono riuscito a dimostrare che l’accusa era falsa, e perfino chi l’aveva firmata ha dovuto riconoscere di averlo fatto senza sapere di cosa si trattasse. Ho dunque deciso di parlare, perché mi sento in pericolo. Molti, troppi di noi sono morti. Chi in missione, chi in strani incidenti, e chi perfino suicidato”. La morte del colonnello Ferraro? “L’hanno trovato impiccato al portasciugamani del bagno di casa sua. Figuriamoci. Lui, un omone di un metro e novanta”.

• • •

I servizi segreti sapevano, dunque, che Aldo Moro sarebbe stato rapito. E lo sapevano con un anticipo di almeno due settimane. Ma, ci si chiede ancora, quali servizi segreti? Una componente di Gladio (distinta dalla lista dei 622 nomi ufficialmente rivelata), con compiti del tutto diversi da quelli dello Stay Behind, cioè l’attesa di un’ipotetica invasione sovietica? In una lettera indirizzata al Presidente della Repubblica, e per conoscenza ai Presidenti del Senato e della Camera, del 4 aprile 2002, l’ammiraglio Falco Accame sottolinea “l’esistenza di una componente mai resa nota dell’organizzazione Gladio S/B che operava tra l’altro dalla sede della Direzione generale del Personale della Marina Militare (X Divisione S/B9, alle dipendenze del ministero Difesa Marina, e ciò a differenza della ‘Gladio conosciuta’ che dipendeva dalla Sezione Sad dell’ufficio R del Sismi (che dopo la riforma del 1977 divenne una Divisione del Servizio alle dirette dipendenze del Direttore del Servizio)… L’esistenza di questa componente di Gladio (forse circa 280 persone) di cui non si conoscono i nomi, che operava con compiti anche all’estero, compiti che non sono mai stati resi noti al Parlamento, compiti di destabilizzazione di governi esteri e di collegamento con il terrorismo mediorientale… Per quanto riguarda quindi la vicenda della strage di via Fani occorre conoscere se vi fu questo preavviso (forse legato a informative venute in precedenza dal Medio Oriente) e perché di conseguenza non sia stato possibile evitare la strage stessa. E infine perché in Italia nessuno è venuto a sapere dell’esistenza di questo preavviso. Con grande preoccupazione quindi si rilegge oggi quanto venne scritto sul settimanale L’Observer il 7 giugno 1992 in cui si affermava che, quanto al rapimento Moro la più grave accusa contro Gladio è ‘che vi ha cooperato o almeno non ha fatto nulla per prevenire’, e che… le Brigate Rosse erano profondamente infiltrate da agenti dei servizi segreti occidentali”.
Nell’articolo del settimanale britannico veniva citato il colonnello Oswald Le Winter, un agente della Cia, secondo il quale “la Direzione strategica delle Brigate Rosse era composta da agenti dei servizi segreti”.

• • •

Alle 9 del 16 marzo 1978 il colonnello Camillo Guglielmi, dirigente di una sezione del Sismi, si trovava in via Fani. La sua presenza era stata rivelata nel 1991 da Pierluigi Ravasio, ex agente del servizio segreto militare, e Guglielmi, interrogato dalla Commissione stragi, l’aveva ammessa, sostenendo di trovarsi lì perché invitato a pranzo da un collega che abitava in via Stresa. A sua volta, il collega aveva riferito che Guglielmi si era presentato a casa sua poco dopo le 9, ma che non era affatto atteso, e non esisteva alcun invito a pranzo: del resto, non ci si presenta alle 9 per pranzare. Il colonnello si era intrattenuto con il collega qualche minuto, ed era tornato in strada, dicendo che “doveva essere accaduto qualcosa”.
Camillo Guglielmi, soprannominato “Papà”, era il superiore diretto di Ravasio, il quale aveva dichiarato che durante la sua attività nel Sismi si addestrava regolarmente a Capo Marrargiu (Cala Griecas), con due istruttori di Gladio, un maresciallo degli Alpini e un ufficiale di Marina.
Vi è di più. Si è più volte rilevato che quella mattina del 16 marzo 1978 in via Fani, nel commando dei brigatisti si era distinto per rapidità, preparazione e precisione di tiro un personaggio che non risulta corrispondere a nessuno degli uomini di Mario Moretti individuati. Uno, o forse due. Il secondo in funzione d’appoggio. In un’interrogazione parlamentare dell’11 gennaio 1991, l’on. Luigi Cipriani ricordava che in via Fani erano stati ritrovati, dopo la strage della scorta e il rapimento di Aldo Moro, 39 bossoli ricoperti da una vernice protettiva, privi di data di fabbricazione, una caratteristica che - secondo un perito del Tribunale - indicava delle munizioni riservate a Forze statali non convenzionali. Come Gladio, per intenderci.
E allora, ecco che trarre delle conclusioni diviene davvero facile e difficile nello stesso tempo. Certo, esisteva un Sismi-Gladio che operava, in quasi assoluta autonomia, non si sa bene per conto di chi. Persino di quel SIMM (Servizio informazioni Marina Militare) citato nel documento che avrebbe dovuto essere immediatamente distrutto, si è sempre ignorata ufficialmente l’esistenza. Misteri della burocrazia militare? Forse. Però, non sarebbe fuori luogo spiegare, anche a distanza di 24 anni, come sia potuto accadere che una branca dei servizi segreti (che si chiamasse Gladio, o in altro modo) avesse previsto un’azione terrorista che avrebbe sconvolto e condizionato la vita del Paese, tessendo poi attorno a questo evento una rete di omissioni, di menzogne, di depistaggi. È lecito ipotizzare che la missione a Beirut dell’agente G71 servisse ad innescare un gioco delle parti che avrebbe potuto riuscire utile in seguito, durante i giorni e le settimane della prigionia di Moro?
Ma chi era a “giocare”? Più che un sospetto, una convinzione si impone: qualcuno ha lasciato fare, qualcuno è intervenuto affinché “la cosa” fosse fatta, qualcuno ha operato per impedire che la prigione di Moro fosse trovata. Qualcuno. E Gladio, in fondo, sembrerebbe essere solo un nome di comodo.