Showing posts with label MEDIO ORIENTE. Show all posts
Showing posts with label MEDIO ORIENTE. Show all posts

Friday, February 3

SEVEN MEN WITH DARK MONEY CONTROL THE WORLD

How corporate dark money is taking power on both sides of the Atlantic by George Monbiot.

In April 1938, President Franklin Roosevelt sent the US Congress the following warning: “The liberty of a democracy is not safe if the people tolerate the growth of private power to a point where it becomes stronger than their democratic state itself. That, in its essence, is comunism and fascism.” It is a warning we would do well to remember.

It took corporate America a while to warm to Donald Trump. Some of his positions, especially on trade, horrified business leaders. Many of them favoured Ted Cruz or Scott Walker. But once Trump had secured the nomination, the big money began to recognise an unprecedented opportunity.

Trump was prepared not only to promote the cause of corporations in government, but to turn government into a kind of corporation, staffed and run by executives and lobbyists. His incoherence was not a liability, but an opening: his agenda could be shaped. And the dark money network already developed by some American corporations was perfectly positioned to shape it. 

Dark money is the term used in the US for the funding of organisations involved in political advocacy that are not obliged to disclose where the money comes from. Few people would see a tobacco company as a credible source on public health, or a coal company as a neutral commentator on climate change. In order to advance their political interests, such companies must pay others to speak on their behalf.

Soon after the second world war, some of America’s richest people began setting up a network of thinktanks to promote their interests. These purport to offer dispassionate opinions on public affairs. But they are more like corporate lobbyists, working on behalf of those who fund them.

We have no hope of understanding what is coming until we understand how the dark money network operates. The remarkable story of a British member of parliament provides a unique insight into this network, on both sides of the Atlantic. His name is Liam Fox. Six years ago, his political career seemed to be over when he resigned as defence secretary after being caught mixing his private and official interests. But today he is back on the front bench, and with a crucial portfolio: secretary of state for international trade.

In 1997, the year the Conservatives lost office to Tony Blair, Fox, who is on the hard right of the Conservative party, founded an organisation called The Atlantic Bridge. Its patron was Margaret Thatcher. On its advisory council sat future cabinet ministers Michael Gove, George Osborne, William Hague and Chris Grayling. Fox, a leading campaigner for Brexit, described the mission of Atlantic Bridge as “to bring people together who have common interests”. It would defend these interests from “European integrationists who would like to pull Britain away from its relationship with the United States”.

Atlantic Bridge was later registered as a charity. In fact it was part of the UK’s own dark money network: only after it collapsed did we discover the full story of who had funded it. Its main sponsor was the immensely rich Michael Hintze, who worked at Goldman Sachs before setting up the hedge fund CQS. Hintze is one of the Conservative party’s biggest donors. In 2012 he was revealed as a funder of the Global Warming Policy Foundation, which casts doubt on the science of climate change. As well as making cash grants and loans to Atlantic Bridge, he lent Fox his private jet to fly to and from Washington.

Another funder was the pharmaceutical company Pfizer. It paid for a researcher at Atlantic Bridge called Gabby Bertin. She went on to become David Cameron’s press secretary, and now sits in the House of Lords: Cameron gave her a life peerage in his resignation honours list.

In 2007, a group called the American Legislative Exchange Council (Alec) set up a sister organisation, the Atlantic Bridge Project. Alec is perhaps the most controversial corporate-funded thinktank in the US. It specialises in bringing together corporate lobbyists with state and federal legislators to develop “model bills”. The legislators and their families enjoy lavish hospitality from the group, then take the model bills home with them, to promote as if they were their own initiatives.

Alec has claimed that more than 1,000 of its bills are introduced by legislators every year, and one in five of them becomes law. It has been heavily funded by tobacco companies, the oil company Exxon, drug companies and Charles and David Koch – the billionaires who founded the first Tea Party organisations. Pfizer, which funded Bertin’s post at Atlantic Bridge, sits on Alec’s corporate board. Some of the most contentious legislation in recent years, such as state bills lowering the minimum wage, bills granting corporations immunity from prosecution and the “ag-gag” laws – forbidding people to investigate factory farming practices – were developed by Alec.

To run the US arm of Atlantic Bridge, Alec brought in its director of international relations, Catherine Bray. She is a British woman who had previously worked for the Conservative MEP Richard Ashworth and the Ukip MEP Roger Helmer. Bray has subsequently worked for Conservative MEP and Brexit campaigner Daniel Hannan. Her husband is Wells Griffith, the battleground states director for Trump’s presidential campaign.

Among the members of Atlantic Bridge’s US advisory council were the ultra-conservative senators James Inhofe, Jon Kyl and Jim DeMint. Inhofe is reported to have received over $2m in campaign finance from coal and oil companies. Both Koch Industries and ExxonMobil have been major donors.

Kyl, now retired, is currently acting as the “sherpa” guiding Jeff Sessions’s nomination as Trump’s attorney general through the Senate. Jim DeMint resigned his seat in the Senate to become president of the Heritage Foundation – the thinktank founded with a grant from Joseph Coors of the Coors brewing empire, and built up with money from the banking and oil billionaire Richard Mellon Scaife. Like Alec, it has been richly funded by the Koch brothers. Heritage, under DeMint’s presidency, drove the attempt to ensure that Congress blocked the federal budget, temporarily shutting down the government in 2013. Fox’s former special adviser at the Ministry of Defence, an American called Luke Coffey, now works for the foundation.

The Heritage Foundation is now at the heart of Trump’s administration. Its board members, fellows and staff comprise a large part of his transition team. Among them are Rebekah Mercer, who sits on Trump’s executive committee; Steven Groves and Jim Carafano (State Department); Curtis Dubay (Treasury); and Ed Meese, Paul Winfree, Russ Vought and John Gray (management and budget). CNN reports that “no other Washington institution has that kind of footprint in the transition”.

Trump’s extraordinary plan to cut federal spending by $10.5tn was drafted by the Heritage Foundation, which called it a “blueprint for a new administration”. Vought and Gray, who moved on to Trump’s team from Heritage, are now turning this blueprint into his first budget.

This will, if passed, inflict devastating cuts on healthcare, social security, legal aid, financial regulation and environmental protections; eliminate programmes to prevent violence against women, defend civil rights and fund the arts; and will privatise the Corporation for Public Broadcasting. Trump, as you follow this story, begins to look less like a president and more like an intermediary, implementing an agenda that has been handed down to him.

In July last year, soon after he became trade secretary, Liam Fox flew to Washington. One of his first stops was a place he has visited often over the past 15 years: the office of the Heritage Foundation, where he spoke to, among others, Jim DeMint. A freedom of information request reveals that one of the topics raised at the meeting was the European ban on American chicken washed in chlorine: a ban that producers hope the UK will lift under a new trade agreement. 

Afterwards, Fox wrote to DeMint, looking forward to “working with you as the new UK government develops its trade policy priorities, including in high value areas that we discussed such as defence”.

How did Fox get to be in this position, after the scandal that brought him down in 2011? The scandal itself provides a clue: it involved a crossing of the boundaries between public and private interests. The man who ran the UK branch of Atlantic Bridge was his friend Adam Werritty, who operated out of Michael Hintze’s office building. Werritty’s work became entangled with Fox’s official business as defence secretary. Werritty, who carried a business card naming him as Fox’s adviser but was never employed by the Ministry of Defence, joined the secretary of state on numerous ministerial visits overseas, and made frequent visits to Fox’s office.

By the time details of this relationship began to leak, the charity commission had investigated Atlantic Bridge and determined that its work didn’t look very charitable. It had to pay back the tax from which it had been exempted (Hintze picked up the bill). In response, the trustees shut the organisation down. As the story about Werritty’s unauthorised involvement in government business began to grow, Fox made a number of misleading statements. He was left with no choice but to resign.

When Theresa May brought Fox back into government, it was as strong a signal as we might receive about the intentions of her government. The trade treaties that Fox is charged with developing set the limits of sovereignty. US food and environmental standards tend to be lower than Britain’s, and will become lower still if Trump gets his way. 

Any trade treaty we strike will create a common set of standards for products and services. Trump’s administration will demand that ours are adjusted downwards, so that US corporations can penetrate our markets without having to modify their practices. All the cards, post-Brexit vote, are in US hands: if the UK doesn’t cooperate, there will be no trade deal.

May needed someone who is unlikely to resist. She chose Fox, who has become an indispensable member of her team. The shadow diplomatic mission he developed through Atlantic Bridge plugs him straight into the Trump administration.

Long before Trump won, campaign funding in the US had systematically corrupted the political system. A new analysis by US political scientists finds an almost perfect linear relationship, across 32 years, between the money gathered by the two parties for congressional elections and their share of the vote. But there has also been a shift over these years: corporate donors have come to dominate this funding.

By tying our fortunes to those of the United States, the UK government binds us into this system. This is part of what Brexit was about: European laws protecting the public interest were portrayed by Conservative Eurosceptics as intolerable intrusions on corporate freedom. Taking back control from Europe means closer integration with the US. The transatlantic special relationship is a special relationship between political and corporate power. That power is cemented by the networks Liam Fox helped to develop.

Saturday, July 30

                                                                   Margarte Brennan

Since 2012, Ms. Brennan has covered foreign policy issues and traveled with secretaries Kerry, Clinton, and Hagel. She was among the first to interview Secretary Kerry about freezing Iran’s nuclear program and destroying Syria’s chemical weapons. She interviewed South Korean President Park Geun-Hye and reported from Tehran during the 2012 Non-Aligned Movement. She was part of the CBS team to win a DuPont-Columbia Award for coverage of the Newtown Tragedy. Previously, Ms. Brennan spent a decade at Bloomberg Television and CNBC. She is a Council on Foreign Relations term member, University of Virginia alum, and studied Arabic at Yarmouk University as a Fulbright-Hays Scholar.

Thursday, August 27

LO STRANO E INQUIETANTE SILENZIO DI ISRAELE

Infragilito dalla guerra civile, il governo di Damasco non ha bisogno di aprire un fronte con Israele, che tiene sempre aggiornata una lista di bersagli da colpire in Siria, ha i mezzi per reagire e ha pochi vincoli politici, al contrario della Coalizione internazionale che con Damasco mantiene una tregua. Ma Damasco non può fare altrimenti che seguire le disposizioni di Teheran, perché ha bisogno dell’alleanza.

Israele ha risposto nel giro di poche ore con un bombardamento d’artiglieria contro quattordici postazioni in territorio siriano, tra i dieci e i quindici chilometri oltre il confine, in una fascia di territorio che è controllata dall’esercito di Damasco. 

E’ il bombardamento contro la Siria più intenso da quattro decenni, considerato che negli anni scorsi ci sono stati colpi di mortaio partiti dal lato siriano e che Israele ha cominciato a colpire oltre confine a partire dal febbraio 2013, per bloccare i trasferimenti di armi sofisticate verso il gruppo libanese Hezbollah.

Il comando israeliano dice ai media che a sparare i quattro razzi non è stato l’esercito siriano, ma la sezione palestinese della forza al Quds iraniana, “anche se consideriamo la Siria responsabile di cosa succede in quella zona”. L’attacco “è stato pianificato da Saeed Izadi”, il capo della sezione. 

“E’ il loro modo di dire: sapete che siamo stati noi, ma l’uso dei razzi prova che siamo stati proprio noi”, dice un ricercatore del Washington Institute, Nadak Pollak, al sito israeliano Times of Israel. “Se fossero stati colpi di mortaio si sarebbe potuto pensare a qualche proiettile vagante”, finito al di qua del reticolato per errore. 

E’ stato questo elemento dell’intenzionalità a provocare la risposta israeliana così intensa

La forza al Quds è il reparto iraniano che si occupa delle operazioni speciali all’estero e agisce grazie all’appoggio e alla presenza di milizie locali. In questo caso secondo l’esercito israeliano si trattava di quattro uomini del Jihad islamico, un gruppo palestinese di Gaza che ha il suo quartier generale a Damasco. 

Del resto non c’è gruppo islamista della regione che negli anni recenti non abbia fatto base in Siria, come Hamas e Hezbollah (e pure il PKK, che non è islamista). Anche lo Stato islamico che distrugge monasteri vicino Damasco e filma esecuzioni di massa a Palmira ha usato la Siria come una retrovia sicura con l’appoggio deliberato del governo del presidente Bashar el Assad tra il 2003 e il 2009.

Venerdì mattina nella stessa area un drone israeliano ha colpito e ucciso quattro uomini a bordo di una macchina, che si pensa fossero legati all’attacco con razzi della sera prima. Il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha confermato le dichiarazioni dell’esercito, a proposito della responsabilità dell’Iran agevolato dall’alleanza con la Siria. 

Il ministro della Difesa, Moshe Yaalon, dice che l’attacco non è che un assaggio di quello che verrà ora che l’Iran sarà liberato dalle sanzioni internazionali e quindi avrà più fondi a disposizione per finanziare le operazioni in medio oriente.

Come per l’attacco con il gas nervino di due anni fa, anche questa politica aggressiva sul confine nord di Israele per ora è condonata al rais Assad perché la situazione nel paese è bloccata da una serie di fattori. 

Il primo su tutti è l’espansione dello Stato islamico in numerose aree (anche se la prima città effettivamente conquistata dallo Stato islamico in Siria è Palmira, nel maggio di quest’anno; per due anni il gruppo ha combattuto assai di rado Assad, e combatteva invece contro le fazioni dell’opposizione armata).

Friday, May 15

LO STATO ISLAMICO TEME UN UOMO SOLO.

Non è certo che abbiano letto San Tommaso e le sue dissertazioni sulla guerra giusta, ma i cristiani del Nord dell’Iraq vivono sulla propria pelle, quotidianamente, la minaccia costante alla loro esistenza. 

Nella piana di Ninive, dove, prima dell’arrivo dello Stato Islamico, viveva buona parte di questa comunità, si è formato un gruppo di combattenti, la Nineveh Plains Protection Unit (NPU), che vuole opporsi a un destino apocalittico.

L'unità, formata da circa 5.500 uomini, è finanziata soprattutto dall'American Mesopotamian Organization (AMO), fondata in California da alcuni assiro-americani. L'AMO sostiene di avere raccolto più di 250.000 dollari per la NPU, attraverso un'iniziativa ribattezzata “Restore Niniveh Now”. 

Matthew VanDyke
L'ottanta per cento delle donazioni viene dagli Stati Uniti. Questo progetto si è intrecciato con gli sforzi di un altro americano, di Baltimora, Matthew VanDyke. Il personaggio è controverso, e la sua biografia è già un romanzo. Nel 2011 scoppia la primavera araba. VanDyke va in Libia per combattere Gheddafi, a fianco dei ribelli. Viene fatto prigioniero e passa cinque mesi e mezzo nelle carceri del Colonnello. 

Poi, dopo alcuni viaggi in Siria e una campagna mediatica a favore della rivolta contro Assad, fonda i Sons of Liberty International (SOLI) –  “il primo contractor di sicurezza no profit”, dice, nulla a che vedere la Blackwater - che addestra gratuitamente i miliziani anti- Stato islamico e recluta alla causa veterani americani.

È stata l’uccisione dei giornalisti James Foley e Steven Sotloff per mano del Califfato a riportarlo sui campi di battaglia, ed è stata la mancanza di sostegno internazionale a convincerlo che la sopravvivenza dei cristiani iracheni fosse la causa a cui votarsi

Alcuni media hanno paragonato Matthew a Che Guevara, soprattutto per un viaggio in moto attraverso nei paesi arabi che lo ha portato, come il Che sulla strada della rivoluzione in armi. 

Lui racconta di considerarsi su un piano diverso: “Malgrado ci siano similitudini con il Che Guevara, non mi paragono ai rivoluzionari del passato. Seguo un percorso che è soltanto mio, e che prevede un approccio più ampio”. 

VanDyke chiarisce infatti che i SOLI sono l'evoluzione della sua attività rivoluzionaria: “Si tratta di uno strumento adatto alla modernità e ai suoi bisogni, oltre che al diritto internazionale. A mio parere, l'unica maniera perché i popoli possano proteggersi da regimi oppressivi consiste nel rovesciarli. 

Lo Stato Islamico è uno Stato autoritario, e deve essere rovesciato”. Insomma, se il Califfo ha fondato una vera e propria entità statuale, in nome della responsibility to protect bisogna appoggiare la “rivoluzione” contro Abu Bakr al-Baghdadi e i suoi affiliati. “Quella in Iraq”, ripete, “è solo la prima missione, e non sarà certo l’ultima”. 

VanDyke dice di avere “un buon rapporto con il Dipartimento di Stato americano e con i suoi funzionari, incontrati in Iraq. Si può dire che abbiamo fatto da intermediari tra il governo americano e la milizia cristiana, li abbiamo messi in contatto, aiutandoli a costruire una relazione. Siamo stati incoraggiati a continuare a lavorare con la leadership cristiana e il Dipartimento ha espresso un’opinione favorevole riguardo alla milizia . Tuttavia, SOLI non ha un rapporto formale, non prende direttive e non riceve fondi, o sostegni di altra natura, dal governo degli Stati Uniti”.

Il Dipartimento di Stato americano nega le dichiarazioni di VanDyke e ribadisce la sua policy: “I cittadini americani sono invitati ad evitare qualsiasi viaggio non essenziale in Iraq. Il nostro governo non appoggia i privati che vanno in Iraq e in Siria a combattere contro lo Stato Islamico. Ogni civile che ha viaggiato in quelle aree per prendere parte a queste attività non è né parte né sostegno degli sforzi americani nella regione”. 

VanDyke  sostiene che nel Nord dell’Iraq non ci sono più di cinque-sei milizie cristiane - perché “fortunatamente i cristiani non hanno sperimentato il livello di divisione di altre confessioni e di altre etnie” - e che i Sons of Liberty International hanno deciso di lavorare assieme alla Nineveh Plains Protection Unit perché credono che la NPU “possa diventare la forza leader di questa comunità nel Paese.” 

Racconta: “Abbiamo iniziato a parlare con loro quando la milizia era ancora un progetto, mesi prima che dichiarassero pubblicamente la loro esistenza. Siamo arrivati in Iraq a inizio dicembre e, fino al 19 febbraio, abbiamo addestrato circa 350 soldati, con un team di cinque trainer, quatto dell'esercito ed uno della marina. Si tratta di quattro uomini, più un donna ”.

Kaldo Ramzi Oghanna, portavoce della NPU, conferma il coinvolgimento di VanDyke nell’addestramento dei miliziani, ma precisa che la fase due, quella che vedrà lo schieramento degli uomini a difesa delle comunità cristiane, non prevede la sua partecipazione. 

Restore Nineveh Now lo accusa addirittura di essersi servito degli assiro-americani per fare pubblicità a SOLI. Lui, invece, rilancia: “Abbiamo in programma di espandere le nostre operazioni in Iraq, con più personale e più risorse, e, se possibile, allargare la nostra azione ad altri paesi”.

Vasto programma, certo. L’organizzazione si appoggia unicamente sulle donazioni e la sua missione primaria è quella di aiutare le popolazioni a proteggere se stesse. VanDyke, però, sostiene che sul lungo periodo l’obiettivo è “di andare all’offensiva e di riconquistare le terre strappate dallo Stato Islamico”.

Saturday, April 11

THE NEW "GLOBAL SUNNI UNION" IT IS ALREADY DEFINED

The visit by Turkish President Recep Tayyip Erdogan to Saudi Arabia in early March 2015 to meet with the new Saudi king, Salman bin Abdulaziz al-Saud, prompted talk in both Riyadh and Ankara that the time has come to turn over a new leaf in Saudi-Turkey relations. Yet significantly, Erdogan is only one of several heads of state who came to Riyadh for meetings with the new king. 

His appearance followed a visit by Egyptian President Abdel Fattah el-Sisi, and afterwards the king met with Pakistani Prime Minister Nawaz Sharif. There are also reports of contacts between Hamas and Saudi Arabia and an expected visit by Khaled Mashal to the kingdom. 

The series of meetings, held against the background of Iran’s rising regional stature, has led commentators to discuss anew Saudi attempts to create a Sunni alliance that will obstruct the growing regional influence of Iran and its satellites. Indeed, the meetings in Riyadh were the basis for the mobilization of support for the Saudi-led military intervention in Yemen. 

On a symbolic level, the order in which the visits to King Salman took place can be seen as reflecting the past, present and future of Saudi foreign policy – the meeting with el-Sisi represented the priorities of the late King Abdullah, the meeting with Erdogan reflected the current attempt to construct a Sunni alliance, and the meeting with Sharif can also be seen as an “insurance policy” in the event that the attempt to promote the alliance fails. 

More specifically, however, the agreement that is currently taking shape between Iran and the superpowers concerning Iranian nuclear capabilities, as well as the growing strength of the Houthi-Shiites in Yemen and Iran’s active role in Syria and Lebanon – through Hizbollah and in Iraq – in the fight against ISIS, are all factors that have led Riyadh to recognize that it needs Turkey as a participant in its anti-Iran alliance. 

Following his visit to the kingdom, Erdogan said that “Egypt, Saudi Arabia and Turkey – this trio – are the most important countries of the region. We all have duties to carry out for the peace, calm and welfare of the region.” Yet if a Sunni alliance of this kind is to rest primarily on Turkey and Egypt alongside Saudi Arabia, the current sharp rivalry between Turkey and Egypt may well undermine its foundation. Saudi Arabia is continuing its policy of investing massively in Egypt, in order to bolster the stability there and to acquire influence over the el-Sisi regime. 

Thus at the Egypt Economic Development Conference held in early March in Sharm-el Sheik, Saudi Arabia pledged – together with Kuwait and the United Arab Emirates – an additional $12 billion to Egypt; this raises the total amount of the Gulf assistance to el-Sisi to some $23 billion. The investment is already bearing fruit in the form of Egypt’s active involvement in the Saudi-led coalition in Yemen. 

Indeed, in light of the good relations between Egypt and Saudi Arabia, it is clear that Turkey’s tough stance toward Egypt is the weak point in the Sunni alliance that the Saudis are trying to create. 

During the course of Erdogan’s visit, there were those who expected that King Salman would be able to bring about a meeting between Erdogan and el-Sisi, but no such meeting took place. “Are you kidding me?” Erdogan said to a journalist who asked him if he was planning to meet with el-Sisi during his visit in Riyadh. However, Erdogan also noted that Saudi Arabia wanted Turkey to reconcile with Egypt and that this issue was, in effect “the only disagreement” between the two countries. At the same time, he added, “of course they want this, but there is no insistence.”

For its part, Turkey is seeking an association with Riyadh to help end its isolation in the region. Signs of a desire for improved relations with Saudi Arabia could already be seen when Erdogan interrupted his trip to Africa in order to attend King Abdallah’s funeral, and Turkey declared a day of national mourning for the King’s death. Given its many foreign policy failures, Turkey needs Saudi Arabia, and out of economic considerations Turkey needs Saudi investment. 

Trade between Turkey and Saudi Arabia amounted to $7 billion in 2014 and there is potential for further growth, such that both countries have set a 2018 goal for themselves of trade amounting to $20 billion by that year (However, if the agreement between Egypt and Turkey allowing for Turkish trucks to pass through Egyptian territory and thereby bypass the need to go through the Suez Canal is not renewed in April 2015, the cost of the bilateral trade will rise considerably and its economic viability will be reduced accordingly.). Tourism has grown by 30 percent since 2013, with more than 300,000 Saudi tourists visiting Turkey last year. 

Saudi Arabia has outlawed the Muslim Brotherhood, but reports indicate that the new king is considering a more open approach to Hamas, a derivative of the Brotherhood – with the objective of bringing it into the anti-Iranian alliance in formation. The possible softening of Saudi Arabia’s position vis-à-vis the Muslim Brotherhood is a good basis for improving relations between Turkey and the kingdom. However, it is too early to see any change in the el-Sisi regime’s hostility to the Brotherhood.

Turkey expressed public support for the military intervention in Yemen under Saudi leadership, and in unusual form, Erdogan noted that the Iranian attempts to achieve dominance in the region were “intolerable.” However, Turkey effectively qualified its support for the Saudi actions by saying that it backs those actions only if they lead to an internal political dialogue in Yemen, and Turkey gave no further assurances beyond vague promise of possible logistical support. Indeed, in the long term, the King’s chances for bringing Turkey into the desired anti-Iran coalition appear to be minimal. 

Erdogan’s unusual comment regarding Iran can be understood as resulting more from Iran’s increased influence in Iraq than from its position in Yemen. Moreover, Turkey and Iran have in the past recognized that they needed to limit the impact that various disputes had on their relationship – for example, they knew how to cooperate even when they held completely opposite positions regarding events in Syria. Furthermore, Saudi commentators warned Egypt not to attempt to dictate Saudi foreign policy, but it is difficult to see how there will be any real improvement in the Turkey-Saudi Arabia relationship without there also being some movement with regard to Turkey-Egypt relations. 

Following the civil war in Libya, the Saudis (and the Egyptians) supported the Tobruk government, while the Turks supported the government in Tripoli. Additionally, while it appears that there has been some change in the Saudi position regarding Hamas, it is doubtful that this will genuinely mitigate the Saudi opposition to the strong support that Turkey gives to the organization. 

An improved relationship between Saudi Arabia and Turkey, even if it is intended to curb Iran’s strengthening position in the region, is not necessarily a positive development for Israel. In light of the crisis between Israel and Turkey, Ankara’s entry into the Saudi-led Sunni coalition can increase the points of friction between the coalition and Israel. 

The pragmatic relationship that aligned Israel with the moderate Sunni states can be harmed, unless Israel and Saudi Arabia understand how to maintain the delicate channel of quiet coordination between them. Yet in any event, the likelihood for success of the current Saudi efforts in connection with Turkey remains in question. If the Saudi efforts fail, the possible harm to Israel relations will be temporary.

The attempt to establish a Sunni pact against the background of the challenges created by the turmoil in the Arab world and the strengthening of Iran’s power in the region is not new. Efforts began already in 2011 but were unsuccessful, in part due to the failure to bring down Basher Assad’s regime in Syria. 

The subsequent regime change in Egypt, with the military’s seizure of control from the Muslim Brotherhood, further obstructed the attempt to form a Sunni alliance. Moreover, Turkey and Saudi Arabia do not have a tradition of good relations in order to forge stronger relations at the current time. There have been some periods in which their relationship has been closer, such as the period between 2005 and the first signs of turmoil in the Arab world, but these were exceptions, not the norm.

The Saudi foreign minister was recently quoted as saying that Saudi Arabia does not have any problem with the Muslim Brotherhood – only with certain elements within the movement. It is therefore not impossible that because Riyadh sees the Iranian threat as real and increasing in strength, the kingdom now understands that it may be worthwhile to swallow the bitter pill that is the Muslim Brotherhood, if only for the purpose of building up an anti-Iranian Sunni alliance. 

The challenge for Saudi Arabia will therefore be to bring Egypt – which views the Brotherhood as a serious threat to its internal stability – to cooperate with forces identified with the Brotherhood, with Turkey being the primary one of these forces.

Thursday, April 9

WHICH ONE ARAB COALITION WILL BE DONE?

Last week, Sharm el-Sheikh hosted the 26th Arab League summit. It ended with a bang. In the final communiqué, the organization of 22 Arab states announced the establishment of a "unified Arab force" to address regional security challenges.

At first glance, the Arab League’s decision seems laudable. Egyptian President Abdel Fattah al-Sisi hailed the decision as a historic step to fight extremism and "to protect Arab national security." Arab League General Secretary Nabil Elaraby celebrated the resolution as a watershed given the "unprecedented unrest and threats endured by the Arab world," and U.S. 

Defense Secretary Ashton Carter endorsed the plan as "a good thing." The Saudi pro-government daily al-Riyadh even proclaimed the rebirth of the Arab League as a “resurrected breathing, speaking, acting body."

However, the envisioned Arab League military force would have severe negative repercussions for sectarian relations in the greater Middle East. After all, the announcement was made as a Saudi-led military force continued to bombard alleged Iranian-backed Shia insurgents in Yemen and as Western negotiators raced to finalize a framework nuclear agreement with Iran.

T.E. Lawrence wrote in Seven Pillars of Wisdom that “a first difficulty of the Arab movement was to say who the Arabs were”. His job was to forge together an Arab army to rise up in revolt against the Ottomans. Today, another Arab army is taking shape to address new regional threats. 

Arab leaders meeting in the Egyptian resort of Sharm el-Sheikh on Sunday agreed to create a joint military force ostensibly to take on the Houthi Shia rebels currently causing mayhem in Yemen. The force will be made up of troops from 10 Sunni states, led by Saudi Arabia and Egypt.

President El-Sisi of Egypt, a former head of the armed forces, has signalled its willingness to commit ground troops if necessary. He said the challenges they faced threatened the “identity” of the region. Arab identity has long been fragmented by nationalism, though held together loosely by the Arab League. 

Its reassertion now owes more to Iran flexing its muscles once more as a regional power than to the need to save Yemen from civil war or confront Islamic State in Iraq and the Levant (ISIL).

The Houthis are seen in many Arab capitals as a proxy for Iran, whose influence in the region is set to grow with the imminent conclusion of a deal at talks in Lausanne with the Americans and the EU on a nuclear enrichment moratorium

Perversely, Iran is now on the same side as the Americans fighting the Islamist insurgency in Syria and Iraq, a collaboration that will alarm the Arabs even more, even if not all Arab states – notably some Gulf nations – share this deep suspicion and fear of Tehran.

For now, tackling Isil and the Houthis in Yemen may be the immediate reason for the Arab military pact. But the spectre that is really haunting the region is Iran.

LA DISINFORMAZIONE OCCIDENTALE E ISRAELIANA

Christopher Gunness, portavoce dell’UNARWA, l’agenzia dell’ONU che si occupa degli aiuti ai profughi palestinesi, ha definito Yarmouk, l’ultimo – non l’unico – campo di battaglia della guerra siriana. 

Nel buco infernale sono intrappolate 18 mila persone (più di tremila sono bambini): lo Stato islamico – secondo alcune fonti con l’aiuto inedito di Jabhat al Nusra, la filiale siriana di al Qaida finora in lotta contro il gruppo di Abu Bakr al Baghdadi – sta conquistando il campo profughi palestinese.

Il regime di Damasco guidato da Bashar el Assad lancia le sue feroci “barrel bombs” per fermare l’avanzata del califfo, le Nazioni Unite chiedono accesso al campo, per portare aiuti umanitari, definiscono la situazione “oltre l’inumano”. 

“Oggi ho camminato tra le bombe e i cecchini per cercare cibo ai miei figli”, ha detto al quotidiano israeliano Yedioth Ahronoth un palestinese di Yarmouk, “se vuoi uscire di casa, devi portarti dietro il sudario per il tuo funerale”.

Il buco infernale di Yarmouk dice molto – e tutto quel che dice è raccapricciante – della crisi siriana. Questo campo è stato creato dopo la nascita dello stato di Israele, nel 1948, ed è al centro di una battaglia dal 2012: prima dell’inizio della guerra di Assad contro il suo popolo “ribelle”.

Ospitava circa 150 mila persone, c’erano le scuole, le moschee, una specie di municipio. Il buco infernale era considerato a tutti gli effetti un quartiere di Damasco: la capitale siriana dista da qui dieci minuti in autobus. Ora ci sono circa ventimila persone, chi è riuscito ad andarsene l’ha fatto, perché la strategia dell’assedio e della fame messa in piedi dal regime di Assad in questi anni è stata applicata anche a Yarmouk.

Lyse Doucet della BBC è entrata a Yarmouk l’anno scorso assieme a uno dei rari convogli umanitari delle Nazioni Unite, ha girato un filmato di tre minuti che è così straziante da essere quasi inguardabile. Prima che arrivassero gli islamisti – che tentano di assaltare il campo da tempo, perché è un accesso strategico alla capitale siriana – a Yarmouk si moriva di fame

Non arrivava l’acqua, non arrivava il cibo, i camion con gli aiuti internazionali venivano bloccati alle porte del campo, il cibo marciva, le case erano distrutte dagli attacchi aerei: “sembra il luogo di un disastro naturale – inizia il reportage della Doucet – e invece è un disastro fatto dall’uomo”. 

Il regime di Damasco ha replicato questo stesso schema di assedio in molte parti del paese, nonostante negli accordi internazionali ci fosse l’obbligo, da parte di Assad, di lasciar transitare gli aiuti dell’ONU. 

Buona parte della Siria è morta così, di fame, s’è spenta piano piano, nell’indifferenza internazionale, ed è poi diventata preda dei razziatori dello Stato islamico, feroci e disumani, che ora pubblicano i loro video con i canti per le strade di Yarmouk.

Dove c’è un vuoto, i sunniti si infilano. E poi è ovvio che per contrastarli è necessario fare alleanze diaboliche, quante volte si legge ormai nelle analisi di politica internazionale la formula “il male minore”, che tutto copre, soprattutto il fatto che una volta, quando quel male era maggiore – e altrettanto “oltre l’inumano” –, nulla è stato fatto per fermarlo, o almeno contenerlo? 

Il male minore oggi per "l’occidente" è combattere lo Stato islamico con gli iraniani in Iraq e con Assad in Siria.  

Il campo di Yarmouk è stato decimato ma è strategicamente rilevante: chi lo controlla ha la via aperta per arrivare a Damasco. Negli ultimi quattro anni di guerra qui hanno operato diverse forze legate ai ribelli, poi infiltrate da islamisti più radicali, ma lo Stato islamico, che ha già cercato un’altra volta soltanto quest’anno di prendere il campo, non riusciva a insidiarlo. 

Ora che ce l’ha fatta, scrive Hassan Hassan, co-autore assieme a Michael Weiss di: "Inside the Army of Terror”, Yarmouk potrebbe diventare il punto di partenza per una conquista del sud della Siria da parte del Califfato. 

Non c’è soltanto la questione umanitaria, che la comunità internazionale ha già ampiamente ignorato, ma ce n’è anche una strategica importante: il confine a sud con Israele dista 78 chilometri da Damasco. Assad è il male minore, ma come stabilizzatore non è poi così affidabile.

Wednesday, April 8

LA CONTROVERSA MUTAZIONE DI ISRAELE.

Il Pentagono rende pubblico il documento su come Gerusalemme ha fabbricato testate nucleari. E’ la fine dell’“utile ambiguità”. L’arsenale atomico di Israele è un segreto di Pulcinella. 

Tutto si è svolto clandestinamente. Anche i finanziamenti negli anni vennero mascherati sotto altre voci di bilancio. Mantenere il segreto era una priorità assoluta e i dirigenti israeliani non hanno mai esitato a mentire ogni volta che è stato necessario. La stessa bomba non è stata mai veramente sperimentata. “Gli israeliani sanno così bene quel che fanno – disse il grande fisico Edward Teller – che non hanno bisogno di un vero esperimento: certo, possono sbagliarsi di un qualche kilotone in più o in meno. Ma che differenza fa?”. 

In settant’anni, Gerusalemme ha sempre ripetuto la formula che Shimon Peres utilizzò per rispondere a John Kennedy: “Non saremo i primi a introdurre armi atomiche in medio oriente”. E’ la dottrina della “utile ambiguità”: né confermare, né smentire. Il presunto arsenale che, mai pubblicizzato o confermato, fa da deterrente verso i nemici, senza violare le richieste di non proliferazione (il Trattato di non proliferazione nucleare è stato firmato da 189 paesi e solo Israele, India, Pakistan, Corea del nord non lo hanno mai sottoscritto). 

La centrale atomica di Dimona, nel deserto del Negev, costituisce la grande, ultima garanzia per la sopravvivenza del popolo ebraico, ma senza bisogno di sbandierarla in faccia ai nemici. Tutto il mondo sa che Israele è l’unico stato nuclearizzato dell’area.

Finora gli Stati Uniti si erano sempre rifiutati di rivelare questo segreto. Finora. Fino a Barack Obama. Il governo americano ha declassificato un documento top secret del 1987 che parla dell’atomica di Gerusalemme

Sono 386 pagine dal titolo “Critical Technological Assessment in Israel” e vi si spiega che “i laboratori nucleari di Israele sono l’equivalente (in America) di Los Alamos, Lawrence Livermore e Oak Ridge”. 

Come scrive su Forward Michael Karpin, autore di “The Bomb in the Basement. How Israel Went Nuclear and What That Means for the World” ( Simon & Schuster, 2006),in vista della tensione aumentata, ultimamente, tra Washington e Gerusalemme.

La tempistica del declassamento della pubblicazione, dopo un lungo processo legale, potrebbe far sollevare molte sopracciglia

Non ho mai visto un documento americano ufficiale su argomenti che fino ad ora erano stati considerati da entrambe le amministrazioni come segreti indicibili”. Il rapporto descrive in dettaglio il progresso tecnologico di Israele negli anni 70 e 80.

La parte più sorprendente del rapporto del Pentagono afferma che gli israeliani sanno “sviluppare il tipo di codici che consentiranno loro di realizzare bombe all’idrogeno”. In pratica, è la conferma che negli anni Ottanta gli scienziati israeliani erano in grado di raggiungere la capacità di fusione dell’idrogeno, e costruire il tipo di bombe mille volte più potenti di quelle atomiche

Va ricordato che già nel 2010 Obama chiese a Israele di partecipare a un summit a Washington contro la proliferazione atomica. Il premier Benjamin Netanyahu spedì una delegazione di basso profilo, non perché non condividesse le finalità del trattato, ma perché Israele si riserva ufficialmente il diritto di dotarsi di quelle armi il giorno che lo facesse un suo nemico giurato (e sono tanti nella regione). 

Inoltre, il Trattato è stato ratificato anche da paesi come Siria, Iraq e Iran che hanno cercato o stanno cercando di acquisire testate nucleari. Alla luce dei colloqui sull’atomica iraniana in Svizzera, i tempi del declassamento al Pentagono potrebbero rivelarsi a dir poco problematici per Gerusalemme. Sarà sempre più difficile mantenere la politica di ambiguità sul programma nucleare di Israele e, di conseguenza, questo rafforzerà le ambizioni all’uranio arricchito dell’Iran. Lo stato ebraico, intanto, è sempre più solo. E Washington sempre più lontana.

Difatti, la storia della politica di Israele e quella degli Stati Uniti verso la questione mediorientale hanno seguito un andamento quasi parallelo, in relazione ai mutamenti politici avvenuti nei rispettivi orientamenti elettorali e, di conseguenza, negli indirizzi di governo. Fino al 1967, nelle relazioni israelo-americane, gli Stati Uniti non avevano assicurato a Israele quella garanzia di sicurezza cui lo stato ebraico anelava. 

Al contrario, la Guerra fredda nel medio oriente aveva spinto Washington a barcamenarsi tra gli opposti contendenti per impedire all’Unione sovietica di radicarsi a difesa del campo arabo

La guerra del 1967, tuttavia, aveva rappresentato uno sparti-acque nella storia del medio oriente; pochi, però, avevano inteso quel mutamento nel segno della conservazione. Da quel momento in poi, sia in Israele sia negli Stati Uniti prevalse l’idea che la questione arabo-israeliana dovesse essere tenuta sotto controllo, perché ogni mutamento avrebbe potuto comportare un inasprimento della situazione. 

La non-soluzione della questione era preferibile a una soluzione che avrebbe aperto le porte a crisi ancora più gravi. Quando, infatti, nel 2000, il primo ministro israeliano Ehud Barak propose ad Arafat la creazione di uno stato palestinese accanto a Israele, Arafat rifiutò e subito dopo scatenò la Seconda intifada, con una terribile scia di morti. Perché il progetto di Arafat non era quello di creare uno stato palestinese accanto a Israele, ma al posto di Israele.

I governi americani e quelli israeliani, dopo il 1967, hanno preferito la dura gestione dello status quo piuttosto che avventurarsi in ipotesi di soluzioni, se si eccettuano i tentativi residuali di Carter e di Clinton. Ma si trattò di episodi che non scalfivano una tendenza che si andava consolidando. A ciò ha contribuito il mutamento del clima politico nei due paesi, dove il Partito repubblicano, da una parte, e il Likud, dall’altra, hanno condiviso, di fatto, l’idea che conservare fosse meglio che cambiare, anche se, tutt’intorno, la regione mediorientale stava subendo mutamenti epocali.

In una conferenza stampa, subito dopo aver assunto la carica di primo ministro, Menachem Begin, rivolto ai suoi interlocutori americani, disse in maniera fin troppo chiara: “Avete usato questa espressione [‘territori occupati’] per dieci anni, ma a partire dal maggio 1977 spero che comincerete a usare l’espressione ‘territori liberati”. 

Begin, con quest’affermazione, imprimeva una svolta radicale nelle relazioni tra Israele e il Partito democratico americano e la sua ala liberal, relazioni che si erano andate deteriorando nel corso degli anni, da quando la vittoria israeliana del 1967 aveva umiliato il dipartimento di stato e particolarmente il suo segretario, Dean Rusk che non sopportava la libertà d’azione di Gerusalemme nel contesto mediorientale e l’implicita pretesa del governo israeliano che gli Stati Uniti si accodassero alle decisioni dello stato ebraico. Rusk: “Noi e gli israeliani non abbiamo mai firmato un trattato di alleanza

E’ mia impressione che Israele non fosse interessato a tale trattato perché avrebbe implicato l’obbligo da parte di Israele di coordinare la sua politica con noi. Israele preferisce giocare a suo modo, aspettando che noi lo seguiamo”. Rusk aveva ragione. Perché Israele si muoveva con disinvoltura nello scenario regionale, confidando nell’appoggio americano? Che cosa spingeva Gerusalemme a superare il suo tradizionale atteggiamento di cautela e a mettere in atto senza indugi politiche relative ai territori occupati (“liberati”)? 

Gli ultimi governi laburisti israeliani, guidati da Golda Meir e poi da Yitzhak Rabin, prima della svolta epocale con la vittoria della destra di Begin nel 1977, anticiparono di fatto gli atteggiamenti e le politiche che saranno della destra israeliana. Ciò può apparire paradossale, se non si tiene conto di ciò che rappresentò la vittoria del 1967 per gli Stati Uniti e per Israele, cioè un radicale cambiamento del clima politico e nei rapporti tra i due paesi per quanto riguarda la gestione della regione mediorientale.

Questo cambiamento deve essere inteso nel senso della conservazione. I laburisti israeliani post 1967 videro nella vittoria del loro esercito la possibilità concreta di gestire la nuova apparentemente favorevole situazione sul campo come un dato di fatto stabile, alterabile soltanto per consolidare ulteriormente le posizioni di Israele. Ogni iniziativa volta a modificare lo status quo, proveniente dall’interno o dall’esterno, doveva essere evitata, anzi anticipata e bloccata. 

La Risoluzione 242 doveva restare lettera morta: così deve essere intesa l’opposizione di Nixon e Kissinger all’attivismo del segretario di stato Rogers, le cui proposte d’intervento nella situazione furono progressivamente emarginate, finché fu Kissinger a sostituirlo nel secondo mandato di Nixon. 

Da questo punto di vista, sia Meir sia Rabin non poterono che apprezzare la politica di procrastinazione di Nixon e Kissinger, una politica che avrebbe indebolito la posizione sovietica nel mondo arabo e dimostrato ai leader arabi come Nasser che la chiave per una soluzione doveva essere trovata soltanto a Washington e, secondo gli israeliani, anche a Gerusalemme. Kissinger: “Se fossimo rimasti fermi, senza lasciarci influenzare, sarebbe diventata sempre più evidente la centralità della nostra posizione”.

Conservare, controllare, procrastinare. Quando i repubblicani di Nixon andarono al potere, iniziò un corso politico che è durato sino ai nostri giorni, sostanzialmente non scalfito dalle presidenze democratiche di Carter e Clinton. Anzi, con gran dispetto di Carter, la pace israelo-egiziana non comportò alcuna modifica della questione israelo-palestinese e, come si è detto, le proposte di Ehud Barak, ai tempi di Clinton, provocarono solo la Seconda intifada. Una conferma del fatto che svegliare il can che dorme può essere pericoloso. 

Ma c’è di più. La questione non è soltanto di realpolitik, ma di visione complessiva degli interessi americani nel medio oriente. Su quest’argomento cruciale le divergenze tra democratici e repubblicani si sono rivelate nel tempo piuttosto marcate. Le presidenze repubblicane di Nixon, Reagan, dei due Bush (il secondo molto più del primo) hanno segnato una progressiva separazione tra le due visioni. I neo-conservatori americani, affiliati al Partito repubblicano, consideravano il medio oriente un test case della capacità di Washington di mantenere inalterata l’egemonia americana in una regione strategicamente cruciale

E questo, durante gli anni di Nixon prima, e poi, soprattutto, durante le presidenze Reagan, quando l’Iran era stato perso. Così Reagan nella sua autobiografia: “Desideravo inviare un segnale ai nostri alleati e a Mosca che gli Stati Uniti avrebbero sostenuto i loro amici ed esercitato la loro influenza nel medio oriente al di là del sostegno a Israele”.

Sin dai primi approcci di Nixon e Kissinger alla questione mediorientale, perciò, i repubblicani e i neo-conservatori, che ne costituivano l’ala più attiva nel campo della politica internazionale, videro nel medio oriente non un terreno di sperimentazione politica a livello di proposte per migliorarne l’assetto, come ai tempi dei democratici e dei liberal, ma al contrario di conservazione, stabilizzazione, controllo. 

Nixon e Reagan consideravano il medio oriente secondo il prisma della Guerra fredda e da ciò scaturiva la logica conseguenza, tipica delle dinamiche della Guerra fredda, di tendere, prima di tutto, a conservare le posizioni conquistate. Israele aveva la primaria funzione di guardiano della stabilità nella regione. Sempre Reagan nella sua autobiografia: “Israele ha energia democratica, coesione nazionale, capacità tecnologica e una fibra militare in grado di farne un alleato affidabile dell’America (…) e di mantenere una posizione di frontiera in difesa degli interessi occidentali in tema di sicurezza”.

La guerra del 1967, dunque, rappresentò una svolta epocale non solo per Israele, ma per la stessa politica americana verso la regione. E la vittoria dei repubblicani di Nixon fu il suggello di un cambio di visione radicale. Si prenda il caso del nucleare israeliano, fondamentale banco di prova nelle relazioni tra i due paesi. 

Prima di Nixon, i democratici al potere avevano operato continue pressioni su Israele perché rivelasse l’esistenza o meno del possesso dell’arma nucleare, ottenendo solo risposte evasive. Con i repubblicani, la situazione si definì in modo del tutto favorevole a Gerusalemme; fu Kissinger a chiudere la questione: poiché Israele nicchiava sul possesso o meno del nucleare, Washington non poteva che prendere atto della situazione. 

In un memorandum a Nixon, Kissinger raccomandava al presidente di impegnare Gerusalemme a non fare del nucleare “un fattore noto e ancor più pericoloso per la situazione delle relazioni arabo-israeliane”. Quindi, riserbo assoluto sulla questione, la questione del nucleare israeliano doveva restare un tema “deliberatamente oscuro”. 

Allo stesso tempo, sia per gli arabi sia per i sovietici doveva essere chiara la superiorità di Israele in campo militare. La stabilizzazione della realtà mediorientale si fondava, per i repubblicani, sulla supremazia del pivot israeliano, sull’acquiescenza dei paesi arabi “amici”, sulla marginalità della posizione sovietica, mentre nel 1972 il passaggio dell’Egitto di Sadat dalla parte occidentale segnò il trionfo di una politica repubblicana che possiamo definire di “stabilità dinamica”. 

Il conservatorismo repubblicano nella politica mediorientale sembrava dare frutti copiosi: il crollo del nasserismo era giunto militarmente per mano di Israele, ma il successore di Nasser, Sadat, sembrava incarnare quella visione realistica della vicenda mediorientale che gli era suggerita proprio dalla stabilità e consistenza della posizione americana nella regione. 

Fu proprio il coraggio di Sadat a decretare il successo della posizione conservatrice americana e, di conseguenza, di quella ferma di Israele. Sadat umiliò i sovietici, mettendoli alla porta. Così Sadat nelle sue memorie: "L’Unione sovietica non cambiò mai modo di agire nei miei confronti". Evidentemente, i suoi leader amavano vederci con le mani legate, incapaci di prendere una decisione”. 

La decisione di Sadat di cambiare campo non era legata soltanto alla devastante sconfitta del 1967, ma al clima politico che si era creato nel medio oriente dopo quell’evento. I repubblicani al potere a Washington avevano fatto una scelta ben precisa: sfruttare sino in fondo i preziosi esiti politici dovuti alla vittoria eclatante di Israele. Così, la cacciata dei sovietici dall’Egitto non deve essere letta soltanto come il risultato di un’autonoma decisione di Sadat, ma come la presa di coscienza del leader egiziano che la posizione del proprio paese era ormai insostenibile in uno scenario in cui la preminenza politica degli Stati Uniti e quella politico-militare di Israele erano un dato di fatto incontestabile. L’immobilismo politico di Washington era vincente.

Con Reagan la politica repubblicana verso il medio oriente si consolidò. Reagan non mostrò particolare interesse verso il contenzioso arabo-israeliano, che considerò un dato di fatto stabile nello scenario mediorientale; anzi, lo storico William B. Quandt ha scritto: “Reagan era dalla parte di Israele e Israele non aveva alcuna fretta di muoversi”. Né più, né meno. Israele era per Washington uno strategic asset e, al di là della simpatia del presidente americano per lo stato ebraico, esso era, prima di tutto, un punto fermo nella strategia dei repubblicani tesa a conservare, per quanto possibile, un medio oriente stabile.

Era miope la politica repubblicana? Certo, la guerra Iran-Iraq, durata dal 1980 al 1988, in piena epoca reaganiana, mostrava i segni di un medio oriente in ebollizione, e lo stesso Reagan dovette ammettere: “Nel 1988, il medio oriente era un nido di serpenti: i problemi erano molto più numerosi rispetto al momento in cui avevo disfatto le mie valigie a Washington nel 1981”. Tuttavia, è impossibile dire che un maggior attivismo americano nella regione avrebbe prodotto risultati più significativi. 

C’è da considerare che gli anni di Reagan hanno rappresentato, secondo gli storici, una nuova fase acuta, per quanto finale, della guerra fredda e il medio oriente costituiva, più che mai, una posizione strategicamente cruciale nel conflitto est-ovest. Anzi, il fatto che l’Unione sovietica fosse terribilmente impelagata in Afghanistan consigliava al governo repubblicano a Washington di mantenere un profilo solido, stabile, positivo nel cuore del medio oriente, accanto al fidato alleato israeliano, senza impegnarsi in progetti rischiosi per la conservazione dell’egemonia americana.

In conclusione, la politica repubblicana nel medio oriente si è caratterizzata, fin dai tempi di Nixon, in modo ben diverso rispetto a quella precedente dei democratici. Mentre i democratici, liberal in testa, hanno mostrato una tendenza a intervenire, ma senza successo, per modificare una realtà che presentava una molteplicità di fattori endogeni di difficile lettura per chi fosse estraneo a quel mondo, i repubblicani, più pragmaticamente, si sono accontentati di gestire, per quanto possibile, la situazione favorevole scaturita dagli esiti della guerra del 1967. 

Anche la gestione di George W. Bush era inizialmente intesa a conservare lo status quo mediorientale, secondo l’esperienza precedente dei governi repubblicani, ma i fatti dell’11 settembre impressero una svolta drammatica alla sua presidenza e ne mutarono radicalmente le linee guida.

Thursday, November 13

THE MOST PATHETIC LIAR IN THE WORLD:"TONY BLAIR".

Tony Blair Associates, an umbrella company owned by the former Labour leader, now a Middle East envoy, agreed in November 2010 to organize deals between oil company PetroSaudi and elite Chinese officials, a leaked contract seen by The Sunday Times suggests.

The deals were to be arranged during Blair’s visit to the Chinese capital of Beijing in November that year. While the contract was in place, PetroSaudi reportedly paid Bair £41,000 a month to carry out these duties, and added a lucrative 2 percent cut of each successfully orchestrated agreement to the former prime minister’s paycheck.

PetroSaudi was reportedly informed it could not reveal Blair’s role in the business arrangement without permission. Despite the firm’s insistence the deal would remain shrouded in secrecy, the contract was leaked.

The disclosure marks the first commercial contract relating to Blair’s business deals to be revealed to the public, and provides evidence he is working for a Middle Eastern oil company.

It also raises questions over the former PM’s role as Middle East envoy and his personal vested interests in the region. The former Labour leader faces allegations he has deployed contacts gleaned through his diplomatic work in the Middle East for his own personal gain.

The allegations follow Blair’s recent quashing of a Serious Fraud Office investigation into alleged corruption regarding an arms deal with Saudi Arabia. PetrolSaudi, conveniently registered in the Cayman Islands as a means of avoiding a Saudi Arabian 85 percent tax rate, was founded by a son of Saudi King Abdullah and a Saudi businessman.

A senior source based at the oil firm told that Blair’s links to the Middle East run deep. Referencing the leaked contract, the source said the firm knows a lot of similar people to Tony Blair who put the company in touch with him.

It was a confidential engagement to help us develop business in China,” the source added. The leaked contract, obtained by the Sunday Times, reveals Blair’s umbrella firm was hired by PetroSaudi to source new investment opportunities.

Central to the agreement was the condition Blair would make “introductions to the senior political leadership, industrial policymakers, corporate entities and other persons in China” deemed to be “relevant to PetroSaudi’s international strategy.”

Following revelations surrounding the covert deal, Oliver Miles, a former UK ambassador to Libya who has called for Blair to be removed from his role as Middle East peace envoy, said he should disclose his financial interests in the region.

In June, a campaign calling for Blair’s Middle East envoy role to be relinquished gathered momentum following the former PM’s efforts to shun responsibility for the ongoing crisis in Iraq.

A letter, signed by multiple high profile political UK figures, warned Britain’s 2003 invasion of Iraq led to the rise of “fundamentalist terrorism in a land where none existed previously.”

Signatories of the letter, including former Libya envoy Miles, Blair’s former ambassador to Iran, Sir Richard Dalton, former London mayor Ken Livingstone and human rights barrister Michael Mansfield QC, denounced the Blair’s accomplishments as Middle East envoy as “negligible."

Probed on the leaked contract between Tony Blair Associates and PetrolSaudi, Blair’s office told The Sunday Times that his work for the oil company was only “for a period of months” and had nothing to do with the Middle East.