Showing posts with label SCANDALI. Show all posts
Showing posts with label SCANDALI. Show all posts

Saturday, February 29

POLITICIANS, INTELLIGENCE AGENCY & HIGH FINANCE CONTROL EUROPE MASS MEDIA



Udo Ulfkotte (Lippstadt, 20 January 1960 - 13 January 2017) was a German journalist. He worked as a publisher for the Frankfurter Allgemeine Zeitung (FAZ) newspaper.

Udo Ulfkotte became famous in 2014 with the publication of the book Gekaufte Journalisten, "Journalists bought" in which he revealed that he had been in the pay of the CIA and therefore of the USA for 17 years and as the CIA itself and other Secret Service Agencies 
(between CIA , MI6, DB, DSE, to which the Bundesnachrichtendienst BND, German Intelligence) pay money to Western journalists to put some news in a light favorable to them, when not openly propaganda or pro-NATO, suggesting to these journalists that they could easily lose their job in the media if they did not respect the "pro-western agenda".

Having confessed to being sick and near death, he would have decided to unravel the intrigues and agreements currently existing and hidden on which world and European society is based.


Ulfkotte was on the staff of the Konrad Adenauer Foundation from 1999 to 2003. He won the civic prize of the Annette Barthelt Foundation in 2003. Ulfkotte published a magazine called Whistleblower, reporting on topics not covered by the German media.



The BDB merged with Ulfkotte's Pax Europa organisation to form Bürgerbewegung Pax Europa, but Ulfkotte left this in 2008 after an internal dispute. Pax Europa was affiliated to the anti-Muslim Stop Islamisation of Europe (SIOE) alliance and approached the far-right Belgian party Vlaams Belang (VB) for their assistance.
It worked with them to organise an anti-Islamic 9/11 anniversary march in Brussels in 2007, but mayor Freddy Thielemans refused to licence it and it was eventually cancelled, leading to a split between Ulfkotte and SIOE.[14]

Ulfkotte had planned to run for the Hamburg local elections in 2008, as number two on the Centre Party's list,[15] but later withdrew in June/July 2007. In July 2007, Ulfkotte announced he would found a new national party,[13] but this effort failed.

Ulfkotte was a speaker at rallies of the right-wing anti-Islam Pegida movement  and the right-wing party AfD.

In 2014, Ulfkotte published the book Gekaufte Journalisten (German Bought Journalists: How Politicians, Intelligence Agencies and High Finance Control Germany’s Mass Media), in which he stated that the CIA and other secret services pay money to journalists to report stories in a certain light. 

According to Ulfkotte, the CIA and German intelligence (BND) bribe journalists in Germany to write pro-NATO propaganda articles, and it is well understood that one may lose their media job if they fail to comply with the pro-Western agenda. This is part of a larger pattern of media corruption he describes in the book. The first English edition of the book, "Journalists for Hire," was never published, leading to speculation the book had been suppressed or "privished." 

A new translation was finally released under the title "Presstitutes" Der Spiegel noted that "Ulfkotte's book was published by Kopp, a melting pot for conspiracy theorists. Kopp publishes works by ufologists, and by authors who claim the Americans destroyed the Twin Towers of the World Trade Center themselves in 2001. 

Ulfkotte's book was on the bestseller lists for months. "Bought Journalists" is the bible of all those who have renounced their faith in the German media. Ulfkotte's critics see the book as a vendetta against the FAZ, which he left on bad terms."

Ulfkotte died from a heart attack on 13 January 2017 at the age of 56. In April 2017, Jonas Schneider published an e-book which alleges that Ulfkotte's death was a concealed murder.

Monday, April 22

BARCLAYS BETRAYS THE ROTHSCHILDS

The Bank of England has been controlled by the Rothschild family since the early 1800s, as revealed in Financial Tyranny. You don't directly see the name "Rothschild" in the super-entity of 147 corporations, but it's hiding in there behind other names. It was very shocking to see Barclays Bank publicly throw the Rothschilds  (i.e. the Bank of England) under the bus as the screws turned on them.

A memo published by Barclays suggested that Paul Tucker gave a hint to Bob Diamond, the bank’s chief executive, in 2008 that the rate it was claiming to be paying to borrow money from other banks could be lowered. His suggestion followed questions from “senior figures within Whitehall” about why Barclays was having to pay so much interest on its borrowings, the memo states. Barclays and other banks have been accused of artificially manipulating the Libor rate, which is used to set the borrowing costs for millions of consumers, businesses and investors, by falsely stating how much they were paying to borrow money.



The bank claimed yesterday that one of its most senior executives cut the Libor rate only at the height of the credit crisis after intervention from the Bank of England….

The disclosure of the document threatened to plunge one of the biggest high street banks into open war with the country’s central bank, which will soon assume responsibility for regulating Barclays. In one of the most dramatic days in British corporate history, Mr. Diamond resigned yesterday, less than 24 hours after telling staff he was the right man to reform the bank….

The US Department of Justice (US Marshals) has now blown the lid off of the biggest financial scandal in human history... after a highly covert three-year investigation. The LIBOR scandal has started the Great Revealing of Financial Tyranny. Mass arrests must begin with mass charges, and mass court cases and that has now arrived. Disclosure of many great hidden truths will follow.

The CFTC is the financial investigation branch of the Department of Justice. The personnel who enforce the law on behalf of the Department of Justice




are the US federal Marshals. The US federal Marshals are the only entities legally capable of taking down this cabal which has seized control of the world and its resources to an astonishing degree. The Marshals are allowed to cross state borders, and can enlist the support of the police and the military to aid in their enforcement of the law. These tools are absolutely critical in defeating such a vastly interconnected entity. All of these details fit perfectly with the "Mass Arrests" scenario we've been heavily tracking on this website since last November. In order to do mass arrests, you have to start with mass charges leading to mass court cases.

The Department of Justice has now kicked this process into high gear. As you will see, the outraged public is already calling for mass arrests as the scope of the conspiracy sinks in.On June 27, 2012, the Commodity Futures Trading Commission, or CFTC, filed a surprise legal order against Barclays Bank in a move that has shocked the world. A wealth of emails were presented, giving irrefutable evidence that Barclays was manipulating their own credit score to generate almost unthinkably vast profits. Here is the link where you can download the legal order yourself -- and a photograph of the top page of this historic document.

Every person on Earth is increasingly aware that our world is ruled by corrupt forces  to an almost Biblical degree. The astonishing events that have unfolded since June 27, 2012 have made that much more obvious even for those who have been in the greatest denial. This process has been fascinating to watch not to mention remarkably rewarding. After many years of hard work to expose the truth, we are finally seeing results on a worldwide level. The knowledge will spread much, much more with each passing day.

In this new investigation, I will do my best to provide you with a blow-by-blow compendium of what has actually happened. Furthermore, we are now seeing a precise fulfillment of the justice we've been promising on this site since at least last November. Critical information was leaked to us from highly classified insider sources, working for the good of humanity. Current events have proven that their plan is still very much in effect.

This may not seem like a big deal at first but in order for Barclays to have rigged their own credit score, they had to be conspiring with all the other biggest banks in the world. These are the banks they are supposedly in competition with. This story has taken off with unprecedented, explosive force in the UK but is almost non-existent in the US, except on Huffington Post and alternative news sites. This legal action required extraordinary secrecy to perform. Had the Cabal gotten wind of it, they would have killed everyone involved.

THE TOP 50 COMPANIES RULING THE WORLD

This list is featured in page 32 of the paper. From left to right, we see the Rank of the company, the Economic Actor Name, a two-digit Country code, a NACE Code, their Network Position, and their Cumulative Network Control (TM, %). The lower the Cumulative Network Control number you see at the

far right, the higher the amount of power they have. Notice right away that Barclays Bank is the number one most powerful corporation in the entire hidden network  based on this analysis.

1 BARCLAYS PLC GB 6512 SCC 4.05
2 CAPITAL GROUP COMPANIES INC, THE US 6713 IN 6.66
3 FMR CORP US 6713 IN 8.94
4 AXA FR 6712 SCC 11.21
5 STATE STREET CORPORATION US 6713 SCC 13.02
6 JP MORGAN CHASE & CO. US 6512 SCC 14.55
7 LEGAL & GENERAL GROUP PLC GB 6603 SCC 16.02
8 VANGUARD GROUP, INC., THE US 7415 IN 17.25
9 UBS AG CH 6512 SCC 18.46
10 MERRILL LYNCH & CO., INC. US 6712 SCC 19.45

11 WELLINGTON MANAGEMENT CO. L.L.P. US 6713 IN 20.33
12 DEUTSCHE BANK AG DE 6512 SCC 21.17
13 FRANKLIN RESOURCES, INC. US 6512 SCC 21.99
14 CREDIT SUISSE GROUP CH 6512 SCC 22.81
15 WALTON ENTERPRISES LLC US 2923 T&T 23.56
16 BANK OF NEW YORK MELLON CORP. US 6512 IN 24.28
17 NATIXIS FR 6512 SCC 24.98
18 GOLDMAN SACHS GROUP, INC., THE US 6712 SCC 25.64
19 T. ROWE PRICE GROUP, INC. US 6713 SCC 26.29
20 LEGG MASON, INC. US 6712 SCC 26.92

21 MORGAN STANLEY US 6712 SCC 27.56
22 MITSUBISHI UFJ FINANCIAL GROUP, INC. JP 6512 SCC 28.16
23 NORTHERN TRUST CORPORATION US 6512 SCC 28.72
24 SOCIÉTÉ GÉNÉRALE FR 6512 SCC 29.26
25 BANK OF AMERICA CORPORATION US 6512 SCC 29.79
26 LLOYDS TSB GROUP PLC GB 6512 SCC 30.30
27 INVESCO PLC GB 6523 SCC 30.82
28 ALLIANZ SE DE 7415 SCC 31.32
29 TIAA US 6601 IN 32.24
30 OLD MUTUAL PUBLIC LIMITED COMPANY GB 6601 SCC 32.69

31 AVIVA PLC GB 6601 SCC 33.14
32 SCHRODERS PLC GB 6712 SCC 33.57
33 DODGE & COX US 7415 IN 34.00
34 LEHMAN BROTHERS HOLDINGS, INC. US 6712 SCC 34.43
35 SUN LIFE FINANCIAL, INC. CA 6601 SCC 34.82
36 STANDARD LIFE PLC GB 6601 SCC 35.2
37 CNCE FR 6512 SCC 35.57
38 NOMURA HOLDINGS, INC. JP 6512 SCC 35.92
39 THE DEPOSITORY TRUST COMPANY US 6512 IN 36.28
40 MASSACHUSETTS MUTUAL LIFE INSUR. US 6601 IN 36.63

41 ING GROEP N.V. NL 6603 SCC 36.96
42 BRANDES INVESTMENT PARTNERS, L.P. US 6713 IN 37.29
43 UNICREDIT ITALIANO SPA IT 6512 SCC 37.61
44 DEPOSIT INSURANCE CORPORATION OF JP JP 6511 IN 37.93
45 VERENIGING AEGON NL 6512 IN 38.25
46 BNP PARIBAS FR 6512 SCC 38.56
47 AFFILIATED MANAGERS GROUP, INC. US 6713 SCC 38.88
48 RESONA HOLDINGS, INC. JP 6512 SCC 39.18
49 CAPITAL GROUP INTERNATIONAL, INC. US 7414 IN 39.48
50 CHINA PETROCHEMICAL GROUP CO. CN 6511 T&T 39.78

Thursday, September 6

KOSOVO: "i clintoniani" che bombardarono la Serbia".

La Albright Capital Management LLC, società dell'ex segretario di Stato Usa all'epoca di Bill Clinton, Madeleine Albright, potrebbe presto controllare le telecomunicazioni del Kosovo. Sulle relazioni tra la repubblica indipendente dal 2008 (ma riconosciuta da soli 92 Paesi) e quella che, prima dell'era di Condoleeza Rice e di Hillary Clinton, era considerata la donna più potente degli Stati Uniti ci sarebbe materiale per un libro.

C'è un'intera generazione di teenager kosovare, troppo giovani per seguire sui giornali l'affaire delle privatizzazioni nazionali in corso, che hanno come primo nome Madeleine — una delle cose di cui Albright va fiera come disse al Time Magazine nel 2004.

Hanno ereditato il loro nome da genitori che hanno vissuto il dramma della guerra del Kosovo e l'intervento delle forze Nato, fortemente voluto dalla Albright, sotto il comando del generale Wesley Clark, una testimonianza semantica del prestigio del 64esimo Segretario di Stato da queste parti.

«Madeleine Albright» è anche una strada come lo è «Bill Clinton» a Pristina. Peraltro non è nemmeno la prima volta che Albright fa affari qui: dal 2004 è stata consigliere speciale del presidente del Comitato amministrativo di Ipko Net, un gruppo di telecomunicazioni fondato nel bel mezzo dei bombardamenti dell'ex Jugoslavia dal Comitato internazionale per l'aiuto ai minacciati.

Con l'Ipko, più importante provider Internet locale, l'Albright Group ha partecipato anni fa all'acquisizione di una licenza per la telefonia mobile. Infine, non è nemmeno una novità che i «democratici» Usa abbiano fatto degli affari in loco: c'è chi lo chiama il «prezzo dell'indipendenza».

Lo stesso Clark con la sua società Envidity sta tentando di ottenere la licenza in Kosovo per esplorare le risorse di carbon fossile e produrre benzine sintetiche.

Ma quella della FTK, Post and telecommunication of Kosovo, non è solo la più importante privatizzazione della breve storia del Paese più giovane e povero del continente europeo ma è anche una buccia di banana sulla quale la Albright rischia di scivolare (peraltro in piena campagna elettorale Usa dove tutto vale).

Il gruppo di telecomunicazioni posseduto dallo Stato e di cui il governo vorrebbe privatizzare il 75% era già stato al centro di uno scandalo nel 2011 quando il percorso di vendita si era impantanato dopo la fuga dei compratori a causa delle accuse di corruzione nei confronti dei manager.

Due mesi fa il capo dell'Agenzia delle privatizza Dino Asanay, è stato trovato morto nel suo appartamento con 11 (non è un refuso: li) coltellate. Per le autorità locali si è trattato di «suicidio».

La Serbia che chiaramente non riconosce l'indipendenza del Kosovo ha annunciato di voler mettere in discussione tutte le privatizzazioni dal 1999, anno dell'intervento della Nato, a oggi. Ora all'asta per acquistare il 75% di PTK partecipano anche altri gruppi, come la turca Turkcell e la Telecom di Monaco. Ma è facile immaginare che in caso di vittoria del consorzio guidato dall'Albright Group la Serbia userà il caso come ariete.

Anche perché, per quanto il Kosovo sia povero (il PIL è pari a soli 6 miliardi) il prezzo di cui si parla, pari a circi 600 milioni di euro, è già stato messo sotto la lente. Conviene al compratore o al venditore? Certo gli scandali non hanno aiutato la valutazione. Ma forse non aiuta nemmeno che l'ex ministro delle Telecomunicazioni, Fatmir Limaj, metta in dubbio il valore del maggior asset locale, andando contro gli interessi nazionali.

Nel 1999 era uno dei capi dell'UCK.

Wednesday, June 13

IOR : una banca che non rientra della "white list".

Indagini a tappeto, dunque, dell’intelligence di via Nazionale sui rapporti tra lo IOR e tutte le banche italiane. A inizio giugno trapela che sono una decina le banche su cui si sono accesi i riflettori: “le principali” dicono le autorità. Ne è emerso un quadro allarmante: “Nella prassi lo Ior si comportava come una fiduciaria più che come una banca” racconta una fonte.

“Schermava regolarmente i nomi dei titolari delle operazioni e le loro finalità. Non si atteneva, cioè, ai principi fissati dal cosiddetto questionario Wolfberg”, lo strumento utilizzato dagli istituti di credito per valutare il rischio-paese e il rischio-cliente nelle attività di contrasto al riciclaggio di denaro”. E di fronte alle richieste di informazioni su operazioni anomale intercettate dal sistema Gianos, la risposta consueta alle banche italiane (come nel caso del Credito Artigiano) era di questo tenore:


"sono movimentazioni di denaro normali nella nostra attività di sostegno alle opere di religione nei diversi continenti. Stop".
Non un nome, un progetto, una parrocchia o una missione.

Questa risposta veniva però tollerata dalle banche, nonostante il decreto legislativo 231 del 2007 che ha recepito nell’ordinamento italiano la direttiva europea 60 del 2005. Il motivo? L’incertezza sulla natura giurica dello IOR: è un soggetto privato, dice la Santa sede; no, è una banca, dicono le autorità italiane. E così si è andati avanti fino all’autunno 2009.

L’inchiesta della Procura di Roma e l’avvio degli accertamenti da parte dell’UIF hanno imposto una svolta che è arrivata con le istruzioni di Banca d’Italia a gennaio scorso ad un gruppo di banche e poi girate a tutti il 9 settembre: lo IOR è una banca di un Paese che non rientra della "white list" e come tale deve impegnarsi a:
1) a verificare chi sono i titolari dei conti correnti;
2) verificare chi siano i reali beneficiari delle operazioni;
3) acquisire informazioni sulle finalità delle operazioni;
4) fornire all’intermediario italiano tali informazioni nel caso in cui questi le richieda.

“Stiamo parlando di operazioni per milioni di euro alla settimana. Transazioni in parte in bonifici, in parte in assegni ma soprattutto in contanti”. Operazioni “spesso senza tracciabilità, anche nel caso degli assegni, spesso con girate incomplete, e dei bonifici, su conti correnti numerati.

Ma ciò che è impressionante è la quantità di contanti che ogni settimana con valigette di tutti i tipi entra ed esce dalle banche che lavorano con lo IOR”. Tanto che diversi istituti sono corsi ai ripari e hanno rinegoziato i modelli contrattuali con l'Istituto vaticano, adottando procedure più rigide.

In alcuni casi talmente rigide da spingere la banca del torrione di Niccolò V a dirottare gran parte delle operazioni su qualche istituto più compiacente o, semplicemente, più sprovveduto. C’è chi la chiama opacità, c’è chi la chiama riservatezza. In ogni caso, sembra uno stile consolidato nell’operatività quotidiana dello IOR.

Friday, May 25

Vatican Bank chief fired in corruption row

The Vatican Bank chief has been dismissed for reportedly leaking documents amid accusations of money laundering. The move comes as the Holy See, embroiled in a chain of financial scandals, is trying to deal with claims of corruption and fraud. 

The president of the Vatican Bank Ettore Gotti Tedeschi has been ousted after receiving a unanimous vote of no-confidence from bank overseers. The economist, who presided over the institution since 2009, is under investigation by Italian magistrates for alleged money laundering.

Gotti Tedeschi is seen as having failed to clean up the image of the bank, perceived as a symbol of the opacity and corruption scandal gripping the Pope’s kingdom. “The board passed a unanimous no-confidence vote against the president… and believes the action is important to maintain the vitality" of the bank, the Vatican said.

The ex-chief declined to comment on his dismissal. He told journalists: "I'd rather say nothing, otherwise I'd say ugly things." However in remarks to Reuters, he said: "I have paid for my transparency."
In 2010 Italian police launched an investigation against Tedeschi as part of a money-laundering inquiry, and the Vatican said then it was "perplexed and astonished", expressing full confidence in him.

Now, the Huffington Post says the Vatican has been shaken by a row over leaked documents and has begun a criminal probe into the source of the leaks, besides setting up a commission of cardinals to look into the matter.

Quoting an anonymoussource familiar with the Vatican's investigation, the Huffington Post says the banker leaked confidential documents to serve his personal and political interests. Gotti Tedeschi, 62, was named president of the bank, known as the Institute for Religious Works, or IOR, in an effort by the Vatican to clear the institution’s name.

The Vatican has been in the midst of a scandal over tax fraud and money laundering for several years.
In 2010, Pope Benedict XVI created a new financial authority to "prevent and oppose illegal financial activity," after an Italian court temporarily seized $33 million from the Vatican Bank as part of the inquiry into Tedesci’s activities.

The Pope has launched desperate attempts to wash off the corruption claims after the Moneyval, the Council of Europe's experts on anti-money laundering, set a deadline for the Vatican to prove it can be put on to the "white list" of financially virtuous countries.

The body prepares to rule at the beginning of July on whether the Holy See has managed to clean up its act and meet international monetary standards on financial transactions.

The Vatican Bank was created during World War II to manage assets destined for religious or charitable works and has seen several financial scandals in the past decades.

Thursday, May 24

Vatican slams new book of documents as ‘criminal’

The Vatican is threatening to take legal action against those responsible for publishing a new book of leaked internal documents. The book sheds light on power struggles and corruption inside the Holy See and the thinking of its embattled top banker.

Pope Benedict XVI has already appointed a commission of cardinals to investigate the “Vatileaks” scandal. It erupted earlier this year with the publication of leaked memos alleging corruption and mismanagement in Holy See affairs and internal squabbles over its efforts to comply with international anti-money-laundering norms.

The publication Saturday of “His Holiness” by Italian journalist Gianluigi Nuzzi, added fuel to the fire, reproducing confidential letters and memos to and from Pope Benedict and his personal secretary which, according to the Vatican, violated the pope's right to privacy.

Vatican spokesman Rev. Federico Lombardi said in a statement Saturday the book was an “objectively defamatory” work that “clearly assumes characters of a criminal act.” He warned the Holy See would get to the bottom of who “stole” the documents, who received them and who published them. He warned the Holy See would seek international cooperation in its quest for justice, presumably with Italian magistrates.

The Vatican had already warned of legal action against Nuzzi after he published letters in January from the former second-highest Vatican administrator to the pope. In those letters the administrator begged not to be transferred for having exposed alleged corruption that cost the Holy See millions of euros in higher contract prices. The prelate, Monsignor Carlo Maria Vigano, is now the Vatican's US ambassador.

Nuzzi, author of Vatican SpA, a 2009 volume laying out shady dealings of the Vatican Bank based on leaked documents, said he was approached by sources inside the Vatican with the trove of new documents. Most of them are of fairly recent vintage and many of them painting the Secretary of State, Cardinal Tarcisio Bertone, in a negative light.

Much of the documentation is fairly Italy-centric: about a 2009 scandal over the ex-editor of the newspaper of the Italian bishops' conference, a previously-unknown dinner between Benedict and Italy's president, and even a 2011 letter from Italy's pre-eminent talk show host Bruno Vespa to the pope enclosing a check for 10,000 euro for his charity work and asking for a private audience in exchange.

But there are international leaks as well, including diplomatic cables from Vatican embassies from Jerusalem to Cameroon. Some concern the conclusions of the pope's delegate to the disgraced Legion of Christ religious order. In a memo sent to the pope last autumn he warned that the financial situation of the order, beset by a scandal over its pedophile founder, “while not grave, is serious and pressing.”

Ettore Gotti Tedeschi, the head of the Institute for Religious Works, otherwise known as the Vatican Bank, gets significant ink. His private memos to the pope with his take on the Vatican's response to the global financial crisis and how to handle the church's tax exempt status amid Italian government efforts to crack down on tax evasion have also been published.
The bank has been trying for some two years to remedy its reputation as a shady tax haven beset by scandals. One of them is the collapse of Italy's Banco Ambrosiano and the death of its head, Roberto Calvi, who also helped manage Vatican investments and was found hanging from London's Blackfriars Bridge in 1982.
In a bid to show it has mended its ways, the Institute for Religious Works this week invited ambassadors from 35 countries in for a tour and a chat with its managing director as part of a new transparency campaign. The tour came on the same day Holy See representatives were in Strasbourg discussing the first draft of a report from a Council of Europe committee on the Vatican's compliance with international norms to fight money laundering and terrorism financing.

British Ambassador Nigel Baker, who went on the Institute for Religious Works tour, later blogged that the Vatican's reputation depends on showing that its institutions are transparent. “Plenty still needs to be done. But the Holy See needs to stick to its guns. It is in their interest, and ours,” Baker wrote.

Friday, December 23

C'è del marcio in.... Somalia.

Rilasciati, dietro lauti compensi, a cittadini somali coinvolti in traffici di esseri umani e, addirittura, a membri di al-Shabaab, il gruppo ribelle di matrice qaedista? Domande che sorgono dopo che il Gruppo di monitoraggio ONU per la Somalia e l'Eritrea (SEMG) ha mosso rilievi (pesanti ma fragili) sul conto della diplomazia italiana in Kenya. Le supposizioni del SEMG sono raccolte per il secondo anno Secondo i funzionari delle Nazioni Unite, negli ultimi anni il traffico di esseri umani si sarebbe alimentato con la complicità di collaboratori locali delle nostre ambasciate. E forse di diplomatici in ruolo. La Farnesina: compiute ispezioni e corrette le procedure, ma nessuna corruzione consecutivo nel dossier riservato 2011 che l'organismo delle Nazioni Unite ha compilato e diffuso a luglio. Supposizioni che possono creare imbarazzo alla nostra diplomazia, ma che fanno anche emergere serie perplessità su alcuni documenti preparati da certi organismi dell'Onu. Il Semg ritiene infatti che membri delle ambasciate d'Italia per il Kenya e la Somalia siano stati coinvolti tra il 2005 e il 2010, in genere inconsapevolmente, ma in alcune circostanze anche volontariamente, nella vendita illegale di visti a trafficanti somali. Visti che potrebbero essere finiti anche nelle mani dei guerriglieri che stanno affamando il Paese, impedendo l'arrivo degli aiuti per contrastare la carestia o saccheggiandoli e rivendendoli. Dossier «secretato» Il rapporto dei funzionari Onu è sotto rigoroso embargo. Attraver *** so fonti del Palazzo di Vetro a New York, Avvenire ha ottenuto però la documentazione etichettata come "strettamente confidenziale". «Nel gergo delle missioni internazionali, questo tipo di dossier è chiamato "Comunicato ufficiale del caso (S.o.c.)" - ammette Matt Bryden, coordinatore del SEMG, raggiunto al telefono a New York -, ma non sono autorizzato a parlarne perché è la relazione più confidenziale tra quelle che produce il mio ufficio».

I S.O.C., rapporti più dettagliati, circolano unicamente all'interno delle delegazioni dei quindici Stati membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, i quali decidono poi se avviare procedure di sanzione contro i Paesi o le persone coinvolti. II ruolo del trafficante Nella documentazione confidenziale che Avvenire ha potuto esaminare, si legge che il più noto trafficante somalo di esseri umani, Abdirahman Abdi Salawat, in violazione della risoluzione Onu 1907 del 2009, relativa a sicurezza e terrorismo, «usa l'Italia come principale via di traffici verso l'Europa». Nel rapporto pubblicato dal Semg, Salawat è accusato di aver violato la risoluzione Onu in quanto «ha fatto arrivare in Europa presunti membri di al-Shabaab». Su cosa si fondano le rinnovate accuse dell'Onu all'Italia (già nel 2010 il rapporto parlava di circostanza analoghe)? Secondo quanto si è potuto appurare, tutto è cominciato i120 settembre del 2009, con un messaggio di posta elettronica proveniente da un anonimo "deputato somalo" e avente come oggetto «Tangenti e corruzione per i visti emessi dall'ambasciata d'Italia a Nairobi», destinato all'Ufficio immigrazione dell'Unione europea. Le circostanze riportate nella e-mail furono alla base di un'investigazione del Semg, che continua tuttora. «Diverse fonti somale ci avevano confermato tali accuse - afferma Bryden, superando in parte il riserbo -. Così, dopo aver raccolto prove sulla corruzione nelle vostre ambasciate, abbiamo ritenuto giustificato menzionare l'Italia nel rapporto di marzo 2010». Poco prima della pubblicazione del documento, una delegazione del Semg si era incontrata i123 febbraio del 2010 con due rappresentanti della missione d'Italia presso il Palazzo di vetro. Bryden sostiene addirittura di essere stato «verbalmente minacciato» dai due diplomatici dopo avere annunciato l'intenzione di accusare l'Italia di corruzione nel rapporto che era allora in uscita. L'ispezione da Roma A quel punto, la Farnesina spedì a Nairobi nel marzo 2010 due ispettori per parlare con i diplomatici interessati e controllare gli archivi dei visti.

Le conclusioni dell'ispezione sono in un documento inviato a Roma e non accessibile ai media. Uno dei provvedimenti - per così dire dimostrativo - della Farnesina fu però quello di togliere la firma per la concessione dei visti all'ambasciatore italiano presso il Governo federale di transizione somalo (Tfg), Stefano Dejak (recentemente nominato ambasciatore in Uganda e insediatosi a Kampala i122 ottobre come ambasciatore per Uganda, Ruanda e Burundi), il quale dal 2009 aveva ricevuto l'incarico di approvare le carte d'ingresso unicamente per i funzionari politici del Tfg. «Dato che l'Italia era menzionata nel rapporto - afferma una fonte diplomatica italiana sotto anonimato -, la Farnesina aveva ritenuto opportuno sospendere l'autorità sui visti all'ambasciatore Dejak, per evitare qualunque fraintendimento». Ma solo la relazione confidenziale degli ispettori sarebbe in grado di far luce sul vero motivo del provvedimento. Interpellato direttamente da Avvenire, il nostro ministero degli Esteri ha confermato che il suo ispettorato, nel marzo 2010, su segnalazioni imprecisate di possibili irregolarità, dispose una missione a Nairobi che si concluse con alcune raccomandazioni per correggere le procedure del rilascio dei visti. Non furono però rilevati - sottolinea la Farnesina - né casi specifici di corruzione né elementi di responsabilità individuali tali da fare assumere altri provvedimenti. Smentite e conferme Dopo la pubblicazione del rapporto Semg 2010, la diplomazia italiana a Nairobi definì i rilievi in esso contenuti «voci senza fondamento». Sebbene Avvenire non abbia trovato alcuna prova riguardo alla complicità diretta delle ambasciate italiane relativa al traffico di visti, le fonti incontrate a partire dal luglio 2010 hanno tuttavia descritto un complicato e sorprendente quadro delle dinamiche che caratterizzano l'emigrazione dei cittadini somali.

«Molti di noi devono affidarsi agli 'intermediari' per ottenere un visto dall'ambasciata italiana», spiega Omar, una delle fonti, che ora vorrebbe essere rimborsato dall'intermediario che non è riuscito a fargli ottenere il visto. «Dobbiamo pagare persino per raggiungere il nono piano dell'edificio in cui si trova l'ambasciata italiana a Nairobi». Ci è stato infatti riferito che negli ultimi quindici anni la somma da pagare ai mediatori locali per salire all'ufficio consolare era tra i 100 e 500 dollari. Altre centinaia di dollari sarebbero state versate per corrompere ufficiali dell'immigrazione keniota e italiana, addetti delle compagnie aeree e retribuire i trafficanti stessi. Sia le investigazioni del Semg sia quelle di Avvenire fanno emergere che un visto emesso dall'ambasciata italiana poteva fruttare alla catena degli intermediari tra i 12 e i 20mila dollari, denaro che i somali raccoglievano soprattutto attraverso parenti e amici già residenti all'estero. «Una volta pagata la somma, i trafficanti fanno arrivare un taxi sotto casa», afferma Halima (nome di fantasia), in attesa di essere prelevata per il viaggio della speranza in Europa. «Dall'aeroporto di Nairobi, un intermediario accompagna fino a destinazione per consegnarci a un altro trafficante in Italia, che gestisce l'arrivo e il passaggio di altre frontiere europee». La maggior parte delle persone comvolte nel traffico d esseri umani usa l'Italia come punto di passaggio per raggiungere l'Inghilterra o i Paesi scandinavi. Alcuni cittadini somali da noi intervistati puntano il dito contro un intermediario chiamato Banjo, e vari trafficanti, tra cui lo stesso Salawat. «Ho lavorato ufficiosamente per l'ambasciata d'Italia a Nairobi tra 112005 e i12009», ci ha detto Banjo nel dicembre 2010. «Mi occupavo di aiutare i somali a compilare i moduli per il visto italiano. Lo facevo volontariamente - spiega -, ma qualche soldo, secondo le possibilità dei miei clienti, lo guadagnavo». «Il SEMG crede che Salawat abbia usato Banjo per cospirare con un diplomatico d'alto rango all'ambasciata italiana presso il TFG», è scritto nel rapporto S.O.C. crede, ma non dimostra.

Introdotte nuovi meccanismi Secondo quanto acquisito daAvvenire, con un messaggio di posta elettronica del 4 maggio, la diplomazia italiana in Kenya aveva inizialmente negato al Seme di aver utilizzato Banjo. «Per poi ammettere che Banjo avesse lavorato come "traduttore" nella sezione consolare - si legge nel dossier S.o.c. -, ma che era impiegato in qualità di assistente personale di un ex membro dell'ambasciata italiana per il Kenya». Nonostante ripetute sollecitazioni riguardo a Salawat, il corpo diplomatico italiano m Kenya non ha voluto rilasciare commenti ad Avvenire. Dopo molti anni e in seguito alle pressioni di vari attori, comunque, dal primo agosto 2011, tutti i richiedenti visto devono prenotarsi, presentare la documentazione necessaria e ricevere risposte attraverso la società VFS Global. «Testimoni» non disinteressati Non si deve comunque tacere che vi sono lacune nell'investigazione del Semg. Nel dossier sul caso, ad esempio, si parla di «sette visti commissionati da Salawat e ipoteticamente emessi dall'ambasciata italiana di Nairobi». L'unica prova fornita a sostegno di tale affermazione è un visto, esaminato da Avvenire, che risulta chiaramente falsificato. Il Gruppo di monitoraggio mostra inoltre di essere un'agenzia Onu che non può essere essa stessa controllata, perché «siamo prima di tutto protetti dall'immunità», conferma Bryden, i cui colleghi spendono spesso centinaia di dollari per ottenere informazioni dalle proprie fonti. In almeno due occasioni siamo stati direttamente testimoni del pagamento di cento dollari, messi in una busta, quale "prezzo" degli incontri tra un investigatore del Semg e due fonti somale. Per via di tale pratica, le informazioni avute da queste «fonti molto attendibili», come vengono definite nel rapporto pubblico dell'organizzazione Onu, sono infatti state spesso messe in dubbio da analisti e diplomatici che da anni si occupano della crisi somala.

Salawat, il più pericoloso dei «faccendieri» tra guerra ed emigrazione. Considerato il più pericoloso trafficante somalo di base a Nairobi,Abdirahman Abdi Salawat "Salawat" — noto anche come AbdiWarsame Dirie o, semplicemente, Salawat — è accusato dal Gruppo di monitoraggio Onu per la Somalia e l'Eritrea (Semg) di aver violato la risoluzione 1907 del 2009 sul terrorismo e la sicurezza. Salawat ha almeno due passaporti kenioti «apparentemente ottenuti sotto false generalità», precisa il rapporto pubblico del Semg. Dal 2004 Salawat ha facilitato il traffico di cittadini somali, tra cui criminali e sospetti membri di alShabaab, il gruppo ribelle alleato di al-Qaeda. Secondo il dossier del SEMG, Salawat è proprietario del Gaman Hotel, un tempo chiamato Top 10 Hotel, che si trova a Eastleigh, il quartiere somalo di Nairobi. «L'hotel era usato come crocevia per traffici di passaporti rubati e falsificati, documentazione da viaggio, carte d'identità keniote e droga», sostiene il SEMG. Durante il 2009, l'albergo ha cominciato a ospitare membri sia della ribellione somala sia di quella etiope. Sempre secondo il Semg, «Salawat avrebbe facilitato il traffico degli insorti che dalla Somalia volevano raggiungere il Kenya». Molti di questi ribelli avevano riportato ferite di guerra o volevano essere aiutati a raggiungere l'Europa. Nella documentazione confidenziale del SEMG, Salawat ha ammesso di aver ricevuto almeno un visto italiano dall'ufficio consolare dell'ambasciata d'Italia per il Kenya. Inoltre, si presume che Salawat abbia persino una struttura per produrre visti falsi, soprattutto italiani.

Friday, December 9

CESARE GERONZI: LA PARTE BUIA DELL'ITALIA BANCARIA E NON SOLO.

Cesare Geronzi, 77 anni il prossimo 15 febbraio, ha ancora l'ufficio alle Generali. Ma è presidente della Fondazione, non più del primo gruppo assicurativo del Paese. L'uomo che fino a sei mesi fa era considerato, dopo Berlusconi, il più potente d'Italia, vive un momento difficile, culminato nella condanna per il crac Parmalat. Ora Geronzi rompe il silenzio. E affronta la questione giudiziaria e le vicende che hanno capovolto l'assetto della finanza italiana.

Presidente, in primo grado le hanno dato cinque anni per bancarotta fraudolenta e usura. Una condanna molto grave.
«Un'ingiustizia molto grave. Non è facile accettare di essere trattato, in quanto banchiere, alla stessa stregua di imprenditori le cui malefatte non possono essere riconosciute a priori. È la perenne applicazione del "non poteva non sapere", in questo caso riferita non alla propria azienda, ma a un soggetto esterno che aveva tutto l'interesse a occultare la propria realtà. È una vicenda significativa che oggettivamente incita i banchieri, soprattutto in tempi di crisi, a non finanziare le imprese che possono avere qualche problema per il rischio di essere ritenuti corresponsabili di bancarotta, nelle sue diverse forme. Tenga conto che non sono stato ritenuto degno di un solo interrogatorio. Anche quando mi sono presentato, in seguito alla decisione del tribunale di sospendermi, né il gup né il pm mi hanno rivolto una sola domanda. Tutto è durato sette minuti: il tempo di una semplice dichiarazione».

Lei è stato condannato per aver fatto pressioni su Tanzi perché acquistasse le acque minerali di Ciarrapico, che potè così rientrare dai debiti con la sua banca.
«Nessuno è mai stato in grado di fare pressioni su un uomo come Tanzi. Tanzi ha sempre fatto quello che ha voluto. Non c'è un fatto, un documento, una testimonianza, una firma, un verbale di riunione che attesti la mia responsabilità. E Tanzi è stato severamente condannato in più procedimenti».

Presidente, tutti dicono che in Capitalia nulla veniva fatto senza il suo assenso, senza la sua responsabilità.
«Ciò che "tutti dicono" non è la verità. Nell'accertare la verità c'è molta pigrizia. E c'è un film che i pubblici ministeri si sono costruiti, senza agganci fattuali. Un teorema».

Ma c'è anche un'altra condanna per bancarotta: quattro anni per il crac Cirio.
«Lei sa chi era il procuratore aggiunto che si è occupato del caso Cirio? Achille Toro. Un uomo che poi i fatti hanno dimostrato come e quanto fosse inadeguato».

Un uomo accusato di essere il terminale giudiziario di un gruppo di interessi privati. È così?
«Di un gruppo di interessi privati, e forse anche di qualche membro istituzionale».

Quale membro istituzionale?
«La verità vera alla fine si affermerà. Confido che in appello le sentenze che mi riguardano saranno ribaltate. Dedicherò a tal fine un impegno incessante. Sarà il mio assillo quotidiano».

Cos'è successo davvero alle Generali?
«Guardi, io ho studiato e ho costruito la mia professionalità in un istituto, la Banca d'Italia, dove non sono entrato per raccomandazione. Ho vinto un concorso, e nelle graduatorie di tutti i concorsi che in Banca d'Italia si fanno per salire di grado sono sempre stato il primo. Ho lasciato via Nazionale per andare al Banco di Napoli quando era una cloaca, dopo che il terremoto in Irpinia aveva reso industriale l'attività della camorra. Ho imparato molto. Se vedo una cosa, se rientra nelle mie dirette responsabilità, la capisco. Oggi vanno di moda i presidenti che si dedicano a visite istituzionali, che riuniscono i consigli d'amministrazione, che vanno in giro con fasci e borse di documenti che nulla dicono e a nulla servono. Io non sono adatto a portare borse. Chi conosce e sa parlare delle questioni e dei progetti non gira con fasci di documenti. O ha tutto qui (Geronzi si indica la testa), oppure sono pressoché inutili l'immagine e la comunicazione».

Sta dicendo che in Generali hanno qualcosa da nascondere?
«Niente affatto, non mi riferisco alle Generali. Io sono ancora nel mondo di questo gruppo. Apprezzo questa grande, storica compagnia e coloro - a cominciare dai manager di vertice - che vi lavorano. Verrà, comunque, il momento in cui parlerò della mia vicenda "sine ira ac studio" e non è detto che questo tempo sia molto lontano. Ora presiedo la Fondazione Generali e sono impegnato a far sì che, con mezzi e risorse adeguati, possa svolgere il ruolo, nella ricerca, nella cultura, nell'assistenza, che compete a un ente fondato dalla prima multinazionale italiana».

Le è stato attribuito il disegno di fondere Mediobanca e Generali. È stata questa la causa della rottura?
«Fanfaluche. Timori inconsistenti. Mai pensato a una operazione siffatta».

È stato un errore scegliere di lasciare Mediobanca un anno e mezzo fa?
«Io non ho mai scelto di fare alcunché. Hanno scelto sempre i miei azionisti. Io ho aderito alla proposta che mi è stata fatta dagli azionisti di Mediobanca: mi sembrava un'esperienza interessante, per concludere con soddisfazione una carriera di grande rispetto e di grande successo».

Fu un errore allora fare la guerra a Vincenzo Maranghi nel 2003, quando era amministratore delegato di Mediobanca?
«Lei deve pensare a come veniva svolta all'epoca l'attività di Mediobanca. I consigli d'amministrazione consistevano nella lettura del verbale della seduta in corso. E il consiglio successivo si apriva con l'approvazione del verbale della seduta precedente. Ognuno apprendeva ogni decisione dai giornali. La lotta a Maranghi, che non ho fatto certo da solo, si aprì alla scadenza del patto, che lui voleva cambiare. Maranghi pretendeva che le banche uscissero, lasciando il campo (all'interno del patto di sindacato che regge la banca, ndr) al cosiddetto gruppo B, quello storico degli imprenditori, e ad alcuni "foresti", come venivano chiamati».

Foresti?
«Fu allora che emerse il cosiddetto gruppo francese: all'evidenza, un acquirente clandestino non noto, di cui nessuno conosceva né i nomi né l'entità degli investimenti. Questo naturalmente determinò nelle banche una crisi di rigetto. Il conflitto nacque là. E le dimissioni non furono forzate; alla fine furono volontarie».

Ne è proprio sicuro?
«Maranghi si accorse che l'azionariato delle Generali era profondamente cambiato; e lui sapeva che le Generali sono fondamentali per la vita di Mediobanca. Preferì dimettersi, pur di evitare che i rapporti tra Generali e Mediobanca fossero diversi».

I francesi non le rimasero ignoti a lungo.
«Mi fu chiesto di ricevere due signori a me sconosciuti. Erano Vincent Bolloré e Tarak ben Ammar. Fu così che, nonostante la difficoltà di trattare con Bolloré, nacque l'accordo basato sui tre gruppi: le banche, gli imprenditori, e appunto i foresti. Si affermò la piena trasparenza, richiesta anche dalla Vigilanza. Tornò la pace in Mediobanca; tornò la pace tra le banche; tornò la pace nelle Generali. Se permette, un pizzico di orgoglio personale credo di poterlo rivendicare».

Fu lei a salvare Berlusconi dai debiti, portando Mediaset in Borsa nel 1996 e rifinanziandola prima ancora di collocarne le azioni.
«Guardi, come presidente della Banca di Roma e membro del Cda di Mediobanca, più volte avevo sostenuto con l'imprenditore Berlusconi che la soluzione dei suoi problemi era il collocamento in Borsa. O lo faceva l'Imi, o Mediobanca, o la Banca di Roma. Andammo ad Arcore in tre: Cuccia, Maranghi e io. Berlusconi ci spiegò l'operazione in modo sintetico e preciso. Ma, appena la nostra macchina uscì dal cancello, Cuccia disse a me, che ero seduto dietro accanto a lui: "Questa operazione non si può fare". E perché?, gli chiesi. "Perché i bilanci sono falsi". Maranghi, che era seduto davanti, si girò di scatto, e rimase per tutto il viaggio di ritorno a Milano con il busto girato verso Cuccia, che proseguì: "Le cifre di Berlusconi non sono vere, ma virtuali. Quanto vale un'antenna? Un'antenna non è una ciminiera, non ha sotto un opicifio". Lascio a lei valutare a che punto fosse l'evoluzione del pensiero in Mediobanca, attorno allo sviluppo di un settore dell'industria che ha avuto e avrà ancora grande successo. Ciò, naturalmente, nulla toglie al giudizio storico sulla grandezza di Enrico Cuccia, sulla sua opera che ha salvato l'asfittico capitalismo italiano. Forse se ne è ritardata l'evoluzione, ma senza quell'opera avremmo rischiato di essere una colonia economica».

È sicuro che le tv di Berlusconi avranno ancora grande successo, ora che lui non è più a Palazzo Chigi?
«Sì. Le tv commerciali non mi sembrano affatto finite. Guardi la corsa a comprare La7. Comunque, alla fine Mediaset fu portata in Borsa da Imi e da Banca di Roma. Fu un affare per l'azienda, ma fu un affare anche per noi. La quota di garanzia della Banca fu di 300 miliardi, con le azioni a 7 mila lire. Quando furono ricollocate, 4 o 5 mesi dopo, valevano tra le 18 e le 21 mila lire».

I partiti sono stati clienti altrettanto buoni? Compresi quelli della sinistra?
«L'idea che io sia stato un banchiere politico è una leggenda metropolitana. Nessun politico mi ha mai chiesto o ha mai ottenuto alcunché. Io ho fatto il banchiere e ho rigorosamente tutelato gli interessi della banca, dei risparmiatori e dei prenditori di credito».

È una leggenda metropolitana molto diffusa.
«È un luogo comune originato da una delle dodici o tredici fusioni che ho curato a partire dall'89. A Roma c'erano due banche dell'Iri, il Banco di Roma e il Banco di Santo Spirito, che l'Iri doveva ricapitalizzare ad anni alterni, tante erano le perdite. Tra i clienti finanziati da entrambe le banche c'erano, per esempio, il Pci e l'Unità. Dovetti farmi carico dell'operazione di salvataggio dei crediti».

Quali furono i suoi interlocutori, e come si comportarono?
«Furono D'Alema e Fassino, con cui ho sempre avuto un ottimo rapporto. Ripeto: non sono mai stato un banchiere politico. E non sono neppure mai stato un uomo di centrodestra: da giovane votavo Partito repubblicano».

Non votava Dc?
«No. Vorrei ricordare che Capitalia, nata da tutte queste fusioni, fece l'ultima in un momento che si intravedeva straordinariamente pericoloso, nel luglio 2007. E la fusione con Unicredit creò valore per tutti gli azionisti».

Oggi Unicredit non se la passa così bene.
«I problemi di Unicredit non derivano dalla fusione con Capitalia. Derivano forse dal contesto in cui è avvenuta la cacciata di Profumo. L'unica colpa che gli si può forse imputare è aver comprato troppo in fretta. Ma Profumo è un banchiere eccellente, che conosce a fondo il proprio mestiere».

Da Profumo vi divise la linea su Rcs. Lui intendeva uscire. Lei volle restare.
«Unicredit non ha mai posseduto un'azione Rcs. Capitalia acquisì una quota quando Romiti lasciò, e i soci del patto avrebbero dovuto rilevare le sue azioni. Mediobanca, per bocca del suo presidente Galateri, disse di non essere interessata. Chiesi una verifica, e sulla decisione di crescere in Rcs ci fu in Mediobanca l'unanimità. Grazie al mio rapporto stretto con Giovanni Bazoli abbiamo superato quello e altri momenti durissimi».

Che giudizio ha di Tremonti?
«È definito da tutti intelligente, geniale. Uomo dunque capace di tutto. Per questo, meno adatto a gestire istituzioni pubbliche».

Quanto conta oggi il Vaticano nella finanza?
«Poco o niente».

Conterà almeno l'Opus Dei, dalle cui file viene Gotti Tedeschi, il presidente dello Ior.
«Non è certo quella finanziaria l'attitudine principale che si richiede alla Chiesa sia per il mandato divino sia per la sua opera pastorale-evangelica. Molto ordine è stato fatto, da un po' di tempo, nell'economia e nella finanza vaticane. Quanto a Ettore Gotti Tedeschi, che è stato anche consulente di Tremonti, è un personaggio ritenuto preparato, che si è particolarmente esercitato nella demografia».

E la massoneria?
«La massoneria invece conta, forse conta molto, ed è spesso segnalata come protagonista di snodi più importanti di settori politici e finanziari».

9 dicembre 2011 | 11:05

Monday, December 5

FINMECCANICA: LA VERGOGNA DELLE VERGOGNE

Oltre alla Procura di Napoli e Roma, a sospettare di tangenti internazionali pagate da Finmeccanica, ci sono anche i giornalisti panamensi: ieri il quotidiano La Estrella ha scoperto che nei conti della commessa da 333 milioni di dollari - quella per l'acquisto panamense di 19 radar e 6 elicotteri - c'è una "discrepanza" di ben 81 milioni. I conti non tornano, scrive il quotidiano, e proprio quegli 81 milioni di differenza possono nascondere la mazzetta che imbarazza il presidente Ricardo Martinelli. Imbarazzo doppio, considerato che a Panama s'è rifugiato Valter Lavitola, latitante ormai da mesi, dopo la richiesta d'arresto (per un altro reato: aver istigato Gianpi Tarantini a mentire, nel procedimento barese sulle escort, per tutelare Silvio Berlusconi). E sempre ieri, proprio su Lavitola, l'ex ministro degli Esteri panamense, Juan Carlo Varela, ha rivelato un altro importante scenario: "Mi sono rifiutato in tre occasioni - ha dichiarato al quotidiano La Prensa - di nominare Lavitola console onorario di Panama a Roma". Un rifiuto che Varela avrebbe opposto non soltanto al suo presidente, Riccardo Martinelli, ma anche al nostro ex ministro degli Esteri, Franco Frattini: "L'ultima volta - continua Varela - mi sono opposto quando sono stato a Roma, per la beatificazione di Giovanni Paolo II, e l'ho comunicato sia a Martinelli, sia a Frattini".

Dichiarazioni che confermano la stretta vicinanza di Lavitola con il governo panamense, oltre che il governo italiano e aumentano l'imbarazzo di Martinelli perle sospette tangenti sulle commesse di Finmeccanica, chiuse proprio per mezzo di Lavitola che, per il colosso dell'industria italiana era stato assunto come consulente. I conti dell'operazione, però, adesso non tornano più. Ed è proprio un ministro in carica a dichiararlo: "Non è escluso - ha detto Frank De Lima - che qualcuno abbia commesso un errore nel cambio di moneta. La transazione è di 185 milioni di euro, pari a 252 milioni di dollari". Fino a poco fa, la cifra ufficiale era di 333 milioni. E non si tratta dell'unica cifra a insospettire i panamensi. Due settimane fa, il deputato panamense Jorge Alberto Rosas, ha scoperto una netta differenza nei costi, per gli stessi radar, rispetto a Turchia e Yemen: "Ci sono significative differenze tra i prezzi dei radar acquistati dalla Turchia e dallo Yemen: 25 milioni per la Turchia, secondo il comunicato stampa di Selex, per 24 radar Lyra 50. E 20 milioni di euro, per 12 Lyra 50, in Yemen". A quanto pare, per Panama, non è stato un grosso affare: "La Repubblica di Panama - conclude Rosas - ha acquistato 19 Lyra SO per 90 milioni di euro. Abbiamo richiesto che il ministro della Sicurezza nazionale spieghi le ragioni di una tale discrepanza nei prezzi". E anche il Partito rivoluzionario democratico (Prd), che siede nei banchi dell'opposizione, ora chiede un'inchiesta d'ufficio. La commessa di Finmeccanica, chiusa per il tramite di Lavi-tola, sta mettendo in fibrillazione l'intera politica panamense.

Jose Domingo Arias, ieri ha dichiarato che "sul contratto firmato a Panama non ci sono indizi di corruzione". Lo scontro più duro, però, è quello tra Martinelli e Juan Carlos Vare-la, che prima di essere destituito il 30 agosto dal suo incarico di ministro degli Esteri, era uno stretto alleato del presidente panamense. Ieri ha dichiarato di essersi opposto alla nomina di Lavitola, come console onorario di Panama a Roma, ma due giorni fa è andato oltre: ha chiesto la cancellazione del contratto con Finmeccanica. E ha invitato la Procura a indagare su una presunta lesione patrimoniale. Martinelli ha replicato su twitter. Con una dichiarazione velenosa: Varela in occasione della firma era al mio fianco. E Varela ha puntualmente negato. Se non bastasse, i panamensi stanno scoprendo soltanto ora quanto siano stretti i legami tra Martinelli e Lavitola, visto che i giornalisti di Tvn Noticias, proprio in questi giorni, hanno annunciato di aver visionato alcuni messaggi di posta elettronica, che confermano lo stretto legame tra i due. Non solo. Tvn Noticias ha rivelato che Lavitola, a Panama, usufruisce dei servizi di un autista ben noto al governo: Dioniso Mendieta, agente del servizio di Protezione istituzionale, che gli sarebbe stato assegnato direttamente dal segretario privato del Presidente, Adolfo de Obarrio.

E se a Panama il clima si surriscalda, in Italia, le cose non vanno meglio: Manlio Fiore e Marco Iannilli, arrestati il 19 novembre per l'inchiesta sugli appalti Enav, restano nel carcere di Regina Coeli. Il Tribunale del Riesame ha respinto la richiesta avanzata dai loro difensori di essere scarcerati o di ottenere i domiciliaci. È stato proprio Iannilli, in più occasioni, a spiegare che non soltanto Finmeccanica condizionava le nomine dei componenti del cda di Enav, attraverso l'ex direttore centrale Lorenzo Borgogni, ma una serie di lavori affidati alla Selex - società del gruppo Finmeccanica - non furono eseguiti, ma pagati con una falsa fatturazione pari a 800 mila euro. Tutti e tre insieme da sinistra verso destra: Lavitola, l'ex ministro degli Esteri Frattini e il panamense Martinelli

Sunday, July 24

La memoria mi funziona ancora, quel nome "Giuseppe Scelsi" mi diceva qualcosa, e quel qualcosa lo collegava a Massimo D'Alema.

Sempre un caso chiaramente, anche perchè dichiarare il contrario sarebbe a rischio denuncia come dichiarato da D'Alema stesso.
Allora, la situazione attuale, il giudice Giuseppe Scelsi è colui che indagava sul caso Berlusconi a Bari, ed era anche PM allora quando ci fu l'archiviazione per un reato di tangenti per D'Alema. L'altro PM di allora, il giudice Maritati, è diventato senatore del PD prima DS e appena nominato, allora, diventò sottosegretario all'interno nel primo governo D'Alema.

Quei PM che archiviarono la tangente presa da D'Alema il quale, a distanza, ammise di averla presa. Un reato archiviato con tanto di reato.

Settembre 1994: un imprenditore confessa un contributo illecito, il futuro premier conferma, un giudice archiviaper prescrizione. E il pm, cinque anni dopo aver condotto gli accertamenti, va al governo. Con l'ex indagato.
Forse è per la cifra irrisoria del finanziamento illecito: appena 20 milioni, in una busta consegnata da un imprenditore. O forse perché l'indagato, su richiesta dello stesso pubblico ministero che lo aveva messo sotto accusa, venne prosciolto dopo nemmeno 12 mesi. Sta di fatto che a Bari, tra 1994 e 1995, si è svolta un'inchiesta che è stata sorprendentemente cancellata dai mass media: per anni nessuno ne ha mai parlato in televisione, nessuno ne ha scritto sui giornali. Come se nessuno se ne fosse accorto. O non avesse voluto accorgersene.
Eppure, l'inchiesta dimenticata è assai interessante. Perché ha riguardato l'ex segretario del Pds ed ex presidente del Consiglio Massimo D'Alema. Perché D'Alema venne prosciolto, ma soltanto per la prescrizione del reato. E, soprattutto, perché D'Alema qualcosa aveva ammesso. Sì, insomma, quel piccolo finanziamento c'era stato. Un altro dato interessante della storia riguarda il magistrato inquirente, Alberto Maritati, nominato nel 1999 sottosegretario da Massimo D'Alema.
Tutto era cominciato a Bari alla metà del 1994, nel periodo più aggressivo di Mani pulite. L'indagine era partita dalle dichiarazioni rese agli inquirenti da Francesco Cavallari, «il re delle case di cura riunite»: un piccolo impero della sanità privata, con 4 mila dipendenti. Cavallari, arrestato nel maggio di quell'anno per truffa, reati contro la pubblica amministrazione e associazione mafiosa, era stato il motore dell'inchiesta: in settembre, dopo mesi di reclusione, afflitto da problemi cardiaci, aveva deciso di collaborare con i magistrati. E con un fiume di confessioni aveva scatenato l'apocalisse: nel marzo 1995 i suoi interrogatori avevano aperto le porte del carcere per decine di consiglieri regionali e assessori. Erano finiti nei guai perfino due ex ministri, Vito Lattanzio e Rino Formica, accusati di corruzione e di finanziamento illecito, imputazioni da cui sarebbero stati poi assolti nel maggio 1999. La Tangentopoli pugliese aveva colpito duro soprattutto gli esponenti della Dc, del Psi e degli altri partiti di governo. Alla fine Cavallari se l'era cavata con un patteggiamento a 22 mesi.
Ma l'imprenditore aveva parlato davvero di tutti. «Ho avuto rapporti anche con l'opposizione in regione» aveva precisato Cavallari in un interrogatorio davanti al pubblico ministero Maritati, il 19 settembre 1994, «e cioè con il Msi e con il Pci». Era spuntato allora il nome di D'Alema, che alla metà degli anni Ottanta, prima di essere eletto deputato nel 1987, era stato segretario del Pci pugliese e consigliere regionale. Cavallari, nella deposizione, aveva accennato a un ottimo rapporto con l'esponente dell'opposizione: «Quando era in regione, ero solito recarmi da lui e prospettargli le nostre iniziative...».

Maritati, viceprocuratore nazionale antimafia, una fama di mastino, aveva chiesto se si fossero verificati illeciti. E l'imprenditore aveva dichiarato: «Non nascondo che in una circostanza particolare ho dato un contributo di 20 milioni al partito. D'Alema è venuto a cena a casa mia, e alla fine della cena io spontaneamente mi permisi di dire, poiché eravamo alla campagna elettorale 1985, che volevo dare un contributo al Pci». L'accusa era stata ripetuta il 7 ottobre. Gli inquirenti avevano chiesto a Cavallari i riscontri: «Quella sera, con D'Alema, eravamo presenti in tre: io, il mio cuoco Sabino Costanzo, e il nostro amministratore Antonio Ricco, che era in grande rapporto d'amicizia con lui».
Stesso trattamento, una busta con 20 milioni per le spese elettorali, secondo Cavallari era stato riservato nel 1987 a quello che allora era un esponente di spicco del Msi pugliese, Giuseppe Tatarella, morto nel 1999, e che nel momento degli interrogatori era nel governo presieduto da Silvio Berlusconi, come vicepresidente del Consiglio.
Poi, fino al 28 marzo 1995, l'inchiesta barese era andata avanti, con interrogatori e accertamenti: non solamente su quei due episodi, ma su decine di altre vicende, tutte rivelate da Cavallari. Quel giorno i pubblici ministeri titolari dell'inchiesta, accanto a Maritati anche Giuseppe Scelsi, Giuseppe Chieco e Corrado Lembo, avevano chiesto di prosciogliere una settantina di indagati dall'accusa di associazione per delinquere. E avevano chiesto l'archiviazione «per intervenuta prescrizione» per altri indagati di solo finanziamento illecito: fra questi, D'Alema e Tatarella.

Gli inquirenti ritenevano «intrinsecamente attendibili» le accuse dell'imprenditore. Ma si vedevano costretti ad archiviare per il troppo tempo trascorso dal reato: 10 anni. I magistrati avevano descritto così Cavallari: «Ha cercato di accattivarsi con promesse, contribuzioni in denaro, assunzioni di favore e altre illecite lusinghe il ceto politico dominante di Bari; e ha tentato di assicurarsi l'appoggio dell'opposizione allo scopo di neutralizzare o ridurre l'ostilità nei momenti cruciali della vita e dello sviluppo del gruppo imprenditoriale».
La richiesta di archiviazione era finita sul tavolo del giudice Concetta Russi, che il 22 giugno 1995 aveva ordinato il proscioglimento: «È superfluo ogni approfondimento». Ma il giudice barese aveva colto l'occasione per aggiungere qualche considerazione: «Uno degli episodi di illecito finanziamento riferiti, e cioè la corresponsione di un contributo di 20 milioni in favore del Pci, ha trovato sostanziale conferma, pur nella diversità di alcuni elementi marginali, nella leale dichiarazione dell'onorevole D'Alema, all'epoca dei fatti segretario regionale del Pci». E aveva aggiunto: «Con riferimento all'episodio riguardante l'illecito finanziamento al Pci, l'on. D'Alema non ha escluso che la somma versata dal Cavallari fosse stata proprio dell'importo da quest'ultimo indicato».

Evidentemente, l'ex presidente del Consiglio aveva ammesso in un interrogatorio, o in una memoria scritta, di aver accettato quel finanziamento illecito. Certo, se si è trattato di un interrogatorio subito da D'Alema tra la fine del 1994 e la primavera del 1995, gli inquirenti devono aver faticato non poco a renderlo segreto. Panorama ha tentato in vari modi di entrare in possesso del verbale, o della memoria scritta che dovrebbe far parte del fascicolo, purtroppo senza riuscirci. Dai riferimenti tecnico-legali contenuti nel decreto di archiviazione, comunque, è certo che D'Alema ammise «lealmente» il reato commesso, presumibilmente qualificabile come un finanziamento personale: in ogni caso una «fattispecie delittuosa», secondo il giudice Russi, «meno grave e comunque depenalizzata».
Il pubblico ministero Maritati, il 27 giugno 1999, è stato poi candidato dal centrosinistra a Lecce, nelle elezioni suppletive rese necessarie dalla morte del senatore Antonio Lisi, di Alleanza nazionale. Maritati è stato eletto con il 53,7 per cento dei voti. E il 4 agosto 1999, fatto insolito per un parlamentare di freschissima nomina, è stato nominato sottosegretario all'Interno durante il primo governo D'Alema, vice di Rosa Russo Jervolino. Di lui, per quasi un anno, si è detto fosse il vero ministro dell'Interno. Oggi Maritati, la cui carica non è stata rinnovata da Giuliano Amato, è iscritto al gruppo misto del Senato.

Ci sta anche qualche altra considerazione da fare, diciamo qualche altro fattarello:

Bari - L’aveva detto l’altro ieri, il ministro Raffaele Fitto, che c’entrava Bari con le nuove “scosse” che, secondo il leader del Pd Massimo D’Alema, “doti di preveggenza” di D’Alema, Fitto aveva infatti individuato, “preveggente” a sua volta, la fonte di conoscenza delle possibili “scosse” a Berlusconi in “ambienti baresi in cui a partire dai primi anni Novanta, D’Alema ha improvvisamente (ma provvidenzialmente anche per lui) garantito più di una carriera politica a chi faceva tutt’altro mestiere”.

Riferimenti chiari, quelli del ministro e da lui stesso fatti più volte, a due ex magistrati, attuali esponenti del centrosinistra, il senatore Alberto Maritati e il segretario regionale del Pd e sindaco di Bari, Michele Emiliano, oggi candidato a subentrare a se stesso contro il deputato Pdl Simeone di Cagno Abbrescia: indagini di cui Maritati ed Emiliano si occuparono “a partire dai primi anni Novanta” hanno entrambe “sfiorato” in un caso D’Alema e nell’altro esponenti del suo governo. Vicende che, d’altro canto, il ministro aveva ricordato con durezza, insieme con altre, ancora nell’aprile scorso, esponendo il proprio pensiero su una questione giudiziaria che lo riguarda personalmente.

Maritati, due volte sottosegretario nei governi del centrosinistra (una volta con D’Alema premier, una volta con Prodi), nei primi anni Novanta fu tra i pubblici ministeri della cosiddetta “Operazione Speranza”, indagine che provocò in Puglia molte polemiche su più livelli. D’Alema e l’esponente dell’allora Msi-Dn Pinuccio Tatarella, imputati per contributi illeciti ai partiti, uscirono dalle indagini, senza che si fosse mai saputo che vi erano entrati, quando “scattarono” i termini della prescrizione, nella primavera del 1995. Un’altra ottantina di persone – tra i quali gli ex esponenti di Dc e Psi Vito Lattanzio e Rino Formica – sono rimasti imputati per anni.

Nel maggio 2003 nell’ultimo processo scaturito dalla “Operazione Speranza” le ultime assoluzioni (in primo grado) per una trentina di persone. Tra i quattro pm di “Operazione speranza” c’era anche il sostituto procuratore Giuseppe Scelsi, che oggi dirige l’indagine nella quale sarebbero emerse storie di “ragazze a pagamento” per feste con Silvio Berlusconi. Emiliano ha lavorato nella procura barese sino al 2003 e a Bari nel 2004 è stato candidato sindaco dal Pds ed è stato eletto. Per circa quattro anni, dal 2000 al 2003, Emiliano ha diretto indagini sulla cosiddetta Missione Arcobaleno, voluta nel ’99 in Albania dal governo D’Alema. Già nel 2003 Fitto stigmatizzò la scelta di D’Alema di candidare Emiliano, rimproverando a quest’ultimo di fare “campagna elettorale con la toga addosso”.

Fitto sottolineava allora che nell’indagine su ‘Arcobaleno’ erano “coinvolti componenti e funzionari di rilievo” del governo D’Alema “e parlamentari ed ex parlamentari proprio del partito dell’ex Presidente del Consiglio”. L’indagine su “Arcobaleno” si è conclusa solo pochi anni fa: nell’ottobre 2008, a quasi 12 anni di distanza dagli arresti disposti per lo scandalo legato alla gestione degli aiuti umanitari, ha condotto al rinvio a giudizio di 17 persone.

Monday, April 4

BALKANS AND ALESSANDRO PROFUMO ?? golden parachute!!!!

Alessandro Profumo, Luca Cordero di Montezemolo, Marco Tronchetti Provera, Cesare Geronzi and Paolo Scaroni were Piazza Affari’s five top-earning executives in 2010, according to figures published by the Italian stock exchange’s leading listed companies. Alessandro Profumo, CEO of Unicredit until last September, tops the list effortlessly with a total package of €40.6 million, comprising €36.5 million in severance pay and €1.5 million under a non-competition agreement. According to a Unicredit report, the company also agreed to pay €2 million to charity, with Fr Comegna’s association receiving the largesse.

Former Fiat chair, Luca Cordero di Montezemolo is in second place in this league table of the chairs and CEOs of companies that have already published their accounts or reports with details of pay packages. This time, the €8.7 million is made up not so much of the Fiat severance package (€1.03 million) as pay for the chairmanship of Ferrari (€7.5 million), a position Montezemolo still occupies. The bronze medal goes to Pirelli chair Marco Tronchetti Provera, who picked up nearly €6 million, €2.4 million of which he will receive in 2011.

Next up is Cesare Geronzi, who was chair of Mediobanca before moving to the Generali insurance group. His total pay-off for a year and a half (Mediobanca’s accounts run from July to June) is worth more than €5 million. At number five is ENI CEO Paolo Scaroni with an annual salary of €4.4 million. Behind him are dozens of millionaires down to number twenty-five, as far as the table goes, and beyond. Companies that have yet to publish pay tables include many big names that will presumably disclose similarly impressive salary packages.

Pay packages, which are released directly by the companies concerned, may contain elements calculated on the basis of results in past years, or be linked to complex, long-term incentive plans, or include non-monetary benefits such as cars or policies. Naturally, packages can also be beefed up by generous stock options, which boost the total even further. But it’s not all about the numbers. Piazza Affari’s table of top earners today is dominated by men with no women featuring in the top twenty-five. Obviously, the list is provisional but little is likely to change when figures for all of Italy’s blue-chip enterprises are released.

Friday, April 1

LIES & LIERS

Dramatic developments are unfolding in the inquiry into the Olgiata murder, one of Italy’s most celebrated cold cases, dating from 10 July 1991. Manuel Winston, the manservant of victim Contessa Alberica Filo della Torre, has been detained. Mr Winston was taken into custody because it was feared he might run away. After years of inertia, the Filipino was put in the frame by DNA taken from articles held as evidence. Investigators believe that the contessa may have intended to report him for theft, and he may then have reacted. The murder and inquiry appear to mirror the course of the Via Poma killing in Rome, in which Simonetta Cesaroni died in August 1990. New investigation techniques based on examination of genetic evidence identified Ms Cesaroni’s former boyfriend Raniero Busco as the murderer. A few months ago, he was found guilty in the court of first instance.

TRAPPED BY DNA – Manuel Winston, now 41, was working at the contessa’s villa in Rome’s Olgiata district at the time of the murder. It was the contessa’s widower, Pietro Mattei, who pressed for further investigations involving the use of new, more sophisticated technology for the identification of biological traces, in particular, on the evidence taken from the room where the murder was committed. Articles held include a paper handkerchief bearing traces of mucus, Mr Winston’s trousers and those of Roberto Iacono, the son of the contessa’s housekeeper, the sheet from the contessa’s bed, the clog with which she was struck on the head and various items of her underwear. Three years ago, the investigating magistrate from the court in Rome rejected an application for dismissal from the two long-standing suspects, former servant Winston Manuel and the housekeeper’s son. The judge ordered the public prosecutor’s office to review all the evidence, starting with the clog used to bludgeon the contessa to death, using new biological tests and forensic equipment. Mr Mattei’s lawyer, Giuseppe Marazzita, objected to the dismissal of the case against Winston and Iacono, having collected new evidence and discovered a new witness, one of the contessa’s female friends to whom the murdered woman had confessed that she thought she was being watched, and feared for her life. One of the many items of evidence that the judge requested was the famous Alberica Filo della Torre diary, packed with the names of the great, the good and the merely famous, which according to Mr Marazzita, could contain dates and appointments on 10 July 1991 that have yet to be verified. News of the diary’s existence emerged following statements by a journalist who had managed to get hold of it. The investigating magistrate ordered the public prosecutor’s office to acquire hundreds of photos of the crime scene that had not been included in the case file. New biological examinations were also ordered for the gold Rolex, stopped at the time of the murder, which the contessa wore on her wrist. Mr Winston’s DNA is believed to be compatible with the sample from one of the objects taken from the bedroom where the murder was committed.

RISK OF FLIGHT – Mr Winston was detained in custody by the public prosecutor’s office in connection with investigations by assistant public prosecutor Pierfilippo Laviani and deputy Francesca Loy, in collaboration with Carabinieri from the operations unit and the RIS forensic unit. Mr Winston was taken into custody because of the risk of flight. The public prosecutor’s office will now have to apply for detention to be endorsed. Details will be made public at 11 am on Wednesday at a press conference to be held at the Rome public prosecutor’s office.

LAWYER – “I am very satisfied. What looks certain even now is that we did the right thing to ask for new DNA tests on the evidence. At last, we have some answers”. The comment came from Giuseppe Marazzita, the lawyer representing Alberica Filo della Torre’s husband, Pietro Mattei, when news was released about the detention of Filipino Winston Manuel Reves. He added: “We did well to object to requests for dismissal made years ago on the basis of technical examinations we view as being flawed and inadequate. Luckily, we found an investigating magistrate who listened to our position”.

THE CRIME – Contessa Alberica Filo Della Torre was 42 when she was found dead in her room at her Olgiata villa. Initial investigations indicated that she had been strangled and hit on the head with a clog. The first inquiry, which ended with the case being dismissed and a separate inquiry being initiated to enable criminal proceedings to be re-opened, saw the contessa’s housekeeper’s son Roberto Iacono and Manuel Winston in the frame because, according to the public prosecutor’s office, they had motives for resentment towards the victim. Mr Iacono, who was said to have psychological issues, was upset that his mother had been fired. According to witnesses, she was constantly asking the contessa for loans or higher pay. Mr Winston, who had to return a one million-lire loan to the contessa, was seen arguing heatedly with her on several occasions. In Pietro Mattei’s view, the investigation has always been incomplete and there have been too many omissions regarding some of the laboratory tests. Items of evidence indicated by Mr Mattei as worthy of further investigation are the victim’s Rolex watch and other objects, including Mr Winston’s and Mr Iacono’s trousers, the contessa’s bedsheet, the clog with which she was struck and various articles of underwear.

Friday, October 8

PIZZA E FICHI

Ecco come liquida La Repubblica (SOTTOVALUTATO da tutta la stampa italiana) un fatto di eccezionale gravità!!!Tuttavia fiumi di migliaia di pagine e inchiostro sulle pulzelle di Berlusconi!M80 ESERCITO JUGOSLAVO

Saturday, March 27

Nazioni Unite: Luci rosse a Sarajevo

La violenza sessuale dentro alle Nazioni Unite continua a essere un problema talmente serio che il presidente Barack Obama gli ha dedicato un incontro ristretto con alcuni rappresentanti dei paesi coinvolti nello scandalo. Sulle 85.000 truppe dell’Onu dispiegate in oltre sedici operazioni di peacekeeping pesa l’onta più grave: l’abuso sessuale su donne e bambini. Non poco, soprattutto per chi ha vinto il premio Nobel per la Pace. Un’inchiesta del Wall Street Journal rivela che, da quando nel 2003 il Palazzo di vetro ha riconosciuto il problema, nulla o troppo poco è stato fatto per punire, scovare e processare i colpevoli. Anzi, c’è stata una certa opera di copertura degli abusi sessuali da parte dell’Onu. Il quotidiano americano ha studiato tre recenti casi: Sri Lanka, Marocco e India. Nel novembre del 2007 cento peacekeepers dello Sri Lanka furono accusati di aver abusato di bambini haitiani dai dieci ai sedici anni, nelle docce, nelle torrette di guardia, persino nei camion dell’Onu. Abusi sono stati commessi ancora da truppe marocchine impegnate nella Costa d’Avorio e truppe indiane sono state incriminate in Congo due anni fa.

E’ una storia che ha ricoperto di vergogna anche i segretari generali dell’Onu. Ruud Lubbers in qualità di Alto commissario per i rifugiati è stato accusato di aver molestato una sottoposta. L’inchiesta interna fece emergere le prove dell’abuso, eppure l’allora segretario dell’Onu Kofi Annan chiuse la vicenda. Furono le pressioni pubbliche, un anno dopo, a costringere Lubbers a dimettersi. L’inchiesta guidata dal principe giordano Zeid Raad al Hussein, citata anche dal Wall Street Journal, rivela che gli abusi sessuali “sembrano essere significativi, molto diffusi e ancora in corso”. I Caschi blu dell’Onu hanno commesso stupri e sono stati coinvolti in scandali sessuali anche in Bosnia, in Kosovo, in Cambogia, a Timor Est, in Burundi e nell’Africa occidentale. In Africa si parla ormai di “peacekeepers babies”, sono i bambini illegittimi dei soldati umanitari. Visto che l’Onu non è autorizzato a perseguire i colpevoli, il segretario generale Ban ki-Moon ha chiesto che i governi consentano che i Caschi blu accusati di abusi vengano sottoposti a giudizio. Ovviamente quasi nessuno lo ha fatto e il ciclo di violenze e impunità continua come prima.

Di tutte le missioni Onu, quella congolese – nota come “Monuc” – ha accumulato più denunce relative ad atti di corruzione e a violazioni dei diritti umani commessi dal suo personale. La missione in Congo è stata stabilita con l’obiettivo di pacificare il paese alla fine della guerra civile. E’ stata la seconda più grande missione di pace dell’Onu. Stupro, pedofilia e sfruttamento della prostituzione sono le accuse principali contro l’Onu. Un civile francese che lavorava all’aeroporto di Goma per le Nazioni Unite era solito filmare giovani ragazze congolesi, e commerciava in videocassette e fotografie pornografiche. La sua stanza era attrezzata con specchi sui tre lati del letto, mentre sul quarto lato c’era una videocamera azionabile con un telecomando. La polizia lo ha arrestato mentre stava per stuprare una bambina di dodici anni. Due peacekeepers russi hanno pagato due ragazzine di Mbandaka, le hanno cosparse di marmellata e poi hanno filmato l’orgia. A Bunia, una dodicenne di nome Helen è stata stuprata da un peacekeeper dell’Onu che l’aveva attirata offrendole una tazza di latte. Il soldato, dopo aver abusato della bambina, le ha dato un dollaro. Queste bambine sono conosciute come “one dollar baby”. Nella stessa base una tredicenne di nome Solange che cercava di vendere frutta è stata adescata con un biscotto, e poi stuprata. Dagli stessi inviati dell’Onu, che ha condannato lo stupro come “arma di guerra”.

Thursday, March 11

Destituito l'ambasciatore italiano in Belgio.

E' stato lo stesso ministro degli Esteri ad annunciarlo, ieri, durante un'audizione alla Camera: il nome del nuovo Ambasciatore a Bruxelles sarà annunciato «questa settimana o la prossima» al consiglio dei ministri. La scadenza dell'incarico di Siggia - 65 anni il prossimo aprile e a Bruxelles dal 14 giugno 2006, dopo una carriera che lo ha portato fra l'altro in Vietnam, Cina, Bangladesh, Germania, Perù e Senegal era prevista a giugno. Ma la comparsa del suo nome nelle intercettazioni del caso Di Girolamo ha spinto il ministro a destituirlo.

Secondo alcune testimonianze raccolte dalla Procura di Roma Siggia, nelle sue vesti di capo della nostra sede diplomatica a Bruxelles, avrebbe aiutato il senatore accusato di riciclaggio a ottenere i documenti necessari per dimostrare di essere residente in Belgio, e potere dunque essere inserito nelle liste PdL della circoscrizione Europa, alle elezioni del 2008. L'inchiesta della magistratura ha dimostrato che l'indirizzo autocertificato da Di Girolamo in Belgio era una residenza di comodo.

Una frase agli atti dell'inchiesta romana, in particolare, è imbarazzante per Siggia: «Attraverso i contatti del Mokbel (considerato dal giudice per le indagini preliminari il capo del gruppo criminale che ha sottratto 865 milioni di euro al fisco) con Stefano Sandrìni e Gianluigi Ferretti viene individuata Bruxelles come città dove organizzare la finta residenza all'estero. Dì fatto, per essere sottoposto a un'indagine interna che ha portato alla sua destituzione, annunciata da Frattini durante un'audizione organizzata per illustrare la riforma della Farnesina, che dovrebbe diventare operativa entro l'estate.
 
Il progetto prevede la diminuzione del numero delle Direzioni generali, che hanno ora competenze geografiche e tematiche, e che saranno divise per «macroaree tematiche, coincidenti con le grandi priorità della nostra politica estera»: Affari politici e sicurezza, Mondializzazione e questioni globali, Promozione del sistema Paese e Unione europea, alle quali si aggiungono due Direzioni già esistenti: per gli italiani all'estero e per la Cooperazione allo sviluppo.