Showing posts with label SYRIA. Show all posts
Showing posts with label SYRIA. Show all posts

Wednesday, October 28

WHAT REALLY RUSSIA THINK ABOUT SYRIA

“To jaw-jaw is always better than to war-war,” as Sir Winston Churchill put it at a White House luncheon on June 1954. The aphorism applies in spades today as the U.S., Russia and other key countries involved in troubles in Syria decide whether to jaw or to war: Ray McGovern.

Russia’s recent military intervention in Syria could open up new possibilities for those working for a negotiated solution – or not. There does seem to be considerable overlap in U.S. and Russian interests and objectives.

For instance, both sides say they want to suppress terrorism, including the Islamic State (also known as ISIL, ISIS or Daesh) and Al Qaeda’s affiliate, the Nusra Front, and both the U.S. the Russia talk about the need for political reconciliation among Syria’s disparate religious and ethnic groups. 

The chief disagreement is over the future of Syrian President Bashar al-Assad, whether he “must go,” as U.S. officials insist, or whether that issue should be left to the ballots of the Syrian people, the view favored by Russia.

Yet, what happens in the next week or so – whether it turns out to be a belated “jaw-jaw” or an escalated “war-war” – will have a significant effect on bilateral U.S.-Russian relations, as well as developments in Syria, Iraq and the whole neighborhood, which now includes Europe because of the destabilizing flow of refugees.

So, I think it makes sense for me to undertake what we did at some of the best moments inside the CIA’s analytical branch: view a crisis from where the other side stood and thus project how an adversary (or a friend) might react to a U.S. initiative. A common trap in intelligence analysis is mirror-imaging – assuming that others, whether adversaries or friends, look at facts and intentions the same way we do.

It can be helpful to step into the other side’s shoes and consider how its leaders are likely to see us. I make a stab at that below.

In what follows, I imagine myself working within Russia’s Foreign Intelligence Service (the SVR, Russia’s CIA equivalent) in the analysis office responsible for preparing. 

The President’s Daily Brief for President Vladimir Putin. I further imagine that his daily brief resembles what the U.S. Intelligence Community prepares for the U.S. President. So, I pattern the item below after the (now declassified) PDB for President George W. Bush that – on Aug. 6, 2001, famously warned him, “Bin Laden Determined to Strike in U.S.” (In my paper, intelligence assessments are presented in italics.) The President’s Daily Brief Oct. 28, 2015

Re Syria: Obama Trying to Fend Off US Hawks

President Obama is under severe pressure from senior military and intelligence officials and Congress to raise the ante in Syria.

Yesterday’s Washington Post lead story, sourced to unnamed U.S. officials, reported that Obama is considering Pentagon proposals to “put U.S. troops closer to front lines” in Iraq and Syria.

Diplomats at our embassy in Washington note that this kind of story often reflects decisions already made and about to be formally announced. In this particular case, however, the embassy thinks it at least equally likely that the Post is being used by officials who favor more aggressive military action, in order to put pressure on the President. 

During Obama’s first year in office, senior military leaders used the media to make it extremely difficult for Obama to turn down leaked Pentagon proposals to “surge” troops into Afghanistan.

Yesterday, Sen. John McCain, the Republican chair of the Senate Armed Services Committee, used a Senate hearing to ridicule administration policy on Syria and grill Defense Secretary Ashton Carter and Joint Chiefs Chairman Gen. Joseph Dunford on the policy’s embarrassing failings. 

Carter said attacks against ISIL in Syria and Iraq would increase, including “direct action on the ground.” But Dunford admitted, “The balance of forces now are in Assad’s advantage.”

Facing heavy criticism for indecisiveness, Obama still seems reluctant to put many more U.S. Army or “moderate rebel” boots into the “quagmire” that he warned us against when we began our airstrikes. He would also wish to avoid the kind of destructive attacks that would pour still more Syrian refugees into Europe.

We do not think occasional “direct action on the ground” will change much. Indeed, a White House spokesman reiterated yesterday that the administration has “no intention of long-term ground combat.”

As for the “no-fly zone” advocated by McCain and presidential candidate Hillary Clinton, Secretary Carter said, “We have not made that recommendation to the President,” adding the obligatory caveat, “He hasn’t taken it off the table.” Dunford added, “From a military perspective, we can impose a no-fly zone.”

Diplomacy

We continue to believe that Obama prefers to regard this past month’s events in Syria as an opportunity to bring the main players to the negotiating table rather than the battlefield.

Defense Secretary Carter called attention to talks later this week in Vienna, in which Secretary of State John Kerry will be engaged, that are “precisely aimed at the contours of [a] political settlement.” The big news here is that Kerry has dropped the U.S. objection to having Iran, a supporter of the Assad regime, participate.

As for Kerry, unlike his behavior in late summer 2013 and in early 2014, he seems to be following the President’s instructions to negotiate an end to the conflict and to the misery in Syria. 

Emerging on Friday from contentious talks with the Saudi and Turkish foreign ministers, as well as Foreign Minister Lavrov, Kerry sounded a hopeful note: “Diplomacy has a way of working through very difficult issues that seem to be absolutely contradictory … but if we can get into a political process, then sometimes these things have a way of resolving themselves.”

At the Senate hearing, Defense Secretary Carter called for an early political transition in Syria, but was careful to add, “The structures of the Syrian state are going to be important to the future, and we don’t want them to dissolve entirely. … The U.S. approach to removing Assad has been mostly a political effort.”

At which point, Sen. Lindsey Graham, R-South Carolina, a close ally of Sen. McCain, complained bitterly, “Assad is as secure as the day is long,” adding, “you have turned Syria over to Russia and Iran.”

The vitriol of McCain and Graham is no surprise. We want to make sure you know something about a relatively new player, JCS Chairman Joseph Dunford, who chose at his confirmation hearing on July 9, 2015, to let the world know that he is an unreconstructed Cold Warrior:

“If you want to talk about a nation that could pose an existential threat to the United States, I’d have to point to Russia,” Dunford said. “If you look at their behavior, it’s nothing short of alarming.” Dunford added that he thought it reasonable to send heavy weapons to Ukraine.

Dunford took up his new duties at an inauspicious moment the day after we began launching air strikes against terrorist targets in Syria. Suffice it to say that, for the U.S. military and CIA, October has been one of the most humiliating months since the inglorious U.S. departure from Vietnam. It is important to bear that in mind.

We think this serves to double the pressure on President Obama to let loose the military on Syria and Iraq, as pushed by most of the corporate media that are attacking Obama for weakness and indecision. You will recall that he faced the same challenge in August 2013, when he came very close to letting himself be mouse-trapped into a major attack on Syria with U.S. forces.

A Special Danger

This time there is a new, quite delicate element of which you need to be aware – the so-called “moderate” rebels whom the U.S. (primarily the CIA) trained, equipped, and inserted into Syria.  This issue came up at the Senate Armed Services Committee meeting yesterday, when Chairman McCain expressed particular concern for pro-U.S. Syrian rebels he said are now being bombed by Russia and Syria.

Defense Secretary Carter replied that “no rebel group directly supported by the Defense Department under the law had been attacked.” Casting a look of incredulity, McCain replied, “I promise you they have.”

This is a particularly sore spot for McCain and his CIA friends. Ten days into our air-strike campaign, another Washington Post lead story with the headline, “Early signs of Russian intent … Strikes seemed to catch White House flat-footed,” claimed that Russian aircraft “pounded” CIA-sponsored “moderate rebel groups … who appeared to get no warning that they were in Russian jets’ crosshairs.”

“U.S. officials” told the Post, “CIA Director John Brennan has voiced frustration with U.S. inaction as fighters trained and armed by the agency at camps in Jordan over the past two years face a Russia assault.”

CIA officials do not like to be seen as leaving their own in the lurch – whether in the mountains of Syria or on the beaches of the Bay of Pigs in Cuba. Many serious scholars who have investigated the assassination of President John F. Kennedy conclude that Allen Dulles, who was fired by Kennedy after the Bay of Pigs fiasco, led a cabal that killed him – and then sat on the Warren Commission to cover it all up.

We doubt that John Brennan is up to playing that kind of role, or that Dunford, for example, could be persuaded to do what a Marine predecessor, Gen. Smedley Butler, refused to do, join a coup against the sitting U.S. President (in Butler’s case he rejected a right-wing scheme to remove President Franklin Roosevelt from office).But there is reason to think that Obama believes he has more to fear than the fate of his policies. One report alleges that he privately told friends of his fear of ending up like Dr. Martin Luther King, Jr.

In sum, Obama has ample reason to be afraid that powerful people in Establishment Washington, convinced they know better than he how to protect the country, might succeed in pinning on his back a “too-soft-on-the-Russians” bulls-eye.

Sunday, October 11

COME BOMBARDARE PER ESPORTARE DEMOCRAZIA

Analisi Didesa. L’Amministrazione Obama ha deciso di mettere fine al contestato programma da 500 milioni di dollari annui del Pentagono per addestrare i ribelli “moderati” siriani.

Riconoscendo, in questo modo, il fallimento totale nella formazione di combattenti in grado di contrastare lo stato islamico. Lo ha riferito il New York Times, citando fonti della stessa amministrazione Obama. 

La conferma è arrivata poco dopo dal segretario alla Difesa, Ash Carter, secondo cui il presidente americano presenterà a breve proposte di modifica al programma. Sarà lo stesso Obama a parlarne nelle prossime ore, ha aggiunto Carter.

Dal Pentagono una fonte sotto anonimato ha spiegato al quotidiano che non verranno più reclutati ribelli da mandare ad addestrare in Giordania, Qatar, Arabia Saudita o Emirati, ma verrà allestito un centro di formazione più piccolo in Turchia dove un piccolo gruppo di “facilitatori”, per la maggior parte comandanti dei gruppi di opposizione, verranno istruiti su manovre tattiche  e su come chiedere l’intervento dei cacciabombardieri della Coalizione.

Ashton Carter, ha affermato che gli USA intendono cambiare il programma di addestramento dei ribelli siriani contro lo stato islamico seguendo l’esempio della collaborazione coi curdi. “Il lavoro che abbiamo fatto coi curdi nel nord della Siria è l’esempio di un approccio efficace”, ha affermato il ministro americano nel corso di un incontro a Londra col suo omologo britannico Michael Fallon.

Questo è l’esempio che vogliamo seguire con gli altri gruppi in Siria d’ora in avanti”, ha aggiunto Carter senza spiegare però che mentre i curdi controllano ampi territori i ribelli siriani moderati sono a ranghi ridotti e controllano poco enclaves in Siria minacciate dalla pressione dello stato islamico e del Fronte al-Nusra oltre che dalle forze regolari di Damasco.

Il fallimento del piano americano di rafforzare i ribelli moderati coincide con l’offensiva scatenata ieri dallo stato islamico che continua ad avanzare a nord di Aleppo attaccando le postazioni dei ribelli moderati e quelle governative. Qui gli uomini del Califfato hanno ucciso giovedì sera il generale iraniano Hussein Hamedani, morto mentre svolgeva il suo lavoro di “consigliere” delle forze siriane, ha spiegato la tv di Teheran. 

Hamedani era indicato come il responsabile in Siria delle Forze al Quds, la divisione per le operazioni all’estero dei Pasdaran iraniani.Secondo l’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (organizzazione vicina ai ribelli sospettata di essere sostenuto dall’intelligence anglo-americana)  Hamedani è stato ucciso dallo stato islamico vicino all’aeroporto di Kweiris, a est di Aleppo, assediato dai jihadisti.

La Francia ha bombardato ieri per la quinta volta campi d’addestramento del Califfato a Raqqa mentre Mosca ha annunciato ieri di aver bombardato 60 “obiettivi terroristici” in Siria nelle ultime 24 ore.“

Nei 67 raid dei caccia bombardieri Su-34M e Su-25SM nelle province di Raqqa, Latakia, Hama, Idlib e Aleppo sono stati uccisi circa 300 jihadisti, compresi due comandanti, e sono andati distrutti 6 centri di comunicazione e di comando, 17 campi di addestramento, 6 depositi di armi, 13 tunnel utilizzati dai jihadisti nella provincia di Latakia, 16 roccaforti, 17 mezzi corazzati, 2 sistemi multipli di lanciarazzi”.

I dati sono stati resi noti durante una conferenza stampa dal generale Igor Igor Konashenkov , capo dello Stato maggiore russo che ha fornito oggi i dati dei raid effettuati oggi: 64 contro 55 obiettivi. Di fatto la media delle sortite offensive russe si attesta oltre le 50/60 al giorno, oltre il doppio di quelle effettuate dalla Coalizione a guida statunitense.

Come è consuetudine i russi definiscono “terroristi” non solo i miliziani del Califfato ma anche i miliziani dei gruppi salafiti, qaedisti e dei fratelli musulmani che militano nell’Esercito della Conquista (sostenuti da turchi, sauditi e Qatar) e che vengono colpiti insieme allo Stato Islamico poiché presidiano il fronte più delicato per il regime di Bashar Assad, quello nord occidentale tra Latakya, Idlib e Hama

Secondo quanto riportato dalla tv araba al-Mayadin molti membri dello stato islamico hanno evacuato le famiglie da Raqqa dopo l’avvio dei raid aerei russi. Fonti saudite citate dalla BBC assicurano che Riad ha già intensificato il sostegno bellico alle forze dei ribelli siriani.

Per il terzo giorno consecutivo è proseguita l’offensiva di terra delle truppe governative siriane appoggiate da miliziani libanesi e iraniani, che tentano di sfondare le linee degli insorti su tre lati tra Hama e Idlib: Atshan, Kfar Nabbuda e Khan Shaykhun.

"GENOCIDE OR DEMOCRACY"ARE FAKES' N.A.T.O. PRETEST

Organizers and participants in the “Creating a Workable World” conference (held this weekend at the University of Minnesota) are undoubtedly sincere. No one wants to live in an unworkable world. 

The sponsoring World Federalist Movement has historically exercised a strong attraction on progressives, appealing to their generous sentiments and wish for world peace, as Coleen Rowley and Diana Johnstone, describe.

“Human rights” organizations have become purveyors of bloody chaos as they advocate Western big-power military attacks on weak countries in the name of “responsibility to protect” – one of several purportedly well- intentioned strategies gone awry such a grand, overarching ideal as world federalism or global democracy must be evaluated in light of current circumstances and its track record.

At the end of World War II, it was widely believed that nationalism was the main cause of the horrors that had just devastated much of the world. It was easy to imagine that abolishing nation states would be a step toward ending wars by removing their cause. 

This sentiment was particularly strong in Western Europe, forming the ideological foundation of the movement that led to European integration, now embodied in the European Union. In that same period, there was a historic movement going in the opposite direction: the national liberation movements in various colonized countries of the Third World

The political drive for national liberation from European powers —Britain, France, the Netherlands— contributed to establishing national sovereignty as the foundation of world peace, by outlawing aggression

Newly liberated Third World countries felt protected by the principle of national sovereignty, seeing it as essential to independence and even to survival. But today, 70 years after the end of World War II, experience has provided lessons in the practice of these two contrary ideals: supranational governance and national sovereignty

Not surprisingly, the official voices of the hegemonic world power and its allies tend to cite internal conflicts, especially in weaker Third World countries, as proof that national sovereignty must be violated in order to defend “human rights” and bring democracy. The danger from “genocide” has even become an official U.S.-NATO pretext for advocating and launching military intervention. With disastrous results

It’s therefore not surprising that Workable World’s keynote speaker, W. Andy Knight, was a supporter of the infamous regime-change war that virtually destroyed Libya, under the guise, paradoxically, of the U.S. and NATO’sresponsibility to protect.” 

That is not just a side issue: It signals the dirty business of wars and regime-change intrigues currently underway behind the scholarly façade of “global governance”. We fear that opposing arguments in favor of national sovereignty will probably not be discussed much during this conference. 

And yet, the European Union has served as an experimental laboratory testing what happens when a large and growing number (now 28) of sovereign states turns over a major part of their rights to supranational governance. Unified institutionally, the weaker members find themselves dominated by the powerful

Despite decades of speeches proclaiming that “we are all Europeans,” when it comes to the crunch, people revert radically to their national identity. Germans resent Greeks for being debtors; Greeks resent Germans for keeping them in debt

All the more so in that there is no way out. Elections are increasingly meaningless within the member states, because major economic decisions are taken essentially in Brussels, by the E.U. institutionsThis is causing increasing disillusionment and de-politicization in Europe

Europeans take virtually no interest in the European Parliament. They do not feel represented by it, and indeed they are not. Democracy works best in small circumscriptions: Greek city states, Iceland, villages. 

The bigger it gets, the less “democratic” it can be. Half a century ago, the functioning ideal was to bring eternal peace to Europe through unity. Today, that institutional unity is creating new divisions and hostility

To put it simply, experience is in the process of killing the ideal and showing why “worldwide parliamentary democracy” may bring more harm than good, at least in the real world as it exists today and will for some time to come.

Thursday, September 17

PERCHE' PUTIN E' IN SIRIA (IN ACCORDO CON U.S.A. E E.U.)

Bashar Assad era ancora un bimbo quando i russi hanno aperto la loro prima base a Tartus. Era il 1971, allora i siriani decisero di concedere l’uso di un punto d’appoggio logistico per le navi di Mosca. Uno scalo, neppure troppo grande, ma importante. E non lo hanno mai abbandonato. 

Oggi moli e gru fanno parte del piano lanciato da Vladimir Putin per sostenere Damasco. Un programma che poggia su tre pilastri per il momento irrinunciabili in quanto necessari a tutelare gli Assad e gli interessi del Cremlino

2015-2020 LE NUOVE FRONTIERE
Visione che geograficamente trova il punto di sintesi nel cosiddetto corridoio di Latakia, che parte dalla costa e va verso Est, come nel cantone alawita, che scende verso Sud. Davanti il nemico. 

La miriade di formazioni ribelli e lo Stato islamico che il regime non ha mai considerato come target primario. Tartus è uno dei terminali chiave. Qui arrivano non armi segrete ma materiale bellico che deve riempire le scorte dell’esercito locale. 

Blindati BTR82A, camion, veicoli, munizioni, fucili di migliore qualità, sistemi anti-carro. Tutto quello che serve in un conflitto dove spesso si sparano da una casa all’altra, con i pesanti tank che rischiano di finire in trappola. 

E infatti i lealisti ne hanno perso centinaia distrutti da missili Tow e Kornet. Il secondo approdo è quello di Latakia, destinato a diventare la piattaforma per i rinforzi. Mosca lo ha detto senza nascondersi: abbiamo mandato un’avanguardia, non più di 50 elementi, però siamo pronti a schierarne altri. 

Americani e israeliani ritengono che siano di più. I libanesi sostengono che alcuni avrebbero partecipato ai combattimenti. Per ora hanno tre compiti:
1.- Allargamento delle installazioni all’aeroporto di Jableh in modo da poter ospitare un contingente robusto. 
2.- Installazione di una rete di comunicazione sulle alture
3.- Creazione di un dispositivo che gestisca un ponte aero-navale

In questo settore sarebbe attiva anche una postazione "Sigint(da «signal» e «intelligence»), per captare e monitorare le comunicazioni. Il terzo snodo è l’aeroporto di Mezze, alle porte della capitale, in grado di accogliere i grossi Condor A 124 e Ilyushin 76 che fanno la spola dalla Russia con carichi umanitari e militari. 

Possibile anche la presenza di nuovi caccia, forse pilotati da personale russo. MIg e Sukhoi acquistati in virtù di vecchie intese, così come i droni

Sbarcati negli ultimi giorni anche alcune centinaia di pasdaran iraniani. Molto agile la rotta marittima. È la flotta del Mar Nero con le sue navi da assalto anfibio a svolgere il ruolo di mulo logistico. 

In parallelo si muovono i mercantili. Di veramente nuovo c’è poco. Sono mesi, anni, che lo fanno. Soltanto che ora tutti ne parlano, anche da Mosca. È vero, però, che a volte «giocano». 

Prendiamo il cargo navale A.Tkachenko, con a bordo camion dell’esercito. La compagnia aveva comunicato che era diretto a Port Said, Egitto. Peccato che seguendone il viaggio sul web si è visto che ha virato verso Oriente in direzione di Tartus. È quella la meta? Al largo, a vegliare, alcuni sottomarini nucleari.

Quanto ai reparti mobilitati gli esperti indicano l’810ma brigata di fanteria di marina, la stessa impegnata in passato in Ucraina e ritenuta ben addestrata. Unità che integra i molti «consiglieri» che da tempo assistono la difesa aerea e la IV divisione corazzata della Guardia, forza d’elite costretta a un superlavoro per colmare i problemi di un esercito malmesso. 

Discreta la missione degli specialisti dell’Intelligence. Quelli del GRU fanno il loro mestiere di spie, i cugini dell’SVR, attraverso il nucleo di teste di cuoio, si occupano di Sicurezza. Ora che aumentano i numeri dovranno stare in guardia. 

Un capitano diventa un bersaglio di grande valore per gli insorti. Morto o rapito. E la storia consiglia di stare in guardia. 

di Guido Olimpio. Il 16 agosto del 2010 trovano sulla spiaggia di Cevlik, Turchia, il corpo di un uomo annegato. 

Si scoprirà, il 28, che si tratta del generale Iuri Ivanov del GRU, in visita a Latakia. Secondo la versione ufficiale era uscito per una nuotata. Da solo, senza scorta. Non è più rientrato. Una strana fine non l’unica. 

Friday, July 31

RECEP TAYYP ERDOGAN "SUPERSTAR" CONTRO TUTTI

Per la Turchia e il suo leader Recep Tayyip Erdoğan questi non sono certo i tempi migliori. Il risultato delle ultime elezioni, che sarebbe stato considerato gratificante da qualunque partito in ogni altro Paese democratico, per l'AKP è stato una sconfitta.

Avendo perso il 50% dei voti e dei seggi, il disegno di modificare la Costituzione in senso ancora più pesantemente presidenzialista si è allontanato e un nuovo Governo è diventato possibile solo grazie a una coalizione.  

Purtroppo, o per fortuna, nessuno degli altri tre partiti che hanno ottenuto deputati ne ha l'interesse, salvo che l'AKP non cambi formalmente e totalmente la politica attuata fino ad oggi.

I nazionalisti potrebbero accettare un governo con il Partito della Giustizia solo se quest'ultimo facesse marcia indietro anche sulle piccole aperture finora attuate verso i curdi; il partito curdo, invece, ha svolto tutta la campagna elettorale giurando che mai si sarebbe alleato con Recep Tayyip Erdoğan  e il partito repubblicano, Kemalista e laico, imporrebbe una totale inversione di rotta rispetto all'evidente confessionalismo islamico messo in pratica nella società turca dal partito di maggioranza. 

A dir la verità, Erdogan preferirebbe di gran lunga nuove elezioni piuttosto di un'alleanza, altresì debole, con chi significherebbe un condizionamento del suo potere e, anche con quest'obiettivo e nonostante il finto impegno di Davotoglu nel cercare le basi di un accordo, ha ripreso i bombardamenti sul PKK sperando così di attirare qualche voto utile dagli elettori nazionalisti. 

I problemi di Ankara però non finiscono nella politica interna. Se pensiamo alla politica estera basata sull'assunto "nessun problema con i Paesi vicini", vediamo ogni giorno il suo totale fallimento: la rivalità con l'Iran, pur sempre non dichiarata, si è accentuata dopo la firma dell'accordo di Teheran con gli USA, in Siria c'è una guerra civile che fino a ieri li vedeva solo parzialmente coinvolti mentre oggi è divenuta manifesta. 

E anche a ovest i problemi finanziari greci e l'accenno di ri-avvicinamento tra Atene e Mosca non può essere sottovalutato. A nord, infine, il mar Nero e il Caucaso sono tornati a essere potenziali d'instabilità e l'incertezza turca verso il progetto Turkish Stream con le relative e contrarie pressioni americane ne è una dimostrazione.

In realtà, la diplomazia turca in tutti questi anni è sempre stata condotta in modo confusionario e contradditorio. E' oramai indubbio che gli aiuti dati alle forze anti-Assad in Siria siano stati dispensati (fino ad oggi) anche verso lo Stato Islamico. 

Quest'ultimo ha sempre potuto contare sul territorio confinante come canale di collegamento per petrolio e armi con il resto del mondo e i suoi militanti feriti sono stati continuamente, anche se discretamente, curati negli ospedali turchi.

Perfino oggi, quando l'accordo USA — Iran ha obbligato Ankara a riprendere un atteggiamento collaborativo con Washington consentendo agli americani l'uso della base aerea di Incirlik le nebbie non si sono del tutto dissolte. 

La necessità di dimostrare buona volontà ha obbligato le Forze Armate turche a bombardare i guerriglieri dello Stato Islamico e rompere quindi il tacito accordo lungamente mantenuto con loro.  

Contemporaneamente, ha arrestato sia islamisti sia curdi presenti sul proprio territorio e ha ripreso i bombardamenti contro i guerriglieri del PKK rifugiati sulle montagne nord irachene. Oltre a ciò, l'artiglieria turca ha anche cercato di approfittare della guerra contro il "terrorismo" per colpire le forze curdo- siriane del YPG, salvo poi, inutilmente, smentire di averlo fatto.

E qui la situazione si complica perché se è vero che il PKK è tuttora giudicato anche dagli americani come forza terrorista, l'YPG viene considerato un gruppo alleato nella lotta contro gli integralisti islamici (si ricordi il caso di Kobane). 

Anche se ufficialmente distinte, queste due entità curde sono strettamente legate tra loro e il gruppo siriano, dopo il bombardamento turco, è perfino arrivato a ventilare l'ipotesi di passare totalmente dalla parte di Damasco. 

E' difficile immaginare, anche se non impossibile, che gli USA abbiano acconsentito a bombardamenti in territorio siriano che non fossero diretti esclusivamente contro le forze dell'ISIS. 

In questo quadro incerto, chi, silenziosamente, potrebbe invece godere della nuova svolta turca in Siria è il PDK di Barzani, nel Kurdistan iracheno.

Nonostante la necessaria retorica continui a sventolare la "solidarietà curda", i Barzani non hanno mai avuto buone relazioni con il PKK (a differenza degli alleati-rivali dell'UPK) e a loro è sempre stato chiaro che una regione curda siriana, tanto peggio se amministrativamente autonoma o indipendente, è una pericolosa concorrente per la leadership sul popolo curdo nel suo insieme. 

E' anche per questi motivi che Erbil, nonostante le incursioni dell'aviazione turca sul proprio territorio alla ricerca dei guerriglieri del PKK, finge di non vedere, né sapere, dell'evidente violazione dei confini.

Ecco, almeno per ora e in conclusione, possiamo affermare che gli unici vicini che continuano a vedere Erdogan come un utile e importante alleato sono proprio i curdi iracheni. Sono solo loro che ne hanno bisogno, sia per il transito delle proprie merci e del petrolio verso il mare aperto, sia per giocare di sponda nel crescente antagonismo con Baghdad. 

Tuesday, July 28

THE NUCLEAR DEAL WITH IRAN

The Joint Comprehensive Plan of Action (JCPA) reached on July 14, 2015 between Iran and the P5+1 and the EU High Representative may ultimately prove to be one of President Obama’s greatest achievements. 

To attain that status, it will have to overcome serious Congressional hurdles, but even more important, it will have to withstand the test of time and prove that it can successfully resist Iran’s determination to obtain nuclear military capability. 

Among the world leaders who negotiated the JCPA with Iran, none will have to face the same political opposition, domestic and external, that will be directed against President Obama long after he retires from the White House. 

For now, however, the President must overcome opposition by Congress, where both chambers are controlled by the Republicans. According to the legislative compromise reached in May 2015 between the Republicans, Democrats, and the White House, Congress will have 60 days to review the JCPA and either give it bicameral  approval or reject it. 

As announced by President Obama, rejection will incur a presidential veto. This veto can be overruled by two thirds of the Senate and the House of Representatives, a highly improbable scenario. Thus in all likelihood, the President will prevail and the JCPA will be endorsed officially by the United States. 

Moreover, failure by the President to mobilize the support of a third of either the Senate or the House does not necessarily mean the end of the JCPA as far as the US is concerned. While it means the US has not assumed any formal obligation toward Iran as have the other signatories, the President can, for example, waive non-statutory sanctions, i.e., those imposed by Congress. 

The sanctions imposed by the US government can be revoked, as well as those imposed by the Security Council, which were adopted by the government but not signed into law. President Obama himself signed several Executive Orders that imposed sanctions against the import of certain goods and sanctions dealing with particular Iranian figures. 

He has the power to waive these sanctions, and in his public statements after the JCPA was announced, Obama left no doubt regarding his determination to see this agreement through, staking his own legacy on the deal and his success in skirting Congressional opposition.  

The current confrontation between President and Congress is rooted in two sources. One is the historic constitutional battle between the executive and legislative branches on which holds the power of making war and peace. The second, more recent factor is the growing political polarization in American society. 

Despite a measure of criticism against the agreement and the failure of the negotiators, and the US in particular, to provide adequate answer to issues relating to the nuclear domain – and certainly to issues relating to Iran's involvement in terrorism, or what amounts to the administration’s abandonment of the military option – President Obama is nonetheless justified in saying that Iran's road to nuclear military capability has, at least for the next 10-15 years, been blocked. 

The vote in the two houses of Congress, however, will reflect the partisan rivalry more than any critical assessment of the JCPA's merits. 

Israel has legitimate concerns and President Obama himself has recognized this, even while asserting that a better alternative to the JCPA was not proposed. Israel and its political leaders have the duty to express their concerns and point to the weaknesses and lapses of both the negotiations process with Iran and the result – the JCPA. 

But here issues of substance and form assume critical importance. Prime Minister Netanyahu erred when he approached Congress directly, which constituted an affront to the President at the height of the partisan battle between the Democratic President and the Republican-controlled Congress. 

The Prime Minister would repeat this mistake should he seek to address a joint Congressional session again. The previous attempt to leverage Congressional support, in early March 2015, did not succeed in halting the negotiations with Iran. 

The legislation (H.R. 1191 of May 2015) did not call upon the President to end the negotiations, and the odds are slim that Congress can override the President's determination to make the JCPA binding on the United States. 

Prime Minster Netanyahu is already perceived as taking sides in the highly charged domestic partisan contest – his speech to Congress last March was boycotted by dozens of legislators – and further intervention in the Congressional process relating to the JCPA could inflict long term damage on the hitherto bi-partisan support for Israel in US public opinion. 

There is already some erosion in that support among America’s young, liberal generation, including the Jewish component. 

President Obama's public statements after the announcement of the JCPA in Vienna on July 14, 2015 indicate willingness to enter into a serious discussion with the Israeli government over the implications of the agreement for Israel's security. 

This dialogue is vital for Israel, and should not be confined to the military aspects of Iran's nuclear program and Israel's qualitative military edge. President Obama has acknowledged that the JCPA deals solely with the nuclear aspects, and that Israel has legitimate concerns beyond them. 

It must be assumed that Iran's agenda in other matters in the Middle East will not change; indeed, Iran might well be encouraged by the agreement and the end of the international sanctions regime to pursue its strategic goals even more actively. 

It must likewise be assumed that the parallel discussions between the US and Iran at the very high level while the negotiations were underway will not end suddenly.

It is imperative that Israel realize that though the agreement has become a reality, the debate in the US and especially in Congress has just begun, particularly as the legislation calls for the administration to submit periodical reports both on Iran's implementation of the JCPA and on other issues, such as Iran's support for terror. 

Through sophisticated diplomacy, Israel will be able to influence the discussions, those in Congress and those between the US and Iran, staying away from the political domestic rift that will inevitably widen in the US presidential race. 

The Iran nuclear file, troubling as it is, is just one of the long term dangers Israel is facing. The more immediate regional threats have to do with the radicalization and fragmentation processes in the region and the proliferation of weapons that are not categorized as WMD but have a significant destructive power. 

These are the issues that should be on the top of the agenda in a healthier, less acrimonious dialogue that is based a higher degree of trust. The political leaders at the highest echelons in both Israel and the United States are responsible for restoring this dialogue to that level and quality.

Thursday, May 28

IRAQ E SIRIA:"TERRE SUNNITE TORNANO IN MANO SUNNITA"

Non solo di orrore e di coercizione si nutre il consenso allo Stato islamico (Islamic State). L’altra faccia, quella meno conosciuta ma non per questo meno pervasiva, è quella del “Welfare del Califfo” instaurato da Abu Bakr al-Baghdadi nelle terre di Iraq e Siria, conquistate e ora amministrate

Si spiega anche così il sondaggio choc di Al Jazeera, la tv satellitare del Qatar: l’81% degli arabi sostiene lo Stato islamico. Al Jazeera ha fatto in arabo sul suo sito questa domanda: "Sostieni le vittorie dello Stato islamico in Iraq e Siria?”. Oltre 138.000 utenti, in maggioranza sunniti, hanno deciso di rispondere, e l’81% ha votato sì. 

Se è vero che non si tratta di un sondaggio scientificamente calibrato, e dunque non è corretto avventurarsi in strumentali generalizzazioni, tuttavia sarebbe altrettanto sbagliato non riflettere su un dato che quel sondaggio mette in evidenza ma che esiste nella realtà indipendentemente da esso: il consenso dello Stato islamico

Ridurlo alla durezza dell’occupazione, alla ferrea, brutale applicazione della sharia imposta alle popolazioni locali dalla polizia del “Califfo”, significa cogliere solo uno degli aspetti della realtà.

I conoscitori del variegato universo dell’islamismo radicale concordano sul fatto che chiunque si ponga l’obiettivo di controllare e governare un territorio, se non addirittura uno Stato, deve finalizzare gli stessi strumenti militari, e del terrore, a obiettivi politici: ciò vale per Hezbollah in Libano, per Hamas a Gaza, ed anche per lo Stato islamico nelle aree conquistate in Siria e Iraq. 

La voglia di rivincita dei sunniti contro gli sciiti, soprattutto in Iraq, è parte della spiegazione del consenso all’Is, così come la indubbia capacità di al-Baghdadi di tessere alleanze con le tribù beduine e con le varie formazioni jihadiste sunnite preesistenti allo Stato islamico (discorso che dalla Siria e dall’Iraq si estende alla Libia). 

Un certo consenso serve dunque anche alle milizie del “Califfo Ibrahim" per cementarne la presa sul territorio. Il consenso costa. E va organizzato, offrendo servizi e protezione alle popolazioni locali. Insomma, anche lo Stato islamico deve costruire il suo welfare

Di qui, annota Lucio Caracciolo direttore di Limes, l’impegno dell’Is a edificare una struttura parastatale ispirata alla “sharia”, con i suoi “ministeri” economici, militari, i suoi servizi giurisdizionali (corti islamiche), sanitari, scolastici, di ordine pubblico (“hisba”, ovvero ”la polizia che ordina il bene e proibisce il male”), le sue centrali mediatiche (al-Furqan, al-Itisam, al-Hayat con la sua rivista Dabiq). 

Non manca, fra i servizi al pubblico l’ufficio per la protezione del consumatore, insediato nel cuore della “capitale” Raqqa, con tanto di numero di telefono per i reclami (260522). E poiché ogni Stato che si rispetti batte la sua moneta, il “Califfo” ha annunciato la prossima distribuzione della propria, in oro (dinar), argento (dirham) e rame (fulus).

L’ambizione statale si salda alla dimensione imprenditoriale. Ecco allora che i proventi dei traffici – da quello del petrolio al traffico dei reperti archeologici – e le tasse estratte ai sudditi sotto specie di elemosina religiosa non devono provvedere solo al reclutamento e al soldo dei miliziani, ma anche alla gestione del welfare islamista. 

Come si legge sul sito di “The Atlantic”, in Siria e in Iraq “l’Is aiuta a gestire i panifici e fornisce frutta e verdura a molte famiglie, occupandosi anche della distribuzione delle derrate

Sempre a Raqqa, lo Stato islamico ha istituito una mensa a disposizione dei bisognosi e un ufficio per gli orfani che ha compito di trovar loro famiglia. I militanti dell’Is, hanno sviluppato programmi sanitari e assistenziali nelle enclave sotto il loro controllo, utilizzando i fondi dell’organizzazione

I programmi sociali e il consenso popolare, sottolinea Napoleoni, sono l’altra faccia della medaglia della barbara dittatura settaria dello Stato islamico. Lo stato islamico dispone inoltre di un ufficio che monitorizza i livelli di consumo dell’elettricità, installa linee elettriche e tiene corsi su come riattivare quelle vecchie. I miliziani riparano anche le strade danneggiate e gli autobus che fanno servizio fra i territori da essi controllati. 

Fatto di grande importanza per i siriani e gli iracheni residenti a valle, l’Is ha mantenuto attiva la diga di Tishreen (cambiandone il nome in al-Faryq) sull’Eufrate. Un altro strumento abilmente utilizzato dall’Is per neutralizzare l’opposizione interna nei territori conquistati, è quello di istituire legami di sangue tra i conquistatori e i conquistati, legami di sangue sotto forma di matrimoni tra i mujaheddin dello Stato islamico e le donne sunnite del posto, matrimoni che a loro volta dovrebbero consolidare il consenso e produrre legittimità. Il consenso costa, dicevamo. Del resto le risorse non mancano.

Guadagnano più di tre milioni di dollari al giorno con il contrabbando di petrolio. I militanti dello Stato islamico, che agli inizi si servivano di ricchi donatori del Golfo Persico (in primis il Qatar) per finanziare le loro attività, secondo funzionari dell’Intelligence USA e alcuni esperti, sono diventati un autosufficiente colosso finanziario. 

Nel settembre 2014, l’Is controllava 11 campi petroliferi in Siria e Iraq. Il petrolio e altre merci sono vendute di contrabbando sotto il naso degli stessi governi che combattono: curdo al nord dell’Iraq, Turchia e Giordania. I profitti totali derivanti dal petrolio, rileva Luay al-Khatteeb, della Brookings Institution in Qatar

Fuori dall’Iraq, la holding dell’Is ha guadagnato centinaia di milioni di dollari dal contrabbando di antichità: gli oggetti sono venduti in Turchia, sostiene al-Khatteeb. 

Tutti questi soldi servono al Califfato per mantenersi; i combattenti iracheni e siriani, stimati dalla CIA intorno alle 60.000 unità, ricevono un salario mensile di 1.000 dollari al mese, più 100 dollari se sposati e 50 dollari aggiuntivi per ogni figlio. 

Ai jihadisti stranieri, i “Muhajiroun”, viene dato uno stipendio tra i 1.700 e i 2.000 dollari, a seconda del grado di istruzione. Alle vedove di guerra viene assicurata una pensione di 800 dollari.

Una cosa è certa: oggi, il “Califfato” non dipende per la sua sopravvivenza dall’estero. I soldi da fuori arrivano ma non sono vitali. Insomma si autofinanzia. Oltre a praticare saccheggi, il «Califfato» ha organizzato una raccolta di denaro che può essere paragonata al pagamento delle tasse: a Raqqa, per esempio, si paga una zakat (tassa religiosa) del 10% sui redditi, una pressione fiscale vantaggiosa rispetto alla media locale. 

L’Is ha poi dimostrato di saper utilizzare in maniera efficace i media e i social network per veicolare il proprio marchio, differenziandolo da quello di al-Qaeda, e renderlo appetibile per tutti coloro che vogliono combattere per la causa dell’Islam e per quei potenziali donatori (soprattutto del Golfo) desiderosi di fare un investimento sicuro su un marchio di successo

Ma a tali donazioni bisogna aggiungere anche il bottino da quasi 500 milioni di dollari ricavato con la conquista di Mosul e le entrate garantite dalle tasse di protezione e passaggio imposte su tutti i territori conquistati in Iraq e in Siria, nonché i proventi del traffico illegale del petrolio.

Nel complesso, l’assieme di entrate permette al gruppo di finanziare le proprie attività, di mantenere la propria autonomia e comprare ingenti quantitativi di armi ma, soprattutto, di pagare regolarmente i miliziani o, quanto meno, quelli meno motivati ideologicamente

Non è un caso che in pochi mesi i ranghi dell’organizzazione siano cresciuti a dismisura, tanto da superare oggi probabilmente le 60.000 unità, e che – l’aspetto più preoccupanteessi siano alimentati anche da personale militare professionale proveniente sia dall’ex esercito di Saddam che da altri eserciti dell'area. Così nasce lo Stato del Califfo, non solo "Jihad ma welfare” in costume islamista". 

Ringraziando la "Bush Family".

Thursday, May 21

SIRIA TRA PROVOCAZIONI E INGERENZE STRANIERE

Non un giorno come un altro. Anche in Siria giunge una eco, per quanto distorta e deforme, di quella più ampia sollevazione che la stampa occidentale ha subito battezzato come “Primavera Araba”. 

Questa, a cavallo tra il 2010 ed il 2011, aveva interessato in primo luogo i Paesi della sponda mediterranea, in primo luogo la Tunisia e l'Egitto, sull'onda di un malcontento, vissuto presso settori della gioventù urbana e della popolazione povera, determinato dalla crisi economica e dal peggioramento delle condizioni materiali, e, per altri versi, aspetto maggiormente enfatizzato dai circuiti mainstreaming, dalle difficoltà legate alle burocrazie locali ed alle libertà di espressione. 

La Siria era rimasta sostanzialmente immune ai primi fermenti della sollevazione: se incitazione alla rivolta c'era stata, sino a quel momento, essa era giunta solamente da frange radicali della componente sunnita presente nel Paese, una opposizione storica al regime laico e panarabo espresso dal Ba'th, che, con Hafez al Assad dal 1970 e il nuovo presidente, Bashar al Assad dal 2000, aveva portato la minoranza alawita al potere del Paese. 

La situazione economico-sociale del Paese è mediamente migliore di quella che si registra in altri contesti: la tradizione multi-confessionale del sistema siriano è rispettata e, sebbene le recenti aperture ai mercati occidentali e l'incremento della inflazione abbiano aumentato il gap tra la città e la campagna e tra la costa e l'interno, non si registrano le clamorose sperequazioni frequenti altrove. 

La protesta del 15 Marzo a Dar'a muove da un contesto tra i più poveri e tradizionalmente ostili al potere ba'thista e si salda a Damasco con proteste di settori studenteschi e di classe media, su cui precipita il combinato disposto della repressione governativa e dell'incitamento anti-governativo proveniente non solo dai settori conservatori ma anche dai media ostili (Al Jazeera e Al Arabya).

La Siria è in piedi, la Costituzione è stata riformata e Assad è al potere. Uno dei temi ricorrenti della comunicazione pubblica da parte di Assad è il refrain per cui «solo con la repressione, senza il consenso, sarebbe impossibile per qualsiasi governo, dopo quattro anni di guerra e di distruzioni, rimanere al proprio posto». 

Otto giorni dopo quel 15 Marzo di quattro anni fa, il governatore regionale di Dar'a viene rimosso; tempo una settimana, ed anche il capo del governo viene sostituito; nei mesi successivi viene ridotta la coscrizione obbligatoria, rivisto il sistema fiscale, promosso l'incremento dei salari. 

Il 21 Aprile viene accolta una delle richieste forti delle manifestazioni, la revoca dello stato d'emergenza; la nuova Costituzione siriana viene approvata con un referendum popolare, il 26 Febbraio 2012, da quasi il 90% dei votanti pari a circa il 56% della popolazione siriana (sebbene il dato non sia confermato da osservatori indipendenti); invece, le successive elezioni politiche, il 7 Maggio 2012, sono seguite anche da osservatori indipendenti, registrano una affluenza al voto superiore al 51% e la netta vittoria delle forze della maggioranza, raggruppate intorno al Ba'th nel Fronte Progressista, cui appartengono anche i due partiti marxisti del Paese. 

Il 3 Giugno 2014, nelle prime elezioni presidenziali pluri-partitiche, a norma della Costituzione rinnovata che abroga il ruolo-guida del Ba'th sullo Stato e sulla società e supera la direzione pianificata dell'economia nazionale, Assad è riconfermato con l'88% dei voti espressi, in una tornata che vede un'affluenza superiore al 73%. 

Non c'è dubbio che il risultato elettorale, di per sé, non cancella e non giustifica quelle violazioni, di cui anche il governo legittimo si è reso responsabile, nel corso del conflitto; ciò non toglie che la portata di tale consenso vada almeno riconosciuta, specie da parte di chi usa ergersi a “paladino” delle libertà elettorali.

In mezzo, e tuttora, c'è la guerra: una guerra, come è stato detto, “civile” e “per procura”, al netto del fatto che, secondo stime indipendenti, oltre 200 mila terroristi stranieri, provenienti da più di 80 Paesi del mondo, abbiano combattuto in Siria in tutti questi anni; che i danni provocati dalla guerra, secondo altre stime, pur difficilmente quantificabili, ammontino ad oltre 80 miliardi di dollari sino ad oggi; che la Siria è diventata il terreno privilegiato non solo della nuova contrapposizione strategica tra Stati Uniti e satelliti atlantici, da una parte, e Russia e Cina, dall'altra, ma anche delle divisioni nel mondo sunnita, tra Turchia e Qatar, da un lato, ed Egitto ed Emirati Arabi, dall'altro. 

Le continue provocazioni ed ingerenze straniere, unite alla barbarie, cui assistiamo pressoché quotidianamente, delle varie frange islamiste radicali, nella cornice di una complessiva destabilizzazione ai danni della Siria, come Paese e come governo, hanno alimentato le fila e le risorse di quello stesso terrorismo la cui espansione finisce oggi per preoccupare quelle stesse cancellerie che lo hanno a lungo finanziato e sostenuto; e hanno dato il contributo decisivo al sostanziale azzeramento delle forze democratiche e “moderate” che pure si erano manifestate nella, sempre più lontana, primavera del 2011. 

Gli interrogativi attualmente in corso, presso alcune capitali europee, sulla riapertura dei collegamenti diplomatici con Damasco, potrebbero essere il segnale di un ripensamento necessario. Se così fosse, andrebbe sostenuto e incoraggiato, per non confermare, ancora una volta, l'insopportabile trappola dei “due pesi e due misure”.

Tuesday, December 9

BOMBARDAMENTI "DISTRATTI"

Lunedì un anonimo funzionario americano parlando al Washington Post della guerra in Siria e Iraq ha detto: “Stiamo facendo ‘uncooperating deconfliction’”. E’ una definizione dal suono burocratico che prova a inquadrare sotto una luce naturale queste operazioni americane in Siria e Iraq al fianco di ex nemici dichiarati. 

L’anno scorso l’Amministrazione Obama minacciò di bombardare il governo siriano alla fine di agosto dopo una strage di civili con armi chimiche a Damasco, e con l’Iran c’è da decenni una situazione di ostilità latente con acuti pericolosi. Ora che lo Stato islamico di Abu Bakr al Baghdadi minaccia di espandersi tra Siria e Iraq, è la stagione di questa “uncooperating deconfliction”.

Deconfliction è un termine militare che descrive la situazione che si crea quando due nemici si muovono e operano nella stessa area e lo fanno evitando di combattersi. “Uncooperating” è un di più che ci mette l’Amministrazione Obama per rendere chiaro e inequivoco il fatto che stanno bombardando le postazioni dello Stato islamico senza accordarsi con i governi di Damasco e di Teheran.

Sei giorni fa sono cominciate le operazioni di guerra dei jet iraniani in territorio iracheno. David Cenciotti, l’esperto di aviazione militare del blog The Aviationist, dice a BusinessInsider che è impossibile che non ci sia un accordo tra americani e Teheran: “Anche se è teoricamente possibile per i jet dell’Iran volare dentro l’Iraq senza alcuna coordinazione preventiva con le altre aviazioni che operano nello stesso spazio aereo, sarebbe una mossa suicida. 
Per una deconfliction fatta come si deve, sono richiesti un coordinamento in anticipo e una gestione dello spazio aereo. Ci sono molti aerei che controllano lo spazio sopra l’Iraq e la Siria e nessun jet potrebbe volare di nascosto in quell’area”.

Anche per le operazioni in Siria pare verosimile che ci sia un coordinamento tra il regime del presidente Bashar el Assad e il Pentagono. Questo è il bollettino delle operazioni sulla città di Raqqa, una delle due città più grandi controllate dallo Stato islamico. Domenica 23 gli aerei americani hanno effettuato due bombardamenti su un edificio dello Stato islamico. Martedì, è toccato ai jet di Assad fare dieci ondate pesanti e indiscriminate che potrebbero avere causato la morte di più di duecento persone. 

Giovedì 27, venerdì 28 e sabato 29 gli aerei siriani hanno bombardato ancora. Sabato 29 sera sono tornati gli aerei della coalizione guidata dagli americani, con un numero di attacchi incerto ma superiore a quindici. Dopo la strage di martedì, il governo americano ha rilasciato una dichiarazione dicendo di essere “horrified” dai bombardamenti indiscriminati del governo siriano, ma è facile immaginare come questa posizione suoni debole.

Che ci sia un accordo tra americani e Damasco è anche una convinzione diffusa tra la gente a terra. Ecco una citazione tra le tante possibili: “Cosa credete che pensi qualsiasi persona sana di mente qui? Un giorno arrivano gli aerei americani, il giorno dopo gli aerei di Bashar el Assad, com’è che non si sparano tra loro o non si scontrano? 

Semplice, si chiamano e si dicono oggi è il mio turno di uccidere gli abitanti di Raqqa, "non disturbarmi per favore, sarà il tuo turno domani”, dice un abitante di Raqqa a un intervistatore del sito al Monitor. Altri testimoni notano che la stessa cosa succede sopra Raqqa con i droni di ricognizione americani e inglesi. “Quando i droni spariscono, poi arrivano gli aerei di Assad a bombardare”.

Se si parla di più di questa “uncooperating deconfliction” è perché c’è un accordo tra Pentagono e Turchia che consentirà di usare le piste della base turca di Incirlik, appena al di là del confine siriano, per le missioni di bombardamento. Ora i jet americani arrivano dall’Iraq e dal Golfo, seguendo rotte molto più lunghe. 

Da Incirlik ci saranno più missioni, e quindi sarà necessario pretendere che ci sia più deconfliction. Ieri, in un’intervista che esce oggi su Paris Match, il presidente Bashar el Assad dice che questi due mesi di operazioni americane (su suolo che è siriano, in teoria) sono state totalmente inefficaci. Quattordici mesi fa minacciava attentati terroristici di rappresaglia contro l’America.

Tuesday, October 14

HERE'S HABITUAL LIAR SHOW OF MRS. SUSAN RICE

Earlier Sunday, President Barack Obama's National Security adviser, Susan Rice, made clear the U.S. has not asked "the Turks to send ground forces of their own into Syria." Everybodies knows that Turkey isn't going to lift a finger to aid the Kurds in Kobani and she has exactly one function in this mis-administration, just to lie! 

This is what happens when you have a dimwit in office who actually believes “don’t do stupid stuff” is a competent foreign policy. Leadership means understanding the choice isn’t always between stupid and smart, but between a difficult and easy decision. When all you care about is your own political career, the decisions are easy, but bad for America.

While everyone, their uncle, and their uncle’s cat told the Obama administration that airstrikes just weren’t going to be enough to defeat ISIS, they continue stubbornly to pretend that doing the politically safe option will keep America safe. 

Here’s habitual show liar Susan Rice to admit they are not reassessing their strategy at all: Kerry said, the Islamic State group "has the opportunity to take advantage of that particular buildup, as they are doing. But I'd rather have our hand than theirs."
READ HERE

Tuesday, October 7

TARGET N.° 01 IN SYRIA E IRAQ

Il primo "target", sui cui sono puntati -da giorni- i missili a guida infrarossa americani (tra i tanti in "commander list"), sono contro un francese esperto di esplosivi. O per meglio dire: "un francese del DGSE" (Servizi segreti militari francesi). Un agente che ha tradito, ed é passato con i sunniti jihaddisti, non con al-Qaeda. L'uomo é sopravvissuto alla prima serie di bombardamenti aerei/droni statunitensi (47 missili Cruise in un giorno).

Se si pensa che il francese è il primo della lista di eliminazione, Muhsin al-Fadhli il secondo e Abū Bakr al-Baghdādī il terzo, da qui si può valutare perché in un solo mattino siano stati lanciati su di lui 47 missili "Cruise" dagli aerei americani.

Secondo fonti russe, si tratterebbe del transfuga di più alto livello che abbia mai deciso di unirsi ai jihaddisti sunniti del gruppo dell'IS, e rappresenta una conseguenza "esplosiva" per il suo notevole "know-How".  L'identità dell'agente francese resta top-secret. Certo é che due gole profonde, ognuna indipendente dall'altra, hanno fornito l'ìdentico nome.

I ribelli siriani (filo-americani legati a CIA e John McCain) che combattono contro il presidente Bashar al-Assad, riferirono che poco prima dei bombardamenti aerei, la CIA li aveva avvertiti che stavano tenendo sotto controllo gli spostamenti dell' agente segreto. Gli stessi ribelli espressero forti perplessità sul modo di agire della CIA. Affermandogli, di non comprendere perché proprio l'Agenzia americana, così vicina al loro movimento rivoluzionario, non gli abbia dato mandato di sequestrare quell'uomo. Anche perché era stato localizzato in un'area sotto il loro controllo.

Solo giorni dopo, le stesse fonti russe, spiegarono che la decisione del presidente Obama di voler tenere segreta l'esistenza di questo personaggio, presumibilmente, poteva essere suscitata anche dal fatto che il francese fosse a conoscenza di quanto "realmente accaduto", all'alba del primo maggio del 2011 in Afghanistan

Motivo per cui, é indispensabile che certi "uomini" necessitano sotterrarli -profondamente- sotto un grande cumulo di macerie fumanti".

Wednesday, October 1

IL PREMIO NOBEL PER LA PACE HA CREATO SOLO GUERRE

Domenica sera la rete americana CBS ha trasmesso una lunga intervista al premio nobel per la pace: Barak Obama, in cui il presidente dice che l’Intelligence nazionale ha sottovalutato lo Stato islamico e ha sopravvalutato la capacità dell’esercito iracheno il quale nel giugno scorso è collassato in modo catastrofico davanti all’avanzata dei sunniti dell'ISIS (proseliti di Saddam Hussein) comandati da Abu Bakr al Baghdadi. Il presidente cita con esattezza le parole del direttore dell’Intelligence Nazionale, James Clapper.

Le parole del presidente - seppur mitigate dal successivo intervento del portavoce della Casa Bianca Josh Earnest - non sono piaciute a molti analisti ed esperti di Intelligence, che protetti dall'anonimato non hanno resistito alla tentazione di togliersi qualche sassolino dalle scarpe. Alti funzionari hanno riferito dell'esistenza di numerosi rapporti allarmanti, sia sulla pericolosità dell'ISIS che dell'ISIL.

Ieri il sito "Breitbart" ha tirato fuori un dato imbarazzante: il presidente ha saltato più della metà (il 57,8 per cento) delle sedute d’aggiornamento giornaliere preparate per lui dall’Intelligence. Sono i Pdb, Presidential daily briefing, in cui sono presentate e discusse le minacce all’America, specialmente quelle terroristiche.

"Non si è trattato di un fallimento delle Agenzie di Intelligence, ma di un fallimento politico da parte di chi doveva fronteggiare la minaccia. Cioè del presidente Barak Obama", attacca il repubblicano Mike Rogers, a capo dell'House Intelligence Committee. La verità, forse, è nel mezzo, nel senso che accorgersi del pericolo nella seconda metà del 2013 era probabilmente già tardi. Questo almeno suggeriscono le parole di Charles Lister, esperto di terrorismo al Brookings Doha Center in Qatar. "A chiunque abbia osservato gli sviluppi in Iraq da metà 2010 e in Siria da inizio 2011, l'ascesa e il successo dell' risultavano abbastanza chiari. Anche perché l'ISIL e l'ISIS hanno portato avanti una strategia graduale ed esplicita mirata alla sua prolificazione".

Rapporti riservati mettevano in guardia l'amministrazione Obama contro la crescente minaccia rappresentata dagli estremisti sunniti in Iraq e Siria. Parallelamente, gli stessi rapporti denunciavano il deterioramento del morale e delle capacità militari del vicino esercito iracheno. Ma il presidente Obama era "preso" da altri problemi e da altre crisi, e non prestò più di tanto attenzione alle allerte provenienti dalle Agenzie d'Intelligence. Questo é il "j'accuse" lanciato da alti funzionari della CIA e della NSA all'indirizzo del premio nobel per la pace.

Il New York Times in un articolo in cui si ripercorrono tutti gli errori commessi dalla Casa Bianca - e non solo - nella valutazione dell'ISIS. L’articolo produce citazioni di fonti anonime ma definite “senior” – quindi di alto livello –  dei Servizi segreti americani. Il quotidiano newyorchese ha talvolta relazioni confidenziali con quell’ambiente e in alcuni casi si fa latore di messaggi precisi, come questo. Succedeva anche ai tempi del presidente George W. Bush, quando il New York Times pubblicava fonti anonime dell’intelligence che manifestavano un dissenso talvolta devastante con la Casa Bianca (un esempio è il periodo precedente al rapporto Nie del 2007, che negò qualsiasi progresso dell’Iran in campo nucleare).

Il ragionamento è semplice: come è possibile che la superpotenza americana non sia riuscita ad anticipare l'ascesa di una forza combattente in grado, in pochi mesi, di ridisegnare la mappa del Medio Oriente? Questa domanda - scrive il Times - risuona come un mantra dentro e fuori l'amministrazione Obama. Soprattutto dopo l'intervista alla CBS.

Questo disimpegno desiderato e voluto dal premio nobel per la pace, Barak Obama, non sta funzionando. Con l’intesa sulla Sicurezza raggiunta ieri in Afghanistan (quasi diecimila soldati non si ritirano e resteranno fino al 2017, per evitare davanti ai talebani tracolli come quello di Mosul, in Iraq, a giugno, Per non parlare della ripartenza delle operazioni in Siria e in Iraq – dove solo ieri gli americani hanno bombardato 22 volte – il premio nobel americano consegnerà al suo successore almeno due intense guerre molto attive anche se per ora e in teoria, non sono previsti ruoli di combattimento per i soldati a terra. 

Ma durerà ancora per poco; con David Cameron e Francois Hollande, accanto, come alleati.