Showing posts with label TERRORISMO. Show all posts
Showing posts with label TERRORISMO. Show all posts

Friday, April 7

CHEMICAL WEAPONS AFTER 14 YRS CIA & MI6 STILL LIES

On the eve of the 14th anniversary of one of the most contentious and divisive wars in living memory, Peter Taylor forensically investigates how key aspects of the secret intelligence used by Downing Street and the White House to justify the invasion of Iraq, were based on fabrication, wishful thinking and lies.
Using remarkable first hand testimony, this one-hour Panorama special reveals the full story of how two very highly placed sources, both close to Saddam Hussein, talked secretly to the CIA via an intermediary and directly to MI6 in the build-up to the war and said Iraq did not have an active Weapons of Mass Destruction programme. But both were ignored.

In a compelling story of spies and intrigue, deception and lies, key players reveal how sparse British and American intelligence was and how none of the handful of human sources had direct knowledge of WMD production. 

The former CIA Paris Station Chief, Bill Murray, explains how he used an intermediary to recruit Iraq’s Foreign Minister and his frustration when he found crucial intelligence from this source was rejected because it didn’t fit in with the White House’s agenda. 

The intelligence from Iraq’s Foreign Minister was confirmed four months later, when an MI6 officer met Iraq’s Head of Intelligence, who passed on the same message, saying Iraq had no WMD.

Lord Butler, author of the 2004 report into the WMD intelligence, says the British public was misled.

With a series of revelatory interviews, including a shocking exchange with the Iraqi spy and self-confessed fabricator ‘Curveball’, Panorama sheds new light on the spies who fooled the world.

Friday, February 3

JOHN MAcCAINE PLAN UPENDS PENTAGON RULES

In a sharp rebuke to defense contractors, Pentagon bureaucrats and his House counterpart, Senate Armed Services Committee Chairman John McCain is moving to strip substantial authority for acquiring new weapons from Pentagon leaders and empower the military branches to oversee their own programs.

John McCaine 
McCain’s proposal — details of which were shared with POLITICO by Armed Services staff members on the condition of anonymity — would upend the oversight regime for new weapons that has been in place for nearly 30 years.

The reform plan, already rolled into the National Defense Authorization Act that was approved in a closed committee session last week, would set up a streamlined acquisition process geared toward fielding new weapons in just two to five years. Committee aides said that provision is in part a response to turbulent development programs like the F-35 fighter jet that have taken decades to materialize and cost far more than predicted.

The proposal would also give preference to contracts that place the burden of cost increases on the contractor.

The moves are likely to send shock waves through the halls of the Pentagon and its sprawling network of Beltway contractors.

“Any time you kind of start to rejigger the Pentagon’s internal processes, that causes a lot of controversy inside the Pentagon,” said acquisition expert Andrew Hunter of the Center for Strategic and International Studies. “The provisions they talk about — decentralizing, devolving more to the services — I think are likely to be very controversial.”

The proposal by the Arizona Republican is also likely to overshadow competing acquisition reforms by McCain’s Republican House counterpart, Rep. Mac Thornberry of Texas, a proposal seen as more modest and industry-friendly.

Under the current system, which Thornberry’s plan would only modify, a central Pentagon acquisition official — the undersecretary of defense for acquisition, technology and logistics — has been in charge of overseeing new weapons. McCain’s plan would restore the power of the Army, Navy and Air Force to manage their own acquisition programs — a role that was taken away by the Goldwater-Nichols Act of 1986, which centralized authority over military acquisition programs.

“Decision authority for acquisition would reside in the service acquisition executive, who reports to the service secretary,” one Armed Services committee aide said of the proposal.

Defense Secretary Ash Carter endorsed bringing the service chiefs back into the acquisition process during his Senate confirmation process, and top officials from the various services have advocated a larger acquisition role.

“Time is money,” Carter said in a questionnaire he submitted to the Armed Services Committee in February. “Those responsible for budgeting, particularly the service chiefs, need to be engaged in all three processes” — requirements, acquisition and budgeting.

But the new responsibilities in the proposal would also come with significant accountability measures.

If programs managed by the services experience cost overruns, the services would have to pay a fee worth 3 percent of the overrun that would go into a fund managed by the Pentagon’s centralized acquisition office for the development of prototypes for new weapons.

For instance, if an Army program went over its planned budget by $100 million, the service would owe $3 million — and that money could be spent by Pentagon leaders to advance any prototype development program, including, possibly, ones overseen by the Navy or the Air Force.

If a program went over budget by 15 percent, according to McCain’s proposal, the services would have to forfeit control of the project to the undersecretary of defense for acquisition.

The law would apply only to programs launched after the enactment of the Weapon Systems Acquisition Reform Act of 2009, which put in place more stringent methods for projecting program costs.

“The incentive is for the services not to overrun,” an Armed Services aide said of the new plan, noting that, under the existing rules, cost overruns often just result in more money being appropriated. “The incentive is for them to do things [to avoid cost increases] in the front end.”

The proposal also seeks to tackle what’s become a much-maligned norm in Pentagon acquisitions: big-ticket weapons programs that can take 15 years or more to go from concept to the field.

It sets up a “streamlined acquisition and requirements approach” designed to field weapons in just two to five years — rapidly developing prototypes, testing them, getting them into the field and then upgrading them.

“They do prototyping, they bring out Phase One and they test it, they use it, and then they go on to the next level,” said a committee aide. “It’s a spiral type of development.”

Another aide said McCain views such changes as “an urgent national security issue because if we don’t do something to address the broken acquisition system, that system in and of itself could become the biggest threat to our military technological advantage.”

These and other provisions in McCain’s plan stand in stark contrast to Thornberry’s. The Texas lawmaker, whose acquisition proposal is based on a fact-finding effort launched in 2013, advocates a much more incremental approach that he says will result in new acquisition reform legislation each year for his envisioned six-year tenure holding the gavel.

McCain, who might have just two years at the helm of Armed Services if Republicans lose their Senate majority in 2016, is seeking to put in place significant reforms on a much faster time scale than Thornberry, aides said.

Thornberry’s initial proposal, unveiled in March and tucked into the defense authorization measure passed last week by the House, drew heavily on recommendations put forward by the Pentagon and the defense industry. And some of the Texas Republican’s provisions have been criticized as too industry-friendly, possibly at the expense of taxpayers.

Thornberry’s plan, for example, would weaken the power of the Pentagon’s chief weapons tester, an independent watchdog who answers directly to the defense secretary. It would also give Pentagon program managers more leeway to award contracts that put the government on the hook for cost overruns, as opposed to fixed-price contracts under which contractors pick up the tab for unexpected cost increases.

McCain’s plan, on the other hand, does nothing to weaken the Pentagon’s testing office, which can be a thorn in the side of contractors because it often uncovers flaws in their products. And McCain’s proposal would establish a preference for fixed-price contracts.

But like Thornberry’s plan, McCain’s proposal seeks to remove some of the barriers to entry for agile, Silicon-Valley type firms that haven’t traditionally done business with the Pentagon.

The existing system is “a centralized, bureaucratic, risk-averse system, and the committee is trying to move this to a more dynamic, commercial-based approach that’s competitive,” a committee aide said.

The two Armed Services chairmen will have to hash out the differences between their proposals during House-Senate conference negotiations later this year to craft a final version of the fiscal 2016 defense authorization bill.

Hunter, who is the former head of the Pentagon’s Joint Rapid Acquisition Cell, said he’s not surprised that McCain’s proposal is more aggressive than Thornberry’s, saying the senator’s prescriptions “would have pretty profound effects on the system if they were put into place.”

“Whoever is wedded to the status quo will not necessarily like change,” added one of the Senate aides. “Traditional contractors who are used to the rules the way they are may not like change. Traditional oversight officials who manage acquisition programs may have difficulty reacting to a different incentive structure.”

Saturday, July 30

                                                                   Margarte Brennan

Since 2012, Ms. Brennan has covered foreign policy issues and traveled with secretaries Kerry, Clinton, and Hagel. She was among the first to interview Secretary Kerry about freezing Iran’s nuclear program and destroying Syria’s chemical weapons. She interviewed South Korean President Park Geun-Hye and reported from Tehran during the 2012 Non-Aligned Movement. She was part of the CBS team to win a DuPont-Columbia Award for coverage of the Newtown Tragedy. Previously, Ms. Brennan spent a decade at Bloomberg Television and CNBC. She is a Council on Foreign Relations term member, University of Virginia alum, and studied Arabic at Yarmouk University as a Fulbright-Hays Scholar.

Thursday, May 21

SIRIA TRA PROVOCAZIONI E INGERENZE STRANIERE

Non un giorno come un altro. Anche in Siria giunge una eco, per quanto distorta e deforme, di quella più ampia sollevazione che la stampa occidentale ha subito battezzato come “Primavera Araba”. 

Questa, a cavallo tra il 2010 ed il 2011, aveva interessato in primo luogo i Paesi della sponda mediterranea, in primo luogo la Tunisia e l'Egitto, sull'onda di un malcontento, vissuto presso settori della gioventù urbana e della popolazione povera, determinato dalla crisi economica e dal peggioramento delle condizioni materiali, e, per altri versi, aspetto maggiormente enfatizzato dai circuiti mainstreaming, dalle difficoltà legate alle burocrazie locali ed alle libertà di espressione. 

La Siria era rimasta sostanzialmente immune ai primi fermenti della sollevazione: se incitazione alla rivolta c'era stata, sino a quel momento, essa era giunta solamente da frange radicali della componente sunnita presente nel Paese, una opposizione storica al regime laico e panarabo espresso dal Ba'th, che, con Hafez al Assad dal 1970 e il nuovo presidente, Bashar al Assad dal 2000, aveva portato la minoranza alawita al potere del Paese. 

La situazione economico-sociale del Paese è mediamente migliore di quella che si registra in altri contesti: la tradizione multi-confessionale del sistema siriano è rispettata e, sebbene le recenti aperture ai mercati occidentali e l'incremento della inflazione abbiano aumentato il gap tra la città e la campagna e tra la costa e l'interno, non si registrano le clamorose sperequazioni frequenti altrove. 

La protesta del 15 Marzo a Dar'a muove da un contesto tra i più poveri e tradizionalmente ostili al potere ba'thista e si salda a Damasco con proteste di settori studenteschi e di classe media, su cui precipita il combinato disposto della repressione governativa e dell'incitamento anti-governativo proveniente non solo dai settori conservatori ma anche dai media ostili (Al Jazeera e Al Arabya).

La Siria è in piedi, la Costituzione è stata riformata e Assad è al potere. Uno dei temi ricorrenti della comunicazione pubblica da parte di Assad è il refrain per cui «solo con la repressione, senza il consenso, sarebbe impossibile per qualsiasi governo, dopo quattro anni di guerra e di distruzioni, rimanere al proprio posto». 

Otto giorni dopo quel 15 Marzo di quattro anni fa, il governatore regionale di Dar'a viene rimosso; tempo una settimana, ed anche il capo del governo viene sostituito; nei mesi successivi viene ridotta la coscrizione obbligatoria, rivisto il sistema fiscale, promosso l'incremento dei salari. 

Il 21 Aprile viene accolta una delle richieste forti delle manifestazioni, la revoca dello stato d'emergenza; la nuova Costituzione siriana viene approvata con un referendum popolare, il 26 Febbraio 2012, da quasi il 90% dei votanti pari a circa il 56% della popolazione siriana (sebbene il dato non sia confermato da osservatori indipendenti); invece, le successive elezioni politiche, il 7 Maggio 2012, sono seguite anche da osservatori indipendenti, registrano una affluenza al voto superiore al 51% e la netta vittoria delle forze della maggioranza, raggruppate intorno al Ba'th nel Fronte Progressista, cui appartengono anche i due partiti marxisti del Paese. 

Il 3 Giugno 2014, nelle prime elezioni presidenziali pluri-partitiche, a norma della Costituzione rinnovata che abroga il ruolo-guida del Ba'th sullo Stato e sulla società e supera la direzione pianificata dell'economia nazionale, Assad è riconfermato con l'88% dei voti espressi, in una tornata che vede un'affluenza superiore al 73%. 

Non c'è dubbio che il risultato elettorale, di per sé, non cancella e non giustifica quelle violazioni, di cui anche il governo legittimo si è reso responsabile, nel corso del conflitto; ciò non toglie che la portata di tale consenso vada almeno riconosciuta, specie da parte di chi usa ergersi a “paladino” delle libertà elettorali.

In mezzo, e tuttora, c'è la guerra: una guerra, come è stato detto, “civile” e “per procura”, al netto del fatto che, secondo stime indipendenti, oltre 200 mila terroristi stranieri, provenienti da più di 80 Paesi del mondo, abbiano combattuto in Siria in tutti questi anni; che i danni provocati dalla guerra, secondo altre stime, pur difficilmente quantificabili, ammontino ad oltre 80 miliardi di dollari sino ad oggi; che la Siria è diventata il terreno privilegiato non solo della nuova contrapposizione strategica tra Stati Uniti e satelliti atlantici, da una parte, e Russia e Cina, dall'altra, ma anche delle divisioni nel mondo sunnita, tra Turchia e Qatar, da un lato, ed Egitto ed Emirati Arabi, dall'altro. 

Le continue provocazioni ed ingerenze straniere, unite alla barbarie, cui assistiamo pressoché quotidianamente, delle varie frange islamiste radicali, nella cornice di una complessiva destabilizzazione ai danni della Siria, come Paese e come governo, hanno alimentato le fila e le risorse di quello stesso terrorismo la cui espansione finisce oggi per preoccupare quelle stesse cancellerie che lo hanno a lungo finanziato e sostenuto; e hanno dato il contributo decisivo al sostanziale azzeramento delle forze democratiche e “moderate” che pure si erano manifestate nella, sempre più lontana, primavera del 2011. 

Gli interrogativi attualmente in corso, presso alcune capitali europee, sulla riapertura dei collegamenti diplomatici con Damasco, potrebbero essere il segnale di un ripensamento necessario. Se così fosse, andrebbe sostenuto e incoraggiato, per non confermare, ancora una volta, l'insopportabile trappola dei “due pesi e due misure”.

CHE COLORE AVRA' LA RIVOLUZIONE A MOSCA?

Oggi la scommessa dei tecnocrati e dei registi dei colpi di stato è stata fatta sui nazionalisti, radicali, estremisti e terroristi. La protesta contro le politiche liberiste dell'élite sociale possono, però,  ripercuotersi contro lo stesso Stato.

Sebbene l'esempio molto realistico dell'Ucraina mostri cosa succede quando lo Stato collassa (non siamo lontani dalla Jugoslavia o Libia), il nocciolo della questione sta nel fatto che i fattori esterni assicurano la stabilità sociale e politica. Il "fattore di comprensione" interno che fornisce la reale resistenza della società alle sfide esterne e alle tecnologie di manipolazione, rimane nel suo stato embrionale e casuale.

La nomina di John Tefft ad ambasciatore degli Stati Uniti in Russia è stata percepita come un possibile passo verso la destabilizzazione della situazione in Russia e in Eurasia nel suo complesso. 

A differenza di Michael McFaul, Tefft è considerato pragmatico e regista delle rivoluzioni colorate nell'ex Unione Sovietica. Sarà a tal proposito effettuato un nuovo tentativo di rivoluzione colorata in Russia e in che forma? 

Rispondere a questa domanda è impossibile senza analizzare e comprendere l'evoluzione della stessa tecnologia delle rivoluzioni colorate, che hanno cessato di essere non violente, così come degli strumenti mediatici della moderna guerra umanitaria e d'informazione.

La destabilizzazione della situazione in Russia è di natura globale, l'impatto si sentirà nell'Unione Economica Eurasiatica (Bielorussia e Kazakistan), nonché creerà turbolenze nei Paesi BRICS. 

I media e la parte affaristica dell'élite saranno solo una delle sue guide, così la comprensione delle tecnologie descritte sopra è estremamente importante per l'analisi degli eventi futuri.

Le tecnologie di distruzione, che saranno attuate dopo il 2014, possono essere suddivise in due tipi, o meglio "fasi", che non sono necessariamente conseguenti ma si completano perfettamente a vicenda:

1) Gli Stati Uniti amano agire come modello, fino a quando lo scenario favorevole non scomparirà completamente. Ricordiamo che Tefft dal 2005 al 2009 è stato ambasciatore in Georgia e poi in Ucraina dal 2009 al 2013. A questo proposito prenderanno di nuovo vita la "rivoluzione dei nastri bianchi" e lo scenario di Piazza Bolotnaya del 2011-2012. Riprenderanno con rinnovato vigore le proteste "di carnevale", ci sarà una seconda ondata di "separatismo creativo", manifestazioni di protesta, folcloristiche, ecc…

2) Come mostra la prassi delle rivoluzioni colorate sopra riportate, il carnevale e la protesta simbolica hanno cessato di avere significato. Se gli scontri con la polizia a Mosca nel 2012 erano stati solo un episodio di manifestazioni di protesta, ora diventeranno un fine, verranno alla ribalta non con un nuova simbolica, ma con forme più selvagge di un'identità negativa.

Per la Russia il fenomeno delle rivoluzioni colorate è iniziato ed è entrato nell'agenda politica e sociale con la "rivoluzione arancione" a Kiev nel 2004. Proprio la rivoluzione "arancione" ha formato per la società russa l'immagine di una rivoluzione colorata e per molto tempo ha determinato la relazione verso questo fenomeno.

Nonostante le rivoluzioni colorate si fossero verificate prima (la "rivoluzione delle rose" in Georgia nel 2003) e dopo la "rivoluzione arancione" (due rivoluzioni in Kirghizistan: "dei tulipani" o "dei limoni" e "dei meloni") nel 2005 mentre nel 2010 la "seconda rivoluzione dei meloni"(o "popolare"), proprio Kiev è diventato per la Russia il punto di partenza per l'utilizzo di nuove tecnologie politiche, sociali ed umanitarie

Proprio allora si è costituita l'idea dell'universalità e dell'onnipotenza delle rivoluzioni colorate. L'immagine non violenta e "di velluto" delle rivoluzioni colorate già da molto tempo non corrisponde più alla realtà

Le stesse denominazioni simboliche, che si formano sulla base del marchio di fabbrica (simboli e colori) delle proteste sono diventate una formalità. Molto spesso le rivoluzioni non hanno una sola identità.

Molti nomi hanno le rivoluzioni del 2010 e 2011 in Tunisia: "dei gelsomini", "dei datteri", "della fame", "della baguette", mentre in Egitto "dei meloni", "di Twitter", "dei giovani", "della senape", "dei resort" "delle piramidi", "dei datteri". 

I media si perdono nei nomi, a dimostrazione dell'atteggiamento cinico verso questi marcatori da parte dei loro committenti.

Se si guarda alla storia delle rivoluzioni colorate, diventa evidente la loro natura radicale (ad esempio i tentativi di rivoluzione colorata in Bielorussia nel 2006 e in Moldavia nel 2009). 

L'ultimo tassello "cronologico" sul mito della pacifica rivoluzione civile non lo ha messo nemmeno l'Ucraina durante Euromaidan tra il 2013 e 2014, ma la Thailandia. 

In Thailandia le proteste si sono sviluppate con il classico scenario delle rivoluzioni colorate. Le immagini delle proteste a Bangkok nel 2009 hanno riprodotto e fatto ricordare la rivoluzione "arancione" di Kiev nel 2004. Tuttavia, a partire dal 2013, a Bangkok sono iniziati nuovi scontri di piazza e l'escalation del conflitto civile è terminata solo dopo il colpo di stato militare.

Gli eventi del 2014 di "Euromaidan" non sono stati una deviazione dallo scenario pacifico, ma l'attuazione tecnica di un piano per un colpo di stato. La rivoluzione colorata è finita come tecnologia non violenta del rovesciamento del potere, tuttavia il suo "appeal" positivo funziona ancora.

L'imballaggio simbolico ed informativo rimane un elemento importante del supporto dei media e permette di attribuire ad un banale colpo di stato una forma attraente e nobile di protesta civile. Soprattutto la forma esterna, in assenza di comprensione del reale contenuto, ha così appassionato l'attiva società russa: la classe creativa, gli intellettuali, l'imprenditoria e le elite.

Le rivoluzioni colorate sono precedute da una seria preparazione, causata della necessità di formare la percezione di un'immagine negativa delle autorità al potere

Nei riguardi della Russia la fase preparatoria è già iniziata ed è legata con il contesto globale e con i processi nei quali la Russia emerge come centro alternativo di potere.

Un esempio di fase aperta della guerra d'informazione è lo schianto del "Boeing" malese in Ucraina. I media occidentali sono usciti con accuse perentorie contro la Russia e personali contro Vladimir Putin, molto prima dei risultati dell'inchiesta ufficiale. 

È stata creata e lanciata l'immagine inquietante di "assassino" e "nemico".

Lo scopo delle tecnologie moderne dei media è la demonizzazione del nemico e la sua disumanizzazione. Infatti la guerra con il "male" giustifica la guerra stessa e le sue vittime.

Un altro obiettivo altrettanto importante della guerra d'informazione sono la distruzione e l'isolamento della percezione critica dell'informazione da parte dell'opinione pubblica. 

I media costruiscono una coscienza acritica e frammentata. Per questo sono costruite le cosiddette reti di contraffazione che sostituiscono le notizie.

Così sono fabbricate le notizie dei media occidentali, ad esempio sono ricordate da tutti le "immagini" della guerra dell'8 agosto 2008, quando il bombardamento di Tskhinvali da parte dei lanciarazzi georgiani "Grad" era stato venduto come un attacco dell'esercito russo

Durante la guerra in Libia, i media hanno dovuto inscenare servizi speciali dal Qatar. Quasi tutte le notizie ucraine si basano su falsi e messe in scena.

Nonostante la primitività di queste tecniche, l'opinione pubblica ci crede, le foto o i video accompagnati dalla firma appropriata hanno per la società moderna il valore di prove documentali. Ma la cosa che fa più paura è che l'immagine mediatica può servire da vero motivo per l'invasione e la guerra.

Le tecnologie colorate nella loro parte di comunicazione saranno efficaci fino a quando la società degli Stati-vittima avrà cognizione della realtà politica, sociale ed economica attraverso categorie mentali unidimensionali introdotte attraverso un complesso sistema di moderno modellizzazione sociale

Lo smarrimento dell'opinione pubblica si crea grazie ad un basso livello di pensiero critico, così come all'ingiustizia sociale e alla disuguaglianza, che vengono utilizzate come motivo fondante delle proteste.

Tuesday, April 7

WHAT'S ABOUT FOREIGN TERRORIST FIGHTERS?

The growing involvement of individuals as Foreign Terrorist Fighters (FTF) in various conflicts and terrorist activities has resulted in an increasingly dangerous threat to international peace and security. In response, the United Nations Office on Drugs and Crime (UNODC) has launched a new initiative aimed at bolstering countries' criminal justice responses to this phenomenon. 

The initiative, which runs to 2019, will assist Member States in criminalizing the FTF phenomenon, in areas such as terrorist recruitment, incitement to terrorism, terrorism financing, and terrorist training, among others.

While not a new occurrence, the extent of the involvement of FTFs in conflicts and acts of terrorism today is unparalleled. With terrorist groups such as Al-Qaida, the Al-Nusra Front, and Islamic State all recruiting foreign nationals, the threat posed by terrorism now encapsulates not just end-target countries, but also countries of origin and transit. In this, the threat of individuals travelling to conflict zones, becoming further radicalized, receiving combat training, and then returning to their home countries with the aim of carrying out terrorist acts is more serious than ever.

In light of this issue, a three-day conference was held this week in collaboration with the United Nations Counter-Terrorism Committee Executive Directorate (CTED), the Parliamentary Assembly of the Mediterranean (PAM) and the International Institute for Justice and the Rule of Law in Malta (IIJ). 

Representatives from the Mediterranean basin - including Algeria, Egypt, Iraq, Jordan, Lebanon, Libya, Morocco, Tunisia and Yemen - and the Balkan countries - among them Albania, Bosnia and Herzegovina, Montenegro, Serbia, and The former Yugoslav Republic of Macedonia - were present to discuss and evaluate the threat that FTFs pose to their countries and regions. 

Additionally, Belgium, France, Italy, Japan, the Russian Federation, Turkey, the United Kingdom, and the United States were represented, together with five United Nations agencies and six international and regional organizations.

Addressing the event, UNODC's representative spoke of the urgent need to combat terrorism and bring perpetrators to justice before they launch terrorist attacks: "The tragic events in Tunis just last week, or in Belgium, France and Denmark over the past months confirm the unprecedented threat posed by individuals involved as Foreign Terrorist Fighters. Our principal objective is ultimately to support Member States' efforts in disrupting terrorist plans and operations before they are committed. 

The more we are confronted with unprecedented terrorist threats, the more we have to collectively look for effective responses and preventive strategies."

UNODC's global initiative covers both foreign cooperation and domestic assistance: the former is critical given the transnational dimension of FTFs which makes a purely national approach insufficient; the latter meanwhile is central to efforts needed to strengthen national legislation against this emerging trend in terrorist operations and to enhance domestic capacities of criminal justice and law enforcement officials.

Building this capacity within criminal justice systems is an important step towards filling a gap in dealing with the terrorist threat. At present, practitioners in this area rely almost exclusively on evaluations made by the intelligence services, despite some very specific aims and constraints being faced by those working in justice. 

In this respect, UNODC aims to assist in strengthening the response to FTF in a bid to counter this threat in a specific manner, as well as complement the evaluation made by other counterparts.

Thursday, January 8

IN FRANCIA SI COSTRUISCE UNA MOSCHEA A SETTIMANA

Uscirà il prossimo 15 gennaio per le edizioni Tatamis il vero libro choc della rentrée letteraria francese, che a confronto farà passare “Soumission” di Michel Houellebecq per un timido monito sul futuro “islamico” della Francia. Ma nessun giornalone ne parla e ne parlerà, statene certi. 

La sua prima edizione, apparsa nel 2010, ha registrato più di diecimila esemplari venduti, ma il solo a darne notizia è stato Ivan Rioufol, editorialista del Figaro e voce solitaria di dissenso al piattume pol. corr., da sempre attento alla questione identitaria e al rapporto tra islam e République. Lo ha fatto sul suo blog personale, in un intervento intitolato “Islamismo: gli occhi finalmente si schiudono”. 

Partendo da un’intervista al Parisien dell’ex presidente dell’Uoif (Union des organisation islamiques de France), Lhaj Thami Breze, che aveva gridato con orgoglio il motto dei Fratelli musulmani: “Il Corano è la nostra Costituzione”, Rioufol ha denunciato il pericolo rappresentato da “questi ideologi” per i quali “innalzare una moschea non significa solo costruire un luogo di culto, ma anche appropriarsi di un territorio e di un potere”. 

Puntando il dito soprattutto contro “i numerosi sindaci, di destra come di sinistra, che non si interrogano sui fini politici perseguiti da alcuni promotori di questi luoghi di culto”, prima di aggiungere una postilla a mo’ di esortazione: “leggete ‘Ces maires qui courtisent l’islamisme’”.

Nonostante il boicottaggio dei media, Joachim Véliocas, giornalista e direttore dell’Osservatorio dell’islamizzazione, pubblicherà la prossima settimana la seconda edizione della sola inchiesta uscita in Francia sul controverso sistema di finanziamento delle moschee francesi che ne ha permesso il proliferare (da dieci anni a questa parte ne spunta una a settimana). 

Al suo interno, l’autore mette in fila tutti quei sindaci ed ex sindaci del Ps e dell’Ump che nei comizi e nei salotti televisivi non perdono occasione per straparlare di “laicïté” e “valeurs de la République”, per poi prostrarsi nei loro bastioni ai voleri della comunità musulmana.

Questi sindaci poi svuotano discretamente le casse del comune per innalzare moschee e finanziare attività che aggradano gli imam locali. In barba alla legge sulla laicità del 1905, l’attuale primo ministro, Manuel Valls, si reca a ogni possibile inaugurazione di una moschea per dire che “l’Islam avrà tutto il suo spazio in Francia” (moschea di Cergy, innalzata su un terreno di 2.000 metri quadrati, offerto dal comune socialista in cambio di un affitto irrisorio di 728,50 euro mensili, nel luglio del 2012) e che “i musulmani sono la Francia” (Moschea di Evry, luglio 2014).

Di Alain Juppé si tessono elogi a non finire nei media, quale miglior candidato per il rassemblement repubblicano contro la nebulosa nera di Marine Le Pen nel 2017, ma dei suoi “rapporti eccellenti” (parole sue) con l’imam di Bordeaux, Tareq Oubrou, rivendicatosi adepto dei Fratelli musulmani, nessuna goccia d’inchiostro. “Farò di tutto affinché un terreno sia presto disponibile per la costruzione di una grande moschea”, ha promesso Juppé, alla stregua di Reims e Parigi. 

A proposito della capitale, nonostante i quattrocento milioni di euro di debito, nessuno ha mai alzato un dito sui sedici milioni trovati magicamente per erigere l’Institut islamique, così come nessuno parla della Mosquée Omar, sita nel quartiere di Belleville, che tutti sanno essere un “alto luogo del salafismo”. 

A Nantes, quando al comune c’era l’ex primo ministro Jean-Marc Ayrault, duecentomila euro per finanziare l’istituto islamico dell’Uoif, antenna francese dei Fratelli musulmani, furono trovati in un batter d’occhio. E a Strasburgo, l’imam della nuova moschea, sovvenzionata dalle collettività locali, ha forti legami con l’islamismo radicale, ma questo, a quanto pare, interessa poco ai media.

Un recente sondaggio dell’istituto Ifop, pubblicato da Paris Match, ha evidenziato che la principale paura per l’89 per cento dei francesi è rappresentata proprio dall’aumento dell’islamismo radicale. 

Una paura che non è né di destra né di sinistra, ma accomuna tutti i cittadini e si posiziona davanti a quella per la deflagrazione del modello sociale francese (86 per cento), particolarmente pronunciata nelle classi popolari. Marine Le Pen, interrogata a proposito di “Soumission”, ha dichiarato che “si iscrive nella linea di ciò che si può constatare in un certo numero di municipalità e dipartimenti, dove il fondamentalismo islamico avanza con l’accordo e financo con la complicità dell’Ump e del Ps”.

Saturday, September 13

DALLA PADELLA ... ALLA BRACE.

“Dobbiamo sostenere e rafforzare quegli attori locali che possono fermare l’ISIS all’interno del proprio territorio. L’America ha scelto di attuare dei raid aerei, noi abbiamo scelto un’altra strada che vede, ad esempio, l’invio di aerei da rifornimento, che non sono un bene molto diffuso, e l’utilizzo delle nostre capacità addestrative. Queste sono le forze che noi possiamo mettere in campo e ad oggi gli strumenti che sono stati decisi si fermano a quelli noti. Non ci sono altre previsioni rispetto a quelle già assunte”.

L’italia ha aderito alla “Core Coaliton” varata dagli anglo-americani al summit della NATO di Newport, in Galles, ma non invierà, almeno per ora, aerei da combattimento a bombardare le forze dello Stato Islamico in Iraq e Siria come fanno già da tempo gli statunitensi (153 incursioni tra l’8 agosto e il 9 settembre) e come faranno probabilmente entro breve i britannici che già da alcune settimane schierano 4 Tornado e un aereo spia Sentinel nella base cipriota di Akrotiry

Ad annunciare il disimpegno di Roma dalle operazioni belliche contro il Califfato ha provveduto il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, al termine di un summit a Milano con gli omologhi europei.

Il ministro ha poi aggiunto che  “a noi non è stato richiesto alcun intervento aereo, ma se vi fosse tale richiesta bisognerà valutare per cosa dovremmo utilizzare l’Aeronautica Militare: se dobbiamo evitare che si spari su civili, io non avrei problemi a farlo, ma al momento non è questo il caso”, ha spiegato il ministro, ribadendo che ” per ora abbiamo dato la disponibilità ad armare i curdi e messo a disposizione un aereo da rifornimento e degli addestratori”.

Da quanto è emerso quindi l’impegno italiano sarà limitato a un cargo/tanker Boeing KC-767A (che rifornirà in volo di carburante i velivoli alleati) e ad istruttori militari il cui compito meriterebbe qualche approfondimento. I nostri consiglieri militari addestreranno le forze curde o le forze regolari irachene come già facevano fino al 2011 nell’ambito della NATO Training Mission.

L’idea di schierare istruttori sul territorio iracheno è delicata quanto l’accertamento dell’effettiva destinazione delle armi che l’Occidente fornisce (o, come nel caso dell’Italia, intende fornire) ai curdi, specie alla luce di quanto dichiarato proprio da Moqtada al Sadr che dal 2004 e il 2011 guidò la guerriglia scita contro le forze alleate.

L’Iraq non dovrebbe più collaborare “con gli occupanti” (cioè statunitensi e occidentali) ha detto oggi l’influente leader religioso sciita proprio durante la visita a Baghdad del segretario di Stato Usa, John Kerry. “Speriamo che l’Iraq possa cooperare con i paesi vicini e con i suoi alleati, ma non con gli occupanti”, ha affermato l’imam.

Il rischio di trovarci con nuovi casi di “green on blue”, cioè di miliziani o militari sciiti che sparano agli istruttori e consiglieri militari occidentali che li addestrano (come accade da tempo in Afghanistan) potrebbe quindi non essere così remoto. 

Del resto i miliziani sciiti filo iraniani non sono certo da meno dei jihadisti del Califfato quanto a efferatezze, incluse le decapitazioni. I nostri “alleati” contro lo Stato Islamico ieri hanno reso noto un video  in cui mostrano con orgoglio di aver decapitato i loro rivali nelle battaglie di Amerli a nord di Bagdad. Dalla padella alla brace.

Monday, August 25

LE ORIGINI BALCANICHE DEL TERRORISMO SCIITA


Ecco da dove il terrorista Adhan Bilal Bosnic (sopra nel video) arriva e come è stato addestrato. Insieme con Nusret Imamovic, Bakir Halimi e Muhamed Fadil, è uno dei principali reclutatori di giovani musulmani balcanici che indottrina spingendoli alla guerra santa. Sempre in Internet, compaiono invocazioni di Bosnic alla distruzione dell'America e canti in cui inneggia alla guerra proponendo slogan come ''con esplosivi sul nostro petto costruiamo la via verso il paradiso''.

La storia di questi terroristi ha inizio nel 1984 e dura a tutto il 2009, alcune basi per la preparazione dei terroristi mujaheddin, venivano curate e controllate dai diplomatici iraniani sotto la copertura delle varie ONG (organizzazioni umanitarie). Non solo addestravano gli allievi alle operazioni sovversive ma insegnavano anche come fabbricare dispositivi esplosivi sotto forma di giocattoli e di gelati.

Tali “università umanitarie” per i terroristi si trovavano nella località di Bakotiči a soli 80 chilometri da Sarajevo. Vi abitavano duecento volontari armati fino ai denti. Ogni volontario aveva ottimi rapporti con il comando dell'Esercito di Sarajevo.

Per molto tempo il principale collettore di denaro fu il cittadino sudanese Elfatih Hassanein, direttore della società TWRA che lavorò a Vienna dal 1987 al 1995. Questa personaggio partecipò anche all'organizzazione della visita di Osama bin Laden, a Sarajevo nel 1993 . Per questi meriti Alija Izetbegović decorò Hassanein con il massimo ordine bosniaco.

Attraverso i conti di Hassanein verso Izetbegović, dai Paesi islamici passarono 400 milioni di dollari. Un'altra società a Vienna era capeggiata da Salim Sabić, sarto di Zagabria. Per vent'anni Sabić rimase legato a ricchi musulmani e raccolse denaro per la costruzione di una moschea a Zagabria. Muhamed Čatič è un imprenditore di Zagabria che da molti anni vive negli Emirati Arabi da dove raccoglie denaro in Bahrein, Qatar, Oman, Kuwait ed Iran. 

Oltre a loro, del gruppo “esattori delle tasse”, facevano parte Irfan Ljevaković e Salih effendi Čolaković. Un'altra voce di introiti sono i profughi e la diaspora musulmana (bosniaca). Erano costretti a trasferire ogni anno denaro a Sarajevo. Stando ad alcune fonti, ciò portava annualmente ai leader politici e spirituali musulmani di Sarajevo fino a un miliardo di dollari.

Secondo varie stime, dal 1992 al 1995 la Bosnia ed Erzegovina fu visitata da circa 80 mila volontari da Paesi musulmani (Algeria, Afghanistan, Tunisia, Pakistan, Egitto, Sudan, Yemen e Cecenia).  Mujaheddin mercenari parteciparono personalmente allo sterminio di 72 mila serbi. Persino i musulmani locali rimasero all'inizio inorriditi dalle torture raffinate ad opera dei loro correligionari mercenari, dagli stupri di massa, dai cesti pieni di teste tagliate e dai campi di concentramenmto dove venivano martoriati ed uccisi i serbi.

Secondo i dati provenienti da fonti affidabili (membri ufficiali della missione dell'ONU e dell'OSCE a Sarajevo, rappresentanti dei Servizi Segreti occidentali), finora in Bosnia ed Erzegovina si trovano ancora alcune centianaia di mujahedin. Una parte di loro si legalizzò sposando ragazze locali. Altri hanno ricevuto la cittadinanza come regalo dalle autorità di Sarajevo. Adesso tutti loro sono cittadini legittimi della Bosnia. Tutto ciò avveniva sotto il controllo personale e con il sostegno dell'ex ministro dell'Interno, Bakir Alispahić, oggi grande imprenditore. Lo considerano una persona con un passato oscuro. Prima della guerra si occupò con Nasser Kelimedij di traffico di droga e armi e di speculazioni in lingotti d'oro rubati alla banca centrale.

Attualmente i terroristi di ieri, provenienti da tutto il mondo musulmano, sono “cittadini leali” della Bosnia. Abitano prevalentemente in gruppi in piccoli villaggi di montagna nella Bosnia cenrale. All'inizio della guerra dei Balcani portarono, in Bosnia ed Erzegovina, 30-40 tipi di esplosivi di provenienza sconosciuta. 

Questa gente in qualsiasi momento può ricominciare a compiere atti sovversivi e collocare questi esplosivi nei posti più inaspettati. Possono fornire armi verso qualsiasi parte dell'Europa occidentale. Ancora oggi contralla arsenali di armi in più punti dell'Erzegovina verso il mare. Alla fine degli anni '90 i mujaheddin bosniaci venivano addestrati dall'istruttore americano Kevin Rafael Holt venuto direttamente da Langley-Washington. Holt aveva ottenuto una buona preparazione in Afghanistan e poi aveva migliorato la propria qualifica sovversiva in Pakistan. L'ultima volta è stato visto in Ukraina.

Sunday, April 20

WORSE THAN THIS IT IS IMPOSSIBLE. BOSNIA TODAY.

As if they had woken from a years-long sleep, this February, thousands of citizens of Bosnia and Herzegovina took to the streets to say they had had enough of the country’s incompetent and hypocritical politicians, their corruption and their dubious accumulation of much personal wealth. 

The Molotov cocktails that some of them threw were a strongly worded “message in a bottle” to the political class – a forceful rejection of the prevailing view in Bosnia that politics exists chiefly as money-making business - not as a way to improve ordinary people’s lives. 

Months on, what has really changed? Aside from the resignations of a few cantonal governments - almost irrelevant to the overall situation - none of the protesters’ demands has been met. No major corruption cases have been opened, nor is there any sign of a review of the dodgy privatization processes that destroyed so many companies and left thousands of people jobless.

Nothing much has changed in the way that Bosnia’s politicians use the media, or in the way that they operate in the two entities, which is where the real power and money in Bosnia lie. Started by several hundreds workers of formerly successful, now destroyed, companies in Tuzla, the protests soon attracted thousands of others all over the country.

It seemed as if people had been only waiting for an opportunity to go onto the streets and declare that the authorities were all thieves. But, the expectations of significant change lasted only for a few days. Esad Bajtal, an analyst and professor, recently said in an interview that it was hard to say what concrete changes people had achieved, although they had opened the door to future possibilities. 

“For the first time, citizens came out as citizens, for the first time a rebellion had no national, ethnic or faith-based framework, and for the first time the participants spoke using human rhetoric,” he said. “For now, that would seem to be the only known, tangible gain of those events.” 

Bajtal argued that the protests were entirely justified, as the politicians had not listened to people, even when they held peaceful protests before the February events, when they demonstrated their deep dissatisfaction without resorting to violence.

“It should be determined how and why it came to violence and who needed it, because this was automatically constituted as a basic element in the politicians’ self-defence - which declared the protesters hooligans, ruffians and gangs even drug addicts,” he said.  Adnan Hamidovic Frenkie, a popular hip-hop musician from Tuzla, said that as time goes by, one has to conclude that the people lost this particular battle. 

“From this distance, I don’t think we achieved much,” he said. “With the government – it’s like in a casino – the house wins always at the end of the day.” “We won the first round,” he added, referring to the beginning of the protests, “But then came other [rounds] and now we lost. We have seen that we can do something, but also that nothing can be changed overnight.”

As the protests spread from Tuzla in early February, so did the formation of so-called plenums of citizens, which aimed to bring all people together to voice their common demands for change. With the goal of forcing out the politicians and bringing social and economic issues to the forefront, plenums promised to be places where democracy was practiced first hand. 

With the passage of time, it may become clearer what went wrong with plenums and why they failed to attract those same thousands of protesters. 
Roughly a hundred people were present at the last session of the Sarajevo plenum, and only few hundred took part in the “plenum of all plenums”, which was held in front of the Federation entity government and demanded its resignation. 

While waiting for the Federation government to resign, which is now highly unlikely, or for the formation of new cantonal governments, the interest of citizens in plenums has flagged. There are 15 plenums currently active in different towns in Bosnia’s Federation entity. Thousands of demands have been sent to municipal, cantonal and entity institutions.  

But, with only a small number of supporters and participants, plenums do not look like tools for real change, especially as they now seem focused on the cantonal level of government, which at the end of the day cannot address the years-long problems the whole country suffers from.

“Important changes in this country are possible only as a consequence of constitutional changes at the top, regarding the whole of Bosnia and Herzegovina and the highest state structures,” Bajtal said.  Compared to that, changes at the cantonal level have been compared by some to putting perfume on top of a garbage dump. The first successes, when people bared angry teeth and alarmed the politicians, seemed to push people to do more, but “more” never happened. 

Tuzla Canton is the only one that has moved forward, following the February resignation of the cantonal government. A new “expert” government has been formed there. In some other cantons there have been a few changes, such as abolishing the rights of politicians to continue receiving salaries for a year after their terms end.

While a few dozen determined people still protest every day in Sarajevo and elsewhere, the plenums keep working away, adding to their lists of demands. In Sarajevo Canton, however, there is no sign of a new government that would be in any position to implement them, even if it wanted to. 
One problem with the protest movement is that it lacked a leader and an ideology.

The result was dozens of different demands, ranging from reviews of privatization processes to curbing corruption and enacting constitutional changes, changing the 1995 Dayton Peace Accords. Since many of the demands were so general, many of the politicians did not feel any particular responsibility for dealing with them, but just used them to continue their usual practice of accusing one another. 

“No social movement in European history ever succeeded on the basis of liberal anarchism,” Ivo Komsic, philosophy professor and Mayor of Sarajevo, observed recently. “Such movements fall apart because they cannot systematize all social demands nor can they direct the methods of their activism,” he added. “The current governments will surely draw lessons from this insurgency, but it is just as important that lessons be learned by the citizens as well,” he concluded.

Elvira M. Jukic, Sarajevo Bosnia

Friday, March 7

REPORT: TERRORIST FRONT GROW UP

TERRORIST FRONT AL-NUSRA GROW UP

A Saudi Interior Ministry statement said King Abdullah approved the findings of a committee entrusted with identifying extremist groups referred to in a royal decree earlier last month. The decree punishes those who fight in conflicts outside the kingdom or join extremist groups or support them.

The king's decree followed the kingdom enacting a sweeping new counterterrorism law that targets virtually any criticism of the government. The Muslim Brotherhood has been targeted by many Gulf nations since the July 3 military overthrow of Islamist President Mohammed Morsi in Egypt, himself a Brotherhood member. Saudi Arabia has banned Brotherhood books from the ongoing Riyadh book fair and withdrew its ambassador from Qatar, a Brotherhood supporter, along with Bahrain and the United Arab Emirates.

Today's statement, carried by the official Saudi Press Agency, identified the other terrorist groups named as al-Qaida's branches in Yemen and Iraq, the Syrian al-Nusra Front, Saudi Hezbollah and Yemen's Shiite Hawthis. It said the law would apply to all the groups and organizations identified by the United Nations Security Council or international bodies as terrorists or violent groups. It said the law also would be applied to any Saudi citizen or a foreigner residing in the kingdom for propagating atheism or pledging allegiance to anyone other than the kingdom's leaders.

The counterterrorism law bans meetings of the groups inside or outside of the kingdom and covers comments made online or to media outlets. The unprecedented and harsh prison terms seem aimed at stemming the flow of Saudi fighters going to Syria, Yemen or Iraq. The Syrian civil war is believed to have drawn hundreds of young Saudis, worrying some in the kingdom that fighters could return radicalized and turn their weapons on the monarchy.

Influential Saudi clerics who follow the kingdom's ultraconservative religious Wahhabi doctrine encouraged youths to fight in the war and view it as a struggle between Syria's Sunni majority and President Bashar Assad's Alawite, Shiite-backed minority.

Saudi officials and some clerics have spoken out against young Saudis joining the war. However, the Saudi government backs some rebel opposition groups in Syria with weapons and aid. The new law is also believed to reflect pressure from the U.S., which wants to see Assad's overthrow but is alarmed by the rising influence of hard-line foreign jihadists — many of them linked to al-Qaida — among the rebels. 

U.S. President Barack Obama is scheduled to fly to Saudi Arabia and meet King Abdullah this month.

Meanwhile in Qatar, outspoken Egyptian cleric Youssef el-Qaradawi did not deliver his usual sermon on Friday. The reasons for his absence were not made immediately public. His past sermons, in which he publicly criticized the UAE and other Gulf countries for their support of Egypt's new government in its crackdown on the Brotherhood, led to outrage among Qatar's neighbors who saw the comments as an attack on their sovereignty.

Monday, October 7

BRITISH TERRORIST TRAINING IN SYRIA

British Home Secretary Theresa May has declared that extremists “of a Jihadi mindset” are using the Syrian civil war “as a nurserybefore coming back to Britain as trained terrorists. “What we have seen for some time now is that a number of British people are traveling out to Somalia, and now we’re seeing people travel out to Syria”, she said in an interview. 

She also added that they are getting live training in the Syrian conflict and then coming back to Britain. May warned that UK Security Services Agencies, already consider them to be prospective terrorists.

While such members of the Syrian opposition have previously been called “foreign fighters” Mrs. May said she viewed them as “potential terrorists, some of whom will be of a jihadi mindset”, also said it was right that the Government looks at every possibility of an attack and finds ways to deal with that. “We can never be complacent, we must always look to see if there is something more that we can be doing”.

In March the British Home Office issued its annual report titled “The United Kingdom’s Strategy for Countering Terrorism” which marked a similar terrorist threat. “There are now hundreds of foreign fighters from Europe in Syria. And when UK residents return here there is a risk that they may carry out attacks using the skills that they have developed overseas”, the report highlighted.

In August British Prime Minister David Cameron said he was willing to join a US-led strike on Syria to punish President Bashar Assad for the government’s alleged use of chemical weapons, which then caused great casualties. But the initiative was blocked by the British Parliament, which decided to save more time for a political solution.

Monday, September 30

NAIROBI: LA GENESI DEL TERRORISMO FAI DA TE

L’attacco al centro commerciale Westgate potrebbe dunque essere il primo, tragico, segnale di una nuova architettura jihadista, come farebbero presagire le prime parole del portavoce militare di al-Shabaab Abu Musab: “questo è l’attacco dei Mujaahidiin”.

La contemporanea presenza sul suo territorio di contingenti militari di tutti i paesi confinanti ha trasformato la Somalia nel principale vettore del jihadismo del Corno d’Africa, consegnando ad al-Shabaab un ruolo inedito. Il movimento può da questo punto di vista diventare un “brand” capace di coagulare e ispirare le operazioni di numerosi gruppi jihadisti presenti nella regione, non solo in Kenya. 

Per farlo, ha estremo bisogno di compiere o patrocinare operazioni volte a spaccare i già precari equilibri sociali dei paesi del Corno d’Africa, ovvero di creare un fronte transnazionale e asimmetrico in una regione dove restano molteplici i casi di esclusione dal potere politico e di marginalizzazione sociale che toccano particolarmente le comunità musulmane.

Sta emergendo una nuova generazione del jihadismo somalo, la cui definitiva affermazione è avvenuta attraverso la marginalizzazione della vecchia scuola della militanza islamista, evidenziata dal graduale e radicale mutamento delle strategie di guerriglia, le cui dinamiche fino a pochi anni fa erano pressoché sconosciute nel pur complicato teatro somalo. 

Non va neanche sottovalutato il parallelo riassestamento di al-Shabaab in concomitanza con quello della rete internazionale qaidista a seguito della scomparsa di Osama bin Laden, una storia forse ancor più complessa e nascosta, ma che potrebbe aver avuto importanti ripercussioni sulle strutture dei gruppi jihadisti presenti in Africa sub-sahariana.

Il riassetto delle linee di potere interno ad al-Shabaab, spesso etichettato semplicisticamente come il risultato di una spaccatura tra i muhajiriin e gli al-Ansar (come sono denominati i leader autoctoni del movimento), è in realtà molto più complesso e stratificato. Il 16 marzo 2012 la stampa somala entra in possesso di un videomessaggio di Omar Hammami, in cui il cittadino americano afferma di essere in serio pericolo a causa di alcune divergenze emerse all’interno degli Shabaab. 

Gli uomini di Godane avviano subito un’inchiesta interna, senza tuttavia rilasciare alcuna dichiarazione. Generalmente identificato come il capo dei muhajirun, come sono comunemente denominati i giovani stranieri giunti in Somalia per unirsi alla guerriglia jihadista, il ruolo di Hammami sarebbe stato per molti aspetti sopravvalutato. Molto legato a Sheikh Mukhtar Robow sin dal 2006, quando il cittadino statunitense giunge in Somalia per unirsi alla guerriglia contro gli etiopici, Hammami viene ucciso in un’imboscata il 12 settembre scorso a Dinsoor, nella regione del Bay.

L’eliminazione di Fazul Abdallah Mohammed, considerato l’amministratore dei finanziamenti della rete qaidista diretti ad alcuni campi di addestramento, si accompagna alla graduale emarginazione di personalità come Sheikh Hassan Dahir Aweys e Sheikh Mukhtar Robow, già portavoce del movimento, che vengono allontanati dalle posizioni di potere. 

La decisione viene probabilmente presa ad Afgooye nell’agosto del 2011, alcuni giorni prima del ripiegamento da Mogadiscio. Il vertice di Afgooye segnerà l’inaugurazione di un fronte dissidente, anche se piuttosto debole, in cui sarà coinvolto Omar Shafik Hammami, conosciuto come Abu Mansur al-Amriki, cittadino statunitense di origine siriana.

Il nuovo governo federale somalo, a più di un anno dal suo insediamento, non è sembrato riservare la giusta attenzione nella lotta contro al-Shabaab, almeno nei fatti. Il governo di Mogadiscio è stato a lungo impegnato in un dispendioso e logorante confronto politico sulla gestione delle sue periferie, in cui spicca l’infinita contesa sulla formazione del Jubaland, durata quasi un anno. 

L’amministrazione delle aree più periferiche del paese, liberate dalle milizie di al-Shabaab, ha fatto emergere diverse competizioni territoriali, alle quali Mogadiscio si è limitata a contribuire nominando nuovi governatori ritenuti più vicini al governo federale della capitale. 

La sostituzione a Baidoa di Abdifatah Ibrahim Gessey, ritenuto troppo vicino agli etiopici, con Abdi Aden Hosow e quella del governatore di Beletweyne, Abdifatah Hassan Afrah, da tempo alla guida di sue milizie personali nel contrasto ad al-Shabaab, sono solo alcuni esempi di un problematico riassestamento che non ha mancato di produrre degli effetti destabilizzanti nelle regioni interessate, permettendo alle forze jihadiste di riorganizzarsi e colpire con maggior vigore.