Showing posts with label TURCHIA. Show all posts
Showing posts with label TURCHIA. Show all posts

Sunday, April 15

CHEMICAL ARMS (WEAPONS) THE TRUTH FROM 1918 TO 2018

Edward M. Spiers, professor of strategic studies at Leeds University, in England, explores both the myths and realities of chemical and biological warfare. Organized more or less
chronologically, Spiers recounts the evolution of chemical and biological weapons from the first mass uses of chemical weapons in World War I to the potential of modern biology to transform bioterrorism.

Spiers writes that chemical and biological weapons have probably been around as long as warfare itself. Ancient European, Indian, and Chinese history is replete with the use of poisonous snakes, insects, diseased animals, incendiaries, poison-tipped weapons, and poisoned water supplies in warfare. The first large-scale use of chemical weapons occurred in World War I, when the Germans discharged chlorine gas from cylinders at Ypres, Belgium, in 1915. 

Reported casualties from the gas ranged from 7,000 to 15,000 people, but after the initial surprise, the Allies were able to improvise protective measures. Within five months, the British were able to retaliate at the Battle of Loos, but they suffered 2,000 casualties to their own gas.

The failures of gas to break the enemy’s lines at Ypres, Loos, and other battles contributed to the legacy of gas warfare in World War I as a failure. However, Spiers argues, this legacy was largely shaped by postwar historians, because few participants shared that view. The use of gas actually increased over the course of the war. In addition to consequent casualties, gas negatively affected morale and considerably contributed to psychological and physical stress. Antigas defenses also made warfare more cumbersome, exacerbating logistical and communication challenges.

As evidence of the effectiveness of chemical weapons, real or imagined, Spiers writes that the Allies prohibited Germany from manufacturing and importing asphyxiating or poisonous
gases as part of the Treaty of Versailles that ended the war. Furthermore, in 1925, 44 nations signed the Geneva Protocol, which prohibited the use of chemical and biological weapons by international law and the “conscience and practice of nations.” Nonetheless, during the period between World Wars I and II, Britain considered but, for largely moral and political reasons, did not use chemical weapons in Egypt, Afghanistan, India, and Iraq.

Winston Churchill himself was “strongly in favour of using poisoned gas against uncivilised tribes,” Spiers writes. The eventual use of gas bombs by the Italians in Ethiopia in 1935–36, however, in direct contravention of the Ge ne va Protocol, reawakened Europe to the possibility of gas warfare. In Britain, more than 50 million “antigas” helmets had been distributed by the beginning of World War II. 

INHUMANE

A Kurdish woman carries photos of relatives killed in chemical weapons attacks ordered
Questions of efficacy aside, Spiers writes that a combination of other factors averted the use
of chemical weapons during the Second World War. Because of the industrial and economic
hardships engendered as a result of the First World War, German, French, and British
chemical production capacity was limited. Hitler personally disdained chemical weapons,
which had injured him during World War I

Moreover, early in World War II, Germany did not need to resort to chemical weapons, and the Allies could not risk using them near friendlycivilian populations. Eventually, Germany did test its V1 and V2 rockets with chemical warheads, although the nation was deterred from using them by fear of reprisal against its civilian population. 

By the end of the war, U.S. military-industrial might had produced the world’s largest stock of chemical weapons and the air power to deliver them. However, the development of the atomic bomb, and success on other fronts, made their use unnecessary.

Biological weapons were not used to a significant extent in either the First or Second World
Wars. Nonetheless, as Spiers describes, there were still chilling reminders of the potential
power of even crude biological weapons. After the Japanese surrender in 1945, six Japanese soldiers released hordes of plague-infested rats and 60 horses infected with glanders into the Chinese countryside, leaving Changchun and surrounding environs uninhabitable until the mid-1950s.

Nuclear weapons, of course, came to dominate deterrence strategies during the Cold War.
Nonetheless, the proliferation of a new class of chemical weapons, nerve agents such as
sarin [2-(fluoro-methylphosphoryl)oxypropane], touched off a new chemical arms race, Spiers writes. From 1954 to 1969, the U.S. also manufactured and stockpiled numerous antiplant and antipersonnel biological weapons.

In Vietnam, the U.S. faced criticism, both at home and abroad, for its use of riot-control agents (to clear tunnels, for example), defoliants, and chemical weapons to kill crops and render soils infertile. In 1967 alone, the U.S. defoliated 1.5 million acres of vegetation and destroyed 220,000 acres of crops in Vietnam. In 1969, the Nixon Administration announced the end of the U.S. biological weapons program, in part, Spiers argues, to blunt criticism for its use of herbicides and riot control agents in Vietnam.

In the meantime, Spiers writes, the Soviets were developing the world’s most advanced chemical and biological weapons program.

During the Cold War, Iran and Iraq also waged a devastating war (1980–88) that again witnessed the mass by former Iraqi president Saddam Hussein.

Credit: Newscom use of chemical weapons. The Iraq Survey Group (ISG) later confirmed that the Iraqis had used some 1,800 tons of mustard agent, 140 tons of tabun (ethyl Ndimethyl phosphoramido cyanidate), and 600 tons of sarin. 

Iraq estimated these attacks resulted in more than 30,000 Iranian casualties (compared with the 500,000 to 1 million estimated total Iranian casualties). As Spiers notes, although the number of casualties from chemical weapons may have been small on a relative basis, the psychological impact was significant. Iraq’s ballistic missiles, and the fear of their potential to deliver chemical warheads to Iranian cities, played a role in Iran’s accepting the United Nations-brokered truce in 1988. Iraqi chemical weapons also helped to suppress the internal Kurdish rebellion, killing and injuring thousands of Kurds and leading to the flight of 65,000 others to Turkey in 1988, Spiers writes.

By the 1990 invasion of Kuwait, Iraq had significantly restocked and improved its chemical weapons capabilities. U.S. Central Commander Gen. H. Norman Schwarzkopf originally planned for 10,000 to 20,000 chemical weapons casualties, but Iraq never resorted to chemical weapons. The George H. W. Bush Administration had already decided not to respond with nuclear or chemical weapons if coalition forces were attacked with chemical weapons, but they deliberately conveyed the opposite impression.

Iraqi Ambassador to the U.S. Tariq Aziz later commented that the Iraqis understood that the use of chemical weapons might very well provoke the use of nuclear weapons against Baghdad by the U.S. Although Iraq’s SCUD missile attacks against Israel, Saudi Arabia, and Bahrain inflicted minimal physical damage, the specter of chemical warheads inflicted great psychological damage. Spiers quotes Schwarzkopf: “The biggest concern was a chemical warhead threat. … Each time they launched … the question was, is this going to be a chemical missile. That was what you were concerned about.” 

Their unique ability to engender such fears, of course, is precisely what makes chemical and biological weapons appealing to terrorists. As Spiers astutely notes, “terrorists can choose when, where, and how to attack their targets, they can avoid many of the uncertainties that have bedeviled the military use of chemical and biological weapons. By maximizing the element of surprise, they can attack targets with low or non-existent levels of protection; by careful choice of target environment, especially an enclosed facility, they need not wait upon optimum meteorological conditions; by attacking highly vulnerable areas, they may use a less than optimal mode of delivery; and by making a chemical or biological assault, they may expect to capture media attention and cause widespread panic.”

Although chemical weapons have been used much more frequently, Spiers notes that on a per-mass basis, biological weapons are more lethal than chemical weapons. As advances in production technologies can simultaneously result in increased yields in smaller, harder-todetect facilities, the potential utility of biological weapons to terrorists will become even more significant. 


In the most well-known example of biological terrorism to date, in October 2001, just after the 9/11 attacks, anthrax-tainted letters began appearing in the U.S. Despite fears of another international attack, the strain was identified as having come from a domestic source, the Army research facility at Fort Detrick, Md. Letters were received in Florida, New York, Connecticut, and Washington, D.C., including a Senate office building. As Spiers described it, “massive panic and chaos” erupted, and Congress and the Supreme Court were closed for several days, although only 22 cases of anthrax actually resulted, including just five fatalities.


One of the most sobering developments outlined in the book is the application and
proliferation of emergent molecular biology techniques to the production of biological
weapons. Through the use of genetic engineering, new or modified organisms of greater
virulence, antibiotic resistance, and environmental stability may be produced. 

In one notable example foreshadowing the utility of biotechnology to weapons production, the Soviets developed the host bacterium Yersinia pseudotuberculosis, which through genetic engineering could also produce the myelin toxin. Infected animals developed both the tuberculosis-like symptoms caused by the bacteria and the paralysis induced by the myelin toxin. One former Soviet scientist recalled that after a briefing on the results, “the room was absolutely silent. We all recognized the implications of what the scientists had achieved. A new class of weapon had been found.”

Additional topics in this comprehensive book include the various international attempts at chemical and biological weapons disarmament, deterrence, and nonproliferation, including the 1993 Chemical Weapons Convention; the sarin attacks on the Japanese subways in the mid-1990s; the use of chemical warfare in developing-world conflicts; and the embarrassing failures of American and British intelligence regarding Iraqi chemical weapons that led to the second Gulf War. 

For those of us interested in the potential impacts of chemistry and biology on humankind, Spiers’s book is a thoroughly documented, no-nonsense (often to the point of being dry) review of the malevolent potential of our science.

Read also here
and here
here

Wednesday, July 27

FROM BALKAN WITH BOMBS AND FIRE

FOUR BILLIONS USD OF WEAPONS FLOWING FROM BALKAN TO SYRIA. Jabhat al-Nusra fighters carry assault rifles as they move towards their positions during those last years' offensive. AK47s, machine guns, explosives and more travel along new arms pipeline from Balkans to countries known to supply Syria

Since the escalation of the Syrian conflict in 2012, weapons have been pouring into four countries who supply arms to ongoing conflicts in Syria and Yemen: Saudi Arabia, Jordan, the United Arab Emirates (UAE), and Turkey.

Reporters for the Balkan Investigative Reporting Network (BIRN) and the Organized Crime and Corruption Reporting Project (OCCRP) found that since 2012 exports of weapons and ammunition worth at least 1.2 billion euros have been agreed by Bosnia and Herzegovina, Bulgaria, Croatia, the Czech Republic, Slovakia, Serbia, and Romania [link to regional story].

The bulk of the deals, totalling 829 million euros, were made with Saudi Arabia.

The source countries have granted the arms export licences despite ample evidence that many weapons are ending up in Syria, with armed opposition as well as Islamist groups accused of widespread abuses.

Arms trade and human rights experts said the diversion of these weapons and their use by groups suspected of committing war crimes raised questions about the legality of the trade.

Patrick Wilcken, an arms trade researcher for Amnesty International, believes the evidence uncovered by BIRN and the OCCRP points to the “systematic diversion of weapons to armed groups accused of committing serious human rights violations”.


A flawed system

The global arms trade is regulated by three layers of interconnected legislation -- national, European Union (EU) and international – but there are no formal mechanisms to punish those who break the law.

Beyond the blanket ban on exports to embargoed countries, each licence request is dealt with individually. As a result, the lawfulness of the approval hinges on whether countries have carried out due diligence on a range of issues, including the likelihood of the arms being diverted and the impact the export will have on peace and stability.

Roy Isbister, an expert on arms trade laws with the London-based NGO Saferworld, stresses due diligence entails more than simply ticking off a document checklist.

"Due diligence obliges states to not only collect paperwork, but to assess that paperwork. And, in turn, assessing paperwork is itself only part of a proper export risk assessment,” he said.

“States that rely on end-use certificates and the like as sufficient justification for issuing licences are not meeting their legal obligations.”


Member states of the EU are also governed by the legally-binding 2008 Common Position on arms exports, requiring each country to take into account eight criteria when accessing arms exports licence applications, including whether the country respects international human rights, the preservation of “regional peace, security and stability” and the risk of diversion.

As part of their efforts to join the EU, BiH, Serbia and Montenegro have already accepted the measures and amending their national law.

In May 2013, an EU arms embargo on exports to Syria was lifted, under pressure from the governments of France and the UK, to allow supplies to reach the Syrian opposition. However, all three layers of law remained in force, requiring countries to go beyond just checking the paperwork.

Weapons exports are initially assessed based on an end-user certificate, a key document issued by the government of the importing country which guarantees who will use the weapons and that the arms are not intended for re-export.

Authorities in Central and Eastern Europe told BIRN and the OCCRP that they also inserted a clause which requires the buyer to seek approval if they later want to export the goods.

Beyond these initial checks, countries are required to carry out a range of other risk assessments, although conversations with, and statements from, authorities revealed little evidence of that.

Diversions to Syria

A large number of arms exports to the Middle Easter are being diverted to Syria, according to evidence collected by BIRN and the OCCRP from contracts, UN reports, and social media postings showing Eastern-European-made weapons in heavy use in the conflict [link to regional story].

Reporters for BIRN and the OCCRP obtained Saudi contracts and end-user certificates with Serbian and Slovakian arms brokers detailing requests for vast amounts of old Soviet, Warsaw-Pact and Yugoslav era weaponry.


Article 11 of the ATT covers diversion of weapons from their intended recipient, and requires countries to take a series of measures to prevent this.

Although the Treaty suggests that countries may stop the export based on the risk of diversion, it does not clearly state that they must do so. States that discover their exports have been diverted must take “appropriate measures” according to national and international law, although this is not explained further.

The EU Common Position is clearer, however, and dictates that exporters must assess the “existence of a risk that the military technology or equipment will be diverted within the buyer country or re-exported under undesirable conditions”.

Bodil Valero, a Swedish Green Party Member of the European Parliament who was rapporteur for the last EU arms export report, believes this risk assessment is not being carried our properly. “Countries selling arms to Saudi Arabia or the MENA[Middle East-North Africa] region are not carrying out good risk assessments and, as a result, are in breach of EU and national law,” she explained.

Licensing authorities for Croatia, Slovakia and Montenegro all indicated to BIRN and OCCRP that they rely largely on verifying documents such as end-user certificates when approving an exports.

Only the Czech Foreign Ministry directly addressed the issues of human rights violations and diversion of weapons, pointing out that some licences had been turned down on that basis.
In November 2013, Serbia blocked the export of weapons and ammunition worth 20 million euros to Saudi Arabia amid widespread concerns that it would not be used by that country’s expensively-equipped security forces but would, instead, end up in Syria, according to a confidential report from Serbia's Ministry of Defence obtained by BIRN and the OCCRP.

The documents also reveal fears were raised that Belgrade's path to EU membership could be stymied and its relationship with long-time ally Russia damaged if the deal went ahead.

Yet just over a year later, and after the adoption of the ATT, Serbia approved exports of arms and ammunition worth 135 million euros to Saudi Arabia.

Asked about Serbia’s volte-face on the exports, Stevan Nikcevic, the state secretary at the Ministry of Trade responsible for approving arms export licences, said that the ministries that had blocked the earlier sale “didn’t have the same concerns” now.

The arms export licences to Saudi Arabia were approved because they would have a “positive impact” on the “operation of Serbia’s defence industry”, said the Serbian Ministry of Defence, one of the ministries consulted as part of the licensing process, in a written response to BIRN and the OCCRP.

While economic factors cannot be taken in consideration, Swedish MEP Valero believes they weigh heavily on the decisions made by countries in Central and Eastern Europe.

“They want to have people working in the arms industry with jobs, of course,” she said.

A UN Human Rights report, published in March 2015, also noted that Croatia, despite its international obligations, was showing “a disturbing lack of concern about the re-transfer and end use of weapons to countries including Syria and Iraq.”

Darko Kihalic, the head of the arms licensing department at the Croatian Ministry of the Economy, told BIRN and the OCCRP that there is little more that Croatia can do apart from checking the paperwork.

Saudi Arabia is not a “blacklisted” country, he said, adding: “Are there misuses? There probably are.”

Valero, however, underlined: “In the end it is always the [exporting] government that has responsibility. They take the decision and they have to be accountable for these decisions.”

Trail of atrocities

Under Article 6 of the ATT, the sale of weapons or ammunition is prohibited if the exporter has prior “knowledge” these will be used in war crimes or attacks directed against civilians.

A legal opinion on the sale of UK weapons to Saudi Arabia, prepared by London’s Matrix Chambers in December 2015, looked at what “knowledge” meant in this circumstance. It found that the ATT’s Article 6 would be breached if the exporter “was aware, or should normally have been aware” that they would be used in attacks directed against “civilians/civilian objects or in the commission of war crimes”.

Article 7 requires governments to assess the risk of the arms being used to commit or facilitate a serious breach of international humanitarian law or terrorist act and whether they “would undermine peace and security”.

If, despite mitigating measures, there is an “overriding risk of any of the negative consequences” the sale must be blocked.

While forces loyal to Syrian President Bashar Al-Assad and the Islamic State are acknowledged by groups such as a Human Rights Watch to have committed by far the most widespread atrocities, other moderate and Islamist opposition groups supported by the US and Gulf states have also been the subject of serious allegations, including claims of perpetrating war crimes.

Saudi Arabia-backed Jaysh Al-Islam, a powerful Islamist group, is alleged to have carried out executions, chemical weapon attacks and to have used caged prisoners as human shields, according to credible press reports and cases documented by Human Rights Watch

In May 2016, Amnesty International accused Fatah Halab, an alliance of fighters in Aleppo including western-backed moderates and Saudi-supported Islamists that recently received Serbian heavy machine guns, of "repeated indiscriminate attacks that may amount to war crimes” against a Kurdish neighbourhood.

Magdalena Mughrabi, of Amnesty International’s Middle East and North Africa programme, called on Turkey, the Gulf states and “other backers” to halt weapons transfers to rebels.

Moderate forces under the Free Syrian Army (FSA) umbrella, which have received military equipment from the US, have been implicated in human rights abuses, including shelling civilian areas and targeting civilian offices with a Yugoslav M79 rocket-launcher, according to Human Rights Watch.The targeting civilian areas and property are both reasons to block an arms export deal under Article 6 of the ATT.

This type of weapon was part of a batch of arms transported to Jordan in 2012 and 2013 and later transferred to Syria.

“I don't think anyone is fighting clean in Syria at the moment,” said Hadeel Al-Shalchi, a researcher and expert on the Syrian conflict at Human Rights Watch.

“On the government side [there are] airstrikes on hospitals, on marketplaces, on large civilian infrastructure areas. And from the armed opposition groups, what they do is fire mortars, locally made rockets, artillery ... into environments like Aleppo city.”

Amnesty’s Mughrabi added: “The international community must not turn a blind eye to the mounting evidence of war crimes by armed opposition groups in Syria. The fact that the scale of war crimes by government forces is far greater is no excuse for tolerating serious violations by the opposition.”

Way forward

While no formal sanctions mechanism exists to punish countries that flout their international obligations, Valero argues that non-governmental organisations and individuals can take legal action against governments if they believe that arms export laws are being broken.

In England, the Campaign Against Arms Trade has launched a judicial review against the British government for its continued exports to Saudi Arabia.

It alleges that the UK’s Department of Business, Innovation and Skills broke national, EU and ATT arms export laws as there is a clear risk these arms could be used by Saudi forces in Yemen in breach of international humanitarian law.

The British government argues that its weapons exports system is among the most robust in the world. The case is ongoing.

MEP Valero said that if action in national courts fails, other options exist.

“I think these [Central and Eastern European] countries could be taken to the European Court of Justice,” she said.

In March of this year, the Netherlands became the first EU country to stop arms exports to Saudi Arabia, citing mass executions and civilian deaths in Yemen.

Friday, August 14

RECEP TAYYIP ERDOGAN: FALCO, SERPENTE O COLOMBA?

Abdullah Oçalan ha preso una netta (e clamorosa) distanza dal suo Pkk, impegnato in una offensiva di attentati contro la Turchia, che ha di fatto sconfessata. Ha rinsaldato il suo asse con i curdi iracheni e ha rilanciato la sua proposta di pacificazione al presidente turco Erdogan

Il tutto, secondo gli abituali moduli criptici del linguaggio e della tecnica politica anatolica. 

Prigioniero a vita nel carcere dell’isola di Imrali, una sorta di Alcatraz nel Bosforo, Oçalan, col sicuro assenso dei Servizi segreti turchi, ha inviato giorni fa il suo fidatissimo plenipotenziario Amin Penjweni a Erbil per concordare col premier curdo Nechirvan Barzani una linea comune a fronte di un Pkk che palesemente non ne riconosce più la leadership ed è sotto il comando settario e avventurista di Fehman Huseyin

Le dichiarazioni rese alla stampa dal premier curdo iracheno (ovviamente il fiduciario di Oçalan non ha parlato) danno il senso della manovra in atto e sono di fatto di condanna netta dell’offensiva del Pkk, sino al punto che Barzani, presidente del Kurdistan, non ha condannato affatto i bombardamenti aerei turchi dei santuari del Pkk (che pure colpiscono il suo Kurdistan), ma si è limitato a deprecare le uccisioni dei civili curdi. 

Non solo, Barzani ha nettamente attribuito al solo Pkk la responsabilità della fine della tregua e quindi la colpa della ripresa della guerra con la Turchia: “Purtroppo, i bombardamenti turchi sono conseguenza della decisione provocatoria del presidente della Comunità del Kurdistan (KCK, l’organo amministrativo creato dal Pkk) di dichiarare terminato il processo di cessate il fuoco e di pace tra la Turchia e il PKK”. Il tutto in un contesto e in una successione dei fatti inequivocabili. 

La dichiarazione di ripresa unilaterale delle ostilità contro la Turchia è infatti avvenuta dopo che il Pkk ha incredibilmente attribuito al governo di Ankara la responsabilità dell’attentato di Suruç (32 giovani volontari curdo turchi dilaniati) messo in atto da un kamikaze dello Stato islamico e invece di menare un’offensiva contro lo Stato islamico in Siria, ha iniziato a uccidere poliziotti e soldati turchi

Una strategia avventurista frontalmente criticata nei giorni scorsi da Masud Barzani. 

Nechirvan Barzani ha poi duramente condannato ancora una volta il demenziale attentato del Pkk contro l’oleodotto che trasporta il petrolio di Kirkuk in Turchia. 

Attentato sul suolo del Kurdistan iracheno che colpisce gravemente le risorse economiche del Kurdistan iracheno, unico presidio affidabile contro lo Stato islamico.

Episodio del tutto marginale, ma che rispecchia bene l’avventurismo di matrice marxista leninista del Pkk, che considera come avversari anche i curdi iracheni, e che si è impiantato con le sue basi militari sui monti Qandil. 

I quali tentano di allargarsi anche in altre zone, tanto da aver spinto il governo del Kurdistan iracheno a costruire un lungo muro (ufficialmente destinato a bloccare i contrabbandieri) per isolare questa turbolenta enclave. 

Questa netta presa di distanza di Barzani, chiaramente concordata con l’emissario di Oçalan, mira a un obiettivo evidente enucleato dal premier curdo iracheno: “Riprendere gli sforzi in modo che entrambe le parti tornino al tavolo dei negoziati e riprendano il processo di pace, da dove è stato interrotto. Faremo di tutto per fermare la guerra tra Turchia e Pkk”. 

Dunque, le analisi che provengono dal governo curdo, che rappresenta l’unico presidio democratico e affidabile della Mesopotamia, nonché unico bastione contro lo Stato islamico, smentiscono e addirittura ribaltano la versione che impera sui media occidentali politically correct, che attribuiscono la responsabilità della ripresa di questa sanguinaria guerra al “perfido” Tayyp Erdogan.  

Naturalmente, e non per la prima volta, l’avventurismo militarista del Pkk, da cui da anni ha preso nette distanze lo stesso Oçalan, non è affatto sgradito al presidente turco

Una guerra a bassa intensità contro il Pkk gli torna oggi estremamente utile per tentare una coalizione col reazionario e iper nazionalista Mhp e soprattutto col laico Chp (che ha sempre avversato per un dogmatico kemalismo la road map di pacificazione col Pkk, fortemente voluta sino a tre settimane fa da Erdogan). 

Ma gli torna ancor più utile nel caso che questa coalizione non si faccia e che quindi la Turchia torni alle urne a settembre

Presentarsi all’elettorato col paese in guerra contro il Pkk e scosso dagli attentati è indubbiamente uno scenario gradito nel faraonico palazzo presidenziale di Ankara. 

Anche perché Erdogan ha appena avuto la riprova che Oçalan – e soprattutto il governo del Kurdistan iracheno – sono di fatto più vicini alle sue posizioni che a quelle dei dirigenti avventuristi del Pkk.

Il furbo Recep Tayyip Erdoğan sa bene che Oçalan e il Kurdistan iracheno non c’entrano niente con il Pkk. E voi?

Friday, July 31

RECEP TAYYP ERDOGAN "SUPERSTAR" CONTRO TUTTI

Per la Turchia e il suo leader Recep Tayyip Erdoğan questi non sono certo i tempi migliori. Il risultato delle ultime elezioni, che sarebbe stato considerato gratificante da qualunque partito in ogni altro Paese democratico, per l'AKP è stato una sconfitta.

Avendo perso il 50% dei voti e dei seggi, il disegno di modificare la Costituzione in senso ancora più pesantemente presidenzialista si è allontanato e un nuovo Governo è diventato possibile solo grazie a una coalizione.  

Purtroppo, o per fortuna, nessuno degli altri tre partiti che hanno ottenuto deputati ne ha l'interesse, salvo che l'AKP non cambi formalmente e totalmente la politica attuata fino ad oggi.

I nazionalisti potrebbero accettare un governo con il Partito della Giustizia solo se quest'ultimo facesse marcia indietro anche sulle piccole aperture finora attuate verso i curdi; il partito curdo, invece, ha svolto tutta la campagna elettorale giurando che mai si sarebbe alleato con Recep Tayyip Erdoğan  e il partito repubblicano, Kemalista e laico, imporrebbe una totale inversione di rotta rispetto all'evidente confessionalismo islamico messo in pratica nella società turca dal partito di maggioranza. 

A dir la verità, Erdogan preferirebbe di gran lunga nuove elezioni piuttosto di un'alleanza, altresì debole, con chi significherebbe un condizionamento del suo potere e, anche con quest'obiettivo e nonostante il finto impegno di Davotoglu nel cercare le basi di un accordo, ha ripreso i bombardamenti sul PKK sperando così di attirare qualche voto utile dagli elettori nazionalisti. 

I problemi di Ankara però non finiscono nella politica interna. Se pensiamo alla politica estera basata sull'assunto "nessun problema con i Paesi vicini", vediamo ogni giorno il suo totale fallimento: la rivalità con l'Iran, pur sempre non dichiarata, si è accentuata dopo la firma dell'accordo di Teheran con gli USA, in Siria c'è una guerra civile che fino a ieri li vedeva solo parzialmente coinvolti mentre oggi è divenuta manifesta. 

E anche a ovest i problemi finanziari greci e l'accenno di ri-avvicinamento tra Atene e Mosca non può essere sottovalutato. A nord, infine, il mar Nero e il Caucaso sono tornati a essere potenziali d'instabilità e l'incertezza turca verso il progetto Turkish Stream con le relative e contrarie pressioni americane ne è una dimostrazione.

In realtà, la diplomazia turca in tutti questi anni è sempre stata condotta in modo confusionario e contradditorio. E' oramai indubbio che gli aiuti dati alle forze anti-Assad in Siria siano stati dispensati (fino ad oggi) anche verso lo Stato Islamico. 

Quest'ultimo ha sempre potuto contare sul territorio confinante come canale di collegamento per petrolio e armi con il resto del mondo e i suoi militanti feriti sono stati continuamente, anche se discretamente, curati negli ospedali turchi.

Perfino oggi, quando l'accordo USA — Iran ha obbligato Ankara a riprendere un atteggiamento collaborativo con Washington consentendo agli americani l'uso della base aerea di Incirlik le nebbie non si sono del tutto dissolte. 

La necessità di dimostrare buona volontà ha obbligato le Forze Armate turche a bombardare i guerriglieri dello Stato Islamico e rompere quindi il tacito accordo lungamente mantenuto con loro.  

Contemporaneamente, ha arrestato sia islamisti sia curdi presenti sul proprio territorio e ha ripreso i bombardamenti contro i guerriglieri del PKK rifugiati sulle montagne nord irachene. Oltre a ciò, l'artiglieria turca ha anche cercato di approfittare della guerra contro il "terrorismo" per colpire le forze curdo- siriane del YPG, salvo poi, inutilmente, smentire di averlo fatto.

E qui la situazione si complica perché se è vero che il PKK è tuttora giudicato anche dagli americani come forza terrorista, l'YPG viene considerato un gruppo alleato nella lotta contro gli integralisti islamici (si ricordi il caso di Kobane). 

Anche se ufficialmente distinte, queste due entità curde sono strettamente legate tra loro e il gruppo siriano, dopo il bombardamento turco, è perfino arrivato a ventilare l'ipotesi di passare totalmente dalla parte di Damasco. 

E' difficile immaginare, anche se non impossibile, che gli USA abbiano acconsentito a bombardamenti in territorio siriano che non fossero diretti esclusivamente contro le forze dell'ISIS. 

In questo quadro incerto, chi, silenziosamente, potrebbe invece godere della nuova svolta turca in Siria è il PDK di Barzani, nel Kurdistan iracheno.

Nonostante la necessaria retorica continui a sventolare la "solidarietà curda", i Barzani non hanno mai avuto buone relazioni con il PKK (a differenza degli alleati-rivali dell'UPK) e a loro è sempre stato chiaro che una regione curda siriana, tanto peggio se amministrativamente autonoma o indipendente, è una pericolosa concorrente per la leadership sul popolo curdo nel suo insieme. 

E' anche per questi motivi che Erbil, nonostante le incursioni dell'aviazione turca sul proprio territorio alla ricerca dei guerriglieri del PKK, finge di non vedere, né sapere, dell'evidente violazione dei confini.

Ecco, almeno per ora e in conclusione, possiamo affermare che gli unici vicini che continuano a vedere Erdogan come un utile e importante alleato sono proprio i curdi iracheni. Sono solo loro che ne hanno bisogno, sia per il transito delle proprie merci e del petrolio verso il mare aperto, sia per giocare di sponda nel crescente antagonismo con Baghdad. 

Tuesday, May 26

IL PROGETTO PERICOLOSO DELLA TURCHIA

Perché il Califfato sta vincendo in Siria ed Iraq? Per tre motivi convergenti:

Primo: il nemico contro cui lo Stato Islamico si batte sono gli eserciti governativi di questi due Paesi ed entrambi sono in pessime condizioni. 

Secondo: fra le tribù sunnite il sostegno per lo IS è in crescita perché la diffusa percezione è che sia l’unica loro difesa dalle potenti milizie sciite sostenute dall’Iran. 

Terzo: la motivazione dei jihadisti sunniti è molto alta, vanno incontro al fuoco senza paura di morire perché imbevuti di un’ideologia che santifica il martirio. 

Oltre 6000 raid aerei, in gran parte compiuti dagli Stati Uniti, hanno distrutto centinaia di mezzi militari, edifici ed accampamenti ma sono in difficoltà nell’identificare le cellule di IS perché si muovono in piccoli gruppi che ai satelliti appaiono come civili, a piedi, in auto o sui cammelli. 

Lo Stato Islamico apre le ostilità contro l’Arabia Saudita con un attacco kamikaze in una moschea del Qatif. Il bilancio di almeno 10 morti e 70 feriti nella «Imam Ali» del villaggio di Qadih, in una regione sciita, è rivendicato dai «Soldati del Califfato» con un comunicato sul web nel quale si preannunciano «giorni bui» per la minoranza sciita nel regno wahabita.

L’identificazione del kamikaze in Abu Amer al-Najdi, cittadino saudita, è un messaggio a Riad: fra gli oltre duemila volontari sauditi nei ranghi di IS molti «sono pronti al martirio». 

Nello scorso novembre era stato il Califfo, Abu Bakr al-Baghdadi, a chiedere ai seguaci di «colpire i Saloul», adoperando un termine dispregiativo per indicare nei sauditi la «testa del serpente e la roccaforte del male » da far «esplodere con un vulcano della Jihad». 

Riad aveva preso sul serio le minacce, iniziando a costruire un vallo difensivo lungo i circa 1000 km di confine con l’Iraq, ma Isis riesce ora per la prima volta a colpire beffando la sicurezza saudita e rafforzando la proiezione di una potenza accresciuta in Medio Oriente. 

Nell’ultima settimana la conquista di Palmira ha portato il Califfato a controllare oltre il 50 per cento del territorio siriano - secondo un calcolo dell’Osservatorio sui diritti umani a Londra - e a minacciare tanto Damasco, come anche Baghdad dopo la presa di Ramadi. 

A conferma del consolidamento c’è il successo di al-Tanf, ultimo posto di frontiera Siria-Iraq ancora in mano al regime di Assad. 

Ciò significa che le milizie del Califfato potranno muoversi con più facilità fra Siria e Iraq, potendo accrescere il controllo sulle tribù locali

Ciò che accomuna i successi del Califfo è il messaggio di morte agli sciiti e ciò si ritrova nell’attentato nel Qatif, lasciando intendere di voler indebolire la credibilità del re Salman e del principe ereditario Bin Nayef, ex ministro degli Interni fautore della repressione contro i terroristi interni.

Sono questi sviluppi che spingono il triste ministro degli Esteri italiano, Paolo Gentiloni, a sfruttare il summit UE di Riga per dire che «il governo è preoccupato non solo per quello che succede in Siria ma anche per la forse ancor più minacciosa situazione in Iraq». 

«A Parigi ci sarà la riunione del gruppo di testa della coalizione anti-Daesh - termina Gentiloni, riferendosi a IS – e sarà fondamentale una verifica della strategia seguita finora». Amen.

In alcuni casi IS è stata abile a proteggere gli spostamenti facendosi schermo con le tempeste di sabbia. Ma ciò che più conta è che nelle battaglie di terra, in zone urbane come Ramadi o Palmira, gli aerei possono poco se non sostengono truppe ben addestrate

A Kobane, in Siria, IS è stato sconfitto perché i raid alleati erano coordinati sul terreno con i peshmerga del Kurdistan

«Daesh», acronimo arabo per IS, si autoalimenta con l’ideologia jihadista. Non è un’organizzazione terroristica classica, con gerarchie e catene di comando, bensì un gruppo di persone convinte nella necessità di usare la violenza più efferata sul prossimo per realizzare un’unica Jihadland, dal Pakistan al Marocco. 

Uccidere i leader serve a poco: ne emergono subito altri. A ben vedere anche il Califfo Abu Bakr al-Baghdadi non ha il carisma di Bin Laden o al- Zawahiri, i leader di Al Qaeda. La forza sta nell’ideologia, capace di riprodursi ovunque.

L’occupazione della «Sala Ouagadougou» di Sirte, dove Muammar Gheddafi ospitava i leader africani, dà la misura del rafforzamento di IS in Libia. Se Derna è la roccaforte in Cirenaica e Bengasi è la città dove i jihadisti si muovono più facilmente, l’insediamento a Sirte svela un rafforzamento sul territorio confermato dal controllo di almeno una ventina di pozzi di greggio da cui IS ottiene circa 200mila barili al giorno

E’ l’afflusso di volontari da Tunisia, Egitto, Yemen e Sudan a rafforzare le cellule locali che hanno trovato in Libia una situazione favorevole per espandersi perché i due governi rivali, a Tobruk e Tripoli, creano una situazione di guerra civile endemica assai simile a quella siriana

La battaglia di Qalamun, iniziata il 6 maggio, continua perché IS vuole sconfinare nella Valle della Bekaa per colpire le roccaforti Hezbollah, che alimentano il regime di Assad, spingendo i sunniti alla rivolta. Poi la Giordania, che oramai ha due confini con il Califfato, a Nord ed Est. E l’Arabia Saudita, come testimonia l’attentato di ieri alla moschea sciita di Qatif. 

Ma l’obiettivo più ambizioso è in Afghanistan-Pakistan con il gruppo «Khosaran», i taleban che hanno abbandonato il Mullah Omar per seguire il Califfo nella guerra genocida agli sciiti

USA ed europei temono di impantanarsi, i Paesi arabi vedono il rischio di un effetto-boomerang ai loro danni e la Turchia, che dispone di un esercito formidabile, ha come priorità la caduta del regime di Bashar Assad, non la sconfitta del Califfo

Nelle capitali del Medio Oriente è il tema più discusso: chi "alimenta" l'IS?. I sospettati sono numerosi ma ciò che colpisce è come il più citato sia la Turchia di Erdogan. Perché è attraverso il suo territorio che IS riceve volontari e armi d'ogni genere al quale poi vende illegalmente il greggio

Nonostante le proteste internazionali , Ankara se ne strafotte.

Wednesday, April 15

GENOCIDIO IN ARMENIA. MA QUALE "MASSACRO"!!!

Il prossimo 23 aprile, la chiesa armeno-ortodossa proclamerà nuovi santi. Lo ha annunciato pochi giorni fa, con una lettera enciclica, il patriarca Karekine II, che ha così aperto ufficialmente le celebrazioni per i cento anni dal “Metz Yeghérn”, il Grande Male, termine con il quale è ricordata la strage degli armeni in Turchia avvenuta negli anni del primo conflitto mondiale. 

I nuovi santi – santi e martiri, ai quali sarà dedicata una Giornata della memoria il 24 aprile – sono tutti coloro che trovarono la morte in quell’immane operazione di pulizia etnico-religiosa che avrebbe ispirato all’avvocato russo-polacco Raphael Lemkin il termine inedito di “genocidio”. 

Lemkin, ebreo fuggito in Svezia nel 1939 dopo l’invasione nazista della Polonia, lo coniò proprio per descrivere lo sterminio degli armeni, alla ricostruzione del quale si era a lungo dedicato. Non poteva sapere che quella triste parola sarebbe stata poi per sempre associata al destino di sei milioni di ebrei nell’Europa del Novecento.

Nella nuova edizione del libro intitolato “Il genocidio degli armeni” (il Mulino) lo storico Marcello Flores si chiede se l’assassinio del giornalista turco di origine armena Hrant Dink, nel 2007, sarà davvero ricordato come “l’ultimo  terribile colpo di coda della violenza nazionalista turca”, e parla dei passi avanti, nel riconoscimento del genocidio, fatti da vasti settori della società turca negli ultimi anni. 

A quella nuova consapevolezza, forse, si devono le caute condoglianze che lo scorso anno il presidente turco Erdogan aveva rivolto all’Armenia nella ricorrenza del 24 aprile. 

Ma continua a non esserci il minimo riconoscimento della volontà di sterminio e di pulizia etnico-religiosa che animava i governanti ottomani e i Giovani turchi nei confronti dei sudditi armeni (cristiani) dell’Impero.

Negli ultimi giorni, c’è stata la dura replica di Ankara alle parole di Papa Francesco sul genocidio degli armeni, “il primo del Ventesimo secolo”; prima ancora, Erdogan aveva deciso di commemorare a modo suo il 24 aprile. 

Per quella data, il presidente armeno Serzh Sarksyan ha da tempo invitato a Erevan tutti i leader del mondo (Erdogan compreso) per la celebrazione solenne del centenario del genocidio. 

Il presidente turco ha allora replicato fissando per lo stesso giorno la commemorazione della battaglia di Gallipoli del 1915 (quando gli ottomani fermarono l’esercito Alleato) mai in precedenza celebrata il 24 aprile. 

Difficile immaginare qualcosa di più pretestuoso (Erdogan ha invitato anche il presidente armeno, che ha parlato di “gesto cinico” e di “sabotaggio del centenario del genocidio”). E anche di più scivoloso, per  capi di stato e di governo che dovranno scegliere dove presenziare. 

Se il russo Putin e il francese Hollande hanno confermato la loro presenza a Erevan, il premier inglese Cameron ha spiegato che “pur comprendendo la grande importanza del centenario” il 24 sarà in Turchia. E l’Italia? 

A giudicare dalle dichiarazioni del sottosegretario agli Esteri Sandro Gozi (“non è compito dei governi decidere cosa sia successo cento anni fa, spetta agli storici”) e soprattutto da un episodio raccontato ieri dall’Huffington Post, siamo ben lontani dalle parole di Papa Francesco: per accordare il patrocinio a una rassegna dedicata a fine marzo al popolo armeno a cent’anni dagli avvenimenti del 1915, il ministero dei Beni culturali ha voluto che fosse cancellata la parola “genocidio” dal titolo dell’iniziativa. 

E’ così che “Armenia, a cento anni dal genocidio” è diventato “Armenia: metamorfosi tra memoria e identità”. 

E pensare che il termine “genocidio” fu coniato nel 1939 da un avvocato ebreo, il russo-polacco Raphael Lemkin, proprio per descrivere lo sterminio degli armeni.

“Il centenario del Genocidio degli armeni è davanti a noi, e le nostre anime risuonano di una potente richiesta di verità e giustizia che non sarà messa a tacere”, scrive il patriarca Karekine II (la traduzione integrale della sua lettera è sul sito Asianews). Il riferimento è all’attuale governo turco che, in linea con tutti quelli che lo hanno preceduto, non accetta di riconoscere né l’entità né la premeditazione del Grande Male. 

Di conseguenza, non ha mai accettato e non accetta di chiamarlo “genocidio” e nemmeno “strage” degli armeni. Eppure, è difficile negare che almeno su una cosa – la volontà di far fuori la componente armena in Turchia, circa due milioni di persone – ci fu piena continuità e sintonia tra il morente impero ottomano, il movimento dei Giovani Turchi e la nuova nazione laica e modernizzante di Kemal Atatürk, da cui ha origine la Turchia contemporanea. 

Cristiani in terra musulmana, in genere istruiti, donne comprese, intraprendenti e ben radicati nelle professioni e nel commercio, gli armeni non erano certo nuovi alle persecuzioni, visto che già dal 1894 al 1896 il sultano Abdul Hamid II aveva condotto una dura campagna di repressione contro di loro, per soffocarne ogni remota velleità autonomista. 

Ma il Grande Male vero e proprio esplose con la deportazione e l’eliminazione violenta della minoranza armena nel corso della Prima guerra mondiale, ed ebbe il suo culmine quando il controllo del governo della Sublime porta passò nelle mani dei Giovani Turchi.

Laici, modernisti e fieramente nazionalisti, i Giovani Turchi non ci avrebbero messo molto a deludere tutti coloro che speravano in una nuova èra di libertà e tolleranza per le minoranze dell’impero. Per loro la priorità rimase, insieme con la modernizzazione economica e sociale, l’uniformizzazione del paese su base etnica e religiosa, secondo quell’ideologia panturanica che attribuiva alla nazione turca confini ben più vasti di quelli anatolici (il massimo teorico del movimento panturanico moderno, l’ungherese Arminius Vámbéry, sosteneva che “i popoli turchi avrebbero avuto diritto di formare una grande entità politica compresa tra i monti Altai e il Bosforo”). 

Già dal gennaio 1913, un triumvirato di Giovani Turchi formato da Enver Pascià, Taalat Pascià e Ahmed Jemal aveva cominciato a pianificare nei dettagli la persecuzione delle minoranze dell’impero, prima tra tutte quella armena. 

Dal 1914, con l’entrata in guerra della Turchia a fianco degli Imperi centrali, ci fu un’accelerazione. “Tra l’aprile e il maggio 1915 – spiega Alberto Rosselli, autore del libro ‘L’olocausto armeno’, di cui a fine gennaio uscirà per Mattioli 1885 una quarta edizione ampliata – i turchi concentrarono i loro sforzi nell’eliminazione dell’élite economico-culturale e dei militari armeni. E il 24 aprile 1915, a Costantinopoli, circa cinquecento esponenti di quell’élite furono incarcerati e uccisi”.

In quella che sarebbe diventata la data simbolo del genocidio fu dato inizio a un massacro indiscriminato. Tra il maggio e il luglio del 1915, gli ottomani, spalleggiati da bande curde e formate da ex detenuti, batterono le province di Erzerum, Bitlis, Van, Diyarbakir, Trebisonda, Sivas e Kharput, allo scopo di distruggere e disperdere le comunità armene

Annunciata da un ordine di deportazione che non era altro che una condanna a morte differita, la pulizia etnica non risparmiò donne, vecchi, bambini, sacerdoti. “Non sia usata pietà per nessuno, tanto meno per le donne, i bambini, gli invalidi… ”, si raccomanderà il ministro Taalat Pascià in un dispaccio al governatore turco di Aleppo, il 15 settembre 1915. 

Corollari delle deportazioni furono la distruzione sistematica di chiese, monasteri e scuole e la confisca di tutti gli averi delle comunità, considerati senza ombra di ironia “beni abbandonati” da coloro che erano stati uccisi o strappati con le armi alle loro terre (il diplomatico tedesco Max Erwin von Scheubner-Richter calcolò all’epoca che “i profitti derivati all’oligarchia dei Giovani Turchi e ai suoi lacchè dai beni rapinati agli armeni arrivarono a toccare la cifra astronomica di un miliardo di marchi”).

Di uno di quegli episodi di persecuzione – uno dei pochi in cui ci fu un atto di disobbedienza da parte armena – parlò lo scrittore ebreo praghese Franz Werfel nel romanzo “I quaranta giorni del Mussa Dagh” (Corbaccio). 

Fu pubblicato nel 1933, dopo essere stato concepito sull’onda della compassione provata da Werfel a Damasco, nel 1929, di fronte a ragazzini armeni “profughi, mutilati e affamati, che lavoravano in una fabbrica di tappeti”: quella visione lo aveva convinto che fosse necessario “strappare dalla tomba del passato l’inconcepibile destino del popolo armeno”. 

Le deportazioni di massa erano organizzate come viaggi verso il nulla, la cui meta finale non poteva che essere la morte. Quei pochi governatori turchi che tentarono di eludere gli ordini in arrivo da Costantinopoli pagarono con la destituzione

Nel luglio 1915, il governatore di Ankara, che si era opposto allo sterminio indiscriminato, fu rapidamente sostituito da un funzionario più sollecito, che seppe meritarsi pienamente la carica quando, nell’estate di quello stesso anno, nella città di Siirt fece uccidere più di diecimila cristiani, tra armeni, nestoriani e greci del Ponto.

Ma la soluzione del “problema armeno” procedeva ancora troppo a rilento, a giudizio del governo turco, rispetto ai piani iniziali. “Il numero settimanale dei morti non è ancora da considerarsi soddisfacente”, si lamentava in una relazione, nel gennaio del 1916, il notabile Abdullahad Nouri Bey. 

Per questo, spiega ancora Rosselli in un articolo sull’ultimo numero del trimestrale Storia Verità, in quell’anno “Enver Pascià, Taalat Pascià e Ahmed Jemal ordinarono a governatori e capi di polizia di ‘eliminare con le armi, ma se possibile con mezzi più economici, tutti i sopravvissuti dei campi siriani e anatolici’”.

Nel 1918, alla fine della guerra, quando la Turchia dovette capitolare, i dirigenti del partito dei Giovani Turchi furono arrestati dagli inglesi. Un processo-farsa a loro carico fu poi tenuto l’anno successivo a Costantinopoli, con la supervisione del nuovo premier turco, Damad Ferid Pascià, che pure alla Conferenza di pace di Parigi, nel 1920, aveva dovuto riconoscere i crimini perpetrati ai danni degli armeni (fu, di fatto, l’unica volta che un’ammissione del genere arrivò dalle autorità turche). 

Le condanne – alcune mai scontate, perché i capi dei Giovani Turchi avevano in gran parte trovato riparo all’estero – furono rapidamente archiviate e alcune perfino cancellate.

Come aveva intuito anche Werfel, sul popolo armeno fu sperimentata, per la prima volta nel Novecento, un’efficienza del tutto moderna, di tipo “industriale”, nell’organizzazione dello sterminio. Sul tema, un importante lavoro pubblicato in Italia è quello di Marcello Flores, “Il genocidio degli armeni”, uscito nel 2006 per il Mulino, nel quale l’autore conclude che “il genocidio degli armeni è ormai entrato a pieno titolo nella storia del Novecento”. 

Flores fa parte, con Rosselli, del gruppo di studiosi – gli altri sono Martina Corgnati, che è anche coordinatrice del progetto, David Meghnagi, Patrizia Violi, Emanuele Aliprandi, Ugo Volli, Matteo Miele, Manuela Fraire, Federica Mormando, Peppino Ortoleva – che pubblicherà, nel marzo di quest’anno, “Il genocidio infinito” (Guerini), dedicato al centenario della strage degli armeni.

Per la Turchia contemporanea come per quella kemalista, lo sterminio degli armeni fu qualcosa di fatalmente legato alle turbolenze politiche di un periodo massimamente cruento della storia. La versione turca sostiene che i massacri ai danni di quella minoranza nacquero dalla necessità di reprimere moti indipendentisti, e che la cifra dei morti non superò le trecentomila persone, contro il milione e mezzo denunciato da chi parla di genocidio. 

Chi osi associare questa parola a ciò che accadde agli armeni tra il 1915 e il 1916 rischia tuttora, in Turchia, da sei mesi a due anni di prigione, in nome dell’articolo 301 del codice penale che prevede il reato di “vilipendio dell’identità nazionale”. Una legge alacremente applicata, che non ha risparmiato Orhan Pamuk, lo scrittore turco vincitore del Nobel per la Letteratura nel 2006, tuttora sotto processo per aver parlato nel corso di un’intervista a un giornale svizzero dello sterminio degli armeni

Ma soprattutto va ricordato Hrant Dink, il giornalista turco di origine armena assassinato nel gennaio del 2007, dopo che nel 2005 era stato condannato a sei mesi di galera per i suoi articoli dedicati alla memoria del Grande Male.

A questo centenario del genocidio si arriva con una ventina i paesi che lo riconoscono esplicitamente. In Francia, paese con una consistente quota di discendenti dei sopravvissuti al Metz Yeghérn, nel 2012 è stata bocciata come incostituzionale, in quanto lesiva della libertà di espressione, una legge votata dall’Assemblea nazionale che stabiliva, per chi negasse il genocidio, ammende fino a 45.000 euro e un anno di detenzione

Il cantante Charles Aznavour (probabilmente l’armeno più famoso di Francia), tre anni fa fece sensazione con la sua polemica proposta di rinunciare a quella parola indigeribile da parte turca, capace da sola, con il suo potere evocativo, di impedire qualsiasi possibilità di rapporto tra Turchia e Repubblica di Armenia, lo stato indipendente sorto nel 1991 dopo la dissoluzione dell’URSS. Poteva bastare, disse, una chiara ammissione di responsabilità: “Hanno ucciso e volevano uccidere. 

Questo è l’importante”, disse il cantante nel corso di un’intervista televisiva, nella quale spiegava il suo timore di vedere la giovane nazione armena ogni giorno più svuotata, impoverita, assediata dalle nuove ambizioni kemaliste del presidente turco Erdogan: “Tutto questo mi preoccupa molto. Nel frattempo rimaniamo paralizzati sulla parola ‘genocidio’ e i turchi ne traggono vantaggio”.

Dall’epoca di queste dichiarazioni, la realtà di quella parte del mondo è molto cambiata, in peggio. Se nel 2011 ancora era all’ordine del giorno la volontà della Turchia di entrare in Europa – e il riconoscimento dei massacri degli armeni, almeno sulla carta, fa tuttora parte delle richieste dell’Unione per dar corso alla pratica – oggi quella non sembra più una vera priorità per Ankara. 

E se nel 2009, anche sull’onda dell’emozione provocata due anni prima dalla morte di Dink, circa duecento intellettuali turchi avevano lanciato una petizione nella quale si chiedeva al governo di formulare scuse ufficiali da parte del popolo turco a quello armeno, in relazione ai fatti del 1915, e in trentamila l’avevano firmata, oggi chissà se un’iniziativa del genere avrebbe lo stesso seguito. 

Non di scuse ma di “condoglianze” e di “dolore condiviso” “per le violenze subite dagli armeni da parte dell’impero ottomano negli anni della Prima guerra mondiale” ha tuttavia parlato il presidente turco Erdogan in un comunicato diffuso alla vigilia dello scorso 24 aprile. Un fatto comunque senza precedenti, ma insufficiente per addolcire chi chiede il riconoscimento del genocidio. 

Il presidente armeno Serzh Sargsyan ha ricordato che la Turchia in questo 2015 può cogliere l’opportunità di liberarsi di un “pesante fardello”, aprendo il confine e avviando normali relazioni diplomatiche, come pure è stabilito in un accordo firmato nel 2009, rimasto inattuato. 

“Ma nel 2015 nulla cambierà – prevede Alberto Rosselli – perché a Erdogan dell’Europa non importa più molto, in linea con quanto pensa la stragrande maggioranza dei suoi governati. Ormai la Turchia guarda all’Asia centrale: all’Uzbekistan, al Kirghizistan, al Kazakistan, l’ultimo Eldorado petrolifero del mondo. E non dimentichiamo la recrudescenza di persecuzioni anticristiane legata ai fatti siriani. La Turchia ha scelto una posizione ambigua. 

Rimane a guardare (basta vedere quello che accade intorno a Kobane) mentre l’IS se la vede con i curdi e fa piazza pulita dei cristiano caldei. Inoltre, è cronaca di questi giorni, nuovi arresti di giornalisti dimostrano quanto sia fragile l’illusione di una Turchia democratica, laica e rivolta all’Europa”. 

Rosselli ricorda anche l’occasione volutamente perduta dalla Amministrazione Obama poco più di un anno fa, alla fine del 2013, “per portare al voto in Aula, al Congresso, una risoluzione di condanna della Turchia per il genocidio armeno, già passata a maggioranza nella commissione Esteri nel 2009. 

In quell’occasione, Erdogan aveva richiamato per un mese il suo ambasciatore, e quattro anni dopo Obama non ha voluto rischiare di irritare di nuovo quello che considera un alleato, ma che appare sempre più lontano e inaffidabile”.

Con un tempismo che ha del simbolico, il 28 gennaio prossimo la Grande Chambre della Corte dei diritti dell’uomo di Strasburgo si pronuncerà sul caso che oppone il politico turco Dogu Perinçek alla Svizzera. 

Nel 2005, Perinçek aveva definito “menzogna internazionale” la tesi del genocidio, nel corso di una manifestazione appositamente convocata a Losanna, ed era stato condannato a un’ammenda per “violazione consapevole delle leggi svizzere contro la negazione del genocidio con motivazioni razziste”. 

Nel dicembre del 2013, dopo il ricorso di Perinçek, la Corte di Strasburgo aveva condannato la Svizzera per violazione della libera espressione del pensiero, e ora, dopo l’appello elvetico, si attende la decisione definitiva. 

A intervenire come parte nel giudizio, stavolta, ci sarà anche la Repubblica di Armenia, che si avvale di una rappresentanza legale di cui fa parte anche la fresca sposa di George Clooney, Amal Alamuddin, avvocatessa anglo-libanese specializzata in diritto internazionale.

Ma la vera partita per far entrare il genocidio degli armeni “a pieno titolo nella storia del Novecento”, come ha scritto Marcello Flores, si gioca, più che nelle aule di giustizia, sul piano culturale. 

Lo sa bene la scrittrice Antonia Arslan, italiana discendente di armeni sopravvissuti al Grande Male, che con i suoi libri ispirati alle vicende avvenute cent’anni fa – primo tra tutti “La masseria delle allodole” (Rizzoli), ma anche “La strada di Smirne” e “Il libro di Mush” (Skira) – ha contribuito in modo decisivo a cambiare lo sguardo verso quegli eventi in tanta parte dell’opinione pubblica, non solo in Italia.

Da questo centenario, ci dice Antonia Arslan, “mi aspetto che nasca una visione più serena e più vasta su quel terribile evento, che ha determinato la possibilità del motiplicarsi dei genocidi nel Novecento. 

Legami fra il genocidio degli armeni e la Shoah sono emersi e continuano a emergere in modo costante e inequivocabile

A questo proposito, a metà gennaio la casa editrice di cultura ebraica Giuntina pubblicherà, a cura di Francesco Berti e Fulvio Cortese, un libro che raccoglie le testimonianze di ebrei sul Metz Yeghérn. Si intitola ‘Pro Armenia. 

Testimonianze ebraiche al genocidio degli armeni’. E quel legame tra genocidio armeno e Shoa lo racconta benissimo, in un documentario del 2010, anche il regista tedesco Eric Fiedler

E’ intitolato ‘Aghét’, la catastrofe, che è l’altro nome che gli armeni danno al genocidio. Fiedler ha messo insieme voci di tedeschi che furono testimoni oculari della persecuzione e che scrivevano a casa, oppure alle autorità o ai giornali. 

Tutti si chiedevano come potesse la Germania essere alleata di un paese che perpetrava quegli orrori”. Che tutto questo non sia diventato parte della coscienza comune, aggiunge Antonia Arslan, “e che continui a non essere riconosciuto, lo rende sempre attuale. 

Il nipote del sopravvissuto ancora si chiede perché non può andare in Turchia a piangere i propri morti o perché deve vedere scuole turche intitolate agli assassini del suo Popolo”.